Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Advertisements

Sapade/Plodn, un toc di Friûl che al torne in Friûl

Ancje la Cjamare dai Deputâts e à votât a pro dal passaç di Sapade/Plodn de Regjon Venit ae Regjon Friûl-VJ. Vuê cualchi minût prime des dôs dopo di misdì al è rivât il vôt finâl: 257 a pro, 20 cuintri e 74 astignûts.

Il test, che al jere za stât fat bon dal Senât, al jere stât fermât ae Cjamare la setemane stade, dopo che il Consei regjonâl dal Venit si veve lamentât che al mancjave il so parê.

Al jere, evidentementri, dome un dai tancj tentatîfs – i ultins a son stâts chei fats di un pôcs di deputâts venits îr tal ufici di presidence e ancjemò vie pe buinore in aule – di blocâ l’iter parlamentâr, di rinviâ la discussion e la votazion e duncje di pidimentâ la conclusion positive dal percors fat de afermazion de volontât de int di chê part di Friûl che e veve voie di tornâ in Friûl, cu la jentrade te Regjon autonome Friûl-VJ.

Par fâle lâ sù pai stecs, i nemîs de tornade in Friûl di Sapade/Plodn lis vevin provadis dutis e a ducj i nivei, e ancje dopo dal vôt a son za chei che i domandin al president Mattarella di no firmâ la leç fate buine vuê.

Ancjemò vie pes ultimis setemanis, però, ancje i sostignidôrs de volontât de int di Sapade/Plodn a àn fat sintî la lôr vôs. Tra chescj e merete segnalade la iniziative cjapade sù de Assemblee de comunitât linguistiche furlane (CLiF), la istituzion che e da rapresetance istituzionâl ai comuns di lenghe furlane che a fasin part de Regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest, cuntune letare dal so president, il sindic di Cjarlins Diego Navarria, mandade cualchi zornade indaûr ae Presidente de Cjamare, Laura Boldrini.

La buine gnove che e rive di Rome e je stade saludade di tancj di lôr tant che un at di justizie. Chestis peraulis a son stadis dopradis in particolâr de bande de presidente de Regjon Friûl-VJ, Debora Serracchiani.

Tra lis tantis declarazions di sodisfazion e merete ricuardade propit chê dal president de CLiF, Navarria, che al à marcât cemût che «in tancj di lôr a àn poiât la iniziative dai sapadins – e tra chescj a son ancje i sindics furlans – ma soredut che il vôt de Cjamare di vuê al è il risultât de determinazion e dal snait de int di Sapade che par dîs agns e à tignût dûr, sghindant ancje i tancj tramais che ur àn fat une cierte politiche e une cierte burocrazie».

«Cumò – al à zontât Navarria – par dâur acet in Friûl ai sapadins cemût che a meretin, al covente il Friûl, ma cheste ca e je une altre bataie. Par intant, fasìn fieste» . Une fieste par Sapade/Plodn, pal Friûl e pe democrazie.

An Englishman in… Cividât

Un concierton di gale. Al è chel che al à fat nossere Sting a Cividât pe conclusion de edizion di chest an dal Mittelfest. Il cjantant, musicist, autôr (e atôr e tantis altris robis ancjemò) di Wallsend si à presentât sul palc metût adun tal Parc de Lese intune forme fenomenâl e compagnât di une band di grande sostance, a tacâ dai ghitariscj Dominic Miller e Ruful Miller e dal baterist Josh Freese, che e à fat il so dal principi ae fin, cuntun spetacul sempliç e compat di passe une ore e mieze.

E jere une des datis dal tour leât ae jessude dal so disc plui resint – 57th & 9th, il diesim secont de sô produzion tant che solist – ma la plui part dal spetacul dal professôr Gordon Sumner e à cjapât dentri tocs dai siei albums plui vecjos e soredut nûf classics dal repertori dai Police.
Sting e i siei compliçs a àn tacât a scjaldâ il cûr dal public e a parâ vie i nûi neris che a jerin ancjemò tal cîl parsore dal Nadison propit cuntun poker di ‘oldies and goldies’, de viertidure cun ‘Sincronicity II’ a ‘Englishman in New York’, passant par ‘If I ever lose my faith on you’ e ‘Spirit in the Material World’.

Il tîr al è chel just e la conferme e rive de esecuzion di ‘Every little thing she does is magic’ e de rispueste dal public, par sigûr ben sintonizât su lis frecuencis dai trê puliziots plui preseâts dal Ream Unît tra il 1977 e il 1984, che e fâs di puint cuntune rieste di tocs de seconde vite artistiche di chel che une vole al jere un «young teacher», là che si presein soredut lis esecuzions di ‘She’s too good to me’ e ‘Petrol head’.

