Milan-Udinese 2-0

udin_neri

Doi goi cjapâts e une altre zornade nere. L’Udin a Milan al piert cence “se” e cence “ma”.
La scuadre di Stramaccioni e conferme il piês di se in trasfierte, cence zûc e cun pocje convinzion in ducj i reparts.

Sul imprin de partide i blancs e neris no son nancje mâl – anzit! – stant che a cuvierzin ben dutis lis zonis dal cjamp, però cul passâ dal timp il Milan al cres e l’Udin al disparìs. Cussì dopo passe un cuart di ore il Milan si svicine al gol cuntune conclusion di Rami, cun Karnezis che si salve, ancje se i milaniscj a protestin cun chê che la bale e varès passât ad in plen la rie de puarte: nol è cussì par Valeri e pai siei colaboradôrs e nol sarà cussì nancje cjalant la azion cu la moviole.

Il Milan al à in man il control des operazions e al prove a lâ indenant cun fuarce ma cence masse precision e duncje cence sucès, ancje par vie dai riflès di Karnezis.
Il prin timp si siere sul zero a zero e pal Udin e cheste e je la uniche buine gnove dai prins cuarantecinc minûts di zûc.

Te seconde frazion la musiche e je ancjemò chê: il Milan al sburte e l’Udin al ten bot, ancje se nol rive a fâ nuie di plui, de fasse mezane in sù. Cuant che i blancs e neris a rivin des bandis di Diego Lopez i milaniscj si rangjin cu lis buinis e cu lis tristis. Al è ce che al sucêt cuant che Badu al jentre te aree di rigôr, al minût numar 54: Armero lu ferme in maniere plui che suspiete, ma par Valeri nol è nuie ce sivilâ.

L’arbitri, che al è une vecje cognossince dal Udin e soredut dai siei tifôs, al reagjìs intune altre maniere sîs minûts plui indenant. In cont dal contrast tra Domizzi e Honda, che un moment prime si comede il balon cuntun braç, Valeri nol à dubis: al assegne il penalty e al bute fûr il difensôr de scuadre furlane.

Il rigôr lu tire Menez e al è un a zero. L’atacant dal Milan al segne ancjemò une volte, ma su azion, cuant che al mancje un cuart di ore ae fin e al fâs un biel numar. te ultime part de gare l’Udin al prove a mostrâ di vê almancul un tic di dignitât cun Thereau e cu lis fuarcis frescjis di Bruno Fernandes e Geijo, che al è chel che si svicine di plui al gol de bandiere.

Cumò l’Udin al sbrisse te novesime posizion, cui stes ponts dal Sassuolo.

Udinese – Chievo 1-1

udin_neri
Un gol fat, un gol cjapât e un pont puartât a cjase. La partide di îr cuintri dal Chievo e scjalde il cûr dai tifôs furlans dome pe sodisfazion di Di Natale che al à rivât a segnâ il so gol numar 200 in serie  A. Pal rest al è avonde pôc di ce stâ contents: la difese e fâs cualchi erorut di masse, te fasse mezane si lavore ma no si prodûs masse zûc e devant a rivin pocjis balis che si puedin pardabon zuiâ e stramudâ in ocasions di rêt.
Salacor si podarès dî che al sarès ancjemò piês se la partide e fos finide cuntun risultât negatîf. Al è sigûr che tra il mâl e il malan al è miôr il malut di une scuadre che e somee un tic masse flape e vueide di ideis ma che almancul e cjape un altri pont pe sô classifiche, però…
Di une bande tal campionât talian di chest an – cemût che al salte fûr cun continuitât dae fin di Avost incà – al bastarès pôc di plui par fâ e jessi une vore miôr; di chê altre il fat che tes ultimis siet partidis di campionât l’Udin al vedi metût te sachete dome sîs ponts al domande a Stramaccioni, ai zuiadôrs e ae societât che si meti in vore un cambiament di mentalitât e no dome di chê.

