Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Advertisements

Discs gnûfs + personaçs storics + ‘classics’ plui o mancul antîcs = Babêl Europe 1/2018

Al è tacât il 2018 e su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) al torne Babêl Europe, il program dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât. Vuê al è martars e l’apontament in direte cu la trasmission cuindisinâl che e fevele di diversitât linguistiche e creativitât musicâl al è, come par solit, a 11 a buinore.

In continuitât cu la ultime pontade dal 2017 si larà ancjemò dilunc a cerçâ alc di cualchi disc saltât fûr vie pai ultins mês, pes ultimis setemeanis e pai ultins dîs. La atenzion e sarà pontade, in particolâr, su la produzion plui resinte di trê personaçs storics che di tancj agns a pensin, a scrivin, a sunin e a cjantin te lôr lenghe proprie, ven a dî Fermin MuguruzaXavi Sarrià e Gweltaz Adeux.

A saran selezions dai discs B-Map 1917 + 100, dât fûr di Fermin Muguruza eta the Suicide of Western Culture ae fin di Novembar stât, Amb l’esperança entre les dents, album solist, jessût ae fin dal mês di Setembar dal 2017, dal cjantant, musicist e scritôr dai Paîs Catalans, che par tant timp al è stât la vôs e la ghitare dai Obrint Pas, e Eyjafjallajökull, la gnove produzion di un dai protagoniscj de produzion musicâl par breton di passe trentecinc agns incà, prime cu la storiche band dai EV e po di bessôl.

Si scoltarà ancjemò alc altri, indaûr tal timp e a torzeon tal spazi, dal Gales ae Sardegne.

Dopo de prime emission in direte, si podarà tornâ a scoltâ Babêl Europe tal dopodimisdì di doman ai 10 di Zenâr, a une, e di sabide ai 13 di Zenâr, a une e mieze.

 

 

La ultime pontade dal an di Babêl Europe. Novitâts discografichis di vuê e di doman

Al è passât Nadâl, al rive Sant Stiefin e al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a lenghis, musichis e nazions cence stât. Vuê al è martars e l’apontament babelic su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) al è a undis a buinore. Cun di plui si podarà tornâ a scoltâ la trasmission ancje tal dopodimisdì di doman ai 27, a une, e di sabide ai 30, a une e mieze.

Te ultime pontade dal 2017 si fevelarà di discs jessûts vie par chest an e ancje di cualchi produzion che e saltarà fûr tal 2018. E sarà la ocasion par tornâ a scoltâ alc di Cabudanni di Dr. Drer e CRC Posse e par une dople cerce di Amb l’esperança entre les dents, il disc solist di Xavi Sarrià, innomenât cjantant, musicist e scritôr dai Paîs Catalans, par passe vincjecinc agns vôs e ghitare dai Obrint Pas.

Si tornaran a memoreâ ancje i trente agns di ativitât dai Dixebra e si fevelarà dai Lou Seriol che a son daûr a prontâ un album gnûf: cun chê scuse si scoltaran ancje dôs covers babelichis dai Sex Pistols gjavadis fûr dal repertori dal grup storic asturian e di chel dai sghirats des Valadis Ocitanis dal Piemont, che nus ricuardin che «anarquista» al fâs rime cun «occitanista».

 

Suns Europe 2017. A Udin lis peraulis, lis musichis e lis visions dal dirit de diversitât

Batiât in maniere informâl îr a buinore cuntune trasmission speciâl di Radio Onde Furlane e po nossere cuntune biele fieste «di riscjaladament» a Pradaman, vuê si scree ancje cu la cerimonie uficiâl la tierce edizion di Suns Europe, il festival european des arts in lenghe minorizade. In cuarantevot oris Udin nol sarà dome la capitâl dal Friûl multilengâl ma ben ancje il cûr de Europe chê vere, là che la diversitât linguistiche e culturâl e je un patrimoni, un dirit, une oportunitât e salacor une necessitât.
Il teatri gnûf Giovanni da Udine al sarà une vetrine de produzion miôr tes leghis «altris» de Europe, tra musiche, cine e leterature.

