“Fin Cumò”, il prin disc di solist di DJ Tubet al rive sot dal arbul di Nadâl

Un struc di dîs agns di cjançons, di rimis, di sunôrs e di colaborazions, che al cjale in direzion dal avignî e al fâs indenant une idee di identitât libare, liberatorie e liberadore. Il rapper e improvisadôr Dj Tubet al fâs il grant pas e ae fin dal secont deceni de sô ativitât musicâl, che e cjape dentri aancje i esordis brilants cu la DLH Posse e la stagjon “rastafurlane” cui R.Esistence in Dub, al scree la sô etichete discografiche e al fâs il so prin vêr e propit album tant che solist.

Il cd, che il so titul al è “Fin cumò”, al presente une selezion di cutuardis dai passe setante tocs che il spirfolet di Nimis al à fat tra il 2011 e il 2020 e che a son segns bondants in rêt. Al è un compendi siôr e svariât di sonoritâts e di ritmis di lidrîs reggae, raggamuffin, rap, jungle e trap, là che lengaçs sonôrs za codificâts in chel istès s vegnin praticâts cun mistîr e tornâts a inventâ cun stîl e con origjinalitât. Chest al sucêt in graciis dai riferiments aes musichis de tradizion popolâr, dal Friûl ae Afriche e fintremai al Iran, dal ûs de lenghe furlane, che intai diviers tocs si da dongje cun altris idiomis, dal talian al inglês, dal persian al amaric, dal fulah al mandinka e dal patwa gjamaican al slovac e al todesc, e in presince di tancj compagns di strade, tacant dal cjantant parisin Larson e dal rapper dal Gambia Chat-E Te Lion e rivant fal persian Navid Freedom, al gjamaican Slimmo Eadafyah e al calabrês E.l.f.o., ancje lui cuntun album in jessude prossime

Il disc al è targât “Cente Dischi” e al è in stampe propit in chescj dîs, par cjatâ une sô colocazion eventuâl ancje sot dal arbul di Nadâl, ma i siei contignûts a son za disponibii on line tacant di vuê, ai 4 di Dicembar. In ocasion dal lanç di etichete e cd, si vin fat contâ di DJ Tubet alc di chel che al pues jessi calcolât tant che un gnûf dopli esordi, tant che artist e tant che produtôr e editôr.

Tachìn dal titul: al somee che al sedi in chel istès un belanç e un rilanç…
«Sì, propri cussì. “Fin cumò” al è un rindicont di ce che o ai fat intai ultins dîs agns, tra ativitât in studi e dal vîf, colaborazions di ogni sorte e ativitâts che mi àn puartât a incrosâ rimis, ritmis e lengaçs in grues festivals, in garis di freestyle e fintremai intes aulis di tantis scuelis. Il belanç al è però ancje un rilanç, un invît a sperimentâ gnovis stradis, a fâ alc di plui e di gnûf. Un invît che mi fâs a me e che o ai provât a dâi un rispueste cu la “Cente Dischi” e fasint un prodot di cheste fate, ma che al è par ducj, tacant di cui che al fâs musiche, in particolâr in Friûl. Tant a dî: dinsi di fâ, mostrìn la lenghe, vivìn in maniere positive identitât e creativitât, vierzìnsi al mont vierzintsi a nô stes!».

Daûr di cuâi criteris âstu fat la sielte dai tocs?
«Al è stât un lavôr dificil, ancje parcè che, cemût che a disin a Napoli “ogni scarrafone è belle a mamma soia”, e duncj i ten a ducj i miei tocs. Cundut achel mi soi dât cualchi criteri di fonde, tacant de varietât sonore e stilistiche, des diviersis colaborazions realizadis e di chê che si podarès clamâle la cjantabilitât des cjançons. No je une sielte comerciâl, ma ben di comunicazion: il gno intindiment l è chel di rivâ a un public che al sedi plui larc e plui svariât pussibil parcè che e o vuei fâi rivâ i “miei” contignûts».