Il Chievo al rive a Udin cun chê di no pierdi e di provâ a cjatâ la strade dal gol cun Pellissier. L’Udin al varès di imponi il so zûc cun Allan tal mieç devant de difese e Guilherme a sburtâ daûr di Thereau e Di Natale, ma al fâs une vore fature, ancje se Di Natale, dopo sîs minûts, si fâs viodi cuntune biele conclusion.
A passin i minûts e i blancs e neris a cjapin sù cualchi iniziative in plui, cun Di Natale che al è il centri e il terminâl de manovre. Cun di plui a àn ancje alc par protestâ: un gol di Danilo che al ven anulât di Cervellera par fûrzûc e il fat che Guilherme al vegni tocjât in aree di rigôr, tra Frey e Gamberini. Pôc dopo al è il Chievo a svicinâsi ae rêt in doi colps. Prime Karnezis e Danilo a salvin suntun tîr di Pellisier e po al tire Birsa ma Karnezis al met un blec.
Lis dôs conclusions aversariis a sunin la svearine pe scuadre furlane, che e fâs cressi la sô pression e la sô iniziative. Cussì, juste prime dal interval, al rive il gol di Di Natale: cross di Pinzi, intervent di Gamberini e bale a disposizion dal cjapitani che le met dentri di prime intenzion.

Tal secont timp l’Udin, compagn che in altris ocasions, al zuie un pôc masse cun chê di difindi il gol fat. Cussì la iniziative blancje e nere e je ancjemò plui smamide che tal prin timp, intant che il Chievo al prove a sburtâ cun convinzion cun chê di tornâ a meti in belance il risultât. Tra i veronês a jentrin Maxi Lopez e Bellomo che a dan frescjece al repart ofensîf e Birsa al è protagonist di un pâr di ocasions. Nuie ce fâ di chê altre bande: l’Udin al lasse pardabon masse cjamp ai aversaris e nol rive nancje a difindisi cun dute la atenzion che e covente, cussì Radovanovic si cjate di bessôl, intes cundizions di tirâ in puarte cun precision e segnâ il gol dal un a un.
A chest pont l’Udin al prove a fâ alc, cul inseriment di Bruno Fernandes, ma la musiche no cambie e la partide e finìs cussì.
Vie pe setemane l’Udin al varâ di lavorâ e di pensâi parsore.

TFF, Truzzi Broders e Maurizio Mattiuzza. Cine, musiche e poesie a Turin

A4_orizzontale.indd

Di un festival a di chel altri. La setemane passade a Udin al è stât Suns, il Festival de cjançon in lenghe minoritarie de Europe alpine e mediteranie, intant che vuê e tache a Turin la edizion numar 32 dal Torino Film Festival.
La rassegne cinematografiche internazionâl che si davuelç in citât al è zaromai di atnt timp un apontament classic cul cine di cualitât che al rive di ogni bande dal mont. Il program al è sior di titui, di proiezions e di events e si pues discuvierzilu achì.

maurizi

Doman, invezit, si fasarà a Turin la cerimonie di consegne dai premis Mario Soldati  . L’apontament al è a 4 e un cuart dopo di misdì alì dal Collegio San Giuseppe, in vie Andrea Doria 18.
Tra i finaliscj dal innomenât concors inmaneât de bande dal  Centro Pannunzio al è ancje un dai scritôrs e dai poetis miôr dal Friûl, che  ogni trop al passe di chestis bandis, par solit par cjapâ un premi. Al è Maurizi Mattiuzza, che dopo jessi stât alì dal Salon dal libri par ritirâ il prin premi dal InediTo – Colline di Torino  tal mês di Mai di chest an, cumò al cjaparà il tierç premi dal Soldati simpri cu la ricuelte di poesiis “La Donna del Chiosco sul Po”, che e vignarà publicade tal 2015.
Chest viaç il passaç par Turin di Mattiuzza al sarà une vore svelt, stant che domenie al sarà a Cividât, alì dal teatri Ristori a 6 sot sere, par un incuintri cul public coordenât dal gjornalis e poete Michele Obit.

truzzib

Domenie a Turin al è un altri apontament di no pierdi. Za di cualchi mês a àn tornât a sunâ ator i Truzzi Broders , storiche band di chenti, une vore ative soredut tra i agns Otante e Novante.
Par motîfs anagrafics e par menâsi un pôc pal boro, chest tornâ a sunâ dal vîf lu àn clamât Geriatric Tour. Passant doman, a dîs di sere, a saran alì dal Caffè del progresso, in cors San Maurizio 69.
«…e questa è una canzone senza finale…» .

