Narative popolâr, lenghis e teritoris. Cu la associazion KLARIS, Friûl e Europe si dan dongje te Biblioteche di Felet

leuropa_batte_klaris_5_loc_felet_def

Si clame Friûl_Furlanija_Friaul_Friuli, l’Europa batte dove la lingua duole. Identitât, autoguvier, teritori e citadinance europeane e  citadinance europeane e al è un progjet che al met dongje diviersis ocasions di cognossince e di riflession sul pluralisim linguistic e culturâl, sui dirits linguistics, su la citadinance europeane e su la relazion tra unitât europeane, diversitât culturâl, partecipazion civiche e autonomiis teritoriâls.

La iniziative e je de associazion di promozion sociâl e culturâl KLARIS, sodalizi nassût a Udin cun chê di fâ ativitâts tai setôrs des culturis, des lenghis, de agregazion, de ricercje, de integrazion e de solidarietât.

Il progjet, che al ven fat ancje cuntun contribût de Provincie di Udin e cu la colaborazion di altris sogjets publics e privâts, al met dongje dôs tipologjiis di intervent. La prime e je chê des trasmissions radiofonichis tematichis dal titul Friûl_Furlanija_Friaul_Friuli, l’Europa batte dove la lingua duole, che vie pal mês di Otubar a an cjatât spazi dentri de programazion di Onde Furlane e che si cjatin ancje tal archivi web de «radio libare dai furlans». La seconde e je une serie di incuintris publics, inmaneâts te zonde di Udin tra Dicembar 2016 e Fevrâr 2017.

biblio-felet

Juste doman, ai ai 16 di Fevrâr a 5 e mieze sot sere li de Biblioteche di Felet, si fevelarà des conessions tra Friûl e Europe intune maniere particolâr, ven a dî cul lâ daûr dai temis e dai personaçs de narative popolâr.

Il pont di riferiment pe discussion su chescj argoments al è Tieris Antighis, Peraulis Incjantadis, un progjet editoriâl, che al è stât metût adun de associazion Lenghis dal Drâc – Amîs di Onde Furlane cul jutori de ARLeF, propit cun chel intindiment.

Tal apontament di Felet, inmaneât cu la colaborazion dal Assessorât pe Culture dal Comun di Tavagnà, si fasarà la presentazion dai contignûts di chei trê libris, che a son il risultât de colaborazion tra Carli Pup, che al à metût dongje i tescj e ju à adatâts e voltâts là che al coventave, Guido Carrara e Lussia di Uanis, che a àn fatis lis ilustrazions, Giulia Spanghero, che e je stade daûr de grafiche, e Aida Talliente e Michele Polo, che a àn fat lis leturis regjistradis tai cd in zonte des publicazions.

Ogni volum al ten dongje dôs contis compagnadis di une schede di aprofondiment dedicade a lenghis, teritoris e argoments de narazion. Tal prin libri, Il re che al duar, a ‘nd è une dal Gales e une slovene, tal secont – Il frut scambiât – al è un confront tra Scozie e Friûl e tal tierç, che il so titul al è La nuvice incjantade, a son une conte basche e une furlane.

tieris_c

A Felet chei argoments a vignaran frontâts propit di Carli Pup, il curadôr di Tieris Antighis, Peraulis Incjantadis, editoriâl, intune conversazion cul gjornalist e ricercjadôr Marco Stolfo.
A son proviodûts ancje i intervents de Assessore pe Culture dal Comun di Tavagnà, Ornella Comuzzo, e de presidente deassociazion di promozion sociâl e culturâl KLARIS, Dorota Stromidlo.

La partecipazion al apontament e je libare e sore nuie.

Altris informazions in cont di KLARIS e di chest progjet si cjatin in rêt.

Advertisements

Al tache il Salon dal libri di Turin e al è alc di babelic. Isal ancje alc di furlan?

salondallibri

Si scree vuê la edizion numar XXIX dal Salon internazionâl dal libri di Turin. Daûr di une lungje tradizion, la citât – massime sui gjornâi, par radio e par television – e somee jessi dute cjapade dal event.

Il program al è strafont di robis, di apontaments e di events di ogni sorte. Cualchidun al à provât a segnalâ cualchi iniziative in particolâr. Si cjatìn avonde in cunvigne cun chescj sugjeriments achì, cun dut che nus interesse ancje alc altri che par solit no i ven fate masse publicitât.

