Corot pe muart di Renzo Balzan

renzo_balzan

Une brute gnove pe culture furlane. Magari cussì no, al è muart Renzo Balzan, une des figuris plui impegnadis e plui coerentis inte ativitât di promozion de identitât e des lenghis dal Friûl.

Dal 2004 al jere il dean de Union Scritôrs Furlans che al veve contribuît a fondâ ancjemò intal 1982 adun cun oms tant che Agnul Pitane, Antoni Beline, Celso Macôr e Riedo Pup.

Al curave zaromai di agns ‘Gnovis Pagjinis Furlanis’, la storiche riviste de Union, in plui di jessi fondadôr e diretôr dal mensîl Ladins dal Friûl. Al veve colaborât ancje cun cetantis rivistis furlanis e no dome, cun TeleAltoBût e cun Radio Onde Furlane.

Al à scrit cetancj libris che a van de poesie ae prose narative, de cronache politiche e culturâl aes tradizions popolârs. Tra i siei titui plui innomenâts al è ‘Liende di Agane e atris contis’.

Cu lis sôs oparis al veve vinçût, ancjemò tal 1983, il premi S. Simon e, intal 1987, la sezion pes contis dal Premi Friûl.
La sô ativitât di scritôr e di promotôr de culture furlane lu àn puartât ancje a cjapâ intal 1993 il premi ‘Nadâl furlan’.

Renzo Balzan al jere nassût intal 1943 a Felet, ma dal 1966 al viveve in Cjargne là che al jere un dai animadôrs de associazion Cjargne Culture e de Universitât de tierce etât de Cjargne, in plui di curâ la publicazion dai ‘Cuaders di Culture Cjargnele’.

Al jere ancje stât un dai plui atîfs intal mantignî vîfs i contats culturâi cu la comunitât ladine des Dolomitis.

Parcè si tratial il Friûl cul stîl de campagne dal Fertility Day?

inmyland-logo-150x150

Un mês indaûr a Udin e jere stade presentade une iniziative dal titul  Inmyland. Indagine su un friulano al di sopra di ogni sospetto, che e varès di jessi une sorte di ricercje in cont des ideis che cui che al vîf in Friûl al à di se e de sô tiere.

Finalmentri o vin rivât a dâi un cuc e o sin restâts cence peraulis.

O vin vude la sensazion che – propit te Universitât che tancj i tegnin a clamâle ‘dal Friûl’, par rispiet de sô storie e di chê che e varès di jessi la sô funzion, ancje daûr di ce che e dîs la sô leç istitutive – cui che al à metût adun il cuistionari che al covente par tirâ dongje i dâts pe ricercje nol vedi albe di ce che al è il Friûl.

Che al sedi par mancjance di cognossince – si podarès dî par ignorance… incussiente – o par ideologjie (ven a dî cuntune vision di Friûl – in chest câs «cussiente» – che e dinee o che e minimize tancj siei caratars impuartants e peculiârs), in cualsisedi maniere chel scandai al somee nassi clopadiç, stant che no je nancje la pussibilitât di fâ indenant altris ideis di Friûl.

Lis ideis di Friûl che a vignaran rilevadis no podaran che jessi in linie cun chês che – in maniere o incussiente o ben cussiente, ideologjiche e distuarte – a son lis ideis di partence di cui che al à metût adun il cuistionari: visions di Friûl e di furlan che, in chestis cundizions, no puedin fâ di mancul di lâ daûr di chês tindincis che si pues definilis in gjenerâl «minimalistis» o ben «negazionistis».

Par chel, al devente dificil no cjatâsi in cunvigne cun cui che in rêt o su la stampe al palese perplessitâts di cheste fate, cun osservazions in cont dal fat che la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl o ben cun coments dulà che plui che jessi «al di sopra di ogni sospetto» il furlan ogjet dal scandai al sarès «al di sotto di ogni rispetto».

articul_valcic_mv

Se e fos une performance dal Udin o fevelaressin – magari cussì no, daûr di une usance zaromai consolidade – di efiet (Mer)Dacia Arena.

Ma stant che no je une robe che e tocje la scuadre di balon furlane (che o sperìn che finalmentri si dedi une sveade…), il tiermin di paragon al devente un altri: la iniziative dal Fertility day e lis sôs campagnis di comunicazion, cemût che al ven marcât achì.

E alore nus ven di domandâ: «Ma parcè si aial di tratâ il Friûl cul stîl de campagne dal Fertility Day?»

‘Idee di Sardegna. Autonomisti, sovranisti, indipendentisti oggi’, trê presentazions a Casteddu, Tàtari e Nùgoro di vuê a vinars

cuviertele_pala

Idee di Sardegna. Autonomisti, sovranisti, indipendentisti oggi al è il titul dal biel libri di Carlo Pala, politolic de Universitât diTàtari, che al presente la storie e la situazion dal dì di vuê des ideis di identitât, di autoguvier e di autodeterminazion e des personis e des fuarcis politichsi che lis puartin indenant.

