Furlan in Rai. Forsit e je la pussibilitât di rivâ a fâ un (piçul) pas indenant

Dôs setemanis indaûr in Friûl si à tornât a fevelâ di furlan in Rai. La ocasion e je stade chê di doi incuintris di caratar politic e istituzionâi in cont di chê che e sarà la gnove convenzion jenfri la Presidence dal Consei dai ministris dal Stât talian e la Rai, che e tocje la ativitât de sede regjonâl par Triest e pe plui part dal Friûl.

Al è saltât fûr che si proviôt di incressi il numar di oris di radiofonie in lenghe furlane – che pal moment a son novante, une vore pocjis – e soredut chel des trasmissions televisivis par furlan, che par cumò di fat no esistin. Par chel si impegnaran plui risorsis di chês dopradis fin cumò (che a son 200mil euros ad an): al è cui chel al à dit che a saran sù per jù 800mil.
Cualchi sorestant al à fat declarazions altitonantis, che a son stadis cjapadis sù de plui part dai media cence masse atenzion e cence nissun aprofondiment.

Ator pe rêt si son lets ancje i coments di uns pôcs di lôr, tra disincjant (“si fevele di furlan in Rai di passe vincj agns, la legjislazion di tutele no je stade ancjemò metude in vore e ancje in cheste ocasion al è pericul che a sedin dome cjacaris…”) e sperance rassegnade (“alc al è alc, nuie al è nuie”…). Si puedin capî dutis chestis posizions, ancje se in realtât l’ategjament al varès di jessi un altri: ni depression e nancje esaltazion.

Lu sclarìs ben l’articul di Marco Stolfo che al è jessût ai 4 di Mai sul Messaggero Veneto, là che in particolâr a vegnin fatis indenant propuestis e osservazions.
Magari cussì no, par vie di un erôr di composizion tipografiche, chel articul al è saltât fûr cu la firme di un innomenât pitôr e cuntun titul che al fevelave di art e di pandemie.
Al è probabil che par chel tancj di lôr, che magari lu varessin let vulintîr, probabilmentri no son incauarts nancje de sô publicazion. Cussì, in cunvigne cul autôr, o tornìn a publicâlu culì.

  monoscopiorai

Un piccolo passo in avanti, forse. La questione della (mancata) garanzia della presenza di trasmissioni informative e di intrattenimento in lingua friulana nella programmazione radiotelevisiva regionale della Rai sembra essere vicina ad una soluzione, sebbene assai parziale e limitata. È quanto emerge dall’esito di due incontri in videoconferenza che si sono tenuti il 24 e il 27 aprile.

Al primo hanno preso parte due esponenti del M5S (il deputato Luca Sut e il consigliere regionale Mauro Capozzella), il presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana e sindaco di Valvasone Arzene, Markus Maurmair, e il direttore delle Relazioni istituzionali Rai, Stefano Luppi. Al secondo, convocato d’urgenza dal Corecom del Friuli-VG alla luce dell’imminente scadenza dell’attuale convenzione tra il Dipartimento Informazione Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Rai riguardante la sede regionale della concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, l’assessore regionale per le lingue minoritarie, Pierpaolo Roberti, il direttore generale di Rai Corporate, Alberto Matassino, e il direttore delle sede regionale, Guido Corso.

In entrambi i casi si è parlato di friulano in Rai, nel quadro della nuova convenzione riguardante la sede regionale, che dovrebbe essere perfezionata prima dell’estate per avere attuazione a partire da ottobre. A quanto pare, sarà finalmente formalizzato un minimo di continuità dell’offerta televisiva in lingua friulana e ne sarà incrementata la presenza alla radio, tuttavia al momento non ci sono dati certi circa le ore di trasmissione e le risorse finanziarie destinate a tal fine. Sarà inoltre valorizzata la produzione “interna” alla sede regionale ed è prevista una commissione Governo-Regione-Rai, chiamata a approfondire e valutare concretamente i contenuti della convenzione stessa.

