Emigrazion, internazionalizazion, dirits e… persut. Il ‘logos’ che al devente ‘logo’

In continuitât cui doi articui fats tai dîs passâts, dedicâts a emigrazion furlane, associazionisim e istituzions, o tornìn ancjemò su la Convention inmaneade sabide stade a Voleson de bande dal Ente Friuli nel Mondo, parcè che nus permet di fâ ancjemò cualchi resonament su chescj argoments.

Prin di dut nus plâs marcâ i intervents che a àn fat tancj di lôr te ultime part di chel incuintri. E je stade une manifestazion de volontât dai furlans pal mont di jessi sogjets protagoniscj ‘atîfs’ des iniziativis presentadis vie pe taule taronde e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’ passîfs e subordenâts.

Magari cussì no, vie pe discussion, par sigûr interessante e siore di contignûts, si à vude la impression che tes ideis che a jerin daûr a saltâ fûr la funzion dai furlans tal forest e des lôr associazions e fos dome chê.
Cun di fat, cu la ecezion de professore Monica Stellin, i relatôrs a jerin ducj esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl dal Friûl in Friûl e al someave cuasit che chê innomenade espression dal «nono che al conte» e dal «nevôt che al scolte» si vês stramudade in «se la ecelence furlane no conte e i furlans pal mont no scoltin»… Par fortune – e chest al è un altri element positîf de Convention – nissun al à vût une ande catedratiche e anzit plui di cualchidun – par esempli Alessandro Liani de Video Systems – al à palesât une buine dose di snait e di sensibilitât.

Cun di plui, i intervents de ultime part a son stâts impuartants parcè che plui di cualchidun di lôr al à ricuardât che tra i furlans pal mont a son ancje chei che a son a stâ ator pal Stât talian (che a son ‘tal forest’, tant a dî ‘fûr dal Friûl’, ma no «all’estero»). Magari cussì no, masse dispès si dismenteisi di lôr (e di nô…), cundut che – cu la ecezion di chei elements distintîfs une vore impuartants (che no si pues par sigûr dismenteâju) leâts, tal passât ma almancul in part ancjemò in dì di vuê, aes cuistions burocratichis e anagrafichis (passepuart, permès di lavôr, citadinance…) e aes distancis – lis dificoltâts, lis dibisugnis e lis potenzialitâts a son sù par jù compagnis, cemût che al è saltât fûr a clâr.

Un altri element positîf al è che nissun al à fevelât di «piccola patria». Cundut achel, vie pe discussion, che e jere une vore indreçade viers de internazionalizazion turistiche e comerciâl dal Friûl e de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest, in plui di cualchi passaç si à fat un tic di confusion tra italianitât e furlanetât e tra «Made in Italy» e «Made in Friuli». In cheste maniere, ancje se sot vie, al è saltât fûr a clâr, par cui che al vûl capîlu, che al esist un probleme che nol tocje dome la dimension identitarie – oviementri su la fonde di une vision libare, dinamiche, plurâl e no jerarchiche des apartignincis e daûr di une vision positive di Friûl e di furlan – ma ancje chê economiche. Lu à marcât in particolâr la responsabile pal marketing dal Consorzi dal Persut di S. Denêl, Daniela Celledoni, che e à scugnût ameti la dificoltât che al cjate ancjemò in dì di vuê chel innomenât prodot tal fâsi cognossi e ricognossi tant che furlan, ven a dî tant che prodot che al rive di un puest che si clame Friûl, che in tancj di lôr, fintremai tal Stât talian no san ni ce che al è ni indulà che si cjate.

