Il biel dal Friûl e il brut de cuote 0,02 %

pfloc

Doi dîs di musiche furlane gnove, fuarte e plurâl li dal teatri Palamostre di Udin. Ai 30 di Novembar e je la finâl de edizion 2013 dal Premi Friûl e il prin di Dicembar al sarà timp di Musiche*.
Il storic concors inmaneât di Radio Onde Furlane, che di trente agns incà al sburte e al valorize la produzion musicâl contemporanie par furlan e ta chês altri lenghis minorizadis de Patrie, chest an ancjemò plui che in passât al à palesât il so valôr sei pe promozion di lenghis, dirits e cussience che par sburtâ la vivarositât de produzion musicâl contemporanie par furlan, par sloven e par todesc. Al è stât ator pal Friûl, cemût che o vin contât, e cumò al rive a Udin, te sô capitâl, cuntune serade di alt nivel, plene di varietât, di energjie e di cualitât.

carnicats1

Tra selezions dal vîf e vôts par internet, a rivin in finâl sîs concorints: i Mataleao, cul lôr jazzcore che al pete fuart; i zovins cjargnei Terenzio Blues Band cul lôr blues spontani, scalembri e ingnervât di funk e rock; i ironics e cuadrâts Aldo Sbadiglio e la famiglia Ananas in vacanza a Dresda; i Truc, sclets e ruspiôs tra punk rock e stoner; i Sons of a Gun, band indiepunk des Vals dal Nadison che e cjante par sloven, a conferme di cemût che il Premi al sedi un pont di rifeirment par dut il Friûl, e l’Ensemble d’Anjou, formazion di ispirazion folk revival che e à za vuadagnât il premi dal public, su la fonde dai vôts esprimûts cun internet. Cun di plui, daûr di une tradizion consolidade, a saran ancje i ospits speciâi. In cheste vieste si presentaran li dal Palamostre i Carnicats: l’innomenât trio di rappers cjargnei al regalarà al public dal Premi Friûl une anteprime dal sô gnûf spetacul intune formazion che lu viôt compagnât di un grup di musiciscj che a sunin dal vîf.

sunsantologjie

Il conciert dai Carnicats si pues calcolâlu ancje tant che une anticipazion di ce che al sucedarà tal daspomisdì di domenie, cuant che a tacâ di cinc e mieze al sarà timp di Musiche*, un altri apontament che al jude a capî tant in cont de situazion de musiche furlane. Chest viaç a vignaran idealmentri cjapâts dentri ducj i ultins passe vincj agns di cjançons, discs, grups e soliscj. Cun di fat l’event in program si propon tant che presentazion di gale dai trê volums (cd plui librut) di ‘Suns. Antologjie de gnove musiche furlane’, curâts di Luigi Gregoris e Marco Stolfo e editâts di Nota e ARLeF.
Pe ocasion si podarà viodi e scoltâ cuatri pilastris di dut il panorame di artiscj che a metin dongje musiche e lenghe furlane, ven a dî Mitili FLK, Arbe Garbe, Lino Straulino e Luigi Maieron.

A son dôs ocasions là che si podarà tornâ a viodi che al esist un Friûl vîf, tratîf e creatîf, che al mostre la sô diversitât e la sô specificitât, lis vîf, lis pant e al torne a inventâlis cun braùre, cun umiltât, cun personalitât e cun snait. Al è chel Friûl, che al mostre la lenghe e la muse, che si fâs cognossi e preseâ ator e che si met in relazion positive cul mont, stant che al rive a metisi in relazion positive cun se stes. Al è chel stes Friûl che si cjatìn a discuivierzilu e a fâlu discuvierzi in tantis ocasions, par esempli vie pai incuintris fats in chescj mês inte suaze di La mia lingua suona…IN TOUR.

