L’Udin al scree la gnove stagjon cuntune sconfite. Miercus amichevule in Galizie e sabide la Cope Italie cul Frosinone

Sabide stade l’Udin al à screât in maniere uficiâl la sô stagjon 2017/2018. Tal cjamp dal stadi Friûl la scuadre di balon furlane si à presentade e e à zuiât une amichevule cuintri de scuadre olandese dal Az Alkmaar.

La partide, che e je finude cul sucès dai ospits 2-1, e à mostrât un Udin avonde dinamic e determinât in atac, cundut che la sô pression ofensive no je stade cussì produtive sot puarte, ancje par merit dal puartîr dai olandês, Bizot.
Vie pal prin timp i blancs e neris no àn rivât a butâle dentri ni cun Thereau e nancje cun De Paul, intant che in difese a àn palesât cualchi dificoltât, che di chês al à profitât l’Az Alkmaar.
La prime frazion si à sierade cul dopli vantaç dai osipts, in graciis dai goi di Vejinovic e Van Overeem, che tal ultin cuart di ore prime de polse a cjatavin la strade par sbusâ la puarte difindude di Simone Scuffet.

Tal secont timp la scuadre di mister Delneri e tornave a fracâ sul aceleradôr, poiantsi sul dinamisim di Perica e su la iniziative di De Paul, ma il gnûf tentatîf di Lasagna nol cjatave la strade dal gol, che impen al rivave dîs minûts dopo dal interval cuntun rigôr di Perica.

L’atacant cravuat al è stât un dai miôr de formazion furlane e al è stât protagonist ancjemò di altris azions ofensivis, di bessôl e adun cun Lasagna e Fofana. Magari cussì no, nissun dai lôr tentatîfs di bati Bizot al jonzeve il risultât e la partide si sierave cul sucès dai olandês.
Te ultime part dal incuintri si à viodût in cjamp ancje l’ultin gnûf rivât Bajic.

La agjende dai blancs e neris cumò e proviôt une trasfierte in Galizie, là che miercus a zuiaran cuintri dal Celta Vigo, intant che sabide ai 12 di Avost al sarà il prin impegn ad in plen uficiâl cu la partide di Cope Italie, a Udin, cuintri dal Frosinone.

A part il risultât e cualchi disatenzion di masse in difese, la scuadre di balon furlane e somee jessi za in condizions atletichis buinis e cuntune buine dose di snait e di mentalitât.

Sperìn in ben e che e ledi simpri miôr. E soredut sperìn che lis prestazions e ancje i risultâts dal Udin a sedin miôr di chel sproc pardabon lami e flap che la societât e à sielzût pe campagne abonaments di chest an.

Advertisements

Usgnot al è il prin ciak di Suns Europe. Si scree la Mostre dal Cine

Loreak

E je finalmentri ore di Suns Europe. Usgnot a Udin si scree il prin e unic Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis. L’apontament al è li dal cine Visionario cu la viertidure de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion cinematografiche e audiovisive.

Suns Europe – Mostre dal Cine al sarà tignût a batisim de prime proiezion in assolût intal Stât talian di Loreak di Jon Garaño e Jose Mari Goenaga, la pelicule basche candidade ai Oscar pal miôr cine forest, e di Capo e croce. La ragione dei pastori di Marco Antonio Pani e Paolo Carboni, documentari sart premiât intal 2014 al festival Cinemambiente di Turin.

Loreak al è une comedie plene di sorpresis: un film intrigant li che si incrosin lis storiis di trê feminis che sul imprin no si cognossin e chê di un om. Dai lôr dramis personâi vivûts in cidinôr e che si disvelin a planc a planc e ven fûr une comedie dai contors sureâi cun misteriôs macs di rosis ufierts e consegnâts intune trame che si disglagne tant che un thriller.

capocroce

Capo e croce. La ragione dei pastori al conte la lote dai pastôrs sarts par difindi il lôr lavôr e la lôr dignitât. I doi regjiscj a mostrin sei lis manifestazions fatis in Sardegne e intal “continent”, sei la vite di ogni dì dai pastors, marcant lis lôr dificoltâts e la impuartance di une ativitât che e rispiete la nature e la tradizion.

La serade e previôt ancje la proiezion dal spot promozionâl pal ûs sociâl de lenghe furlane, +FigoXFurlan, metût adun di Giorgio Cantoni interpretât di Daniel Samba.

