Emigrazion, internazionalizazion, dirits e… persut. Il ‘logos’ che al devente ‘logo’

In continuitât cui doi articui fats tai dîs passâts, dedicâts a emigrazion furlane, associazionisim e istituzions, o tornìn ancjemò su la Convention inmaneade sabide stade a Voleson de bande dal Ente Friuli nel Mondo, parcè che nus permet di fâ ancjemò cualchi resonament su chescj argoments.

Prin di dut nus plâs marcâ i intervents che a àn fat tancj di lôr te ultime part di chel incuintri. E je stade une manifestazion de volontât dai furlans pal mont di jessi sogjets protagoniscj ‘atîfs’ des iniziativis presentadis vie pe taule taronde e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’ passîfs e subordenâts.

Magari cussì no, vie pe discussion, par sigûr interessante e siore di contignûts, si à vude la impression che tes ideis che a jerin daûr a saltâ fûr la funzion dai furlans tal forest e des lôr associazions e fos dome chê.
Cun di fat, cu la ecezion de professore Monica Stellin, i relatôrs a jerin ducj esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl dal Friûl in Friûl e al someave cuasit che chê innomenade espression dal «nono che al conte» e dal «nevôt che al scolte» si vês stramudade in «se la ecelence furlane no conte e i furlans pal mont no scoltin»… Par fortune – e chest al è un altri element positîf de Convention – nissun al à vût une ande catedratiche e anzit plui di cualchidun – par esempli Alessandro Liani de Video Systems – al à palesât une buine dose di snait e di sensibilitât.

Cun di plui, i intervents de ultime part a son stâts impuartants parcè che plui di cualchidun di lôr al à ricuardât che tra i furlans pal mont a son ancje chei che a son a stâ ator pal Stât talian (che a son ‘tal forest’, tant a dî ‘fûr dal Friûl’, ma no «all’estero»). Magari cussì no, masse dispès si dismenteisi di lôr (e di nô…), cundut che – cu la ecezion di chei elements distintîfs une vore impuartants (che no si pues par sigûr dismenteâju) leâts, tal passât ma almancul in part ancjemò in dì di vuê, aes cuistions burocratichis e anagrafichis (passepuart, permès di lavôr, citadinance…) e aes distancis – lis dificoltâts, lis dibisugnis e lis potenzialitâts a son sù par jù compagnis, cemût che al è saltât fûr a clâr.

Un altri element positîf al è che nissun al à fevelât di «piccola patria». Cundut achel, vie pe discussion, che e jere une vore indreçade viers de internazionalizazion turistiche e comerciâl dal Friûl e de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest, in plui di cualchi passaç si à fat un tic di confusion tra italianitât e furlanetât e tra «Made in Italy» e «Made in Friuli». In cheste maniere, ancje se sot vie, al è saltât fûr a clâr, par cui che al vûl capîlu, che al esist un probleme che nol tocje dome la dimension identitarie – oviementri su la fonde di une vision libare, dinamiche, plurâl e no jerarchiche des apartignincis e daûr di une vision positive di Friûl e di furlan – ma ancje chê economiche. Lu à marcât in particolâr la responsabile pal marketing dal Consorzi dal Persut di S. Denêl, Daniela Celledoni, che e à scugnût ameti la dificoltât che al cjate ancjemò in dì di vuê chel innomenât prodot tal fâsi cognossi e ricognossi tant che furlan, ven a dî tant che prodot che al rive di un puest che si clame Friûl, che in tancj di lôr, fintremai tal Stât talian no san ni ce che al è ni indulà che si cjate.

