Al rive WordPress par Furlan. Doprâ la lenghe in rêt al sarà plui facil par ducj

Une biele gnove pe lenghe furlane, pe sô difusion, pe sô promozion e soredut pal so ûs inte rêt. In graciis de iniziative de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal lavôr di Ensoul, societât di disvilup di software e di comunicazion logade a Udin, cumò al esist ancje la version par furlan di WordPress, un dai gjestionâi plui doprâts pal mont par meti adun sîts internet e blogs.

In particolâr a son disponibii ancje par furlan il backend dal program, i temis TwentySixteen, TwentySeventeen e Rosetta e il plugin Qtranslate X. Di une bande al devente plui facil doprâ chel program gratuit di progjetazion e di costruzion di sîts web propit par jessi presints in rêt cun pagjinis e blogs par furlan e di chê altre al cres il status del lenghe, che cussì al jentre te liste di chês che a vegnin dopradis par gjeolocalizâ WordPress. In chest sens il furlan si cjate in compagnie cu lis lenghis plui dopradis pal mont e cuntune schirie di altris idiomis in cundizion di minorance, che a àn za fat chel passaç, tant che il basc, il galês, il frison, il catalan, il galizian e il breton.

La iniziative e je stade presentade îr in Regjon a Udin e si insuaze intune azion di politiche linguistiche a pro dal furlan e dal dirit di cognossi e doprâ la lenghe, che al è di dutis lis personis che a vivin in Friûl e plui di di ducj I furlans, che vie par chescj agns e à indotât il furlan di struments une vore impuartants, tant che il Grant Dizionari Bilengâl Talian-Furlan (GDBTF) , la aplicazion che e permet di doprâ il stes GDBTF cui dispositîfs mobii, la Tastiere Furlane (TF), il Coretôr Ortografic (COF) e il tradutôr Jude.

WordPress par Furlan al è il risultât di un lavoron, cemût che al à contât Fulvio Romanin, aministradôr delegât di Ensoul cuntune esperience impuartante di creativitât par furlan tai cjamps de musiche e de leterature: «O vin vût il nestri bon ce fâ, stant che i sin stâts daûr ae traduzion par passe un an. Al è stât un lavôr sù par jù compagn che fâ la traduzion di un dai romançs di Harry Potter. A àn coventât competencis tecnichis e linguistichis e un confront cu la comunitât di WordPress, che e à palesât atenzion e interès par cheste iniziative, e une comparazion cu lis traduzions fatis in altris lenghis di minorance tant che il basc, il frison, il galizian, par viodi in ce maniere che a jerin stadis frontadis ciertis peraulis clâf tant che post o widget e par sielzi chê che e jere la soluzion lessicâl miôr, tra la adozion di une peraule furlane patrimoniâl, la creazion di un neologjisim o il mantigniment de peraule origjinâl par inglês, cemût che o vin fat in chescj câs».

Vie pal incuintri di îr a son stâts presentâts ancje i trê videotutorials che si cjatin sul sît de ARLeF e che a judin a doprâ miôr il GDBTF, la Tastiere Furlane (TF) e il Coretôr Ortografic (COF) .

WordPress par Furlan si cjate diretamentri sul sît di WordPress o ben si pues discjamâlu di chel dal organisim regjonâl pe politiche linguistiche pal furlan.

Ve chi la interviste cun Fulvio Romanin e Ferdinando Passone fate îr tai studis di Radio Onde Furlane.

Advertisements

Genoa – Udinese 0-1

Snait, cûr, fortune e oportunisim. L’Udin a Gjenue al tire fûr dut ce che al covente par rivâ a fâ il risultât miôr. Al fâs dome un tîr in puarte e al segne, al ten bot denant dai pôcs tentatîfs di dreçâ la partide de bande dal Genoa e al scombat e al resist par sù par jù mieze ore in dîs cuintri undis dopo de esplusion di Samir. E cussì al vinç e al reste te prime colone de classifiche.

I blancs e neris a rivin a Gjenue cun chê di tornâ a fâ ponts dopo dai trê patafs cjapâts a Rome miercus tal recupar cuintri de Lazio. I parons di cjase a àn ancje lôr chê di fâ alc di bon. Lis dôs scuadris a metin adun une partide avonde ecuilibrade, segnade de prudence di dutis dôs lis bandis e di un tic di pression ofensive in plui de bande de formazion di Ballardini.

