Udinese – Palermo 0-1

udin_neri

L’Udin compagn de Juve e il Palermo compagn dal Udin? Almancul cul pont di domande, la partide di nossere si pues metile a paragon cun chê di domenie stade a Turin. Se là vie la Juve parone di cjase e veve tignût di plui la bale, e veve tirât plui voltis in puarte e però ae fin l’unic gol al è stât chel dal Udin, cul Palermo la scuadre di balon furlane e à fat sù par jù compagn.

Salacor la iniziative di zûc dal Udin cuintri dai sicilians e je stade miôr di chê dai juventins: tal prin timp la formazion di Colantuono e cjape un gol cuasit a frêt, ma po e masane avonde zûc e e met adn une schirie di ocasions, in maniere mancul confusionale de Juve cuintri dal Udin. Però il risultât finâl al è identic, almancul tai numars.

L’Udin al à zuiât di plui e miôr de prime zornade. Te scree in campionât dal gnûf stadi ai blancs e neris si ur domandave alc di plui e chel lu àn fat, dal imprin ae fin de partide. Nol è stât avonde, par vie des imprecisions e soredut pal fat che il Palermo si à difindût ben e no mâl, massime un Sorrentino. Cun di plui i ospits a àn cjatât il gol dopo a pene vot minûts di zûc, judâts in cualchi maniere de pocje atenzion dai difensôrs blancs e neris sei su Vazquez, che cussì al à vût timp di prontâ il so cross inte maniere miôr, che su Rigon, che al à concludût cul cjâf cence fastidis.

Di chel moment indenant la bale le a zuiade soredut la scuadre furlane, dongje dal gol in particolâr cun Thereau in dôs ocasions ator dal minût numar 18 e po cun Zapata e cun Edenilson, che però a tirin fûr bersai.

La musiche e je compagne ancje tal secont timp, sei pe pression offensive che pe scarse precision dai tîrs di Bruno Fernandes e Zapata. Tai ultis vincj minûts l’Udin al zuie in undis cuintri dîs, par vie de espulsion di Struna, e cun tre pontis, stant che Colantuono al xonte ancje Di Natale a Thereau e Zapata, che si cjatin ancjemò dongje dal gol, cence però rivâ a fâlu.

La partide si siere cuntun risultât negatîf. Tal belanç però al è puest ancje pe continuitât dal zûc, par un ciert ordin tatic e pe costruzion di azions di gol. In negatîf une cierte proviodibilitât de manovre, cualchi disatenzion di masse e pocje fortune.

Nol jere di esaltâsi la setemane stade, nol è di demoralizâsi cumò.

Advertisements

In sardu e par furlan? Mai dire Rai

monoscopiorai

Vinars ai 31 di Lui il Senât al à fat bon il progjet di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public.

Al somee che i senatôrs e il guvier a vedin dismenteât une altre volte la esistence de Leç 482/1999, i impegns internazionâi che a divegnin de ratifiche de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate daûr de Leç 302/1997, e il fat che la tutele des minorancis linguistichis e je un principi di fonde dal ordenament talian, che al vâl compagn par dutis lis comunitâts.

Cussì, cun dut des previsions claris che in cont de cuistion si cjatin te Leç 482/1999 (articul 12) e tal DPR 345/2001 (articul 11), tal test che al è passât te aule dal palaç Madama a mancjin i riferiments ae presince de plui part des lenghis minoritariis e in particolâr de lenghe furlane e de lenghe sarde.

La cuistion, ancje se cuntun pôc di intart, e à fat avonde scjas in Friûl, stant che i sindics e une part dal mont de informazion e dal associazionisim a àn denunziât chel fat tant che alc di ilegjitim e che no si pues dâi acet in nissune maniere.

A fasin scjas e soredut a fasin vignî i sgrisui – cemût che al ven marcât ancje achì – il cidinôr dai rapresentants de Regjon autonome Friûl-VJ e lis declarazions di tancj politics di chenti, sei di chei che a prometin di «fâ il Vietnam» o che a berlin a fuart dome par fâ sintî che a esistin e par vuadagnâ il titul sui cuotidians locâi, sei di chei che a fevelin in maniere clopadice di «norma madre» e di distinzions cence fondis e cence sens tra «lingue minoritarie» e «lingue di minoranze nazionali» e che cussì a mostrin di no savê o di no capî che la tutele des minorancis e je un principi di fonde dal ordenament talian che al vâl par dutis lis minorancis in maniere compagne.

Propit chel aspiet, là che a vevin mostrât mancjance di ecuilibri in tancj di lôr e tra chescj ancje il guvier Monti cualchi an indaûr, al è stât ricuardât ancje de bande de Cort Costituzionâl, par esempli inte Sentence numar 215, depositade ai 18 di Lui dal 2013, là che si lei che:

«(…) D’altronde, va rilevato che la sollevata questione si colloca in un contesto in cui il riparto delle competenze fra Stato e Regioni si attua attraverso la coesistenza di normative di principio in materia di minoranze linguistiche, che, nella specie, sono dettate dalla norma di tutela di cui all’art. 3 dello statuto di autonomia, nonché dall’art. 2 della legge 15 dicembre 1999, n. 482 (Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche), secondo cui, «In attuazione dell’articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princìpi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l’occitano e il sardo.
La norma impugnata attribuisce alla definizione di «aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche» (di cui all’art. 19, comma 5, del decreto-legge n. 98 del 2011) una portata indiscutibilmente limitativa rispetto a quella originaria contenuta nella norma modificata. Infatti, nel conferire a tale previsione il significato di aree «nelle quali siano presenti minoranze di lingua madre straniera», il legislatore statale determina una rilevante contrazione dell’àmbito applicativo della precedente disposizione (esteso, prima del censurato intervento normativo, alle tre minoranze linguistiche storiche friulana, tedesca e slovena presenti nel territorio della Regione Friuli-Venezia Giulia), che comporta l’impossibilità di ricorrere a tale criterio rispetto ad aree nelle quali la specificità linguistica non è straniera; la qual cosa determina una non giustificata discriminazione della lingua e della comunità friulana e, quindi, un contrasto con il parametro statutario richiamato».

Tal 2009, in ocasion dai prins dîs agns de sô aprovazion, al jere saltât fûr in Sardegne un libri, che o cognossìn avonde ben, dedicât propit ae leç 482/1999 e plui in gjenerâl ae tutele des minorancis linguistichis tal Stât talian.

O vin recuperât lis dôs pagjinis là che si fevele de (mancjade!) metude in vore de Leç 482/1999 intal setôr dal media e dal servizi radiotelevisîf public: si_ses_europeu_pp_229_231.
Al pues jessi util tornâ a leilis, parcè che e a son pardabon di atualitât. Ancje masse.

si_ses_cover