‘Cercare il Friuli e trovare l’Europa’, presentazion a Udin ai 31 di Març

Un libri che al presente la realtât de comunitât furlane e de sô lenghe, che al definìs la suaze teoriche e normative di riferiment pe sô tutele e che al fâs indenant une schirie di elements di riflession in cont dai risultâts, dai problemis, des oportunitâts e des prospetivis di disvilup di passe vincj agns di iniziativis metudis adun o almancul inviadis in chest setôr de bande di istituzions publichis e privadis. Si pues definî in cheste maniere Cercare il Friuli e trovare l’Europa, il gnûf libri di Marco Stolfo e Claudio Cressati, che al vignarà presentât vinars ai 31 di Març a 5 sot sere te Sale Florio de Universitât dal Friûl (v. Florio 1, Udin), cuntune relazion di Elena D’Orlando, che e insegne Dirit regjonâl talian e european li dal Ateneu furlan, cui intervents di Lorenzo Fabbro (President de ARleF) e di Diego Navarria (Sindic di Cjarlins e President de Assemblee de Comunitât linguistiche furlane) e cu la presince dai doi autôrs.

La publicazion e mostre in ce maniere che chel de comunitât furlane si pues calcolâlu un câs esemplâr, inte suaze des minorancis, tal Stât talian e plui in gjenerâl in Europe. Chest al vâl in particolâr pes modalitâts che e je stade metude in vore la sô minorizazion, pe costance che i furlans a àn mostrât tal fâ indenant lis lôr domandis di ricognossiment e di tutele e pe maniere che – ancje cun contradizions – si à scomençât a meti in vore la promozion de lenghe e dal so patrimoni culturâl e a cirî di jonzi la afermazion concrete di chei dirits che a tocjin l’ûs de lenghe stesse, cun normis, ats e azions di politiche linguistiche.

Une altre carateristiche che e vene marcade di chest studi e je chê de impuartance de dimension europeane in relazion cu la tutele de minorance linguistiche furlane e de sô lenghe, cu lis rivendicazions fatis indenant di cheste comunitât e cu lis rispuestis che e à vût sul plan politic, normatîf e istituzionâl. Propit par chel il volum si clame Cercare il Friuli e trovare l’Europa.
Altris elements di interès a tocjin la individuazion di trê orientaments gjenerâi di pinsîr in cont dal Friûl e dal furlan, che si disvilupin vie pal Nûfcent e che a condizionin intun sens o in chel altri la situazion, e la descrizion dai rapuarts tra lenghe, societât e istituzions, cuntune atenzion specifiche viers de Glesie e de politiche.

La publicazion e je il risultât dal progjet di ricercje Looking for Friuli, finding Europe. Self-government, linguistic rights and development between visions, claims and policies, che al è stât disvilupât dal 2013 al 2016 dentri dal Modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilingualism, Multicultural Citizenship and European Integration) de Universitât dal Friûl.

Parcè si tratial il Friûl cul stîl de campagne dal Fertility Day?

inmyland-logo-150x150

Un mês indaûr a Udin e jere stade presentade une iniziative dal titul  Inmyland. Indagine su un friulano al di sopra di ogni sospetto, che e varès di jessi une sorte di ricercje in cont des ideis che cui che al vîf in Friûl al à di se e de sô tiere.

Finalmentri o vin rivât a dâi un cuc e o sin restâts cence peraulis.

O vin vude la sensazion che – propit te Universitât che tancj i tegnin a clamâle ‘dal Friûl’, par rispiet de sô storie e di chê che e varès di jessi la sô funzion, ancje daûr di ce che e dîs la sô leç istitutive – cui che al à metût adun il cuistionari che al covente par tirâ dongje i dâts pe ricercje nol vedi albe di ce che al è il Friûl.

Che al sedi par mancjance di cognossince – si podarès dî par ignorance… incussiente – o par ideologjie (ven a dî cuntune vision di Friûl – in chest câs «cussiente» – che e dinee o che e minimize tancj siei caratars impuartants e peculiârs), in cualsisedi maniere chel scandai al somee nassi clopadiç, stant che no je nancje la pussibilitât di fâ indenant altris ideis di Friûl.