La scuadre di balon furlane e viôt une altre volte in atac la cubie formade di De Paul e Lasagna, Behrami tal mieç denant de difese, cun Jankto e Fofana in mediane e Larsen e Pezzella laterâi e cu la tierce linie cun Danilo, Nuytinck e Samir, denant di Bizzarri. Il Genoa al tache cun plui grinte e cun plui fuarce ofensive, ispirât di Pandev, che dopo trê minûts al mande Lapadula ae conclusion e Bizzarri al pare vie. L’Udin al cres di un alc cul passâ dal timp, ma Lasagna al reste masse isolât, intant che Fofana e De Paul a cjapin sù cualchi biele iniziative e ancje la difese e cîr di tirâsi sùù par lassâ in fûr zûc i atacants aversaris.

La manovre dai blancs e neris e funzione avonde ben, massime in clâf difensive, però Pandev e Lapadula a rivin compagn a cjatâ la strade par jessi pericolôs almancul intune ocasion, tal ultin cuart di ore dal prin timp, ancje se Bizzarri al è tal puest just tal moment just.

Sierade la prime frazion cence goi, il secont timp al tache sù par jù te stesse maniere: prodence, ecuilibri e pocjis iniziativis ofensivis pardabon pericolosis. Dopo un cuart di ore abondant di zûc al rive il svolt, cul prin tîr in puarte dal Udin: balon parât fûr de difese gjenoane e colp decîs di prime intenzion di Berhami che al finîs tal sac daûr di Perin. Un a zero pai furlans.

Il Genoa al rinfuartìs l’atac, che cu la zonte di Taarabt e Galabinov, al devente a cuatri pontis, ma l’Udin si difint cun snait, ancje cuant che, par vie di un fal brut cuintri Pandev, Samir al cjape un cartelin ros e la scuadre di Oddo e reste in inferiroritât numeriche. A passin i minûts e lis bariduris furlanis a tegnin, ancje parcè che il Genoa al è lent e nol rive a sburtâ masse. Si svicine cussì la fin de partide, cuant che i parons di cjase a àn dôs ocasiononis, ma no rivin a cambiâ la partide. Sui disvilups di un corner Galabinov al cjape une travierse e tal ultin minût Rigoni nol rive a tocjâ une bale golose prontade di Taarabt: ancje la fortune i da une man al Udin.

Domenie che e ven i blancs e neris a spietin il Milan li dal Stadi Friûl.

Lazio – Udinese 3-0

No si pues simpri vinci e no si pues nancje lâ dilunc cul fâ dome risultâts positîfs. Par chel une sconfite a Rome cuintri de Lazio si pues ancje ametile. Però, dopo des partidis cul Chievo e cu la Spal, denant dal 3-0 dal stadi Olimpico, al è legjitim pandi ancje cualchi preocupazion e domandâsi se nol sedi daûr a tornâ chel che plui di cualchidun lu clame efiet Mer…Dacia Arena.

Te partide di recupar di nossere l’Udin al patìs un tic masse la superioritât – che obietivamentri e je … – dai parons di cjase. Cun di plui, la scuadre di balon furlane e jeancje un tic sfortunade, stant che e va sot di un gol dopo sù par jù vincj minûts, cuant che la Lazio no rive ancjemò a comandâ ad in plen la partide. Cussì l’autogol al vierç la strade pe afermazion de scuadre di Inzaghi.

I blancs e neris a presentin cualchi novitât te formazion: in atac si torne a viodi Perica dongje di Maxi Lopez e te mediane a son Fofana al puest di Jankto e Hallfredsson. Ancje la Lazio e à une muse divierse rispiet a chê di domenie cul Chievo, cun Radu in difese, Basta e Lukaku tes corsiis laterâls e la cubie Nani-Felipe Anderson in atac.

I parons di cjase a somein plui determinâts ancje se no rivin a jessi pardabon pericolôs. A pescjin il vantaç cuntun cross di Milinkovic, che al cjate Danilo fûr timp e che al ven tocjât malamentri di Samir: autogol. L’Udin al rispuint inte maniere miôr e si svicine daurman ae paritât cuntun biel tîr di Barak, parât vie di Strakosha, e cul tap-in di Perica, là che Radu al salve cun ducj i mieçs, ancje cuntune man, ma par Banti nol è sucedût nuie.

