Il Stadi Friûl tant che il Camp Nou e il San Mamés? Si pues fâ

keep-calm-and-fuarce-udin-2

Finalmentri une biele gnove dal Friûl, di Udin e dal Udin. Îr sot misdì la Udinese Calcio, il Comun di Udin e la ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) a àn formalizât intun protocol di intese la lôr colaborazion par che la lenghe furlane si dopri in maniere normâl, uficiâl e visibile tal Stadi Friûl.

E je une robe che e fâs ben ae lenghe furlane e ai dirits linguistics dai furlans, ma soredut e je une robe che e zove al Udin – tant che scuadre e tant che societât: pal rapuart cul public, sei in tiermins di afiet e di partecipazion che in tiermins di marketing, e par dâ pardabon rapresentance sportibe al Friûl e ai furlans – e ae citât di Udin: no dome pai dirits dai citadins e pal dovê dal Comun di garantîju, ma ancje par dâ contignûts di sest al so volê jessi ‘capitâl dal Friûl’ e tant che une marcje di cualitât e di ricognossibilitât pe sô promozion turistiche.

L’acuardi al proviôt che, cul coordenament e cu la consulence tecniche de ARLeF, il Comun si impegne a prontâ la segnaletiche esterne dal Stadi in modalitât bilengâl talian/furlan, intan che l’Udin al fasarà compagn dentri dal implant e al tacarà finalmentri a doprâ il furlan te sô comunicazion uficiâl. Cun di plui a vignaran fatis iniziativis par furlan ancje prime des partidis.

In cheste maniere l’Udin al prove a svicinâsi a chês societâts sportivis – par esempli: il Barcelona FC e l’Athletic Bilbao – che, in realtâts cuntune lôr specificitât linguistiche e identitarie che si pues confrontâlis cun chê furlane, a son di tant timp une bandiere par chês comunitâts e propit par chel a son ancje un model in tiermins sportîfs e tal cjamp de comunicazion, sei a nivel teritoriâl che tal contest internazionâl.

Al sarès biel che, in chest sens, il Stadi Friûl al tacàs a someâ al Camp Nou o al San Mamés.

Si pues fâlu e al è ben e al conven.

fuarceudinees

Advertisements

Lis contin a contin. Raffaele Serafini al vinç il Premi S. Simon

serafini

Nossere a Codroip e je stade fate la premiazion de edizion numar 36 dal Premi S. Simon, il plui innomenât concors leterari in lenghe furlane.

Une setemane indaûr la Jurie e veve nomenât i autôrs finaliscj, dopo vê tamesât lis nûf oparis ineditis in concors chest an, che daûr de opinion pandude dal president de Jurie, Carlo Tolazzi, a vevin dutis un bon nivel cualitatîf .

Il vincidôr al veve di saltâ fûr tra Gianluca Franco, cul  romanç storic e fantastic ‘Il buinç’, Adriano Nascimbeni, che al è za stât plui voltis finalist e vincidôr dal concors codroipin, cul romanç zâl ‘Un fi par Santine’, e Raffaele Serafini, innomenât ostîr di Contecurte, in finâl cu la racuelte di contis  ‘Soreli jevât a mont’.

Propit Serafini, che l’an passât al veve cjapade une segnalazion  cu la racuelte Contis di famee, al è il vincidôr dal 36m Premi S. Simon.

Un premi meretât, pe origjinalitât de opare presentade e plui in gjenerâl pe sô ativitât tant che autôr ispirât e inovatîf e salacor ancje tant che agjitatôr leterari plen di snait e di dinamisim.

Cualchi setemane indaûr la cjase editore KappaVu e à dât fûr propit la sô racuelte segnalade de Jurie te edizion dal an passât dal concors codroipin.

