La ‘Gnot dai Muarts’ e il funerâl mediatic di une lenghe vive

31-10-2013gnot

In chescj dîs a sucedin robononis in Friûl, tra events e bufulis mediatichis.
Par ce che al tocje i apontaments culturâi, al merete segnalât l’event di usgnot a Tavagnà.
Si clame Gnot dai Muarts e e je une biele iniziative là che la tradizion de ultime gnot di Otubar e ven tornade a cjapâ sù in maniere creative e corente.

Chê che pe culture popolâr e je une gnot particolâr, tant che moment di incuintri e di passaç tra lusôr e scûr e tra vite e muart, in maniere sù pa jù compagne dal Samhain, l’ultin dal an de tradizion celtiche, e dai Dies parentales dai Romans, e je la ocasion par dâsi adun e fâ culture vive, cence tradizionalisims e cence retoriche.
Pe gnot che e segnave ancje la fin des vendemis e dal lavôr tai cjamps, la division des riservis tra lis fameis e il paiament dal cuartês al plevan, il Sportel pe Lenghe Furlane dal Comun di Tavagnà, cu la colaborazion de Associazion Pionîrs e di Radio Onde Furlane, al à prontât un incuintri sugjestîf tra musiche e poesie: protagoniscj Stiefin Morat, Lussia di Uanis e Annalisa Mansutti, cu lis lôr vôs, i lôr tescj e une selezion di sunôrs.
L’apontament al è a 9 sot sere dai 31 di otubar li dal centri Civic di Place Di Prampero.

A proposit di Sants e di Muarts, un altri event tradizionâl ma no masse tradizionalist al è la Fiere dai Sants di Rivignan. Propit in chel paîs za di un pôcs di agns al ven inmaneât il Festival mondiale della canzone funebre che si davuelzarà ai 2 di Novembar, cemût che al ven sclarît achì.
Probabilmentri al à di vê vude chê di partecipâ a cheste manifestazion il gjornalist che al à fat il titul e il sottitul a chest articul, jessût cualchi dì indaûr, là che a vegnin tiradis dongje diviersis opinions in cont dal fat che la edizion 2013 dal Premi S. Simon no à vût nessun vincidôr.

Cun di fat no si rive a cjatâ une altre motivazion se no chê de voie di concori pal festival di Rivignan par capî il sens di espressions tant che «morte naturale» e «fine fisiologica» dopradis sul gjornâl cun riferiment ae lenghe furlane.
Chest al vâl par almancul doi motîfs: parcè che nissun dai intervistâts al dîs alc dal gjenar e ancje l’unic che al dîs alc che i somee al marche il fat di no jessi masse informât su la cuistion e soredut par vie che une robe e je la lenghe furlane, une altre e je la leterature par furlan e une altre ancjemò e je une specifiche manifestazion tant che il Premi S. Simon di Codroip.
Dut chest (e alc altri ancjemò) al ven sclarît avonde ben achì, achì e achì.

Sul argoment, sul articul e su la sô titolazion si à inviade ancje une discussion in rêt. Par esempi achì.

La robe e fâs vignî i sgrisui, ma nol è un mâl che nol sedi un ben: il funerâl mediatic di une lenghe vive al puarte bon. Ae lenghe e ancje a cui che al vûl doprâle.

Advertisements

Sassuolo – Udinese 1-2

fuarceudinees

Un risultât bon e une partide brute. Dopo de sconfite in cjase domenie stade cu la Rome e rive la vitorie in trasfierte cuintri dal Sassuolo.
Cumò i ponts in classifiche a son tredis, l’Udin si manten te part çampe de classifiche e finalmentri si sfante il tabù di cheste stagjon de impossibilitât di vinci lontan dal Friûl. Lis buinis gnovis a somein fermâsi achì, stant che la performance de scuadre furlane in Emilie no je par sigûr une di chês che a meretin ricuardadis e contadis ai nevôts.