Cun di fat, come par solit o larìn a cirî se, tra libris, cjasis editoris e apontaments cui autôrs, si cjate ancje alc di Friûl e di furlan.

Za une setemane indaûr la Regjon Friûl-VJ e à dât fûr un comunicât che al presente il so stand, i siei espositôrs e lis sôs iniziativis promozionâls. Daûr di ce che si lei achì al somee pardabon dificil cjatâ alc che al sedi pardabon furlan.

prinselhon

La impression e je sù par jù chê stesse che si à vude in ocasion dal cuarantesin inovâl dal taramot, cun Vençon, Glemone e Udin imbandieradis compagn che a fossin daûr a memoreâ i 4 di Novembar dal 1918 e no i 6 di Mai dal 1976 e cul president Mattarella che tes ocasions publichis al è stât chel che al à fevelât di plui par furlan, cundut che plui di cualchidun al sperave alc di diferent de bande dai sindics e di chei altris sorestants “nostrans” (cjatant une rispueste une vore parziâl tal salût plurilengâl dal President dal Consei regjonâl e inte citazion di pre Checo Placerean fate dal Sindic di Udin: alc al è alc???).

Ma magari, lant a cjalâ plui di dongje, forsit si rivarâ a cjatâ di plui interessant e vivarôs.

Par sigûr al promet alc di plui il dopomisdì di sabide ai 14 di Mai alì dal pavilion dedicât aes Lingue Madri, la che di 2 e mieze a 4, par iniziative di Chambra d’Óc , a saran un resonament su la tutele des minorancis linguistichis tal Stât talian, la presentazion de edizion di chest an dal Premio Ostana. Scritture in lingua madre e chê di Lo Prinselhon, la version par francoprovençâl dal innomenât Le Petit Prince di Antoine de Saint Exupery, dât fûr de cjase editore sarde Papiros.

corse_mattei

Di chel apontament si veve za fevelât su lis frecuencis di Onde Furlane dentri de pontade di Babêl Europe lade in direte ai 3 di Mai (e in repliche ai 4).

Chê trasmission, dedicade plui in gjenerâl ae musiche di lei, cu lis segnalazion di libris tant che La Corse… et ma guitare. Une histoire passionnée de la musique corse di Jean Mattei, Rockmeria. Un repasu a la música popular del Sieglu XX 
dal asturian Xune Elipe e Rockarbëresh di Demetrio Corino de Peppa Marriti Band, si pues tornâ a scoltâle in rêt.

Cence dismenteâ che juste trê agns indaûr, propit alì dal Lingotto, e jere stade fate la prime presentazion de publicazion etitade di Lidrîs e Butui,  Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock .

CoverOccitaniaJPG

A Turin (21/11) e a Moncalieri (22/11), La mia lingua suona…IN TOUR

CoverOccitaniaJPG

Doi dîs, trê apontaments. Ai 21 e ai 22 di Novembar il program di incuintris dal titul La mia lingua suona…IN TOUR al tocje ancjemò Turin – Tesoriera e Mirafiori – e al rive ancje a Moncalieri.

Ogni incuintri al à une sô specificitât: dal puest al program e fintremai ai siei protagoniscj.
Di no pierdi.
Par savê ce che al sucêt, al baste dâ un cuc al comunicât di presentazion che si cjate achì…

cropped-leb3.jpg

LA MIA LINGUA SUONA…IN TOUR
Continua il viaggio di Lidrîs e Butui tra lingue, musiche e visioni babeliche
Nuove presentazioni di “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”
Due giorni e tre appuntamenti a Torino (21/11) e a Moncalieri (22/11)

Prosegue anche a novembre La mia lingua suona…IN TOUR, il ciclo di incontri pubblici di presentazione del libro Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo e più in generale dedicati a creatività nelle lingue minoritarie, tutela dei diritti linguistici e promozione della diversità culturale.