Suns, serade memorabile di musichis “fuartis” e di lenghis vivis

Suns70x100

Une sabide speciâl là che la diversitât linguistiche e la creativitât musicâl a son stadis protagonistis. Suns 2014, il Festival de cjançon in lenghe minoritarie, che si à tignût nossere a Udine, al à mantignût lis promessis in tiermins di partecipazion e di cualitât, intune clime di fieste. La rassegne inmaneade di Radio Onde Furlane e dal Progjet Suns cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e cu la colaborazion di altris sogjets publics e privâts, e à rivât a intivâle juste sei te valorizazion de creativitât musicâl tes lenghis di minorance de Europe alpine e mediteranie che te promozion, cu la musiche, di chês stessis lenghis, tant che un patrimoni culturâl, un dirit di fonde e une oportunitât in tancj sens.

The winner is…Martina Iori

Martina Iori

Tra i vot grups o soliscj in concors, la vitorie e je stade concuistade de bande de zovine cjantautore de Val di Fasse di Martina Iori. Cu la sô cjançon par ladin ‘Via con mia musega’ e à a colpît lis orelis, il cûr e il cerviel di dut il public e de jurie, che e à preseât la sô vôs frescje e elegante, la sô grande spontanitât e la sô capacitât stilistiche e emozionâl e i à dat il premi che le puartarà a presentâ il so toc ancje a Oldenburg, inte finâl continentâl dal Liet International, ai 12 di Dicembar.


Ratapignata

Jurie e platee si à an cjatât in cunvigne ancje in cont de segnalazion pe miôr performance live, che e je lade cun merit ai sarts Ratapignata, pe lôr tignude dal palc cun snait e cun energjie, daûr di une esperience medressude in passe cuindis agns di ativitât. A àn plasût ancje il rumanç Pascal Gamboni, autôr ispirât e cjantant cun personalitât, la furlane Elsa Martin, che cun Marco Bianchi e à ufiet une buine prove cun ‘Cjante’, e Billy Fumey, cul so cjantâ passionât tal francoprovençâl de Franche Comté. Ironie e energjie a àn marcât lis esibizions dai ocitans Lou Tapage, dai furlans Aldo Sbadiglio e la famiglia Ananas in vacanza a Dresda e dai Kroatarantata, grup che al rive de minorance linguistiche cravuate dal Molîs.

Emozions in rime

Dlh Posse (2)

La serade si à vierte cuntun moment plen di emozion, in chel istès un riferiment ae tradizion furlane e un omaç aes lidrîs dal hip hop «par furlan»: scûr in sale, vôs dal public che a tachin a cjantâ ‘La ligrie e ven dai zovins’, lûs sul palc e  aparazion a colp dai rappers Passion e Tubet. I doi, che a son stâts inte storiche DLH Posse, a àn tacât a tirâ fûr une svintule di rimis sui argoments de manifestazion – la lenghe proprie e l’ûs de lenghe cence prejudizis, libar e liberatori – cul jutori de sezion ritmiche dai sarts Forefingers Up!. La band de Sardegne, erêt direte de esperience dai Balentia, che a son stâts tra i pionîrs dal hip hop par sart, te ultime part de manifestazion, e à fat un conciert bielonon. La serade si à zovade de conduzion dinamiche e ritmade dai Cjastrons, tra gags, intervistis e improvisazions.

Forefingers Up (3)

Si cjatìn in cunvigne cul coment dal president de ARLeF, LorenzoFabbro. E je stade pardabon «une serade memorabile che e conferme di une bande che la musiche e je in stât di dâur valôr aes lenghis minoritariis, soredut tra i zovins, e di chê altre che lenghis e creativitât a son une pussibilitât privilegjade che al à il Friûl par vê a ce fâ cul mont. Dal 2009 al dì di vuê Suns al à vût une maturazion continue sei sul plan artistic che par ce che al tocje la organizazion. In chescj agns   Onde Furlane e à fat un lavoron in ducj i doi i cjamps, cu la discuvierte e la formazion di talents e professionalitâts e cu la creazion di contats e relazions cun dute la Europe». Un esempli di chestis rêts e je stade ancje la trasmission in direte dal event dal Palamostre, difondude no dome su lis frecuencis de «radio libare dai furlans» e sul sît internet www.ondefurlane.eu, ma ancje cu la web tv sarde Eja Tv.