Il prin timp si siere cuntune biele ocasion par Parolo, che al conclût malamentri, intant che la seconde frazion e presente une Lazio plui determinade, che in mancul di doi minûts e segne il secont gol cuntune combinazion metude adun di Felipe Anderson e Nani.
L’Udin al proteste par un altri rigôr pussibil – par un contat suspiet tra Parolo e Larsen – che no i ven dât e dome tal ultin cuart di ore al rive a svicinâsi ae segnadure cuntune biel tîr di De Paul, che però al viôt Strakhosha protagonist di un intervent fenomenâl.
A son ancjemò pôcs minûts di zûc: al è avonde timp par che, dopo dal cuasigol furlan, al rivi il tierç gol laziâl cun Felipe Andreson.

Domenie la scuadre di Oddo e sarà a Gjenue. Sperìn ben…

A Turin si fevele ancjemò di Catalogne. Apontament doman li dal Csoa Askatasuna

Ce nassial in Catalogne? Cemût ise la situazion, dopo passe trê mês dal referendum dal prin di Otubar, dopo cent dîs che Jordi Sànchez e Jordi Cuixart a son in preson e dopo sù par jù un mês des gnovis elezions ‘regjonâls’?

Une rispueste a chestis domandis si podarès vêle doman, a Turin, li dal Centri sociâl Askatasuna, in Cors Regina Margherita 47, a nûf di gnot, inte suaze dal incuintri dal titul In Catalogna non sta succedendo niente?, là che al è proviodût l’intervent di Aina Tella, responsabile des relazions internazionâls de CUP, fuarce politiche alternative e anticapitaliste catalane.
Altris informazions sul apontament si cjatin culì.

Guillem D’Efak + Zebda + Gweltaz Adeux + Blu l’Azard + Tartaruga + Zornade de Memorie = Babêl Europe 2/2018

Vuê al è martars e a 11 a buinore su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) al torne in direte Babêl Europe, il program dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât. La seconde pontade dal 2018 de trasmission che ogni cuindis dîs e à chê di puartâ lis scoltadoris e i scoltadôrs de ‘radio libare dai furlans’ a torzeon, tal spazi e tal timp, pe Europe de diversitât linguistiche e de creativitât musicâl.

Il percors sielzût par chest apontament al cjape dentri storie e atualitât, tra gnovis produzions discografichis e ‘classics’ plui o mancul cognossûts e ricognossûts, lant daûr ancje dai trois batûts cuindis dîs indaûr, e cence dismenteâ che si svicine la Zornade de Memorie.

L’itinerari di musichis, peraulis, storiis e gnovis si disviluparà tra il Cjanton dai Grisons, la Bretagne, i Paîs Catalans, il Friûl, la Ocitanie e la Arpitanie, cun cjançons par rumanç, par breton, par yiddish, par ocitan e par francoprovençâl. E sarà la ocasion par fâ une altre cerce di Eyjafjalljökull, il disc gnûf dal rocker breton  Gweltaz Adeux, e par lâ indaûr tal timp fintremai tal 1965 cuant che al saltave fûr il disc Blues di Guillem D’Efak, un dai protagoniscj de Nova Cançó Catalana, che la sô figure e ven memoreade intun documentari che al è stât presentât la setemane passade tes televisions publichis de Catalogne e des Isulis Baleârs.

Simpri in argoment di Nova Cançó Catalana e cui voi pontâts in direzion de Catalaogne, si scoltarà ancje la version de L’Estaca fate dai tolosans Zebda e par memoreâ la Zornade dai 27 di Zenâr (cuant che Babêl Europe al tornarà tal palinsest di Radio Onde Furlane pe seconde repliche a une e mieze dopo di misdì, intant che la prime e sarà doman, miercus ai 24, a une dopo di misdì) al sarà spazi ancje pai Zuf de Žur in cubie cun Moni Ovadia.

Altris protagoniscj de trasmission a saran i Blu l’Azard, espression de tradizion e de reinvenzion musicâl des ‘tieris altis’ dal Piemont di lenghe e culture francoprovençâl, ocitane e francese, e i Tartaruga, band rumance une vore ative cualchi an indaûr.

