“La mê lenghe e sune…” a Palaçûl

LaMeLengheaPal

I dîs passâts “in tour” tes setemanis passadis a meretin une riflession scrite che o cjatarês achì avonde in curt.

Par intant, ve chi une altre segnalazion di un apontament interessant, ai 31 di Mai a Blancjade di Palaçûl.

Advertisements

“La mia lingua suona…IN TOUR” a Pinerolo

CoverOccitaniaJPG

Screât la setemane stade cu la presentazion di Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo li dal Salon internazionâl dal libri di Turin e cun chê fate inte suaze ses iniziativis inmaneadis inte Circoscrizion 3 pal Salone OFF, il cicli di incuintris dal titul “La mia lingua suona …IN TOUR” al va indenant ai 25 di Mai, a Pinerolo.

Li de biblioteche civiche “Alliaudi”, inte suaze de manifestazion MaggioLibri, a 5 e mieze sot sere si cjataran adun, par fevelâ dal libri e dai siei contignûts cul so autôr, il gjormalist di Radio Beckwith Evangelica Marco Magnano, il storic, scritôr e colaboradôr di Radio Onde Furlane, Giorgio Olmoti, e il cjantautôr e ricercjadôr Lino Straulino, che inte suaze de presentazion al cjantarà e al sunarà, pescjant sei dal so repertori che dal so lavôr di ricercje e di reinvenzion fat intor dal cjant popolâr furlan.

Suns di lei, di viodi e di scoltâ in Ladinie e a Milan

linostraulino

Nossere a Moena, in Val de Fascia, e je stade presentade la edizion 2013 dal festival “Suns”.
Il concors pes cjançons tes lenghis minoritariis de Europe alpine e mediteranie, nassût in Friûl tal 2009, chest an si davuelzarà in Ladinie ai 9 di Novembar. La manifestazion e vignarà inmaneade de bande dal Servizi Minorancis linguistichis de Provincie autonome di Trent cu la poie tecniche e artistiche de associazion “La Grenz” e la colaborazion dal Comun di Moena, de APT de Val de Fascia, dal Istitût Culturâl Ladin e dal gjornâl “La Usc di Ladins”.

Il percors che al puartarà ae realizazion dal event li dal teatri Navalge al è stât inviât, tal ambient de associazion La Grenz, cuntun dopli apontament dedicât a lenghis e musiche: la presentazion dal libri “La mê lenghe e sune il rock (E no dome chel). Friûl, Europe” e la lezion-conciert di Lino Straulino in cont dal so lavôr di ricercje e reinvenzion intor de struture melodiche e armoniche dal cjant popolâr furlan, ven a dî des “cjantis” o “vilotis”.

Dopo de biele serade di nossere, usgnot Stolfo e Straulino a son a Milan par un altri incuintri su musiche e lenghis, là che a vignaran frontâts i argoments che si cjatin tes publicazions “La mê lenghe e sune il rock (E no dome chel). Friûl, Europe” e “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”. Il “mestri” di Sudri al darà il so contribût ancje cun vôs, ghitare e godine.

L’apontament al è li dal circul La Scighera a tacâ des 7 e mieze sot sere.

Alè Udin! E je Europe! (Inter – Udinese 2-5)

fuarceudinees

«Così vanno le cose, così devono andare», a cjantavin i CSI sù par jù cuindis agns indaûr. E pal Udin si pues cjantâ cun sodisfazion une cjançon sù par jù compagne.

Su la fonde di ce che la scuadre e à fat vie par cheste stagjon e soredut tai ultins trê mês al jere just che la partide di nossere e finìs cussì, cemût che e je finide: cul Udin che al vinç cuintri di un Inter sdrondenât, che si conferme al cuint puest, rivant a sessantesîs ponts, e che al vuadagne la pussibilitât di lâ in Europa League.

Il gol di Pinzi al prin minût al indrece daurman l’incuintri. La conclusion di Di Natale salvade su la rie di puarte de bande di Cambiasso e il doi a zero segnât di Domizzi suntun cross dal cjapitani a confermin che la serade e je pardabon chê juste. 