Chei altris suns dongje di Suns

LORIS

Bielonon ancje il conciert di nossere di Loris Vescovo, che simpri alì dal Palamostreal à presentât dal vîf il so cd plui resint Penisolâti, vincidôr che al è pôc de ‘Targa Tenco’. Chel metût adun di Loris,  compagnât di Leo Virgili ae ghitare e al trombon, di Simone Serafini al liron, dal tastierist Mark Harris,  dal baterist Ivan Ciccarelli, de cjantante Claudia Grimaz e cu la partecipazion dal côr La Tela di Udin, al è stât un ‘live’ cun grande intensitât emotive e alte cualitât musicâl: un viaç tra tescj origjinâi scrits cun snait, cun ironie e cun disincjant, cjantis de tradizion orâl dal Friûl e dal Alt Adriatic e poesiis di autôr, cuinçât cuntune misture sauride di folk, jazz, rock e world music. Sodisfazion ancje pal prin apontament in bande di Suns, l’aperitîf dedicât ae musiche di viodi, di scoltâ e di lei, Suns@Visio, che al è stât fat alì dal Bar dal Visionario, vinars ai 14 di Novembar. Finalmentri, dopo jessi stâts ‘in tour’ a Turin e inaltrò o vin rivât a presentâ il libri Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock ancje in Friûl.

‘Occitania, Friuli, Europa’ a Udin ai 14 di Novembar. In spiete di Suns

CoverOccitaniaJPG

Nol è mai masse tart. Cussì, finalmentri, vinars ai 14 di Novembar, a Udin, alì dal Bar dal Visionario, di sîs sot sere indenant, al vignarà presentât, pe prime volte in Friûl, il libri di Marco Stolfo, Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua  suona il rock .

L’incuintri al sarà une sorte di aperitîf e di viertidure sostanziâl dal program di iniziativis metût adut ator di Suns, il festival european de cjançon in lenghe minoritarie.

Paolo Cantarutti e Andrea Ioime a fevelaran dal libri e dai siei contignûts adun cul autôr.
Cui che al frecuente chest blog al cognòs za la publicazion, che cuntune atenzion multidissiplinâr,  là che si incrosin musiche, storie, politiche, societât, dirits linguistics, leterature e tutele des minorancis, al propon une esplorazion fonde e organiche de produzion musicâl par ocitan e par furlan, de fin dai agns Sessante al dì di vuê, e le met in relazion e in comparazion cun chês che si son disvilupadis inaltrò in Europe.

Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua  suona il rock al è un lavôr di ricercje, di documentazion e di divulgazion che nol è dome di lei, ma ancje di scoltâ. Cun di fat il libri al ten dongje ancje un cd cuntune selezion de musiche ocitane e furlane plui gnove e plui fuarte.

La presentazion de publicazion dade fûr de associazion di furlans in Piemont Lidrîs e Butui e sarà dome la prime part di un event dal titul Suns@Visio, dedicât ae produzion musicâl tes lenghis minoritariis de Europe, che al ten dongje ancje une selezion di videos musicâi e una sorte di dj set par cure de trasmission di Onde Furlane, Babêl Europe.

Suns, ai 15 di Novembar a Udin lis vôs e i ritmis de Europe des lenghis minoritariis

25-10-14_Suns2014

Al è timp di Suns 2014. Il Festival de cjançon in lenghe minoritarie, nassût in Friûl tal 2009, al torne a Udin pe sô seste edizion. L’apontament al è sabide ai 15 di Novembar alì dal Teatri Palamostre a tacâ di 9 di sere.

Te serade finâl de rassegne dedicade ae creativitât musicâl tes lenghis di minorance de Europe alpine e mediteranie (Cravuazie, Slovenie, Austrie, Italie, Svuizare e France), promovude de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e inmaneade di Radio Onde Furlane e dal Progjet Suns ancje cu la poie dal Comun di Udin, e di altris sogjet e istituzions,  a saran  vot i grups o i soliscj che a presentaran dal vîf une cjançon parom. E je po previodude ancje la esibizion di un grup ospit.