Con la consapevolezza che, pur nella migliore delle ipotesi, saremo ancora lontani dall’effettiva attuazione della legge statale di tutela delle minoranze linguistiche (la L. 482/1999) in questo ambito, e prendendo atto dell’efficacia dell’azione dell’Assemblea della Comunità linguistica friulana, che coerentemente con le sue finalità istituzionali ha riportato in auge un tema che riguarda i diritti dei cittadini e la qualità e l’efficacia di un fondamentale servizio pubblico, ci permettiamo di suggerire a chi di dovere di intervenire affinché la nuova convenzione sia veramente “un buon inizio”.

Ciò significa, in primo luogo, chiedere ed ottenere che con la nuova convenzione sia creata una struttura formalmente dedicata alla radio e alla tv in lingua friulana. Ad oggi quel poco di friulano presente in Rai dipende dalla struttura di programmazione in lingua italiana: tra forma e sostanza, è un po’ come se una macelleria fosse responsabile del cibo per vegetariani e vegani.

Un altro aspetto riguarda la qualità del servizio e le prospettive occupazionali con la selezione ed il riconoscimento delle professionalità specifiche di chi opera in questo campo, soprattutto se – come è giusto ed auspicabile – la nuova offerta radiotelevisiva prevede anche spazi informativi. Per tutto ciò, ovviamente, servono risorse adeguate.

L’avvio di una “vera” programmazione tv in lingua friulana, infine, può contribuire a rafforzare e valorizzare Raitre Bis, che grazie al digitale terrestre ormai copre l’intera regione e potrebbe così offrire, con continuità e varietà, un effettivo palinsesto multilingue, regionale e transfrontaliero, eventualmente sviluppato anche in collaborazione con le tv pubbliche di Austria e Slovenia.

Lenghe furlane, aministradôrs a scuele di tutele (dai 7/11 ai 6/12)

La tutele de minorance linguistiche furlane e je alc di impuartant par ducj cuancj, tant che garanzie di dirits fondamentâi, promozion dal patrimoni culturâl, jutori pe coesion sociâl e fintremai risorse in cjamp economic. Par chel al è ben e e al conven che i aministradôrs dai ents teritoriâi dal Friûl a’nt vedin plene cussience, in maniere di davuelzi inte maniere miôr la lôr ativitât istituzionâl e politiche.

Juste cun chê di incressi lis cognossincis e duncje la cussience in cont di cheste cuistion de bande di sindics, assessôrs, conseîrs e funzionaris publics, la Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane (ACLiF), che e je l’organisim di rapresentance dai comuns furlanofons de Regjon che e ten dongje la massime part dal Friûl cun Triest, e je daûr a inmaneâ une iniziative formative di pueste adun cul il Centri interdipartimentâl pal disvilup de lenghe e de culture dal Friûl (CIRF) di chê che nus plâs clamâle Universitât dal Friûl .

Chel che al è stât presentât ai 26 di Otubar a Udin al è un cors di formazion, indreçât in maniere prioritarie ai aministradôrs e ai dipendents publics, ma viert a ducj chei che a àn voie di savê alc di plui di une cuistion che e je cetant impuartante e che però, magari cussì no, e je cognossude e capide ancjemò masse pôc e par chel e ven frontade masse dispès cun superficialitât o lant daûr di prejudizis e mistificazion.

Il cors al fronte la cuistion de suaze teoriche (minorancis, tutele e dirits) e de normative statâl e regjonâl di riferiment fintremai aes politichis linguistichis e duncje ae lôr planificazion e ae lôr metude in vore concrete e al è struturât in dôs lezions, che si davuelzaran in diviersis localitâts dal Friûl vie pai mês di Novembar e di Dicembar cun chest program: a Tresesin (Municipi, Sale Consiliâr, place Ellero 1), joibe ai 7 e ai 28 di Novembar; a Caprive (Centri Civic di place Vitorie 1), vinars ai 8 di Novembar e ai 22 di Novembar; a Palme (Municipi, Sale Consiliâr, place Grande 1), joibe ai 14 di Novembar e ai 5 di Dicembar; a Tumieç (Municipi, Sale Consiliâr, place XX Setembar), vinars ai 15 e ai 29 di Novembar, a Spilimberc (Sale Consiliâr di Palaç Disore, plaçute Tiepolo 1), joibe ai 21 di Novembar e vinars ai 6 di Dicembar.
Ducj i incuintris a vegnin fats di 6 a 9 sot sere.