Intant che si svicine la metât dal conciert, la atmosfere si scjalde ancjemò. Al rive il messaç che in tancj a spietavin: une version apassionade di ‘Message in a Bottle’, che e somee marcâ un altri svolt tal percors che al ten dongje chei sul palc e i siet mil di lôr che, sentâts o impins, si cjatin tal prât.
A rivin ancje l’omaç a David Bowie cun ‘Ashes to Ashes’, la gnove (che e sa di antîc) ‘Five Thousand’ e po ‘Walking on the Moon’, inmagante come simpri, che e segne un altri cambiament di pas. La int cumò e mole lis sentis e si tire dongje dal palc. L’amarcord puliziot al va dilunc cuntune ‘So Lonely’ viamente e svariade, daûr de sô tradizion miôr, al lasse spazi a ‘Desert Rose’, là che però si sint la mancjance di Cheb Mami, e po al torne in bombe cun ‘Roxanne’, che si stramude in ‘Ain’t No Sunshine’ di Bill Withers e po e torne in se, in chel istès dolce, ruspiose e sincopade.

E podarès finî cussì, ma par fortune al è ancjemò alc: tra une polse rituâl piçule piçule e chê altre al è spazi ancjemò par un poker di emozions, dal classicon ‘Next to You’ al sucès planetari ‘Every breath you take’, di ‘Fragile’, cun Sting che al sune la ghitare, a ‘I Can’t stop thinking about you’, gjavade fûr dal album gnûf.

Tal cîl si tornin a viodi lis stelis e salacor nol è nancje plui frêt. Pardabon une biele serade.
Se Sting al ves dit ancje «Mandi Cividât» e «Dober Večer Čedad» e sarès stade perfete…

 

(fotos di Simone Di Luca / graciis a Azalea)

Mittelfest 2017, Cividât al è…par Aiar

Sabide ai 15 di Lui si à screade a Cividât la edizion di chest an di Mittelfest, il festival des arts nassût tal 1991 cun chê di promovi lis carateristichis ambientâls e culturâls specifichis dal Friûl e de regjon Friûl-VJ e di rinfuartî lis relazions jenfri chescj teritoris e chei de Europe centrâl e dai Balcans.

La manifestazion, daûr di une tradizion di passe vincjecinc agns, e met dongje ancje chest an une schirie di events, tra incuintris cui artiscj, performance, spetacui, concierts e vents di ogni sorte.

Il so program, che si disvilupe dilunc vie di dîs dîs, fintremai ai 25 di Lui, al è pardabon siôr.

Daûr des intenzions dai siei organizadôrs, la peraule clâf che e fâs di fîl ideâl di dute la manifestazion di chest an e je Aiar. Dopo dal festival dedicât ae Aghe tal 2015 e di chel dedicât ae Tiere tal 2016, il festival di chest an al è dedicât a chest element, che adun cun chei altris doi al rapresente un dai ponts critics dal vivi contemporani: risorse di vite, argoment di pinsîr e di azion e par chel ancje ispirazion creative.

Il program di Mittelfest si pues consultâlu culì, ancje – almancul par alc… – par furlan, par sloven e par todesc.

Onde Furlane a Vinitaly, Vinitaly su Onde Furlane

Vuê, domenie ai 9 di Avrîl, si scree la edizion 2017 di Vinitaly. Ancje chest an li dal Salon internazionâl dai vins e dai distilâts che si fâs a Verone e sarà presinte Radio Onde Furlane, cuntune sô postazion logade tal Paveon 6 di VeronaFiere, là che al è il stand coletîf de Regjon Friûl-VJ e dal ERSA. Cussì la innomenade manifestazion e vignarà contade, cuntune schirie di trasmissions in direte, de bande de radio libare dai furlans.

Daûr di une tradizion che e à zaromai vot agns, Mauro Missana e Enrico Turloni a tiraran dongje informazions, gnovis, curiositâts e intervistis, che a laran in onde di vuê a martars ai 11.

Tal palinsest di Onde Furlane a son proviodûts diviers spazis dedicâts a Vinitaly, che si pues scoltâju in modulazion di frecuence (sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu): vuê, domenie ai 9 di Avrîl, di 10 a 11.30 a buinore e di 5 a 6 sot sere; doman, lunis ai 10 di Avrîl, di 9.30 e 10.30 a buinore, de une aes dôs dopo di misdì e di 5 a 6 sot sere mieze; martars ai 11 di Avrîl di 9.30 a 10.30 e di 3 a 5 dopo di misdì.

