Chievo – Udinese 2-3

udin_neri

Erôrs, numars, goi, emozions e soredut une vitorie pal Udin che i permet di tirâsi sù in classifiche e di cjapâ fuarce par lâ indenant inte continuazion dal campionât. La partide domenie alì dal stadi Bentegodi di Verone e je stade, in gjenerâl, plasevule di viodi e, cuntune cjaladure blancje e nere e furlane, biele e buine sei pal risultât sei par ce che e à mostrât la formazion metude tal cjamp di Colantuono: snait, caratar e alc di bon ancje in tiermins tecnics e tatics.

Sul imprin Chievo e Udin a somein plui impegnadis a no fâsi dal mâl, presoniris di pôris reciprochis, ma dopo vincj minûts flaputs la partide e cjape une altre ande. Il prin colp in chest sens lu tire il Chievo, cun Birsa, che prime su punizion i da un biel balon a Gamberini che al cjape il pâl e po al impegne in maniere avonde pericolose Karnezis. Il puartîr dal Udin al mostre di jessi ad in plen in partide  cuntune bile rispueste, però nol rive a meti un blec su la conclusion seguitive di Paloschi e i parons di cjase a passin in vantaç.

L’Udin nol reste a cjalâ, ancje se la ocasion miôr e je ancjemò dai veronês, ancjemò cun Paloschi. Passât il pericul di cjapâ il secont gol, l’Udin al imbastìs une azion di cuintripît cun Widmer che e à tant che terminâl Thereau. L’atacant francês al ven anticipât di Frey che però al ingjane il so puartîr e cussì il prin timp si siere sul un a un.

Te seconde frazion di zûc, l’Udin al partìs benon e soredut al è Thereau che si met daurman in evidence e al segne cul tac il doi a un pai blancs e neris e i met altri pevar ae partide. Al rive cussì un altri golon, chel di Inglese, che al fâs tornâ il risultât in paritât cuntune canonade che e finìs sot de travierse disore di Karnezis.

La partide e va indenant cun ritmis bogns e cun tentatîfs fats di dutis dôs lis scuadris par meti in discussion la paritât. La tension agonistiche posituve e cres ancjemò di plui tal ultin cuart di ore: Pepe si svicine al gol, ma al è Thereau che lu cjate, cuntune conclusion elegante suntun assist di Di Natale, e al è chel definîf, stant che il balon butât dentri di Gobbi nol ven considerât regolâr e che no ur va drete ni a Pepe e a Pellissier ni a Di Natale e a Ali Adnan, tai ultins minûts.

Une zornade positive pal Udin, che si à poiât su la fuarce ofensive di Thereau, su la organizazion dal zûc metude adun di Lodi e sul dinamisim di Widmer che al è tornât il Widmer che o cognossin: atent indaûr e in moviment continui te sô corsie di riferiment. Une buine prove, in spiete de Fiorentina.

Advertisements

Suns Sardigna, a vincin Loris Vescovo e Me+Marie

suns-srd_1

Une biele serade di musiche e di peraulis e un biel spetacul di…Suns. La edizion 2015 dal festival de cjançon in lenghe minoritarie de Europe alpine e mediteranie, che si à davuelte ai 28 di Novembar a Casteddu/Cagliari e che par chel e à cjapât sù il non di Suns Sardigna, e à mantignût lis promessis che a divegnin di chê esperience che e je stade metude dongje a tacâ dal 2009, in Friûl e po ancje tai Grisons e in Ladinie.

Sul palc dal teatri Massimo, in continuitât cu lis edizion passadis de manifestazion, si à vût une biele rapresentazion in musiche de pluralitât e de vivarosetât culturâl e artistiche des minorancis linguistichis di chê aree che e cjape dentri Cravuazie, Slovenie, Austrie, Svuizare, il Stât talian e la part meridionâl dal Stât francês.