La partecipazion e je libare e sore nuie. Par savênt di plui e par notâsi (lis iscrizions a vegnin cjapadi sù dentri dai 6 di Novembar) al covente metisi in contat cul CIRF ai numars di telefon 0432 556480 e 0432 556486 e ae direzion di pueste eletroniche cirf@uniud.it.

PS. Il cors al tache juste pôcs dîs dopo che il Consei regjonâl dal Friûl-VJ al à fat bon un disen di leç prontât de Zonte che al savolte la normative di tutele de minorance linguistiche furlane (L.R. 29/2007) e che magari cussì no, se no si rive a intervignî par dreçâ la situazion, al fasarà dams grandonons a lenghe e dirits.

E rive la App dal Grant Dizionari. La lenghe furlane a puartade di man

Il Grant Dizionari Bilengâl talian-furlan (GDBtf)  cumò al è ancje a puartade di Iphone, Ipad, tablet e smartphone. In graciis di une gnove aplicazion volude de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e disvilupade dal CLAAP (Centri di Linguistiche Aplicade ‘Agnul Pitane’) si podarà consultâ il GDBtf no plui dome midiant dai volums di cjarte, dai cds o dai computers, ma ancje cui struments tecnologjics mobii iOS e Android.

La App dal GDBtf si pues discjamâle a gratis. Cussì, a puartade di man, e je la pussibilitât par ducj di vê un acès diret ai miârs e miârs di lemis contignûts intal GDBtf, publicât intal 2011 e po ancjemò inzornât e inricjît. Cun di plui, e je stade rinovade ad implen ancje la grafiche, juste cun chê di permeti une leture plui semplice e svelte cun ducj i struments.

La fruizion dal GDBtf midiant de App e deventarà ancjemò plui pronte propit cul doprâle, par vie che plui che si lu consulte e plui il program si sveltìs, stant che al memorize – volte par volte – ducj i lemis cirûts.

Cu la App, in maniere periodiche, si varan ancje i inzornaments e lis informazions su lis ativitâts de ARLeF in cont des azions e des iniziativis a pro de difusion de lenghe furlane e dal ricognissment concret dai dirits linguistics dai furlans.

La App e je stade presentade îr a Udin, tal palaç de Regjon, cui intervents dal president de ARLeF, Lorenzo Fabbro, dal president dal CLAAP, Luca Peresson, e dal president de Comission culture dal Consei regjonâl, Vincenzo Martines.

Tal so intervent Fabbro al à marcât che «Lis lenghis si evolvin, tant che la societât contemporanie, e ancje i struments linguistics a scuegnin par necessitât stâ al pas cui cambiaments e cu lis dibisugnis gnovis che a saltin fûr. Chest al sucêt ancje pal furlan e pai struments che a permetin di doprâlu in maniere normâl e moderne.

Martines al à ricuardât che propit lis minorancis linguistichis e la lôr tutele a son par sigûr une des fondis de autonomie speciâl de Regjon Friûl-VJ e al à palesât il so preseament pe App, che in chel istès e je un strument che al zove ae difusion de lenghe furlane e une rapresentazion concrete de vision strategjiche e che e sta daûr de politiche linguistiche metude in vore tai ultins agns.

Par Peresson, che al à mostrât lis funzions e lis potenzialitâts de aplicazion,«Cun cheste app il furlan al è ancjemò plui dongje de int, compagn di dutis chês altris lenghis dal mont». Par chel, al à zontât, «events di cheste fate, pluitost che jessi “celebrâts”, a varessin di jessi calcolâts propit tant che un fat normâl».