lengate1

Magari cussì no, però, nol è dome chest Friûl che al esist e che al è biel di viodi e di scoltâ, che al è “cool” e ancje “di esportazion”.
La cronache di chescj dîs nus conte ancje di un Friûl che al resist, che al scuen scombati e che al è menaçât. Cun di fat, di ce che o sintìn ator, ancje chest an par viodi la lenghe furlane tes scuelis, insegnade e doprade intune maniere normâl o almancul decente, al coventarà clamâ “Chi l’ha visto?”, cun dut des leçs di tutele e dai dirits formalmentri ricognossûts.
Chês stessis leçs e chei stes dirits a restin dome su la cjarte e magari a riscjin di disparî ancje di li. Lu fâs savê il Comitât-Odbor-Komitaat-Comitato 482, che al ten dongje associazions e altris entitâts espressions des comunitâts furlane, slovene e gjermaniche dal Friûl, che cualchi dì indaûr al à dât fûr un document plen di dâts e di elements obietîfs che al fâs vignî i sgrisui.
Di chel test (che si pues leilu achì) al salte fûr che par cumò la gnove aministrazion regjonâl no à fat ancjemò nuie tal setôr de tutele des minorancis linguistichis e che, cun dut che si spietavisi un cambiament positîf de bande sô, chê stesse e agjìs pericolosamentri in continuitât cun chê di prime che in cinc agns e à maltratât lenghis e dirits linguistics e in particolâr i à fat cuintri ae lenghe furlane.
E salte fûr une mancjance di cussience, di cognossince e duncje di strategjie, che si palese intun dât che di bessôl al lasse scaturîts: se nol cambie alc dopo de iniziative dal Comitât-Odbor-Komitaat-Comitato 482, te finanziarie regjonâl pal 2014 la cuote dal belanç de Regjon destinade pe lenghe furlane e sarà dome dal 0,02%.

In cont di cheste situazion si pues lei alc di plui ancje achì e achì.
Al è ben jessi informâts e stâ in vuaite. A pro dal Friûl biel di viodi e di scoltâ di cumò, che al cjante e al sune il mont e pal mont. A pro di un Friûl di vivi e di vê alc a ce fâ cun lui cumò e ancje pal avignî.

Advertisements

Udinese – Fiorentina 1-0

FuarceUdinees

Un gol e trê ponts. L’Udin al vinç in cjase cuintri de Fiorentina, dopo vê patît e soredut dopo vê savût resisti, reagjî e palesâ caratar e voie di scombati. Il belanç de partide di îr al è positîf no dome pal risultât finâl ma ancje pe muse che la scuadre di Guidolin e à mostrât dilunc vie dal incuintri e soredut tal secont timp.
Cun dut achel al reste ancjemò un grum ce fâ, soredut par dâ continuitât ae tignude dal cjamp e concretece al atac, che al segne pôc, in gjenerâl, e in particolâr al rive a fâ gol pocjissim su azion. La trasfierte a Turin cuintri de Juve, proibitive su la cjarte ma no impossibile, nus disarà se pardabon l’Udin al à rivât a cambiâ pas e a cjapâ sù une ande gnove, plui concrete, plui divertente e plui interessante.

Il prin timp si vierç cu la Fiorentina che e fâs zirâ la bale miôr da blancs e neris, che a patissin la cundizion tecniche e atletiche dai aversaris. I ospits a àn plui iniziative e si rindin plui pericolôs in atac. Brkič al siere ben la sô puarte e lis incursions dal ex Cuadrado e di Aquilani no àn sucès, intant che su Pepito Rossi a vegnin dopleadis lis marcjaduris e il so talent al ven neutralizât.
Passe une mieze ore dopo de viertidure de partide al rive il gol dal Udin: punizion di Di Natale che al met la bale tal mieç par Pereyra che cul cjâf le tocje chel cincinin che al covente par che e rivi sui pîts di Hertaux che al segne. Al è il svolt, pal prin timp e pe partide interie.

Cun di fat, soredut dopo dal interval, la Fiorentina e va in crisi, intant che l’Udin al cres. La scuadre di Montella, se prime e jere biele ma no masse concrete, ancje par vie dal bon lavôr dal puartîr furlan, tal secont timp e devente brutute, e piert cjamp e iniziative a pro dai parons di cjase che cul passâ dal timp a paronin pardabon la partide e si rindin in plui ocasions pericolôs des bandis di Neto, che però si fâs cjatâ simpri tal puest just tal moment just.
In evidence, in cheste fase, Fernandes, Gabriel Silva e soredut Pereyra e Muriel, che cuant che al cjape il puest di Di Natale i da une marcje in plui a dute la scuadre.