Cuâl isal il messaç?
«No sai se si pues fevelâ di messaç. Par sigûr “Fin Cumò” al è un progjet che al ten dongje cualchi idee di fonde. A son chês de unitât, de libertât, de colaborazion, dal dialic, dal valôr de diversitât linguistiche e culturâl e des identitâts libaris e dinamichis».

Un spirt che si ricognòs ancje inte grafiche dal disc…
«Sì. Nol è un câs che il zâl e il blu a sedin i colôrs prevalents. La mê e je une leture e une pratiche de culture hip hop, de musiche ai grafîts e fintremai ai “gang signs”, ancje in clâf furlane. Cul intindiment di jessi se stes e di jessi conetûts di plui e miôr cul rest dal mont».

Ocitanie, Friûl… e Suns Europe. Sabide ai 19/9 a Trave peraulis e musiche cun Sergio Berardo e cun Angelo Floramo

No ducj a san che il “passepuart” che i à permetût a Leonardo di jentrâ te cort di Milan e di inviâ alì la sô stagjon plui impuartante e je stade la musiche: lis dotis musicâls e un strument origjinâl fat sù di lui,

Plui in gjenerâl la musiche e pues deventâ ancje l’imprest miôr par che une comunitât – cu la sô culture, la sô storie e la sô lenghe – e cjapi cussience di se e si fasi cognossi – e ricognossi – ancje fûr dal so teritori.

Chest al vâl par tantis comunitâts minorizadis ator pe Europe e in particolâr pe Ocitanie. In dutis lis tieris “d’Oc” e massime tes Valadis Ocitanis dal Piemont, la musiche e à judât tancj di lôr a tornâ a scuvierzi la lenghe proprie e la identitât linguistiche, culturâl e teritoriâl e po a fâle cognossi e ricognossi ator, dapardut. La musiche – des melodiis patriarcjinis a Mainerio par rivâ ae gnove musiche furlane – e à zuiât une funzion identitarie impuartante ancje in Friûl.

Sabide ai 19 di Setembar l’ultin apontament cun Suns Europe 2020 al è un viaç inzirlôs par etis e tieris diferentis cu la musiche des peraulis e cu lis peraulis de musiche. Tacant des 9 di gnot, inte place di chê frazion dal Comun di Lauc, in Cjargne, il public al vignarà compagnât in chel percors di dôs vuidis di gale: l’ocitan Sergio Berardo e il furlan Angelo Floramo.

Sergio Berardo al è un innomenât polistrumentis e cjantant ocitan. Al è la vôs e la anime dai Lou Dalfin, il grup plui impuartant des Valadis Ocitanis dal Piemont, e al è cjapât dentri di cetancj progjets di ricercje, di promozion e di reinvenzion de musiche popolâr ocitane. Tra chescj al è Gran Bal Dub, crosere di folk, reggae e eletroniche, metude adun cun Madaski, tastierist dai Africa Unite.

Angelo Floramo al è nassût a Udin, al insegne storie e leterature e al colabore di consulent pe biblioteche Guarneriane di S. Denêl. Al sgarfe tai archivis, al scrîf par rivistis sei par furlan che par talian e al è autôr di cetancj libris: tra chescj a son Balkan Circus (2013), L’osteria dei passi perduti (2017) e La veglia di Ljuba (2018).

“La Patrie Sot dal Tei”. Ai 23 di Lui a Cormons un altri incuintri public cul “gjornâl dai furlans che no si rindin”

Ocasions interessantis di incuintri e di confront tra il mensîl La Patrie dal Friûl e la sô int: sei cun cui che al è za usât a lei il gjornâl dai furlans che no si rindin che cun chei che magari pe prime volte si svicinin al sfuei che al continue la storie de testade fondade tal 1946 di Felix Marchi e pre Josef Marchet. Si pues presentaju cusssì i diviers apontaments dal titul La Patrie Sot dal Tei, che a viodin diviersis firmis de Patrie presentâ al public il gjornâl, i siei contignûts e la sô maniere di “lei” e di “contâ” il Friûl e il Mont.