In dut a jerin dîs progjets musicâi che a son espressions di nûf comunitâts, dal Friûl furlan (cun Loris Vescovo) ae Sardegne sarde e catalane (di une bande Perry Frank e Bumbe Orchestra; di chê altre Claudia Crabuzza), dal Burgenland di lenghe cravuate (cui Turbocrowodn) ae minorance linguistiche storiche albanese de Sicilie (The Daggs), de Ladinie (Martina Cavulli) ae Ocitanie grande (cu la cjantante provençâl Liza), des vals francoprovençâls e ocitanis dal Piemont (Blue l’Azard) ai Grisons di lenghe rumance (Me+Marie).

suns-sardigna
Dongje dai dîs concorints, là che une jurie e veve di sielzi i ultins doi finaliscj de sezion musicâl di Suns Europe, il gnûf festival european che al è tacât ai 25 di Novembar a Udin e che al varà il so grant finâl propit cu la serade dai 11 di Dicembar dedicade ae produzion musicâl, a son stadis ancje lis esibizions di doi ospits speciâi – la zovine cjantautore fassane Martina Iori, vincidore de edizion dal an passât, e il storic grup sart Dr. Dreer e CRC Posse, che al veve cjapât un dai doi premis te prime edizion di Suns, chê dal 2009 – che a àn marcât ancje chês il sens de manifestazion.

Il spirt di Suns si veve bielzà concretizât cu lis iniziativis fatis vie pe buinore e al à mostrât la sô muse plurâl e la sô ispirazion e aspirazion di promozion e di rispiet des lenghis e dai dirits di ducj ancje te presentazion plurilengâl, fate de atore e cjantante sarde Claudia Aru e dal atôr e regjist furlan Michele Polo, e te trasmission in direte par radio su Onde Furlane e cu la web tv Eja TV, condusude dal sart Alessio Mura e di Mauro Missana, diretôr de “radio libare dai furlans”.

suns_srd_loris

Suns Sardigna tant che moment di svicinament ae finâl continentâl dal concors musicâl di Suns Europe, proviodude pai 11 di Dicembar a Udin, al à permetût di sielzi i doi ultins finaliscj che a saran sul palc dal Teatri gnûf  ‘Giovanni da Udine’. Daûr des valutazions de jurie a saran il furlan Loris Vescovo, vincidôr dal premi pe cjançon miôr cun Ellis Island, presentade cu la Orchestra Extraterrestre, che a Trent e met dongje musiciscj di Europe, Asie, Afriche e Americhis, e la cubie ladine/rumançe Me+Marie, che e ten dongje la gardenese Maria Moling e il rumanç Roland Vögtli, premiade pe miôr esibizion.

Suns Europe: musiche babeliche a Casteddu cun Suns Sardigna, ultime dì de Mostre dal Cine a Udin

suns-sardigna

Al va indenant Suns Europe, il Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis metût adun in Friûl cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Chê di vuê e je la ultime zornade de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion audiovisive e cinematografiche. E je ancje la zornade di Suns Sardigna, il festival de cjançon in lenghe minoritarie de Europe alpine e mediteranie che si davuelç usgnot a Casteddu/Cagliari.

La serade di Casteddu si pues scoltâle par radio su Onde Furlane (sui 90 Mhz inte plui part dal Friûl e su internet ae direzion http://www.ondefurlane.eu) e si pues viodile in rêt su la web tv sarde Eja TV .
Za vuie a buinore al è stât un prin colegament cun Casteddu.
Tor misdì e je ancje al presentazion dal libri Lingue, diritti, cittadinanza/Languages, rights, citizenship.Friuli-Venezia Giulia, Italia, Europa, Mediterraneo .

In spiete de serade si pues scoltâ lis cjançons che a vignaran presentadis sul palc dal Teatro Massimo diretementri achì.

Usgnot al è il prin ciak di Suns Europe. Si scree la Mostre dal Cine

Loreak

E je finalmentri ore di Suns Europe. Usgnot a Udin si scree il prin e unic Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis. L’apontament al è li dal cine Visionario cu la viertidure de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion cinematografiche e audiovisive.

Suns Europe – Mostre dal Cine al sarà tignût a batisim de prime proiezion in assolût intal Stât talian di Loreak di Jon Garaño e Jose Mari Goenaga, la pelicule basche candidade ai Oscar pal miôr cine forest, e di Capo e croce. La ragione dei pastori di Marco Antonio Pani e Paolo Carboni, documentari sart premiât intal 2014 al festival Cinemambiente di Turin.