Dopo de prime emission in direte e des replichis, ancje cheste pontade di Babêl Europe si podarà cjatâle archiviade in rêt.

Udinese – Spal 1-1

Seconde partide dal 2018 e secont risultât di paritât. Cuintri de Spal in cjase l’Udin al fâs sù par jù ce che al veve fat cuindis dîs indaûr cul Chievo. Al zuie dome par un timp, al segne un gol, a’nt cjape un e al puarte a cjase un altri pont. Di une bande la scuadre di balon furlane e va dilunc a no pierdi e a fâ ponts, cun cinc vitoriis e dôs patis, ma di chê altre e somee mancul determinade, costante e concrete di chel che e jere te ultime part dal an passât, cul efiet che la zone Europa League che e someave a puartade di man cumò si cjate a cuatri ponts di distance.

Oddo al met dongje une formazion che e va daûr dal so modul solit, un 3-5-2 che si mude in 3-5-1-1: Bizzarri in puarte, la difese a trê cun Samir, Danilo e Nuytinck, la mediane là che si torne a viodi Balic dongje di Barak e di Jankto, cun Larsen e Pezzella tes corsiis laterâls, e la cubie di atac fate di De Paul e Lasagna.

I blancs e neris a partissin avonde ben e a cjatin il gol dopo undis minûts cun Samir che al tocje cul cjâf il corner batût di De Paul e al mande in tilt Gomis. Il gol al see lis gjambis ae Spal, che no rive a fâ nuie, cun Floccari che al somee une fantasime e Kurtic che al predicje tal desert. L’Udin nol à masse ce fâ, ni in difese e nancje in atac, e al manten il vantaç fintremai ae polse cence padins.

Tal secont timp la musiche e cambie e si viôt daurman une altre Spal. Semplici al à di vê fat sunâ la svearine par Floccari, che al met la çate juste suntun tîr di Antenucci e al segne l’un a un dopo cuatri minût. L’Udin al patìs il colp e i ospits a sburtin cun plui decision. Bizzarri al fâs il so, cuntun salvament suntune conclusion cul cjâf di Vicari e cuntune parade su Grassi, ma di chê altre bande dal cjamp par cirî i blancs e neris al covente clamât ‘Chi l’ha visto’.

Oddo al met dentri ancje Maxi Lopez, cun chê di dâi plui fuarce ofensive ae sô scuadre, però la iniziative e reste patrimoni dai ospits. La partide e finìs un a un e in som al è il risultât plui just. Miercus l’Udin al varà di zuiâ il recupar de partide cuintri de Lazio: in chê ocasion al coventarà vê plui grinte e plui snait.

In spiete di viodi ce che al nassarà te partide di Rome, ve chi ancjemò dôs osservazions in cont dal in cuintri di vuê tal Stadi Friûl. La prime e tocje il bon acet che il public furlan i a dât al ex blanc e neri Felipe. La seconde e je chê dal câs dai tifôs de Spal che prime de partide a àn mostrât diviersis fotos di Federico Aldovrandi e che za di cualchi timp, tra burocrazie e ipocrisie, ur ven improibît di puartâ tal stadi la bandiere cu la muse di chel zovin ferarês muart ai 25 di Setembar dal 2005.

 

Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Discs gnûfs + personaçs storics + ‘classics’ plui o mancul antîcs = Babêl Europe 1/2018

Al è tacât il 2018 e su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) al torne Babêl Europe, il program dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât. Vuê al è martars e l’apontament in direte cu la trasmission cuindisinâl che e fevele di diversitât linguistiche e creativitât musicâl al è, come par solit, a 11 a buinore.

In continuitât cu la ultime pontade dal 2017 si larà ancjemò dilunc a cerçâ alc di cualchi disc saltât fûr vie pai ultins mês, pes ultimis setemeanis e pai ultins dîs. La atenzion e sarà pontade, in particolâr, su la produzion plui resinte di trê personaçs storics che di tancj agns a pensin, a scrivin, a sunin e a cjantin te lôr lenghe proprie, ven a dî Fermin MuguruzaXavi Sarrià e Gweltaz Adeux.