La schirie di events di cheste fate e je stade screade Joibe stade, ai 16 di Lui, a Cjarlins. L’apontament, che al à screât ancje il cartelon di events e spetacui pal Istât, #CarlinoEstate2020, al è stât une vore interessant e cuntune partecipazion vivarose.

Al è stât un incuintri segnât di une buine dose di furlanetât “sane e cussiente”, la che si à fevelât dal Friûl e dal rest dal mont, di storie, di culture e di atualitât. Tal Parc dai Marinârs dal paîs de Basse il confront di ideis al è stât inviât cuntune riflession interessante in cont di lenghe e identitât fate dal sindic di Cjarlins, Loris Bazzo, e si à disvilupât cui intervents dal diretôr de Patrie, Walter Tomada, e dal president de Clape di culture Patrie dal Friûl, che e je la editore dal gjornâl, Andrea Valcic.

Si à po discorût plui in detai di media e di storie: l’ex diretôr Andree Venier al à pontât la sô atenzion sul ûs de lenghe furlane in internet e in particolâr intes rêts sociâls, intant che Diego Navarria, ex sindic di Cjarlins e ex president de Assemblee de Comunitât linguistiche furlane, che al sta daûr di une rubriche dedicade ae storie dal Friûl e dai patriarcjis, al à tocjât il teme de cognossince e de meorie storiche. Cun di plui a àn zontât alc di interessant ancje diviers di lôr, tacant di Ivan Petrucco e Andrea Dri, sindics un di Cjasteons di Strade e chel altri di Porpêt, e dal sindicalist Roberto Muradore.

Dopo dal incuintri di Cjarlins, il program di La Patrie Sot dal Tei al va dilunc cuntune schirie di altris apontament, tacant di chel di cheste Joibe, ai 23 di Lui a Cormons, inmaneât adun cu la Enoteche in place XXIV di Mai a siet sot sere, cu la partecipazion di Andrea Valcic, di Diego Navarria e di Marco Stolfo.

La setemane che e ven, ai 31 di Lui, simpri a siet sot sere, il tierç apontament cu La Patrie Sot dal Tei al sarà a Plasencis cu la partecipazione di Walter Tomada, di Andrea Valcic, di Diego Navarria e di Roberto Muradore.

Informazions in cont dai diviers events di La Patrie Sot dal Tei si cjatin su la pagjine Facebook da La Patrie dal Friûl.

Loris Vescovo Quartet, trê concierts ator pal Friûl e un progjet gnûf in anteprime

Trê apontaments di no pierdi par cui che al è a stâ in Friûl e une biele gnove in cont de produzion musicâl par furlan che e vâl par ducj e in ogni dontri. Vinars ai 3 di Lui a Puçui, sabide ai 4 a Vierse di Romans dal Lusinç e domenie ai 5 al Cuel di Sant Martin di Dartigne, dopo un pôc di timp di cidin, si podarà tornâ a viodi e scoltâ dal vîf Loris Vescovo, che di aromai vincj agns al è un dai cjantautôrs furlans plui ispirâts e interessants.

In cheste ocasion l’om di Trivignan al incrose il so snait cun chel di altris musiciscj di grande personalitât tant che il produtôr e polistrumentist Leo Virgili, altri non di ponte de sene furlane plui vivarose, plui inovative e plui cognossude ancje tal forest, il bassist e viloncelist Massimo Silverio, e il baterist e percussionist Nicholas Remondino.

Si presentin adun cul non di Loris Vescovo Quartet par une schirie di spetacui che si fondin soredut su lis gnovis cjançons, scritis di Vescovo vie pai ultins mês, che dentri de Sierade a vignaran publicadis suntun gnûf album.