Loreak al è une comedie plene di sorpresis: un film intrigant li che si incrosin lis storiis di trê feminis che sul imprin no si cognossin e chê di un om. Dai lôr dramis personâi vivûts in cidinôr e che si disvelin a planc a planc e ven fûr une comedie dai contors sureâi cun misteriôs macs di rosis ufierts e consegnâts intune trame che si disglagne tant che un thriller.

capocroce

Capo e croce. La ragione dei pastori al conte la lote dai pastôrs sarts par difindi il lôr lavôr e la lôr dignitât. I doi regjiscj a mostrin sei lis manifestazions fatis in Sardegne e intal “continent”, sei la vite di ogni dì dai pastors, marcant lis lôr dificoltâts e la impuartance di une ativitât che e rispiete la nature e la tradizion.

La serade e previôt ancje la proiezion dal spot promozionâl pal ûs sociâl de lenghe furlane, +FigoXFurlan, metût adun di Giorgio Cantoni interpretât di Daniel Samba.

Pe proiezion a saran presints in sale sei la atore Itziar Ituño, intant che la dì seguitive al sarà un incuintri public cul atôr protagonist Josean Bengoetxea, sei Marco Antonio Pani e Paolo Carboni al è un dai fondadôrs dal Babel Film Festival di Casteddu/Cagliari.

jordi cadena

Tra i titui in cartelon che a vignaran presentâts a Udin vie par chescj cuatri dîs di Mostre dal Cine a figurin ancje il catalan La Por di Jordi Cadena, il groenlandês Sumè – Mumisitsinerup Nipaa di Inuk Silis Høegh, il galês Y Syrcas di Kevin Allen, l’ocitan La Barma di Fredo Valla – cognossût ancje tant che senegjatôr dal cine di Giorgio Diritti Il vento fa il suo giro – e Âf Blu, opare origjinâl di animazion in lenghe furlane di Serena Di Blasio e Giulia Spanghero, che e fronte cun delicatece il teme dal rispiet de diversitât.

Tra lis produzions in lenghe furlane a son ancje  +Sklet/XTremetv di Giorgio Cantoni e Felici ma Furlans di Tommaso Pecile e Alessandro Di Pauli.

suns_vert

Il program de Mostre dal Cine al previôt ancje incuintris cun autôrs e atôrs e proiezions speciâls pes scuelis.

Suns Europe 2015 al è un progjet metût adun cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Il program di dut il festival in detai si pues leilu e discjamâlu achì.

Udinese – Sampdoria 1-0

Une bocjade di aiar bon e no dome pal risultât finâl. In cjase cuintri de Sampdoria l’Udin al zuie e al vinç. Cui dorians la scuadre di balon furlane e conferme chel bon che e veve mostrât dôs domeniis indaûr cuintri dal Napoli, ma al zonte ancje alc altri e al rive a puartâ a cjase trê ponts impuartants che a drecin un tic la situazion te classifiche e a salvin la bancjine di Colantuono.

L’Udin al mostre fin dal principi di vê gjambis, cjâf e cûr. La linie difensive, cun Danilo, Felipe e Wague, e cjape lis misuris daurman aes trê pontis aversaris, Carbonero, Eder e l’ex Muriel; te zone mezane Lodi al da ordin a dut il repart e cun chel a dute la scuadre; denant Thereau e Aguirre a scombatin cemût che al covente. I ospits, te prime part de partide, no rivin a meti adun azions pardabon pericolosis, un pôc par demerit lôr e soredut par merit dai blancs e neris. Karnezis al fâs il spetatôr pe plui part dal timp, ancje se al mostre di jessi pront par fâ il so cuant che al covente, intant che al à un pôc plui ce fâ Viviano, clamât a fermâ une tonade di Thereau.

A passin i minûts e l’Udin al cres, al cjape fuarce ancje sul plan psicologjic. I blancs e neris a mostrin di vê chê voie e chel snait che a coventin e in chel a àn une marcje in plui dai aversaris. Cussì, passade la prime mieze ore di zûc al rive ancje il gol: cross di Aguirre, assist di Thereau par Badu e conclusion a bersai cence dâi a Viviano nissune pussibilitât di rispuindi.

Il prin timp si siere cul Udin in vantaç, il secont si vierç cu la Sampdoria che e prove a fracâ il pedâl dal aceleradôr. Par cualchi minût al rive ancje a fâi un tic di pôre ae scuadre furlane, ma in curt i blancs e neris a tornin a plomp e a tornin a tignî il control de partide, cun chê di imberdeâ i ospits te zone nevralgjiche e di sierâ dutis lis stradis che apuartin des bandis di Karnezis. Montella al clame fûr Muriel e Carbonero e al bute dentri Christodoulopoulos e Cassano, intant che Colantuono al cambie Widmer e Aguirre cun Ali Adnan e Di Natale.