Ancje chest viaç l’Udin al à cûr, gjambis e sintiment. E al à Di Natale, che dopo de rêt dal interist Juan Jesus, al firme un gol dai siei: trê a un e dut il “Meazza”, la “Scala del calcio”, che i fâs un batiman al tenôr in blanc e neri.

L’Inter al tartaie e al prove a fâ alc, ma l’Udin si difint il just e ancje tal secont timp nol piert il control des operazions. A rivin i goi di Gabriel Silva, di Rocchi, che prime al cjape ancje un pâl, e di Muriel. Cun di plui a Triest il Cagliari al fâs un gol ae Lazio…

L’Udin al va in Europe. In pôcs sal spietavin ancjemò cualchi setemane indaûr, cumò ducj o fasìn fieste, cemût che al è just. Al è compagn di un scudet, ma al è ben no contentâsi: calmuts ma ancje ambizionôs, cun ecuilibri e cence pôre e soredut cuntune scuadre in stât di tignî bot in Campionât e in Europa League.

Alè Udin! E je Europe!

bandieris

“La mia lingua suona…IN TOUR” al partìs dal Salon dal Libri di Turin

logosalone

Domenie ai 19 di Mai, inte suaze dal Salon internazionâl dal libri di Turin, si presente Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock. L’apontament al è a tacâ des 10.30, li de Sale Arancio dal centri dal Lingotto.

I contignûts dal libri di Marco Stolfo, dât fûr de associazion Lidrîs e Butui, col jutori e cul patrocini de Provincie di Turin, a vignaran frontât intun incuintri dal titul di “Creatività, suoni, ritmi e diritti”, là che i temis gjenerâi dal Salon si incrosin cu lis cuistions che a tocjin la produzion musicâl tes lenghis minorizadis de Europe, la storie, i dirits linguistics e la tutele des minorancis.

A son previodûts i intervents di Marco D’Acri, assessôr pe culture de Provincie di Turin, Giorgio Olmoti, gjornalist, scritôr e colaboradôr di Radio Onde Furlane, e Valter Colle, etnomusicolic e editôr (Nota Music). Al sarà presint ancje l’autôr.

La presentazion li dal Salone e scree il cicli di apontaments dal titul “La mia lingua suona…IN TOUR”, che al cjape dentri une schirie di incuintris, promovûts de associazion Lidrîs e Butui, là che e vignarà presentade chê stesse publicazion o si fevelarà di altris argoments che a tocjin la creativitât tes lenghis minorizadis, la tutele dai dirits linguistics e la promozion de diversitât culturâl.

La mia lingua suona…IN TOUR” al ven metût adun simpri cul col jutori e cul patrocini de Provincie di Turin e cu la colaborazion operative di altris sogjets publics e privâts.

In zonte une presentazion par talian dal incuintri di domenie:

CREATIVITÀ, SUONI, RITMI E DIRITTI
Il 19 maggio al Salone del Libro di Torino si presenta “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock” di Marco Stolfo. Appuntamento alle 10.30 in Sala Arancio

CoverOccitaniaJPG

Domenica 19 maggio, con inizio alle 10.30, in Sala Arancio, nell’ambito del Salone internazionale del Libro di Torino, è in programma un incontro dedicato alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa. Si tratta di “Creatività, suoni, ritmi e diritti”, appuntamento nel quale sarà presentata la pubblicazione di Marco Stolfo, Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock.

Il libro di Marco Stolfo, pubblicato dall’associazione di friulani in Piemonte, Lidrîs e Butui, con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, offre un’approfondita ed organica esplorazione delle realtà occitana e friulana, dalla fine degli anni Sessanta ad oggi, e le collega e le confronta con quelle che si sono sviluppate altrove. Accanto alla musica contemporanea in lingua d’oc e al Friuli che canta e suona in friulano, sloveno e tedesco, il volume presenta una ricca panoramica di lingue, suoni, ritmi e artisti, dalla Sardegna, al Paese Basco, dalla Corsica alla Bretagna, dal Galles ai Paesi Catalani, dalle Asturie sino a Scozia e Frisia, ai sami del circolo polare artico e ai grecanici e agli albanesi dell’Italia meridionale.