Une di chês, che il so titul al è “Sotans”, e ven programade za di cualchi dì cuntune cierte frecuence su Radio Onde Furlane e e somee pardabon interessante. Une anticipazion golose dai concierts di chescj dîs e soredut dal disc che al vignarà e che si clamarà “Adalt”, parcè che, cemût che al sclarìs Vescovo tal articul chi da pît, al tignarà dongje «cjançons che a àn in comun il teme de altece, de verticalitât, de gravitât, de distance tra alt e bas e tra “sorestants” e “sotans”, de sclavitût e de liberazion e de spiritualitât leade ae tiere»

Furlan in Rai. Forsit e je la pussibilitât di rivâ a fâ un (piçul) pas indenant

Dôs setemanis indaûr in Friûl si à tornât a fevelâ di furlan in Rai. La ocasion e je stade chê di doi incuintris di caratar politic e istituzionâi in cont di chê che e sarà la gnove convenzion jenfri la Presidence dal Consei dai ministris dal Stât talian e la Rai, che e tocje la ativitât de sede regjonâl par Triest e pe plui part dal Friûl.

Al è saltât fûr che si proviôt di incressi il numar di oris di radiofonie in lenghe furlane – che pal moment a son novante, une vore pocjis – e soredut chel des trasmissions televisivis par furlan, che par cumò di fat no esistin. Par chel si impegnaran plui risorsis di chês dopradis fin cumò (che a son 200mil euros ad an): al è cui chel al à dit che a saran sù per jù 800mil.
Cualchi sorestant al à fat declarazions altitonantis, che a son stadis cjapadis sù de plui part dai media cence masse atenzion e cence nissun aprofondiment.

Ator pe rêt si son lets ancje i coments di uns pôcs di lôr, tra disincjant (“si fevele di furlan in Rai di passe vincj agns, la legjislazion di tutele no je stade ancjemò metude in vore e ancje in cheste ocasion al è pericul che a sedin dome cjacaris…”) e sperance rassegnade (“alc al è alc, nuie al è nuie”…). Si puedin capî dutis chestis posizions, ancje se in realtât l’ategjament al varès di jessi un altri: ni depression e nancje esaltazion.

Lu sclarìs ben l’articul di Marco Stolfo che al è jessût ai 4 di Mai sul Messaggero Veneto, là che in particolâr a vegnin fatis indenant propuestis e osservazions.
Magari cussì no, par vie di un erôr di composizion tipografiche, chel articul al è saltât fûr cu la firme di un innomenât pitôr e cuntun titul che al fevelave di art e di pandemie.
Al è probabil che par chel tancj di lôr, che magari lu varessin let vulintîr, probabilmentri no son incauarts nancje de sô publicazion. Cussì, in cunvigne cul autôr, o tornìn a publicâlu culì.

  monoscopiorai

Un piccolo passo in avanti, forse. La questione della (mancata) garanzia della presenza di trasmissioni informative e di intrattenimento in lingua friulana nella programmazione radiotelevisiva regionale della Rai sembra essere vicina ad una soluzione, sebbene assai parziale e limitata. È quanto emerge dall’esito di due incontri in videoconferenza che si sono tenuti il 24 e il 27 aprile.

Al primo hanno preso parte due esponenti del M5S (il deputato Luca Sut e il consigliere regionale Mauro Capozzella), il presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana e sindaco di Valvasone Arzene, Markus Maurmair, e il direttore delle Relazioni istituzionali Rai, Stefano Luppi. Al secondo, convocato d’urgenza dal Corecom del Friuli-VG alla luce dell’imminente scadenza dell’attuale convenzione tra il Dipartimento Informazione Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Rai riguardante la sede regionale della concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, l’assessore regionale per le lingue minoritarie, Pierpaolo Roberti, il direttore generale di Rai Corporate, Alberto Matassino, e il direttore delle sede regionale, Guido Corso.

In entrambi i casi si è parlato di friulano in Rai, nel quadro della nuova convenzione riguardante la sede regionale, che dovrebbe essere perfezionata prima dell’estate per avere attuazione a partire da ottobre. A quanto pare, sarà finalmente formalizzato un minimo di continuità dell’offerta televisiva in lingua friulana e ne sarà incrementata la presenza alla radio, tuttavia al momento non ci sono dati certi circa le ore di trasmissione e le risorse finanziarie destinate a tal fine. Sarà inoltre valorizzata la produzione “interna” alla sede regionale ed è prevista una commissione Governo-Regione-Rai, chiamata a approfondire e valutare concretamente i contenuti della convenzione stessa.