25-10-14_AldoSbadiglio

I finaliscj di Suns 2014 a rivin des comunitâts di lenghe furlane, sarde, ladine, rumance, ocitane, francoprovençâl e cravuate dal Molîs.
Il Friûl al è rapresentât di Aldo Sbadiglio e la Famiglia Ananas in Vacanza a Dresda, che juste pocjis setemanis indaûr a àn dât fûr il lôr gnûf album Ljuba Toast Cricket Club, e di Elsa Martin, autore e interprete une vore preseade ancje fûr dal Friûl, che ai 25 di Otubar stâts e à cjapât il premi de critiche tal concors ‘Bianca d’Aponte’ di Aversa.
De Val di Fasse  e dal Cjanton dai Grisons (Svuizare) a rivin in finâl doi esemplis interessants di cjançon di autôr: a son, di une bande, la zovine cjantautore ladine Martina Iori, che a disevot agns e mostre za une grande personalitât, e di chê altre Pascal Gamboni, che di passe dîs agns al è atîf te produzion musicâl par rumanç sei in patrie che tal Ream Unît.
Sul palc dal Palamostre e sarà ancje la «lenga d’oc», che e ven doprade miscliçant rock e folk dai Lou Tapage, formazion che e rive des Valadis ocitanis dal Piemont, intant che Billy Fumey al presentarà un toc cjantât tal francoprovençâl de Francje Contee.

martina iori

Pe prime volte a Suns al sarà ancje un grup che al rive de minorance linguistiche cravuate dal Molîs: a son une vore zovins e si clamin Kroatarantata. No mancje nancje in cheste ocasion une band che e salte fûr dal vivarôs panorame musicâl par sart: a son i Ratapignata, che za di agns a metin dongje cun risultâts interessants la lenghe proprie e i sunôrs e i ritmis dal reggae, dal ska, dal rock e dal funk.
Al rive de Sardegne ancje il grup ospit de serade, ven a dî i ForeFingers Up!. Nassûts de esperience dai Balentia, che a son stâts tra i pionîrs dal hip hop par sart, a àn vinçût la edizion passade di Suns e par chel a parteciparan ae finâl 2014 dal Liet International, il festival dedicât ae musiche tes lenghis minoritariis di dute Europe, che si tignarà ai 12 di Dicembar a Oldenburg, te Gjermanie dal Nord. A chê manifestazion al parteciparà ancje il grup o il solist che, daûr dal judizi de jurie internazionâl presinte a Udin, al vinçarà Suns 2014.

25-10-14_forefingersup

Intai dîs dongje dai 15 di Novembar a son ancje altris doi events leâts a Suns 2014 là che a son protagonistis la musiche e la  diversitât linguistiche. Vinars ai 14 di Novembar alì dal Bar dal Visionario, di 6 sot sere indenant, l’apontament al è cun Suns@Visio, aperitîf dedicât ae musiche di viodi, di scoltâ e… di lei, stant che al vignarà presentât pe prime volte in Friûl il libri di Marco Stolfo, Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock. Domenie ai 16 di Novembar alì dal Palamostre, simpri a tacâ di 6 sot sere, Loris Vescovo al presente dal vîf il so cd plui resint Penisolâti, vincidôr che al è pôc de Targa Tenco, il plui impuartant ricognossiment pe cjançon di autôr a nivel talian.

vescovo_grimaz_valdifassa

La jentrade a Suns 2014 e je sore nuie. La serade di sabide e sarà ancje trasmetude in direte di Radio Onde Furlane sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 e sui 106.5 Mhz in Cjargne, sui 96.6 Mhz a Colonia Caroya (Argjentine), e pardut vie internet su www.ondefurlane.eu.  Altris informazions si cjatin sul sît  www.sunscontest.com.