Il tutto avviene con un approccio multidisciplinare, che comprende musica, storia, politica, società, diritti linguistici, letteratura e tutela delle minoranze. Il volume dà conto di una ricerca basata su diverse fonti, tra cui una serie di interviste con esponenti del panorama musicale occitano e friulano, come Sergio Berardo, Moussu Tatou, Lino Straulino e gli Arbe Garbe, e con altri esperti e musicisti sardi, bretoni, baschi, catalani, ladini, sloveni, frisoni e albanesi, a partire da Alan Stivell e Fermin Muguruza, protagonisti della tavola rotonda virtuale che costituisce la terza sezione del libro.

La pubblicazione comprende anche un cd audio, con una selezione della musica occitana e friulana più “forte” degli ultimi vent’anni, in cui figurano, tra gli altri, brani di Lou Dalfin, Lou Seriol, Gai Saber, Massilia Sound System, Moussu T e Lei Jovents, Madrac, Dek ill Ceesa, R-esistence in Dub, Arbe Garbe e Pantan.

All’incontro in programma al Lingotto sono previsti gli interventi di Marco D’Acri, assessore alla cultura della Provincia di Torino, Giorgio Olmoti, giornalista, scrittore e collaboratore di Radio Onde Furlane, Valter Colle, etnomusicologo ed editore (Nota Music). Sarà presente anche l’autore.

La presentazione al Salone inaugura il ciclo di appuntamenti dal titolo “La mia lingua suona…IN TOUR”, che prevede una serie di incontri pubblici, promossi dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino e la collaborazione operativa di altri soggetti pubblici e privati, dedicati alla stessa pubblicazione e ad altre tematiche connesse con la creatività nelle lingue minoritarie e con la tutela dei diritti linguistici e la promozione della diversità culturale.

La partecipazione all’incontro è gratuita per tutti i visitatori del Salone.

Udinese – Atalanta 2-1

Udinese Calcio v FC Internazionale Milano - Serie A

L’Udin al salude il Stadi Friûl dôs voltis – la ultime partide in cjase dal campionât 2012-2013, la ultime partide prime dal inviament de ricostruzion dal implant dai Riçs – e lu fâs cun doi goi di Di Natale.

L’incuintri cu la Atalanta al conferme che la scuadre blancje e nere e à la voie e i numars par cirî di otignî un puest te Europa League. Cun di fat, chel di îr a Udin al è il setim sucès un daûr chel altri de formazion vuidade di Francesco Guidolin: un record che i permet di mantignî la cuinte posizion inte classifiche e confermâ il so itinerari in direzion de Cope europeane.

La partide no je stade bielissime, l’Udin al à sufiert e scombatût e salacor ancje cheste  je une biele gnove, che e fâs pensâ che la scuadre e vedi pardabon un so bon ecuilibri.

La Atalanta e fâs viodi za sul imprin di no jessi vignude in Friûl dome par fâ une gjite. I bergamascs a zuin ben e dopo 10 minûts a rivin ancje a metile dentri cun De Luca, che però al è fûr di zûc.

L’Udin al cjape daurman la travierse cun Di Natale, ma sul imprin al somee patî la determinazion de scuadre avversarie, che si vicine in maniere pericolose al doi a zero, ma no i rive.

Te zone nevralgjiche dal cjamp si palesin la fuarce e la costance di Pinzi, Basta, Pereyra e Allan, che propit di une sô iniziative al rive il prin gol di Di Natale. Il cjapitani si fâs servî dal compagn di scuadre, che al fâs un slalom zigant framieç dai aversaris, une bale preseose e le met dentri ae sô maniere: nuie ce fâ par Consigli.

Tal secont timp i parons di cjase a cressin e dopo siet minûts al è ancjemò Di Natale che al segne in graciis di une iniziative di Pinzi e forsit, ancje lui compagn dal atalantin De Luca te prime frazion, in posizion fûr di zûc.

Il gol al rinfuarcìs l’Udin che al cres in dutis lis zonis dal cjamp, cun dut de tignude de Atalanta e di un scravaçon che al disturbe il finâl de partide e la fieste dople pe fin des partidis in cjase e par chel che al deventarà il gnûf Stadi Friûl.