Al è di sest pensâ che cheste dificoltât no esistarès se te promozion des tipicitâts furlanis no si vès pôre – cemût che al sucêt daûr di une lungje tradizion che si pues definîle di orientament minimalist e fintremai negazionist – di fevelâ a clâr di Friûl e di doprâ, di plui e in maniere complete e normâl, chel che al è l’element plui tipic, ancje se no esclusîf, dal Friûl: la lenghe furlane. E chest al vâl pal marketing e pe economie (là che la lenghe proprie – il «logos» – e deventarès une marcje di cualitât e di ricognossibilitât: un «logo»), compagn che pe presince de lenghe furlane (e di chês altris lenghis dal Friûl) te societât dal Friûl di vuê, là che a esistin ancjemò prejudizis e ostruzionisims, cundut che il mont al è cambiât za di tancj agns e ancje par chel a esist une normative specifiche pe tutele des minorancis e pe promozion dai dirits linguistics.
Duncje, meti in vore chê normative, disvilupâ une politiche linguistiche di sest e doprâ la lenghe furlane in maniere normâl e in ducj i contescj nol sarès dome alc che al è ben e al conven, pai dirits linguistics di cui che al vîf in Friûl e pe promozion di dut ce che al tipic furlan, ma ancje par vê relazions plui fuartis e plui dinamichis tra il Friûl in Friûl e il Friûl pal Mont e dentri dal Friûl pal Mont, daûr di une logjiche di rêt.

E dongje de lenghe furlane, adun cu lis lenghis dai furlans pal Mont (a tacâ dal inglês, dal spagnûl, dal francês e dal portughês…), sei Friûl che pal Mont al covente promovi la produzion culturâl e artistiche contemporanie furlane e par furlan (musiche, audiovisîf, comunicazion…: di Doro Gjat a Musiche Furlane Fuarte, di INT/ART a Farcadice o aes voris di Massimo Garlatti Costa e Marco D’Agostini). A pro, in particolâr, dai zovins di divignince furlane che a son pal mont (che in efiets a’nd jerin pôcs a Voleson).

La dibisugne di cognossince e di partecipazion e je, la ufierte ancje, lis motivazions (ancje economichis) no mancjin dal sigûr. E covente une strategjje e une azion concrete, che e meti dongje ducj chescj elements e che e dedi fuarce a chei sogjets che di tancj agns za a lavorin in chest cjamp.

Al è alc di zovevul pal Friûl che al è pal Mont e pal Friûl che al è in Friûl.

 

 

 

(Fotos Petrussi/EFNM)

Advertisements

Emigrazion furlane, associazionisim e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (2)

 

Chê tendince contraditorie che si cjate tes azions istituzionâls dedicadis ae emigrazion de regjon Friûl-VJ, si palese compagn o salacor ancjemò di plui (massime se si calcole chê e che e varès di jessi la la lôr specificitât)  tes iniziativis des associazions che a varessin di rapresentâ i emigrants e i lôr dissendents e (par esempli chês furlanis) il colegament tra il Friûl che al è in Friûl e il Friûl che al è pal Mont.

Ancje in chescj câs si incrosin sens di comunitât e di solidarietât, volontât di relazion e di condivision e retoriche sglonfe di lûcs comuns, di nostalgjiis e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Dut chest al à tornât a mostrâsi, in particolâr, juste pôcs dîs indaûr, intant des iniziativis fatis sabide ai 29 e domenie ai 30 di Lui de bande di Ente Friuli nel Mondo e EFASCE.

Te cunvigne di S. Vît, metude adun dal Ent di Pordenon, che forsit al à finalmentri discuviert di clamâsi Ente Friulano Assistenza Sociale e Culturale Emigranti, si à fevelât di emigrazion «dai bastimenti ai voli low cost». Se di une bande al è stât metût in discussion, cun sintiment, il mît de cussì clamade «fuga dei cervelli», cu riferiment ae emigrazion gnove, di chê altre si viôt ancjemò une dificoltât fuarte tal ricognossi ad in plen lis specificitâts dal Friûl e de sô emigrazion.