Al è di sest pensâ che cheste dificoltât no esistarès se te promozion des tipicitâts furlanis no si vès pôre – cemût che al sucêt daûr di une lungje tradizion che si pues definîle di orientament minimalist e fintremai negazionist – di fevelâ a clâr di Friûl e di doprâ, di plui e in maniere complete e normâl, chel che al è l’element plui tipic, ancje se no esclusîf, dal Friûl: la lenghe furlane. E chest al vâl pal marketing e pe economie (là che la lenghe proprie – il «logos» – e deventarès une marcje di cualitât e di ricognossibilitât: un «logo»), compagn che pe presince de lenghe furlane (e di chês altris lenghis dal Friûl) te societât dal Friûl di vuê, là che a esistin ancjemò prejudizis e ostruzionisims, cundut che il mont al è cambiât za di tancj agns e ancje par chel a esist une normative specifiche pe tutele des minorancis e pe promozion dai dirits linguistics.
Duncje, meti in vore chê normative, disvilupâ une politiche linguistiche di sest e doprâ la lenghe furlane in maniere normâl e in ducj i contescj nol sarès dome alc che al è ben e al conven, pai dirits linguistics di cui che al vîf in Friûl e pe promozion di dut ce che al tipic furlan, ma ancje par vê relazions plui fuartis e plui dinamichis tra il Friûl in Friûl e il Friûl pal Mont e dentri dal Friûl pal Mont, daûr di une logjiche di rêt.

E dongje de lenghe furlane, adun cu lis lenghis dai furlans pal Mont (a tacâ dal inglês, dal spagnûl, dal francês e dal portughês…), sei Friûl che pal Mont al covente promovi la produzion culturâl e artistiche contemporanie furlane e par furlan (musiche, audiovisîf, comunicazion…: di Doro Gjat a Musiche Furlane Fuarte, di INT/ART a Farcadice o aes voris di Massimo Garlatti Costa e Marco D’Agostini). A pro, in particolâr, dai zovins di divignince furlane che a son pal mont (che in efiets a’nd jerin pôcs a Voleson).

La dibisugne di cognossince e di partecipazion e je, la ufierte ancje, lis motivazions (ancje economichis) no mancjin dal sigûr. E covente une strategjje e une azion concrete, che e meti dongje ducj chescj elements e che e dedi fuarce a chei sogjets che di tancj agns za a lavorin in chest cjamp.

Al è alc di zovevul pal Friûl che al è pal Mont e pal Friûl che al è in Friûl.

 

 

 

(Fotos Petrussi/EFNM)

Advertisements

Emigrazion furlane, associazionisim e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (2)

 

Chê tendince contraditorie che si cjate tes azions istituzionâls dedicadis ae emigrazion de regjon Friûl-VJ, si palese compagn o salacor ancjemò di plui (massime se si calcole chê e che e varès di jessi la la lôr specificitât)  tes iniziativis des associazions che a varessin di rapresentâ i emigrants e i lôr dissendents e (par esempli chês furlanis) il colegament tra il Friûl che al è in Friûl e il Friûl che al è pal Mont.

Ancje in chescj câs si incrosin sens di comunitât e di solidarietât, volontât di relazion e di condivision e retoriche sglonfe di lûcs comuns, di nostalgjiis e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Dut chest al à tornât a mostrâsi, in particolâr, juste pôcs dîs indaûr, intant des iniziativis fatis sabide ai 29 e domenie ai 30 di Lui de bande di Ente Friuli nel Mondo e EFASCE.

Te cunvigne di S. Vît, metude adun dal Ent di Pordenon, che forsit al à finalmentri discuviert di clamâsi Ente Friulano Assistenza Sociale e Culturale Emigranti, si à fevelât di emigrazion «dai bastimenti ai voli low cost». Se di une bande al è stât metût in discussion, cun sintiment, il mît de cussì clamade «fuga dei cervelli», cu riferiment ae emigrazion gnove, di chê altre si viôt ancjemò une dificoltât fuarte tal ricognossi ad in plen lis specificitâts dal Friûl e de sô emigrazion.

Te Convention inmaneade tal Cjistiel di Voleson di Friuli nel Mondo si à discorût di «tipicamente friulani nel mondo» e si à pontât la atenzion in particolâr su la funzion che a àn (e che a puedin vê ancjemò di plui) i furlans pal Mont a pro de internazionalizazion comerciâl e imprenditoriâl dal Friûl, cuntune schirie di intervents di esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl di chenti. A son stadis presentadis esperiencis e ideis, ancje interessantis, e si à palesade la volontât dai furlans pal mont (che a son ancje chei ator pal Stât talian, ancje se masse dispès a vegnin dismenteâts) di jessi sogjets protagoniscj di chestis azions e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’.