Daûr di une tradizion consolidade, che e va indaûr tal timp fintremai cuant che al jere dome il festival Suns, dedicât ae cjançon tes lenghis di minorance de Europe alpine e mediteranie, il plat plui siôr e saurît de rassegne inmaneade des cooperativis Informazione Friulana (editore di Radio Onde Furlane) e Puntozero cu la poie de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), de Regjon Friûl-VG e de Fondazion Friuli, cu la colaborazion dal Comun di Udin, de Fondazion Teatro Nuovo Giovanni da Udine, dal Babel Film Festival e cul patrocini dal Consei de Europe, al è chel musicâl.

Il program al proviôt diviers concierts – chei di nossere, chei tal foyer dal Teatron e chei acustics tal studi di Radio Onde Furlane – e la serade finâl di sabide ai 2 di Dicembar, cu lis esibizions dai grups e dai soliscj in concors e dai doi ospits speciâi.
Tra i sù par jù sessante di lôr che a vevin presentât la lôr candidature a son stâts selezionâts artiscj espressions dal Gales, dal Paîs Basc, de Bretagne, de Galizie, dal Cjanton dai Grisons, dai Paîs Catalans, dal Friûl e de Basse Sassonie, ven a dî AdwaithLa BasuEbel ElektrikEsposaTumasch è, Joana Gomila Folk Souvenir, Franco Giordani e Isa Zwart. Cun di plui a saran doi spazi ospits speciâi: il grup Namgar che al rive de Buriazie, republiche de federazion russe che si cjate sul confin cu la Mongolie, e il cjantant, ghitarist e cineast galês Gruff Rhys.

Propit il poliedric artist galês al sarà un dai protagoniscj di ponte de manifestazion, no dome tant che musiciscj, ma ancje par vie de proiezion dal film Separado, direzût in cubie cun Dylan Goch, e de sô partecipazion, adun cul gjornalist frison Onno Falkena e cul poete furlan Maurizio Mattiuzza, ae taule taronde dedicade a diversitât, identitât, creativitât e Europe.
La sezion dedicade ae produzion audiovisive e presente ancje altris titui che a rivin de Europe e fintremai di altris bandis dal mont: i curtmetraçs ‘The Hunter’ (Maori) di Richard Turner, ‘Ealli Guodda Joavkkus’ (Sápmi) di Egil Pedersen (Sápmi), ‘Neka’ (Innu) di Nemnemiss McKenzie,’Per Anna’ (Sardegne) di Andrea Zuliani, i episodis gnûfs de serie ‘Int Art’ (Friûl) di Dorino Minigutti e Giorgio Cantoni, e ‘Missus’, l’ultin lavôr di Massimo Garlatti Costa che al conte la lote dai predis di Glesie Furlane par tignî vive la flame de lenghe tal cjamp de religjon.

Pe leterature la atenzion e sarà pontade dome su la realtât furlane, cuntun incuintri cui vincidôrs dal Premi S. Simon 2017. A son po previodûts aprofondiments tant che chel dedicât ae iniziative europeane pai dirits linguistics ‘Minority Safepack’ e ‘Scuele Europe’, là che musiciscj e artiscj di dute Europe a incuintrin i students furlans.

Ancje tal 2017 Suns Europe si conferme tant che il principâl Festival european che al conte e al fâs cognossi a ducj lis lenghis minorizadis e par chest al gjolt, pe tierce edizion, dal patrocini dal Consei de Europe. L’intindiment al è chel di promovi produzions artistichis origjinâls di cualitât e di mostrâ cemût che la diversitât linguistiche de Europe, in plui di jessi une ricjece culturâl e un dirit di fonde, e je une risorse creative impuartantone. Disinis di artiscj a rivaran cussì a Udin par dâi vite a di une vere Babêl di lenghis, di suns e di miscliçaments di no pierdi, e par cjapâ dentri i furlans intai tancj apontaments dal program.

Storie e atualitât, tra Catalogne e Friûl. Vuê su Onde Furlane al torne Babêl Europe

L'immagine può contenere: 1 persona, sMS

Un gnûf apontament plen di storie e di atualitât, di poesie e di memorie, di ideis e di peraulis e soredut di musiche, tra omaçs e citazions. Vuê al è martars e a 11 a buinore, su lis frecuencis di Radio Onde Furlane, pe sô prime emission in direte, al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal nestri continent.