Te Convention inmaneade tal Cjistiel di Voleson di Friuli nel Mondo si à discorût di «tipicamente friulani nel mondo» e si à pontât la atenzion in particolâr su la funzion che a àn (e che a puedin vê ancjemò di plui) i furlans pal Mont a pro de internazionalizazion comerciâl e imprenditoriâl dal Friûl, cuntune schirie di intervents di esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl di chenti. A son stadis presentadis esperiencis e ideis, ancje interessantis, e si à palesade la volontât dai furlans pal mont (che a son ancje chei ator pal Stât talian, ancje se masse dispès a vegnin dismenteâts) di jessi sogjets protagoniscj di chestis azions e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’.

Ancje in chest câs – cu la ecezion positive dal intervent di salût dal sindic di Voleson e Darzin, Markus Maurmair – si à palesade la presince acessorie e residuâl de lenghe furlane e di chês altris lenghis dai furlans pal mont. E je in chel istès une cuistion di identitât, di relazion e di marketing (ma o tornarìn ancjemò sul argoment).

Cun di plui tes azions di promozion culturâl tra il Friûl in Friûl e il Friûl che al è pal Mont e mancje ancjemò une azion cussiente di promozion di chê produzion culturâl furlane contemporanie che e podarès interessaûr a tancj di lôr, a tacâ dai plui zovins. Mancul mâl che par tancj di lôr e esist la pussibilitât di scoltâ Radio Onde Furlane in streaming o cu la aplicazion di pueste par tablets e smartphones di ogni sorte, di lei ancje in rêt La Patrie dal Friûl, di consultâ il sît web de ARLeF e di incrosâ sui social media almancul alc di ce che si môf in Friûl.

De bande des istituzions e des associazions al è ancjemò cetant ce fâ in cheste direzion. Nus somee che e mancji ancjemò une vere strategjie.
Al è un pecjât: no dome Friûl che al è pal Mont, ma ancje par chel che al è in Friûl.

Par intant contentinsi di chês novitâts positivis che a son saltadis fûr tai ultins dîs: nissun al à fevelât di «piccola patria» e te organizazion de zornade di domenie e je stade une colaborazion tra Friuli nel Mondo e EFASCE. Alc al è alc.

Emigrazion furlane, associazions e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (1)

Al somee che il Friûl che al è in Friûl si visi dal Friûl che al è pal Mont dome une volte ad an, vie pal Istât, cuant che a son i events dedicâts ai emigrants e ae emigrazion, che a vegnin inmaneâts des associazions e des istituzions. Al è sucedût ancje chest an, in particolâr tai ultins dîs, cuant che la Regjon e à metût adun la prime Giornata dei corregionali all’estero‘, Ente Friuli nel Mondo al à inmaneât la sô convention e il so incuintri anuâl e al à fat compagn ancje l’EFASCE, che al à spartît propit cun Friuli nel Mondo la organizazion de fieste di îr a Voleson e a S. Vît dal Tiliment.

Chescj apontaments a son une vore interessants no dome par vie che a son ocasions par tornâ a cjatâsi cun tantis personis che si cognossin e che a son pal mont, ma ancje parcè che a son il spieli de situazion de realtât de emigrazion furlane (chê vecje e chê gnove) e di chê, par sigûr plene di contradizions, des relazions tra i furlans in Friûl e chei emigrâts e i lôr dissendents, de lôr gjestion e de lôr promozion, là che si ricognossin tantis musis diviersis che a van dal sens di comunitât e di solidarietât tra il Friûl che al è in Friûl e chel che al è pal Mont ae retoriche sglonfe di rivocs nostalgjics dal passât e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Chei aspiets si vevin palesâts za vinars ai 28 di Lui, intant de Giornata dei corregionali all’estero, inmaneade te Vile Manin di Passarian de bande dal Consei regjonâl. Vie pe ‘Giornata’ e je stade marcade di tancj di lôr la impuartance dai furlans, dai slovens e dai ‘giuliani’ pal mont «tal promovi la internazionalizazion de Regjon», cu la consegne di un ricognossiment a diviers coregjonâi emigrâts, cuntun aprofondiment dedicât ae situazion une vore complicade dal Venezuela, là che a son tancj furlans, e cul rilanç di une strategjie di di disvilup di relazions in rêt.