Il film de partide al va indenant inte maniere miôr pal Udin, che no si scompon daûr e che al prove a viodi di dopleâ il vantaç, cuntune invenzion di Di Natale o di Thereau. A passin i minûts e Badu si cjate tra i pîts un balon di aur, prontât di Di Natale, ma nol rive ae conclusion inte maniere miôr, Colantuono al cambie ancje Felipe cun Piris e Montella al met Bonazzoli al puest di Soriano par cirî il gol dal un a un, ma la musiche e reste chê e al è ancjemò Badu a fâsi viodi in atac cuntun scat che al ven fermât in maniere iregolâr di Zukanovic, che par chel al cjaparâ il cartelin ros.

Il risultât nol cambie in nissune maniere. Cumò l’Udin al varà di fâ ben ancje cuintri dal Chievo a Verone. Ial domandin a fuart i siei tifôs.

Lenghis, musichis, cine e leterature. Al rive Suns Europe

suns europe

Al è cui che si esalte, fintremai in dì di vuê, pal fat che Udin tal 1915 e jere la «capitale della guerra». A nô nus plâs di plui pensâ che tal 2015 Udin e il Friûl a sedin il centri de Europe «unide inte diversitât», intun contest di pâs, di promozion des culturis, des lenghis, de creativitât e dai dirits. Par chel nus fâs plasê savê e fâ savê che propit chel al è ce che al sucedarà dai 25 di Novembar ai 12 di Dicembar, cun Suns Europe, il prin e unic Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis.

La manifestazion si davuelzarà a Udin e intune serie di altris localitâts furlanis (Cividât, Sant Vît dal Tiliment, Rivignan, Cormons, Cjasarse e Manià), là che al vignarà presentât un campionari pardabon siôr de vitalitât culturâl e de pluralitât espressive des produzions cinematografichis, leterariis e musicâls contemporaniis fatis intes lenghis des minorancis linguistichis e des nazionalitâts di Europe, cun autôrs, cines, musiciscj e operadôrs che a vegnin di diviersis areis dal continent, dal Paîs Basc ae Carelie, de Corsiche ae Laponie, dal Friûl ae Galizie, de Ocitanie al Bashkortostan, dal Gales ai Grisons, de Bretagne ae Ladinie, dai Paîs Catalans ae Groenlande e ae Irlande.

Il festival – che al cjape il non de peraule furlane suns – al è articolât in trê sezions, che a tocjin la produzion cinematografiche e audiovisive, leterature e teatri e la musiche.

La scree di dut e je miercus ai 25 di Novembar, cu la viertidure de sezion cinematografiche. Suns Europe – Mostre dal Cine, manifestazion inmaneade dal CEC-Centri Espressions Cinematografichis, in cuatri dîs e proponarà une serie di proiezions di cines par basc, par catalan, par furlan, par ocitan, par cors, par galizian, par inuit, par breton e par galês, e ancje diviers incuintris cun autôrs, atôrs e regjiscj.

Suns Europe – Mostre dal Cine al sarà tignût a batisim de prime proiezion in assolût in Italie di Loreak, la pelicule basche candidade ai Oscar pal miôr cine forest, e di Capo e croce. La ragione dei pastori, documentari sart premiât intal 2014 al festival Cinemambiente di Turin.

Dai 3 ai 7 di Dicembar e sarà la volte di Suns Europe – Sunsûrs, la sezion dal festival dedicade a prose, poesie e teatri. Cinc zornadis intensis ae insegne di lenghis, peraulis, ideis, libris, storiis, autôrs, viaçs, sunôrs, siums, colôrs in diviersis sedis, no dome inte citât di Udin ma ancje a Cividât (Ud), a Flambruç di Rivignan (Ud), a Cormons (Gu), a Cjasarse (Pn) e a Sant Vît dal Tiliment (Pn). Si alternaran presentazions di libris, incuintris cui autôrs, leturis senichis, confronts poetics e trê spetacui.