Pal acès ae Europa League l’Udin al à di fâ risultât cuintri l’Inter a Milan e la Lazio e à di restâ indaûr e no à di rivâ a vinci cuintri dal Cagliari, che al zuiarà ancje la ultime in cjase… a Triest.

E je ancjemò une altre possibilitât, leade al esit de finâl de Cope Italie, ma pal moment al è miôr no pensâi. Pluitost si à di concentrâsi su la partide di San Siro, par rivâ in Europe e magari par jonzi ancje la otave vitorie. Nol è facil, ma nol nancje impussibil, daûr di cemût che si è compuartade la scuadre tes ultimis setemanis.

Pe Europe al covente che te ultime zornade no fasi ben dome l’Udin ma ancje i sarts. E alore: Alè Udin e Fortza Casteddu!

Palermo-Udinese 2-3

fuarceudinees

Sieste vitorie e cuinte posizion in classifiche. Si saveve che a Palermo e jere dificile e che però no si veve di molâ e al è stât chel e chel. Il Palermo al à scombatût dal principi ae fin, l’Udin al è tignût bot e al à rispuindût cul cûr, cul cjâf e cu lis gjambis.

Il gol di Muriel dopo 10 minûts al jude la scuadre furlane te sô conduzion de partide. Il gol di Miccoli dai undis metris al da gnove farce ai parons di cjase che le metin tal sac cun Dossena, che però al è fûr di zûc.

Sierât il prin timp sul 1-1, la seconde frazion  si manten su ritmis une vore alts: Palermo in atac, Udin che al rispuint, Sorrentino che al pare un rigôr tirât di Di Natale, che al ven cambiât di Guidoli e si inrabie (vino di preocupâsi?), 2-1 pal Udin cun Angella, pâl di Badu, gol dal palermitan Hernandez.

Doi a doi e finide li? Assolutamentri no: al 38n dal secont timp al rive il gol di Benatia, sui disvilups di une conclusion di Muriel fermade ma no blocade di Sorrentino.

E cussì il Palermo al piert e la sô situazion in classifiche e devente pardabon grivie e l’Udin al vinç e al passe denant de Rome.

La Europe si svicine.

“Il Tratât di Lisbone”, a Udin ai 8 di Mai la Europe in biblioteche

cuvierteLisbone

Ai 8 di Mai a Udin, inte suaze dai “Dialics in Biblioteche”, si fevele di Europe e di Friûl in Europe. A sîs sot sere li de Sezion Moderne de Biblioteche civiche “V. Joppi” la Fieste de Europe (l’inovâl de innomenade “Declarazion Schuman” dai 9 di Mai dal 1950) e ven memoreade cu la presentazion di Il Tratât di Lisbone. Argoments e documents pe integrazion europeane.

La publicazion, che e je stade dade fûr timp indaûr deCasa per l’Europa” di Glemone, e fâs indenant ancjemò une volte la ocasion par fâ  une riflession su la Europe che e je e su chê che e mancje, propit intant che il 2013 al è stât proclamât l’An european dai citadins, a vincj agns de introduzion de cittadinance europeane cu la jentrade in vore dal Tratât di Maastricht.

Dai contignûts de publicazion e dai argoments che a tocjin la atualitât dal procès di integrazion europeane a fevelaran Silvio Moro, President de “Casa per l’Europa”, Renato Damiani, Vicepresident di chê stesse associazion di Glemone e autôr di un dai saçs che si cjatin tal libri, Elena Anziutti, colaboradore de Casa per l’Europa di Gemona e ancje jê autore di un cjapitul dal volum, e Marco Stolfo, ideatôr e curadôr de opare.

Il Tratât di Lisbone. Argoments e documents pe integrazion europeane al ten dongje un libri bilengâl (par furlan e par talian) e un cd intes cuatri lenghis de regjon: furlan, sloven, todesc e talian.