Dongje di ricognossi la funzion dai coregjonâi pal mont tant che «ambassadôrs» o pensìn che si varès di mostrâur in maniere plui fuarte la ricognossince de comunitât regjonâl. Cundut achel, chei fats a Passarian a son resonaments interessants, ancje se no si pues fâ di mancul di vualmâ che la rêt – se e esist – no je policentriche, ma e à un grop une vorone plui grues che al è logât masse tra Triest (soredut) e (unevore di mancul) Udin, Cividât e Pordenon. Duncje al è un rapuart che al è masse condizionât de dinamiche centri-periferie, cuant che a coventaressin plui rêt e plui Mont.

Chel rapuart al è ancje segnât a fuart de mancjance des lenghis ‘altris’ de regjon Friûl-VJ – in particolâr chê furlane e chê slovene, lenghis di divignince de plui part de emigrazion regjonâl – e di chês plui dopradis tal mont dai coregjonâi pal mont e chest al salte fûr a clâr tai sîts web istituzionâi dedicâts, che a son dome par talian, magari a son ancje fers e intun câs a son dome bilengâi (par talian e par inglês e vonde).

Par no fevelâ di chê enfasi esagjerade e monotone tal cualificâ dut cu la etichete FVG, che par sigûr no rive a vê ni fuarce identitarie, ni fuarce evocative (a pro di une ricognossibilitât, sei in tiermins gjeografics e culturâi che par ce che al tocje i cantins de promozion in tiermin economic, turistic e comerciâl) e anzit e je pôc rispietose de pluralitât linguistiche, culturâl e teritoriâl de regjon, de sô int e de sô int che e je pal mont.

Al somee pardabon che – zaromai di un pôcs di agns e cence soluzion di continuitât tra une maiorance politiche e chê altre – la aministrazion regjonâl e vedi pôre (o fintremai fastidi?) de identitât plurâl e dinamiche des sôs comunitâts, residentis tal so teritori e inaltrò.

Musiche e vin, a Barolo un zimulament tra Piemont e Friûl

carnicats1

Une setemane indaûr a Barolo al è stât il festival Collisioni. E je stade une manifestazion siore, sei pe musiche che par chei altris events culturâi che si à vûts lenti là dai 18 ai 21 di Lui.

Dentri dal program, cemût che al sucêt un pôc in ducj i festival di cheste fate e di chestis dimensions, a jerin un grum di protagoniscj dispès di innomine planetarie. Par esempli, par ce che al tocje la musiche, a jerin a i vecjos Deep Purple, il soremestri Neil Young e Suzanne Vega. Cun di plui, tes diviersis sezions dal event e jere une presince impuartante di artiscj e autôrs furlans o che a àn a ce fâ cul Friûl. Tra chescj o vin il plasê di ricuardâ in particolâr i Carnicats.

A Barolo, cemût che si lei achì, al è stât metût adun ancje un zimulament tra lis regjons Piemont e Friûl-VJ. La idee nus somee interessante, stant che e ten dongje enogastronomie, a tacâ dai vins blancs furlans e di chei neris piemontês, culture, teritori e turisim.

Sperìn che di cheste colaborazion al salti fûr alc di bon, che al sedi pardabon leât aes specificitâts des dôs regjons – che al tocji lis lenghis, i specifics ambits teritoriâi e la produzion culturâl plui inovative che e salte fûr di Piemont, Friûl e Triest – e che no vedi dome tant che risultât cualchi baracon model “merga evento”, che al è compagn par Turin e Udin o par Barolo e Cormons e che in realtât al reste un ufo o un prodot mcdonald in dutis chestis realtâts.

