Friûl, Patrie di ducj. Buine Fieste de Patrie dal Friûl (ancje pal 2019)

La Fieste de Patrie dal Friûl e je une fieste impuartante sei pal Friûl che al è in Friûl sei pal Friûl che al è pal mont.

Memoreâ l’inovâl de invistidure dal patriarcje di Aquilee Siart, che ai 3 di Avrîl dal 1077 al riceveve de bande dal imperadôr Indrì IV il titul di «Comes Fori Julii, Dux et Marchio», al è une ocasion di fieste e di riflession che e tocje il Friûl che al è in Patrie e chel che al è ator pal mont.

Ricuardâ il moment che il Patriarcjât di Aquilee al deventave, inte suaze dal Imperi, un «stât» par so cont nol vûl dî vê nostalgjie pe ete di Mieç. Al vûl dî vê cussience de unitât storiche e gjeografiche dal Friûl, dutun cu la sô specifiche pluralitât linguistiche e culturâl e in cheste suaze cu la peculiaritât e cu la unitarietât de lenghe furlane, e duncje cjalâ indenant, viers il Friûl (in Patrie e ator pal mont) dal dì di vuê e viers il Friûl (in Patrie e ator pal mont) di doman.

Cun di fat, cognossi e ricognossi la unitât storiche e gjeografiche dal Friûl, la sô specifiche pluralitât linguistiche e culturâl, la peculiaritât e la unitarietât de lenghe furlane e la vocazion storiche e salacor naturâl dal Friûl a metisi in relazions cul rest dal mont al è une afermazion positive di identitât, di unitât e di comunitât che ur zove a cui che al vîf in Friûl e a cui che, di divignince dal Friûl, al è a stâ inaltrò pal mont, e che e varès di judâ chei e chei altris a cognossisi e a ricognossi miôr e a cognossisi e a ricognossisi miôr tant che part di chê stesse unitât, plurâl, composite, articolade ma unide, cuntun passât in comun daûr e soredut cuntun avignî di spartî, di inventâ e di vivi devant.

lengate12

Soredut par cui che al è pal mont la Fieste de Patrie dal Friûl e je la fieste di une Patrie cence confins, di un Friûl che al à cussience di se e nol à pôre des sôs specificitâts e de sô alteritât e che par chel al domande rispiet e al fâs indenant rivendicazions di dirits, di libertât e di identitât cence sudizion e cence vê pôre di chei altris e dai lôr dirits, de lôr libertât e des lôr identitâts.

L’auguri par dutis e par ducj al è, ancje pal 2019, che la Fieste de Patrie e sedi pardabon une ocasion di riflession, di cognossince e di condivision. Par resonâ in cont dal Friûl di vuê e dal so avignî, de sô pluralitât linguistiche e culturâl e de sôs relazions cul rest de Europe e dal mont. Par cognossi e ricognossi la dimension teritoriâl unitarie dal Friûl, la complessitât de sô storie e de sô identitât e la impuartance des sôs diviersis specificitâts. Par spartî ideis, cognossincis e cussience.

La Fieste de Patrie dal Friûl, ancje tal 2019, e je la Fieste di une Patrie che e je di ducj, inclusive, plurâl e rispietose. E par chel e je une Fieste di ducj e par ducj. Di ducj e par ducj chei che i tegnin al Friûl, ae sô unitât teritoriâl, ae sô pluralitât linguistiche e culturâl, ae sô esistence, ae sô resistence e al so avignî.

E je la fieste di une Patrie che par chel no à ni agjetîfs ni etichetis.
E je la fieste di une Patrie che no je ni «piçule», ni «extralarge».
E je la nestre fieste.

Buine Fieste de Patrie a dutis e a ducj!
Al Friûl che al è in Friûl e al Friûl che al è pal Mont.
Cun lidrîs saldis e fuartis e soredut cun tancj butui colorâts.

