Furlan in Rai. Forsit e je la pussibilitât di rivâ a fâ un (piçul) pas indenant

Dôs setemanis indaûr in Friûl si à tornât a fevelâ di furlan in Rai. La ocasion e je stade chê di doi incuintris di caratar politic e istituzionâi in cont di chê che e sarà la gnove convenzion jenfri la Presidence dal Consei dai ministris dal Stât talian e la Rai, che e tocje la ativitât de sede regjonâl par Triest e pe plui part dal Friûl.

Al è saltât fûr che si proviôt di incressi il numar di oris di radiofonie in lenghe furlane – che pal moment a son novante, une vore pocjis – e soredut chel des trasmissions televisivis par furlan, che par cumò di fat no esistin. Par chel si impegnaran plui risorsis di chês dopradis fin cumò (che a son 200mil euros ad an): al è cui chel al à dit che a saran sù per jù 800mil.
Cualchi sorestant al à fat declarazions altitonantis, che a son stadis cjapadis sù de plui part dai media cence masse atenzion e cence nissun aprofondiment.

Ator pe rêt si son lets ancje i coments di uns pôcs di lôr, tra disincjant (“si fevele di furlan in Rai di passe vincj agns, la legjislazion di tutele no je stade ancjemò metude in vore e ancje in cheste ocasion al è pericul che a sedin dome cjacaris…”) e sperance rassegnade (“alc al è alc, nuie al è nuie”…). Si puedin capî dutis chestis posizions, ancje se in realtât l’ategjament al varès di jessi un altri: ni depression e nancje esaltazion.

Lu sclarìs ben l’articul di Marco Stolfo che al è jessût ai 4 di Mai sul Messaggero Veneto, là che in particolâr a vegnin fatis indenant propuestis e osservazions.
Magari cussì no, par vie di un erôr di composizion tipografiche, chel articul al è saltât fûr cu la firme di un innomenât pitôr e cuntun titul che al fevelave di art e di pandemie.
Al è probabil che par chel tancj di lôr, che magari lu varessin let vulintîr, probabilmentri no son incauarts nancje de sô publicazion. Cussì, in cunvigne cul autôr, o tornìn a publicâlu culì.

  monoscopiorai

Un piccolo passo in avanti, forse. La questione della (mancata) garanzia della presenza di trasmissioni informative e di intrattenimento in lingua friulana nella programmazione radiotelevisiva regionale della Rai sembra essere vicina ad una soluzione, sebbene assai parziale e limitata. È quanto emerge dall’esito di due incontri in videoconferenza che si sono tenuti il 24 e il 27 aprile.

Al primo hanno preso parte due esponenti del M5S (il deputato Luca Sut e il consigliere regionale Mauro Capozzella), il presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana e sindaco di Valvasone Arzene, Markus Maurmair, e il direttore delle Relazioni istituzionali Rai, Stefano Luppi. Al secondo, convocato d’urgenza dal Corecom del Friuli-VG alla luce dell’imminente scadenza dell’attuale convenzione tra il Dipartimento Informazione Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Rai riguardante la sede regionale della concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, l’assessore regionale per le lingue minoritarie, Pierpaolo Roberti, il direttore generale di Rai Corporate, Alberto Matassino, e il direttore delle sede regionale, Guido Corso.

In entrambi i casi si è parlato di friulano in Rai, nel quadro della nuova convenzione riguardante la sede regionale, che dovrebbe essere perfezionata prima dell’estate per avere attuazione a partire da ottobre. A quanto pare, sarà finalmente formalizzato un minimo di continuità dell’offerta televisiva in lingua friulana e ne sarà incrementata la presenza alla radio, tuttavia al momento non ci sono dati certi circa le ore di trasmissione e le risorse finanziarie destinate a tal fine. Sarà inoltre valorizzata la produzione “interna” alla sede regionale ed è prevista una commissione Governo-Regione-Rai, chiamata a approfondire e valutare concretamente i contenuti della convenzione stessa.