Sabide ai 5 di Dicembar si vierç ancje la tierce sezion di Suns Europe, incentrade sul festival musicâl omonim, che al varà il so colm inte serade di vinars ai 11 di Dicembar li dal teatri ‘Giovanni da Udine’.
Chê sere sul palc si esibiran une desene di grups e soliscj selezionâts tra i passe sessante candidâts, espression di vincjesiet comunitâts linguistichis di Europe, che a vevin rispuindût al bant internazionâl lançât tra Avost e Otubar dai organizadôrs de manifestazion.

zaman

Tra i dîs finaliscj il tercet folk rock dai Kasernarat, che a vegnin dal Paîs Basc, i irlandês Tuath, autôrs di un rock shoegaze cun influencis psichedelichis, la band crossover hip op breton dai Rhapsoldya, il duet pop de Frisie Marit & Nigel, la band galiziane dai Caxade, la trie sami Ozas, che al font pop, blues e cjant tradizionâl samis, e doi grups che a vegnin de federazion Russe: i Zaman, espression de comunitât linguistiche bashkir, e i Ilmu ce che a rivin de Carelie. Cun di plui ancje i doi vincidôrs dal festival Suns Sardigna, la rassegne nassude tal 2009 in Friûl, che di chest an e je la semifinâl dal gnûf festival european, par ce che al tocje tal specific la Europe alpine e mediteranie

Ospit di onôr de serade al è Marco Brosolo, musicist furlan che di une desene di agns al vîf e al lavore a Berlin, dulà che al à fat, cu la colaborazion di Pierpaolo Capovilla (Teatro Degli Orrori), Bobby Solo, Dominique A, Robert Lippok e Barbara Morgenstern, Toni Kater e Rudi Moser degli Einstürzende Neubauten, l’album Cadremo Feroci, publicât di pôc de etichete britaniche Rought Trade.
Il disc al presente nûf composizions che a vistissin di musiche ancjetantis poesiis di Federico Tavan, l’innomenât poete furlan mancjât doi agns indaûr, riproponudis sei in lenghe origjinâl sei tradotis par talian, inglês, francês, todesc e gjaponese. Il CD al sarà presentât dentri de serade dai 11 di Dicembar a Udin cuntune performance speciâl, là che cun Brosolo a saran il rapper sart Alessio Mura e i furlans Dek Ill Ceesa e Davide Toffolo, e inte serade sucessive (sabide ai 12 di Dicembar) intun live li dal Teatri di Manià (Pn).

Il percors di svicinament al event dai 11 di Dicembar al sarà segnât di doi incuintris (Dulinvie e Musiche) in program a Udin ai 5 e ai 6 di Dicembar, dedicâts aes lidrîs de musiche popolâr furlane e aes sôs espressions contemporaniis plui resintis, cu la presentazion dal cuart volum de antologjie Suns, e di une serie di concierts in diviers ambients di Udin e intai studis di Radio Onde Furlane.

Ai 11 di Dicembar e sarà ancje une ocasion di confront a plui vôs sui temis de diversitât culturâl, dai dirits linguistics e dal rapuart tra identitât, creativitât e promozion dal teritori dentri de taule taronde internazionâl Friûl@Europe, organizade li de Universitât dal Friûl (oris 9.30) inte suaze dal Modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilingualism, Multicultural Citizenship and European Integration).

Suns Europe al è un progjet metût adun cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri Gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Dutis lis informazion su la manifestazion si cjatin achì: www.sunscontest.com.

Plurilinguisim tant che valôr, dirit e oportunitât. Vuê a Udin la conclusion dal progjet I.BI.S.

IBIS_Ot_Nov_15

Ultin apontament, vuê ai 14 di Novembar, cul progjet I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazion dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

Alì de Universitât di Udin, in Borc di Glemone, si davuelç une taule taornde che e fronte l’argoment di fonde di dut il percors educatîf che al è stât fat vie pal an, a tacâ dal mês di Març.

Ve chi il test (par talian) de presentazion dal incuintri:

I.BI.S, BILINGUISMO E PLURILINGUISMO COME RICCHEZZA, DIRITTO E OPPORTUNITÀ
Il 14 novembre a Udine la tavola rotonda conclusiva del progetto promosso da Polonik
Appuntamento alle 17 all’Università, Palazzo Di Toppo Wassermann, in Via Gemona 92


Si chiude con una tavola rotonda il progetto I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo), il percorso educativo e formativo, che ha come obiettivo la valorizzazione della diversità linguistica, nelle sue diverse dimensioni, tra identità, dialogo interculturale, comunicazione e opportunità educativa, formativi, civica, economica e sociale.