Advertisements

Storie dal Friûl e de emigrazion furlane, i cincuante agns de Cunvigne di Friburc memoreâts vuê su Radio Onde Furlane

Vuê al cole un inovâl impuartant inte storie de emigrazion furlane e plui in gjenerâl in chê dal Friûl. Cincuante agns indaûr, ai 2 di Març dal 1969, inte sale riunions dal ristorant “Gambrinus” di Friburc, si davuelzeve la prime “Cunvigne dai furlans emigrâts in Svuizare”. Ancjemò in dì di vuê si pues calcolâle une iniziative impuartante, par plui di un motîf.

Un prin element par sigûr impuartant al è chel dai sogjets che le vevin inmaneade: a jerin la associazion “Pal Friûl” di Losane (un sodalizi gnûf, che al jere stât metût adun propit in Svuizare intal 1968, cun chê di tignî dongje i emigrants cuntun spirt diviers, cemût che al marcave ancje il so non par furlan), il Fogolâr Furlan di Friburc e la associazion dai emigrants slovens dal Friûl-VJ, ancje cheste costituide di pôc. La cunvigne e nasseve dal bas e de colaborazion tra furlans e slovens.

Un altri element al è chel dai siei contignûts, stant che tra esperiencis e rivendicazions, in chê zornade si veve fevelât, si veve resonât e si veve discutût di economie, di societât, di lavôr, di culture, di dirits, di dibisugnis, di identitât, di solidarietât, di presint e di futûr, di servitûts militârs, di lenghis, di Universitât furlane, di sessualitât, di barachis, di prejudizis e di sperancis.
Cemût che si pues viodi massime se si lein lis relazions presentadis dai diviers protagoniscj di chel incuintri, la mozion unitarie fate buine ae fin de zornade e i articui detaiâts che vie pes setemanis seguitivis a vevin cjatât spazi su lis pagjinis di “Friuli d’Oggi”, chei che si vevin dâts dongje a Friburc a vevin discutût dal sigûr di cuistions in cont de emigrazion e dai furlans «pal mont», ma a vevin fevelât e resonât plui in gjenerâl in cont dal Friûl «in Friûl», che i partecipants ae Cunvigne a palesavin in maniere braurose la lôr volontât di jessi part di chel e che cun chel a volevin mantignî e disvilupâ un rapuart fuart, vîf e colaboratîf.

Probabilmentri al è par ducj chei motîfs che la organizazion de Cunvigne e veve cjatât diviers ostacui in Friûl. Gianfranco Ellero, che in chê volte al jere il diretôr dal sfuei dal Moviment Friûl, al scrivè che la preparazion di chê zornade e jere stade lungje e dificile «perché il Friuli vecchio e rancido aveva interesse a boicottare il convegno, ad evitare una presa di posizione poco gradita e tanto meno opportuna per il conservatorume di casa nostra».

Cundut achel, la Cunvigne e je stade inmaneade cun sucès, cun snait e cuntune disposizion e cuntune vision, là che di une bande al è fuart il spirt di chei timps e di chê altre si rive a vualmâ plui di cualchi contignût che al è bon ancjemò in dì di vuê, no dome in tiermins di storie e di memorie ma ben anche cun riferiment ae atualitât, pal Friûl «in Friûl» e ancje par chel che al è «pal mont» (che al esist ancjemò e anzit al è ancjemò plui consistent che in passât, se si calcolin i fîs e i dissendents dai emigrants “storics” adun cun chê che e je clamade “gnove emigrazion”).

Chê manifestazion di cussience, di vitalitât e di dignitât no poderin fâ di mancul di viodile e ricognossile nancje lis istituzions regjonâls, che a scugnirin tignî cont di lôr, a tacâ de prime Conference de emigrazion, inmaneade a Udin in maniere uficiâl vie pal mês di Dicembar dal 1969.

Vuê la Cunvigne di Friburc e vignarà memoreade su Radio Onde Furlane inte rubriche setemanâl di aprofondiment Dret & Ledrôs, par cure di Mauro Missana, cuntune schirie di ospits e di testemoneancis.

Radio Onde Furlane si puest scoltâle sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.200 Mhz te plui part de Cjargne e in streaming, di cualsisedi bande dal mont là che e sedi une conession internet, ae direzion www.ondefurlane.eu.

