Furlan in Rai. Forsit e je la pussibilitât di rivâ a fâ un (piçul) pas indenant

Dôs setemanis indaûr in Friûl si à tornât a fevelâ di furlan in Rai. La ocasion e je stade chê di doi incuintris di caratar politic e istituzionâi in cont di chê che e sarà la gnove convenzion jenfri la Presidence dal Consei dai ministris dal Stât talian e la Rai, che e tocje la ativitât de sede regjonâl par Triest e pe plui part dal Friûl.

Al è saltât fûr che si proviôt di incressi il numar di oris di radiofonie in lenghe furlane – che pal moment a son novante, une vore pocjis – e soredut chel des trasmissions televisivis par furlan, che par cumò di fat no esistin. Par chel si impegnaran plui risorsis di chês dopradis fin cumò (che a son 200mil euros ad an): al è cui chel al à dit che a saran sù per jù 800mil.
Cualchi sorestant al à fat declarazions altitonantis, che a son stadis cjapadis sù de plui part dai media cence masse atenzion e cence nissun aprofondiment.

Ator pe rêt si son lets ancje i coments di uns pôcs di lôr, tra disincjant (“si fevele di furlan in Rai di passe vincj agns, la legjislazion di tutele no je stade ancjemò metude in vore e ancje in cheste ocasion al è pericul che a sedin dome cjacaris…”) e sperance rassegnade (“alc al è alc, nuie al è nuie”…). Si puedin capî dutis chestis posizions, ancje se in realtât l’ategjament al varès di jessi un altri: ni depression e nancje esaltazion.

Lu sclarìs ben l’articul di Marco Stolfo che al è jessût ai 4 di Mai sul Messaggero Veneto, là che in particolâr a vegnin fatis indenant propuestis e osservazions.
Magari cussì no, par vie di un erôr di composizion tipografiche, chel articul al è saltât fûr cu la firme di un innomenât pitôr e cuntun titul che al fevelave di art e di pandemie.
Al è probabil che par chel tancj di lôr, che magari lu varessin let vulintîr, probabilmentri no son incauarts nancje de sô publicazion. Cussì, in cunvigne cul autôr, o tornìn a publicâlu culì.

  monoscopiorai

Un piccolo passo in avanti, forse. La questione della (mancata) garanzia della presenza di trasmissioni informative e di intrattenimento in lingua friulana nella programmazione radiotelevisiva regionale della Rai sembra essere vicina ad una soluzione, sebbene assai parziale e limitata. È quanto emerge dall’esito di due incontri in videoconferenza che si sono tenuti il 24 e il 27 aprile.

Al primo hanno preso parte due esponenti del M5S (il deputato Luca Sut e il consigliere regionale Mauro Capozzella), il presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana e sindaco di Valvasone Arzene, Markus Maurmair, e il direttore delle Relazioni istituzionali Rai, Stefano Luppi. Al secondo, convocato d’urgenza dal Corecom del Friuli-VG alla luce dell’imminente scadenza dell’attuale convenzione tra il Dipartimento Informazione Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Rai riguardante la sede regionale della concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, l’assessore regionale per le lingue minoritarie, Pierpaolo Roberti, il direttore generale di Rai Corporate, Alberto Matassino, e il direttore delle sede regionale, Guido Corso.

In entrambi i casi si è parlato di friulano in Rai, nel quadro della nuova convenzione riguardante la sede regionale, che dovrebbe essere perfezionata prima dell’estate per avere attuazione a partire da ottobre. A quanto pare, sarà finalmente formalizzato un minimo di continuità dell’offerta televisiva in lingua friulana e ne sarà incrementata la presenza alla radio, tuttavia al momento non ci sono dati certi circa le ore di trasmissione e le risorse finanziarie destinate a tal fine. Sarà inoltre valorizzata la produzione “interna” alla sede regionale ed è prevista una commissione Governo-Regione-Rai, chiamata a approfondire e valutare concretamente i contenuti della convenzione stessa.