Con la consapevolezza che, pur nella migliore delle ipotesi, saremo ancora lontani dall’effettiva attuazione della legge statale di tutela delle minoranze linguistiche (la L. 482/1999) in questo ambito, e prendendo atto dell’efficacia dell’azione dell’Assemblea della Comunità linguistica friulana, che coerentemente con le sue finalità istituzionali ha riportato in auge un tema che riguarda i diritti dei cittadini e la qualità e l’efficacia di un fondamentale servizio pubblico, ci permettiamo di suggerire a chi di dovere di intervenire affinché la nuova convenzione sia veramente “un buon inizio”.

Ciò significa, in primo luogo, chiedere ed ottenere che con la nuova convenzione sia creata una struttura formalmente dedicata alla radio e alla tv in lingua friulana. Ad oggi quel poco di friulano presente in Rai dipende dalla struttura di programmazione in lingua italiana: tra forma e sostanza, è un po’ come se una macelleria fosse responsabile del cibo per vegetariani e vegani.

Un altro aspetto riguarda la qualità del servizio e le prospettive occupazionali con la selezione ed il riconoscimento delle professionalità specifiche di chi opera in questo campo, soprattutto se – come è giusto ed auspicabile – la nuova offerta radiotelevisiva prevede anche spazi informativi. Per tutto ciò, ovviamente, servono risorse adeguate.

L’avvio di una “vera” programmazione tv in lingua friulana, infine, può contribuire a rafforzare e valorizzare Raitre Bis, che grazie al digitale terrestre ormai copre l’intera regione e potrebbe così offrire, con continuità e varietà, un effettivo palinsesto multilingue, regionale e transfrontaliero, eventualmente sviluppato anche in collaborazione con le tv pubbliche di Austria e Slovenia.

Buine Fieste de Patrie dal Friûl (ancje pal 2020: Friûl, Patrie di ducj e cence confins)

22_03_014_udin_friul

La Fieste de Patrie dal Friûl e je une fieste impuartante sei pal Friûl che al è in Friûl sei pal Friûl che al è pal Mont.

Memoreâ l’inovâl de invistidure dal patriarcje di Aquilee Siart, che ai 3 di Avrîl dal 1077 al riceveve de bande dal imperadôr Indrì IV il titul di «Comes Fori Julii, Dux et Marchio», al è une ocasion di fieste e di riflession che e tocje il Friûl che al è in Patrie e chel che al è ator pal Mont.

Ricuardâ il moment che il Patriarcjât di Aquilee al deventave, inte suaze dal Imperi, un «stât» par so cont (un «stât» tra virgolutis, par ce che al podeve volê dî in chê volte) nol vûl dî vê nostalgjie pe ete di Mieç. Al vûl dî vê cussience de unitât storiche e gjeografiche dal Friûl, dutun cu la sô specifiche pluralitât linguistiche e culturâl e in cheste suaze cu la peculiaritât e cu la unitarietât de lenghe furlane, e duncje cjalâ indenant, viers il Friûl (in Patrie e ator pal mont) dal dì di vuê e viers il Friûl (in Patrie e ator pal mont) di doman.

Cun di fat, cognossi e ricognossi la unitât storiche e gjeografiche dal Friûl, la sô specifiche pluralitât linguistiche e culturâl, la peculiaritât e la unitarietât de lenghe furlane e la vocazion storiche e salacor naturâl dal Friûl a metisi in relazions cul rest dal Mont al è une afermazion positive di identitât, di unitât e di comunitât che ur zove a cui che al vîf in Friûl e a cui che, di divignince dal Friûl, al è a stâ inaltrò pal Mont, e che e varès di judâ chei e chei altris a cognossisi e a ricognossi miôr e a cognossisi e a ricognossisi miôr tant che part di chê stesse unitât, plurâl, composite, articolade ma unide, cuntun passât in comun daûr e soredut cuntun avignî di spartî, di inventâ e di vivi denant.