Ai 27 di Fevrâr su Onde Furlane si ricuarde la Joibe Grasse dal 1511 e si fâs fieste pe Zornade Furlane dai Dirits

lengate12

Chê dai 27 di Fevrâr par Radio Onde Furlane e je une zornade speciâl, intal stes timp di fieste e di riflession. Al è l’inovâl de innomenande celebre Joibe Grasse dal 1511, cuant che al vignive inviât il riviel popolâr furlan plui impuartant che, massime intes campagnis, al veve à cjapât sù un caratar di rivendicazion dai “dirits antîcs” des comunitâts rurâls.
Par cheste reson, sui 90 Mhz inte plui part dal Friûl e sui 90.200 e sui 106.500 Mhz in Cjargne e ancje in streaming sul sît web www.ondefurlane.eu, chê date e ven memoreade tant che Zornade furlane dai dirits.

A son za tancj agns aromai che la radio libare dai furlans e presente pe ocasion une programazion specifiche che, tra selezions musicâls a teme e trasmissions di aprofondiment, e à chê di stiçâ la riflession in cont dai dirits dai furlans e des bataiis in at par difindiju e garantîju. Dut chest al sucedarà ancje chest an, in particolâr des 9 a buinore a 7 sot sere.

1511

La Zornade e vignarà introdusude de bande dal diretôr responsabil dal emitent, Mauro Missana, e dal responsabil di redazion Carli Pup, che aes 9 e mieze a lassaran spazi ae prime rubriche musicâl ‘a teme’, une edizion speciâl di Babêl Europe, trasmission dedicade ae produzion musicâl intes lenghis minorizadis di Europe par cure di Marco Stolfo, pe ocasion caraterizade di une scjalute di cjançons dutis pontadis su lotis e dirits.

Des 10 aes 11 e mieze il teme dai dirits al vigfnararà declinât cun riferiment specific al autoguvier teritoriâl. Inte suaze de rubriche di aprofondiment gjornalistic Dret & Ledrôs la cuistion e sarà frontade cun riferiment particolâr al dibatiment in cont des riformis istituzionâls a nivel regjonâl: cun Mauro Missana a discutaran de cuistion Giorgio Cavallo, Pier Mario Zanin, Rodolfo Ziberna, Massimo Moretuzzo e Cristiano Shaurli.

microfon_ROF

Une des cuistions clâf che e ven frontade dilunc de celebrazion de Zornade e je chê dai dirits des minorancis linguistichis storichis furlane, slovene e todescje. In particolâr, des 11 e mieze fint a misdì, Carli Pup al dialogarà cun redatôr dal setemanâl Novi Matajur, Antonio Banchig, su la situazion de comunitât slovene. Cun misdì a saran difondudis lis intervistis racuetis di Enrico Turloni in cont dal ûs public de lenghe furlane e dal gnûf progjet ARLeF dai sportei linguistics regjonâi decentrâts.

A misdì e mieze al sarà spazi pe rievocazion storiche de Joibe Grasse, cu la leture par cure di Barbara Minen, che e lassarà spazi ae musiche fint aes 3 e mieze dopo di misdì, cuant che Mauro Missana e Carli Pup a vierzaran la programazion pomeridiane.

aradio

A 5 sot sere, dopo des replichis des pontadis speciâls di Babêl Europe e Dret & Ledrôs za proponudis vie pe buinore, si fasarà il pont de situazion des politichis che a rivuardin la lenghe furlane, tornant a cjapâ sùù lis relazions presentadis a Udin intal ambit de seconde Conference Regjonâl de bande di Patrizia Pavatti, Marco Stolfo, Erika Adami e Donato Toffoli, dedicadis in maniere rispetive a scuele, aministrazion publiche, medie e planificazion linguistiche.

«Al è passât plui di un an de Conference Regjonâl – al sotlinee al rivuart il diretôr di Onde Furlane, Mauro Missana – ma chês relazions a son ancjemò di grande atualitât e si che duncje o vin decidût di tornâi a trasmeti in ocasion de Zornade furlane dai dirits».

