Usgnot al è il prin ciak di Suns Europe. Si scree la Mostre dal Cine

Loreak

E je finalmentri ore di Suns Europe. Usgnot a Udin si scree il prin e unic Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis. L’apontament al è li dal cine Visionario cu la viertidure de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion cinematografiche e audiovisive.

Suns Europe – Mostre dal Cine al sarà tignût a batisim de prime proiezion in assolût intal Stât talian di Loreak di Jon Garaño e Jose Mari Goenaga, la pelicule basche candidade ai Oscar pal miôr cine forest, e di Capo e croce. La ragione dei pastori di Marco Antonio Pani e Paolo Carboni, documentari sart premiât intal 2014 al festival Cinemambiente di Turin.

Loreak al è une comedie plene di sorpresis: un film intrigant li che si incrosin lis storiis di trê feminis che sul imprin no si cognossin e chê di un om. Dai lôr dramis personâi vivûts in cidinôr e che si disvelin a planc a planc e ven fûr une comedie dai contors sureâi cun misteriôs macs di rosis ufierts e consegnâts intune trame che si disglagne tant che un thriller.

capocroce

Capo e croce. La ragione dei pastori al conte la lote dai pastôrs sarts par difindi il lôr lavôr e la lôr dignitât. I doi regjiscj a mostrin sei lis manifestazions fatis in Sardegne e intal “continent”, sei la vite di ogni dì dai pastors, marcant lis lôr dificoltâts e la impuartance di une ativitât che e rispiete la nature e la tradizion.

La serade e previôt ancje la proiezion dal spot promozionâl pal ûs sociâl de lenghe furlane, +FigoXFurlan, metût adun di Giorgio Cantoni interpretât di Daniel Samba.

Pe proiezion a saran presints in sale sei la atore Itziar Ituño, intant che la dì seguitive al sarà un incuintri public cul atôr protagonist Josean Bengoetxea, sei Marco Antonio Pani e Paolo Carboni al è un dai fondadôrs dal Babel Film Festival di Casteddu/Cagliari.

jordi cadena

Tra i titui in cartelon che a vignaran presentâts a Udin vie par chescj cuatri dîs di Mostre dal Cine a figurin ancje il catalan La Por di Jordi Cadena, il groenlandês Sumè – Mumisitsinerup Nipaa di Inuk Silis Høegh, il galês Y Syrcas di Kevin Allen, l’ocitan La Barma di Fredo Valla – cognossût ancje tant che senegjatôr dal cine di Giorgio Diritti Il vento fa il suo giro – e Âf Blu, opare origjinâl di animazion in lenghe furlane di Serena Di Blasio e Giulia Spanghero, che e fronte cun delicatece il teme dal rispiet de diversitât.

Tra lis produzions in lenghe furlane a son ancje  +Sklet/XTremetv di Giorgio Cantoni e Felici ma Furlans di Tommaso Pecile e Alessandro Di Pauli.

suns_vert

Il program de Mostre dal Cine al previôt ancje incuintris cun autôrs e atôrs e proiezions speciâls pes scuelis.

Suns Europe 2015 al è un progjet metût adun cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Il program di dut il festival in detai si pues leilu e discjamâlu achì.

Lis lenghis ‘altris’ sul schermi a Udin, a Turin e cumò a Casteddu

babelmark

Al è timp di festivals cinematografics e di lenghis minoritariis in mostre sul schermi grant.
Dai 20 ai 23 di Novembar a Udin si à davuelte la tierce Mostre dal Cine, rassegne dedicade al cine tes lenghis des nazions cence stât de Europe di soreli a mont. In cuatri dîs il cine furlan si à cjatât intune cun chel sart, basc, catalan e galizian. Tra i films che a son stâts proietâts li dal Visionario di Udin a son stâts preseâts une vore, par esempli, ‘Su Re’ di Giovanni Columbu, il documentari catalan ‘Velocitat’, che al conte dal TAV che al varès di colegâ Barcelone e Parîs, e il film basc ‘Barrura Begiratzeko Leihoak (Ventanas al interior)’, opare di cinc regjiscj che e conte cinc storiis di ancjetancj presonîrs politics. Biel e interessant ancje ‘Fènix11*23’ di Joel Joan e Sergi Lara, un cine di finzion che però al conte une storie vere, in chel stes sureâl, ridicule e dramatiche.

SuRe

Dai 22 ai 30 di Novembar e je stade ancje la edizion numar 31 dal Torino Film Festival, che daûr di une tradizion zaromai consolidade al à puartât in citât une rieste une vore siore di titui, tra curts e luncsmetraçs, cines di finzion e documentaris. Tra i tancj films tal cartelon a jerin ancje, fûr concors, il luncmetraç catalan ‘Historia de la meva mort’ di Albert Serra, za premiât a Locarno, e il documentari di Francesca Archibugi, ‘Parole Povere’, dedicât al poete furlan Pierluigi Cappello.
Il fat che il cine, se al è bon, al sedi tratîf indipendentementri de lenghe doprade, lu vin sperimentât a Turin ancje nô in ocasion des proiezions fatis par La mia lingua suona…IN TOUR. Visioni babeliche a Mirafiori ai 21 di Novembar stâts, in particolâr par vie de rEazion positive di chei che a jerin rivâts par câs li de Casa del Parco e li si son fermâts fint insom, colpîts de cualitâts des oparis.