Massime par cui che al è pal Mont la Fieste de Patrie dal Friûl e je la fieste di une Patrie cence confins, di un Friûl che al à cussience di se e nol à pôre des sôs specificitâts e de sô alteritât e che par chel al domande rispiet e al fâs indenant rivendicazions di dirits, di libertât e di identitât cence sudizion e cence vê pôre di chei altris e dai lôr dirits, de lôr libertât e des lôr identitâts.

L’auguri par dutis e par ducj al è, ancje pal 2020, che la Fieste de Patrie e sedi pardabon une ocasion di riflession, di cognossince e di condivision. Par resonâ in cont dal Friûl di vuê e dal so avignî, de sô pluralitât linguistiche e culturâl e de sôs relazions cul rest de Europe e dal Mont. Par cognossi e ricognossi la dimension teritoriâl unitarie dal Friûl, la complessitât de sô storie e de sô identitât e la impuartance des sôs diviersis specificitâts. Par spartî ideis, cognossincis e cussience.
E ancje par tignîsi e sintîsi dongje e par dâsi fuarce, in Friûl e pal Mont, in chest moment che al è dificil e complicât pal Friûl, pe Europe e par dut il Mont.
Par esisti e par resisti.
Unitât, identitât e solidarietât.

La Fieste de Patrie dal Friûl, ancje tal 2020, e je la Fieste di une Patrie che e je di ducj: inclusive, plurâl e rispietose.
E par chel e je une Fieste di ducj e par ducj. Di ducj e par ducj chei che i tegnin al Friûl, ae sô unitât teritoriâl, ae sô pluralitât linguistiche e culturâl, ae sô esistence, ae sô resistence e al so avignî.

E je la fieste di une Patrie che par chel no à ni agjetîfs ni etichetis.
E je la fieste di une Patrie che no je ni «piçule», ni «extralarge».
E je la nestre fieste.

Buine Fieste de Patrie a dutis e a ducj!
Al Friûl che al è in Friûl e al Friûl che al è pal Mont.
Cun lidrîs saldis e fuartis e soredut cun tancj butui colorâts.

udin_070419

La lenghe furlane ai timps dal Covid-19: si le cjate in in rêt ma dulà ise intal spazi public? La riflession di Fabian Ros

Pôcs dîs indaûr o vin publicât un articul che al da cont dai mieçs e dai prodots di informazion, comunicazion, formazion e intratigniment in lenghe furlane, che si cjatin in rêt e che si pues leiju, scoltâju, cjalâju, in particolâr vie par chestis setemanis che par fâi cuintri al infet dal Covid-19 o vin di stâ cjase.

Se si cjalisi ator, in particolâr in Friûl là che cheste presince e varès di jessi garantide e che, magari cussì no, no je chê che al sarès just che e fos, si à la impression che za di cualchi timp la presince publiche de lenghe furlane e sedi daûr a lâ al mancul.

Al ven il dubit che tal spazi public, massime cumò e in cheste situazion, chel de lenghe furlane al sedi un câs par “Chi l’ha visto?”. Lu scrîf a clâr, par esempli, Fabian Ros, operadôr culturâl, impegnât inte promozion de lenghe furlane in particolâr intal cjamp dal cine, intes riis che o podês lei chi da pît.

«In cheste crisi sanitarie (e no dome sanitarie ma ancje politiche e economiche) si note une totâl assence istituzionâl di intervents informatîfs, esplicatîf, educatîf e normatîf rispiet al ce fâ, al cuant e al cemût, fats, scrits e mandâts ator pe comunitât furlane inte lôr (nestre) lenghe.

Chest vueit linguistic al da la misure dal abandon li che lis “nestris” istituzions, istituzions di ogni ordin e grât, a lassin i furlans. Naturalmentri ognidune di chestis a tirarà fûr che “nol jere il moment” e che “nol jere di sô competence” e vie discorint. Come simpri.

Duncje la riflession e ven fûr spontanie: A ce coventino leçs di tutele, normis di aplicazion, plans speciâi di politiche linguistiche se dopo dute cheste biele robe e je tratade tant che cjarte buine par impiâ il fûc?