Des 7 sot sere al sarà dât di gnûf spazi ae musiche «cence confins».

Il segnâl de ‘radio libare dai furlans‘ si pues cjapâlu dapardut ancje su smartphone, tablet, iPhone e iPad cu la aplicazion di pueste di discjamâ de rêt.

logo_web

Dopo dai 4 di Novembar, dôs cjançons a son miôr di une

La zornade dai 4 di Novembar e je finide. Ancje il centenari de “vitorie” al è lât.

Vie pai ultins agns chel inovâl si è jemplât simpri plui di retoriche sglonfe, vueide e in chel istès strafonde di banalitâts e mistificazions.

O vin il suspiet che chê solfe e larà indenant ancjemò cetant.

Tai ultins agns o scrivevin che denant di cheste situazion al jere miôr scoltâ une biele cjançon par furlan.

O tornìn a scrivilu ancje chest an, cuntune zonte.

Dongje di cheste, che in dutis lis sôs versions nus somee simpri la cjançon juste te zornade juste (cundut che e larès ben ancje in altris zornadis), a ‘nt zontìn une altre, diretamentri de Sardegne.

 

La solidarietât dal Friûl ae Catalogne doman in place a Udin

Doman a buonore, di 11 fin misdì, al è in program a Udin, in place Sant Jacum, un presidi in difese de democrazie, des libertâts civîls e dai dirits umans cumò sot atac in Catalogne par vie de repression politiche e judiziarie metude in at cuintri dal indipendentisim catalan de bande dal guvier centrâl spagnûl e des fuarcis spagnolistis.

Cundut che la decision dai judiçs todescs di refudâ la estradizion dal president catalan Carles Puigdemont pai reâts di ribelion e sedizion e da un colp dûr al cjistiel judiziari imbastît de magjistrature spagnole, no si pues dismenteâ che in dì di vuê la autonomie catalane e reste suspindude e che nûf dirigjents indipendentiscj catalans si cjatin intes presons spagnolis intant che altris sîs a son in esili.

La iniziative e à chê di riclamâ la atenzion su cheste situazion che e fâs a pugns cu lis fondis de democrazie e de libertât, e di manifestâ in maniere visibile la solidarietât dai furlans ai catalans.

Il presidi al è inmaneât dai Manoâi pe autonomie e al gjolt de poie di diviersis organizazions espression de aree autonomiste e nazionalitarie furlane.

E je une iniziative interessante: a pro de democrazie, des libertâts civîls e dai dirits umans in Catalogne e inaltrò in Europe e tal mont e a pro de Europe dai popui e dai citadins.

Cui che al è in Friûl – massime cui che si cjate des bandis di Udin – al fâs ben a cjapâ sùù l’invît fat indenant dai organizadôrs e cjatâsi in place S. Jacum, se pussibil cun intor alc di zâl, colôr de solidarietât ai presonîrs politics catalans.

Buine Fieste de Patrie dal Friûl. Al Friûl che al è in Friûl e al Friûl che al è pal Mont

Chê dai 3 di Avrîl e je une zornade impuartante pal Friûl che al è in Friûl e pal Friûl che al è pal Mont.
E je une date che e ten dongje storie, atualitât e avignî e propit cun cheste vision e merete ricuardade e memoreade.

Juste in chê dì, tal 1077, l’imperadôr Indrì IV i deve al patriarcje di Aquilee Siart il titul di «Comes Fori Julii, Dux et Marchio». Cun chê invistidure il patriarcje al cjapave sù il podê «temporâl», ven a dî chel «politic», e il Patriarcjât di Aquilee al deventave, inte suaze dal Imperi, un «stât» par so cont. Chel moment si pues calcolâlu une sorte di «at di nassite» dal Friûl, intindût tant che comunitât teritoriâl unitarie, tant che «Patrie», cemût che al vignarà clamât par tancj secui. Cun di fat, chê situazion politiche e istituzionâl e marcarà la sô unitât storiche e gjeografiche dutun cu la sô specifiche pluralitât linguistiche e culturâl e in cheste suaze cu la peculiaritât e cu la unitarietât de lenghe furlane. Cun di plui, propit in chel contest, il Friûl al disviluparà une rêt di relazions cun diviersis zonis de Europe, sei inte direzion nord-sud che in chê est-ovest.

