Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Advertisements

Suns Europe 2017. A Udin lis peraulis, lis musichis e lis visions dal dirit de diversitât

Batiât in maniere informâl îr a buinore cuntune trasmission speciâl di Radio Onde Furlane e po nossere cuntune biele fieste «di riscjaladament» a Pradaman, vuê si scree ancje cu la cerimonie uficiâl la tierce edizion di Suns Europe, il festival european des arts in lenghe minorizade. In cuarantevot oris Udin nol sarà dome la capitâl dal Friûl multilengâl ma ben ancje il cûr de Europe chê vere, là che la diversitât linguistiche e culturâl e je un patrimoni, un dirit, une oportunitât e salacor une necessitât.
Il teatri gnûf Giovanni da Udine al sarà une vetrine de produzion miôr tes leghis «altris» de Europe, tra musiche, cine e leterature.

Daûr di une tradizion consolidade, che e va indaûr tal timp fintremai cuant che al jere dome il festival Suns, dedicât ae cjançon tes lenghis di minorance de Europe alpine e mediteranie, il plat plui siôr e saurît de rassegne inmaneade des cooperativis Informazione Friulana (editore di Radio Onde Furlane) e Puntozero cu la poie de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), de Regjon Friûl-VG e de Fondazion Friuli, cu la colaborazion dal Comun di Udin, de Fondazion Teatro Nuovo Giovanni da Udine, dal Babel Film Festival e cul patrocini dal Consei de Europe, al è chel musicâl.

Il program al proviôt diviers concierts – chei di nossere, chei tal foyer dal Teatron e chei acustics tal studi di Radio Onde Furlane – e la serade finâl di sabide ai 2 di Dicembar, cu lis esibizions dai grups e dai soliscj in concors e dai doi ospits speciâi.
Tra i sù par jù sessante di lôr che a vevin presentât la lôr candidature a son stâts selezionâts artiscj espressions dal Gales, dal Paîs Basc, de Bretagne, de Galizie, dal Cjanton dai Grisons, dai Paîs Catalans, dal Friûl e de Basse Sassonie, ven a dî AdwaithLa BasuEbel ElektrikEsposaTumasch è, Joana Gomila Folk Souvenir, Franco Giordani e Isa Zwart. Cun di plui a saran doi spazi ospits speciâi: il grup Namgar che al rive de Buriazie, republiche de federazion russe che si cjate sul confin cu la Mongolie, e il cjantant, ghitarist e cineast galês Gruff Rhys.

Propit il poliedric artist galês al sarà un dai protagoniscj di ponte de manifestazion, no dome tant che musiciscj, ma ancje par vie de proiezion dal film Separado, direzût in cubie cun Dylan Goch, e de sô partecipazion, adun cul gjornalist frison Onno Falkena e cul poete furlan Maurizio Mattiuzza, ae taule taronde dedicade a diversitât, identitât, creativitât e Europe.
La sezion dedicade ae produzion audiovisive e presente ancje altris titui che a rivin de Europe e fintremai di altris bandis dal mont: i curtmetraçs ‘The Hunter’ (Maori) di Richard Turner, ‘Ealli Guodda Joavkkus’ (Sápmi) di Egil Pedersen (Sápmi), ‘Neka’ (Innu) di Nemnemiss McKenzie,’Per Anna’ (Sardegne) di Andrea Zuliani, i episodis gnûfs de serie ‘Int Art’ (Friûl) di Dorino Minigutti e Giorgio Cantoni, e ‘Missus’, l’ultin lavôr di Massimo Garlatti Costa che al conte la lote dai predis di Glesie Furlane par tignî vive la flame de lenghe tal cjamp de religjon.

Pe leterature la atenzion e sarà pontade dome su la realtât furlane, cuntun incuintri cui vincidôrs dal Premi S. Simon 2017. A son po previodûts aprofondiments tant che chel dedicât ae iniziative europeane pai dirits linguistics ‘Minority Safepack’ e ‘Scuele Europe’, là che musiciscj e artiscj di dute Europe a incuintrin i students furlans.