L’Udin si presente cun Di Natale e Muriel devant e cun Lazzari simpri tal so puest, intant che tra i pâi al torne Brkič, dopo di une convalessence lungjonone (ve chi une altre buine gnove…), e a tornin titolârs Allan, Basta e Domizzi. Di chê altre bande il Sassuolo al à une organizazion tatiche che e je sù par jù compagne.

La gare e je flapute e blocade tal mieç dal cjamp. Dopo di un cuart di ore e rive la prime emozion: un sgrisul pai tifôs furlans che al devente une sodisfazion, stant che Zaza si svicine in maniere pericolose ae puarte blancje e nere, ma Brkič lu ferme par ordin. La rispueste de scuadre furlane e rive daurman cun Basta che al jentre te aree di rigôr e Ziegler che lu brinche e lu sburte par tiere: al è penalty, al tire Di Natale e al è un a zero.
I blancs e neris a deventin grîs: tancj erôrs in dutis lis zonis dal cjamp e pal Sassuolo al è mancul dificil imbastî une reazion. Cussì al rive il gol dal un a un, cun Zaza che al bat Brkič.
Tal prin timp nol è nuie altri che al mereti menzonât: ni emozions, ni zuiadis di cualitât.

Il secont timp al va daûr dal prin, brut compagn, cun dôs scuadris che si somein sù par jù pai stes difiets. Lazzari al lasse il puest a Pinzi e dopo dîs minûts de tornade in cjamp si torne a viodi Muriel che le met dentri di prime intenzion disfrutant un bon assist di Pereyra.
L’Udin al difint il vantaç cence grandis iniziativis e cuasit par câs al riscje di fâ il tierç cun Gabriel Silva, ma nol rive. Lis dôs formazions si sluingjin e i spazis che si crein a vegnin ocupâts inte maniere miôr de bande dal Sassuolo che al è pericolôs alamancul in trê ocasions, ma Brkič al mostre che al è tornât e che al sta ben e il risultât al reste chel.

Udinese – Roma 0-1

udin

E veve di jessi la partide dal riscat, dopo de maluserie di Milan. E la partide dal rilanç, dal Udin e di dut il campionât, cu la scuadre furlane clamade a fermâ la Rome che no cognòs limits.
Magari cussì no, daûr dal risultât finâl e no dome di chel, no je stade cussì: ni chê, ni chê altre.

L’Udin cu la Rome al à mostrât une muse miôr, sei in confront cu la avilizion di ciertis trasfiertis sei rispiet ae ande, ancje chê no masse biele, des partidis in cjase. Soredut tal prin timp la scuadre furlane e à mostrât di vê gjambis, cûr e sintiment. E nol è mancjât nancje un tic di sfighe, a tacâ dal pâl  cjapât di Muriel juste sul imprin. Però nol è stât avonde: parcè che si zuie doi timps, par esempli.

E cussì no je cuistion di sfighe, ma di tignude atletiche, di capacitât di lâ al tîr e di leture de partide de bande de bancjine. Cun di fat, tal secont timp, cul passâ dai minûts, l’Udin al è lât al mancul, al è calât te intensitât dal so zûc, al à vût plui problemis a rivâ a tirâ in puarte.
Di Natale al è il pont di riferiment, ma in tantis ocasions al stente. Lazzari al stente e vonde.
In bancjine a son altris che a podaressin fâ maraveis, a tacâ di Maicosuel, ma o che no zuin o che a jentrin tart (masse tart) e a zuin pôc (masse pôc).
No saressial il câs di cambiâ alc, soredut li devant?

Il paradòs, ma dome par mût di dî, al è che i problemis dal Udin cu la Rome si son palesâts propit ta chel chel al è stât il moment plui favorevul pai blancs e neris, ven a dî dopo de espulsion di Maicon. In chest câs Guidolin al à falât dutis lis sieltis: lu à ametût ancje lui. Al contrari Garcia al à fat la mosse juste, la Rome si à compatade e in chel instes e à cjapât velocitât. E cussì e je finude un a zero pe Rome. E cumò il campionât al torne a tacâ di Sassuolo.