Lis ideis di Friûl che a vignaran rilevadis no podaran che jessi in linie cun chês che – in maniere o incussiente o ben cussiente, ideologjiche e distuarte – a son lis ideis di partence di cui che al à metût adun il cuistionari: visions di Friûl e di furlan che, in chestis cundizions, no puedin fâ di mancul di lâ daûr di chês tindincis che si pues definilis in gjenerâl «minimalistis» o ben «negazionistis».

Par chel, al devente dificil no cjatâsi in cunvigne cun cui che in rêt o su la stampe al palese perplessitâts di cheste fate, cun osservazions in cont dal fat che la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl o ben cun coments dulà che plui che jessi «al di sopra di ogni sospetto» il furlan ogjet dal scandai al sarès «al di sotto di ogni rispetto».

articul_valcic_mv

Se e fos une performance dal Udin o fevelaressin – magari cussì no, daûr di une usance zaromai consolidade – di efiet (Mer)Dacia Arena.

Ma stant che no je une robe che e tocje la scuadre di balon furlane (che o sperìn che finalmentri si dedi une sveade…), il tiermin di paragon al devente un altri: la iniziative dal Fertility day e lis sôs campagnis di comunicazion, cemût che al ven marcât achì.

E alore nus ven di domandâ: «Ma parcè si aial di tratâ il Friûl cul stîl de campagne dal Fertility Day?»

‘Idee di Sardegna. Autonomisti, sovranisti, indipendentisti oggi’, trê presentazions a Casteddu, Tàtari e Nùgoro di vuê a vinars

cuviertele_pala

Idee di Sardegna. Autonomisti, sovranisti, indipendentisti oggi al è il titul dal biel libri di Carlo Pala, politolic de Universitât diTàtari, che al presente la storie e la situazion dal dì di vuê des ideis di identitât, di autoguvier e di autodeterminazion e des personis e des fuarcis politichsi che lis puartin indenant.

La publicazion, dade fûr di cualchi setemane de bande dal editôr Carocci, e sarà la protagoniste di trê incuintris di presentazion, che si davuelzaran usgnot, doman e passant doman a Casteddu-Cagliari, Tàtari-Sassari e Nùgoro-Nuoro.

Il prin apontament al è vuê a Casteddu, li de Aule Magne de Ex Facoltât di Siencis politichis de Universitât (v. Sant’Ignazio 78) a 5 e mieze sot sere.
L’incuintri, coordenât dal gjornalist Giuseppe Meloni, al sarà viert dal salût di benvignût de diretore dal Dipartiment di Siencis Sociâls e Istituzions dal Ateneu di Casteddu (UniCa), Cecilia Novelli, e al proviôt i intervents di Gianfranco Bottazzi (UniCa) e Michel Huysseune (Vrije Universiteit Brussel).

Il secont al è doman, ai 22 di Setembar, a chê stesse ore, a Tàtari, li de Universitât (UniSs) Aule dal Consei dal Dipartiment di Jurisprudence (v. Mancini 5), cu la jentrade dal diretôr dal Dipartiment, Gian Paolo Demuro, e i intervents di Omar Chessa (UniSs), Adriano Cirulli (Universitât telematiche Uninettuno – Utiu) e Michel Huysseune (Vrije Universiteit Brussel).

Il tierç al è vinars ai 23, ancjemò a 5 e mieze sot sere, a Nùgoro, li de Aula Magna de Universitât (v: Salaris 18): salûts di benvignût di Fabrizio Mureddu (Comissari pal Consorzi pe promozion dai studis universitaris te Sardegne di mieç), Andrea Soddu (Sindic di Nùgoro) e Gian Paolo Demuro (diretôr dal Dipartiment di Jurisprudence de UniSS), jentrade e coordenament di Salvatore Cubeddu (diretôr de Fondazione Sardinia) e intervents ancjemò di Adriano Cirulli (Universitât telematiche Uninettuno – Utiu) e Michel Huysseune (Vrije Universiteit Brussel).

In ducj i incuintri al sarà presint ancje l’autôr.