Pe proiezion a saran presints in sale sei la atore Itziar Ituño, intant che la dì seguitive al sarà un incuintri public cul atôr protagonist Josean Bengoetxea, sei Marco Antonio Pani e Paolo Carboni al è un dai fondadôrs dal Babel Film Festival di Casteddu/Cagliari.

jordi cadena

Tra i titui in cartelon che a vignaran presentâts a Udin vie par chescj cuatri dîs di Mostre dal Cine a figurin ancje il catalan La Por di Jordi Cadena, il groenlandês Sumè – Mumisitsinerup Nipaa di Inuk Silis Høegh, il galês Y Syrcas di Kevin Allen, l’ocitan La Barma di Fredo Valla – cognossût ancje tant che senegjatôr dal cine di Giorgio Diritti Il vento fa il suo giro – e Âf Blu, opare origjinâl di animazion in lenghe furlane di Serena Di Blasio e Giulia Spanghero, che e fronte cun delicatece il teme dal rispiet de diversitât.

Tra lis produzions in lenghe furlane a son ancje  +Sklet/XTremetv di Giorgio Cantoni e Felici ma Furlans di Tommaso Pecile e Alessandro Di Pauli.

suns_vert

Il program de Mostre dal Cine al previôt ancje incuintris cun autôrs e atôrs e proiezions speciâls pes scuelis.

Suns Europe 2015 al è un progjet metût adun cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Il program di dut il festival in detai si pues leilu e discjamâlu achì.

Lis lenghis ‘altris’ sul schermi a Udin, a Turin e cumò a Casteddu

babelmark

Al è timp di festivals cinematografics e di lenghis minoritariis in mostre sul schermi grant.
Dai 20 ai 23 di Novembar a Udin si à davuelte la tierce Mostre dal Cine, rassegne dedicade al cine tes lenghis des nazions cence stât de Europe di soreli a mont. In cuatri dîs il cine furlan si à cjatât intune cun chel sart, basc, catalan e galizian. Tra i films che a son stâts proietâts li dal Visionario di Udin a son stâts preseâts une vore, par esempli, ‘Su Re’ di Giovanni Columbu, il documentari catalan ‘Velocitat’, che al conte dal TAV che al varès di colegâ Barcelone e Parîs, e il film basc ‘Barrura Begiratzeko Leihoak (Ventanas al interior)’, opare di cinc regjiscj che e conte cinc storiis di ancjetancj presonîrs politics. Biel e interessant ancje ‘Fènix11*23’ di Joel Joan e Sergi Lara, un cine di finzion che però al conte une storie vere, in chel stes sureâl, ridicule e dramatiche.

SuRe

Dai 22 ai 30 di Novembar e je stade ancje la edizion numar 31 dal Torino Film Festival, che daûr di une tradizion zaromai consolidade al à puartât in citât une rieste une vore siore di titui, tra curts e luncsmetraçs, cines di finzion e documentaris. Tra i tancj films tal cartelon a jerin ancje, fûr concors, il luncmetraç catalan ‘Historia de la meva mort’ di Albert Serra, za premiât a Locarno, e il documentari di Francesca Archibugi, ‘Parole Povere’, dedicât al poete furlan Pierluigi Cappello.
Il fat che il cine, se al è bon, al sedi tratîf indipendentementri de lenghe doprade, lu vin sperimentât a Turin ancje nô in ocasion des proiezions fatis par La mia lingua suona…IN TOUR. Visioni babeliche a Mirafiori ai 21 di Novembar stâts, in particolâr par vie de rEazion positive di chei che a jerin rivâts par câs li de Casa del Parco e li si son fermâts fint insom, colpîts de cualitâts des oparis.

HISTORIADELAMEVAMORT

Di cualchi dì une biele selezion di cines fats doprant lenghis minorizadis e altris codiçs periferics e ven presentade a Casteddu/Cagliari, in Sardegne, inte suaze de tierce edizion dal Babel Film Festival.
Il concors internazionâl inmaneât de bande de Cineteca Sarda, screât cuntune anteprime fate a Aristanis/Oristano ai 29 di Novembar, al è in plen davuelziment, dai 2 ai 7 di Dicembar. Dongje dai films in concors, tes trê sezions pai luncsmetraçs di finzion, pai curtsmetraç di finzion e pai documentarsi, a son in program altris proiezions speciâls e events che a tocjin diviers aspiets de creativitât tes lenghis minorizadis, a tacâ dal incuintri in musiche tra Sardegne e Friûl di chê altre sere dai 3 cui sarts Malasorti, Beppe Dettori, Dr Dreer & CRC Posse, cui catalans da L’Alguer Claudia Crabuzza e Gabriele Sanna e cun Lino Straulino.

jnk

Tra i i titui in concors al è ancje il film ‘JNK Oltri la ultime frontiere’ di Marco D’Agostini, che o vin viodût cuindis dîs indaûr propit a Turin.
Il program e dutis lis informazions in cont dal festival si cjatin achì.