Ancje in chest câs – cu la ecezion positive dal intervent di salût dal sindic di Voleson e Darzin, Markus Maurmair – si à palesade la presince acessorie e residuâl de lenghe furlane e di chês altris lenghis dai furlans pal mont. E je in chel istès une cuistion di identitât, di relazion e di marketing (ma o tornarìn ancjemò sul argoment).

Cun di plui tes azions di promozion culturâl tra il Friûl in Friûl e il Friûl che al è pal Mont e mancje ancjemò une azion cussiente di promozion di chê produzion culturâl furlane contemporanie che e podarès interessaûr a tancj di lôr, a tacâ dai plui zovins. Mancul mâl che par tancj di lôr e esist la pussibilitât di scoltâ Radio Onde Furlane in streaming o cu la aplicazion di pueste par tablets e smartphones di ogni sorte, di lei ancje in rêt La Patrie dal Friûl, di consultâ il sît web de ARLeF e di incrosâ sui social media almancul alc di ce che si môf in Friûl.

De bande des istituzions e des associazions al è ancjemò cetant ce fâ in cheste direzion. Nus somee che e mancji ancjemò une vere strategjie.
Al è un pecjât: no dome Friûl che al è pal Mont, ma ancje par chel che al è in Friûl.

Par intant contentinsi di chês novitâts positivis che a son saltadis fûr tai ultins dîs: nissun al à fevelât di «piccola patria» e te organizazion de zornade di domenie e je stade une colaborazion tra Friuli nel Mondo e EFASCE. Alc al è alc.

Emigrazion furlane, associazions e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (1)

Al somee che il Friûl che al è in Friûl si visi dal Friûl che al è pal Mont dome une volte ad an, vie pal Istât, cuant che a son i events dedicâts ai emigrants e ae emigrazion, che a vegnin inmaneâts des associazions e des istituzions. Al è sucedût ancje chest an, in particolâr tai ultins dîs, cuant che la Regjon e à metût adun la prime Giornata dei corregionali all’estero‘, Ente Friuli nel Mondo al à inmaneât la sô convention e il so incuintri anuâl e al à fat compagn ancje l’EFASCE, che al à spartît propit cun Friuli nel Mondo la organizazion de fieste di îr a Voleson e a S. Vît dal Tiliment.

Chescj apontaments a son une vore interessants no dome par vie che a son ocasions par tornâ a cjatâsi cun tantis personis che si cognossin e che a son pal mont, ma ancje parcè che a son il spieli de situazion de realtât de emigrazion furlane (chê vecje e chê gnove) e di chê, par sigûr plene di contradizions, des relazions tra i furlans in Friûl e chei emigrâts e i lôr dissendents, de lôr gjestion e de lôr promozion, là che si ricognossin tantis musis diviersis che a van dal sens di comunitât e di solidarietât tra il Friûl che al è in Friûl e chel che al è pal Mont ae retoriche sglonfe di rivocs nostalgjics dal passât e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Chei aspiets si vevin palesâts za vinars ai 28 di Lui, intant de Giornata dei corregionali all’estero, inmaneade te Vile Manin di Passarian de bande dal Consei regjonâl. Vie pe ‘Giornata’ e je stade marcade di tancj di lôr la impuartance dai furlans, dai slovens e dai ‘giuliani’ pal mont «tal promovi la internazionalizazion de Regjon», cu la consegne di un ricognossiment a diviers coregjonâi emigrâts, cuntun aprofondiment dedicât ae situazion une vore complicade dal Venezuela, là che a son tancj furlans, e cul rilanç di une strategjie di di disvilup di relazions in rêt.

Dongje di ricognossi la funzion dai coregjonâi pal mont tant che «ambassadôrs» o pensìn che si varès di mostrâur in maniere plui fuarte la ricognossince de comunitât regjonâl. Cundut achel, chei fats a Passarian a son resonaments interessants, ancje se no si pues fâ di mancul di vualmâ che la rêt – se e esist – no je policentriche, ma e à un grop une vorone plui grues che al è logât masse tra Triest (soredut) e (unevore di mancul) Udin, Cividât e Pordenon. Duncje al è un rapuart che al è masse condizionât de dinamiche centri-periferie, cuant che a coventaressin plui rêt e plui Mont.