PS. Provìn a viodi alc di positîf: cu la Rome si à sfantât il record de imbatibilitât in cjase; sperìn di che al ledi al mancul ancje il tabù dai bogns risultâts che no rivin fûr dal Friûl.

Milan – Udinese 1-0

udin

L’Udin al continue a pierdi fûr cjase e a mostrâsi une scuadre flape, che no rive a fâ zûc (in cjase o fûr al è compagn), che no rive a tirâ in puarte e che pal moment i siei pont ju concuiste dome in Friûl. Dôs setemanis di polse – ven a dî di lavôr cence il stress di une partide di campionât daûr di chê altre – no àn puartât nissun mudament sostanziâl, cemût che si à viodût sabide a Milan.

Cuintri di un Milan che nol jere alc e ce, massime in difese, la scuadre di Guidolin e à pierdût, no à zuiât, e à fat sossedâ e ancje cuant che e à cjapât cualchi iniziative lu à fat in maniere prevedibile e pôc incisive. Dute une altre partide rispiet a chê dal an passât al Meazza.

Tal prin timp la partide e fâs vignî voie di lâ a durmî adore. Milan e Udin a somein fâ a gare a cui che al è piês. Magari cussì no, cun dut des declarazions fatis di Guidolin ae vilie de gare in cont di une scuadre ardide e mutivade, l’Udin cuntune ponte sole al somee in stât di vinci dome chê competizion virtuâl. Il Milan al masane alc che al somee un zûc, l’Udin nol patìs in difese ma nol mostre di vê voie di fâ mâl, fale che cuntun pâr di scats di Basta.

Cui che al è daûr a indurmidîsi al ven sveât dopo 22 minût in graciis dal biel gol di Birsa. Plui che une svearine, al è un patafon, ma dome pai tifôs. I zuiadôrs blancs e neris no si sustin masse e la lôr reazion si stente a viodile. Soredut, fintremai ae polse, no si viôt nancje un tîr in puarte.

Tal secont timp la muse de scuadre furlane no mostre nissun mudament. Sul plan tatic alc al cambie cu la jentrade in cjamp di Muriel al puest di Basta, intant che finalmentri Di Natale al prove a tirâ in puarte. E rive une seconde ocasion, forsit la prime degne di chest non: ancjemò Di Natale, cuntune punizion. Al vignarès di dî: ancjemò une punizion.

Nuie ce fâ. L’Udin al da plui intensitât aes sôs iniziativis, ma no rive a fâ mâl al Milan e anzit al riscje alc daûr là che Kelava i met un blec. La situazion no cambie nancje cu la jentrade di Zielinski e Ranegie.

Si pues ancje pierdi cul Milan. Però al è un però: anzit, a nd è almancul trê. Chê di Allegri no je une scuadre invincibile, l’Udin e somee patî alc di plui che un sempliç “mâl di trasfierte” e a fuarce di pensâ di rivâ ae cuote cuarante e ancje chê e somee slontanâsi.

La prossime pontade e sarà cuintri de Rome, scuadre prime in classifiche, biele di viodi e buine di zuiâ in dutis lis ocasions. Al covente un mudament positîf tal Udin: sperìn che al rivi tal zûc e tal caratar propit in cheste ocasion. Dome a chestis cundizions si pues mantignî la tradizion che e puarte l’Udin in cjase a tignî bot cun ducj i aversaris, ancje cun chel miôr (che par chest al somee chel piês).

San Salvario, 12.10.2013. Al torne “La mia lingua suona… IN TOUR”

CoverOccitaniaJPG

Sabide ai 12 di Otubar a Turin al torne a partî La mia lingua suona… IN TOUR.
L’apontament al è a 7 sore sere, inte suaze des manifestazions pe scree dal gnûf centri culturâl Lombroso 16, a Turin in zone San Salvario.