A saran selezions dai discs B-Map 1917 + 100, dât fûr di Fermin Muguruza eta the Suicide of Western Culture ae fin di Novembar stât, Amb l’esperança entre les dents, album solist, jessût ae fin dal mês di Setembar dal 2017, dal cjantant, musicist e scritôr dai Paîs Catalans, che par tant timp al è stât la vôs e la ghitare dai Obrint Pas, e Eyjafjallajökull, la gnove produzion di un dai protagoniscj de produzion musicâl par breton di passe trentecinc agns incà, prime cu la storiche band dai EV e po di bessôl.

Si scoltarà ancjemò alc altri, indaûr tal timp e a torzeon tal spazi, dal Gales ae Sardegne.

Dopo de prime emission in direte, si podarà tornâ a scoltâ Babêl Europe tal dopodimisdì di doman ai 10 di Zenâr, a une, e di sabide ai 13 di Zenâr, a une e mieze.

 

 

Chievo – Udinese 1-1

Sixtum non datur. Dopo cinc vitoriis une daûr di chê altre l’Udin a Verone al rive dome a fâ un gol e a cjapâ un pont. Il Chievo, che tes ultimis cinc partidis al veve rivât a meti dongje dome un pontut, al à fat di dut par dreçâ il so percors, intant che l’Udin al à tacât un tic flaput, i à lassât il balin de partide almancul pe plui part dal prin timp ai aversaris e dome te seconde frazion al à mostrât, almancul in part, chel snait che al veve segnât lis sôs performances plui resintis. Ae fin il risultât di paritât al è just e ur va ben a dutis dôs lis formazions: ai parons di cjase, che si tegnin avonde lontans de zone pericolose e ae scuadre di balon furlane che e manten une buine posizion in graduatorie e che par cuindis dîs e podarà tirâ il flât e cjariâ lis batariis par lâ ancjemò dilunc a zuiâ e a fâ ponts.

I blancs e neris si presentin cun cualchi mudament di formazion: il scheme al è il classic 3-5-2, ma Oddo al met Nuytinck dongje di Danilo e Samir, al scugne tignî fûr Alì Adnan e al place tal sô puest Pezzella, che però le à grivie tal confront cun Cacciatore, che no i permet di sburtâ su la fasse, lu oblee a stâ indaûr e lu met ancje avonde in dificoltât. Propit di chê bande a rivin lis azions plui pericolosis dal Chievo, che al cjate il gol dopo nûf minûts cuntune biele tonade di Radovanovic.

La scuadre di Maran e à il control di dutis lis zonis dal cjamp e lis iniziativis dai blancs e neris a son pocjis e pôc significativis, intant che di chê altre bande Cacciatore al tocje cul cjâf une punizion di Birsa e le bute dentri te puarte di Bizzarri. Par fortune dal Udin, daûr de verifiche fate cul Var che al ricognòs une posizion di fûr zûc, Chiffi nol convalide la segnature e i zâi e blu a viodin sfantâ la pussibilitât di dopleâ il vantaç.

Al è un segn dal destin pai blancs e neris, che planc a planc a tachin a recuperâ cjamp e balons, e ancje pai parons di cjase, che a scomencin a dâi la prioritât ae difese dal un a zero rispiet ae ricercje de seconde segnature. E rive cussì une buine iniziative di Pezzella, che par passe mieze ore al veve patît la pression di Cacciatore ma finalmentri al rive a puartâsi indenant dilunc de sô corsie laterâl: cross tal mieç e deviazion disfortunade di Tomovic dentri de puarte di Sorrentino.

La paritât concuistade prime de polse e la svearine che par sigûr al à di vêur dât Oddo a sburtin i blancs e neris a jessi plui decîs tes sôs azions vie pal secont timp. Cussì, intant che il Chievo al cale, la scuadre furlane e cres, cu lis combinazions imbastidis di De Paul, Jankto e Lasagna.
Lis ocasions miôr pai blancs e neris a rivin te ultime part dal incuintri, ancje se il Chievo si salve cun onôr. Pôc prime di jentrâ tal ultin cuart di ore zûc Bani al met un blec suntune conclusion dal argjentin e cualchi minût plui indenant al è Tomovic che al siere ben su Lasagna e si riscate dal autogol dal prin timp.

L’incuintri al finìs un a un. Al va ben cussì, ancje pai tifôs furlans che a jerin usâts a vinci cun continuitât.