Ancje tal 2017 Suns Europe si conferme tant che il principâl Festival european che al conte e al fâs cognossi a ducj lis lenghis minorizadis e par chest al gjolt, pe tierce edizion, dal patrocini dal Consei de Europe. L’intindiment al è chel di promovi produzions artistichis origjinâls di cualitât e di mostrâ cemût che la diversitât linguistiche de Europe, in plui di jessi une ricjece culturâl e un dirit di fonde, e je une risorse creative impuartantone. Disinis di artiscj a rivaran cussì a Udin par dâi vite a di une vere Babêl di lenghis, di suns e di miscliçaments di no pierdi, e par cjapâ dentri i furlans intai tancj apontaments dal program.

Sapade/Plodn, un toc di Friûl che al torne in Friûl

Ancje la Cjamare dai Deputâts e à votât a pro dal passaç di Sapade/Plodn de Regjon Venit ae Regjon Friûl-VJ. Vuê cualchi minût prime des dôs dopo di misdì al è rivât il vôt finâl: 257 a pro, 20 cuintri e 74 astignûts.

Il test, che al jere za stât fat bon dal Senât, al jere stât fermât ae Cjamare la setemane stade, dopo che il Consei regjonâl dal Venit si veve lamentât che al mancjave il so parê.

Al jere, evidentementri, dome un dai tancj tentatîfs – i ultins a son stâts chei fats di un pôcs di deputâts venits îr tal ufici di presidence e ancjemò vie pe buinore in aule – di blocâ l’iter parlamentâr, di rinviâ la discussion e la votazion e duncje di pidimentâ la conclusion positive dal percors fat de afermazion de volontât de int di chê part di Friûl che e veve voie di tornâ in Friûl, cu la jentrade te Regjon autonome Friûl-VJ.

Par fâle lâ sù pai stecs, i nemîs de tornade in Friûl di Sapade/Plodn lis vevin provadis dutis e a ducj i nivei, e ancje dopo dal vôt a son za chei che i domandin al president Mattarella di no firmâ la leç fate buine vuê.

Ancjemò vie pes ultimis setemanis, però, ancje i sostignidôrs de volontât de int di Sapade/Plodn a àn fat sintî la lôr vôs. Tra chescj e merete segnalade la iniziative cjapade sù de Assemblee de comunitât linguistiche furlane (CLiF), la istituzion che e da rapresetance istituzionâl ai comuns di lenghe furlane che a fasin part de Regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest, cuntune letare dal so president, il sindic di Cjarlins Diego Navarria, mandade cualchi zornade indaûr ae Presidente de Cjamare, Laura Boldrini.

La buine gnove che e rive di Rome e je stade saludade di tancj di lôr tant che un at di justizie. Chestis peraulis a son stadis dopradis in particolâr de bande de presidente de Regjon Friûl-VJ, Debora Serracchiani.

Tra lis tantis declarazions di sodisfazion e merete ricuardade propit chê dal president de CLiF, Navarria, che al à marcât cemût che «in tancj di lôr a àn poiât la iniziative dai sapadins – e tra chescj a son ancje i sindics furlans – ma soredut che il vôt de Cjamare di vuê al è il risultât de determinazion e dal snait de int di Sapade che par dîs agns e à tignût dûr, sghindant ancje i tancj tramais che ur àn fat une cierte politiche e une cierte burocrazie».

«Cumò – al à zontât Navarria – par dâur acet in Friûl ai sapadins cemût che a meretin, al covente il Friûl, ma cheste ca e je une altre bataie. Par intant, fasìn fieste» . Une fieste par Sapade/Plodn, pal Friûl e pe democrazie.

Felice e par furlan

Un piçul pas par un om o almancul un pas indenant simbolic pal Friûl.

O cjapìn at cun plasê di ce che nus àn contât, ven a dî che lunis stât, inte suaze de cerimonie pe scree dal cuarantesim dal gnûf an academic, il Retôr di chê che ancje a nô nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, Alberto Felice De Toni, al à vût saludât il il President de Republiche Taliane, Sergio Mattarella, ancje par furlan, par sloven e par todesc.