L’incuintri si clame propit La mia lingua suona… IN TOUR. The Lombroso Session e al vierç la gnove fase dal  cartelon che al cjape dentri une schirie di incuintris, promovûts de associazion Lidrîs e Butui, col jutori e cul patrocini de Provincie di Turin e cu la colaborazion di altris sogjets publics e privâts, là che al ven  presentât il libri Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock e si fevele ancje di altris argoments che a tocjin la creativitât tes lenghis minorizadis, la tutele dai dirits linguistics e la promozion de diversitât culturâl.

Dopo des presentazions fatis vie pe Vierte, inte suaze dal Salon dal libri di Turin, dentri dal Salone OFF e a Pinerolo, i incuintris a tornin  vie pe Sierade, a torzeon,  IN TOUR, a Turin e ator pe provincie.

Ve chi la presentazion dal apontament di doman:

 

LA MIA LINGUA SUONA…IN TOUR
Riparte da San Salvario il viaggio di Lidr
îs e Butui tra lingue e musiche
Il 12 ottobre alle 19 per l’inaugurazione di Lombroso16

Sabato 12 ottobre alle 19, nell’ambito degli eventi per l’inaugurazione del polo culturale Lombroso 16 (Via Lombroso 16, Torino, zona San Salvario), che prendono il via già alle 17, è in programma La mia lingua suona… IN TOUR. The Lombroso Session, incontro di presentazione del libro Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo.

Si tratta di un appuntamento all’insegna dei contenuti della pubblicazione dedicata alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa: un viaggio virtuale tra storie, parole, suoni e visioni, condotto da Giorgio Olmoti, storico, scrittore e collaboratore di Radio Onde Furlane, che dialogherà con l’autore.

Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock, edito dall’associazione di friulani in Piemonte Lidrîs e Butui, con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, è un libro realizzato con un approccio multidisciplinare, che comprende musica, storia, politica, società, letteratura e tutela delle minoranze. Descrive l’evoluzione della produzione musicale in occitano e in friulano negli ultimi decenni, illustra il contesto storico, geografico, culturale, linguistico e politico del Friuli e delle terre “d’Óc” e rende conto della relazione tra musica e lingua, questioni identitarie e sociali, rivendicazioni riguardanti diritti linguistici e autogoverno. A tal scopo mette a confronto la musica occitana e il Friuli che canta «par furlan» con altre realtà, dalla Sardegna al Paese Basco, dal Galles alla Grecìa Salentina, dalla Corsica alla Bretagna, dai Paesi Catalani ai Sami del circolo polare artico. Ciò avviene anche in base ad una serie di interviste con esponenti del panorama musicale occitano e friulano, come Sergio Berardo, Moussu Tatou, Lino Straulino, DJ Tubet gli Arbe Garbe, e con altri esperti e musicisti sardi, bretoni, baschi, catalani, ladini, sloveni, frisoni e albanesi, a partire da Alan Stivell e Fermin Muguruza, protagonisti della tavola rotonda virtuale che costituisce la terza sezione dell’opera.

Il tutto è accompagnato da un cd con una selezione della musica occitana e friulana più nuova e più forte: un viaggio musicale che parte dalle Valadas del Piemonte, rappresentate da Lou Dalfin, Gai Saber e Lou Seriol, attraversa l’Occitania Granda di Massilia Sound System, Nux Vomica, Mauresca Fracàs Dub, Goulamas’k, Gigi de Nissa e Mossou T e lei Jovents, e arriva in Friuli, con Mitili FLK, Inzirli, Madrac, DLH Posse, Dek Ill Ceesa, Bande Tzingare, Pantan, Arbe Garbe e Mig 29 over Disneyland.