Dongje dal caratar e dal risultât, un altri aspiet positîf de partide al è propit il rindiment individuâl di tancj di lôr. Sperìn in ben pal avignî.

Cuintri de Juve si viodarà se, cemût che a sperin ducj i tifôs, chê di îr no je stade dome une prestazion casuâl e ocasionâl.

A Turin (21/11) e a Moncalieri (22/11), La mia lingua suona…IN TOUR

CoverOccitaniaJPG

Doi dîs, trê apontaments. Ai 21 e ai 22 di Novembar il program di incuintris dal titul La mia lingua suona…IN TOUR al tocje ancjemò Turin – Tesoriera e Mirafiori – e al rive ancje a Moncalieri.

Ogni incuintri al à une sô specificitât: dal puest al program e fintremai ai siei protagoniscj.
Di no pierdi.
Par savê ce che al sucêt, al baste dâ un cuc al comunicât di presentazion che si cjate achì…

cropped-leb3.jpg

LA MIA LINGUA SUONA…IN TOUR
Continua il viaggio di Lidrîs e Butui tra lingue, musiche e visioni babeliche
Nuove presentazioni di “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”
Due giorni e tre appuntamenti a Torino (21/11) e a Moncalieri (22/11)

Prosegue anche a novembre La mia lingua suona…IN TOUR, il ciclo di incontri pubblici di presentazione del libro Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo e più in generale dedicati a creatività nelle lingue minoritarie, tutela dei diritti linguistici e promozione della diversità culturale.

Per questo mese la manifestazione, promossa dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, prevede tre appuntamenti in due giorni, realizzati anche con la collaborazione operativa delle Biblioteche civiche della Città di Torino, della Fondazione Mirafiori, della Biblioteca Civica di Moncalieri “A. Arduino” e del locale Assessorato alla cultura e al turismo.

tesoriera

Giovedì 21 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica musicale “A. Della Corte” di Torino (La Tesoriera, corso Francia 186) è in programma l’incontro dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR alla Tesoriera. Al centro dell’incontro saranno proprio i contenuti di Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo, pubblicazione dedicata alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa, che descrive l’evoluzione della produzione musicale in occitano e in friulano negli ultimi decenni,ne illustra il contesto storico, geografico, culturale, linguistico e politico, e rende conto della relazione tra musica e lingua, questioni identitarie, rivendicazioni sociali, multiculturalità, sviluppo sostenibile e diritti linguistici e collega il Friuli e le terre “d’Óc” con altre realtà d’Europa.
Nell’occasione Lorenzo Siviero, coordinatore nazionale di ARCI ReAL (Rete ARCI Live), e l’autore del libro proporranno un viaggio virtuale tra storie, parole, suoni e visioni, dall’Occitania al Friuli e dalla Sardegna al Paese Basco, dal Galles alla Grecìa Salentina, dalla Corsica alla Bretagna, dai Paesi Catalani ai Sami del circolo polare artico.
L’incontro ad ingresso libero prevede anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte. Tra queste le immagini e i suoni del concerto dei Lou Dalfin a Borgo San Dalmazzo il 3 novembre 2012, ripreso da Remo Schellino per Musicalista, e del film JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini, documentario che racconta l’avventura umana e musicale della rockband friulana JoNoKognòs e la sua partecipazione al festival europeo Liet International a XiXón/Gijon nelle Asturie un anno fa.

CSlamialinguasuonaintourTESORIERAokweb

LAMIALINGUA_TESORIERA_2111013ok

jnk

L’appuntamento previsto per giovedì 21 novembre alle 21, presso la Casa nel Parco (Via Panetti/Via Artom, Parco Colonnetti), è centrato proprio sulla produzione audivisiva nelle lingue minoritarie. L’incontro, dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR. Visioni babeliche a Mirafiori, incontro dedicato alla creatività nelle lingue minoritarie d’Europa ed in particolare a musica e produzione audiovisiva.
Presso la casa del quartiere di Mirafiori Sud ci sarà la proiezione la proiezione di tre opere cinematografiche caratterizzate dall’uso creativo e contemporaneo di lingue in condizioni di minoranza come il friulano e il sardo. Si tratta di Bentu, cortometraggio in lingua sarda di Tore Cubeddu, tratto dal racconto Il vento di Antonio Cossu, di Farcadice-Diari di Viaç: Charleroi, documentario sull’emigrazione friulana in Belgio di Luca Peresson e Carlo  Della Vedova e della versione integrale di JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini.
I film, in sardo e in friulano, sono sottotitolati in italiano.