Con la consapevolezza che, pur nella migliore delle ipotesi, saremo ancora lontani dall’effettiva attuazione della legge statale di tutela delle minoranze linguistiche (la L. 482/1999) in questo ambito, e prendendo atto dell’efficacia dell’azione dell’Assemblea della Comunità linguistica friulana, che coerentemente con le sue finalità istituzionali ha riportato in auge un tema che riguarda i diritti dei cittadini e la qualità e l’efficacia di un fondamentale servizio pubblico, ci permettiamo di suggerire a chi di dovere di intervenire affinché la nuova convenzione sia veramente “un buon inizio”.

Ciò significa, in primo luogo, chiedere ed ottenere che con la nuova convenzione sia creata una struttura formalmente dedicata alla radio e alla tv in lingua friulana. Ad oggi quel poco di friulano presente in Rai dipende dalla struttura di programmazione in lingua italiana: tra forma e sostanza, è un po’ come se una macelleria fosse responsabile del cibo per vegetariani e vegani.

Un altro aspetto riguarda la qualità del servizio e le prospettive occupazionali con la selezione ed il riconoscimento delle professionalità specifiche di chi opera in questo campo, soprattutto se – come è giusto ed auspicabile – la nuova offerta radiotelevisiva prevede anche spazi informativi. Per tutto ciò, ovviamente, servono risorse adeguate.

L’avvio di una “vera” programmazione tv in lingua friulana, infine, può contribuire a rafforzare e valorizzare Raitre Bis, che grazie al digitale terrestre ormai copre l’intera regione e potrebbe così offrire, con continuità e varietà, un effettivo palinsesto multilingue, regionale e transfrontaliero, eventualmente sviluppato anche in collaborazione con le tv pubbliche di Austria e Slovenia.

Lenghe furlane, ultins apontaments cui cors pai aministradôrs a Caprive e a Tumieç


A son daûr a finî i cors di formazion su la tutele des minorancis e in particolâr in cont de tutele de lenghe e de comunitât furlane. La iniziative formative e je stade inmaneade de Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane (ACLiF), l’organisim di rapresentance dai comuns furlanofons de Regjon Friûl-VJ, e dal CIRF, il Centri interdipartimentâl pal disvilup de lenghe e culture dal Friûl de Universitât di Udin, cun chê di meti a disposizion dai aministradôrs locâi e dai dipendents des aministrazions publichis lis cognossincis di fonde in cont di cheste cuistion che je une vore impuartante pal Friûl e pe regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest.

I cors, che a son vierts ancje ae partecipazion di ducj chei che a’nt vuelin savê alc in plui, a son stâts screâts ai 26 di Otubar cuntun incuintri public a Udin, e si davuelzin in cinc localitâts dal Friûl.
Ognidun di chei al è struturât in dôs lezions, là che a vegnin frontâts diviers aspiets de cuistion: si va de suaze teoriche e di chê normative di riferiment aes politichis linguistichis, jenfri garanzie di dirits fondamentâi, promozion dal patrimoni culturâl fintremai, potenziament de coesion sociâl e ricjadudis economichis pussibilis par dute la citadinance.

I cors di Tresesin, di Palme e di Spilimberc a son za finûts. Dentri di cheste setemane si sieraran ancje chei di Caprive e di Tumieç.
L’apontament tal centri dal Friûl orientâl al è par Joibe ai 12 di Dicembar a 6 sore sere li dal Centri Civic di place Vitorie 1. Chel inte “capitâl de Cjargne” al è par Vinars ai 13 a 5 inte Sale Conferencis dal Municipi (in place XX di Setembar 1).
Cui che al vûl partecipâ al pues ancjemò notâsi, contatant il CIRF ai numars telefonics 0432-556480 e 0432-556486 o al indreçament di pueste eletroniche cirf@uniud.it.

Kop + At Versaris + la Fera Ferotge + Mocker’s + Claudia Crabuzza + Silvia MIchelotti = Babêl Europe 20/2019

Musichis di scoltâ e atualitât di cognossi e di capî. La gnove pontade di Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl intes lenghis minorizadis de Europe che al cjate spazi inte programazion di Radio Onde Furlane il martars a undis a buinore e po, in repliche, tal dopo di misdì di miercus a une dopo e di sabide a une e mieze, e pontarà la sô atenzion su ce che al è sucedût e al è daûr a sucedi in Catalogne, là che je stade dade fûr la sentence dal Tribunâl Suprem dal Stât Spagnûl cuintri dai ativiscj e dai politics catalans arestâts dopo dal referendum pe autodeterminazion dal 1° Otubar dal 2017.