L’incontro del 12 ottobre apre la seconda parte di “La mia lingua suona…IN TOUR”, ciclo di incontri pubblici, promossi dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino e la collaborazione operativa di altri soggetti come Biblioteche Civiche, Comuni e Associazioni culturali del territorio, dedicati alla stessa pubblicazione e ad altre tematiche connesse con la creatività nelle lingue minoritarie e con la tutela dei diritti linguistici e la promozione della diversità culturale.

L’inovâl dal Vaiont e altris robis che a fasin vaî (e pensâ)

vajont

Le clamin catastrofe, tragjedie, disastri. A cincuante agns di chê sere dal 1963 no si cjatin ancjemò lis peraulis justis par definî ce che al è sucedût tal Vaiont. Un cjanâl strent, cun carateristichis gjeologjichis particolârs dulà che e je stade fate une dighe grandonone e si à creât un lâc artificiâl. Un slac colossâl e une masse di tiere e di aghe che e scjavace chê dighe, che e cope doimil personis e che e scancele paîs, cjamps, boscs, storiis e int. Il svindic de nature cuintri de arogance dal om o il risultât stes de onipotence dai oms che a àn chê di vuadagnâ cence cjalâ nuie e nissun? Par sigûr no il câs.

A son passâts cincuante agns e chê feride e je ancjemò vierte. In chescj dîs, l’inovâl ‘taront’ al stice plui di une riflession in cont di ce che al è sucedût e al varès di fâ pensâ parsore ancje di ce che al sarès miôr che nol sucedi ancjemò. Nus somee impuartant ancje a nô di pensâi parsore, par plui motîfs e no dome parcè che al è alc che al è sucedût intune part di un toc di Europe e di Mont che si clame Friûl (cun di plui i siei efiets a àn tocjât a fuart ancje Longarone e chê part dal cjanâl de Plâf…).
Par chest o segnalìn alc in cont di cheste cuistion, a tacâ di chel lavôr fat agns indaûr di Marco Paolini e Gabriele Vacis, che si pues viodilu achì.
In rêt si cjatin ancje diviers sîts di informazion e documentazion. Par esempli: www.fondazionevajont.org e www.vajont.net
.
Une ocasion di riflession e je ancje chê proponude achì.

Nol è l’unic acjadiment che al fâs vignî i sgrisui, che al fâs vaî, che al fâs pensâ.
A nd è almancul un ogni dì. Un altri esempli – e ancje chest nol è par sigûr fi dal câs – al è chel di Lampedusa. La robe nus interesse parcè che e tocje argoments che par nô a son impuartantons: lis migrazions e la Europe. Di un ciert pont di viste, almancul daûr des reazion che si son vudis ator pal Stât talian, chê tragjedie e segne un svolt, un cambiament, cemût che al ven marcât ancje achì. Viodarìn.
Nus plâs segnalâ un pâr di coments sul argoment: un furlan e un sart.

lengate

Un altri argoment di atualitât, tai dîs passâts in Friûl, al tocje lis imprecisions – clamìnlis cussì – che si cjatin su cierts libris di scuele, in cont propit dal Friûl, de sô storie, dal so teritori e des sôs lenghis (e in particolâr di chê furlane). Erôrs e falopis che a palesin une cierte tindince a fâ lis robis cence badâi masse (che e sedi une dighe, che e sedi une leç o che al sedi un libri al è compagn) e che a son dome la ponte di un iceberg di un percors (di un progjet?) di dineament, di alienazion e di mistificazion, cemût che al ven sclarît achì e achì.
In chest câs – almancul in cont dal Soave tant che vin furlan – al sarès ancje ce ridi. Par sigûr, in gjenerâl, al è ce pensâi parsore.

