Mostre dal Cine di Vignesie, ocasions di ‘LeB Pride’ e di braùre furlane

Si svicine la conclusion de edizion numar 74 de Mostre dal Cine di Vignesie, che par sigûr e je une des manifestazions plui innomenadis e plui impuartantis a nivel planetari par ce che al tocje la art cinematografiche.

La Mostre e je in chel istès un event culturâl, di costum e mediatic, tra produzion cinematografiche maistream e inovative, mondanitât, storie dal cine, marketing e iniziativis di ogni sorte.

Chest an, salacor ancjemò di plui che agns indaûr, il festival al à mostrât ancjemò di plui dutis chestis musis diferentis, in particolâr cu la partecipazion significative dal cine american.

A son ancje tancj altris aspiets che a segnin la edizion 2017 de Mostre. Tra chescj si pues menzonâ ancje alc di furlan e che nus tocje di dongje, in cualchi maniere, tant che associazion.

Al è il câs, par esempli, de cussì clamade sigle di cuviertine de manifestazion, che par chest an e je stade prontade di un creatîf furlan une vore cognossût, Tomas Uolli Marcuzzi, cemût che al ven contât achì.

Cun di plui, cuntune braùre e une partecipazion particolârs, nus fâs plasê ricuardâ che sul tapêt ros dal Lido di Vignesie al è passât ancje un dai fondadôrs de associazion Lidrîs e Butui, ven a dî chel che uns pôcs in agns incà, stant che al vîf tai Stâts Unîts, lu calcolìn il nestri «amì american».
O fevelìn di Piero Basso, diretôr de fotografie di Una famiglia, il film di Sebastiano Riso che al è tra chei in concors a Vignesie e che al jentrarà e programazion dai cines ator pal Stât talian a tacâ dai 28 di Setembar.

O sin contetons par lui.

Advertisements

Auguris babelics 2015-2016!!!

leb

Bon Nadâl e bon an
Vesel Božič in srečno novo leto
Ein frohes Weinachtfest und ein glückliches Neues Jahr
Buon Natale e felice anno nuovo
Bonas pascas de Nadale e prosperu annu nou
Pulit Nadal e bona anada
Bon Tsalendre e Treinadan
Joyeux Noël et bonne année
Zorionak eta Urte Berri On!
Nedeleg laouen na bloavezh mat
Bon Nadal i un Bon Any Nou!
Nadelik looan na looan blethen noweth
Pace è salute
Noflike Krystdagen en in protte Lok en Seine yn it Nije Jier
Nadolig Llawen
Bon Nadel y Bon Ann Nuef
Nollick ghennal as blein vie noa
Bachtalo krecunu Thaj Bachtalo Nevo Bers
Buorrit Juovllat
Nollaig chridheil huibh

‘Occitania, Friuli, Europa’ a Udin ai 14 di Novembar. In spiete di Suns

CoverOccitaniaJPG

Nol è mai masse tart. Cussì, finalmentri, vinars ai 14 di Novembar, a Udin, alì dal Bar dal Visionario, di sîs sot sere indenant, al vignarà presentât, pe prime volte in Friûl, il libri di Marco Stolfo, Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua  suona il rock .

L’incuintri al sarà une sorte di aperitîf e di viertidure sostanziâl dal program di iniziativis metût adut ator di Suns, il festival european de cjançon in lenghe minoritarie.

Paolo Cantarutti e Andrea Ioime a fevelaran dal libri e dai siei contignûts adun cul autôr.
Cui che al frecuente chest blog al cognòs za la publicazion, che cuntune atenzion multidissiplinâr,  là che si incrosin musiche, storie, politiche, societât, dirits linguistics, leterature e tutele des minorancis, al propon une esplorazion fonde e organiche de produzion musicâl par ocitan e par furlan, de fin dai agns Sessante al dì di vuê, e le met in relazion e in comparazion cun chês che si son disvilupadis inaltrò in Europe.

Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua  suona il rock al è un lavôr di ricercje, di documentazion e di divulgazion che nol è dome di lei, ma ancje di scoltâ. Cun di fat il libri al ten dongje ancje un cd cuntune selezion de musiche ocitane e furlane plui gnove e plui fuarte.

La presentazion de publicazion dade fûr de associazion di furlans in Piemont Lidrîs e Butui e sarà dome la prime part di un event dal titul Suns@Visio, dedicât ae produzion musicâl tes lenghis minoritariis de Europe, che al ten dongje ancje une selezion di videos musicâi e una sorte di dj set par cure de trasmission di Onde Furlane, Babêl Europe.