L’appuntamento con la conferenza finale dal titolo Bilinguismo e plurilinguisimo come ricchezza, diritto e opportunità è fissato per le 17 di sabato 14 novembre nell’aula magna di Palazzo Di Toppo Wassermann, sede dell’Università di Udine che si trova in via Gemona 92.

Sarà l’occasione per un confronto a più voci sui temi dell’educazione plurilingue e della pratica di bilinguismo e plurilinguismo nell’arco di tutta la vita, alla luce delle esperienze e delle aspirazioni proprie delle minoranze linguistiche storiche del Friuli-Venezia Giulia e di quelle delle comunità di immigrazione, che aggiungono multiculturalità e multilinguismo al già ricco e variegato profilo della società regionale.

Il programma è articolato in tre sezioni.

La prima prevede il saluto introduttivo di  Alberto Felice De Toni, Rettore dell’Università degli studi di Udine, Furio Honsell Sindaco del Comune di Udine, Silvana Cremaschi Consigliere della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, Pietro Fontanini Presidente della Provincia di Udine, Marco Zanor Sindaco del Comune di Martignacco e Renata Capria D’Aronco Presidente e Segretario Generale del Club Unesco di Udine.

Seguiranno le esperienze e le prospettive indicate da Lorenzo Fabbro (Presidente dell’ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), Claudia Salamant e Nadia Simiz della Scuola Bilingue di San Pietro al Natisone, Dorota Stromidlo, coordinatrice del progetto I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) e presidente dell’associazione Polonik, Jana Sovova (Lettrice di scambio culturale di Lingua Ceca dell’Università degli Studi di Udine), Elena Toukchoumskaia Presidente del Centro per lo sviluppo transnazionale fra l’Italia e la Russia), dell’insegnante di inglese Giorgio Vello, di Awa Diallo (Presidente dell’associazione Mediatori di Comunità ONLUS) e di Paolo Cantarutti, Presidente della cooperativa Informazione Friulana – Radio Onde Furlane.

Il programma sarà completato dalle relazioni di due conosciuti esperti friulani come Franco Fabbro, che parlerà di Neuroscienze del bilinguismo, e Silvana Schiavi Fachin , che affronterà il tema L’educazione plurilingue: un processo che dura lungo tutto l’arco della vita.

I lavori saranno coordinati da Marco Stolfo, giornalista e ricercatore, titolare del Modulo Jean Monnet MuMuCEI (Multilinguismo Cittadinanza multiculturale e Integrazione europea) dell’Università di Udine.

IBISweb

I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) è un progetto dell’associazione Polonik, sodalizio di promozione sociale che aggrega i polacchi residenti in Friuli-V.G. e che si propone di sviluppare le relazioni tra la comunità regionale e la Polonia e più in generale di promuovere la cultura polacca e il confronto tra questa e le altre espressioni culturali del territorio.

L’iniziativa, organizzata dall’associazione Polonik, con il sostegno della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia e con il patrocinio dell’ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dei Comuni di Udine e di Martignacco, è stata avviata la scorsa primavera con un primo ciclo di lezioni-conferenze per genitori, educatori e insegnanti. All’interno di  I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) sono stati organizzati anche momenti di aggregazione multiculturale e laboratori interattivi educativo-didattici per bambini ed una nuova serie di lezioni/laboratori a partire da ottobre.

I.BI.S. è organizzato da Polonik anche con la collaborazione dei Dipartimenti di Scienze umane e Lingue e civiltà dell’Europa Centro-orientale e del Modulo Jean Monnet MuMuCEI (Multilinguismo Cittadinanza multiculturale e Integrazione europea) dell’Università di Udine, nonché grazie alla partnership con la Fondazione Collegio della Provvidenza, le Parrocchie Santa Margherita del Gruagno e Buon Pastore di Udine, l’Associazione Mediatori di Comunità Onlus, l’Associazione La Tela, l’Associazione Lidrîs e Butui, Radio Onde Friulane, l’Istituto di Antropologia Comparata ONLUS, il Centro per lo sviluppo transnazionale tra l’Italia e la Russia e il Circolo Culturale Ceco.