Udinese – Cagliari 2-0

fuarceudinees

L’Udin al vinç ma nol convinç ancjemò: il risultât al è, il zûc une vore di mancul. Cuintri dal Cagliari la scuadre di Guidolin e segne doi goi e e puarte a cjase trê ponts. Cun chei e fâs un biel pas indenant in classifiche e e pare vie un altri viaç lis fantasimis de crisi. I blancs e neri, però, a somein ancjemò masse lents, cuntune manovre leade e proviodibile. Cun di plui, almancul sul imprin, a patissin la buine partence dai sarts, che si presentin ai Riçs metûts ben tal cjamp. Dome plui indevant a rivin a imponi la lôr supremazie e a vinci.

La gare e partìs cuntun ritmi avonde cuiet. L’Udin al mostre di volê cjapâ in man il control des operazions, ma lis sôs intenzions a van a sfracaiâsi cuintri dal Cagliari, che al bade a difindisi e al rispuint in cuintripît.La scuadre furlane e fâs zirâ di plui la bale, ma a mancjin concretece e snait. Mancul mâl che dopo mieze ore e je une punizion, che Di Natale le tire cemût che al sa: le bute tal mieç par Lazzari che le tocje e le fâs rivâ li di Danilo, che al bat Agazzi cence fastidis. Un a zero e nuie altri che al mereti contât, almancul prime dal interval.

Tal secont timp l’Udin al à plui snait e plui energjie. I rive ancje di Maicosuel, che al cjape il puest di Nico Lopez e al conferme il so bon moment. Dopo siet minûts il diretôr de gare al sivile une punizion a pro dai blancs e neris: la posizion e je buine, al tire Di Natale e al piture la parabule juste par meti la bale tal siet e rivâ al doi a zero.

Cul dopli vantaç l’Udin al è plui ardît in atac e plui atent daûr, ancje parcè che il Cagliari al prove a dreçâ la sô partide cun cualchi azion ben imbastide. La partide e je plasevule e dongje de mieze ore dal secont timp l’Udin al somee vê cjatade la strade dal gol su azion e no su punizion. La bale buine le à Di Natale, che si fâs cjatâ tal puest tal moment just ma il so tîr al va fûr. La conclusion mancjade de bande dal Udin i da ancjemò plui cûr ai sarts, che a cressin, ma a rivin a rindisi pericolôs des bandis di Kelava dome cun Ibarbo. Il puartîr al pare e al conferme di vê passât za di cualchi setemane, almancul lui, il moment no dal imprin de stagjon. Ancje cheste e je une buine gnove, dongje dal risultât, de cundizion miôr di Di Natale, de tornade in cjamp di Pinzi, de tignude de difese e des zuiadis di Maicosuel. Cun dut achel, al covente un svolt inte direzion di une convinzion plui fuarte e di un zûc sei plui concret che plui autorevul.

Lenghis maris in fieste a Ols/Oulx

zornadechambraOLS

In ocasion de ‘Foire Franche’ e de Rassegne Zootecniche, vuê a Ols/Oulx la Provincie di Turin, il Comun e la Comunitât Montane des Vals di Suse e dal Sangon, adun cui Ents e lis Associazions in rêt dal progjet “Lingue Madri L. 482/99″ a inmanein la Zornade des Lenghis Maris.

L’event al cjape dentri la presentazion di dôs publicazions, a tacâ di 5 sot sere, e plui tart, a 9, l’ultin conciert de stagjon deCarovana Balacaval, e la presentazion dal program de edizion 2013/2014 de rassegne Chantar l’Uvèrn: da ottobre a marzo frammenti di cultura occitana, francoprovenzale e francese cul Assessôr pal belanç, pe culture, pal patrimoni e pes relazioni internazionâls de Provincie di Turin, Antonio Marco D’Acri.