Suns, ai 15 di Novembar a Udin lis vôs e i ritmis de Europe des lenghis minoritariis

25-10-14_Suns2014

Al è timp di Suns 2014. Il Festival de cjançon in lenghe minoritarie, nassût in Friûl tal 2009, al torne a Udin pe sô seste edizion. L’apontament al è sabide ai 15 di Novembar alì dal Teatri Palamostre a tacâ di 9 di sere.

Te serade finâl de rassegne dedicade ae creativitât musicâl tes lenghis di minorance de Europe alpine e mediteranie (Cravuazie, Slovenie, Austrie, Italie, Svuizare e France), promovude de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e inmaneade di Radio Onde Furlane e dal Progjet Suns ancje cu la poie dal Comun di Udin, e di altris sogjet e istituzions,  a saran  vot i grups o i soliscj che a presentaran dal vîf une cjançon parom. E je po previodude ancje la esibizion di un grup ospit.

25-10-14_AldoSbadiglio

I finaliscj di Suns 2014 a rivin des comunitâts di lenghe furlane, sarde, ladine, rumance, ocitane, francoprovençâl e cravuate dal Molîs.
Il Friûl al è rapresentât di Aldo Sbadiglio e la Famiglia Ananas in Vacanza a Dresda, che juste pocjis setemanis indaûr a àn dât fûr il lôr gnûf album Ljuba Toast Cricket Club, e di Elsa Martin, autore e interprete une vore preseade ancje fûr dal Friûl, che ai 25 di Otubar stâts e à cjapât il premi de critiche tal concors ‘Bianca d’Aponte’ di Aversa.
De Val di Fasse  e dal Cjanton dai Grisons (Svuizare) a rivin in finâl doi esemplis interessants di cjançon di autôr: a son, di une bande, la zovine cjantautore ladine Martina Iori, che a disevot agns e mostre za une grande personalitât, e di chê altre Pascal Gamboni, che di passe dîs agns al è atîf te produzion musicâl par rumanç sei in patrie che tal Ream Unît.
Sul palc dal Palamostre e sarà ancje la «lenga d’oc», che e ven doprade miscliçant rock e folk dai Lou Tapage, formazion che e rive des Valadis ocitanis dal Piemont, intant che Billy Fumey al presentarà un toc cjantât tal francoprovençâl de Francje Contee.

martina iori

Pe prime volte a Suns al sarà ancje un grup che al rive de minorance linguistiche cravuate dal Molîs: a son une vore zovins e si clamin Kroatarantata. No mancje nancje in cheste ocasion une band che e salte fûr dal vivarôs panorame musicâl par sart: a son i Ratapignata, che za di agns a metin dongje cun risultâts interessants la lenghe proprie e i sunôrs e i ritmis dal reggae, dal ska, dal rock e dal funk.
Al rive de Sardegne ancje il grup ospit de serade, ven a dî i ForeFingers Up!. Nassûts de esperience dai Balentia, che a son stâts tra i pionîrs dal hip hop par sart, a àn vinçût la edizion passade di Suns e par chel a parteciparan ae finâl 2014 dal Liet International, il festival dedicât ae musiche tes lenghis minoritariis di dute Europe, che si tignarà ai 12 di Dicembar a Oldenburg, te Gjermanie dal Nord. A chê manifestazion al parteciparà ancje il grup o il solist che, daûr dal judizi de jurie internazionâl presinte a Udin, al vinçarà Suns 2014.

25-10-14_forefingersup

Intai dîs dongje dai 15 di Novembar a son ancje altris doi events leâts a Suns 2014 là che a son protagonistis la musiche e la  diversitât linguistiche. Vinars ai 14 di Novembar alì dal Bar dal Visionario, di 6 sot sere indenant, l’apontament al è cun Suns@Visio, aperitîf dedicât ae musiche di viodi, di scoltâ e… di lei, stant che al vignarà presentât pe prime volte in Friûl il libri di Marco Stolfo, Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock. Domenie ai 16 di Novembar alì dal Palamostre, simpri a tacâ di 6 sot sere, Loris Vescovo al presente dal vîf il so cd plui resint Penisolâti, vincidôr che al è pôc de Targa Tenco, il plui impuartant ricognossiment pe cjançon di autôr a nivel talian.

vescovo_grimaz_valdifassa

La jentrade a Suns 2014 e je sore nuie. La serade di sabide e sarà ancje trasmetude in direte di Radio Onde Furlane sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 e sui 106.5 Mhz in Cjargne, sui 96.6 Mhz a Colonia Caroya (Argjentine), e pardut vie internet su www.ondefurlane.eu.  Altris informazions si cjatin sul sît  www.sunscontest.com.

