Gwenno + Xavi Sarrià + Sa Ratapignata + Melmor + Peppa Marriti Band + Pascal Gamboni = Babêl Europe 11/2020

Vuê, doman e sabide tal palinsest di Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a musichis, lenghis, minorancis e nazions cence stât.
Il prin apontament al è a 11 a matine, il secont a une dopo di misdì e il tierç a une e mieze dopo di misdì.

Ancje par cheste setemane la trasmission no vignarà fat in direte, ma si tornarà a mandâ in onde une pontade gjavade fûr dal archivi di Babêl Europe, che e jere za stade programade timp indaûr.

In particolâr e sarà la ocasion par tornâ a scoltâ  il program de setemane dai 26 di Jugn dal 2018 e si larà a torzeon pe Europe de diversitât linguistiche e de creativitât musicâl, jenfri Cornualie, Gales, Paîs Catalans, Bretagne, Arberie, Cjanton dai Grisons e Sardegne cuntune cerce dal repertori di Gwenno, di Xavi Sarrià, dai Melmor, de Peppa Marriti Band, di Pascal Gamboni e di Sa Ratapignata.

Si pues scoltâ Babêl Europe su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt, in streaming e su Facebook). Cun di plui, dutis lis pontadis de trasmission a restin a disposizion in rêt, su Spreaker e su Spotify.

1950-2020, i 70 agns des Lotis dal Cormôr. Storie e memorie vive, tiere, lavôr e identitât

Vuê al cole il setantesim inovâl dal inviament des Lotis dal Cormôr, il grant siopar par ledrôs che al inflamà la Vierte e l’Istât dal 1950 inte Basse Furlane.

In ocasion di cheste ricorence, di vuê fint a domenie, al è disponibil su AdessoCinema, la plateforme streaming curade di Visionario, Cinemazero e Cineteca del Friuli in colaborazion cu la Tucker Film, il documentari Lis Lotis dal Cormôr, che al conte chei fats e al met dongje lis vôs di diviers di lôr che a jerin implicâts in chê proteste: zornadis interiis di lavôr a gratis inte canalizazion dal Cormôr, propit cun chê di sburtâ il guvier talian a finanziâ chês oparis di bonifiche, a pro de ocupazion e de incressite de produtivitât agricule des tieris de Basse Furlane, e cul pericul continui di cjapalis de Celere.

La metude in rêt dal documentari e je dome che la prime di une schirie di iniziativis che a vignaran metudis adun vie pe seconde part dal 2020 propit cun chê di memoreâ chest aniversari “taront”. Un program di apontaments, jenfri art, musiche, comunicazion e aprofondiment storic e sociâl, coordenât de associazion Artetica e de Sezion ANPI Premoli, metût adun cu la colaborazion di diviers sogjets: ANPI Udin; CGIL Udin; cooperative Informazione Friulana / Radio Onde Furlane; Istitût Furlan pe Storie dal Moviment di Liberazion; CIRF e DIUM de Universitât dal Friûl; associazion KLARIS di Udin; Auser; Primacassa F-VG; Comuns di Cjarlins, Cjasteons di Strade, Çarvignan, Muçane, Palaçûl, Prissinins, Roncjis e San Zorç di Noiâr.

Al è une vore impuartant mantignî vive e cussiente la memorie di chê mobilitazion popolâr pal lavôr e pe dignitât, determinade e pacifiche, cundut de repression violente des autoritâts. Chê des Lotis dal Cormôr e je une des pagjinis plui interessantis e magari cussì no ancjetant pôc cognossudis de storie dal Nûfcent in Friûl.

Di une bande chê esperience, che e veve cjapât dentri su par jù vincjmil di lôr, e manten ancjemò in dì di vuê un puest impuartant inte memorie coletive e inte identitât de int de Basse Furlane. Di chê altre, però, chel ricuart e chê cussience a son lâts al mancul, un pôc par vie dal passâ dal timp e dal fat che tancj di lôr, implicâts personalmentri in chê mobilitazion, magari cussì no no son plui su cheste tiere, e un pôc par chê tindince ae dismentie che in Friûl e tocje cetantis vicendis e personis, che – cemût che o scrivevin cualchi an indaûr – a deventin “memorie platade” par vie di une operazion di rimozion coletive, dulà che no si pues fâ di mancul di vualmâ une vere strategjie di caratar ideologjic, stant che a son fats e sogjets che a mostrin un Friûl vêr, che al è diviers e alternatîf rispiet a cierts lûcs comuns.

