A Turin si fevele ancjemò di Catalogne. Apontament doman li dal Csoa Askatasuna

Ce nassial in Catalogne? Cemût ise la situazion, dopo passe trê mês dal referendum dal prin di Otubar, dopo cent dîs che Jordi Sànchez e Jordi Cuixart a son in preson e dopo sù par jù un mês des gnovis elezions ‘regjonâls’?

Une rispueste a chestis domandis si podarès vêle doman, a Turin, li dal Centri sociâl Askatasuna, in Cors Regina Margherita 47, a nûf di gnot, inte suaze dal incuintri dal titul In Catalogna non sta succedendo niente?, là che al è proviodût l’intervent di Aina Tella, responsabile des relazions internazionâls de CUP, fuarce politiche alternative e anticapitaliste catalane.
Altris informazions sul apontament si cjatin culì.

Advertisements

Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Catalogne, prime e dopo (e in bande) dal Referendum dal prin di Otubar

A son passâts cuindis dîs dal prin di Otubar, cuant che in Catalogne in 2.286.217 di lôr a àn rivât a cjapâ part a chel referendum che a Madrid a disevin che nol veve di jessi fat e che fintremai cualchidun al à declarât che nol è stât. In spiete di viodi ce che al nas, dopo de declarazion dal president de Generalitat de Catalunya, Carles Puigdemont, fate denant dal Parlament catalan martars stât, e dopo de gnove reazion dal president dal guvier spagnûl, Mariano Rajoy, tra domandis retorichis di sclariment e altris menacis «costituzionâls»,  o pensìn che al sedi il câs di frontâ la cuistion ancje tal nestri blog, stant che e tocje argoments che nus interessin une vore (a tacâ de garanzie e dal rispiet dai dirits di fonde, de partecipazion democratiche, dal autoguvier e de Europe).

Prin di dut no si pues fâ di mancul di marcâ il fat che tancj catalans a àn votât e che lu àn fat in cundizions pardabon griviis e penzis.
Za di timp il guvier di Madrid e diviers tribunâi a vevin metût in vore une schirie di azions par che il referendum nol vignìs fat, tra denunciis, percuisizions e arescj, ma tes ultimis dôs setemanis di Setembar la situazion e je deventade ancjemò plui pesante.
Te smicje dai judiçs e des fuarcis di polizie a jerin in particolâr passe sietcent sindics e un biel trop di funzionaris de Comunitât autonome. Cuant che e je lade al mancul la ricercje des schedis e des urnis, la Guardia Civil e la Policia Nacional si àn discjadenât cuintri de int che e veve chê di votâ e di permeti a chei altris di votâ.

La azion dai doi cuarps statâi di polizie e je stade pardabon une vore violente. Ancje i Mossos d’Esquadra, la fuarce di polizie de Comunitât autonome de Catalogne, inte suaze des restrizions dai podês des istituzions autonomichis catalanis inviade ancjemò ae vilie dal prin di Otubar, a àn scugnût meti in vore une azion repressive pe sierade dai coleçs eletorâi, ma lu àn fat intune manioer plui serie – a àn sierât in maniere ‘preventive’ sù par jù 250 seçs – e cence fâur mâl a di nissun. La Guardia Civil e la Policia Nacional invezit a àn vût sierât mancul di un centenâr di seçs ma a àn pestât un grum di lôr – a son sù par jù 900 i ferîts – e a àn fintremai devastât cetantis scuelis là che la int e veve di votâ: tra bancs, scrivaniis e fintremai gabinets disfats si calcole che a sedin stâts fats dams par passe 300mil euros.

Il numar di chei che a àn rivât a votâ al è stât plui alt di chel dai votants dai 9 di Novembar dal 2014, cuant che une consultazion sù par jù compagne – ancje chê considerade fûr leç, ma fate cence i condizionaments di cheste volte – e veve viodût la partecipazion di 2.236.806 di lôr. La afluence aes urnis in Catalogne pal referendum dal prin di Otubar e je stade plui alte, in tiermins percentuâi di chê di chei che, in dut il Stât spagnûl (ator dal 42%) e ancje inte Generalitat (sù par jù il 41%), tal 2005 a jerin lâts a votâ pe ratifiche dal Tratât pe Costituzion de Union Europeane.
Dongje di chei che par vie des violencis des fuarcis dal ordin (…) a son stâts «libars di scugnî no votâ», par vie des pachis cjapadis o ben ancje pe pôre di cjapâlis, altris di lôr, macolâts o sinistrâts, no àn molât, a son restâts in code denant dai seçs e ae fin a àn esprimût la lôr volontât te schede eletorâl. Cun di plui, si calcole che almancul 700mil di lôr no àn podût esprimi la lôr volontât, o par vie che ur àn puartât vie lis schedis par votâ o ben parcè che ur àn puartât vie lis schedis za votadis. E se si contassin ancje chei la percentuâl e sarès plui dal 50%…

In cualsisedi maniere, tancj di lôr a àn votât. A pro de indipendence e ancjemò di plui cuintri de arogance di Madrid, che massime a tacâ dal 2010 cu la sentence dal Tribunâl costituzionâl in cont dal ricors cuintri dal gnûf Statût di autonomie – za ridimensionât intant dai siei passaçs tra Barcelone e Madrid, jenfri il 2003 e il 2006 – i à fat cuintri ae volontât di autoguvier dai catalans, che almancul fintremai al 2010 e al 2012 e jere cuasit dome di caratar autonomist.