Palermo – Udinese 1-1

udin_neri

Dopo dôs partidis pierdudis, la scuadre di balon furlane e torne a metisi in moviment, sul cjamp e inte classifiche.
Ancje a Palermo i blancs e neris a van in vantaç sul imprin, a patissin la pression dai aversaris, ma a rivin a tignî bot, cence sfantâsi compagn de setemane stade. Protagonist positîf e decisîf tra i zuiadôrs dal Udin il puartîr Karnezis; sot de suficience lis prestazions di Bruno Fernandes e Muriel, che di une bande a son condizionâts dal ategjament ofensîf flaput de lôr scuadre e di chê altre a mostrin limits di caratar, di tignude e di continuitât.

La scuadre di Stramaccioni e cjate la strade dal gol dopo cinc minûts cun Thereau che al met tal sac un balon tocjât malamentri di Sorrentino suntune conclusion di cjâf di Danilo. Intune maniere sù par jù compagne de partide cul Genoa, al vantaç numeric nol corispuint un vantaç tecnic, tatic e di mentalitât. L’Udin al cîr di difindi il risultât favorevul – e chest nol sarès mâl –  ma nol è masse atent daûr e si mostre masse rinunciatari de metât dal cjamp in sù, cussì a Muriel no rivin tancj balons di zuiâ. Cun di plui il Palermo al cjape sù la iniziative cun personalitât, sburtât indenant di Maresca, di Barreto e de cubie Vazquez-Dybala, e al fâs capî che al è in stât di dreçâ la partide.

Barreto al il plui pericolôs dai parons di cjase cuntun pâr di buinis conclusions e pôcs minûts prime dal interval si fâs butâ te aree di rigôr: Doveri al sivile, al tire Dybala e al rive l’un a un.
Chês stessis dinamichis de prime frazion a tornin a mostrâsi dopo dal interval, a tacâ di un biel cross di Pisano par Barreto e dal dribbling di Dybala te aree blancje e nere, che al mande in crisis Guillherme e Danilo e Doveri al sivile un altri penalty.
Karnezis al pare il tîr dai undis metris e l’Udin al rispuint cun Allan che al met Sorrentino tes condizions di fâ il salvadôr de sô scuadre. Chel rûl al sarà zuiât dai doi puartîrs in diviersis ocasions: Sorrentino al è tal puest just suntune acrobazie di Danilo e Karnezis si cjate a rispundi inte maniere juste ae punizion di Maresca tal minût 87, dopo jessi stât judât dal pâl suntune conclusion di Dybala.

Un pont che al vâl aur par tancj mutîfs. Une partide avonde biele, in tancj moments ancje spetacolâr, che si siere avonde ben pal Udin. Par sigûr miôr di chês cul Genoa e cu la Fiorentine. Alc al è alc.

Loris Vescovo al vinç la Targa Tenco, «alla faccia del dialetto e dei dialettanti»

LORIS

Al mancje pôc plui di un mês pe finâl des Targhe Tenco, il premi plui impuartant dal Stât talian in cont de cjançon di autôr, ma juste in zornade di vuê a son stâts dâts fûr in maniere uficiâl i nons dai vincidôrs.

Inte categorie dedicade aes produzions tai dialets talians e ta chês altris lenghis che si doprin dentri dal Stât talian il risultât al è stât chel che in tancj di nô si spietavin. E à vinçût la musiche furlane buine, biele, fuarte e cence confins, cul disc bileonon di Loris Vescovo, Penisolâti.
Il disc al rapresente ad in plen la sensibilitât di Loris e la sô capacitât di meti dongje folk, jazz, rock e world music e  tescj in stât di esprimi pinsîrs e sensazions cun snait, cun ironie e cun disincjant.
Al è pardabon un biel lavôr, cemût che si lei ancje achì .

Par doprâ un vecjo slogan di Persiana Jones, Penisolâti al è un disc di meti «nello stereo degli amici, alla faccia dei nemici», di scoltâ e di tornâ a scoltâ. E Loris Vescovo al è ancje un plasê viodilu e scoltâlu dal vîf. La sperance e je che in graciis de Targa Tenco si rivi a viodilu e a scoltâlu di plui ator e magari ancje a Turin.

Dongje de gjonde e de braùre par chest ricognossiment, in spiete de serade di Sanremo dai 6 di Dicembar, no podìn fâ di mancul di pandi un ciert disorientament in cont dal Premio Tenco o almancul di cui che al scrîf i comunicâts pe stampe. Isal pussibil che ancjemò tal 2014 e dopo agns che dentri tai finaliscj a son rivâts plui voltis artiscj furlans, sarts e ocitans, a sedin in stât di doprâ dome la definizion di «opere in dialetto»?