Sperìn ancje che tal meti dongje cheste colaborazion si tegni cont ancje de emigrazion furlane in Piemont, de presince in Piemont di tancj di lôr che a son divignince furlane, che chest zimulament lu vivin ducj i dîs e di simpri, a nivel individuâl e a nivel di famee, e che, lontan dai lûcs comuns e des mistificazions, a puedin dâ un contribût di ideis, di esperiencis, di relazions e di cognossince par iniziativis di cheste fate.

Cungjò, president

adrianodegano

Domenie stade al è muart Adriano Degano, par sigûr une des personalitâts plui impuartantis de emigrazion furlane e soredut dal associazionisim de emigrazion, almancul dai agns Sessante incà.

Nassût a Paulêt tal 1920, par tancj agns al veve lavorât al Inps, prime a Udin e po, a tacâ dal 1961, a Rome.
Propit te capitâl dal stât talian al à esprimût ad in plen la sô grande personalitât tal mont dal associazionisim de emigrazion, che di chel al è stât un protagonist, in tiermins operatîfs e istituzionâi, fintremai ae sô muart.

Dispès si fevele dai furlans pal mont clamantju ambassadôrs dal Friûl. Par sigûr cheste definizion e jere juste par lui, pe sô grande capacitât di vê e di tignî relazions, ancje ai nivei istituzionâi plui alts.
In chest sens, Adriano Degano, par tancj agns president dal Fogolâr Furlan di Rome, al è stât un ambassadôr dal Friûl, di chel ‘in Friûl’ e di chel che al è ‘pal Mont’.
In particolâr al è stât l’ambassadôr dal Friûl di ca e di là dal Tevere.

O vin vût ocasion di cognossilu e di preseâ il so caratar, la sô culture e il so amôr pal Friûl.
Par chest, cun stime e cun rispiet pe sô persone, in chest moment ancje nô de associazion Lidrîs e Butui si sintìn dongje de sô famee, dai siei amîs e dal Fogolâr Furlan di Rome.

‘Friuli nel Mondo’: “2.0” o zero e vonde?

immagine_programma

Ai 20 di Lui stâts al colave il 60esim inovâl de costituzion dal Ente Friuli nel Mondo (EFnM).

La ricorince e je stade memoreade tai dîs passâts a Udin.

La sielte dal puest no je casuâl: no dome par vie che la citât di Udin e je calcolade tant che la “Capitâl dal Friûl” – e avonde dispès si sint tâl – e duncje, cemût che al à vût scrit ancje il sindic Honsell, «Capitâl dal Friûl che al è in Friûl e dal Friûl che al è pal Mont», ma ancje parcè che propit a Udin, tal Salon dal Parlament dal Cjistiel, l’EFnM al è stât fondât in chê dì dal 1953.
No je casuâl nancje la date, stant che ogni an, ai prins di Avost, in chel che pai emigrants al è il timp des feriis e de tornade in Friûl, l’innomenât ent al inmanee un pâr di dîs di fieste intun puest a rotazion tra lis trê provincis furlanis.

Colonia_-Caroya

No si pues dineâlu: chel dai sessante agns al è un inovâl impuartant che al merete memoreât no dome cun enfasi ma ancje cun profonditât. La prime e je stade, cui events inmaneâts tra vinars ai 2 e domenie ai 4 e soredut cu la casse di risonance ufierte dai media locâi. La seconde no, o avonde pôc, almancul daûr di ce che si à viodût, che si à scoltât e che si à let ator.
No si pratindeve che chel inovâl al deventàs daurman une ocasion di riflession e di studi in cont de storie di EFnM, stant che la materie e je penze e che chest al è alc che si pues fâlu ancje plui indenant e cun plui calme. Però si si spietavisi almancul l’inviament di un resonament in cont de ativitât plui resinte di chê associazion e des sôs prospetivis e – plui in gjenerâl – in cont des politichis cui/pai furlans pal mont, i emigrants, i lôr dissendents, la gnove emigrazion – chê che e je e chê che e je daûr a cressi – e l’associazionisim.