E sarà la ocasion par scoltâ la vôs di esperts, produtôrs, esportadôrs e rapresentants des istituzions, che vie par chescj dîs a son implicâts te manifestazion. Tra chei che a àn za dât la lôr disponibilitât a intervignî su Onde Furlane a son i organizadôrs di BorderWine Fabrizio Mansutti, Luca Bernardis e Valentina Nadin, l’esportadôr di vins furlans tai USA Franco Canciani, il cogo Manuel Marchetti, cognossût ancje par vie de so partecipazion ae trasmission televisive La Prova del Cuoco, la somellier Diana Candusso, professioniste dal turisim enogastronomic, e Remo Rossi, dirigjent di bancje par profession e espert di vinsi par passion.

A son proviodûts ancje i intervents dal assessôr regjonâl pes risorsi agriculis e forestâls Cristiano Shaurli, dal diretôr dal ERSA Paolo Stefanelli e di rapresentants di PromoTurismoFVG.

«O sin a Vinitaly ancje chest an – al è il coment di Mauro Missana, diretôr di Radio Onde Furlaneparcè che al è un event impuartant pe societât e pe economie dal Friûl. Contâ cheste manifestazion par furlan al è il nestri lavôr e al fâs part di chê funzion di servizi public par dut il Friûl che la nestre radio e plui in gjenerâl la nestre cooperative, Informazione Friulana, e davuelç zaromai di 37 agns».

«Al è impuartant jessi achì e… mostrâ la lenghe – al zonte Enrico Turloni – ancje par vie che chel che al è il caratar di fonde de nestre ativitât di informazion e di comunicazion al zove ancje ae promozion dal Friûl e dai siei prodots intune maniere origjinâl e cun chê di marcâ la lôr origjinalitât e fâju cognossi e ricognossi ator».

E juste cun chel spirt, il bon acet ai ospits di Onde Furlane al vignarà dât cun prodots made in Friûl tant che il cafè OroCaffè e la aghe Dolomia.

Il sunôr amì francoprovençâl di scoltâ e di viodi, vuê a Turin li dal Cinema Massimo

Un apontament al cine cu la tradizion musicâl de zone francoprovençâl de (ex) provincie di Turin.
Al è chel di vuê a 6 e mieze sot sere li dal Cinema Massimo di Turin, cuant che e sarà la proiezion di Lou soun amis, il documentari di Luca Percivalle e Flavio Giacchero, che al da cont di une ricercje antropologjiche disvilupade vie par cinc agns, tra il 2011 e il 2015, dedicade al « sunôr amì» de musiche popolâr e de lenghe francoprovençâl tes Vals di Lanzo.

Il cine al conte di une identitât che e esist e che e resist, ancje cul fâ fieste, cul cjantâ, cul sunâ e cul balâ, te cuotidianitât e in maniere naturâl.

Ancje la descrizion e je naturâl e libare: lis imagjinis a presentin paisaçs, personis e situazions cun partecipazion, cun rispiet e cence invadence e lis personis e lis situazions stessis si contin e a contin ce che a fasin e ce che a pensin in maniere sclete e doprant la lenghe mari.

Lou soun amis al ven presentât te innomenade sale, che si cjate dongje dal Museu dal Cine, inte suaze de edizion di chest an di Piemonte Movie gLocal Festival, che al è in plen davuelziment juste in chescj dîs, di miercus ai 8 di Març fintremai domenie ai 12.

Corot pe muart di Renzo Balzan

renzo_balzan

Une brute gnove pe culture furlane. Magari cussì no, al è muart Renzo Balzan, une des figuris plui impegnadis e plui coerentis inte ativitât di promozion de identitât e des lenghis dal Friûl.

Dal 2004 al jere il dean de Union Scritôrs Furlans che al veve contribuît a fondâ ancjemò intal 1982 adun cun oms tant che Agnul Pitane, Antoni Beline, Celso Macôr e Riedo Pup.

Al curave zaromai di agns ‘Gnovis Pagjinis Furlanis’, la storiche riviste de Union, in plui di jessi fondadôr e diretôr dal mensîl Ladins dal Friûl. Al veve colaborât ancje cun cetantis rivistis furlanis e no dome, cun TeleAltoBût e cun Radio Onde Furlane.