Nus fâs plasê che in ocasion di chest inovâl si torni a fâ memorie vive des Lotis dal Cormôr. Par no dismenteâ e par tornâ a meti in comun chel patrimoni preseôs di valôrs, di solidarietât e di identitât che chês personis e chei fats nus àn lassât in ereditât e che nus coventin une vore ancje in dì di vuê.

Mauresca Fracas Dub + Cocanha + Nur + Uèi + Joana Gomila = Babêl Europe 10/2020

Vuê, doman e sabide tal palinsest di Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a musichis, lenghis, minorancis e nazions cence stât. Il prin apontament al è a 11 a matine, il secont a une dopo di misdì e il tierç a une e mieze dopo di misdì.

Magari cussì no, ancje par cheste setemane, daûr di ce che a proviodin, in cont des restrizions de mobilitât des personis, i decrets dâts fûr par fâi cuintri ae difusion dal virus Covid-19, il program nol vignarà fat in direte, ma si tornarà a mandâ in onde une pontade gjavade fûr dal archivi di Babêl Europe, che e jere za stade programade timp indaûr.

In particolâr si podarà tornâ a scoltâ une trasmission che e jere stade programade inte setemane dai 15 di Mai dal 2018.

Il viaç babelic al tocjarà la Ocitanie, cu la musiche dai Uèi, dai Mauresca Fracas Dub e des Cocanha, i Paîs Catalans – e plui in detai la Isule di Mallorca – cuntune selezion dal repertori di Joana Gomila e la Sardegne cu la version dai Nur di chel che juste tal 2018 al è stât ricognossût in maniere uficiâl tant che l’imni de Sardegne.

Babêl Europe si pues scoltâle su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt, in streaming e su Facebook). Cun di plui, dutis lis pontadis de trasmission si pues tornâ a scoltâlis ancje in rêt su Spreaker e su Spotify.

Furlan in Rai. Forsit e je la pussibilitât di rivâ a fâ un (piçul) pas indenant

Dôs setemanis indaûr in Friûl si à tornât a fevelâ di furlan in Rai. La ocasion e je stade chê di doi incuintris di caratar politic e istituzionâi in cont di chê che e sarà la gnove convenzion jenfri la Presidence dal Consei dai ministris dal Stât talian e la Rai, che e tocje la ativitât de sede regjonâl par Triest e pe plui part dal Friûl.

Al è saltât fûr che si proviôt di incressi il numar di oris di radiofonie in lenghe furlane – che pal moment a son novante, une vore pocjis – e soredut chel des trasmissions televisivis par furlan, che par cumò di fat no esistin. Par chel si impegnaran plui risorsis di chês dopradis fin cumò (che a son 200mil euros ad an): al è cui chel al à dit che a saran sù per jù 800mil.
Cualchi sorestant al à fat declarazions altitonantis, che a son stadis cjapadis sù de plui part dai media cence masse atenzion e cence nissun aprofondiment.

Ator pe rêt si son lets ancje i coments di uns pôcs di lôr, tra disincjant (“si fevele di furlan in Rai di passe vincj agns, la legjislazion di tutele no je stade ancjemò metude in vore e ancje in cheste ocasion al è pericul che a sedin dome cjacaris…”) e sperance rassegnade (“alc al è alc, nuie al è nuie”…). Si puedin capî dutis chestis posizions, ancje se in realtât l’ategjament al varès di jessi un altri: ni depression e nancje esaltazion.