Con la consapevolezza che, pur nella migliore delle ipotesi, saremo ancora lontani dall’effettiva attuazione della legge statale di tutela delle minoranze linguistiche (la L. 482/1999) in questo ambito, e prendendo atto dell’efficacia dell’azione dell’Assemblea della Comunità linguistica friulana, che coerentemente con le sue finalità istituzionali ha riportato in auge un tema che riguarda i diritti dei cittadini e la qualità e l’efficacia di un fondamentale servizio pubblico, ci permettiamo di suggerire a chi di dovere di intervenire affinché la nuova convenzione sia veramente “un buon inizio”.

Ciò significa, in primo luogo, chiedere ed ottenere che con la nuova convenzione sia creata una struttura formalmente dedicata alla radio e alla tv in lingua friulana. Ad oggi quel poco di friulano presente in Rai dipende dalla struttura di programmazione in lingua italiana: tra forma e sostanza, è un po’ come se una macelleria fosse responsabile del cibo per vegetariani e vegani.

Un altro aspetto riguarda la qualità del servizio e le prospettive occupazionali con la selezione ed il riconoscimento delle professionalità specifiche di chi opera in questo campo, soprattutto se – come è giusto ed auspicabile – la nuova offerta radiotelevisiva prevede anche spazi informativi. Per tutto ciò, ovviamente, servono risorse adeguate.

L’avvio di una “vera” programmazione tv in lingua friulana, infine, può contribuire a rafforzare e valorizzare Raitre Bis, che grazie al digitale terrestre ormai copre l’intera regione e potrebbe così offrire, con continuità e varietà, un effettivo palinsesto multilingue, regionale e transfrontaliero, eventualmente sviluppato anche in collaborazione con le tv pubbliche di Austria e Slovenia.

Di Onde Furlane ai schermis piçui e grancj. Il percors tra Ream Unît e Friûl dal regjist Massimo Garlatti-Costa

Di “Slapagnot” a professionist dal audiovisîf; de radio al piçul e al grant schermi; dal Friûl al Ream Unît e po di gnûf in Patrie, passant par Milan. Al è il percors personâl, formatîf, artistic e professionâl fat fin cumò di Massimo Garlatti-Costa, senegjatôr, regjist e produtôr che di almancul doi decenis al è un dai nons di ponte de produzion audiovisive “made in Friûl”.
Cualchidun si vise ancjemò di cuant che inte suaze des inizitivis inmaneadis di Lidrîs e Butui pe Fieste de Patrie a Turin tal 2003, e jere stade fate la proiezion li dal Cinema Massimo dal so mockumentary Buris.

Tai ultins agns al à lavorât une vore sei tant che autôr e regjist che tant che produtôr, par esempli cu la serie televisive par furlan Suns Ator, cui documentaris Missus. L’ultima battaglia e Predis. La nazion dineade o inte edizion par furlan di cartons animâts forescj (di Omenuts a Tui e Tuie). Diviers dai siei lavôrs si cjatin ancje su internet, dai documentaris Fronte del Rock e Quando la terra chiama, disponibii su AdessoCinema, ai videos curts fats par Glesie Furlane: Udin – Coronavirus Lockdown, la istantanie in blanc e neri che e presente la poeticitât dramatiche de capitâl dal Friûl vueide e cidine des setemanis stadis, e Cetantis stelis, imni di umanitât e di sperance difondût in ocasion de Pasche.
O vin fat une tabaiade cun lui in cont de sô formazion e de sô ativitât.

Cemût si rivial a scrivi e a fâ video e cine, partint de radio e dai studis politics e sociâls?
«Al è stât naturâl. O ai scomençât a Onde Furlane passe trente agns indaûr cul grup dai “Slapagnots”. O jerin in cuatri – jo, Fabio Venuti, Roberto Copetti e Massimiliano Lancerotto – e o fasevin trasmissions cuntun tai ironic e satiric tant che “Sghiribicilu”. Cun chê stesse ande, che si ispirave ae comicitât dai Monty Python, o sin rivâts al video e duncje ae realizazion di “TeleFrico”.
Chê radiofoniche e je stade une esperience stimolante no dome par cetant che al inten a creativitât e comunicazion ma ancje cun riferiment al contest: l’ûs “normâl” de lenghe furlane, la atenzion viers dal pluralisim culturâl, de tutele des minorancis e dai dirits linguistics, une vision moderne e europeane di chestis cuistions. A son temis che o ai cjatât fûr e aprofondît ae universitât, a Siencis Politichis a Triest, intant dal Erasmus a Viene, cu la tesi di lauree su la minorance cravuate dal Burgenland e cognossint ancje altris realtâts di Europe».