Un sucès pal S. Simon, che za l’an passât al veve viodût in finâl une biele rieste di propuestis, e soredut un sucès pe scritture par furlan, che – compagn che tal cjamp de musiche – si conferme ancje in chest setôr une lenghe vive e vivarose, cundut che  plui di cualchidun al fâs di dut par che no lu sedi, in particolâr tignintlu fûr des scuelis, di tantis parts dal vivi cuotidian e de plui part dai media.

contis_serafini

Roma – Udinese 3-1

Ae vilie de partide di Rome plui di cualchidun al veve pôre che l’Udin si limitàs a fâ la comparse intun film za scrit e prontât. Al massim al varès podût jessi coprotagonist inte part de vitime sacrificâl par confermâ il moment positîf de ‘Maggica’.

Magari cussì no, e je lade propit in cheste maniere. Ai romaniscj ur àn bastât nancje dîs minûts par vierzi e par sierâ daurman la pratiche blancje e nere cui goi di Pjanic e di Majcon.

Salacor l’Udin al podeve tornâ a cjase cuntun passîf ancjemò plui pesant, impen il tris dai parons di cjase al è rivât dome tal secont timp, cun Gervinho, cuant che la jentrade in cjamp di Bruno Fernandes e à dât une et di dinamisim e di energjie in plui a une scuadre, chê dal Udin, che plui che jessi blancje e nere e je someade simpri une vore grise, rinuniciatarie, cence grinte, cence zûc, cence personalitât e cence diviers zuiadôrs di pês, a tacâ di Lodi e Di Natale (ducj sparagnâts pe partide di domenie cul Sassuolo, che intant i à dât un biel patafon ae Juve?).

Dentri di une partide di dismenteâ – o di visâsi di jê par che no si ripeti – al clope ancje Karnezis e nol rint ce che al vâl nancje un zuiador tant che Widmer, che finalmentri a Rome al à tacât a zuiâ pe prime volte di titolâr.

La uniche note positive e je la tignude sostanziâl di Thereau, che al segne il gol de bandiere.

Par dovê di cronache, dongje di un Udin flap e smamît nossere e jere ancje une Rome in condizions buinis, che par chel si cjate a jessi prime in classifiche. Par capîsi: l’Udin no si à fat mâl dut di bessôl…

Domenie a Udin e rive une altre scuadre che e je fuarte, biele e concrete: il Sasssuolo.
Al covente un Udin diviers, che nol sedi grîs ma che al sedi almancul blanc e neri.

Friûl-VJ, la autonomie no si justifiche. Si à di metile in vore e i vûl savût parcè

bandiere_friul

Tes ultimis setemanis si fevele un grum di autonomie, chê dal Friûl e chê de Regjon autonome Friûl -VJ. La cuistion e je une vore di atualitât, tra tendincis fuartononis di centralisim che no tegnin cont de complessitât e des specificitâts de situazion reâl, e iniziativis che a rilancin l’autoguvier e la partecipazion democratiche, cemût che o vin za segnalât timp indaûr.

Par fâsi une idee de situazion si pues sgarfâ ator e tornâ a scoltâ dôs pontadis de trasmission di Radio Onde Furlane Dret e Ledrôs: chês dai 10 e dai 17  di Otubar stâts.

Vuê sul cuotidian Messaggero Veneto il costituzionalist Sergio Bartole al dîs che la specialitât de Regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest si à di sclarîle e di justificâle.

Soredut si varès di cognossi, di ricognossi e di capî lis sôs fondis e li sôs finalitâts sei sul plan storic che cuntune vision di prospetive.

Se si visisi un pôc de storie di chescj teritoris e dal dibatiment su la autonomie, cemût che si disvilupe ae fin de Seconde Vuere Mondiâl, e cun chel si cjale l’avignî no son dubis: lis motivazions plui impuartantis si cjatin – e chest al vâl ancjemò di plui in dì di vuê – te presince des minorancis linguistichis furlane, slovene e todescje e te lôr tutele, che in gjenerâl al è un principi di fonde de Republiche taliane.

Nol è un câs che l’articul 3 dal Statût di autonomie de Regjon al disi ciertis robis. Forsit al è un tic gjeneric – ma o vin di pensâ a cuâl che al jere il contest internazionâl di in chê volte – ma al è clâr compagn dal soreli a misdì. Normis statutaris di cheste fate, magari cun plui detai, si cjatin dome tai Statûts de Val di Aoste e dal Trentin-Sudtirol. E nol è un câs nancje chel.