Cine mût, bicicletis e Cormôr Salvadi

Layout 1

Sabide ai 5 di Otubar si scree la edizion numar 32 dal Festival dal Cine Mût di Pordenon, event di innomine planetarie che al va indenant fintremai ai 12 di Otubar cun proiezions, incuintris e altris iniziativis. La edizion di chest an des ‘Zornadis’ e je sot dal segn di Orson Welles, stant che une des pontis dal so cartelon e je la proiezion di ‘Too Much Johnson’, il so film dal 1938 che si lu pensave pierdût e che invezit a àn tornât a cjatâlu.
Tra i events speciâi a son la viertidure cul film mût contemporanei spagnûl ‘Blancanieves’ e la dople proiezion finâl di ‘The Freshman’, cun Harold Lloyd tant che protagonist, che al vignarà compagnât de musiche dal vîf de ‘FVG Mitteleuropa Orchestra’. Tra lis sezions specifichis a son chês dedicadis al cine di animazion, ae Svezie, al Messic e ae Ucraine.

1_Cormor2013

Tra i apontaments interessants par cui che si cjate in Friûl in chescj dîs a son ancje i events dal program di Cormôr Salvadi, rassegne dedicade ae creativitât, ae musiche e ae produzion culturâl dal Friûl di vuê. La manifestazion e je za tacade la setemane stade, cun dôs seradis dedicadis ae musiche reggae e dub. Ai 4 e ai 5 di Otubar al sarà protagonist il rock: chel sunât di Prehistoric Pigs e Jimmy Barbiani Band la Sabide di sere sot dal tendon de aree demaniâl di Cjasielis e chel rapresentât tes cuviertinis dai discs, cu la mostre “La Storia del Rock in 200 copertine”, par cure di Angelo Tomasin, che e ven screade Vinars a 8 e mieze li de Vile Di Varmo, in Vie Cavour, a Mortean.
La setemane che e ven a Cjasielis ai 12 di Otubar tal dopodismidì formazion musicâl cul percussionist Luca Colussi e la sere conciert cul stes Colussi adun cul innomenât pianist Glauco Venier e cun Alessandro Turchet al liron, intant che domenie ai 13 a Mortean si fasarà la Fiere dal Disc li de palestre comunâl di Vie Leonardo da Vinci.

luna-e-un-quarto

Cun di plui, ai 4 di Otubar, a tacâ di 8 e mieze di sere, a Privan di Bagnarie, li de tignude Beltrame, la atore Stefania Carlotta Del Bianco, il poete Maurizio Mattiuzza e la band dai Luna e Un Quarto a presentin ‘Con tutta la ruota davanti’, un recital di peraulis e musiche dedicât ae bicicletes e al cilcisim. Un viaç emotîf, une pedalade imagjinarie, une corse su lis stradis dal mont e su chês dal Tour, de Paris-Roubaix, de Vuelta e dal Zîr di Italie, là che si incrosin storiis di bicicletis tant che mieç di traspuart, imprest di lavôr e strument par discuvierzi, par pierdisi e par cjatâsi. Par savênt di plui: parcoextiro@gmail e eventi.krea@gmail.com.

Francoprovençâi di Pulie in Piemont, cinc incuintris a Turin

acfp

Vuê, miercus ai 2 di Otubar, e tache la gnove serie di incuintris dal titul “I Francoprovenzali di Puglia chi sono?”. La iniziative e je inmaneade de bande de associazion dai Francoprovençâi di Pulie in Piemont, che e ten dongje tancj di lôr, di divignince di Celle San Vito e Faeto, i doi paîs di lenghe francoprovençâl che a son in provincie di Foggia.

Tal program, metût adun cul patrocini e cul jutori de provincie di Turin, a son conferencis che a tocjin sei la lenghe, la storie e la culture dai Francoprovençâi di Pulie sei altris argoments leâts ae presince des minorancis linguistichis in Piemont e ator pal Stât talian.

Ducj i incuintris si davuelzin il miercus di 5 a 7 sot sere te Sale pai congrès de ex Fergat, in vie F. Millio 20, a Turin, in zone San Paolo. La partecipazion e je libare. Il program complet si pues viodilu achì.