La publicazion, dade fûr di cualchi setemane de bande dal editôr Carocci, e sarà la protagoniste di trê incuintris di presentazion, che si davuelzaran usgnot, doman e passant doman a Casteddu-Cagliari, Tàtari-Sassari e Nùgoro-Nuoro.

Il prin apontament al è vuê a Casteddu, li de Aule Magne de Ex Facoltât di Siencis politichis de Universitât (v. Sant’Ignazio 78) a 5 e mieze sot sere.
L’incuintri, coordenât dal gjornalist Giuseppe Meloni, al sarà viert dal salût di benvignût de diretore dal Dipartiment di Siencis Sociâls e Istituzions dal Ateneu di Casteddu (UniCa), Cecilia Novelli, e al proviôt i intervents di Gianfranco Bottazzi (UniCa) e Michel Huysseune (Vrije Universiteit Brussel).

Il secont al è doman, ai 22 di Setembar, a chê stesse ore, a Tàtari, li de Universitât (UniSs) Aule dal Consei dal Dipartiment di Jurisprudence (v. Mancini 5), cu la jentrade dal diretôr dal Dipartiment, Gian Paolo Demuro, e i intervents di Omar Chessa (UniSs), Adriano Cirulli (Universitât telematiche Uninettuno – Utiu) e Michel Huysseune (Vrije Universiteit Brussel).

Il tierç al è vinars ai 23, ancjemò a 5 e mieze sot sere, a Nùgoro, li de Aula Magna de Universitât (v: Salaris 18): salûts di benvignût di Fabrizio Mureddu (Comissari pal Consorzi pe promozion dai studis universitaris te Sardegne di mieç), Andrea Soddu (Sindic di Nùgoro) e Gian Paolo Demuro (diretôr dal Dipartiment di Jurisprudence de UniSS), jentrade e coordenament di Salvatore Cubeddu (diretôr de Fondazione Sardinia) e intervents ancjemò di Adriano Cirulli (Universitât telematiche Uninettuno – Utiu) e Michel Huysseune (Vrije Universiteit Brussel).

In ducj i incuintri al sarà presint ancje l’autôr.

‘Tra le rocce e il cielo’, di vuê a domenie in Vallarsa si resone dal mont e de mont

tra_le_rocce

Storiis, memoriis, identitâts, teritoriis. A son uns pocjis des peraulis clâf che a permetin di ricognossi i argoments e il program
di Tra le rocce e il cielo, festival che si davuelç in Trentin, in Vallarsa, di vuê a domenie 21 di Avost.

La manifestazion e à chê di meti dongje esperiencis, ideis e resonaments in cont dal mont e de mont, des ‘tieris altis’, tant che part dal mont. Si partìs dal Trentin, de sô storie e de sô situazion dal dì di vuê, par cjalâ ancje inaltrò: si si slargjisi su dut l’Arc des Alps e ancjemò in direzion dal Mediterani, dal Afghanistan  o des zonis cjaldis des vueris e dai conflits dal dì di vuê, cu la memorie des vueris dal passât e in particolâr dal maçalici de Prime vuere mondiâl.

Il cartelon de rassegne al cjape dentri incuintris tematics, mostris, escursions, spetacui, proiezions di cines, presentazions di libris  e taulis tarondis.

Vie pe zornade dai 19 di Avost, par esempli, si fevele di feminis e vueris, cuntune cjaladure specifiche ancje viers des minorancis linguistichis tes regjons des Alps.

Sabide ai 20, impen, vie pe buinore e po ancje dopo di misdì, l’argoment principâl al sarà chel des frontieris, dai confins, des migrazions
e de Europe.

Il program complet di dute la manifestazion si pues leilu achì.

Par savênt alc altri ancjemò, al baste dâ un cuc in rêt: achì, achì  e achì.

‘Friûl@Europe’. Ai 11 di Dicembar a Udin si fevele di lenghis, dirits e creativitât

Friuul@EuropeIMG

Une gnove ocasion par fâ il pont de situazion su lenghis, dirits e tutele, tra Friûl e Europe. E je chê che e ven ufierte di Friûl@Europe. Lenghis, dirits, creativitât e promozion dal teritori, la cunvigne che si davuelzarà alì de Universitât dal Friûl inte buinore dai 11 di Dicembar.