Ve chi il test:
Art 3. Nella Regione è riconosciuta parità di diritti e di trattamento a tutti i cittadini, qualunque sia il gruppo linguistico al quale appartengono, con la salvaguardia delle rispettive caratteristiche etniche e culturali.

A proposit di storie e di prospetive si pues ricuardâ ancje chel che al jere l’articul 2 dal stampon di Statût de regjon Friûl metût adun de bande di Tiziano Tessitori tal 1947, là che si lei che la Regjon e varès vût di garantî a nivel comunâl,  dongje dal talian, ancje l’ûs des lenghis furlane, slovene e todescje.

‘I turcs tal Friul’, il Pasolini furlan par television su Rai 5 usgnot e miercus ai 28

TURCS_11

Un event ecezionâl pal Friûl e pe culture furlane. Lunis ai 26 di Otubar, tor dîs e mieze di gnot, in viertidure de setemane di trasmissions televisivis dedicadis a Pier Paolo Pasolini, a cuarante agns de sô muart, Rai 5 e fasarà viodi la version complete par furlan, cui sottitui par talian, dal spetacul ‘I Turcs tal Friul’ di Pasolini, che al jere stât presentât ai 26 di Avost dal 1996 tal curtîl dal Agriturisim ‘Ai Colonos’ di Vilecjasse.
E jere stade une des ultimis replichis di un lavôr teatrâl che, mediant de regjie maraveose di Elio De Capitani, des musichis di Giovanna Marini e di une cuarantine di atôrs su la sene, al veve vût un sucès straordenari di critiche e di public, par merit de produzion che e veve cjapât dentri il Teatri dal Elfo di Milan cu la Bienâl di Vignesie e il Teatri Stabil di Triest.

Di chel spetacul, che no si dismentee e che al veve vût la sô sene naturâl intun curtîl contadin e su la tiere rude di glerie, sot de lûs naturâl di un amont e cuntun burlaç che al jere daûr a rivâ, e je restade testemoneance intun video editât da l’associazion culturâl Colonos, che al à dentri la regjistrazion video cu la regjie di Remigio Romano. Pe version televisive il document video al è stât restaurât, doprant tecnologjis modernis e cu la supervision di Elio De Capitani.

E je la prime volte, dopo dal film ‘Maria Zef’ che al fo trasmetût de Rai tal 1981, che la lenghe  furlane si presente e si mostre intune maniere cussì prestigjose ae grande platee taliane e si palese cuntun progjet artistic e culturâl che al à un profîl altissim.

‘I Turcs tal Friul’ al tornarà in onde su Rai 5, in repliche, miercus ai 28 di Otubar a 11.40 a buinore.

Udinese – Frosinone 1-0

FuarceUdinees

E je finalmentri rivade la prime vitorie in cjase dal Udin di cheste stagjon. Cuintri dal Frosinone la scuadre di balon furlane e vinç, ma no convinç ancjemò cetant, soredut par ce che al tocje il zûc.
Cundut achel il sucès di îr al è meretât, almancul su la fonde dal impegn e dal numar des ocasions di gol metudis adun de bande dai blancs e neris.

La formazion di mister Colantuono e je rivade a concuistâ i trê ponts ancje in graciis dal Frosinone, che Stellone al à metût in cjap cuntune formazion mudade pai 8/11 rispiet ae partide di domenie passade e che par chel al à mostrât cualchi dificoltât di ecuilibri e cualchi limit tecnic e di atenzion, soredut vie pal prin timp.

La partide si vierç avonde ben pal Udin, che si svicine daurman ae puarte dai aversaris cuntune biele conclusion di Danilo. La scuadre furlane e je avonde ordenade  tal cjamp, daûr de direzion di Lodi, e la sô manovre e ven facilitade de ande rinuniziatarie dai aversaris. Al rive cussì il gol, dopo vincj minûts di zûc: lu segne propit Lodi cuntun tîr cross che Thereau no lu tocje nancje, ma al fâs dome chel moviment che al covente par imbroiâ Leali, che al scuen recuperâ il balon dome dopo che al è jentrât tal sac.
La reazion dal Frosinone no je alc e ce, ancje se dopo vot minûts al rive un tîr su punizion di Castillo e prime dal interval i ospits si fasin viodi des bandis di Karnezis cuntun diagonâl di Ciofani.
L’Udin no si scompon daûr e e mostre alc di bon indenant cun Bruno Fernades, Thereau e Di Natale, che al prove a butâle dentri cuntune biele conclusion prime de polse.