Loris Vescovo al è brâf ma stant che tal so disc a son tocs sei par talian che par furlan no si capìs ben dulà che al è il «dialetto». Forsit al è tal toc «Barcarolo», che al recupere une vecje cjançon popolâr veneziane.

Che al sedi clâr: no vin nuie cuintri dai dialets talians e no pensìn che i dialets talians a valin di mancul des lenghis, però il furlan al è une lenghe.
Par chest o sin contents pe Targa Tenco che e je stade vinçude di Loris Vescovo e o pensìn che – par tornâ a doprâ il sproc dai Persiana Jones menzonât cumò denant – e sedi stade vinçude ancje… «alla faccia del dialetto e dei dialettanti».

PS. Dopo des ultimis partidis dal Udin, mancul mâl che cu la musiche al è alc di furlan che al vinç!

penisolâti

Udinese – Genoa 2-4

udin_neri

Al jere masse biel. Dopo de partide di Florence e di chê di îr cul Genoa  si cjatìn un pôc ducj a vê iniments il titul di chê innomenade cjançon di Dario Zampa. Tal zîr di une setemane l’Udin al passe «dalle stelle alle stalle»: de biele vitorie cuintri de Atalanta ai patafons cjapâts de bande Fiorentina  e dai gjenoans. Salacor il cuatri a doi di îr al bruse ancjemò di plui, par vie che di une bande al met in discussion un dai elements di fuarce de scuadre blancje e nere di chest an, la tignude in cjase, e di chê altre al palese une schirie di problemis tecnics, tatics e ancjemò di plui di mentalitât de bande de scuadre di mister Stramaccioni, là che a son masse disatenzions daûr e in gjenerâl personalitât e caratar a van al mancul.

Vie pe setemane al coventarà lavorâ e pensâi parsore par tornâ a dreçâsi cemût che al covente. Cun dut achel, no si à nancje di butâsi masse jù, parcè che alc di bon al reste, dal dinamisim di Widmer, che al segne il so prin gol in serie A, ae continuitât e al snait di Di Natale, che cumò i mancje some une segnadure par rivâ ae cuote 200. E la classifiche e podarès lâ ancje piês: mancul mâl che il Palermo al vinç cuintri dal Milan.

La partide dal Udin e tache benon. Dopo 23 seconts il gjenoan Leandro Greco al pastroce cul balon,  Kone al recupare la bale e le zire su Di Natale che al segne. I blancs e neris a guviernin la partide e la reazion dal Genoa no parturìs alc e ce e i vûl une bombe di fûr di Marchesi par rivâ a fâ un a un. Il gol al cambie i ecuilibris, cul Genoa che al cjape cûr e l’Udin che al è lambicât e disorientât. A rivin in cheste situazion i pastroçons prime di Gulherme – che però al sarà distès un dai miôr de zornade – e dopo soredut di Bruno Fernandes, che al met in crisi Karnezis, dut a pro di Iago che al segne.

Il Genoa al manten il control des operazions e l’Udin al reagjìs cul cjapitani Totò e cu la pression di Widmer. I doi a soi protagoniscj de azion che torne a meti il risultât in paritât, sierant la prime frazion di zûc.

Tal secont timp Stramaccioni al ten fûr Bruno Fernandes, che al à zirât a vueit tal prin timp, al met dentri Badu e al sposte Kone daûr di Thereau e Di Natale. La scuadre e prodûs alc, ma no avonde. Il Genoa al zonte ae sô buine conduzion tatiche e agonistiche ancje chel tic di fortune e di cinisim che al covente e cussì al rive il golon di Matri. La partide e devente pardabon di rive sùù pe scuadre di balon furlane, che e prove a zovâsi dal zovin Lucas Evangelista e po ancje di Muriel, ma cence risultâts, intant che il Genoa al rive a fâ ancjemò un gol cun Kucka.
Une vitorie che e conferme il bon moment dal Genoa e che e sune tant che une svearine pal Udin, par che al torni a vìe la umiltât e la personalitìat che a coventin par metisi in moviment.