Chel rapuart al è ancje segnât a fuart de mancjance des lenghis ‘altris’ de regjon Friûl-VJ – in particolâr chê furlane e chê slovene, lenghis di divignince de plui part de emigrazion regjonâl – e di chês plui dopradis tal mont dai coregjonâi pal mont e chest al salte fûr a clâr tai sîts web istituzionâi dedicâts, che a son dome par talian, magari a son ancje fers e intun câs a son dome bilengâi (par talian e par inglês e vonde).

Par no fevelâ di chê enfasi esagjerade e monotone tal cualificâ dut cu la etichete FVG, che par sigûr no rive a vê ni fuarce identitarie, ni fuarce evocative (a pro di une ricognossibilitât, sei in tiermins gjeografics e culturâi che par ce che al tocje i cantins de promozion in tiermin economic, turistic e comerciâl) e anzit e je pôc rispietose de pluralitât linguistiche, culturâl e teritoriâl de regjon, de sô int e de sô int che e je pal mont.

Al somee pardabon che – zaromai di un pôcs di agns e cence soluzion di continuitât tra une maiorance politiche e chê altre – la aministrazion regjonâl e vedi pôre (o fintremai fastidi?) de identitât plurâl e dinamiche des sôs comunitâts, residentis tal so teritori e inaltrò.

‘Tra le rocce e il cielo’, di vuê a domenie in Vallarsa si resone dal mont e de mont

tra_le_rocce

Storiis, memoriis, identitâts, teritoriis. A son uns pocjis des peraulis clâf che a permetin di ricognossi i argoments e il program
di Tra le rocce e il cielo, festival che si davuelç in Trentin, in Vallarsa, di vuê a domenie 21 di Avost.

La manifestazion e à chê di meti dongje esperiencis, ideis e resonaments in cont dal mont e de mont, des ‘tieris altis’, tant che part dal mont. Si partìs dal Trentin, de sô storie e de sô situazion dal dì di vuê, par cjalâ ancje inaltrò: si si slargjisi su dut l’Arc des Alps e ancjemò in direzion dal Mediterani, dal Afghanistan  o des zonis cjaldis des vueris e dai conflits dal dì di vuê, cu la memorie des vueris dal passât e in particolâr dal maçalici de Prime vuere mondiâl.

Il cartelon de rassegne al cjape dentri incuintris tematics, mostris, escursions, spetacui, proiezions di cines, presentazions di libris  e taulis tarondis.

Vie pe zornade dai 19 di Avost, par esempli, si fevele di feminis e vueris, cuntune cjaladure specifiche ancje viers des minorancis linguistichis tes regjons des Alps.

Sabide ai 20, impen, vie pe buinore e po ancje dopo di misdì, l’argoment principâl al sarà chel des frontieris, dai confins, des migrazions
e de Europe.

Il program complet di dute la manifestazion si pues leilu achì.

Par savênt alc altri ancjemò, al baste dâ un cuc in rêt: achì, achì  e achì.

‘I ricordi del fiume’ al rive tai cines, doman la anteprime alì dal Massimo a Turin

fiume

I ricordi del fiume al rive tes salis a tacâ di doman, ai 21 di Avrîl. Il film plui resint dai regjiscj turinês Gianluca e Massimiliano De Serio, che al jere stât presentât cun sucès a Vignesie te edizion dal an passât de Mostre internazionâl de art cinematografiche e che al à cjapât diviers ricognossiments ator, al jentre te programazion di diviers cines dal Stât talian tra cheste setemane e la prossime.

La anteprime uficiâl e je chê che si fâs a Turin alì de sale un dal Cinema Massimo, cu la presince dai doi autôrs.
L’apontament al è a vot e mieze, cemût che al ven sclarît culì.

fiume_deserios

I ricordi del fiume al conte la storie dal Platz, chê baracopoli grandonone che si cjatave a nord di Turin, dongje dal flum Stura.
Il film al conte in particolâr i ultins mês de esistence dal cjamp e duncje al da cont de sô int, cu lis sôs storiis, cui siei problemis, cu lis sôs sperancis. Un documentari fat cun snait, cun umanitât e cence retoriche.