La aspirazion indipendentiste e je cressude parie cul nazionalisim e cul centralisim çondar dal Guvier spagnûl. La aspirazion indipendentiste, che si insuaze inte crisi gjenerâl dal Stât spagnûl, e je stade une rispueste ae sieradure categoriche e ideologjiche de bande dai sorestants di Madrid.

Si podarès dî che la strategjie di Rajoy e dai siei, par fâur cuintri ai catalans, e je stade falimentâr. Cun di fat, Madrid nol à rivât a evitâ il referendum e cu la sô ande al à fat cressi il numar di chei che a volevin esprimi il dirit a decidi e, tra chescj, di chei che a jerin e che a son a pro de indipendence.
Però, cjalant cemût che a son ladis daûr a disvilupâsi lis robis, si podarès fintremai pensâ il contrari: al Guvier di Madrid e ae sô propagande ur coventave e ur covente un nemì. Dopo che tai mês passâts, tal Paîs Basc, si à sierât il disarmament unilaterâl di ETA, cu la indiference o forsit cul displasê de Moncloa, a cui che al comande a Madrid, che magari al à ancje cualchi fastidi cu la justizie, i coventave indreçâ la plui part de opinion publiche cuintri di un altri nemì che al pues fâi cuintri ae «sacre» unitât de nazion «Una, Grande y Libre».

Chest ategjament di ostilitât al à tornât a palesâsi in plui ocasions: dal discors dal re Felipe VI, in chel istès flap e arogant, cun peraulis che a àn butât benzine sul fûc, al auguri fat di un esponent dal PP spagnûl al president catalan Puigdemont di fâ la stesse fin dal so predecessôr Lluìs Companys i Jover, arestât dai naziscj e copât dai franchiscj juste setantesiet agns indaûr (ai 15 di Otubar dal 1940), fintremai ae menace dai vertiçs dal Guvier spagnûl di meti in vore chel articul 155 de Costituzion dal Ream di Spagne, che al proviôt la pussibilitât di ridimensionâ e scjafoiâ lis prerogativis di autoguvier des Comunitâts autonomis in câs di mancjât rispiet de Costituzion stesse o di pericul pai interès gjenerâi dal Stât.

In confront, l’ategjament de societât civîl catalane e dai siei rapresentants politics al è stât simpri plui viert a pro dal dialic e a pro de soluzion dal conflit. Al è ce chel salte fûr a fuart de resistence no violente e ghandiane de int, denant dai manganei e dai proietii di gome de Guardia Civil e de Policia Nacional, e salacor de stesse declarazion in cont de indipendence «metude in glacere», fate indenant di Puigdemont ai 10 di Otubar, juste cun chê di cirî un confront positîf e une mediazion internazionâl.

Vie par chestis setemanis dut il mont al à viodût la int de Catalogne in place. Prime dal vôt, cun chê domandâ di esprimisi e di protestâ cuintri dal ategjament dal Guvier di Madrid, des formis preventivis di repression judiziarie e de propagande dai media spagnoliscj. Il prin di Otubar, cun chê di votâ e – magari cussì no – ancje par cjapâlis dai pulizais, che no à vût pietât par nissun. Tai dîs seguitîfs cun altris manifestazions massivis, un pôc dapardut, a tacâ dal siopar dai 3 di Otubar.
E dut il mont al à viodût la violence esagjerade des fuarcis dal ordin…

Domenie stade si à viodude ancje altre int in place, che impen e palesave la sô posizion cuintri de indipendence e soredut cuintri dai indipendentiscj. A jerin in tancj di mancul di chei viodûts, cun intindiments contraris, in diviersis ocasions e salacor tancj di lôr a rivavin di altris bandis dal Stât spagnûl: une sorte di «visitors» o ben une sorte di conferme dal atrat turistic de Catalogne e soredut di Barcelone…

Cun rispiet ancje par chês posizions, no si pues fâ di mancul di marcâ l’ategjament conflituâl di tancj di lôr e salacor ancje un ciert fanatisim nazionalist spagnûl, che in tancj câs al è cuinçât, plui o mancul a palês, des nostalgjiis pal regjim franchist. In cheste suaze no si pues fâ di mancul nancje di marcâ lis contradizions fuartononis che si cjatin dal discors dal scritôr peruan Mario Vargas Llosa, cuintri dal nazionalisim catalan calcolât «divisîf» e imbombât di un unitarisim spagnolisim retoric, sglonfât e par sigûr pôc tolerant e rispietôs.