A son stâts altris doi passaçs impuartantons: la scuele Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi e lis esperiencis in Ingletiere e Gales. Ise vere?
«Sì, e je propit cussì. Dopo de lauree, frecuentâ chel cors e cognossi Olmi al è stât determinant. O ai imparât tantis robis e soredut o ai capît che o podevi fâ chest lavôr. Olmi di une bande al à mostrât preseament viers ce che o jeri daûr a fâ in chê volte e di chê altre mi à incoragjât in maniere implicite cul so esempli, che al mostre che si pues fâ un cine “vêr”, “uman” e “universâl” partint di une realtât specifiche, ancje se periferiche e margjinâl. Il pas seguitîf al è stât chel di cjapâ sù competencis tecnichis e soredut un metodi di lavôr: al è ce che o ai fat prime studiant a Sheffield par un Master in regjie e senegjature, e dopo lavorant a Cardiff, di freelance cu la BBC, e po ancjemò a Londre, ancje cu la Virgin».

Cuale ise stade la lezion plui impuartante de esperience britaniche?
«O ai imparât tantis robis, ma soredut che il prodot audiovisîf nol è “art” in tiermins astrats, ma al è il risultât di un procès struturât, cu la definizion di obietîfs, risorsis, mieçs, realizazion e distribuzion».

E in chel periodi il Friûl jerial lontan?
«O disarès di no. A Sheffield o ai presentât e fat ancje lavôrs par furlan. Cun di plui il Gales al à un rapuart cu la Ingletiere che al è sù par jù compagn di chel jenfri Friûl e Italie».

Cemût isal stât tornâ in Italie? E tornâ in Friûl?
«Dopo dîs agns di studi e di lavôr, mi soi cjatât a lavorâ di freelance a Milan intal cjamp de publicitât, che in tiermins tecnics e je “la art sublime”: une sintesi tra narazion e vision di fâ dentri di pôcs seconts. Par fâ l’autôr nol è avonde jessi autôr, al è miôr ocupâsi in maniere direte ancje de produzion. Cussì e je nassude Raja Films e o soi tornât in Friûl, di dulà che dispès mi môf par lavorâ ancje inaltrò e di dulà che ce che o produsìn al rive tes plateformis in rêt, par television, intai festivals e intes salis ator pal mont».

Publicitât, videos musicâi, documentaris, versions in furlan di seriis di animazion par fruts e finzion cuntune buine dose di comicitât, tant che intal câs di Buris. Ce tenial dongje prodots cussì diferents?
«E je une coerence di fonts, intal metodi e intai contignûts, leade ae mê personalitât, aes mês esperiencis, ai miei guscj e aes mês aspirazions. O cîr di meti in pratiche chel che o ai imparât e chel che o vuei fâ: meti dongje imagjins, sunôrs e peraulis par contâ storiis che a son intal stes timp particolârs e universâls; documentâ in maniere plui autentiche aspiets impuartants de storie dal Friûl e dal mont; promovi cu la pratiche la lenghe furlane; stiçâ intai spetatôrs curiositât e cussience. Cu la voie di imparâ e di capî e cence pierdi la voie di jessi ironics, là che al covente, daûr dai esemplis dai Monty Python e di Aki Kaurismaki».

Note: une version plui curte e par talian di chest articul e je saltade fûr domenie ai 3 di Mai sul Messaggero Veneto e si pues leile ancje in rêt.