La Assemblee de Comunitât linguistiche furlane si da dongje a Udin ai 4 di Fevrâr

bandiere_friul

Di passe un an e mieç la comunitât linguistiche furlane te regjon Friûl-VJ e à une sô rapresentance istituzionâl e teritoriâl unitarie: si clame Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane. Ce ise? E je un organisim che al ten dongje i rapresentants dai comuns là che e je presinte la minorance linguistiche furlane cun chê di promovi e mantignî la sô coesion teritoriâl, sociâl e economiche e di disvilupâ la sô identitât linguistiche e culturâl.

Chê de costituzion des Assembleis di comunitât linguistiche – une pai furlans, une pai slovens e une pai todescs che a son te regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest – e je une des previsions plui interessantis de Leç regjonâl dal Friûl-VJ n. 26 dal 2014, che e rivuarde la riorganizazion dai ents locâi tal teritori regjonâl.

In cont di chê leç, no dome vie pe sô discussion tal Consei regjonâl ma ancje dopo de sô aprovazion, al è ancjemò un dibatiment viert e une vore cjalt. Propit par chel la sô metude in vore, cu la creazion des cussì clamadis ‘Unions teritoriâls intercomunâls’ (UTI) e il passaç di competencis aministrativis des Provinciis, che a vegnin sieradis, ae Regjon e a chestis gnovis entitâts, e va indenant cun diviersis dificoltâts.

assemblee_comunitaat_furlan_2015

In chest contest, il fat che za de metât dal 2015 e esisti la Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane, che di chê a fasin part za centedoi dai centesetantecinc comuns de regjon là che e je ricognossude in maniere formâl la presince de minorance linguistiche furlane, al è par sigûr alc di positîf.
La situazion e sarès ancjemò miôr se a fossin bielzà ancje chê altris dôs Assembleis – chês des comunitâts slovene e todescje – e se ducj i comuns furlans a vessin dât la lôr adesion al gnûf organisim, ma chest nol è sucedût propit par vie che diviers aministradôrs locâi, che magari a son ancje a pro de Assemblee, i àn fat cuintri al implant complessîf de cussì clamade riforme dai ents locâi, e par chel a àn metût «te glacere» la partecipazion dai lôr comuns a cheste istituzion.

Di cuant che i prins cincuantesiet comuns fondadôrs le àn screade cu la prime sentade tal Salon dal Parlament de Patrie dal Friûl dal Cjistiel di Udin ai 15 di Lui dal 2015, la Assemblee e à tacât a dâi vôs ae comunitât furlane, cul palesâ critichis e osservazions in cont de leç eletorâl e des riformis dal servizi public radiotelevisîf e de editorie, cu la partecipazion dal so president al Consei des autonomiis locâls dal Friûl-VJ e cul sburtâ i vertiçs regjonâi a meti in vore di plui e miôr la autonomie speciâl de Regjon e la tutele des minorancis.

Doman, sabide ai 4 di Fevrâr, a Udin, e sarà la sentade plenarie de Assemblee, che la sô fuarce e diven de rapresentativitât e dal snait dai sindics che, propit a tacâ dal bas, des comunitâts locâls e de int, a àn cjapât sù la iniziative di meti in vore chê specifiche prevision de Leç regjonâl n. 26 dal 2014.

L’incuintri, te Sale Ajace dal Municipi, al è public.

lengate1

‘Friûl@Europe’. Ai 11 di Dicembar a Udin si fevele di lenghis, dirits e creativitât

Friuul@EuropeIMG

Une gnove ocasion par fâ il pont de situazion su lenghis, dirits e tutele, tra Friûl e Europe. E je chê che e ven ufierte di Friûl@Europe. Lenghis, dirits, creativitât e promozion dal teritori, la cunvigne che si davuelzarà alì de Universitât dal Friûl inte buinore dai 11 di Dicembar.