HISTORIADELAMEVAMORT

Di cualchi dì une biele selezion di cines fats doprant lenghis minorizadis e altris codiçs periferics e ven presentade a Casteddu/Cagliari, in Sardegne, inte suaze de tierce edizion dal Babel Film Festival.
Il concors internazionâl inmaneât de bande de Cineteca Sarda, screât cuntune anteprime fate a Aristanis/Oristano ai 29 di Novembar, al è in plen davuelziment, dai 2 ai 7 di Dicembar. Dongje dai films in concors, tes trê sezions pai luncsmetraçs di finzion, pai curtsmetraç di finzion e pai documentarsi, a son in program altris proiezions speciâls e events che a tocjin diviers aspiets de creativitât tes lenghis minorizadis, a tacâ dal incuintri in musiche tra Sardegne e Friûl di chê altre sere dai 3 cui sarts Malasorti, Beppe Dettori, Dr Dreer & CRC Posse, cui catalans da L’Alguer Claudia Crabuzza e Gabriele Sanna e cun Lino Straulino.

jnk

Tra i i titui in concors al è ancje il film ‘JNK Oltri la ultime frontiere’ di Marco D’Agostini, che o vin viodût cuindis dîs indaûr propit a Turin.
Il program e dutis lis informazions in cont dal festival si cjatin achì.

“JNK-Oltri la ultime frontiere”

d'agostini

Par cui che al è in Friûl chel di doman al è un apontament che no si pues pierdilu. Cun di fat, ai 28 di Avost, a tacâ des 7 e mieze sot sere, li dal cine Visionario di Udin, si presente il film di Marco D’Agostini, “JNK-Oltri la ultime frontiere”.

Il documentari al è la gnove opare di un dai regjiscj furlans plui bulos de gnove gjenerazion, che in chescj agns al à doprât il lengaç dsal audiovisîf par contâ storiis interessantis, soredut di musiche e di migrazions.

Il film al conte dal viaç fat dal grup dai JoNoKognòs dal Friûl aes Asturiis e de lôr partecipazion al Liet International dal 2012 a Xixon/Gijon, tal Stât Spagnûl.

L’incuintri si vierç cuntun conciert de band, che e je une des miôr dal panorame de gnove musiche furlane dai ultins cuindis agns, cul so rock melodic e ben petât, in belance tra Seattle, Athens e il Friûl di Mieç.

Dopo de musiche dal vîf, a 9 sot sere si fasarà la prime proiezion publiche dal documentari che dongje di contâ un viaç tal spazi e tal timp, al fronte ancje altris argoments e al vierç prospetivis di profondiment su diviersis cuistions: la amicizie, il conflit tra gjenerazions, il vivi intun teritori lontan dai grancj centris, lis lenghis minoritariis e i dirits linguistics.

La jentrade e je sore nuie.


Dut un cine

SEGNAI11_2012cop

No je dome la musiche, che par plui motîfs e à une sô fuarce particolâr. Ancje la produzion audiovisive e je sei une forme di esistence e resistence culturâl des lenghis minorizadis che un strument pe lôr promozion, intune suaze complessive di tutele e normalizazion.
Al è emblematic ce che al è saltât fûr intai ultins trente agns in Friûl e par furlan, a tacâ dal classic e pionieristic “Maria Zef” e di chel “cult movie” che al è “Lidr
îs Cuadrade di Trê”.

La “Mostre dal Cine Furlan” e il “Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane” a àn judât il disvilup di gnovis produzion. La funzion di chestis dôs manifestazions inmaneadis dal CEC – Centro Espressioni Cinematografiche di Udin e je, in chest setôr, sù par jù compagne di chê davuelte tal cjamp de musiche dal “Premi Friûl”.

Juste une desene di dîs indaûr, ai 18 di Dicembar, si è davuelte li dal Visionario di Udin  la premiazion de novesime edizion dal “Concors”.

Ve chi cemût che e je lade.

concors

La jurie de novesime edizion dal “Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane”, componude di Giorgio Cantoni, Roberto Iacovissi e Donato Toffoli, che si jerin dâts dongje ai 9 di Otubar dal 2012, dopo di vê valutât ducj i lavôrs presentâts in concors e à assegnât chescj premis:

Pe sezion senegjaturis il prin premi al è lât a “La conte dal re e da la badante” di Andro Peressutti e Riccardo Sabbadini cun cheste motivazion: “Pe sô origjinalitât e pal stîl inovatîf riferît aes tematichis frontadis intune prospetive sureâl e metafisiche”.

Cun di plui, la jurie e à vût chê di segnalâ la senegjature “La strie” di Linda Picco e Andrea Carta cun cheste motivazion: “Une senegjature sute, svelte e ben sestade”.

Pe sezion storiis par film, la jurie e à decidût di segnalâ “La cliniche dai mats” di Flavio D’Osualdo cun cheste motivazion: “Une storie contade cun fantasie, cuntun bon ritmi e cun capacitât di coinvolziment”.

Pe sezion storiis par film la jurie no à assegnât il prin premi e pe sezion dedicade ai saçs e à decidût di no assegnâ nissun ricognossiment.

Pal 2012, la jurie e à conferît il premi “Mario Quargnolo” – premi bienâl dedicât a autôrs e personalitâts dal mont dal cine che a àn dât un contribût sostanziâl pe cressite dal audiovisîf furlan – al regjist Massimo Garlatti-Costa cun cheste motivazion: “Pal impegn inte ativitât che al puarte indenant di agns incà par un cine in lenghe furlane di cualitât e inovatîf”.

Tra lis altris, Massimo Garlatti-Costa al veve partecipât cuntune sô opare a di une iniziative inmaneade a Turin de associazion Lidrîs e Butui ancjemò tal 2003.

Dilunc de serade, tra premiazions e proiezions, a son stadis presentadis ancje dôs publicazions: il numar 11 de riviste di cine in lenghe furlane “Segnâi di lûs” e il libri “I lûcs dal cine / I luoghi del cinema / Kraji filma” di Carlo Gaberscek.