Cun di plui, daûr di ce che si lei ator, tra stampe e web, il Retôr al à dit ancjemò alc altri par furlan.

Denant di cheste forme di rispiet ancje tai siei confronts – e no dome viers dal Friûl – ancje Mattarella i à dit «Mandi» e cussì al à fat biele figure ancje lui.

Nus fâs pardabon plasê. No lu scrivìn par vie che o pensìn che a Palaç Florio a vedin let il nestri blog e il nestri articul, là che o domandavin che almancul cualchindun dai sorestants dal Friûl i des a Mattarella il benvignût in dutis lis cuatri lenghis dal Friûl, e a vedin cjapât sù il nestri sugjeriment. Nus fâs plasê parcè che o pensìn che e sedi stade fate une robe juste.

O sperìn che no sedi la uniche.

Lunis ai 13 Mattarella al sarà in Friûl. Cualchidun i daràjal il benvignût ancje par furlan, par sloven e par todesc?

Lunis ai 13 di Novembar si scree il cuarantesim an academic de Universitât dal Friûl e al sarà presint anche il President de Republiche Taliane, Sergio Mattarella.

Al sarès biel che cualchidun dai sorestants dal Friûl – il Retôr de Universitât, la Presidente de Regjon, il Sindic di Udin… – i des il benvignût tes cuatri lenghis dal Friûl e cussì i disès ancje: «Sâr President, benvignût in Friûl. Gospod Predsednik, dobrodošli v Furlaniji. Sehr geehrter Herr Präsident, willkommen in Friaul».

Cualchi an indaûr al jere sucedût. Cemût che si lei culì, il Sindic di Faedis di in chê volte, Cristiano Shaurli, jal veve dit al President de Republiche di in chê volte, Giorgio Napolitano, e i veve ancje consegnât un document, prontât dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482, che al domandave propit l’intervent dal President, tant che “garant de Costituzion”, a pro de metude in vore ad in plen des leçs di tutele e duncje a pro de garanzie plene di chei dirits ricognossûts in tiermin formâi de Leç fondamentâl de Republiche e di ches altris normis specifichis, cemût che a domandin ancje in Europe.

Cumò Shaurli al è Assessôr regjonâl. Al podarès tornâ a fâ chel ‘beau geste’ lui o ben al podarès sugjerîjal a cualchidun dai siei coleghis.

Un intervent di chê fate al larès ben ancje cumò.

E larès ben ancje une gnove sugjestion a pro de metude in vore pardabon des leçs di tutele des minorancis linguistichis. Magari cussì no, al è ancjemò tant ce fâ in chest cjamp.

Cundut achel un salût di chê fate al sarès za alc di bon. Al sarès une forme di rispiet, no dome pe int dal Friûl ma pal stes President, te sô persone e te sô istituzion.

La Republiche taliane e je di ducj: ancje dai citadins dal Friûl che a son di lenghe furlane, di lenghe slovene e di lenghe todescje.

Nus covente almancul un biel segnâl, in linie cui principis di fonde de Costituzion e cun chei de Europe unide te diversitât.

La cjançon juste (massime) pai 4 di Novembar. Ancje par chest an

 

Vuê o sin ai 4 di Novembar. Ancje chest an al è miôr scoltâ une cjançon.

Cheste (ancje in cheste version achì) e je simpri la cjançon juste te zornade juste (cundut che e larès ben ancje in altris zornadis).

E rive la App dal Grant Dizionari. La lenghe furlane a puartade di man

Il Grant Dizionari Bilengâl talian-furlan (GDBtf)  cumò al è ancje a puartade di Iphone, Ipad, tablet e smartphone. In graciis di une gnove aplicazion volude de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e disvilupade dal CLAAP (Centri di Linguistiche Aplicade ‘Agnul Pitane’) si podarà consultâ il GDBtf no plui dome midiant dai volums di cjarte, dai cds o dai computers, ma ancje cui struments tecnologjics mobii iOS e Android.