Si fevelarà ancje de iniziative cuintri des servitûts militârs inmaneade a Capo Frasca in Sardegne e si tornarà a vierzi il barcon in anteprime su la edizion 2019 di Suns Europe, il festival des arts tes lenghis minorizadis dal nestri continent che si davuelzarà in Friûl ae fin di Novembar e ai prins di Dicembar.

E sarà la ocasion par scoltâ cercis dal repertori di Kop, At Versaris, La Fera Ferotge e Claudia Crabuzza e par cjatâ altris doi protagoniscj de sezion musicâl de gnove edizion di Suns Europe: la cjantautore furlane Silvia Michelotti e i rockers bascs Mocker’s.

Babêl Europe si pues scoltâle su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu). Dopo des sôs trê emissions vie pe setemane (vuê in direte, doman e sabide in repliche), ancje cheste gnove pontade si pues tornâ a scoltâle in rêt su Spreaker e su Spotify.

La Fieste de Liberazion di vuê, la Resistence di ducj i dîs. Buine Zornade dai 25 di Avrîl

Partigjans

Vuê e je la zornade dai 25 di Avrîl. Chest an al è ancjemò plui impuartant memoreâ la Fieste de Liberazion. Cul aiar che al tire, ator par Stât talian e ancje inaltrò, al è impuartantons jessi “plens” di memorie in cont di ce che al è stât, di cui che al à fat ce e parcè e cemût e duncje “plens” di cussience storiche, civiche e democratiche.

Resistence, Liberazion, Costituzion, Democrazie no son – e no àn di jessi – peraulis vuedis. No je dome une cuistion di memorie storiche, che magari cussì no e ven mistificade simpri plui ancje (e soredut) de bande dai rapresentants des istituzions republicanis. E je ancje une cuistion di cussience e di sensibilitât civiche, sociâl, politiche e umane.
Cognossi e ricuardâ al vûl dî savê, capî e stâ in vuaite, pronts a fâi cuintri al fassisim e al nazisim, in dutis lis lôr manifestazions, e duncje a dutis chês formis di bausie, di injustizie, di prevaricazion, di violence, di intolerance, di razisim, di fanatisim nazionalist che a tornin a fâsi indenant.

Fâ fieste pai 25 di Avrîl al vûl dî jessi pronts, ognidun, a puartâ indenant la nestre Resistence di ogni dì.Cussi fâ fieste pe Resistence e pe Liberazion al è un dirit e salacor ancje un dovê. Un dovê di memorie e di ricognossince par cui che al à lotât cuintri dal fassisim e dal nazisim. Un dovê di atenzion e cussience in direzion di ce che al sucêt tal mont e ta chês piçulis parts di mont là che si cjatìn a vivi. Un dovê di solidarietât cun cui che achì o inaltrò al lote, al scombat e al resist.

Buine zornade dai 25 di Avrîl, fieste civiche taliane, fieste furlane, fieste europeane, fieste umane.

Buine Resistence.

 

Alan Stivell + Claudia Aru + Fermin Muguruza & Chalart58 + Euskal Herria amb Catalunya +Yann Fañch Kemener = Babêl Europe 6/2019

Discs in circolazion di un pôc di timp, concierts e atualitât, tra musiche, cronache e politiche. Vuê, martars ai 19 di Març, a 11 a buinore e po in repliche doman, miercus ai 20, a une dopo di misdì e sabide ai 23 a une e mieze te programazion di Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât e al presente un menù di cheste fate.

In particolâr, inte pontade numar 6 dal 2019 si scoltarà une gnove cerce di Human/Kelt, il disc plui resint di Alan Stivell, che di passe cincuante agns al è un personaç di ponte de gnove musiche bretone e de world music in gjenerâl e che il so tour leât ae gnove produzion al tocje il Stât talian cun trê datis juste in chescj dîs: joibe ai 21 a Rome li dal Auditorium Parco della Musica, vinars ai 22 a Mestre li dal Teatro Corso e sabide ai 23 a Morbegno li dal Auditorium Sant’Antonio.