Te pontade di cheste setemane, che si podarà scoltâle ancje doman, miercus il 1n di Novembar, a une dopo di misdì e po sabide ai 4, a une e mieze, si scoltarà musiche cjantade par catalan, par sart, par cors e par furlan e si fevelarà di ce che al è ancjemò daûr a sucedi in Catalogne, dai inovâi de Prime Vuere Mondiâl, di leaments tra cjançons e tra gjenerazions diferentis di autôrs e musiciscj.

E sarà la ocasion par fâ un omaç incrosât a Ovidi Montllor, une des personalitâts plui innomenadis e rispeitadis de nova cançó catalana, e a Giorgio Ferigo, che cul Povolâr Ensemble al è stât par sigûr un inovatôr tal cjamp de cjançon e de musiche par furlan, e lâ a torzeon dilunc di un percors che al partìs dai Paîs Catalans, al tocje la Sardegne e la Corsiche e al rive in Friûl, cu la musiche ancje di Inadaptats, Dr. Drer & CRC Posse, L’Arcusgi e Vanilla Resident.

Dopo des emissions in direte e in repliche (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu), ancje cheste gnove pontade di Babêl Europe si podarà tornâle a scoltâ tal sît internet de radio libare dai furlans.

 

Babêl Europe ‘cence pôre’, de Ocitanie ai Paîs Catalans e de Galizie ae Sardegne

Al rive Setembar e su lis frecuencis di Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât.

Il gnûf apontament in direte al è par doman, martars ai 5 di Setembar, a undis a buinore, sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu.

In cheste ocasion si fevelarà di atualitât, di grups ‘storics’ e di novitâts discografichis. Il viaç musicâl babelic su la radio libare dai furlans al cjaparà dentri  Ocitanie, Paîs Catalans, Galizie e Sardegne, cuntune misture siore di rock, pop, hip hop, jungle e patchanka.

Si tacarà cul scoltâ un toc dal repertori dai Lou Seriol, che juste sabide stade a Aison, te Val d’Estura, a à fat fieste pai lôr prins vincjecinc agns di ativitât, e un dai Obrint Pas, par no dismenteâ ce che al è sucedût pocjis setemanis indaûr a Barcelone e in Catalogne (i atentâts teroristics dai 17 di Avost e la mobilitazion de int cuintri dal terorisim, cu la manifestazion dai 26 di Avost).

Si larà dilunc cu la cerce di trê discs saltâts fûr vie pai ultins mês: Xardín interior dai galizian Esposa, Cabudanni dai sarts Dr. Drer e CRC Posse e Resisténcia dai Goulamas’k.

Dopo de prime emission in direte, Babêl Europe al tornarà in repliche su lis frecuencis di Onde Furlane ancje miercus ai 6 di Setembar, a une dopo di misdì, e sabide ai 9 a une e mieze, simpri dopo di misdì.

Ancje cheste pontade si podarà tornâ a scoltâle sul sît internet de radio libare dai furlans.

Babêl Europe ‘in Onde’ tra punk rock e novitâts discografichis sardis e ocitanis

Doman al è martars e a 11 a buinore su Onde Furlane al torne Babêl Europe, la trasmission cuindisinâl dedicade ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal continent.

La ultime pontade dal mês di Lui di chest an, che si podarà scoltâle in repliche ancje miercus ai 26 a une dopo di misdì e sabide ai 29 a une e mieze dopo di misdì, e promet gnovis cercis di discs che a son saltâts fûr tra la fin dal 2016 e il 2017.

In particolâr si larà dilunc a scoltâ alc altri dai discs plui resints dai Goulamas’k, Resistencia, e di Dr. Drer & CRC Posse, Cabudanni.

Dongje des novitâts discografichis de Ocitanie e de Sardegne, al sarà spazi ancje par cualchi (plui o mancul) ‘classic’ di punk rock  babelic, dal Gales ae Catalogne e fintremai al Paîs Basc, cun Anhrefn, Camarada Kalashnikov e Zarama.

Chi di cualchi dì, cheste pontade di Babêl Europe, dopo de emission in direte e des replichis di miercus e di sabide, si podarà tornâ a scoltâle in rêt, compagn di chê altris, sul sît internet di Radio Onde Furlane.

La radio libare dai furlans si scolte sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu.