Impen, la cussì clamade “Convention” (sic!) dai “Furlans tal (sic!) Mont”, che si à davuelte sabide ai 3 in Cjistiel, no je stade tant divierse di chês fatis cun chel stes titul tai agns passâts. In cheste suaze, cun chê di cirîju cuntune cierte dedizion, si puedin vualmâ un pâr di elements positîfs (alc al è alc, al disarà culchidun).

ico_60_anni

Il prin al è stât chel che tal program dai lavôrs a àn vût plui spazi i furlans che a son pal Mont e i lôr intervents, intant che chei che a son in Friûl, soredut cierts sorestants, a àn vût di scoltâ, o almancul di provâ a fâlu, plui che di fevelâ dome lôr.
Il secont al tocje la disparizion – forsit in graciis dai cambiaments politics che a son stâts a nivel regjonâl – dal mantra tipic di chestis cunvignis, almancul tai ultin agns, ven a dî chel de contraposizion tra la “valîs digjitâl” dai gnûf emigrants e la “valîs di carton” di chei di une volte.

Al va dit che e je stade dome une disparizion testuâl, stant che nissun al à doprât chestis espressions, ma si à palesade ancje chest an la vision che e sta daûr di chês peraulis: la contraposizion antitetiche tra la gnove emigrazion, cul so alt nivel di “professionalizazion” e chê vecje, calcolade in maniere plui o mancul implicite tant che “puare” e “sfigade”.

Si permetìn di no jessi in cunvigne cun cheste vision.
Cun di fat, a son professionalitâts e professionalizazions diviersis, ma tal lôr mistîr ducj i emigrants a àn (e a àn vût) la lôr professionalitât e la lôr professionalizazion: i gnûfs “managers” ben scuelâts, compagn dai contadins, magari analfabetis, che passe un secul indaûr son lâts a fâ sù lis coloniis te Pampa argjentine o tal Rio Grande do Sul; i zovins ricercjadôrs di cumò, compagn dai muradôrs lâts pal mont cu lis lôr valîs di carton, plenis di martiei, clauts, cjace e fratàs plui che di vistîts, par lavorâ te edilizie o magari par stramudâsi in operaris, a Toronto, in Svuizare o a Turin; i tecnics e i inzegnîrs dal dì di vuê, compagn dai minadôrs te Belgjiche, dai “canecutters” in Australie, dai boscadôrs in Romanie o in Slavonie, dai operaris de Transiberiane e ancje di chei che levin vie dal Friûl ancje une volte par studiâ e par fermâsi inaltrò a vore, in cjamp sientific, tecnic o burocratic.
E daûr de sielte di “lâ pal mont”, dongje de dibisugne e des dificoltâts, a jerin ancje capacitât, cûr, sintiment. Compagn che cumò.

ico_60_anni

Chel scheme si insuaze ad in plen inte linie (esibide) di modernitât (presumude) che e je tipiche di dutis chestis “Conventions”.
E je une linie che e ten dentri lûcs comuns in cont sei dal passât che dal presint e dal avignî, a tacâ di une concezion avonde vecje di Friûl, di Mont, di Friûl pal Mont e di rapuarts tra il Friûl in Friûl e il Friûl pal Mont e di une schirie di banalitâts in cont de globalizazion, de economie e dal “2.0”.
Cussì, se di une bande no si pues che jessi in cunvigne sul ricognossiment dai furlans pal mont tant che ambassadôrs dal Friûl, di chê altre al reste di sclarî miôr “cui”, “cemût”, “parcè” e “par fâ ce”. E achì al salte fûr il limit di fonde des “Conventions”, di ce che ur sta ator e des azions associativis e istituzionâls cui/pai furlans pal Mont di tancj agns e soredut dai ultins timps. E je une vore di atenzion pal “business”, pes “storiis di sucès”, pai “managers”, pai “global players” intant che la dimension identitarie o che e ven dineade o che e ven fossilizade – e sù par jù al è compagn – dentri di nostalgjie, passât e puaretât, calcolade tant che alc di fis, di fer, di vecjo, di inutil.
Par no fevelâ des formis e dai contignûts de comunicazion e des iniziativis culturâls. E soredut de presince e dal ûs de lenghe furlane, des lenghis dal Friûl, des lenghis dal Friûl pal Mont e de informazion in cont de produzion culturâl furlane e par furlan.
La vision di Friûl, di furlan e di lenghe furlane puartade indenant dal EFnM e reste vecje e limitade e no rive a lâ plui inlà de “piccola patria” e duncje de “piccola lingua”.