Lu sclarìs ben l’articul di Marco Stolfo che al è jessût ai 4 di Mai sul Messaggero Veneto, là che in particolâr a vegnin fatis indenant propuestis e osservazions.
Magari cussì no, par vie di un erôr di composizion tipografiche, chel articul al è saltât fûr cu la firme di un innomenât pitôr e cuntun titul che al fevelave di art e di pandemie.
Al è probabil che par chel tancj di lôr, che magari lu varessin let vulintîr, probabilmentri no son incauarts nancje de sô publicazion. Cussì, in cunvigne cul autôr, o tornìn a publicâlu culì.

  monoscopiorai

Un piccolo passo in avanti, forse. La questione della (mancata) garanzia della presenza di trasmissioni informative e di intrattenimento in lingua friulana nella programmazione radiotelevisiva regionale della Rai sembra essere vicina ad una soluzione, sebbene assai parziale e limitata. È quanto emerge dall’esito di due incontri in videoconferenza che si sono tenuti il 24 e il 27 aprile.

Al primo hanno preso parte due esponenti del M5S (il deputato Luca Sut e il consigliere regionale Mauro Capozzella), il presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana e sindaco di Valvasone Arzene, Markus Maurmair, e il direttore delle Relazioni istituzionali Rai, Stefano Luppi. Al secondo, convocato d’urgenza dal Corecom del Friuli-VG alla luce dell’imminente scadenza dell’attuale convenzione tra il Dipartimento Informazione Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Rai riguardante la sede regionale della concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, l’assessore regionale per le lingue minoritarie, Pierpaolo Roberti, il direttore generale di Rai Corporate, Alberto Matassino, e il direttore delle sede regionale, Guido Corso.

In entrambi i casi si è parlato di friulano in Rai, nel quadro della nuova convenzione riguardante la sede regionale, che dovrebbe essere perfezionata prima dell’estate per avere attuazione a partire da ottobre. A quanto pare, sarà finalmente formalizzato un minimo di continuità dell’offerta televisiva in lingua friulana e ne sarà incrementata la presenza alla radio, tuttavia al momento non ci sono dati certi circa le ore di trasmissione e le risorse finanziarie destinate a tal fine. Sarà inoltre valorizzata la produzione “interna” alla sede regionale ed è prevista una commissione Governo-Regione-Rai, chiamata a approfondire e valutare concretamente i contenuti della convenzione stessa.

Con la consapevolezza che, pur nella migliore delle ipotesi, saremo ancora lontani dall’effettiva attuazione della legge statale di tutela delle minoranze linguistiche (la L. 482/1999) in questo ambito, e prendendo atto dell’efficacia dell’azione dell’Assemblea della Comunità linguistica friulana, che coerentemente con le sue finalità istituzionali ha riportato in auge un tema che riguarda i diritti dei cittadini e la qualità e l’efficacia di un fondamentale servizio pubblico, ci permettiamo di suggerire a chi di dovere di intervenire affinché la nuova convenzione sia veramente “un buon inizio”.

Ciò significa, in primo luogo, chiedere ed ottenere che con la nuova convenzione sia creata una struttura formalmente dedicata alla radio e alla tv in lingua friulana. Ad oggi quel poco di friulano presente in Rai dipende dalla struttura di programmazione in lingua italiana: tra forma e sostanza, è un po’ come se una macelleria fosse responsabile del cibo per vegetariani e vegani.

Un altro aspetto riguarda la qualità del servizio e le prospettive occupazionali con la selezione ed il riconoscimento delle professionalità specifiche di chi opera in questo campo, soprattutto se – come è giusto ed auspicabile – la nuova offerta radiotelevisiva prevede anche spazi informativi. Per tutto ciò, ovviamente, servono risorse adeguate.

L’avvio di una “vera” programmazione tv in lingua friulana, infine, può contribuire a rafforzare e valorizzare Raitre Bis, che grazie al digitale terrestre ormai copre l’intera regione e potrebbe così offrire, con continuità e varietà, un effettivo palinsesto multilingue, regionale e transfrontaliero, eventualmente sviluppato anche in collaborazione con le tv pubbliche di Austria e Slovenia.

Un libri, une cjançon e une serie di trasmissions radio pai 6 di Mai

foto_taramot

Vuê al cole il 44esim l’inovâl de prime scjassade di taramot che e sdrumà il Friûl intal 1976.
Ogni an cheste date e je ocasion di riflessions, di ricuarts e avonde dispès, magari cussì no, ancje di peraulis a slas.

