Dîs agns di Lidrîs e Butui e passe un mês di blog

internet

Doprâ la rêt par fâ rêt e par jessi rêt. Si pues strucâle cun chestis peraulis la idee di fonde che e sta daûr de viertidure di chest sît e soredut di chest blog.

La associazion Lidrîs e Butui e je stade metude adun dîs agns indaûr (cumò o podin dîlu e chi di cualchi timp o varìn ancje la ocasion di fâ fieste pal inovâl de costituzion di chest sodalizi) propit cun chê di tignî dongje personis, di creâ e di disvilupâ relazions, tra individuis, tra comunitâts e tra teritoris.

Ven a dî: cun chê di fâ rêt e di jessi rêt. A Turin e in Piemont. Tra Turin e il Piemont e il Friûl. Tra il “Friûl in Friûl” e il Friûl che al è “pal mont”. Tra chestis realtâts e altris ancjemò che si cjatin ator pe Europe e pal mont.

Lis fondis di chestis relazions e di chescj contats a son la comunicazion e la informazion.
Par fâ e par jessi rêt al covente meti in comun – comunicâ – informazions, dâts, opinions, ideis, esperiencis.
Chescj contignûts no àn limitazions di sorte, ancje se no si pues dineâ che o vin une preference par chei argoments e chês tematichis che a son plui dongje des finalitâts sociâls de associazion: lis lenghis minoritariis e la lôr promozion, i dirits linguistics, la multiculturalitât, la interculturalitât, lis migrazions, lis identitâts, la Europe dai citadins e dai popui, la musiche, la creativitât, la tutele des minorancis. A son argoments che dispès no vegnin frontâts alc e che soredut a nivel talian a vegnin frontâts cuntune cjaladure conformiste, plene di prejudizis e lûcs comuns e duncje propit par chest lontane de realtât.

La rêt – chê di internet – e je il strument par fâ dut chest. E je ancje il spazi dulà fâlu: un spazi cence confins, là che si pues meti in comun contignûts e informazions di ogni sorte e di ogni bande dal mont, che in cualsisedi puest, se si à un ordenadôr e almancul un straç di conession, si rive a viodiju, a leiju, a comentâju, a metiju in discussion.

La rêt e je ancje un metodi: al è ancje par chest che doprâ la rêt al vûl dî fâ rêt e jessi rêt.

Tal nestri piçul, o cirìn di fâ dut chest. Chest sît nol è une vetrine di ce che e à fat e di ce che e fâs Lidrîs e Butui, cun dut che chi di un pôc o varessin di vierzi propit une sezion specifiche di documentazion. Al è un spazi di incuintri, di comunicazion e di informazion, salacor no omologade.

Un aspiet di cheste “no omologazion” al è rapresentât de sielte di doprâ plui lenghis sei tai “posts” che dentri di chestis pagjinis e di doprâ tant che lenghe “prime” il furlan.
O savìn che no dute chê che le calcolìn “la nestre int” (ducj chei che a àn za tacât a frecuentâ chest blog e chei che si zontaran) e je usade a fevelâ, a lei o a scrivi par furlan. Però o pensìn che al sedi impuartant che il furlan si lu viodi ator (e in rêt) tant che lenghe scrite.

Prin di dut parcè che une lenghe e esist – e je une lenghe – dome se e ven doprade dapardut.
E dopo parcè che nus somee che denant di un test scrit intune lenghe specifiche, magari no masse doprade (il furlan, tal nestri câs) ancje cui che no le cognòs, ma magari al cognòs une che un pôc i somee (dutis chês romanichis, a tacâ dal spagnûl, dal francês e dal talian), al rive a capî almancul alc.

Cun di plui – e ancje in chest la rêt e je metodi, strument e mût di jessi – i tescj par furlan si lein cun altris che a son scrits in altris lenghis e tai coments, là che al pues coventâ, si puedin cjatâ ancje traduzions.

Advertisements

4 thoughts on “Dîs agns di Lidrîs e Butui e passe un mês di blog

  1. IT
    Dieci anni di Lidrîs e Butui e più di une mese di blog

    Usare la rete per fare rete ed essere rete. Si può sintetizzare con queste parole l’idea che sta alla base dell’apertura di questo sito e soprattutto di questo blog.