Chest al salte fûr sei di diviersis cjoltis di posizion publichis de bande dal president di chê associazion cuintri dal furlan e soredut dal so ûs tant che lenghe normâl, magari cuinçade ancje de contraposizion tra il furlan «inutil» (ma alore a ce coventino lis pirulis di Blecs?) e l’inglês «fondamentâl», sei ancjemò di plui de pratiche: di trop e di cemût che al ven doprât te comunicazion dal EFnM. Ven a dî: une vore pôc – e je esemplâr la ultime Convention – e in chest sens il furlan al è in buine compagnie (pe assence e o pe presince unevore limitade), cul inglês, cul spagnûl, cul francês e cul todesc, che a son lis lenghis principâls dal Friûl pal mont – e mâl, cuntune ande “dialetante”, no dome pai contignûts ma ancje pe mancjance di cualsisedi minime atenzion pe forme scrite (Par capîsi: se, cemût che al è just, la peraule taliane «acqua» si à cure di scrivile «acqua» e no «accua» o «aqua» o «akua», parcè lis peraulis furlanis «benvignûts» e «ducj» tal gjornâl de associazion si scrivino «benvignus» e «duc»?).

TORONTO

Propit se si à voie di fâ e di jessi rêt, di creâ e di disvilupâ relazions di ogni sorte – personâls, culturâls, sociâls e economichis – e se si à chê di fâ business e di jessi 2.0, no si pues fâ di mancul di vê e di disvilupâ une identitât dinamiche, vivarose, moderne, plurâl e in chest sens furlane.Al è dome cussì che si è ambassadôrs di alc.

La lenghe e je un valôr, un dirit e une oportunitât ancje par chest. E pal mont lu àn capît ancjemò di plui che in Friûl, cemût che si lei achì, cemût che e contave une ministre canadese di divignice furlane cualchi an indaûr (un esempli di chês “ecelencis” e di chei “ambassadôrs” che di lôr si fevele tant) e cemût che e à ricuardât, propit sabide stade a Udin, une des reladoris de “Convention”, Isabella Lenarduzzi.

Lis sôs peraulis a son stadis la tierce robe interessante de “Convention”.
Sperìn che si visin di ce che e à dit. Tra lis altris cheste e je une riflession che e je stade inviade za un pôcs di agns indaûr, che propit in chest moment e merete disvilupade inte pratiche e che cualchi politic al somee v
ê almancul mostrât di capî alc.
Viodarìn se al sarà pardabon cussì.

internet

No volaressin someâ masse autoreferenziâi, ma par jessi antenis e ambassadôrs  a coventin lidrîs e butui.
E il Friûl pal Mont e tal Mont al à di jessi ancje Friûl e duncje ancje furlan. Se di no, al è p
ôc ce fâ par meti dongje une comunitât di relazions, di interès e di afârs.
No tant par che il nono al conti e il nevôt al scolti (stant che al è il pericul che il nono nol rivedi plui a contâ e il nevôt nol vedi plui voie di scoltâ…), ma soredut par che nonos, fîs, nevôts e altris parincj plui o mancul lontans a vedin alc ce contâ, ce scoltâ e ce fâ.
Ducj adun. All together. Todos juntos. Alles zusammen. Tutti insieme.