La lenghe furlane ai timps dal Covid-19: si le cjate in in rêt ma dulà ise intal spazi public? La riflession di Fabian Ros

Pôcs dîs indaûr o vin publicât un articul che al da cont dai mieçs e dai prodots di informazion, comunicazion, formazion e intratigniment in lenghe furlane, che si cjatin in rêt e che si pues leiju, scoltâju, cjalâju, in particolâr vie par chestis setemanis che par fâi cuintri al infet dal Covid-19 o vin di stâ cjase.

Se si cjalisi ator, in particolâr in Friûl là che cheste presince e varès di jessi garantide e che, magari cussì no, no je chê che al sarès just che e fos, si à la impression che za di cualchi timp la presince publiche de lenghe furlane e sedi daûr a lâ al mancul.

Al ven il dubit che tal spazi public, massime cumò e in cheste situazion, chel de lenghe furlane al sedi un câs par “Chi l’ha visto?”. Lu scrîf a clâr, par esempli, Fabian Ros, operadôr culturâl, impegnât inte promozion de lenghe furlane in particolâr intal cjamp dal cine, intes riis che o podês lei chi da pît.

«In cheste crisi sanitarie (e no dome sanitarie ma ancje politiche e economiche) si note une totâl assence istituzionâl di intervents informatîfs, esplicatîf, educatîf e normatîf rispiet al ce fâ, al cuant e al cemût, fats, scrits e mandâts ator pe comunitât furlane inte lôr (nestre) lenghe.

Chest vueit linguistic al da la misure dal abandon li che lis “nestris” istituzions, istituzions di ogni ordin e grât, a lassin i furlans. Naturalmentri ognidune di chestis a tirarà fûr che “nol jere il moment” e che “nol jere di sô competence” e vie discorint. Come simpri.

Duncje la riflession e ven fûr spontanie: A ce coventino leçs di tutele, normis di aplicazion, plans speciâi di politiche linguistiche se dopo dute cheste biele robe e je tratade tant che cjarte buine par impiâ il fûc?

Tant par dî une: jerial dificil, complicât, costôs di preparâ, stampâ cartei cun disposizions, informazions e normis sanitariis par furlan, e di dâlis fûr in ducj i lûcs sensibii? O di doprâ in maniere studiade i “social”, internet e altris formis di comunicazion in chest sens? ».

ARLeF, Radio Onde Furlane, Patrie dal Friûl e ancjemò altris risorsis che si cjatin in rêt. La lenghe furlane ai timps dal Covid-19

Par fâi cuintri al infet dal Covid-19 o vin di stâ cjase. Lis limitazions ae mobilitât a son dificilis di rezi ma si scuen fâlu pal ben di ducj e a puedin judâ a sopuartâ cheste situazion grivie e penze ancje i mieçs e i prodots di informazion, comunicazion, formazion e intratigniment in lenghe furlane.

In graciis de rêt, dapardut e duncje ancje a Turin e in Piemont, si pues scoltâ, lei e cjalâ alc di bon e di interessant par furlan. Un esempli fuart e clâr al è chel di Radio Onde Furlane, che za di tant timp si pues scoltâle in internet, in streaming, su Facebook e fintremai cui telefonuts ancje doprant une app specifiche. Cun di plui i siei programs a vegnin archiviâts in rêt e par chel si puedin cjatâ su Spreaker e Spotify.

In chest moment particolâr Radio Onde Furlane e va dilunc cul so servizi e cu la sô programazion, che però e ven puartade indenant in studi dome di pôcs di lôr. Tancj colaboradôrs e tancj ospits, impen di jessi presint intai studis de emitente, a intervegnin vie telefon o cun altris colegaments esternis. Cualchi trasmission – par esempli Gerovinyl 55/80 – e à cjapât sùù une gnove fisionomie “di emergjence”, di cualchi altre invezit – un câs al è chel di Babêl Europe – a vegnin tornadis a proponi vecjis pontadis gjavadis fûr dal archivi de radio.