CSlamialinguasuonaintourMIRAFIORIokweb

LAMIALINGUA_MIRAFIORIloc_2111013ok

logobibliomoncalieri

Venerdì 22 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica “A. Arduino” di Moncalieri (via Cavour, 31) è in programma La mia lingua suona… IN TOUR. The Moncalieri Session.
In questo caso i contenuti del libro di Marco Stolfo saranno discussi, insieme all’autore, dal direttore di Radio Flash, Gianluca Gobbi, dalla direttrice della Biblioteca di Moncalieri, Giuliana Cerrato, e dall’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Moncalieri, Francesco Maltese. Interverrà anche l’assessore alla cultura e al bilancio della Provincia di Torino, Antonio Marco D’Acri.
Saranno presentate anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte.

CSlamialinguasuonaintourMONCALIERIokOKweb

LAMIALINGUA_MONCALIERI_2211013ok rivisto

I tre incontri sono ad ingresso libero.

Suns 2013, il premi dal public ai Luna e Un Quarto

lunabisOk

Sabide ai 9 di Novembar a Moena, in Val di Fasse, te Ladinie dolomitane, si à davuelte la edizion 2013 di Suns, il festival de cjançon tes lenghis minoritariis de Europe alpine e mediteranie.
La manifestazion e je stade une gnove ocasion là che la musiche furlane si à fate preseâ e si à confermade tant che alc in stât di rapresentâ inte maniere miôr il Friûl: chel vêr, che si met in relazion cul mont, che al mostre la muse e la lenghe e che propit par chest al è atratîf e interessant.

Il merit al è dai Luna e Un Quarto, band di Muçane che za di un pôcs di agns si fâs preseâ pal sô miscliç di rock, blues, folk e cjançon di autôr e che e jere tra i nûf finaliscj dal concors.
Il grup al à cjapât il premi dal public e, di ce che si conte e si lei ator, al è rivât dongje a cjapâ ancje il premi de jurie.

Chest ricognossiment al è stât dât al cuartet sart ForeFingers Up!, che al à presentât un biel toc, tra funk, soul e hip hop, che il so titul al è “Sa Luxe e’ su Soli”. Plui in gjenerâl la serade e je stade
di buine cualitât sei pes propuestis musicâls che pe clime di fieste e pe atmosfere positive, là che a son saltadis fûr la fuarce e la vivarositât di lenghis, culturis e creativitât.

Lenghis vivis par musichis vivis.

Catania – Udinese 1-0

udin_neri

L’Udin al piert ancje a Catania. Sabide la prestazion de scuadre furlane in Sicilie e je stade miôr – o mancul piês – di chê cuintri dal Inter, ma il risultât, in tiermins di ponts, al è stât compagn: zero ponts puartâts a cjase.

I aspiets positîfs, o mancul negatîfs, pal Udin a tocjin il caratar e la grinte, che almancul un pôc si son viodûts. Si à viodût ancje cualchi moment di zûc – magari cussì no a son masse pôcs – e cualchi tîr in puarte, però al reste un però: a restin la tindince a fâ tancj erôrs, in ducj i setôrs dal cjamp, e une cierte confusion e improvisazion tatiche.
Par cjatâ alc altri di bon si à di marcâ lis prestazions di Brkič, dopo de sbrissade de setemane stade, di Fernandes e di Pereyra. Si pues zontâ ancjemò alc in cont de sfighe – i doi pâi cjapâts di Pereyra e Pinzi – e dal arbitri, De Marco, che la sô direzion e je stade segnade di tancj erôrs (a jerin doi rigôrs a pro, ma no ju à sivilât), ma no dome a dam dal Udin (Domizzi e Pereyra a àn riscjât la espulsion).

Il Catania al à fat valê il fatôr di zuiâ in cjase, la compatece dal so coletîf e la cualitât di zuiadôrs tant che Maxi Lopez, e cussì al à cjapât trê ponts che a valin aur, pal spirt e pe classifiche.