La «Fieste de Patrie dal Friûl» no je une ricorence ni di nostalgjie, ni di mitologjie. Il riferiment ae Ete di Mieç, al «stât» patriarcjâl e salacor ancje ae sôs istituzions – a tacâ del Parlament, screât ai 6 di Lui dal 1231 e par chel ricognossût tant che un dai plui antîcs de Europe – al tocje soredut il Friûl contemporani e chel di doman. Al è cussì in dì di vuê, cemût che si lei ancje tal test de leç regjonâl 6/2015, che trê agns indaûr e à istituît la Fieste in maniere uficiâl, e al jere cussì tal 1977, cuant che a Aquilee si faseve la sô prime celebrazion, propit cun chê di promovi la identitât e l’autoguvier dal Friûl, daûr dal sburt des rivendicazions saltadis fûr cuntune fuarce gnove dopo dal taramot. a tacâ des esperiencis di partecipazion e di autogjestion di chel timp de int des comunitâts locâls.

Propit chel spirt, ancje se si palese cun ategjaments diferents che a van daûr des specificitâts dai diviers sogjets che vie pai ultins cuarante agns a àn memoreât la «Fieste de Patrie dal Friûl», al è il caratar di fonde des tantis manifestazions inmaneadis vie pai ultins cuaranteun agns pal inovâl dai 3 di Avrîl.

lengate12

La «Fieste de Patrie» e je une ocasion di riflession, di cognossince e di condivision. Par resonâ in cont dal Friûl di vuê e dal so avignî, de sô pluralitât linguistiche e culturâl e de sôs relazions cul rest de Europe e dal Mont. Par cognossi e ricognossi la dimension teritoriâl unitarie dal Friûl, la complessitât de sô storie e de sô identitât e la impuartance des sôs diviersis specificitâts. Par spartî ideis, cognossincis e cussience. Pal Friûl che al è in Friûl e pal Friûl che al è pal Mont.

La «Fieste de Patrie dal Friûl» e je la Fieste di une Patrie che e je di ducj, inclusive, plurâl e rispietose. E par chel e je une Fieste di ducj e par ducj. Di ducj e par ducj chei che i tegnin al Friûl, ae sô unitât teritoriâl, ae sô pluralitât linguistiche e culturâl, ae sô esistence, ae sô resistence e al so avignî.

E je la fieste di une Patrie che par chel no à ni agjetîfs ni etichetis.
E je la fieste di une Patrie che no je ni «piçule», ni «extralarge».
E je la nestre fieste.

Buine Fieste de Patrie a dutis e a ducj!
Al Friûl che al è in Friûl e al Friûl che al è pal Mont.

22_03_014_udin_friul

Dret & Ledrôs, su Onde Furlane si fevele dal rapuart tra Udin e dut il Friûl

In Friûl si torne a fevelâ dal rapuart tra Udin e il rest de Patrie. L’argoment al è stât tornât a tirâ fûr domenie stade inte suaze de Assemblee dai socis de Societât Filologjiche Furlane e po lu àn cjapât sù i media di chenti. Il pont de situazion su la cuistion al vignarà fat di Radio Onde Furlane, che e veve za frontât la cuistion timp indaûr, inte suaze de gnove pontade di Dret & Ledrôs, la rubrica setemanâl di aprofondiment gjormalistiche par cure dal diretôr de emitente, Mauro Missana, cu la colaborazion redazionâl di Enrico Turloni.
L’apontament al è in direte par doman, sabide ai 17 di Març, a tacâ di 9 e mieze a buinore, e po in repliche par domenie ai 18 a 8 e par miercus 21 a 3 dopo di misdì.