Tal secont timp al è il Frosinone a vierzi lis danzis cuntun tîr di Sammarco, che al ven neutralizât di Karnezis cun istint e cun mistîr.  I ospits a alcin la linie dal zûc, l’Udin al patìs la pression dai aversaris e al rispuint in cuintripît, cun Thereau, cun Bruno fernandes e cun Di Natale che al prove il colpat cuntune conclusion velenose di dongje de linie dal font, ma Leali i dîs di no.
Stellone al cambie la muse de sô scuadre, che e cjape sù un profîl une vore ofensivist, cun cuarti pontis, intant che l’Udin al cîr di cjapâ flât e tignî bot: fûr Bruno Fernandes e Ali Adnan e dentr Marquinho e Widmer. Il risultât nol cambie, parcè che Karnezis si vuadagne il pagnut suntun tîr insidiôs Dionisi e parcè che al fâs compagn Leali su Thereau, su Lodi e su Badu tai minûts di recupar, dopo che Aguirre al veve za straçât une ocasion golose.

Sodisfazion pal risultât e pal caratar, ma ancjemò tancj dubis sul plan tatic. Miercus trasfierte a Rome, in cjase de scuadre prime in classifiche. Sperìn in ben.

I.BI.S., sabide ai 24 di Otubar une lezion sul bilinguisim infantîl

IBIS_Ot_Nov_15

Al va indenant a Udin il progjet t I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazions dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

Dopo des ativitâts metudis adun te prime part dal an e de scree de ultime rieste di apontaments, cuntune lezion-conference di Franco Fabbro sul aprendiment des lenghis daûr dai siei studis tal cjamp des neurosiencis, la iniziative e va indenant sabide ai 24 di Otubar.

A Udin, alì de Fondazione Collegio della Provvidenza, in vie Scrosoppi 2, a tacâ di 4 dopo di misdì, Jana Sovova e fevelarà di bilinguisim infantîl tes fameis bilengâls, tra dificoltâts, dubis e vantaçs.

In sardu e par furlan? Mai dire Rai (Ancjemò une volte)

monoscopiorai

Vinars ai 31 di Lui il Senât al veve fat bon il dissen di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public. In chê ocasion i senatôrs e il guvier a vevin dismenteât une altre volte la esistence de Leç 482/1999, i impegns internazionâi che a divegnin de ratifiche de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate daûr de Leç 302/1997, e il fat che la tutele des minorancis linguistichis e je un principi di fonde dal ordenament talian, che al vâl compagn par dutis lis comunitâts.

Îr chel stes dissen di Leç al è rivât ae Cjamare. Si spietavisi che al cambiàs alc, stant che pocjis setemanis indaûr al jere stât presentât un emendament de bande di cuatri deputâts elets in Friûl, che al veve chê di comedâ chê dismenteance, che in realtât e je il spieli di une situazion che e met dongje vecjos prejudizis, ignorance e mancjance di rispiet des leçs, dai dirits e de stesse Costituzion.

Magari cussì no, chel emendament al è stât ritirât e altris, sù par jù compagns, che a jerin stâts fats indenant de bande di diviers parlamentârs elets in Sardegne, no son stâts fats bogns.
Cussì il dissen di leç al continue a fâ fîs e fiastris tra lis minorancis, daûr di une distinzion cence nissune fonde juridiche tra presumudis «minoranze nazionali», che a varessin di valê di plui, e altris «minoranze linguistiche storiche», che a impen a saressin «minorancis di serie B».

Su la cuistion o vevin scrit alc za achì e achì.