La App dal GDBtf si pues discjamâle a gratis. Cussì, a puartade di man, e je la pussibilitât par ducj di vê un acès diret ai miârs e miârs di lemis contignûts intal GDBtf, publicât intal 2011 e po ancjemò inzornât e inricjît. Cun di plui, e je stade rinovade ad implen ancje la grafiche, juste cun chê di permeti une leture plui semplice e svelte cun ducj i struments.

La fruizion dal GDBtf midiant de App e deventarà ancjemò plui pronte propit cul doprâle, par vie che plui che si lu consulte e plui il program si sveltìs, stant che al memorize – volte par volte – ducj i lemis cirûts.

Cu la App, in maniere periodiche, si varan ancje i inzornaments e lis informazions su lis ativitâts de ARLeF in cont des azions e des iniziativis a pro de difusion de lenghe furlane e dal ricognissment concret dai dirits linguistics dai furlans.

La App e je stade presentade îr a Udin, tal palaç de Regjon, cui intervents dal president de ARLeF, Lorenzo Fabbro, dal president dal CLAAP, Luca Peresson, e dal president de Comission culture dal Consei regjonâl, Vincenzo Martines.

Tal so intervent Fabbro al à marcât che «Lis lenghis si evolvin, tant che la societât contemporanie, e ancje i struments linguistics a scuegnin par necessitât stâ al pas cui cambiaments e cu lis dibisugnis gnovis che a saltin fûr. Chest al sucêt ancje pal furlan e pai struments che a permetin di doprâlu in maniere normâl e moderne.

Martines al à ricuardât che propit lis minorancis linguistichis e la lôr tutele a son par sigûr une des fondis de autonomie speciâl de Regjon Friûl-VJ e al à palesât il so preseament pe App, che in chel istès e je un strument che al zove ae difusion de lenghe furlane e une rapresentazion concrete de vision strategjiche e che e sta daûr de politiche linguistiche metude in vore tai ultins agns.

Par Peresson, che al à mostrât lis funzions e lis potenzialitâts de aplicazion,«Cun cheste app il furlan al è ancjemò plui dongje de int, compagn di dutis chês altris lenghis dal mont». Par chel, al à zontât, «events di cheste fate, pluitost che jessi “celebrâts”, a varessin di jessi calcolâts propit tant che un fat normâl».

Buine Fieste de Patrie dal Friûl! (ancje chest an)

Une Fieste che e je par ducj e par une Patrie che e je
di ducj, inclusive, plurâl e rispietose.

Une Patrie che par chel no à ni agjetîfs ni etichetis.

Une Patrie che no je ni «piçule», ni «extralarge».

Buine Fieste de Patrie a dutis e a ducj!
Ancje chest an.

http://www.arlef.it/media/stampa_friulano/files/udinese_magazine_n._15_19.03.2017.pdf

 

‘Cercare il Friuli e trovare l’Europa’, presentazion a Udin ai 31 di Març

Un libri che al presente la realtât de comunitât furlane e de sô lenghe, che al definìs la suaze teoriche e normative di riferiment pe sô tutele e che al fâs indenant une schirie di elements di riflession in cont dai risultâts, dai problemis, des oportunitâts e des prospetivis di disvilup di passe vincj agns di iniziativis metudis adun o almancul inviadis in chest setôr de bande di istituzions publichis e privadis. Si pues definî in cheste maniere Cercare il Friuli e trovare l’Europa, il gnûf libri di Marco Stolfo e Claudio Cressati, che al vignarà presentât vinars ai 31 di Març a 5 sot sere te Sale Florio de Universitât dal Friûl (v. Florio 1, Udin), cuntune relazion di Elena D’Orlando, che e insegne Dirit regjonâl talian e european li dal Ateneu furlan, cui intervents di Lorenzo Fabbro (President de ARleF) e di Diego Navarria (Sindic di Cjarlins e President de Assemblee de Comunitât linguistiche furlane) e cu la presince dai doi autôrs.