Risultati immagini per kebar krosse

Si’nt fevelarà cul scritôr Stiefin Morat, autôr dal romanç Kebar Krossé che al conte di Friûl apocalitic e di un Udin isolât e alienât, cun Pauli Cantarut, che al fevelarà di cemût che ancjemò tai agns Otante e Novante il Centri sociâl autogjestît al è stât un pont di incuintri tra la citât e il Friûl extraurban, cul president de SFF, Federico Vicario, cui gjornaliscj Paolo Medeossi e Toni Capuozzo, cul scritôr Roberto Meroi e cun Carlo Baldassi, espert di management e autôr di un studi sul disvilup di Udin dopo de fin de Seconde Vuere mondiâl.

Radio Onde Furlane si scolte in modulazion di frecuence (sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl Friuli e sui 90.2 Mhz in Cjargne), in streaming (all’indirizzo http://www.ondefurlane.eu) e cui tablets, cui smartphone, cui iPad e cui Pod in graciis de aplicazion che si pues discjamâle de rêt.

La Joibe Grasse dal 1511 e la Zornade Furlane dai Dirits par radio, in rêt e in librarie

Chê di vuê e je une zornade impuartante pal Friûl e pai furlans, in Friûl e ator pal Mont.
Al è l’inovâl de Joibe Grasse dal 1511, l’inviament dal plui impuartant riviel popolâr furlan: une pagjine di storie, magari cussì no ancjemò masse pôc cognossude e fintremai un tic mistificade e rimovude, che e à mostrât la dignitât e la sogjetivitât des comunitâts furlanis, in lote pe difese dai lôr dirits antîcs.
Par chel, chê dai 27 di Fevrâr, e je za di timp la Zornade Furlane dai Dirits.

Ancje chest an, cemût che al sucêt di dîs agns incà, Radio Onde Furlane e propon ai siei scoltadôrs une programazion dute speciâl par cheste zornade.
Lis trasmissions si inviaran cun aprofondiments e speciâi musicâi dedicâts al teme dai dirits in Friûl.
Ta cheste suaze si varà ancje la ocasion di scoltâ i intervents dai grups di vore metûts sù par fâ il pont su la metude in vore de leç regjonâl su la lenghe furlane, ma ancje par resonâ su la situazion politiche furlane e, massime, sui spazis di autoguvier e sul plan dai rapuarts tra Stât centrâl e Regjon.
No mancjarà po la ocasion par fevelâ de situazion de comunitât slovene dal Friûl e des comunitâts gjermanofonis, in particolâr di Sapade, che juste ta chescj ultins mês e je tornade adun ancje sul plan aministratîf cu la plui part dal Friûl te regjon Friûl-VJ.
Ancje i programs musicâi a saran in teme cu la zornade, cun pontadis speciâls di Gerovinyl 55/80, Tommy Radio Magazine e Babêl Europe.

microfon_ROF

Cun di plui, a Udin, l’inovâl de Joibe Grasse dal 1511 al vignarà memoreât ancje te Librarie Tarantola, cuntun incuintri di presentazion dai contignûts dal libri 1511. La ‘crudel zobia grassa’. Rivolte contadine e faide nobiliari nel Friuli tra ‘400 e ‘500 di Furio Bianco, dedicât propit a chê storie.
In chê ocasion l’innomenât storic, autôr di chê ricercje, al dialogarà cun Carli Pup di Onde Furlane e l’incuintri al vignarà moderât dal diretôr de emitente Mauro Missana.

logo_web

Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Suns Europe 2017. A Udin lis peraulis, lis musichis e lis visions dal dirit de diversitât

Batiât in maniere informâl îr a buinore cuntune trasmission speciâl di Radio Onde Furlane e po nossere cuntune biele fieste «di riscjaladament» a Pradaman, vuê si scree ancje cu la cerimonie uficiâl la tierce edizion di Suns Europe, il festival european des arts in lenghe minorizade. In cuarantevot oris Udin nol sarà dome la capitâl dal Friûl multilengâl ma ben ancje il cûr de Europe chê vere, là che la diversitât linguistiche e culturâl e je un patrimoni, un dirit, une oportunitât e salacor une necessitât.
Il teatri gnûf Giovanni da Udine al sarà une vetrine de produzion miôr tes leghis «altris» de Europe, tra musiche, cine e leterature.