“JNK-Oltri la ultime frontiere”

d'agostini

Par cui che al è in Friûl chel di doman al è un apontament che no si pues pierdilu. Cun di fat, ai 28 di Avost, a tacâ des 7 e mieze sot sere, li dal cine Visionario di Udin, si presente il film di Marco D’Agostini, “JNK-Oltri la ultime frontiere”.

Il documentari al è la gnove opare di un dai regjiscj furlans plui bulos de gnove gjenerazion, che in chescj agns al à doprât il lengaç dsal audiovisîf par contâ storiis interessantis, soredut di musiche e di migrazions.

Il film al conte dal viaç fat dal grup dai JoNoKognòs dal Friûl aes Asturiis e de lôr partecipazion al Liet International dal 2012 a Xixon/Gijon, tal Stât Spagnûl.

L’incuintri si vierç cuntun conciert de band, che e je une des miôr dal panorame de gnove musiche furlane dai ultins cuindis agns, cul so rock melodic e ben petât, in belance tra Seattle, Athens e il Friûl di Mieç.

Dopo de musiche dal vîf, a 9 sot sere si fasarà la prime proiezion publiche dal documentari che dongje di contâ un viaç tal spazi e tal timp, al fronte ancje altris argoments e al vierç prospetivis di profondiment su diviersis cuistions: la amicizie, il conflit tra gjenerazions, il vivi intun teritori lontan dai grancj centris, lis lenghis minoritariis e i dirits linguistics.

La jentrade e je sore nuie.


Dut un cine

SEGNAI11_2012cop

No je dome la musiche, che par plui motîfs e à une sô fuarce particolâr. Ancje la produzion audiovisive e je sei une forme di esistence e resistence culturâl des lenghis minorizadis che un strument pe lôr promozion, intune suaze complessive di tutele e normalizazion.
Al è emblematic ce che al è saltât fûr intai ultins trente agns in Friûl e par furlan, a tacâ dal classic e pionieristic “Maria Zef” e di chel “cult movie” che al è “Lidr
îs Cuadrade di Trê”.

La “Mostre dal Cine Furlan” e il “Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane” a àn judât il disvilup di gnovis produzion. La funzion di chestis dôs manifestazions inmaneadis dal CEC – Centro Espressioni Cinematografiche di Udin e je, in chest setôr, sù par jù compagne di chê davuelte tal cjamp de musiche dal “Premi Friûl”.

Juste une desene di dîs indaûr, ai 18 di Dicembar, si è davuelte li dal Visionario di Udin  la premiazion de novesime edizion dal “Concors”.

Ve chi cemût che e je lade.

concors

La jurie de novesime edizion dal “Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane”, componude di Giorgio Cantoni, Roberto Iacovissi e Donato Toffoli, che si jerin dâts dongje ai 9 di Otubar dal 2012, dopo di vê valutât ducj i lavôrs presentâts in concors e à assegnât chescj premis:

Pe sezion senegjaturis il prin premi al è lât a “La conte dal re e da la badante” di Andro Peressutti e Riccardo Sabbadini cun cheste motivazion: “Pe sô origjinalitât e pal stîl inovatîf riferît aes tematichis frontadis intune prospetive sureâl e metafisiche”.

Cun di plui, la jurie e à vût chê di segnalâ la senegjature “La strie” di Linda Picco e Andrea Carta cun cheste motivazion: “Une senegjature sute, svelte e ben sestade”.

Pe sezion storiis par film, la jurie e à decidût di segnalâ “La cliniche dai mats” di Flavio D’Osualdo cun cheste motivazion: “Une storie contade cun fantasie, cuntun bon ritmi e cun capacitât di coinvolziment”.

Pe sezion storiis par film la jurie no à assegnât il prin premi e pe sezion dedicade ai saçs e à decidût di no assegnâ nissun ricognossiment.

Pal 2012, la jurie e à conferît il premi “Mario Quargnolo” – premi bienâl dedicât a autôrs e personalitâts dal mont dal cine che a àn dât un contribût sostanziâl pe cressite dal audiovisîf furlan – al regjist Massimo Garlatti-Costa cun cheste motivazion: “Pal impegn inte ativitât che al puarte indenant di agns incà par un cine in lenghe furlane di cualitât e inovatîf”.

Tra lis altris, Massimo Garlatti-Costa al veve partecipât cuntune sô opare a di une iniziative inmaneade a Turin de associazion Lidrîs e Butui ancjemò tal 2003.

Dilunc de serade, tra premiazions e proiezions, a son stadis presentadis ancje dôs publicazions: il numar 11 de riviste di cine in lenghe furlane “Segnâi di lûs” e il libri “I lûcs dal cine / I luoghi del cinema / Kraji filma” di Carlo Gaberscek.