Per questo mese la manifestazione, promossa dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, prevede tre appuntamenti in due giorni, realizzati anche con la collaborazione operativa delle Biblioteche civiche della Città di Torino, della Fondazione Mirafiori, della Biblioteca Civica di Moncalieri “A. Arduino” e del locale Assessorato alla cultura e al turismo.

tesoriera

Giovedì 21 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica musicale “A. Della Corte” di Torino (La Tesoriera, corso Francia 186) è in programma l’incontro dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR alla Tesoriera. Al centro dell’incontro saranno proprio i contenuti di Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo, pubblicazione dedicata alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa, che descrive l’evoluzione della produzione musicale in occitano e in friulano negli ultimi decenni,ne illustra il contesto storico, geografico, culturale, linguistico e politico, e rende conto della relazione tra musica e lingua, questioni identitarie, rivendicazioni sociali, multiculturalità, sviluppo sostenibile e diritti linguistici e collega il Friuli e le terre “d’Óc” con altre realtà d’Europa.
Nell’occasione Lorenzo Siviero, coordinatore nazionale di ARCI ReAL (Rete ARCI Live), e l’autore del libro proporranno un viaggio virtuale tra storie, parole, suoni e visioni, dall’Occitania al Friuli e dalla Sardegna al Paese Basco, dal Galles alla Grecìa Salentina, dalla Corsica alla Bretagna, dai Paesi Catalani ai Sami del circolo polare artico.
L’incontro ad ingresso libero prevede anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte. Tra queste le immagini e i suoni del concerto dei Lou Dalfin a Borgo San Dalmazzo il 3 novembre 2012, ripreso da Remo Schellino per Musicalista, e del film JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini, documentario che racconta l’avventura umana e musicale della rockband friulana JoNoKognòs e la sua partecipazione al festival europeo Liet International a XiXón/Gijon nelle Asturie un anno fa.

CSlamialinguasuonaintourTESORIERAokweb

LAMIALINGUA_TESORIERA_2111013ok

jnk

L’appuntamento previsto per giovedì 21 novembre alle 21, presso la Casa nel Parco (Via Panetti/Via Artom, Parco Colonnetti), è centrato proprio sulla produzione audivisiva nelle lingue minoritarie. L’incontro, dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR. Visioni babeliche a Mirafiori, incontro dedicato alla creatività nelle lingue minoritarie d’Europa ed in particolare a musica e produzione audiovisiva.
Presso la casa del quartiere di Mirafiori Sud ci sarà la proiezione la proiezione di tre opere cinematografiche caratterizzate dall’uso creativo e contemporaneo di lingue in condizioni di minoranza come il friulano e il sardo. Si tratta di Bentu, cortometraggio in lingua sarda di Tore Cubeddu, tratto dal racconto Il vento di Antonio Cossu, di Farcadice-Diari di Viaç: Charleroi, documentario sull’emigrazione friulana in Belgio di Luca Peresson e Carlo  Della Vedova e della versione integrale di JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini.
I film, in sardo e in friulano, sono sottotitolati in italiano.

CSlamialinguasuonaintourMIRAFIORIokweb

LAMIALINGUA_MIRAFIORIloc_2111013ok

logobibliomoncalieri

Venerdì 22 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica “A. Arduino” di Moncalieri (via Cavour, 31) è in programma La mia lingua suona… IN TOUR. The Moncalieri Session.
In questo caso i contenuti del libro di Marco Stolfo saranno discussi, insieme all’autore, dal direttore di Radio Flash, Gianluca Gobbi, dalla direttrice della Biblioteca di Moncalieri, Giuliana Cerrato, e dall’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Moncalieri, Francesco Maltese. Interverrà anche l’assessore alla cultura e al bilancio della Provincia di Torino, Antonio Marco D’Acri.
Saranno presentate anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte.

CSlamialinguasuonaintourMONCALIERIokOKweb

LAMIALINGUA_MONCALIERI_2211013ok rivisto

I tre incontri sono ad ingresso libero.

“Il Tratât di Lisbone”, a Udin ai 8 di Mai la Europe in biblioteche

cuvierteLisbone

Ai 8 di Mai a Udin, inte suaze dai “Dialics in Biblioteche”, si fevele di Europe e di Friûl in Europe. A sîs sot sere li de Sezion Moderne de Biblioteche civiche “V. Joppi” la Fieste de Europe (l’inovâl de innomenade “Declarazion Schuman” dai 9 di Mai dal 1950) e ven memoreade cu la presentazion di Il Tratât di Lisbone. Argoments e documents pe integrazion europeane.