La partecipazione è libera e gratuita. Per saperne di più: 377-2746991, http://www.polonik.org e info@polonik.it.

Napoli – Udinese 1-0

udin_neri

L’Udin al zuie une des sôs partidis miôr – o mancul piês – di cheste stagjon, ma al torne a cjase di Napoli cuntune sconfite e cuntune brute sbrissade indaûr in classifiche.

Ancje chest viaç Di Natale nol è tra i convocâts, lant daûr di une tradizion che lu viôt simpri  indisponibil cuant che si zuie cuintri dai partenopeus: une robe che magari no je cussì rilevante inte economie dal zûc dai blancs e neris, ma che e rapresente une (piçule?) magle te professionalitât e tal carisme di Totò.

Il Napoli al è une des scuadris miôr di chest campionât. I zuiadôrs di Sarri a zuin cun snait e cuntune cierte continuitât sei in tiermins di cualitât des prestazions che par ce che al tocje i risultâts, in campionât compagn che inte Europa League. L’Udin fint cumò al à mostrât pocje continuitât e pocjissim zûc, palesant une dificoltât mostre soredut in atac.

In teorie a saressin lis cundizions par une partide a sens unic e cence storie, dute a pro dai parons di cjase, sù par jù in chê stesse maniere che e jere lade a Rome nancje dôs setemanis indaûr. Invezit l’Udin si presente sul teren dal San Paolo cuntune disposizion ordenade, ben cuvierte daûr e avonde struturade e dinamiche te zone mezane, ancje se e je a palês pôc incisive indenant dulà che Thereau al è – masse… – di bessôl.

I parons di cjase a fasin i parons, stant che a tegnin di plui la bale, a son plui fuarts e plui incisîfs indenant, sburtâts dal ex di turni Allan e cun Higuain e Callejon che i dan di lavorâ a Karnezis e ae difese blancje e nere, che però vie par dut il prin timp a tegnin bot e a rivin a neutralizâ la potence dai aversaris.

Tal secont timp lis dinamichis a son simpri chês. La diference e je une iniziative di Higuain che al profite di une bale pierdude di Iturra e al rive a metile tal sac daûr di Karnezis. La pression ofensive dal Napoli e cjate finalmentri sodisfazion, intant che i blancs e neris a patissin il colp e tal zîr di trê minûts a riscjin di cjapâ il secont, ancjemò dal pît dal Pipita, che al tire fûr di pôc.

L’Udin al prove a dâsi une dreçade e al recupere ecuilibri e ategjament agonistic. Colantuono al mande in cjamp Aguirre al puest di un Bruno Fernandes smamît e la scuadre di balon furlane e rive ancje a fâsi viodi des bandis di Reina, che suntune conclusion cul cjâf di Widmer al fâs il Karnezis e al tocje la bale di chel pôc che al covente par deviâle, ancje cuntune buine dose di fortune, su la travierse e duncje fûr bersai.

Cussì  i minûts a passin, ma i tentatîfs dal Udin di cirî l’un a un no jonzin nissun risultât e la partide si siere cul sucès napolitan e, pal Udin, cuntune classifiche di sgrisulâsi.

Plui lenghis, plui ideis. Incuintri a Udin ai 7 di Novembar

IBIS_Ot_Nov_15

Al va indenant a Udin il progjet I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazions dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

Dopo des ativitâts metudis adun te prime part dal an, de scree de ultime rieste di apontaments, cuntune lezion-conference di Franco Fabbro sul aprendiment des lenghis daûr dai siei studis tal cjamp des neurosiencis e dal incuintri cun Jana Sovova dai 24 di Otubar, la iniziative e proviôt une lezion/laboratori par sabide ai 7 di Novembar, simpri a Udin, alì de Fondazione Collegio della Provvidenza, in vie Scrosoppi 2, a tacâ di 4 dopo di misdì.

Plui lenghis, plui ideis al è il titul dal laboratori, che al è e al ven fat par cure di Dorota Stromidlo, coordenadore dal progjet I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) e presidente de associazion Polonik, e di Marco Stolfo, gjornalist e ricercjadôr, titolâr dal Modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilinguisim Citadinance multiculturâl e Integrazion europeane) de Universitât dal Friûl.

La partecipazion e je libare. Altris informazions si puedin domandâ par telefon  (377-2746991) e vie internet (www.polonik.org e info@polonik.it).