Tant par dî une: jerial dificil, complicât, costôs di preparâ, stampâ cartei cun disposizions, informazions e normis sanitariis par furlan, e di dâlis fûr in ducj i lûcs sensibii? O di doprâ in maniere studiade i “social”, internet e altris formis di comunicazion in chest sens? ».

Lenghe furlane, ultins apontaments cui cors pai aministradôrs a Caprive e a Tumieç


A son daûr a finî i cors di formazion su la tutele des minorancis e in particolâr in cont de tutele de lenghe e de comunitât furlane. La iniziative formative e je stade inmaneade de Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane (ACLiF), l’organisim di rapresentance dai comuns furlanofons de Regjon Friûl-VJ, e dal CIRF, il Centri interdipartimentâl pal disvilup de lenghe e culture dal Friûl de Universitât di Udin, cun chê di meti a disposizion dai aministradôrs locâi e dai dipendents des aministrazions publichis lis cognossincis di fonde in cont di cheste cuistion che je une vore impuartante pal Friûl e pe regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest.

I cors, che a son vierts ancje ae partecipazion di ducj chei che a’nt vuelin savê alc in plui, a son stâts screâts ai 26 di Otubar cuntun incuintri public a Udin, e si davuelzin in cinc localitâts dal Friûl.
Ognidun di chei al è struturât in dôs lezions, là che a vegnin frontâts diviers aspiets de cuistion: si va de suaze teoriche e di chê normative di riferiment aes politichis linguistichis, jenfri garanzie di dirits fondamentâi, promozion dal patrimoni culturâl fintremai, potenziament de coesion sociâl e ricjadudis economichis pussibilis par dute la citadinance.

I cors di Tresesin, di Palme e di Spilimberc a son za finûts. Dentri di cheste setemane si sieraran ancje chei di Caprive e di Tumieç.
L’apontament tal centri dal Friûl orientâl al è par Joibe ai 12 di Dicembar a 6 sore sere li dal Centri Civic di place Vitorie 1. Chel inte “capitâl de Cjargne” al è par Vinars ai 13 a 5 inte Sale Conferencis dal Municipi (in place XX di Setembar 1).
Cui che al vûl partecipâ al pues ancjemò notâsi, contatant il CIRF ai numars telefonics 0432-556480 e 0432-556486 o al indreçament di pueste eletroniche cirf@uniud.it.

Lenghe furlane, aministradôrs a scuele di tutele (dai 7/11 ai 6/12)

La tutele de minorance linguistiche furlane e je alc di impuartant par ducj cuancj, tant che garanzie di dirits fondamentâi, promozion dal patrimoni culturâl, jutori pe coesion sociâl e fintremai risorse in cjamp economic. Par chel al è ben e e al conven che i aministradôrs dai ents teritoriâi dal Friûl a’nt vedin plene cussience, in maniere di davuelzi inte maniere miôr la lôr ativitât istituzionâl e politiche.

Juste cun chê di incressi lis cognossincis e duncje la cussience in cont di cheste cuistion de bande di sindics, assessôrs, conseîrs e funzionaris publics, la Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane (ACLiF), che e je l’organisim di rapresentance dai comuns furlanofons de Regjon che e ten dongje la massime part dal Friûl cun Triest, e je daûr a inmaneâ une iniziative formative di pueste adun cul il Centri interdipartimentâl pal disvilup de lenghe e de culture dal Friûl (CIRF) di chê che nus plâs clamâle Universitât dal Friûl .

Chel che al è stât presentât ai 26 di Otubar a Udin al è un cors di formazion, indreçât in maniere prioritarie ai aministradôrs e ai dipendents publics, ma viert a ducj chei che a àn voie di savê alc di plui di une cuistion che e je cetant impuartante e che però, magari cussì no, e je cognossude e capide ancjemò masse pôc e par chel e ven frontade masse dispès cun superficialitât o lant daûr di prejudizis e mistificazion.