In rêt o vin cjatât ancje chest articul che al conte cemût che e je lade ae Cjamare – al è dome un ordin dal dì che al impegne il guvier a fâ alc – e cemût che la cuistion e je stade frontade de bande de plui part dai politics e dai media locâi in Friûl, tant a dî il nuie che al ven fat passâ tant che un grant sucès: Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs.

cjamare

Par completece di informazion, o zontìn ancje il comunicât pe stampe dât fûr di Diego Navarria, sindic di Cjarlins e president de Assemblee de comunitât linguistiche furlane:

Se uno si affidasse solo ai titoli del Messaggero Veneto di oggi potrebbe pensare che finalmente ci sia stata una grande apertura alle trasmissioni in friulano in Rai da parte di Roma.
Purtroppo non è così. La legge di riforma della Rai è passata alla Camera ma senza le trasmissioni in lingua friulana! Questa è la verità!

Contrariamente agli impegni che i deputati friulani si erano pubblicamente assunti dopo la mia denuncia sul silenzio dei nostri senatori, la legge nemmeno menziona la lingua friulana.
I deputati avrebbero dovuto rimediare al testo approvato dal Senato che prevedeva trasmissioni solo in lingua francese in Valle d’Aosta, tedesca e ladina in Trentino -Alto Adige e slovena in Friuli-Venezia Giulia, ma così non è stato.

Si tratta di una grave ingiustizia da parte del parlamento e della maggioranza che la settimana scorsa non ha recepito in commissione l’emendamento correttivo presentato dall’ on. Malisani e poi non ha approvato quello presentato dall’ on. Gigli in aula.

Non ci si può accontentare di aver fatto approvare un ordine del giorno che impegna il governo a provvedere in futuro. La lingua friulana doveva essere in legge avendo la stessa dignità delle altre lingue minoritarie già presenti in RAI, dignità riconosciuta dalla Costituzione, dalle leggi dello Stato e dell’Europa. Perché non è stato fatto? Perchè chi ci rappresenta non pretende il rispetto dei diritti della minoranza più grande presente? E l’amministrazione regionale come si è mossa?

Vi è poi nell’articolo di Davide Vicedomini una brutta affermazione che forse è la madre del mancato inserimento del friulano in RAI da parte della Camera: si parla di differenza nel nostro ordinamento tra minoranze cosiddette “nazionali” e minoranze storiche.

Utilizzare questi termini vuol dire non aver chiaro quanto dispongono le norme, dove questa differenza non esiste, e creare discriminazione tra persone che hanno gli stessi diritti riconosciuti dalla Costituzione. Ora non rimane altro che ricorrere alla Corte Costituzionale.

Diego Navarria
Presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana

Premi Gozzano, trê premis pe poesie par furlan

Foto-Giacomo-Vit

Domenie passade e je stade fate la premiazion de edizion 2015 dal Concors talian di poesie e narative Guido Gozzano.

No vin masse simpatie par graduatoriis e premiazions, massime cun riferiment ae leterature, cundut achel o vin plasê di segnalâ che dai autôrs furlans che a jerin in finâl intune des sezions dal concors inmaneât a Terzo, in provincie di Alessandria, in trê di lôr a àn cjapât un puest tal podi.

Te sezion pes poesiis ineditis al à vinçût l’autôr di Cordovât, Giacomo Vit, cul test ‘Ciassolis Sidinis’.

Ta chê stesse sezion si à classifiche tierce la asine Luigina Lorenzini, cun ‘Jo inveza eri denant dal mar’.

Te sezion dedicade aes poesiis editis, impen, al è rivât secont Laurin Zuan Nardin cu ‘La briscje sflandorose’.

Cundut che nus lasse simpri un tic scaturîts viodi che cui che al scrîf par furlan si cjate dentri di sezions che tal lôr titul a san un tic masse di…Nutella, al è un segnâl di cemût che la scritture te nestre lenghe e rive a fâsi preseâ ancje fûr dal Friûl.

PS. Pe cronache. O vin discuviert che al è un autôr dal Friûl ancje tai segnalâts: al è Guido Cupani di Puart, ma no savìn in ce lenghe o in ce dialet che e je la sô poesie ‘Lhasa’.