L’apontament al è a tacâ di 9 e mieze te Sale Florio, in bande de sede dal Retorât dal Ateneu furlan (v. Florio 1, Udin), là che si daran dongje rapresentants des comunitâts di lenghe furlane, slovene e todescje de regjon Friûl-Vignesie Julie e esperts e operadôrs che a fasin part di istituzions e di altris organizazions e entitâts che a son espression di diviersis minorancis e nazionalitâts in Europe.

foto_uniud

Al sarà un confront tra personis che a lavorin tal cjamp de promozion des lenghis minoritariis e in chel dai media e de organizazion di events e di ativitâts culturâls e artistichis, che la lôr peculiaritât e je propit chê di fâ riferiment aes specificitâts linguistichis des lôr comunitâts teritoriâls.
Tant a dî: il ‘logos’ – la lenghe – che al devente ‘logo’, une marcje di cualitât e di ricognossibilitât par prodots, servizis e teritoris, intune prospetive di disvilup sostignibil no dome in tiermins economics e sociâi ma ancje par ce che al tocje il rispiet dal ambient, des identitâts e dai dirits linguistics.

Friûl@Europe. Lenghis, dirits, creativitât e promozion dal teritori e je la seconde taule taronde inmaneade inte suaze dal Modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilingualism, Multicultural Citizenship and European Integration) dal Dipartiment di Siencis Juridichis de Universitât dal Friûl, un progjet che al met dongje ativitâts di docence e di ricercje sul rapuart tra integrazion europeane e promozion de diversitât lingusitiche e culturâl, par cure di Claudio Cressati, professôr di Storie des dotrinis politichis, e di Marco Stolfo, dotôr di ricercje in Storie dal federalisim e de unitât europeane.

mumucei_4

La cunvigne si insuaze intal program gjenerâl dal festival Suns Europe e e cjaparà dentri ancje un intervent musicâl dai frisons Marit & Nigel, tra i protagoniscj dal event che si tignarà chê stesse sere alì dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

La partecipazion ae cunvigne e je libare e sore nuie.

Il program complet de taule taronde si pues leilu achì: friuul@europe_program_11-12-15.

Altris informazions ancjemò si cjatin achì:
friul@europe2_suns_def_ITA.

 

Suns Europe: musiche babeliche a Casteddu cun Suns Sardigna, ultime dì de Mostre dal Cine a Udin

suns-sardigna

Al va indenant Suns Europe, il Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis metût adun in Friûl cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Chê di vuê e je la ultime zornade de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion audiovisive e cinematografiche. E je ancje la zornade di Suns Sardigna, il festival de cjançon in lenghe minoritarie de Europe alpine e mediteranie che si davuelç usgnot a Casteddu/Cagliari.

La serade di Casteddu si pues scoltâle par radio su Onde Furlane (sui 90 Mhz inte plui part dal Friûl e su internet ae direzion http://www.ondefurlane.eu) e si pues viodile in rêt su la web tv sarde Eja TV .
Za vuie a buinore al è stât un prin colegament cun Casteddu.
Tor misdì e je ancje al presentazion dal libri Lingue, diritti, cittadinanza/Languages, rights, citizenship.Friuli-Venezia Giulia, Italia, Europa, Mediterraneo .

In spiete de serade si pues scoltâ lis cjançons che a vignaran presentadis sul palc dal Teatro Massimo diretementri achì.

In sardu e par furlan? Mai dire Rai (Ancjemò une volte)

monoscopiorai

Vinars ai 31 di Lui il Senât al veve fat bon il dissen di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public. In chê ocasion i senatôrs e il guvier a vevin dismenteât une altre volte la esistence de Leç 482/1999, i impegns internazionâi che a divegnin de ratifiche de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate daûr de Leç 302/1997, e il fat che la tutele des minorancis linguistichis e je un principi di fonde dal ordenament talian, che al vâl compagn par dutis lis comunitâts.

Îr chel stes dissen di Leç al è rivât ae Cjamare. Si spietavisi che al cambiàs alc, stant che pocjis setemanis indaûr al jere stât presentât un emendament de bande di cuatri deputâts elets in Friûl, che al veve chê di comedâ chê dismenteance, che in realtât e je il spieli di une situazion che e met dongje vecjos prejudizis, ignorance e mancjance di rispiet des leçs, dai dirits e de stesse Costituzion.