Tal prin timp la scuadre di De Canio e à plui snait e iniziative, cun dut che ancje l’Udin nol duar e al rive a meti adun cualchi bale gol. E salte fûr za in cheste fase la intermitence de scuadre furlane, che no rive a esprimi ad in plen il so potenziâl. Cussì il gol catanês al rive dopo mieze ore: Domizzi al strenç Legrottaglie in maniere iregolâr in aree, al è penalty pal Catania e lu segne Maxi Lopez.

L’Udin al reagjìs daurman ma al à dificoltât a rivâ al tîr e se al rive a tirâ in puarte nol rive a metile dentri dal spieli e cuant che al rive al cjape il pâl.
La scuadre di Guidolin e fâs zirâ la bale – il possès dal balon dai blancs e neris ae fin de partide al sarà dal 64% – ma no rive a jessi pericolose in maniere proporzionâl. Basta nol zire ai siei nivei e Muriel al è isolât, compagn dal assent Di Natale tes partidis passadis.
La pression e la gjestion dal balon a son, ma a son sterpis, il Catania si difint e l’Udin al vinç dome tal cont finâl dai corners: 6 a 5.

Ae fin de partide Guidolin al à declarât che al à tornât a viodi la sô scuadre. Sperìn che al vedi reson, stant che i limits dai blancs e neris a son ancjemò tancj e preocupants (no je corse e no si viôt une vere struture di zûc), soredut se si cjale cemût che e je la classifiche e cuâi che a son i prossims aversaris: Fiorentina, Napoli e Juve.
Ma magari cun chei scuadrons ancje l’Udin si dismovarà e al cambiarà pas. Cuissà?

Par intant il campionât si ferme pai impegns de rapresentative taliane. Saraie la ocasion par meti i numars in colone, recuperâ polmons, gjambis e soredut cûr e cerviel?

Al è muart il poete Federico Tavan

tavan

Il poete “da li’ pantianes” al è svualât in cîl cu la sô “nâf spaziâl”.
Inte gnot tra i 7 ei 8 di Novembar al è muart a Andreis il poete Federico Tavan, une des vôs plui origjinâls e fuartis de leterature furlane contemporanie.

Lu ricuardìn cussì, cu la segnalazion di un video dal 1993 e cuntun so test:

La nâf spaziâl

Chîsta
‘e n’éis ‘na conta
pai nins,
éis ‘na storia vera,
da matz.
Al disivuot d’avost
da l’otantedoi,
apena iessût da l’ospedal
ma soi serât in cjamera,
ài metût doi armaróns
e un comodìn
denant la puarta.
Po’ me soi metût sul liet
coma un astronauta.
De four de la puarta
i me clamava duç:
“Iés! Iés!”.
“No, no! ‘E soi ch’e sgôrle
in ta la nâf spaziâl,
no stei desturbâme,
vô ‘e séi de un antre mont”.
E i passava li ores…
Intant jo incrosave
steles e galassies
e ucei strambus.
Al speciu al faseva da oblò
e al sofit da firmament.
E de four,
mitant preocupatz:
“Iés! Iés!
Ah, diu, al é mat!”
Jo ‘e continuave a sgorlâ,
incjamò doi mil ans-lûs
e sarés rivât sul sorele.
Li ombrenes sui murs
e i rumours de li machines
i faseva al sussûre dal motour
de la nâf spaziâl.
E ‘i son passâtz doi dîs…
“Iés! Iés!
No màngestu?
Ah, diu, al é mat!
Paràn jù la puarta!”
Ma la puarta a resisteva.
E jo, in alt,
pì in alt!
E de four dut un rumour:
“Iés! Iés!
Ce fàistu uvì?
Dai mo, su, nin!
Ah, diu, al é mat!”
“Lassâme stâ!
‘E soi su la nâf spaziâl.
‘E scjampe,
e al mont lu jôt lontan
e i omi pici pici… ”
E ‘i son passâtz tre dîs…
‘I àn sfuarcjât la puarta,
‘i àn parât jù i armarons
e al comodin.
Jo ju spetâve, platât
sot al liet.

“AH, DIU!
‘I SON RIVÂTZ
I UMANS!”