La publicazion, che e je stade dade fûr timp indaûr deCasa per l’Europa” di Glemone, e fâs indenant ancjemò une volte la ocasion par fâ  une riflession su la Europe che e je e su chê che e mancje, propit intant che il 2013 al è stât proclamât l’An european dai citadins, a vincj agns de introduzion de cittadinance europeane cu la jentrade in vore dal Tratât di Maastricht.

Dai contignûts de publicazion e dai argoments che a tocjin la atualitât dal procès di integrazion europeane a fevelaran Silvio Moro, President de “Casa per l’Europa”, Renato Damiani, Vicepresident di chê stesse associazion di Glemone e autôr di un dai saçs che si cjatin tal libri, Elena Anziutti, colaboradore de Casa per l’Europa di Gemona e ancje jê autore di un cjapitul dal volum, e Marco Stolfo, ideatôr e curadôr de opare.

Il Tratât di Lisbone. Argoments e documents pe integrazion europeane al ten dongje un libri bilengâl (par furlan e par talian) e un cd intes cuatri lenghis de regjon: furlan, sloven, todesc e talian.

Il volum si vierç cui intervents di Silvio Moro, Roberto Molinaro (Assessôr regjonâl ae istruzion cuant che la publicazion e je stade dade fûr) e Lucio Battistotti (Diretôr de Rapresentance in Italie de Comission europeane), e al è struturât in cinc sezions tematichis.
La prime e je dedicade al Tratât di Lisbone. Chest argoment al ven frontât di Claudio Cressati, che al insegne li de Universitât dal Friûl e al è President de Academie europeiste dal Friûl-VJ, e di Renato Damiani.
Inte seconde la atenzion e je concentrade su tutele des minorancis e integrazion continentâl – cuntun articul di Marco Stolfo, che al è dotôr di ricercje in Storie dal federalisim e de unitât europeane – e su cooperazion trasfrontaliere, Euroregjons e Grups europeans di cooperazion teritoriâl, cui contribûts di Marco Stolfo e Leopoldo Coen de Universitât dal Friûl.
Giorgio Grimaldi, che al insegne storie des relazions internazionâls li de Universitât de Val di Aoste, al vierç la tierce sezion cun doi contribûts, dedicâts aes politichis europeanis sul ambient e su la energjie. Le complete Elena Anziutti, che e fâs il pont de situazion su lis politichis indreçadis a favorî informazion, mobilitât e citadinance ative dai zovins.
La cuarte sezion e je di caratar storic e e tocje la ativitât dai moviments federaliscj e europeiscj de Italie (articul prontât di Paolo Caraffini de Universitât di Turin), il rapuart tra i partîts e i moviments nazionalitaris e regjonaliscj e la integrazion europeane – cuistion frontade di Marco Stolfo – e i risultâts e lis prospetivis dal cuint slargjament de Union europeane a Est e a Sud, teme ilustrât di Lara Piccardo de Universitât di Gjenue.
La publicazion si siere cuntune serie di schedis informativis dedicadis a associazions e istituzions che, compagn de Cjase pe Europe di Glemone, a son impegnadis inte promozion de cognossince e de cussience europeane intal teritori dal Friûl-VJ.

Il cd-rom zontât al è complementâr aes pagjinis dal volum, no dome pe forme multilengâl, ma ancje pal contignût multidissiplinâr.
Par ognidun dai argoments frontâts intes sezions dal libri, di fat, e je metude a disposizion une selezion di fonts documentâls e bibliografichis e di colegaments cun pagjinis o sîts internet di interès specific.
Riferiments e links a son organizâts par aree tematiche e a son colegâts ai ristrets dai contribûts publicâts intal volum.

La Tore (Torre Pellice), SOS Biblioteca delle Resistenze

LEVI-Resistenze

La Biblioteca delle Resistenze, sezion distacade de Biblioteche comunâl “Carlo Levi” di La Tore (Torre Pellice), e je in pericul. Lu fâs savê la sezion locâl de Anpi, che ancjemò timp indaûr e veve dât fûr un apel che al sune tant che un SOS.
Cemût che si lei ancje sul sît di Radio Beckwith Evangelica, ni il Comun ni chês altris aministrazions dal teritori a àn lis risorsis finanziariis che a coventin par slargjâle e par meti a norme i siei locâi par ce che al tocje la sigurece.

Par chest lis volontariis e i volontaris de Biblioteche, adun cu la sezion de Anpi, si son metûts in moviment cun diviersis iniziativis, comprendude une sotscrizion.