Il cors al fronte la cuistion de suaze teoriche (minorancis, tutele e dirits) e de normative statâl e regjonâl di riferiment fintremai aes politichis linguistichis e duncje ae lôr planificazion e ae lôr metude in vore concrete e al è struturât in dôs lezions, che si davuelzaran in diviersis localitâts dal Friûl vie pai mês di Novembar e di Dicembar cun chest program: a Tresesin (Municipi, Sale Consiliâr, place Ellero 1), joibe ai 7 e ai 28 di Novembar; a Caprive (Centri Civic di place Vitorie 1), vinars ai 8 di Novembar e ai 22 di Novembar; a Palme (Municipi, Sale Consiliâr, place Grande 1), joibe ai 14 di Novembar e ai 5 di Dicembar; a Tumieç (Municipi, Sale Consiliâr, place XX Setembar), vinars ai 15 e ai 29 di Novembar, a Spilimberc (Sale Consiliâr di Palaç Disore, plaçute Tiepolo 1), joibe ai 21 di Novembar e vinars ai 6 di Dicembar.
Ducj i incuintris a vegnin fats di 6 a 9 sot sere.

La partecipazion e je libare e sore nuie. Par savênt di plui e par notâsi (lis iscrizions a vegnin cjapadi sù dentri dai 6 di Novembar) al covente metisi in contat cul CIRF ai numars di telefon 0432 556480 e 0432 556486 e ae direzion di pueste eletroniche cirf@uniud.it.

PS. Il cors al tache juste pôcs dîs dopo che il Consei regjonâl dal Friûl-VJ al à fat bon un disen di leç prontât de Zonte che al savolte la normative di tutele de minorance linguistiche furlane (L.R. 29/2007) e che magari cussì no, se no si rive a intervignî par dreçâ la situazion, al fasarà dams grandonons a lenghe e dirits.

I 50 agns di Pratobello + Kenze Neke + Gruppo Rubanu + Pixamandurries + Blu L’Azard + Sinead O’Connor = Babêl Europe 12/2019

Musichis, lenghis, minorancis e nazions cence stât jenfri storie e atualitât. La gnove pontade di Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl intes lenghis minorizadis de Europe che al cjate spazi inte programazion di Radio Onde Furlane il martars a undis a buinore e po, in repliche, tal dopo di misdì di miercus a une dopo e di sabide a une e mieze, e sarà dedicade in particolâr al cincuantesim inovâl di un fat impuartant inte storie de Sardegne.

Inte trasmission, che e va in onde inte ultime setemane di Jugn, si memorearà la lote di Pratobello, la resistence pacifiche, antimilitariste e anticolonialiste fate de int di Orgosolo tal mês di Jugn dal 1969: une mobilitazion popolâr di sucès cuintri de ocupazion militâr dal teritori.
Si fevelarà di chei fats e si scoltarà la cjançon che e conte di chês zornadis e di chê int, “Pratobello”, inte version origjinâl dal Gruppo Rubanu e in chê, tornade a fâ passe vincj agns indaûr, dai Kenze Neke.

Il percors musicâl, dongje de Sardegne, al tocjarà ancje la Catalogne, cu la band dai Pixamandurries, la Irlande, cuntune des cjançons par gaelic dal repertori de innomenade cjantante Sinead O’Connor, e lis valadis ocitanis e francoprovençâls dal Piemont, cuntune selezion de produzion dai Blu L’Azard, grup protagonist la setemane stade di un conciert speciâl, une Nit OccitanoArpitana che si à davuelte intun ambient di Barcelone vinars ai 21 di Jugn.

E sarà la ocasion ancje par segnalâ un biel articul di Andrea Geniola su QCodeMag in cont de situazion politiche in Catalogne e a Barcelone dopo des elezions aministrativis dai 26 di Mai, par ricuardâ che e mancje ancjemò une setemane par presentâ lis candidaturis pe partecipazion ae sezion musicâl di Suns Europe, par fevelâ dai events plui resints fats in Friûl inte suaze dal percors viers de edizion dal 2019 dal festival european des arts intes lenghis minorizadis,  par segnalâ il festival Undàrius che si davuelç a Girona in Catalogne e par marcâ cemût che la musiche furlane e sedi ancje un prodot di esportazion, lant daûr dai concierts fats inte setemane stade di Alvise Nodale e Franco Giordani in Trentin e dai Luna e Un Quarto tal Tirôl dal Sud.