Une altre presince impuartante de lenghe furlane su internet e je chê da La Patrie dal Friûl. Tal sît di chel che tacant dal principi dal 2020 si presente ancje cul sproc “il gjornâl dai furlans che no si rindin” si cjatin ducj i articui des anadis plui resintis e a son archiviadis lis jessudis di diviersis rubrichis specifichis. Cun di plui la Patrie e à une pagjine Facebook siore di contignûts e cun passe 25mil di lôr che i stan daûr. Juste in chest moment che ducj o scugnìn stâ cjase, la Patrie e à inviât une gnove iniziative: une selezion di articui dal mensîl e ven proponude ancje in version audio cu la lôr leture de bande dai colaboradôrs dal gjornâl.

Par ce che al tocje l’associazionisim, lis risorsis in rêt, la produzion culturâl in Friûl e almancul in part ancje in lenghe furlane, a meretin segnalâts ancje il gnûf puartâl Riviste Friulane, inmaneât de bande de Societât Filologjiche Furlane. Une altre gnove interessante, cun riferiment aes istituzions e al cjamp de ricercje e de formazion, e je chê de scree, juste cualchi setemane indaûr, di UniUd par Furlan, la pagjine Facebook in lenghe furlane de Universitât dal Friûl. Ponts di riferiment sigûrs inte navigazion in rêt par furlan, di une bande cun riferiment ae narative contemporanie e di chê altre par ce che al tocje la lenghe e i servizis linguistics, a son i sîts de ostarie leterarie Contecurte e des cooperativis CLAAP e SerLing, intant che al merete simpri dâ un cuc aes produzions par furlan de cjase editore KappaVu.

Une vore siore – e guai se no fos – e je la ufierte in rêt de ARLeF, la Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, jenfri sît istituzionâl e social media. Cun di plui, juste intal moment che si à tacât a scugnî stâ cjase par sghindâ l’infet dal Covid-19, l’organisim di politiche linguistiche pal furlan de Regjon Friûl-VJ al à inviât dôs gnovis iniziativis cun chê di ufrî moments di divertiment e di straviament a plui piçui, imprescj par cognossi e imparâ ancje pai adults e ocasions par rinfuartî la cussience de impuartance de lenghe furlane tant che patrimoni, dirit e oportunitât par ducj.

La prime e je la metude a disposizion, inte sezion Fruts dal sît www.arlef.it e sul so canâl YouTube dedicât, di un centenâr di cartons animâts par furlan, tacant de gnove serie Rite & Cjossul, vincjesîs episodis che a contin lis zornadis di Rite, une frute di cinc agns, e dal so cjan Cjossul, pegri e cuiet, che al è bon di fevelâ. Il carton animât al è une produzion gjaponese, gjavade fûr dai libris ilustrâts “Rita et Machin”, publicâts par francês di Gallimard Jeunesse.
La serie si zonte a chês altris za a disposizion: Omenuts, la version furlane dai Little People de Fisher-Price; Tui e Tuie, che e conte di doi gjatuts simpatics, fradi e sûr, che midiant di une scjate magjiche e di une imagjinazion ferbinte a vegnin traspuartâts lontan di cjase e a vivin aventuris plenis di sorpresis e di scuviertis, e La Pimpa, la simpatiche cjiçute blancje a balins ros, nassude dal lapis di Altan.

La seconde e je Dut par furlan, un cors di base indreçât sei a chei che a fevelin furlan, ma no lu san scrivi, sei a chei che lu capissin, ma no lu fevelin. Ideât di Adriano Ceschia, il cors al è fat di vincj lezions, ognidune spartide in trê sezions tematichis: la sezion Ortografie e Gramatiche e analize lis regulis de gramatiche e de ortografie de lenghe, insegnant a scrivi in maniere corete daûr des regulis de grafie uficiâl; la sezion Bocons di Narative e propon leturis di autôrs furlans impuartants (cun traduzion par talian in bande), ancje midiant di esercitazions pratichis e cul sugjeriment di peraulis e espressions che l’ûs dal talian al à puartât a dismenteâ; infin, la sezion Scaiis di Poesie dal 1945 incà e met dongje, pal plasê de leture e no dome par imparâ la lenghe, cetantis poesiis di poetis innomenâts dal nestri teritori (ancje chestis cu traduzion par talian in bande).