I ricordi del fiume al sarà in programazion alì dal Massimo fintremai ai 27 di Avrîl.
Sù par jù in chei stes dîs si podarà viodilu ancje inaltrò, a tacâ di Rome e di Milan.

‘La salût e je di ducj’. Dai 3 di Fevrâr une gnove trasmission su Onde Furlane

ondef

La salût e je di ducj. Al è daûr di chest principi di fonde che al nas un gnûf program che al va a zontâsi cun chei altris che a son tal palinsest di Radio Onde Furlane. Il so titul al è propit La salût e je di ducj e la sô prime pontade e larà in onde ai 3 di Fevrâr.

La rubriche, che e ven curade e condusude de bande di Guglielmo Pitzalis e di Giorgia Zamparo, e à chê di meti in comun e di pandi ator informazions e cognossincis in cont di salût, sanitât e migrazions, cuntun ategjament positîf, che al va daûr dal spirt de “radio libare dai furlans”.

La salût e je di ducj e je una trasmission di servizi, di aprofondiment culturâl e di divulgazion sientifiche, metude adun ancje cu la colaborazion dal GrIS (Gruppo Immigrazione Salute del Friuli-VG) e de SIMM (Società italiana di medicina delle migrazioni).

Ogni apontament al frontarà un argoment specific, simpri cun chê vision complessive de cuistion, che e ven sclaride ben tal sottitul dal program: Migrazions e benstâ dai forescj e de comunitât locâl.

La salût e je di ducj e je une trasmission mensîl, che e va in onde in direte il prin miercus di ogni mês a 10 e mieze a buinore e in repliche ta chê stesse setemane, la sabide a 3 dopomisdì  e la domenie a 11 e mieze, in modulazion di frecuence (90 Mhz pe plui part dal Friûl e  90.2 Mhz in Cjargne) e su internet ae direzion www.ondefurlane.eu.

Onde Furlane si pues scoltâle ancje cul smartphone, cul tablet, cul iPhone e cul iPad cuntune aplicazion specifiche, che si cjate in rêt e che si pues discjamâle sore nuie.

I.BI.S., sabide ai 24 di Otubar une lezion sul bilinguisim infantîl

IBIS_Ot_Nov_15

Al va indenant a Udin il progjet t I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazions dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

Dopo des ativitâts metudis adun te prime part dal an e de scree de ultime rieste di apontaments, cuntune lezion-conference di Franco Fabbro sul aprendiment des lenghis daûr dai siei studis tal cjamp des neurosiencis, la iniziative e va indenant sabide ai 24 di Otubar.

A Udin, alì de Fondazione Collegio della Provvidenza, in vie Scrosoppi 2, a tacâ di 4 dopo di misdì, Jana Sovova e fevelarà di bilinguisim infantîl tes fameis bilengâls, tra dificoltâts, dubis e vantaçs.

Plurilinguisim e educazion, ai 16 di Otubar si vierç la ultime fase dal progjet I.BI.S.

Franc_Fari

Un apontament di no pierdi par cui che al sta in Friûl, soredut des bandis Udin.
Vuê, ai 16 di Otubar, alì dal Palaç di Toppo Wassermann de Universitât dal Friûl, in borc di Glemone a Udin, si scree la ultime serie di incuintris che a fasin part dal progjet I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazions dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

A tacâ di 5 e mieze sot sere e sarà une lezion-conference di Franco Fabbro, professôr di neuropsichiatrie infantîl dal Ateneu furlan, che al fevelarà dal aprendiment des lenghis daûr dai siei studis tal cjamp des neurosiencis.

Il progjet I.BI.S. al cjape dentri ancjemò altris trê apontaments: doi incuintris ai 24 di Otubar e ai 7 di Novembar, a Udin alì de ondazione Collegio della Provvidenza, in vie Scrosoppi 2, e une conference finâl ai 14 di Novembar, ancjemò alì dal Palaç Di Toppo Wassermann.

La partecipazion a ducj i events di I.BI.S. e je libare e sore nuie.