Magari cussì no, chel emendament al è stât ritirât e altris, sù par jù compagns, che a jerin stâts fats indenant de bande di diviers parlamentârs elets in Sardegne, no son stâts fats bogns.
Cussì il dissen di leç al continue a fâ fîs e fiastris tra lis minorancis, daûr di une distinzion cence nissune fonde juridiche tra presumudis «minoranze nazionali», che a varessin di valê di plui, e altris «minoranze linguistiche storiche», che a impen a saressin «minorancis di serie B».

Su la cuistion o vevin scrit alc za achì e achì.

In rêt o vin cjatât ancje chest articul che al conte cemût che e je lade ae Cjamare – al è dome un ordin dal dì che al impegne il guvier a fâ alc – e cemût che la cuistion e je stade frontade de bande de plui part dai politics e dai media locâi in Friûl, tant a dî il nuie che al ven fat passâ tant che un grant sucès: Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs.

cjamare

Par completece di informazion, o zontìn ancje il comunicât pe stampe dât fûr di Diego Navarria, sindic di Cjarlins e president de Assemblee de comunitât linguistiche furlane:

Se uno si affidasse solo ai titoli del Messaggero Veneto di oggi potrebbe pensare che finalmente ci sia stata una grande apertura alle trasmissioni in friulano in Rai da parte di Roma.
Purtroppo non è così. La legge di riforma della Rai è passata alla Camera ma senza le trasmissioni in lingua friulana! Questa è la verità!

Contrariamente agli impegni che i deputati friulani si erano pubblicamente assunti dopo la mia denuncia sul silenzio dei nostri senatori, la legge nemmeno menziona la lingua friulana.
I deputati avrebbero dovuto rimediare al testo approvato dal Senato che prevedeva trasmissioni solo in lingua francese in Valle d’Aosta, tedesca e ladina in Trentino -Alto Adige e slovena in Friuli-Venezia Giulia, ma così non è stato.

Si tratta di una grave ingiustizia da parte del parlamento e della maggioranza che la settimana scorsa non ha recepito in commissione l’emendamento correttivo presentato dall’ on. Malisani e poi non ha approvato quello presentato dall’ on. Gigli in aula.

Non ci si può accontentare di aver fatto approvare un ordine del giorno che impegna il governo a provvedere in futuro. La lingua friulana doveva essere in legge avendo la stessa dignità delle altre lingue minoritarie già presenti in RAI, dignità riconosciuta dalla Costituzione, dalle leggi dello Stato e dell’Europa. Perché non è stato fatto? Perchè chi ci rappresenta non pretende il rispetto dei diritti della minoranza più grande presente? E l’amministrazione regionale come si è mossa?

Vi è poi nell’articolo di Davide Vicedomini una brutta affermazione che forse è la madre del mancato inserimento del friulano in RAI da parte della Camera: si parla di differenza nel nostro ordinamento tra minoranze cosiddette “nazionali” e minoranze storiche.

Utilizzare questi termini vuol dire non aver chiaro quanto dispongono le norme, dove questa differenza non esiste, e creare discriminazione tra persone che hanno gli stessi diritti riconosciuti dalla Costituzione. Ora non rimane altro che ricorrere alla Corte Costituzionale.

Diego Navarria
Presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana

Furlan in Rai, presentât un emendament ae Cjamare dai deputâts

monoscopiorai

Cuatri parlamentars elets in Friûl a àn presentât une emendament ae Cjamare par che si corezi il dissen di leç di riforme dal servizi radiotelevisîf public, fat bon dal Senât ai 31 di Lui, in maniere che e vegni metude in vore finalmentri la Leç 482/1999 e che a sedin garantidis pardabon lis trasmissions radiofonichis e televisivis par furlan.
E je une biele gnove e soredut al è alc che, cun rispiet pe Costituzion de Republiche taliane e par chel principi di fonde che si cjate tal so articul 6, al coventave fat.