Lant daûr des presentazions dal so cine di animazion Black is Beltza inte suaze di diviers festivals ator pal mont, si tornarà a scoltâ ancje alc dal repertori di Fermin Muguruza e in particolâr di chel disc metût adun tal 2017 cul dj e produtôr catalan Chalart58.
E sarà ancje la ocasion par scoltâ la cjantante sarde Claudia Aru e la version bilengâl basc/catalan dal supergrup Euskal Herria amb Catalunya de cjançon di Lluis Llach ‘L’Estaca’, che te sô version origjinâl e à marcât la grande manifestazion in solidarietât cui presonîrs politics catalans e a pro dal dirit di decidi che si à davuelte sabide stade a Madrid, e par ricuardâ il cjantant breton Yann Fañch Kemener, che impen juste sabide stade al è muart.

Radio Onde Furlane si pues scoltâle sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 Mhz pe plui part de Cjargne e in streaming, di cualsisedi bande dal mont là che e sedi une conession internet, ae direzion www.ondefurlane.eu.

Dopo des trê emissions de setemane ancje cheste pontade di Babêl Europe si podarà tornâ a scoltâle in podcast cun Spreaker e Spotify.

La solidarietât dal Friûl ae Catalogne doman in place a Udin

Doman a buonore, di 11 fin misdì, al è in program a Udin, in place Sant Jacum, un presidi in difese de democrazie, des libertâts civîls e dai dirits umans cumò sot atac in Catalogne par vie de repression politiche e judiziarie metude in at cuintri dal indipendentisim catalan de bande dal guvier centrâl spagnûl e des fuarcis spagnolistis.

Cundut che la decision dai judiçs todescs di refudâ la estradizion dal president catalan Carles Puigdemont pai reâts di ribelion e sedizion e da un colp dûr al cjistiel judiziari imbastît de magjistrature spagnole, no si pues dismenteâ che in dì di vuê la autonomie catalane e reste suspindude e che nûf dirigjents indipendentiscj catalans si cjatin intes presons spagnolis intant che altris sîs a son in esili.

La iniziative e à chê di riclamâ la atenzion su cheste situazion che e fâs a pugns cu lis fondis de democrazie e de libertât, e di manifestâ in maniere visibile la solidarietât dai furlans ai catalans.

Il presidi al è inmaneât dai Manoâi pe autonomie e al gjolt de poie di diviersis organizazions espression de aree autonomiste e nazionalitarie furlane.

E je une iniziative interessante: a pro de democrazie, des libertâts civîls e dai dirits umans in Catalogne e inaltrò in Europe e tal mont e a pro de Europe dai popui e dai citadins.

Cui che al è in Friûl – massime cui che si cjate des bandis di Udin – al fâs ben a cjapâ sùù l’invît fat indenant dai organizadôrs e cjatâsi in place S. Jacum, se pussibil cun intor alc di zâl, colôr de solidarietât ai presonîrs politics catalans.

Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Sapade/Plodn, un toc di Friûl che al torne in Friûl

Ancje la Cjamare dai Deputâts e à votât a pro dal passaç di Sapade/Plodn de Regjon Venit ae Regjon Friûl-VJ. Vuê cualchi minût prime des dôs dopo di misdì al è rivât il vôt finâl: 257 a pro, 20 cuintri e 74 astignûts.

Il test, che al jere za stât fat bon dal Senât, al jere stât fermât ae Cjamare la setemane stade, dopo che il Consei regjonâl dal Venit si veve lamentât che al mancjave il so parê.

Al jere, evidentementri, dome un dai tancj tentatîfs – i ultins a son stâts chei fats di un pôcs di deputâts venits îr tal ufici di presidence e ancjemò vie pe buinore in aule – di blocâ l’iter parlamentâr, di rinviâ la discussion e la votazion e duncje di pidimentâ la conclusion positive dal percors fat de afermazion de volontât de int di chê part di Friûl che e veve voie di tornâ in Friûl, cu la jentrade te Regjon autonome Friûl-VJ.