Udinese – Inter 0-3

udin_neri

Une altre partide brute. E chest viaç al è brut – cemût che al è just – ancje il risultât.
Udinese – Inter e va inte maniere piês pussibile, almancul cuntune cjaladure furlane. Se cuintri dal Sassuolo l’Udin al veve zuiât mâl ma al veve rivât a puartâ a cjase i trê ponts e a tornâ a vinci fûr dal Friûl, cuintri dal Inter al cjape trê patafons e vonde. Chê che e veve di jessi la partide che e varès vierzût une gnove fase pe scuadre furlane e je deventade la zornade de avilizion plui fuarte pai tancj erôrs dai blancs e neris e pe lôr mancjance di snait e di caratar.

La gare cul Inter si vierç in maniere flape ma cuntune aparence di ecuilibri che e va al mancul cul passâ dai minûts. I ospits a cjapin sù la iniziative, a masanin zûc, a fasin cressi la lôr pression e si rindin pericolôs des bandis di Brkič, che al rispuint avonde ben. Dopo 25 minûts e un pâr di buinis ocasions di gol, e rive la prime segnadure interiste: punizion di Taider e conclusion in acrobazie di Palacio.

La reazion dal Udin e je alc di relatîf e dopo cuatri minûts al rive il doi a zero. E je une altre azion che e tache di une bale ferme: corner batût di Cambiasso e Ranocchia che al profite di un erôr di Brkič in jessude e le bute dentri.
La supremazie de Inter e va plui innà dai doi goi: l’Udin no si lu viôt ni indevant ni indaûr, a part i erôrs che a son tancj e in cualchi câs ancje clamorôs, par esempli cuant che Muriel si piert di bessôl devant di Handanovič. E il prin timp si siere cussì.

La seconde part de partide e tache miôr, cuntun ritmi plui alt e cuntun Udin plui determinât. La prime conclusion di Di Natale, cun Handanovič che al mande la bale in corner, e je un bon segnâl. Magari cussì no, i blancs e neris a mostrin un pôc di cûr, ma si fasin notâ soredut pai erôrs e par une manovre limitade, proviodibile e sterpe, intant che l’Inter al gjestìs il vantaç e si svicine al tierç gol cun Palacio.

Tal Udin al è alc che si môf cu la jentrade di Bruno Fernandes e Ranegie che a cjapin il puest di Di Natale e Pereyra. Al jentre ancje Nico Lopez al puest di Muriel. A son diviers i tentatîfs par ridusi almancul lis distancis ma nissun di chei al rive a jonzi il risultât par vie di erôrs e imprecisions e de buine tignude dal Inter che cun Alvarez su assist di Palacio al segne ancje il tierç gol.

Uvernada 2013, Lou Dalfin in fieste a Lo Borg

Uvernada_2013

Di vuê a domenie a Lo Borg/Borgo San Dalmazzo, in provincie di Cuneo, si fâs fieste. E je la edizion numar 23 de ‘Festa de Lou Dalfin’, un apontament là che dongje dal grup di Sergio Berardo si dan adun tancj altris musiciscj, des Valadas Occitanasa dal Piemont, de Occitania Granda e ancje di altris bandis de Europe e dal mont.

A tacâ dal an passât la manifestazion e à rinfuarcît la sô vocazion musicâl e culturâl. Lu sclarìs chel altri titul che al cjape dentri ducj i concierts e chei altris apontaments ch si davuelzin li dal palaç Bertello, tal centri de citât, ven a dî ‘Uvernada’, un non che al marche il rapuart di parintât cu la ‘Estivada‘, la rassegne di culturis e musicihis ocitanis e mediteranis che si davuelç vie pal istât a Rodés/Rodez, tal Stât francês.

Il program di dute la manifestazion si cjate li dal sît uficiâl dai Lou Dalfin. Ta chês stessis pagjinis si puedin lei altris informazion in cont de iniziative, là che dongje di musiche, lenghe e culture si cîr di promovi ancje il teritori e siei prodots. Un altri esempli di cemût che il ‘logos’ (la lenghe) e devente un ‘logo’, une marcje di cualitât e di origjinalitât in stât di fâsi cognossi, ricognossi e preseâ, soredut se e sune ben e se e sune fuart.