Viodarìn cemût che e larà indenant la cuistion e se l’emendament al vignarà fat bon, cemût che al sarès just.
Par intant, cjalant la maniere che la stampe e da cont de iniziative dai deputâts, no si pues fâ di mancul di notâ une cierte confusion terminologiche: tra lis «lingue minori», lis «minoranze nazionali» e la contraposizion tra «cosiddette minoranze nazionali» e «minoranze linguistiche storiche».

Probabilmentri, plui che dal emendament, al dipent di cui chel a scrîf sui gjornâi. Cundut achel al merete precisât che no esist nissune contraposizion tra «cosiddette minoranze nazionali» e «minoranze linguistiche storiche», stant che pal ordenament talian a son dutis «minoranze linguistiche» (art. 6 de Costituzion) e, daûr de leç 482/1999, «minoranze linguistiche storiche».

Cun di plui, stant chel la Repubbliche taliane e à ratificât ancjemò tal 1997 la Convenzion quadri pe protezion des minorancis nazionâls, dutis lis «minoranze linguistiche» o
«minoranze linguistiche storiche» si pues calcolâlis, justamentri, «minoranze nazionali».

Propit inte suaze dai impegns cjapâts sù de bande dal Stât talian cun chê ratifiche (Leç 302/1997) si cjate la garanzie di tutele des minorancis – di dutis – ancje tal cjamp dai media e in particolâr dal  servizi radiotelevisîf public.
Par chel il Consei de Europe, cu lis ‘Opinions’ (o ‘Avîs’) prontadis de bande dal Comitât di esperts che al verifiche ogni cinc agns la situazion de metude in vore dai contignûts de Convenzion e soredut cu lis Risoluzions dal so Comitât dai Ministris, al à za marcât in plui ocasions la necessitât che a sedin metûts in vore l’articul 12 de Leç 482/1999 e l’articul 11 dal so regolament di atuazion (DPR 345/2001), che in cont de tutele des minorancis tal servizi radiotelevisîf public a fevelin une vore a clâr.

Al va ben ricuardâ la Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis, firmade ma ancjemò no ratificade de bande dal Stât talian, ma no si pues fâ di mancul di tignî cont di chê altre Convenzion.
E no dome cun chê di fâ di mancul di colâ te vuate de confusion terminologjiche.

Lenghis, dirits, citadinance, Europe. Une cunvigne a Udin ai 6 e 7 di Jugn

20agns

In chel che al è l’an european dai citadins e a pôcs mês dal vincjesim inovâl de adozion de bande dal Consei de Europe de Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis, il Dipartiment di Siencis Juridichis e la catedre Jean Monnet in Guvier e politichis de Union Europeane de Universitât dal Friûl a inmanein la cunvigne internazionâl di studis dal titul Vincj agns di Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis.Lenghis, dirits, citadinance: Friûl-Vignesie Julie, Italie, Europe, Mediterani.

La organizazion e ven fate cu la colaborazion direte de Regjon Autonome Friûl-Vignesie Julie, Direzion centrâl culture, sport, relazions internazionâls e comunitariis, Servizi coregjonâi tal forest e lenghis minoritariis e ancje cul jutori dal PRIN 2008 “La Unione pal Mediterani: viers di un spazi economic integrât”, coordenât de bande dal Ateneu furlan.

La iniziative, che si davuezarà ai 6 di Jugn dal 2013te Sala Gusmani, li de sede deUniversitât di Palaç Antonini a Udin (Vie Petracco 8) e la dì dopo te Sale Pasolini dal Palaç de Regjon di Udin (Vie Sabbadini 31), e vûl jessi une ocasion di confront e di riflession di caratar multidissiplinâr su la tutele des minorancis linguistichis inte regjon Friûl-Vignesie Julie, in Italie, In Europe e tal spazi mediterani, par ce che al tocje la normative e lis politichis ativis dedicadis ae promozion dal ûs des lenghis minoritariis tes scuelis, tai media, te societât e te produzion culturâl.

Une atezion di pueste e vignarà dedicade ae Cjarte, ai siei contignûts, al contest indulà che e je stade cjapade sù, al rapuart tra cheste convenzion e la tutele des minorancis linguistichis in diviers Paîs europeans, ae relazion jenfri lis istancis di garanzie dai dirits linguistics e il procès di integrazion  dal continent e ae dimension europeane e internazionâl de garanzie dal dirit ae lenghe.