Ricuardâ il taramot che in chê dì dal 1976 e in chês dai 11 e dai 15 di Setembar al veve colpît a fuart la nestre Patrie e la nestre int al cjape sù, intal 2020 de pandemie, un significât particolâr, cundut des diferencis, grandononis in ducj i sens, che a son tra lis dôs situazions.

Ricuardâ il taramot dal 1976 al vûl dî visâsi des soferencis di in chê volte e ricuardâ cemût che lis comunitâts furlanis a vevin reagjît a chê tragjedie:  cun sens di solidarietât, cun caratar, cun snait, cun determinazion e cuntun protagonisim che al à indreçât intune cierte maniere ancje la ricostruzion.

Sens di solidarietât e di comunitât, caratar, snait e determinazion nus coventin ancje cumò par saltâ fûr di cheste gnove situazion, in ogni dontri.

Par “fâ memorie” e par fâ un riflession in cont di ce che al è stât (e magari ancje par capî alc de realtât di cumò) si limitìn a trê segnalazions: un libri, une cjançon e une serie di trasmissions radio di tornâ a scoltâ.

Il libri, che o vevin za ricuardât timp indaûr, al è Pa sopravivence, no pa l’anarchie. Forme di autogestione nel Friuli terremotato: l’esperienza della tendopoli di Godo (Gemona del Friuli) di Igor Londero, che al conte ben, in maniere documentade e atente un câs specific di chel sens di solidarietât e di comunitât e di chel protagonisim atîf che a jerin stâts esprimûts de nestre int in chel moment.

La cjançon e je Prin e dopo il taramot (part 1) de DLH Posse: un toc dal 2001 che al marche cemût che l’Orcolat al è stât un svolt, magari ancje cun cualchi contradizion, inte storie dal Friûl.

Il taramot dal 1976 si pues ancje scoltâlu cu lis trasmissions fatis di Radio Onde Furlane intal 2016 in ocasion dai cuarante agns dal Orcolat, che a son a disposizion intal archivi digjitâl (Spreaker) de emitente.

logo_web

Di Onde Furlane ai schermis piçui e grancj. Il percors tra Ream Unît e Friûl dal regjist Massimo Garlatti-Costa

Di “Slapagnot” a professionist dal audiovisîf; de radio al piçul e al grant schermi; dal Friûl al Ream Unît e po di gnûf in Patrie, passant par Milan. Al è il percors personâl, formatîf, artistic e professionâl fat fin cumò di Massimo Garlatti-Costa, senegjatôr, regjist e produtôr che di almancul doi decenis al è un dai nons di ponte de produzion audiovisive “made in Friûl”.
Cualchidun si vise ancjemò di cuant che inte suaze des inizitivis inmaneadis di Lidrîs e Butui pe Fieste de Patrie a Turin tal 2003, e jere stade fate la proiezion li dal Cinema Massimo dal so mockumentary Buris.

Tai ultins agns al à lavorât une vore sei tant che autôr e regjist che tant che produtôr, par esempli cu la serie televisive par furlan Suns Ator, cui documentaris Missus. L’ultima battaglia e Predis. La nazion dineade o inte edizion par furlan di cartons animâts forescj (di Omenuts a Tui e Tuie). Diviers dai siei lavôrs si cjatin ancje su internet, dai documentaris Fronte del Rock e Quando la terra chiama, disponibii su AdessoCinema, ai videos curts fats par Glesie Furlane: Udin – Coronavirus Lockdown, la istantanie in blanc e neri che e presente la poeticitât dramatiche de capitâl dal Friûl vueide e cidine des setemanis stadis, e Cetantis stelis, imni di umanitât e di sperance difondût in ocasion de Pasche.
O vin fat une tabaiade cun lui in cont de sô formazion e de sô ativitât.