Cungjò, president

adrianodegano

Domenie stade al è muart Adriano Degano, par sigûr une des personalitâts plui impuartantis de emigrazion furlane e soredut dal associazionisim de emigrazion, almancul dai agns Sessante incà.

Nassût a Paulêt tal 1920, par tancj agns al veve lavorât al Inps, prime a Udin e po, a tacâ dal 1961, a Rome.
Propit te capitâl dal stât talian al à esprimût ad in plen la sô grande personalitât tal mont dal associazionisim de emigrazion, che di chel al è stât un protagonist, in tiermins operatîfs e istituzionâi, fintremai ae sô muart.

Dispès si fevele dai furlans pal mont clamantju ambassadôrs dal Friûl. Par sigûr cheste definizion e jere juste par lui, pe sô grande capacitât di vê e di tignî relazions, ancje ai nivei istituzionâi plui alts.
In chest sens, Adriano Degano, par tancj agns president dal Fogolâr Furlan di Rome, al è stât un ambassadôr dal Friûl, di chel ‘in Friûl’ e di chel che al è ‘pal Mont’.
In particolâr al è stât l’ambassadôr dal Friûl di ca e di là dal Tevere.

O vin vût ocasion di cognossilu e di preseâ il so caratar, la sô culture e il so amôr pal Friûl.
Par chest, cun stime e cun rispiet pe sô persone, in chest moment ancje nô de associazion Lidrîs e Butui si sintìn dongje de sô famee, dai siei amîs e dal Fogolâr Furlan di Rome.

A Turin (21/11) e a Moncalieri (22/11), La mia lingua suona…IN TOUR

CoverOccitaniaJPG

Doi dîs, trê apontaments. Ai 21 e ai 22 di Novembar il program di incuintris dal titul La mia lingua suona…IN TOUR al tocje ancjemò Turin – Tesoriera e Mirafiori – e al rive ancje a Moncalieri.

Ogni incuintri al à une sô specificitât: dal puest al program e fintremai ai siei protagoniscj.
Di no pierdi.
Par savê ce che al sucêt, al baste dâ un cuc al comunicât di presentazion che si cjate achì…

cropped-leb3.jpg

LA MIA LINGUA SUONA…IN TOUR
Continua il viaggio di Lidrîs e Butui tra lingue, musiche e visioni babeliche
Nuove presentazioni di “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”
Due giorni e tre appuntamenti a Torino (21/11) e a Moncalieri (22/11)

Prosegue anche a novembre La mia lingua suona…IN TOUR, il ciclo di incontri pubblici di presentazione del libro Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo e più in generale dedicati a creatività nelle lingue minoritarie, tutela dei diritti linguistici e promozione della diversità culturale.

Per questo mese la manifestazione, promossa dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, prevede tre appuntamenti in due giorni, realizzati anche con la collaborazione operativa delle Biblioteche civiche della Città di Torino, della Fondazione Mirafiori, della Biblioteca Civica di Moncalieri “A. Arduino” e del locale Assessorato alla cultura e al turismo.

tesoriera

Giovedì 21 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica musicale “A. Della Corte” di Torino (La Tesoriera, corso Francia 186) è in programma l’incontro dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR alla Tesoriera. Al centro dell’incontro saranno proprio i contenuti di Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo, pubblicazione dedicata alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa, che descrive l’evoluzione della produzione musicale in occitano e in friulano negli ultimi decenni,ne illustra il contesto storico, geografico, culturale, linguistico e politico, e rende conto della relazione tra musica e lingua, questioni identitarie, rivendicazioni sociali, multiculturalità, sviluppo sostenibile e diritti linguistici e collega il Friuli e le terre “d’Óc” con altre realtà d’Europa.
Nell’occasione Lorenzo Siviero, coordinatore nazionale di ARCI ReAL (Rete ARCI Live), e l’autore del libro proporranno un viaggio virtuale tra storie, parole, suoni e visioni, dall’Occitania al Friuli e dalla Sardegna al Paese Basco, dal Galles alla Grecìa Salentina, dalla Corsica alla Bretagna, dai Paesi Catalani ai Sami del circolo polare artico.
L’incontro ad ingresso libero prevede anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte. Tra queste le immagini e i suoni del concerto dei Lou Dalfin a Borgo San Dalmazzo il 3 novembre 2012, ripreso da Remo Schellino per Musicalista, e del film JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini, documentario che racconta l’avventura umana e musicale della rockband friulana JoNoKognòs e la sua partecipazione al festival europeo Liet International a XiXón/Gijon nelle Asturie un anno fa.