Di Bagnarie a Tarcint e a Cividât, une Onde… furlane, lungje e vivarose

vivaondefurlane

Tra vinars ai 17, sabide ai 18 e domenie ai 19 di Lui, in Friûl o vin vivût un fin di setemane lunc e soredut siôr di apontaments e iniziativis. No si podeve rivâ dapardut e o vin scugnût sielzi. Cussì o vin scugnût fâ di mancul di lâ a Postaja Topolove/Stazione Popolò, che ancje chest an al veve un biel program, e lassâ in bande i doi concierts plui impuartants di domenie – chel di Passarian, cun Gilberto Gil e Caetano Veloso, stant che a jerin za stâts a Chieri une setemane indaûr, e chel dal gaitero asturian Hevia a Tumieç –  e si vin dedicâts a Tarcento Jazz, a Viva Onde Furlane e a Mittelfest. Ogni an la rassegne di Cividât e messede mainstream e sperimentazion, inovazion e alc di za sintût e za viodût. Nus somee che e fasi compagn ancje chest an. Cun di plui, si cjatìn avonde in cunvigne cun cui che al pense (e che al volarès) che sei tes propuestis da so cartelon che te sô comunicazion istituzionâls si viodessin di plui lis lenghis ‘ altris’ dal Friûl. Cun dut che al è ancjemò tant ce fâ, o vin viodût cun plasê che, magari dome tal ultin, te edizion di chest an al è saltât fûr alc di plui in chest sens: cualchi messaç plurilengâl, il spazi dedicât ae poesie furlane contemporanie, cui viers di Tavan, Cappello, Giacomini, Moratto e Mattiuzza dedicâts ae aghe e un pâr di spetacui.

color_aghe

Domenie stade al jere in program un di chescj, ven a dî Colonie, spetacul teatrâl par furlan e par talian di leturis, musiche, bal e bodypainting metût adun di Loris Vescovo e di Giorgio Olmoti, cu lis atoris e cjantantis Saba Anglana e Claudia Grimaz, la balarine Cora Steinsleger, lis proiezions di Cosimo Morelli e i musiciscj Leo Virgili e Ermes Ghirardini. Lu vin viodût e nus à plasût un grum. No lu scrivìn parcè che o vin stime par plui di cualchidun di lôr, che a son coinvolzût tal progjet, e che ju calcolìn tant che amîs, a tacâ di Loris Vescovo, Giorgio Olmoti e Leo Virgili, ma cun obietivitât: la idee di partence e je biele e al è une vore bon ancje l’impat emotîf e senic. O sperìn che Colonie al puedi vignî tornât a fâ, parcè che al merete. Cun di plui, in cheste maniere al podarà inmò rinfuarcî la sô fuarce narative e seniche e magari ancje rifinì cualchi passaç. Colonie al met dongje dôs storiis di colonizazion, di vuere e di emigrazion che si incrosin, scjavaçant lûcs e timps.  Lis protagonistis de rapresentazion a son dôs feminis che a àn memorie vive, in graciis des contis des lôr nonis, di doi fats di violence: un che al è stât patît dai furlans ae fin de Seconde vuere mondiâl, a Clauian il 1n di Mai dal 1945, e un là che i talians a jerin stâts i sassins, intant de colonizazion de Afriche orientâl, li de glesie cristiane-copte di Debre Libanos in Etiopie. Lis dôs – Claudia, furlane che e lavore a Berlin, e Abeba, etiope imigrade tal Stât talian – si cjatin propit devant de glesie di Clauian là che al jere stât metût in vore il svindic de bande dal esercit todesc…

colonie

Il nestri fin de setemane furlan al jere tacât za vinars a Tarcint cui prins concierts de gnove edizion di Tarcento Jazz, la rassegne inmaneade di Hybrida alì di Palaç Frangipane. E je stade la ocasion di viodi dal vîf il biel progejt di vocalês folk jazz di Vocinconsuete, il jazz-core cuinçât di eletroniche dai Martello e la potence policromatiche dal cuartet dai Roots Magic. La sabide di sere no vevin dubits su ce fâ: o sin lâts a Bagnarie a Viva Onde Furlane. Un biel puest, tal mieç dai cjamps e in bande e de autostrade, une biele atmosfere di fieste e une lungje gnotolade di musiche, vierte di Vocinconsuete (simpri lôr: bravis e vonde) e puartade indenant dai Carnicats in version lizere – cence grup, come une volte – che a àn confermât di jessi bulos e professionâi, dai Daisy Chain, pe ocasion cence mascare ma simpri cuntun biel tîr, e dai Volvodrivers, zovins de Basse tirâts sù a dosis fuartis di grunge a hard rock, e sierât dai LaipLessNess, protagoniscj di une performance potente e divertente, visionarie e sfolmenade.