Al à scrit cetancj libris che a van de poesie ae prose narative, de cronache politiche e culturâl aes tradizions popolârs. Tra i siei titui plui innomenâts al è ‘Liende di Agane e atris contis’.

Cu lis sôs oparis al veve vinçût, ancjemò tal 1983, il premi S. Simon e, intal 1987, la sezion pes contis dal Premi Friûl.
La sô ativitât di scritôr e di promotôr de culture furlane lu àn puartât ancje a cjapâ intal 1993 il premi ‘Nadâl furlan’.

Renzo Balzan al jere nassût intal 1943 a Felet, ma dal 1966 al viveve in Cjargne là che al jere un dai animadôrs de associazion Cjargne Culture e de Universitât de tierce etât de Cjargne, in plui di curâ la publicazion dai ‘Cuaders di Culture Cjargnele’.

Al jere ancje stât un dai plui atîfs intal mantignî vîfs i contats culturâi cu la comunitât ladine des Dolomitis.

Dret & Ledrôs, ai 5 di Novembar su Onde Furlane si fevele di vins, vîts e vitis

ribuele

Une trasmission speciâl là che si fevele de viticolture in Friûl. E je chê che si podarà scoltâle doman, ai 5 di Novembar, su lis frecuencis di Radio Onde Furlane, inte suaze di Dret & Ledrôs, la rubriche setemanâl di aprofondiment gjornalistic che e marche il palinsest de sabide de ‘radio libare dai furlans’.

Il program, curât e condusût dal diretôr de emitente, Mauro Missana, cul coordenament redazionâl di Enrico Turloni, al pontarà la so atenzion viers ce che di gnûf e di bon al nas tra vignâi e cantinis. Storiis di vins, di vîts e di vitis: di vins di cualitât, di vîts cuinçadis e curadis cun mistîr, di vitis dedicadis ae tiere, ae ue e ae produzion dal vin.

Un dai ospits di cheste gnove ‘sabide furlane fuarte’ al sarà l’innomenât cuinçadôr fuMy Sitesrlan Marco Simonit, soci di Simonit & Sirch, aziende che pôcs dîs indaûr e à presentât ae stampe di setôr a nivel mondiâl i risultâts de sô ricercje in cont dai intervents di dendrologjie, sperimentâts tai ultins agns cun risultâts une vore bogns (90% di vuarison) te cure des vîts maladis.

A son proviodudis ancje lis testemoneancis di trê produtôrs che la lôr carateristiche e je chê de ricercje de cualitât e dal leament fuart cul teritori: Federica Magrini di Vignâi da Duline di Vilegnove dal Judri, Joško Gravner di Oslavie e Marco Cecchini di Faedis.

logo_web_ROF_new

A fevelaran des esperiencis e des prospetivis de viticulture furlane ancje trê gjornaliscj di setôr di innomine internazionâl tant che Stefano Cosma, Ian D’Agata e John Brunton.

La trasmission si podarà tornâ a scoltâle in repliche domenie ai 6 di Novembar a tacâ di 8 a buinore e miercus ai 9 a 3 dopo di misdì.

Onde Furlane e trasmet in modulazion di frecuence sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e su internet ae direzion www.ondefurlane.eu .

Cun di plui si pues scoltâle su smartphone, Iphone, tablet e Ipad, doprant la aplicazion specifiche che si le discjame de rêt daûr des indicazions che si cjatin ae direzion www.ondefurlane.eu.

uve

‘Tra le rocce e il cielo’, di vuê a domenie in Vallarsa si resone dal mont e de mont

tra_le_rocce

Storiis, memoriis, identitâts, teritoriis. A son uns pocjis des peraulis clâf che a permetin di ricognossi i argoments e il program
di Tra le rocce e il cielo, festival che si davuelç in Trentin, in Vallarsa, di vuê a domenie 21 di Avost.

La manifestazion e à chê di meti dongje esperiencis, ideis e resonaments in cont dal mont e de mont, des ‘tieris altis’, tant che part dal mont. Si partìs dal Trentin, de sô storie e de sô situazion dal dì di vuê, par cjalâ ancje inaltrò: si si slargjisi su dut l’Arc des Alps e ancjemò in direzion dal Mediterani, dal Afghanistan  o des zonis cjaldis des vueris e dai conflits dal dì di vuê, cu la memorie des vueris dal passât e in particolâr dal maçalici de Prime vuere mondiâl.

Il cartelon de rassegne al cjape dentri incuintris tematics, mostris, escursions, spetacui, proiezions di cines, presentazions di libris  e taulis tarondis.