CSlamialinguasuonaintourTESORIERAokweb

LAMIALINGUA_TESORIERA_2111013ok

jnk

L’appuntamento previsto per giovedì 21 novembre alle 21, presso la Casa nel Parco (Via Panetti/Via Artom, Parco Colonnetti), è centrato proprio sulla produzione audivisiva nelle lingue minoritarie. L’incontro, dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR. Visioni babeliche a Mirafiori, incontro dedicato alla creatività nelle lingue minoritarie d’Europa ed in particolare a musica e produzione audiovisiva.
Presso la casa del quartiere di Mirafiori Sud ci sarà la proiezione la proiezione di tre opere cinematografiche caratterizzate dall’uso creativo e contemporaneo di lingue in condizioni di minoranza come il friulano e il sardo. Si tratta di Bentu, cortometraggio in lingua sarda di Tore Cubeddu, tratto dal racconto Il vento di Antonio Cossu, di Farcadice-Diari di Viaç: Charleroi, documentario sull’emigrazione friulana in Belgio di Luca Peresson e Carlo  Della Vedova e della versione integrale di JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini.
I film, in sardo e in friulano, sono sottotitolati in italiano.

CSlamialinguasuonaintourMIRAFIORIokweb

LAMIALINGUA_MIRAFIORIloc_2111013ok

logobibliomoncalieri

Venerdì 22 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica “A. Arduino” di Moncalieri (via Cavour, 31) è in programma La mia lingua suona… IN TOUR. The Moncalieri Session.
In questo caso i contenuti del libro di Marco Stolfo saranno discussi, insieme all’autore, dal direttore di Radio Flash, Gianluca Gobbi, dalla direttrice della Biblioteca di Moncalieri, Giuliana Cerrato, e dall’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Moncalieri, Francesco Maltese. Interverrà anche l’assessore alla cultura e al bilancio della Provincia di Torino, Antonio Marco D’Acri.
Saranno presentate anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte.

CSlamialinguasuonaintourMONCALIERIokOKweb

LAMIALINGUA_MONCALIERI_2211013ok rivisto

I tre incontri sono ad ingresso libero.

San Salvario, 12.10.2013. Al torne “La mia lingua suona… IN TOUR”

CoverOccitaniaJPG

Sabide ai 12 di Otubar a Turin al torne a partî La mia lingua suona… IN TOUR.
L’apontament al è a 7 sore sere, inte suaze des manifestazions pe scree dal gnûf centri culturâl Lombroso 16, a Turin in zone San Salvario.

L’incuintri si clame propit La mia lingua suona… IN TOUR. The Lombroso Session e al vierç la gnove fase dal  cartelon che al cjape dentri une schirie di incuintris, promovûts de associazion Lidrîs e Butui, col jutori e cul patrocini de Provincie di Turin e cu la colaborazion di altris sogjets publics e privâts, là che al ven  presentât il libri Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock e si fevele ancje di altris argoments che a tocjin la creativitât tes lenghis minorizadis, la tutele dai dirits linguistics e la promozion de diversitât culturâl.

Dopo des presentazions fatis vie pe Vierte, inte suaze dal Salon dal libri di Turin, dentri dal Salone OFF e a Pinerolo, i incuintris a tornin  vie pe Sierade, a torzeon,  IN TOUR, a Turin e ator pe provincie.

Ve chi la presentazion dal apontament di doman:

 

LA MIA LINGUA SUONA…IN TOUR
Riparte da San Salvario il viaggio di Lidr
îs e Butui tra lingue e musiche
Il 12 ottobre alle 19 per l’inaugurazione di Lombroso16

Sabato 12 ottobre alle 19, nell’ambito degli eventi per l’inaugurazione del polo culturale Lombroso 16 (Via Lombroso 16, Torino, zona San Salvario), che prendono il via già alle 17, è in programma La mia lingua suona… IN TOUR. The Lombroso Session, incontro di presentazione del libro Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo.