Ce che al è sucedût in Catalogne, tal Stât spagnûl, tai ultins agns e tes ultimis setemanis, al palese a plen no dome la crisi dai Stâts nazionâi ma ancje chê de Union Europeane fate sù dai Stâts nazionâi, che no i permetin di jessi ni Union e nancje Europeane, cemût che, magari cussì no, si à viodût in tantis altris ocasions e in particolâr in chest câs specific prime cul cidinôr e po cu lis cjoltis di posizion dai vertiçs di Bruxelles.
Al è pardabon un pecjât…

Dai «estibadors» dai puarts di Barcelone e Tarragone ai students des universitâts, dai comitâts di cuartîr aes associazions des fameis dai fruts che a van a scuele, dai pompîrs, autentics erois popolârs che a àn difindût la int de violence de Guardia Civil e de Policia nacional, e fintremai ai Mossos de Esquadra, i pulizais «regjonâi» che a àn scugnût gloti l’ordin di Madrid ma àn sierât i seçs eletorâi cence pestadicis… si à viodût dut un popul in moviment, cun chel stes spirt che si veve palesât za timp indaûr, sei tes manifestazions a pro dal bon acet dai rifugjâts che tes reazions cuintri dai atentâts dal Isis dai 17 di Avost.

Cun di plui tes rivendicazions di autuguvier de Catalogne si rive a vualmâ une volontât di trasformazion de societât in miôr inte direzion de garanzie di chei dirits di fonde, civîi e sociâi che a son simpri plui menaçâts.

Ancje il fat che te schede di chel referendum – legjitim, ilegâl, sospendût o inestistent che al sedi… – la domande «Volêso che la Catalogne e sedi un stât indipendent in forme di republiche?» e sedi stade fate tes trê lenghis de Catalogne (par catalan, par spagnûl e par ocitan) nus somee interessant.
Tant a dî che une altre Europe e je necessarie e salacor pussibile: une Europe dai citadins, pardabon «unide te diversitât».

No savìn cemût che e larà a finîle, ma o pensìn che il braç di fier tra Madrid e Barcelone nol sedi dome une cuistion interne dal Ream Spagnûl… Di cheste situazion di crisi si pues saltâ fûr o cuntune crisi piês o cuntune situazion miôr. Viodarìn ce che al nas.

Note. Par savênt alc di plui de cuistion, par lei e scoltâ alc che nus somee une vore plui di sest de plui part des robis che vie par chestis setemanis o vin let e scoltât in cont di chest argoment, ve chi cualchi sugjeriment (di articui, intervents e coments fats ancje cun visions diferentis, che no son necessariamentri in linie cun chê che e je la opinion su la cuistion che o palesìn tal nestri blog):

a) i speciâi di Radio Onde Furlane: https://www.spreaker.com/show/speciai-catalogne

b)  La cronache dai acjadiments principâi des ultimis dôs setemanis organizade par zornadis par cure dal blog di Internazionalitari, storiche trasmission di Radio Onde Furlane
http://internazionalitari.blogspot.it/2017/10/catalogne-di-par-di-la-cronache-des.html

c) cualchi articui jessût tai ultins numars de La Patrie dal Friûl, che si piues leiju ancje in rêt
http://www.lapatriedalfriul.org/?p=19366
http://www.lapatriedalfriul.org/?p=19370
http://www.lapatriedalfriul.org/?p=19402

d) la rubriche Friûl Europe de La Patrie dal Friûl
http://www.lapatriedalfriul.org/?cat=81

e) i Quaderni catalani di Andrea Geniola
http://www.qcodemag.it/category/blog/quaderni-catalani/

f) I tancj riferiments che si cjatin tes pagjinis Facebook di Ethnos & Demos – Identità, culture, diritti e integrazione in Europa

g) il coment di Alfonso Botti
https://www.mentepolitica.it/articolo/la-questione-catalana-dopo-la-dichiarazione-da-indipendenza-a-met-di-puigdemont/1255

h) il coment di Adriano Cirulli su Radio Blackout
http://radioblackout.org/2017/10/catalogna-il-desiderio-di-separarsi-dallausterity/

i) la interviste cul politolic valenzian Jordi Muñoz
http://www.publico.es/politica/entrevista-jordi-munoz-independentismo-convertido-elemento-estructural-sociedad-catalana.html

l) i articui di Marco Santopadre su http://www.contropiano.it
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/10/11/puigdemont-retromarcia-repressione-096548
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/10/10/barcellona-fascisti-giorno-096529
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/10/08/puigdemont-tsipras-bivio-096439
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/10/06/catalogna-scenario-greco-096387
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/09/28/unione-europea-catalogna-096030
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/09/27/catalogna-madrid-polizia-seggi-096014
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/09/21/catalogna-polizia-portuali-sciopero-095797
http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/09/22/catalogna-comunque-vada-madrid-gia-perso-095810

m) i articui di Steven Forti su MicroMega
http://temi.repubblica.it/micromega-online/catalogna-verso-la-dichiarazione-unilaterale-d-indipendenza/
http://temi.repubblica.it/micromega-online/catalogna-tra-repressione-e-possibili-scenari/