Par fâle lâ sù pai stecs, i nemîs de tornade in Friûl di Sapade/Plodn lis vevin provadis dutis e a ducj i nivei, e ancje dopo dal vôt a son za chei che i domandin al president Mattarella di no firmâ la leç fate buine vuê.

Ancjemò vie pes ultimis setemanis, però, ancje i sostignidôrs de volontât de int di Sapade/Plodn a àn fat sintî la lôr vôs. Tra chescj e merete segnalade la iniziative cjapade sù de Assemblee de comunitât linguistiche furlane (CLiF), la istituzion che e da rapresetance istituzionâl ai comuns di lenghe furlane che a fasin part de Regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest, cuntune letare dal so president, il sindic di Cjarlins Diego Navarria, mandade cualchi zornade indaûr ae Presidente de Cjamare, Laura Boldrini.

La buine gnove che e rive di Rome e je stade saludade di tancj di lôr tant che un at di justizie. Chestis peraulis a son stadis dopradis in particolâr de bande de presidente de Regjon Friûl-VJ, Debora Serracchiani.

Tra lis tantis declarazions di sodisfazion e merete ricuardade propit chê dal president de CLiF, Navarria, che al à marcât cemût che «in tancj di lôr a àn poiât la iniziative dai sapadins – e tra chescj a son ancje i sindics furlans – ma soredut che il vôt de Cjamare di vuê al è il risultât de determinazion e dal snait de int di Sapade che par dîs agns e à tignût dûr, sghindant ancje i tancj tramais che ur àn fat une cierte politiche e une cierte burocrazie».

«Cumò – al à zontât Navarria – par dâur acet in Friûl ai sapadins cemût che a meretin, al covente il Friûl, ma cheste ca e je une altre bataie. Par intant, fasìn fieste» . Une fieste par Sapade/Plodn, pal Friûl e pe democrazie.

¡Endavant Poble Català!, doman a Turin si fevele di Catalogne

Une ocasion par cognossi e capî alc di plui in cont de cuistion catalane e dai siei disvilups plui resints. E je chê ufierte de bande di Noi restiamo Torino, che e à inmaneât un incuintri public cun Ícar Aranzo dal SEPC (Sindicat d’Estudiants dels Països Catalans), Arnau Cardona di Arran – Països Catalans e Marco Santopadre, redatôr di Contropiano e Ethnos & Demos, par frontâ l’argoment.

Magari cussì no, cemût che si lei culì, no si sa ancjemò in ce puest che l’incuintri si fasarà. Ce che al è sigûr al è che di une bande o di chê altre l’event al vignarà fat.

L’apontament al è a 5 mancul un cuart sot sere te jentrade grande (chê che le clamin ‘Main Hall’) dal Campus Einaudi de Universitât di Turin in Lungo Dora Siena 100A.

 

Felice e par furlan

Un piçul pas par un om o almancul un pas indenant simbolic pal Friûl.

O cjapìn at cun plasê di ce che nus àn contât, ven a dî che lunis stât, inte suaze de cerimonie pe scree dal cuarantesim dal gnûf an academic, il Retôr di chê che ancje a nô nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, Alberto Felice De Toni, al à vût saludât il il President de Republiche Taliane, Sergio Mattarella, ancje par furlan, par sloven e par todesc.

Cun di plui, daûr di ce che si lei ator, tra stampe e web, il Retôr al à dit ancjemò alc altri par furlan.

Denant di cheste forme di rispiet ancje tai siei confronts – e no dome viers dal Friûl – ancje Mattarella i à dit «Mandi» e cussì al à fat biele figure ancje lui.

Nus fâs pardabon plasê. No lu scrivìn par vie che o pensìn che a Palaç Florio a vedin let il nestri blog e il nestri articul, là che o domandavin che almancul cualchindun dai sorestants dal Friûl i des a Mattarella il benvignût in dutis lis cuatri lenghis dal Friûl, e a vedin cjapât sù il nestri sugjeriment. Nus fâs plasê parcè che o pensìn che e sedi stade fate une robe juste.

O sperìn che no sedi la uniche.