laiplessness4

Vie pe buinore di sabide o vin stât ancje li de Universitât, a Udin, pe cunvigne su Autonomie speciâl e Statût regjonâl dal Friûl-VJ, ma di chel o scrivarìn un altri viaç.

Doi dîs dopo di cheste overdose di Friûl furlan e babelic nus ven sù ancjemò une osservazion. Cul cjalâ in nons di tancj di lôr coinvolzûts ancje in altris events e situazions, al somee pardabon che chê di Onde Furlane e sedi une onde lungje, poliedriche e vivarose.

Al à propit reson Pierluigi Cappello.

La Zornade de Europe pe Europe di ducj e di ducj i dîs

europe

Sabide stade a jerin i 9 di Mai. E je une date impuartantone, stant che e je chê dal inovâl de innomendade “Declarazion Schuman” e par chel, a tacâ dal 1985, e je memeoreade tant che “Zornade” o “Fieste” de Europe.
Cun di fat, in chê dì dal 1950 il ministri pai afârs forescj dal Stât francês di in chê volte, Robert Schuman, al fasè un discors public a Parîs che al tocjeve la pâs e la Europe e in cualchi maniere cu lis sôs peraulis al invià chel procès che, pûr cun cetantis contradizions, al è ancjemò in vore in dì di vuê: il procès de integrazion europeane.
In cont de impuartance e de atualitât de “Declarazion” us conseìn di lei doi articui: un che al è saltât fûr cualchi zornade indaûr  e un altri, publicât l’an passât, che al tocje ancje il Friûl tant che part de Europe.

Di trente agns incà cheste zornade e ven memoreade un pôc dapardut cun chê di marcâ la impuartance de prospetive de unitât europeane. Magari cussì no, al sucêt avonde dispès che l’argoment al vegni frontât cun tante retoriche e cun pocje sostance. Al sucêt ancje alc altri, par fortune, e chel inovâl al devente une ocasion par moments di aprofondiment in cont de situazion de Europe, chê che e je e chê che e mancje.

Un di chescj al è l’incuintri che si davuelç ai 12 di Mai a Turin alì dal Campus Einaudi de Universitât, in Lungo Dora Siena 100.
Inmaneade de bande de riviste Europae  e dal Centro studi sul federalismo
di Moncalieri, la zornade e à tant che titul Ucraina al bivio. Quale sovranità ai confini di quale Europa?.

La crisi ucraine e je une des tantis cuistions viertis che tai ultins agns, di une bande, a son motîf di preocupazion ator pe Europe e, di chê altre, a palesin propit i limits e lis contradizions dal  procès de integrazion europeane e a marchin la dibisugne di vê une Europe plui unide e duncje plui Europe. Sul argoment,  frontât propit cun chê di cjalâ in muse la realtât de Europe tal so complès,  si pues tornâ a lei ancje un articul saltât fûr un an e mieç indaûr.

Une altre cuistion, une vore di atualitât, che si pues calcolâle tant che un altri spieli des contradizions de Europe dai ultins agns, e je chê che si palese ogni dì tal cûr dal Mediterani, cun tancj di lôr che a scjampin des vueris e de fam, cun chei che a speculin su cheste dibisugne di scjampâ e di lâ inaltrò a cirî fortune e cun chei che no àn ancjemò capît ben ce che a àn di fâ denant di cheste situazion.
Ancje su chest argoment o zontìn un articul di lei.

Cui auguris in ritart pe Fieste de Europe. E, cence limits di datis, a pro di une Europe «plui Europe» ducj i dîs. E par ducj.