La publicazion e mostre in ce maniere che chel de comunitât furlane si pues calcolâlu un câs esemplâr, inte suaze des minorancis, tal Stât talian e plui in gjenerâl in Europe. Chest al vâl in particolâr pes modalitâts che e je stade metude in vore la sô minorizazion, pe costance che i furlans a àn mostrât tal fâ indenant lis lôr domandis di ricognossiment e di tutele e pe maniere che – ancje cun contradizions – si à scomençât a meti in vore la promozion de lenghe e dal so patrimoni culturâl e a cirî di jonzi la afermazion concrete di chei dirits che a tocjin l’ûs de lenghe stesse, cun normis, ats e azions di politiche linguistiche.

Une altre carateristiche che e vene marcade di chest studi e je chê de impuartance de dimension europeane in relazion cu la tutele de minorance linguistiche furlane e de sô lenghe, cu lis rivendicazions fatis indenant di cheste comunitât e cu lis rispuestis che e à vût sul plan politic, normatîf e istituzionâl. Propit par chel il volum si clame Cercare il Friuli e trovare l’Europa.
Altris elements di interès a tocjin la individuazion di trê orientaments gjenerâi di pinsîr in cont dal Friûl e dal furlan, che si disvilupin vie pal Nûfcent e che a condizionin intun sens o in chel altri la situazion, e la descrizion dai rapuarts tra lenghe, societât e istituzions, cuntune atenzion specifiche viers de Glesie e de politiche.

La publicazion e je il risultât dal progjet di ricercje Looking for Friuli, finding Europe. Self-government, linguistic rights and development between visions, claims and policies, che al è stât disvilupât dal 2013 al 2016 dentri dal Modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilingualism, Multicultural Citizenship and European Integration) de Universitât dal Friûl.

27 di Fevrâr, Zornade Furlane dai Dirits. Programazion speciâl su Onde Furlane

logo_web

Ai 27 di Fevrâr al cole l’inovâl de Joibe Grasse dal 1511, un dai tancj moments de storie là che il popul furlan al à mostrât dignitât e cussience di se, in particolâr pe difese dai «dirits antîcs» des comunitâts rurâls. Par chel, di passe dîs agns, par iniziative di Radio Onde Furlane, chê ricorence e je deventade la Zornade Furlane dai Dirits.

Ancje chest an la Zornade e vignarà memoreade su lis frecuencis de radio libare dai furlans (90 Mhz te plui part dal Friûl, 90.2 Mhz in Cjargne e www.ondefurlane.eu) cuntune programazion speciâl, che si scree a 9 a buonore e e larà indenant fin miezegnot.

lengate12

Si alternaran spazis musicâi, leturis e aprofondiments tematics.
In particolâr si fevelarà dai dirits liOnde Furlanenguistics e nazionâi des comunitâts furlane, slovene e todescje dal Friûl cul president de Assemblee de Comunitât linguistiche furlane, Diego Navarria, cul president de Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, Lorenzo Fabbro, cul gjornalist dal Novi Matajur, Antonio Banchig, e cun Valerio Piller Roner de associazion sappadine Plodar.
Un altri argoment che al vignarà frontât al è chel dal lavôr e dai dirits dai lavorents, cui intervents di doi sindacaliscj, tant che Gianpaolo Roccasalva de FIOM CGIL e Roberto Muradore de CISL.

Si fevelarà di dirits ancje cu la musiche, cun dôs pontadis speciâls di Babêl Europe, par cure di Marco Stolfo, e cun Gerovinyl 55-80, apontament classic dal dopomisdì dal lunis cun Agnul Tomasin.

1511

La storie dal riviel de Joibe Grasse dal 1511 e vignarà ricuardade cu la leture storiche di Barbara Minen.

Di siet sot sere a miezegnot la Zornade su Onde Furlane e larà dilunc cun tante musiche des minorancis e des nazions cence stât.

Onde Furlane  si pues scoltâle sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in direte web ae direzion www.ondefurlane.eu in dut il mont.

Il segnâl de ‘radio libare dai furlans‘ si pues cjapâlu dapardut ancje su smartphone, tablet, iPhone e iPad cu la aplicazion di pueste di discjamâ de rêt.

aradio