A cjaparan part ae cunvigne studiôs e esperts che a lavorin sei inte regjon Friûl-Vignesie Julie che inaltrò tal Stât talian e in Europe (Sardegne, Salento, Trentin, Val di Aoste, Ream di Spagne, Stât francês, Slovenie; Cravuazie e Austrie).

New Spelling (?), Old Bullshit

lengate1

Chê altre dì e je stade dade fûr de bande de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) une note pe stampe là che si vise che e je stade fate buine la «gnove grafie pes varietâts de lenghe furlane».
E je une robe che e jere previodude de gnove leç regjonâl di tutele, la L.R. 29/2007, chê che in tantis sôs parts – soredut chês plui impuartantis – no à cjatât ancjemò aplicazion.

Sul plan nominâl e su chel concetuâl, par dî la veretât, chê prevision de leç e je une robe cence sens. Parcè? Par chescj mutîfs che o metìn in colone par che si ju viodi ben.
Il prin: la lenghe furlane e je lis sôs varietâts.
Il secont: di passe cuindis agns e esist la grafie uficiâl de lenghe furlane.
Il tierç: cheste grafie, daûr di chê logjiche gjenerâl sclaride cumò denant (il prin argoment) e cemût che si viôt te sô stesse articolazion, e je stade fate par jessi doprade par dutis lis varietâts, comprendude la varietât standard, che compagn di dutis lis varietâts standard di dutis lis lenghis di chest mont e je soredut une varietât scrite che si fâs lei ancje in manieris diferentis (Un esempi: la peraule “casa” , par talian standard, le scrivìn ducj “casa” ma no le pronunciin ae stesse maniere. Ise vere?).

Cussì, se e je vere che la lenghe furlane e je lis sôs varietâts e che e esist une grafie uficiâl de lenghe furlane che si dopre par dutis lis sôs varietâts, alore chestis varietâts che cumò a varessin di vignî “cuviertis” cu la gnove grafie no saressin varietâts de lenghe furlane…
Evidentementri no je cussì.

La norme su la «grafie uficiâl des varietâts» (sic!) e je stade metude inte leç regjonâl (tal come 2 bis dal articul 5) di cualchi politic che al faseve confusion tra «grafie uficiâl» (chê che si dopre par dutis lis varietâts de lenghe furlane) e «varietât standard» (chê che e je dome une di chestis varietâts: in particolâr e je chê di riferiment pe scriture, tai ûs publics, tai media, te produzion editoriâl…chê che o doprìn par solit ancje achì) e che par chest al crodeve che al coventàs cirî ancjemò cualchi adatament par cualchi varietât specifiche. O, piês, di cualchidun che i deve ancje fastidi che il furlan al fos doprât intune maniere normâl, daûr dai indreçaments gjenerâi de leç stesse e di chei de tutele di dutis des minorancis linguistichis.

Par fortune, di ce che si sa, stant che par cumò il Decret dal President de Regjon che le à fate buine no si rive ancjemò a viodilu, plui che une assurde «gnove grafie pes varietâts de lenghe furlane», chê formalizade e je une liste di precisazions in cont di cemût che la grafie uficiâl e à di vignî doprade.

Se il legislatôr regjonâl, cence capî masse, al veve chê di meti dongje inzornaments e sclariments in cont de scriture des varietâts, alore cumò la robe e je fate e comedade.

Cumò, cui che al è so dovê fâlu, al à di fâ in maniere che la cuistion no deventi mutîf par fâ ancjemò confusion e par creâ altris ostacui e fastidis pes azions di tutele e pe esistence e pal ûs normâl de lenghe furlane.

Il tratament de gnove de «grafie des varietâts» de bande dai media locâi – emblematic il titul di un articul saltât fûr îr, “Marilenghe, via a tutte le grafie”  (a tutte le grafie?) – al conferme che la confusion e la ignorance a son grandis e pericolosis.

E che al è cetant ce fâ.