Vie pe zornade dai 19 di Avost, par esempli, si fevele di feminis e vueris, cuntune cjaladure specifiche ancje viers des minorancis linguistichis tes regjons des Alps.

Sabide ai 20, impen, vie pe buinore e po ancje dopo di misdì, l’argoment principâl al sarà chel des frontieris, dai confins, des migrazions
e de Europe.

Il program complet di dute la manifestazion si pues leilu achì.

Par savênt alc altri ancjemò, al baste dâ un cuc in rêt: achì, achì  e achì.

Il Friûl alì dal Salon di Turin. Un câs par ‘Chi l’ha visto?’

salondallibri

Dôs setemanis indaûr, in ocasion de scree de edizion numar XXIX dal Salon internazionâl dal libri di Turin, o vevin scrit alc in cont di chê manifestazion che e je zaromai di tant timp une des plui impuartantis de nestre citât, massime pe partecipazion de int e pe atenzion mediatiche.
In particolâr si domandavin se tai paveons dal Lingotto o varessin cjatât alc – e trop – di furlan e magari ancje par furlan.

Se sul argoment, ancje su la fonde di cualchi informazion tirade dongje, za ae vilie dal Salon, za in chê volte no vevin pandût masse otimisim, cumò che la kermesse si à sierade di passe dîs dîs e dopo che o vin fat une biele passude dal Salon tra joibe ai 13 e lunis ai 16 di Mai, o podìn dî, cuntune cierte maluserie, che salacor la realtât e je stade piês di cemût che se spietavin.

Cun di fat chel de presince dal Friûl alì dal Salon si pues calcolâlu tant che un câs par Chi l’ha visto?. No lu scrivìn par vie che a tacâ dal an passât la presidente de Fondazione per il libro, la musica e la cultura, che e inmanee il Salon, e je propit Giovanna Milella, gjornaliste che par uns pôcs di agns e je stade la condutore di chê innomenade trasmission televisive, ma propit par vie che cirî e cjatâ il Friûl al Lingotto nus à someât la ricercje di une persone disparide, se di no piês.

Salone_del_Libro

Cul ferâl di Diogjen o vin cjatât alc – pocjissim… – alì des postazions di cualchi espositôr e di cualchi cjase editore furlane (Biblioteca dell’Immagine, LEG, Forum…) o tra i finaliscj dal concors leterari InediTO-Colline di Torino, intant che o vin fat ancjemò plui di fature – in proporzion – a fâ compagn tal stand uficiâl de Regjon Friûl-VJ, là che in teorie al varès vût di jessi alc di plui.

E je vere che ancje tes edizions passadis dal Salon, daûr di ce che nus sugjerìs la memorie, no nus à mai someât di viodi e di cjatâ cuissà cetant Friûl, però chest an o vin vût la impression che al fos ancjemò di mancul e soredut che e fos pardabon smamide la presince dal Friûl tal stand de Regjon e che e fos compagn – e salacor ancje puare, vueide e anonime, in gjenerâl – la stesse vitrine dal Friuli-VG.

Cun di fat, se di une bande il stand de Regjon al veve une aparence particolâr dal pont di viste architetonic, cuntune struture di len che e colpive il voli e che cualchidun al à vût preseât ancje su la stampe e in rêt, di chê altre, cundut de origjinalitât architetoniche, si stentave fintremai a capî di cui (e di ce) che al jere pardabon: Regione autonoma Friuli-VG, Librerie Coop o Angolo della poesia? O ce? Boh!

Spazio del Friuli Venezia Giulia alla ventinovesima edizione del Salone del Libro - Torino 15/05/2016

Parsore des listis di len de struture dal stand si podeve lei il non di puescj tant che Villa Manin o ben di cualchidune des manifestazions plui impuartantis che si davuelzin tal teritori regjonâl e che a varessin di vê un atrat sei culturâl sei turistic. A jerin i nons di Pordenonelegge, di èStoria, di Vicino/Lontano, di Mittelfest e forsit di un pâr di altris ancjemò, ma a’ndi mancjavin altris, a tacâ des manifestazions cinematografichis – cundut che propit Visioni e fos, cui siei diviers significâts, la peraule clâf dal Salon di chest an – e di events tant che PostajaTopolove/Stazione di Topolò o Suns Europe, che te sô prime edizion l’an passât al à mostrât cemût che lis specificitâts linguistichis e culturâls plurâls de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a son une clâf strategjiche par metisi in relazions positivis cul mont e par fâsi cognossi e ricognossi ator.