Si tratta di un appuntamento all’insegna dei contenuti della pubblicazione dedicata alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa: un viaggio virtuale tra storie, parole, suoni e visioni, condotto da Giorgio Olmoti, storico, scrittore e collaboratore di Radio Onde Furlane, che dialogherà con l’autore.

Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock, edito dall’associazione di friulani in Piemonte Lidrîs e Butui, con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, è un libro realizzato con un approccio multidisciplinare, che comprende musica, storia, politica, società, letteratura e tutela delle minoranze. Descrive l’evoluzione della produzione musicale in occitano e in friulano negli ultimi decenni, illustra il contesto storico, geografico, culturale, linguistico e politico del Friuli e delle terre “d’Óc” e rende conto della relazione tra musica e lingua, questioni identitarie e sociali, rivendicazioni riguardanti diritti linguistici e autogoverno. A tal scopo mette a confronto la musica occitana e il Friuli che canta «par furlan» con altre realtà, dalla Sardegna al Paese Basco, dal Galles alla Grecìa Salentina, dalla Corsica alla Bretagna, dai Paesi Catalani ai Sami del circolo polare artico. Ciò avviene anche in base ad una serie di interviste con esponenti del panorama musicale occitano e friulano, come Sergio Berardo, Moussu Tatou, Lino Straulino, DJ Tubet gli Arbe Garbe, e con altri esperti e musicisti sardi, bretoni, baschi, catalani, ladini, sloveni, frisoni e albanesi, a partire da Alan Stivell e Fermin Muguruza, protagonisti della tavola rotonda virtuale che costituisce la terza sezione dell’opera.

Il tutto è accompagnato da un cd con una selezione della musica occitana e friulana più nuova e più forte: un viaggio musicale che parte dalle Valadas del Piemonte, rappresentate da Lou Dalfin, Gai Saber e Lou Seriol, attraversa l’Occitania Granda di Massilia Sound System, Nux Vomica, Mauresca Fracàs Dub, Goulamas’k, Gigi de Nissa e Mossou T e lei Jovents, e arriva in Friuli, con Mitili FLK, Inzirli, Madrac, DLH Posse, Dek Ill Ceesa, Bande Tzingare, Pantan, Arbe Garbe e Mig 29 over Disneyland.

L’incontro del 12 ottobre apre la seconda parte di “La mia lingua suona…IN TOUR”, ciclo di incontri pubblici, promossi dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino e la collaborazione operativa di altri soggetti come Biblioteche Civiche, Comuni e Associazioni culturali del territorio, dedicati alla stessa pubblicazione e ad altre tematiche connesse con la creatività nelle lingue minoritarie e con la tutela dei diritti linguistici e la promozione della diversità culturale.

“La mia lingua suona…IN TOUR” a Pinerolo

CoverOccitaniaJPG

Screât la setemane stade cu la presentazion di Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo li dal Salon internazionâl dal libri di Turin e cun chê fate inte suaze ses iniziativis inmaneadis inte Circoscrizion 3 pal Salone OFF, il cicli di incuintris dal titul “La mia lingua suona …IN TOUR” al va indenant ai 25 di Mai, a Pinerolo.

Li de biblioteche civiche “Alliaudi”, inte suaze de manifestazion MaggioLibri, a 5 e mieze sot sere si cjataran adun, par fevelâ dal libri e dai siei contignûts cul so autôr, il gjormalist di Radio Beckwith Evangelica Marco Magnano, il storic, scritôr e colaboradôr di Radio Onde Furlane, Giorgio Olmoti, e il cjantautôr e ricercjadôr Lino Straulino, che inte suaze de presentazion al cjantarà e al sunarà, pescjant sei dal so repertori che dal so lavôr di ricercje e di reinvenzion fat intor dal cjant popolâr furlan.

“La mia lingua suona…IN TOUR” al partìs dal Salon dal Libri di Turin

logosalone

Domenie ai 19 di Mai, inte suaze dal Salon internazionâl dal libri di Turin, si presente Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock. L’apontament al è a tacâ des 10.30, li de Sale Arancio dal centri dal Lingotto.

I contignûts dal libri di Marco Stolfo, dât fûr de associazion Lidrîs e Butui, col jutori e cul patrocini de Provincie di Turin, a vignaran frontât intun incuintri dal titul di “Creatività, suoni, ritmi e diritti”, là che i temis gjenerâi dal Salon si incrosin cu lis cuistions che a tocjin la produzion musicâl tes lenghis minorizadis de Europe, la storie, i dirits linguistics e la tutele des minorancis.