Babêl Europe si pues scoltâle su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion http://www.ondefurlane.eu). Dopo des sôs trê emissions vie pe setemane (martars ai 25, miercus ai 26 e sabide ai 30), ancje cheste gnove pontade si pues tornâ a scoltâle in rêt su Spreaker e su Spotify.

Cine + leterature + politiche + Mounqup + Raud Ants + I Cantelli + Franca Masu + Gran Bal Dub = Babêl Europe 11/2019

Musiche, cine, leterature, politiche e atualitât. A son chescj i ingredients che e cirarà di meti dongje la gnove pontade di Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât, che al cjate spazi intal palinsest di Radio Onde Furlane il martars in direte a 11 a buinore e po in repliche il miercus a une dopo di misdì e la sabide a une e mieze.

Inte trasmission che e va in onde vuê ai 28 di Mai e po in repliche tal dopo di misdì ancje doman, miercus ai 29, a une e sabide ai 2 di Jugn, a une e mieze si fevelarà dal Festival dal cine di Cannes, là che il prin premi de jurie inte sezion Un Certain Regard al è stât vinçût dal film galizian O que arde dal regjist Oliver Laxe, il prin cine par galego presentât inte suaze di chê innomenade manifestazion. Un altri argoment che al vignarà frontât al è chel de edizion 2019 dal Premio Ostana, manifestazion dedicade ae scriture e ae creativitât tes lenghis minorizadis de Europe e dal mont, che si davuelç a Ostana, piçul borc di mont tal cjanâl dal Po, tes Valadis ocitanis dal Piemont, dai 31 di Mai ai 2 di Jugn. Cun di plui si provarà a dâ un cuc ai risultâts tes elezions europeanis, davueltis dai 23 ai 26 di Mai, des fuarcis politichis espression di minorancis e nazions cence stât.

Lis selezions musicâls a compagnaran chel percors tematic. Si viazarà de Galizie, di dulà che e rive la cjantante e musiciste Mounqup, che l’an passât e veve dât fûr il disc Castro Verdi fintremai ae Estonie dai Raud Ants che a misclicin rock, folk e metal e a cjantin inte lenghe votiane, passant pe Ocitanie dal progjet Gran Bal Dub, metût adun za di cualchi an de bande di Sergio Berardo dai Lou Dalfin e di Madaski dai Africa Unite, e dal disc Benvenguts a bòrd, pe citât di L’Alguer/Alghero, la “Barceloneta de Sardenya”, cu la vôs di Franca Masu, e pe Corsiche, là che si fasarà un salt indaûr tal timp par recuperâ une cerce dal repertori dai Cantelli.

Si pues scoltâ Babêl Europe  su lis frecuencis di Radio Onde Furlane: sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 Mhz pe plui part de Cjargne e in streaming, di cualsisedi bande dal mont là che e sedi une conession internet, ae direzion www.ondefurlane.eu.

Dopo des trê emissions de setemane ancje cheste pontade de trasmission si podarà tornâ a scoltâle in podcast cun Spreaker e Spotify.

Prin di Mai e Sa Die de Sa Sardigna + Tazenda + Joseba Tapia + Mans De Bresh + Gwenno + Transjoik = Babêl Europe 9/2019

Ancjemò zornadis impuartantis di memoreâ, tra storie e atualitât. La pontade numar 9 dal 2019 di Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl tes lenghis propriis des minorancis e des nazions cence stât dal nestri continent che al cjate spazi tal palinsest di Radio Onde Furlane, e rive juste inte setemane dal Prin di Mai, Fieste dal Lavôr, e pôcs dîs dopo de Sa Die de Sa Sardigna, la fieste nazionâl sarde, e des elezions politichis fatis domenie stade intal Stât spagnûl. Par chel la scjalute de trasmission e tignarà dentri la musiche dai sarts Tazenda, dal cjantautôr ocitan Mans De Breish e dal musicist basc Joseba Tapia.