L’apontament al è a tacâ di 9 e mieze te Sale Florio, in bande de sede dal Retorât dal Ateneu furlan (v. Florio 1, Udin), là che si daran dongje rapresentants des comunitâts di lenghe furlane, slovene e todescje de regjon Friûl-Vignesie Julie e esperts e operadôrs che a fasin part di istituzions e di altris organizazions e entitâts che a son espression di diviersis minorancis e nazionalitâts in Europe.

foto_uniud

Al sarà un confront tra personis che a lavorin tal cjamp de promozion des lenghis minoritariis e in chel dai media e de organizazion di events e di ativitâts culturâls e artistichis, che la lôr peculiaritât e je propit chê di fâ riferiment aes specificitâts linguistichis des lôr comunitâts teritoriâls.
Tant a dî: il ‘logos’ – la lenghe – che al devente ‘logo’, une marcje di cualitât e di ricognossibilitât par prodots, servizis e teritoris, intune prospetive di disvilup sostignibil no dome in tiermins economics e sociâi ma ancje par ce che al tocje il rispiet dal ambient, des identitâts e dai dirits linguistics.

Friûl@Europe. Lenghis, dirits, creativitât e promozion dal teritori e je la seconde taule taronde inmaneade inte suaze dal Modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilingualism, Multicultural Citizenship and European Integration) dal Dipartiment di Siencis Juridichis de Universitât dal Friûl, un progjet che al met dongje ativitâts di docence e di ricercje sul rapuart tra integrazion europeane e promozion de diversitât lingusitiche e culturâl, par cure di Claudio Cressati, professôr di Storie des dotrinis politichis, e di Marco Stolfo, dotôr di ricercje in Storie dal federalisim e de unitât europeane.

mumucei_4

La cunvigne si insuaze intal program gjenerâl dal festival Suns Europe e e cjaparà dentri ancje un intervent musicâl dai frisons Marit & Nigel, tra i protagoniscj dal event che si tignarà chê stesse sere alì dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

La partecipazion ae cunvigne e je libare e sore nuie.

Il program complet de taule taronde si pues leilu achì: friuul@europe_program_11-12-15.

Altris informazions ancjemò si cjatin achì:
friul@europe2_suns_def_ITA.

 

Ecumenisim e federalisim, un incuintri a Turin

visserthoof

Doi libris, un incuintri. Ai 4 di Març a Turin, li de Biblioteca europea Gianni Merlini (L.go Dora Siena 100), a tacâ di cuatri e mieze dopomisdì, si davuelç l’incuintri W.A. Visser’t Hooft. Dalla primavera dell’ecumenismo alla federazione europea.

L’apontament al ten dongje la presentazion di doi libris dedicâts ae figure e al pinsîr dal teolic neerlandês Willem Adolph Visser’t Hoof: un al è par cure di Filippo Maria Giordano e Stefano Dell’Acqua e chel altri al è firmât di Franco Giampiccoli.

A son previodûts i intervents dal storic e politolic de Universitât di Turin, Massimo L. Salvadori, e dal teolic de Facoltât valdese di teologjie di Rome, Paolo Ricca.

Ducj i detais in cont dal apontament si cjatin achì .

‘I partiti europei’, une cunvigne a Gjenue

bandeu

Ai 30 e ai 31 di Zenâr a Gjenue si fevele di Europe.
Il Dipartiment di Siencis Politichis de Universitât di Gjenue al inmanee un ‘seminari dedicât ai partîts europeans.

La iniziative si disvilupe dilunc vie di dôs zornadis là che l’argoment al ven frontât intune prospetive storiche, cu la presentazion dai diviers partîts europeans, e cjalant ae ativitât dal Parlament european e dai siei grups. Si fevelarà ancje dal sisteme european dai partîts e di cemût che lis fuarcis politichis a son daûr a preparâsi pes gnovis elezions europeanis cun intervents di esperts e di europaorlamentârs.

Dutis lis informazions in cont de iniziative si cjatin achì.

“Morbida facta pecus…”, la seconde racuelte dai scrits di Giorgio Ferigo

morbida-facta-pecus

Doman, ai 12 di Zenâr, si presente a Comelians “Morbida facta pecus…Scritti di antropologia storica della Carnia”, il libri che al ten dongje ducj i articui e i saçs di argoment storic e atropologjic di Giorgio Ferigo.

La publicazion e je stade curade di Claudio Lorenzini, che al veve za metût adun la prime racuelte dai studis storics e demografics fats dal miedi, ricercjadôr, scritôr, autôr e cjantant comelianot.

Il volum al è dât fûr di Associazione Giorgio Ferigo e Forum Editrice Universitaria Udinese, che a inmanein ancje l’incuintri di doman, adun cul Comun di Comelians.

L’Apontament al è li dal teatri “L’Alpina”, a tacâ des 8 e mieze sore sere. A son previodûts i intervents di Gian Paolo Gri, Ottavia Niccoli e Alessandro Pastore. Dentri de serade a saran ancje lis leturis di Fabiano Fantini e Massimo Somaglino e i intervents musicâi di Giulio Venier.