Il volum si vierç cui intervents di Silvio Moro, Roberto Molinaro (Assessôr regjonâl ae istruzion cuant che la publicazion e je stade dade fûr) e Lucio Battistotti (Diretôr de Rapresentance in Italie de Comission europeane), e al è struturât in cinc sezions tematichis.
La prime e je dedicade al Tratât di Lisbone. Chest argoment al ven frontât di Claudio Cressati, che al insegne li de Universitât dal Friûl e al è President de Academie europeiste dal Friûl-VJ, e di Renato Damiani.
Inte seconde la atenzion e je concentrade su tutele des minorancis e integrazion continentâl – cuntun articul di Marco Stolfo, che al è dotôr di ricercje in Storie dal federalisim e de unitât europeane – e su cooperazion trasfrontaliere, Euroregjons e Grups europeans di cooperazion teritoriâl, cui contribûts di Marco Stolfo e Leopoldo Coen de Universitât dal Friûl.
Giorgio Grimaldi, che al insegne storie des relazions internazionâls li de Universitât de Val di Aoste, al vierç la tierce sezion cun doi contribûts, dedicâts aes politichis europeanis sul ambient e su la energjie. Le complete Elena Anziutti, che e fâs il pont de situazion su lis politichis indreçadis a favorî informazion, mobilitât e citadinance ative dai zovins.
La cuarte sezion e je di caratar storic e e tocje la ativitât dai moviments federaliscj e europeiscj de Italie (articul prontât di Paolo Caraffini de Universitât di Turin), il rapuart tra i partîts e i moviments nazionalitaris e regjonaliscj e la integrazion europeane – cuistion frontade di Marco Stolfo – e i risultâts e lis prospetivis dal cuint slargjament de Union europeane a Est e a Sud, teme ilustrât di Lara Piccardo de Universitât di Gjenue.
La publicazion si siere cuntune serie di schedis informativis dedicadis a associazions e istituzions che, compagn de Cjase pe Europe di Glemone, a son impegnadis inte promozion de cognossince e de cussience europeane intal teritori dal Friûl-VJ.

Il cd-rom zontât al è complementâr aes pagjinis dal volum, no dome pe forme multilengâl, ma ancje pal contignût multidissiplinâr.
Par ognidun dai argoments frontâts intes sezions dal libri, di fat, e je metude a disposizion une selezion di fonts documentâls e bibliografichis e di colegaments cun pagjinis o sîts internet di interès specific.
Riferiments e links a son organizâts par aree tematiche e a son colegâts ai ristrets dai contribûts publicâts intal volum.

Udinese-Sampdoria 3-1

totolunazzi

Ancjemò Di Natale, ancjemò vitorie, ancjemò la Europe inte smicje. La partide di domenie e conferme lis buinis cundizions psicologjichis ancjemò prime che tecnichis, tatichis e atletichis dal Udin.

La scuadre e à gjambis, cûr e sintiment e chest si lu viôt sei cuant che e zuie ben che, ancjemò di plui, cuant che e je in dificoltât, cemût che al è someât in part vie pal prin timp, cui sampdorians che a cirivin di difindisi e di dâ fastidi indenant cun Eder.

Il prin gol di Di Natale al è rivât juste in chê fase de partide alì: un classic dal repertori di SuperTotò par precision e potence.
Il secont gol dal cjapitani al à confermât sei il caratar de scuadre sei la cualitât dal numar 10, che par intant al è rivâ ancje chest an a cuote vincj goi (e no je finide achì…): la segnature di Eder al 34’ dal prin timp e veve tornât a meti a pâr il match cun cualchi preocupazion pai blancs e neris ancjemò sul imprin dal secont timp.

La partide e à dât ancjemò cualchi sgrisul ai tifôs furlans, cul pâl di Sansone e cuntun pâr di miezis indecisions de bande di Brkič, ma ben un numar plui alt di sodisfazions. Tra chestis vê viodût che Di Natale e Muriel a rivin a zuiâ un dongje di chel altri, vê gjoldût pal tierç gol segnât di Muriel e vê puartât a cjase la cuinte vitorie une daûr di chê altre.

La strade che e puarte ae Europe cumò e passe par Palermo.

L’Udin al à di fâ ponts par lâ indenant e i sicilians a scugnin vinci par no lâ in serie B. Une partide dificile, che cun Domizzi, Pinzi e Danilo fûr par vie de scualifiche, e somee ancjemò plui delicade.

Ma al è pardabon un pecjât molâ a chest pont.