    L’associazione Lidrîs e Butui è stata fondata dieci anni fa (ora possiamo dirlo e tra un po’ avremo anche la possibilità di celebrare l’effettivo anniversario della costituzione di questo sodalizio) proprio allo scopo di aggregare persone e di creare e sviluppare tra individui, tra comunità e tra territori.
    Vale a dire: per fare rete e per essere rete. A Torino e in Piemonte. Tra Torino e il Piemonte e il Friuli. Tra il “Friuli in Friuli” e il Friuli che è “nel mondo”. Tra queste realtà ed altre ancora, che si trovano in Europa e nel mondo.

    Le basi di queste relazioni e di questi contatti sono la comunicazione e l’informazione.
    Per fare rete e per essere rete bisogna, infatti, mettere in comune – comunicare – informazioni, dati, opinioni, idee, esperienze. Questi contenuti non hanno limiti, tuttavia non si può negare che ci orientiamo di preferenza verso quegli argomenti e quelle tematiche che sono più affini alle finalità sociali dell’associazione: le lingue minoritarie e la loro promozione, i diritti linguistici, la multiculturalità, l’interculturalità, le migrazioni, le identità, l’Europa dei cittadini e dei popoli, la musica, la creatività, la tutela delle minoranze. Si tratta di temi che spesso non vengono affrontati con particolare attenzione. Nei loro confronti, soprattutto nel contesto italiano, l’approccio mantenuto è conformista, pieno di pregiudizi e luoghi comuni e pertanto lontano dalla realtà.

    La rete – internet – è lo strumento per realizzare tutto ciò. È altresì lo spazio in cui realizzarlo: uno spazio senza confini, in cui è possibile mettere in comune contenuti e informazioni di ogni genere e riferita a qualsiasi parte del mondo, che ovunque, se si dispone di un computer e di una connessione, possono essere visti, letti, commentati, discussi.
    La rete è anche metodo: è anche per questo che usare la rete significa fare rete e essere rete.

    Nel nostro piccolo, è quanto cerchiamo di realizzare. Non si tratta di un semplice “sito vetrina”, anche se tra un po’ dovremmo aprire proprio una specifica sezione di documentazione. È altresì un spazio di incontro, di comunicazione e di informazione, se è possibile non omologata.

    Un aspetto di questa “non omologazione” consiste nella scelta di utilizzare più lingue, sia nei post che nelle pagine e di usare il friulano come “prima lingua”.
    Sappiamo che non tutta quella che consideriamo “la nestre int” (quanti hanno già cominciato a frequentare il questo blog e coloro che si aggiungeranno in futuro) è abituata a parlare, a leggere o a scrivere in friulano. Tuttavia pensiamo che sia importante vedere il friulano ovunque ed anche in rete come lingua scritta. In primo luogo perché una lingua esiste – è una lingua – solo se è usata ovunque. E poi perché ci sembra che di fronte ad un testo scritto in una lingua specifica, eventualmente anche poco diffusa (il friulano, nel nostro caso), anche chi non la conosce, ma magari ne conosce un’altra che le assomiglia (tutte quelle romanze, a partire dallo spagnolo, dal francese e dall’italiano), riesce a comprende almeno qualcosa.

    Inoltre – e anche in questo la rete è metodo, strumento e modo di essere – i testi in friulano si collegano con altri che sono scritti in altre lingue par furlan si lein cun altris che a son scrits in altris lenghis e nei commenti, dove risulta necessario, si possono trovare anche delle traduzioni.

    Senza dimenticare che, come è già successo in questo primo mese e mezzo di sperimentazione, anche chi interviene con il proprio commento può scrivere nella lingua che preferisce.

  2. Pingback: » Emigrazione friulana, ‘Lidrîs e Butui’ sul webCasa per l’Europa di Gemona

  3. Pingback: Emigrazione friulana: “Lidrîs e Butui” va in rete | www.comunicazioneinform.it

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s