Cemût si rivial a scrivi e a fâ video e cine, partint de radio e dai studis politics e sociâls?
«Al è stât naturâl. O ai scomençât a Onde Furlane passe trente agns indaûr cul grup dai “Slapagnots”. O jerin in cuatri – jo, Fabio Venuti, Roberto Copetti e Massimiliano Lancerotto – e o fasevin trasmissions cuntun tai ironic e satiric tant che “Sghiribicilu”. Cun chê stesse ande, che si ispirave ae comicitât dai Monty Python, o sin rivâts al video e duncje ae realizazion di “TeleFrico”.
Chê radiofoniche e je stade une esperience stimolante no dome par cetant che al inten a creativitât e comunicazion ma ancje cun riferiment al contest: l’ûs “normâl” de lenghe furlane, la atenzion viers dal pluralisim culturâl, de tutele des minorancis e dai dirits linguistics, une vision moderne e europeane di chestis cuistions. A son temis che o ai cjatât fûr e aprofondît ae universitât, a Siencis Politichis a Triest, intant dal Erasmus a Viene, cu la tesi di lauree su la minorance cravuate dal Burgenland e cognossint ancje altris realtâts di Europe».

A son stâts altris doi passaçs impuartantons: la scuele Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi e lis esperiencis in Ingletiere e Gales. Ise vere?
«Sì, e je propit cussì. Dopo de lauree, frecuentâ chel cors e cognossi Olmi al è stât determinant. O ai imparât tantis robis e soredut o ai capît che o podevi fâ chest lavôr. Olmi di une bande al à mostrât preseament viers ce che o jeri daûr a fâ in chê volte e di chê altre mi à incoragjât in maniere implicite cul so esempli, che al mostre che si pues fâ un cine “vêr”, “uman” e “universâl” partint di une realtât specifiche, ancje se periferiche e margjinâl. Il pas seguitîf al è stât chel di cjapâ sù competencis tecnichis e soredut un metodi di lavôr: al è ce che o ai fat prime studiant a Sheffield par un Master in regjie e senegjature, e dopo lavorant a Cardiff, di freelance cu la BBC, e po ancjemò a Londre, ancje cu la Virgin».

Cuale ise stade la lezion plui impuartante de esperience britaniche?
«O ai imparât tantis robis, ma soredut che il prodot audiovisîf nol è “art” in tiermins astrats, ma al è il risultât di un procès struturât, cu la definizion di obietîfs, risorsis, mieçs, realizazion e distribuzion».

E in chel periodi il Friûl jerial lontan?
«O disarès di no. A Sheffield o ai presentât e fat ancje lavôrs par furlan. Cun di plui il Gales al à un rapuart cu la Ingletiere che al è sù par jù compagn di chel jenfri Friûl e Italie».

Cemût isal stât tornâ in Italie? E tornâ in Friûl?
«Dopo dîs agns di studi e di lavôr, mi soi cjatât a lavorâ di freelance a Milan intal cjamp de publicitât, che in tiermins tecnics e je “la art sublime”: une sintesi tra narazion e vision di fâ dentri di pôcs seconts. Par fâ l’autôr nol è avonde jessi autôr, al è miôr ocupâsi in maniere direte ancje de produzion. Cussì e je nassude Raja Films e o soi tornât in Friûl, di dulà che dispès mi môf par lavorâ ancje inaltrò e di dulà che ce che o produsìn al rive tes plateformis in rêt, par television, intai festivals e intes salis ator pal mont».

Publicitât, videos musicâi, documentaris, versions in furlan di seriis di animazion par fruts e finzion cuntune buine dose di comicitât, tant che intal câs di Buris. Ce tenial dongje prodots cussì diferents?
«E je une coerence di fonts, intal metodi e intai contignûts, leade ae mê personalitât, aes mês esperiencis, ai miei guscj e aes mês aspirazions. O cîr di meti in pratiche chel che o ai imparât e chel che o vuei fâ: meti dongje imagjins, sunôrs e peraulis par contâ storiis che a son intal stes timp particolârs e universâls; documentâ in maniere plui autentiche aspiets impuartants de storie dal Friûl e dal mont; promovi cu la pratiche la lenghe furlane; stiçâ intai spetatôrs curiositât e cussience. Cu la voie di imparâ e di capî e cence pierdi la voie di jessi ironics, là che al covente, daûr dai esemplis dai Monty Python e di Aki Kaurismaki».

Note: une version plui curte e par talian di chest articul e je saltade fûr domenie ai 3 di Mai sul Messaggero Veneto e si pues leile ancje in rêt.