Di chê altre bande dal stand a jerin un pâr di scansiis di libris, ma no jere une rapresentazion ni dai autôrs dal Friûl e di Triest, ni de produzion de editorie regjonâl. Tai dîs passâts nus àn contât che diviers editôrs dal Friûl a jerin avonde inrabiâts parcè che cui che al à gjestît il stand no ju à ni calcolâts e ni coinvolzûts, intant che un rapresentant di une clape di culture nus à fat savê che a lôr ur vevin domandât alc, ma al jere masse tart par podê rispuindi e dâur un pôcs di libris e di rivistis.

Ancje i materiâi promozionâi nus àn someât avonde scjarsuts: lis solitis mapis di TurismoFVG (che dut câs a van simpri ben), cualchi depliant ca e là, une brochure de Fondazion Aquilee, copiis di un libri sui sîts archeologjics dal Alt Adriatic e uns pocjis di penis vançadis dal IntenetDay…

Spazio del Friuli Venezia Giulia alla ventinovesima edizione del Salone del Libro - Torino 15/05/2016

Il cjanton là che si fasevin i incuintris al jere ancje ninin. Però, cun dut che al jere ancje insiorât di une postazion dal Scriptorium Foroiuliense, al veve pardabon pôc atrat.
Cun di plui, la prime volte che o sin passâts di chês bandis o vin notât la espression stufadice di Gloria De Antoni (ma forsit e jere cussì dome par vie di un tweet di un assessôr regjonâl che le veve nomenade «Degli Antoni»… Cuissà?) e intune altre ocasion che o vin dât un cuc al program dai events, nus à someât pardabon une mission impussibile sielzi cuâl che, tra une presentazion dal libri di un poete piemontês par cure di Giovanni Tesio e un incuintri tra il diretôr artistic di Mittelfest e Simone Cristicchi, al sarès stât l’apontament plui rapresentatîf dal Friûl e de regjon…

Al mancjave il Friûl, si viodeve avonde pôc la regjon e soredut no si rivave a vualmâ la carateristiche di fonde des tieris a est dal nordest, ven a dî la esistence des lenghis ‘altris’ – il furlan, il sloven e il todesc – che cun dut de lôr storiche minorizazion a son ancjemò (avonde) vivarosis e a vegnin dopradis ancje par fâ alc di bon, di moderni e di interessant te scriture, te editorie, te comunicazion, te musiche, tal cine e plui in gjenerâl te produzion culturâl.

segamentu-de-ancas

Il stand de Regjon Sardegne, che al jere pôcs metris plui innà, cu la denominazion uficiâl par sart e par talian, cun scansiis plenis di libris di diviers editôrs, cun tancj libris e altris materiâi ancje par sart o par catalan algherês, cun incuintris tant che un omaç a Sergio Atzeni, une leture musicade par cure di Giacomo Casti e Frantziscu Medda Arrogalla e la presentazion di Segamentu de ancas, la version par sart di une ricueltis di contis par arap dal scritôr sirian Zakaria Tamer, in confront al someave cuasit chel de Catalogne dal 2002…

Plui in gjenerâl, denant de evidence dade al riferiment a ‘visionaris sarts’ tant che Antonio Gramsci  o Grazia Deledda o de ricjece de rapresentazion editoriâl, culturâl, teritoriâl, turistiche e enogastronomiche de Regjon Pulie, chel de Regjon Friûl-VJ al someave pardabon un stand cence anime e cence un straç di…vision.

Nus à someade une sorte di ‘version 2.0’ de situazion de promozion turistiche regjonâl di un pôcs di agns indaûr: in chê volte daûr dal sproc ‘Ospiti di gente unica’ si stentave a capî che la unicitât de int dal Friûl e di Triest e jere la pluralitât linguistiche e culturâl (che si spiele te ricjece dai paisaçs, de enogastronomie, de architeture, de art, des storiis e des identitâts); cumò – almancul cussì al è stât a Turin – si viôt che in chê regjon a son ‘unics’ pe capacitât di no jessi in stât di fâsi viodi, di fâsi cognossi, di fâsi ricognossi e di fâsi preseâ…

Tai dîs passâts o vin let cun interès che tal 2017 la regjon ospit dal Salon di Turin e varès di jessi propit chê dal Friûl-VJ. Sperìn che par chê volte al sedi cambiât alc e che chi di un an e rivi finalmentri a mostrâ la sô muse reâl e plurâl.