A son previodûts i intervents di Marco D’Acri, assessôr pe culture de Provincie di Turin, Giorgio Olmoti, gjornalist, scritôr e colaboradôr di Radio Onde Furlane, e Valter Colle, etnomusicolic e editôr (Nota Music). Al sarà presint ancje l’autôr.

La presentazion li dal Salone e scree il cicli di apontaments dal titul “La mia lingua suona…IN TOUR”, che al cjape dentri une schirie di incuintris, promovûts de associazion Lidrîs e Butui, là che e vignarà presentade chê stesse publicazion o si fevelarà di altris argoments che a tocjin la creativitât tes lenghis minorizadis, la tutele dai dirits linguistics e la promozion de diversitât culturâl.

La mia lingua suona…IN TOUR” al ven metût adun simpri cul col jutori e cul patrocini de Provincie di Turin e cu la colaborazion operative di altris sogjets publics e privâts.

In zonte une presentazion par talian dal incuintri di domenie:

CREATIVITÀ, SUONI, RITMI E DIRITTI
Il 19 maggio al Salone del Libro di Torino si presenta “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock” di Marco Stolfo. Appuntamento alle 10.30 in Sala Arancio

CoverOccitaniaJPG

Domenica 19 maggio, con inizio alle 10.30, in Sala Arancio, nell’ambito del Salone internazionale del Libro di Torino, è in programma un incontro dedicato alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa. Si tratta di “Creatività, suoni, ritmi e diritti”, appuntamento nel quale sarà presentata la pubblicazione di Marco Stolfo, Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock.

Il libro di Marco Stolfo, pubblicato dall’associazione di friulani in Piemonte, Lidrîs e Butui, con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, offre un’approfondita ed organica esplorazione delle realtà occitana e friulana, dalla fine degli anni Sessanta ad oggi, e le collega e le confronta con quelle che si sono sviluppate altrove. Accanto alla musica contemporanea in lingua d’oc e al Friuli che canta e suona in friulano, sloveno e tedesco, il volume presenta una ricca panoramica di lingue, suoni, ritmi e artisti, dalla Sardegna, al Paese Basco, dalla Corsica alla Bretagna, dal Galles ai Paesi Catalani, dalle Asturie sino a Scozia e Frisia, ai sami del circolo polare artico e ai grecanici e agli albanesi dell’Italia meridionale.

Il tutto avviene con un approccio multidisciplinare, che comprende musica, storia, politica, società, diritti linguistici, letteratura e tutela delle minoranze. Il volume dà conto di una ricerca basata su diverse fonti, tra cui una serie di interviste con esponenti del panorama musicale occitano e friulano, come Sergio Berardo, Moussu Tatou, Lino Straulino e gli Arbe Garbe, e con altri esperti e musicisti sardi, bretoni, baschi, catalani, ladini, sloveni, frisoni e albanesi, a partire da Alan Stivell e Fermin Muguruza, protagonisti della tavola rotonda virtuale che costituisce la terza sezione del libro.

La pubblicazione comprende anche un cd audio, con una selezione della musica occitana e friulana più “forte” degli ultimi vent’anni, in cui figurano, tra gli altri, brani di Lou Dalfin, Lou Seriol, Gai Saber, Massilia Sound System, Moussu T e Lei Jovents, Madrac, Dek ill Ceesa, R-esistence in Dub, Arbe Garbe e Pantan.

All’incontro in programma al Lingotto sono previsti gli interventi di Marco D’Acri, assessore alla cultura della Provincia di Torino, Giorgio Olmoti, giornalista, scrittore e collaboratore di Radio Onde Furlane, Valter Colle, etnomusicologo ed editore (Nota Music). Sarà presente anche l’autore.

La presentazione al Salone inaugura il ciclo di appuntamenti dal titolo “La mia lingua suona…IN TOUR”, che prevede una serie di incontri pubblici, promossi dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino e la collaborazione operativa di altri soggetti pubblici e privati, dedicati alla stessa pubblicazione e ad altre tematiche connesse con la creatività nelle lingue minoritarie e con la tutela dei diritti linguistici e la promozione della diversità culturale.

La partecipazione all’incontro è gratuita per tutti i visitatori del Salone.