Cun di plui il percors proponût di di Babêl Europe al cuvierç ancje Gales, Cornualie e Sapmi, cu la musiche di Gwenno e dai Transjoik.

Ancje cheste pontade di Babêl Europe si pues scoltâle sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.200 Mhz te plui part de Cjargne e in streaming, di cualsisedi bande dal mont là che e sedi une conession internet, ae direzion www.ondefurlane.eu.
Dopo des trê emissions de setemane ancje cheste trasmission si podarà tornâ a scoltâle in podcast cun Spreaker e cun Spotify.

Friûl, Patrie di ducj. Buine Fieste de Patrie dal Friûl (ancje pal 2019)

La Fieste de Patrie dal Friûl e je une fieste impuartante sei pal Friûl che al è in Friûl sei pal Friûl che al è pal mont.

Memoreâ l’inovâl de invistidure dal patriarcje di Aquilee Siart, che ai 3 di Avrîl dal 1077 al riceveve de bande dal imperadôr Indrì IV il titul di «Comes Fori Julii, Dux et Marchio», al è une ocasion di fieste e di riflession che e tocje il Friûl che al è in Patrie e chel che al è ator pal mont.

Ricuardâ il moment che il Patriarcjât di Aquilee al deventave, inte suaze dal Imperi, un «stât» par so cont nol vûl dî vê nostalgjie pe ete di Mieç. Al vûl dî vê cussience de unitât storiche e gjeografiche dal Friûl, dutun cu la sô specifiche pluralitât linguistiche e culturâl e in cheste suaze cu la peculiaritât e cu la unitarietât de lenghe furlane, e duncje cjalâ indenant, viers il Friûl (in Patrie e ator pal mont) dal dì di vuê e viers il Friûl (in Patrie e ator pal mont) di doman.

Cun di fat, cognossi e ricognossi la unitât storiche e gjeografiche dal Friûl, la sô specifiche pluralitât linguistiche e culturâl, la peculiaritât e la unitarietât de lenghe furlane e la vocazion storiche e salacor naturâl dal Friûl a metisi in relazions cul rest dal mont al è une afermazion positive di identitât, di unitât e di comunitât che ur zove a cui che al vîf in Friûl e a cui che, di divignince dal Friûl, al è a stâ inaltrò pal mont, e che e varès di judâ chei e chei altris a cognossisi e a ricognossi miôr e a cognossisi e a ricognossisi miôr tant che part di chê stesse unitât, plurâl, composite, articolade ma unide, cuntun passât in comun daûr e soredut cuntun avignî di spartî, di inventâ e di vivi devant.

lengate12

Soredut par cui che al è pal mont la Fieste de Patrie dal Friûl e je la fieste di une Patrie cence confins, di un Friûl che al à cussience di se e nol à pôre des sôs specificitâts e de sô alteritât e che par chel al domande rispiet e al fâs indenant rivendicazions di dirits, di libertât e di identitât cence sudizion e cence vê pôre di chei altris e dai lôr dirits, de lôr libertât e des lôr identitâts.

L’auguri par dutis e par ducj al è, ancje pal 2019, che la Fieste de Patrie e sedi pardabon une ocasion di riflession, di cognossince e di condivision. Par resonâ in cont dal Friûl di vuê e dal so avignî, de sô pluralitât linguistiche e culturâl e de sôs relazions cul rest de Europe e dal mont. Par cognossi e ricognossi la dimension teritoriâl unitarie dal Friûl, la complessitât de sô storie e de sô identitât e la impuartance des sôs diviersis specificitâts. Par spartî ideis, cognossincis e cussience.