Daûr di une tradizion consolidade, che e va indaûr tal timp fintremai cuant che al jere dome il festival Suns, dedicât ae cjançon tes lenghis di minorance de Europe alpine e mediteranie, il plat plui siôr e saurît de rassegne inmaneade des cooperativis Informazione Friulana (editore di Radio Onde Furlane) e Puntozero cu la poie de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), de Regjon Friûl-VG e de Fondazion Friuli, cu la colaborazion dal Comun di Udin, de Fondazion Teatro Nuovo Giovanni da Udine, dal Babel Film Festival e cul patrocini dal Consei de Europe, al è chel musicâl.

Il program al proviôt diviers concierts – chei di nossere, chei tal foyer dal Teatron e chei acustics tal studi di Radio Onde Furlane – e la serade finâl di sabide ai 2 di Dicembar, cu lis esibizions dai grups e dai soliscj in concors e dai doi ospits speciâi.
Tra i sù par jù sessante di lôr che a vevin presentât la lôr candidature a son stâts selezionâts artiscj espressions dal Gales, dal Paîs Basc, de Bretagne, de Galizie, dal Cjanton dai Grisons, dai Paîs Catalans, dal Friûl e de Basse Sassonie, ven a dî AdwaithLa BasuEbel ElektrikEsposaTumasch è, Joana Gomila Folk Souvenir, Franco Giordani e Isa Zwart. Cun di plui a saran doi spazi ospits speciâi: il grup Namgar che al rive de Buriazie, republiche de federazion russe che si cjate sul confin cu la Mongolie, e il cjantant, ghitarist e cineast galês Gruff Rhys.

Propit il poliedric artist galês al sarà un dai protagoniscj di ponte de manifestazion, no dome tant che musiciscj, ma ancje par vie de proiezion dal film Separado, direzût in cubie cun Dylan Goch, e de sô partecipazion, adun cul gjornalist frison Onno Falkena e cul poete furlan Maurizio Mattiuzza, ae taule taronde dedicade a diversitât, identitât, creativitât e Europe.
La sezion dedicade ae produzion audiovisive e presente ancje altris titui che a rivin de Europe e fintremai di altris bandis dal mont: i curtmetraçs ‘The Hunter’ (Maori) di Richard Turner, ‘Ealli Guodda Joavkkus’ (Sápmi) di Egil Pedersen (Sápmi), ‘Neka’ (Innu) di Nemnemiss McKenzie,’Per Anna’ (Sardegne) di Andrea Zuliani, i episodis gnûfs de serie ‘Int Art’ (Friûl) di Dorino Minigutti e Giorgio Cantoni, e ‘Missus’, l’ultin lavôr di Massimo Garlatti Costa che al conte la lote dai predis di Glesie Furlane par tignî vive la flame de lenghe tal cjamp de religjon.

Pe leterature la atenzion e sarà pontade dome su la realtât furlane, cuntun incuintri cui vincidôrs dal Premi S. Simon 2017. A son po previodûts aprofondiments tant che chel dedicât ae iniziative europeane pai dirits linguistics ‘Minority Safepack’ e ‘Scuele Europe’, là che musiciscj e artiscj di dute Europe a incuintrin i students furlans.

Ancje tal 2017 Suns Europe si conferme tant che il principâl Festival european che al conte e al fâs cognossi a ducj lis lenghis minorizadis e par chest al gjolt, pe tierce edizion, dal patrocini dal Consei de Europe. L’intindiment al è chel di promovi produzions artistichis origjinâls di cualitât e di mostrâ cemût che la diversitât linguistiche de Europe, in plui di jessi une ricjece culturâl e un dirit di fonde, e je une risorse creative impuartantone. Disinis di artiscj a rivaran cussì a Udin par dâi vite a di une vere Babêl di lenghis, di suns e di miscliçaments di no pierdi, e par cjapâ dentri i furlans intai tancj apontaments dal program.