La Fieste de Patrie dal Friûl, ancje tal 2019, e je la Fieste di une Patrie che e je di ducj, inclusive, plurâl e rispietose. E par chel e je une Fieste di ducj e par ducj. Di ducj e par ducj chei che i tegnin al Friûl, ae sô unitât teritoriâl, ae sô pluralitât linguistiche e culturâl, ae sô esistence, ae sô resistence e al so avignî.

E je la fieste di une Patrie che par chel no à ni agjetîfs ni etichetis.
E je la fieste di une Patrie che no je ni «piçule», ni «extralarge».
E je la nestre fieste.

Buine Fieste de Patrie a dutis e a ducj!
Al Friûl che al è in Friûl e al Friûl che al è pal Mont.
Cun lidrîs saldis e fuartis e soredut cun tancj butui colorâts.

Gran Bal Dub + Alidé Sans + Perynn Bleunven + Musicos pola Oficialidá + Alan Stivell (interviste) = Babêl Europe 7/2019

Supergrups, manifestazions e mobilitazions, imnis nazionâi e fiestis nazionâls, novitâts discografichis e musiche dal vîf. La gnove pontade di Babêl Europe, la trasmission cuindisinâl dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât, in programazion vuê, martars ai 2 di Avrîl, a 11 a buinore e po in repliche doman, miercus ai 3, a une dopo di misdì e sabide ai 6 a une e mieze tal palinsest di Radio Onde Furlane, e presente plui di un element di continuitât cun chê di cuindis dîs indaûr. Cun di fat, se in chê volte si veve fevelât de grande manifestazion in solidarietât cui presonîrs politics catalans e a pro dal dirit di decidi inmaneade ai 16 di Març a Madrid e si veve scoltât il coletîf Euskal Herria amb Catalunya, metût adun inte Sierade dal 2017 par pandi la solidarietât dal Paîs Basc pe Catalogne, in cheste ocasion si scoltarà la gnove cjançon dai Musicos pola Oficialidá, une sorte di rapresentative dai musiciscj asturians, che e compagnarà la manifestazion promovude de Xunta pola Defensa de la Llingua Asturiana che si fasarà sabide ai 6 di Avrîl a Xixon/Gijon a pro de uficialitât dal asturian e dal galizian asturian.

Si scoltarà ancje une altre selezion di Benvenguts a bòrd, la gnove produzion di Gran Bal Dub, progjet di contaminazion jenfri la musiche tradizionâl ocitane e la eletroniche là che si dan dongje Sergio Berardo dai Lou Dalfin e Madaski dai Africa Unite, che e je stade screade in maniere uficiâl vinars stât a Turin. Cun di plui, stant che o sin inte setemane de Fieste de Patrie dal Friûl, lant daûr de tradizion screade l’an passât, si fevelarà di fiestis nazionâls babelichis e si scoltaran lis versions speciâls dai imnis nazionâi de Ocitanie e de Bretagne interpretadis de cjantante aranese Alidé Sans, de cjantante, atore e youtuber bretone Perynn Bleunven e po ancje di une schirie di siei conazionâi: Alan Stivell, Gilles Servat, Tri Yann, Louis Capart, Soldat Louis, Renaud Detressan, Gwennyn, Clarisse Lavanant, Rozenn Talec e Cécile Corbel.

Dentri de pontade 7/2019 di Babêl Europe e sarà ancje la ocasion par fevelâ dal conciert di Alan Stivell di vinars ai 22 di Març stâts a Mestre e par scoltâ la interviste fate juste li dal Teatro Corso, là che il cjantant, arpist e polistrumentist di divignince bretone al à fevelât di musiche, di lenghis, di dirits, di Bretagne, di Catalogne e di Europe.

Radio Onde Furlane si pues scoltâle sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 Mhz pe plui part de Cjargne e in streaming, di cualsisedi bande dal mont là che e sedi une conession internet, ae direzion www.ondefurlane.eu.

Dopo des trê emissions de setemane ancje cheste pontade di Babêl Europe e sarà disponibile in podcast su Spreaker e Spotify.