De Sardegne ae Frisie. Ancjemò reggae, ancjemò dub, ancjemò Babêl Europe

Ancjemò reggae, ancjemò dub, ancjemò Babêl Europe. La gnove pontade de trasmission cuindisinâl dedicade ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal continent, che si pues scoltâle vuê, martars ai 11 di Lui, a 11 in direte su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu) e va daûr di chê di cuindis dîs indaûr, lant dilunc te esplorazion su lis contaminazions  tra i ritmis di divignince gjamaicane, i sunôrs dilatâts cun rivocs e efiets eletronics e lis lenghis des minorancis e des nazions cence stât de Europe.

Il viaç musicâl babelic al tocjarà la Sardegne, la Corsiche, la Galizie, la Frisie e il Friûl. Si scoltaran i risultâts di une colaborazion, fate cualchi an indaûr, tra Arrogalla e Ratapignata, lis rimis di Fyah P, lis melodiis dai Lamatumbá, chês di Riddim X e un classic dai Carnicats.

Dopo de direte di vuê, ancje cheste pontade di Babêl Europe e torne in programazion in repliche doman, miercus ai 12 di Lui, a une dopo di misdì e sabide ai 15 di Lui a une e mieze dopo di misdì.

Chê stesse trasmission si podarà scoltâle ancje sul sît internet di Radio Onde Furlane.

 

Eletroniche, rock e festivals. Il gnûf apontament cun Babêl Europe

Al è une altre volte timp di Babêl Europe, la trasmission cuindisinâl dedicade ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal continent, che si pues scoltâle in direte il martars a 11 a buinore su Radio Onde Furlane.

Tal apontament di vuê – che al larà in onde in repliche ancje doman a une dopo di misdì e sabide ai 17 di Jugn a une e mieze dopo di misdì –  si sintarà ancjemò il rivoc de serade di vinars stât a Udin, cuant che cul dopli conciert di Gwenno e di Elsa Martin e Marco Bianchi e je stade une cerce di chê e sarà la gnove edizion di Suns Europe, il festival european des arts tes lenghis minorizadis.

Si fevelarà ancje di altris manifestazions che a àn almancul alc di ‘babelic’, a tacâ di Folkest, che si scree sabide ai 17 a Glemone, e di Occit’Amo, che il so program al è stât presentât tai dîs passâts e che al tache ai 7 di Lui.

No mancjaran ancje riferiments ae atualitât, tra gnovis de Europe e jessudis discografichis.

Il percors musicâl de ultime pontade de Vierte di chest an al cjaparà dentri eletroniche, sperimentazions, pop, cjançon di autôr e rock plui o mancul ruspiôs, dal Gales ae Sardegne, de Ladinie ae Catalogne, de Corsiche al Friûl, cun Gwenno, Arrogalla, Martina Iori, Brams, Vindetta e Franco Giordani.

Chest numar di Babêl Europe, dopo de direte di vuê e des repliche di doman e di sabide, si podarà tornâ a scoltâlu in rêt, compagn di chei altris, sul sît internet di Radio Onde Furlane.

La radio libare dai furlans si scolte sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu.

Novitâts multimediâls, grups storics e raritâts. La gnove pontade di Babêl Europe

Vuê al è martars e a 11 a buinore su Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, la trasmission cuindisinâl dedicade ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal continent.

Dentri di chest apontament si fevelarà di grups storics, espressions musicâls impuartantis di diviersis nazionalitâts de Europe, che cu la lôr ativitât a àn segnât la culture di chês comunitâts e che, almancul in cualchi câs, a son daûr a memoreâ trente o plui agns di ativitât cun progjets multimediâi di pueste.

Storie, memorie e in cualchi câs ancje raritâts discografichis si incrosaran cu la atualitât, tra videos, films e discs jessûts tai ultins mês.

Il percors al cjaparà dentri Asturiis, Ocitanie, Scozie, Paîs Basc e Sardegne, cu lis gnovis iniziativis che a tocjin i  Dixebra e i Massilia Sound System, il salt tal passât dal punk gaelic di Thing Upstairs, la scolte di un classic dai Negu Gorriak e une altre cerce dal disc plui resint di Dr. Dreer & CRC Posse, Cabudanni.

Cheste pontade di Babêl Europe, dopo de direte di vuê, de repliche di doman a une dopo di misdì e di chê di sabide ai 3 di Jugn a une e mieze dopo di misdì, si podarà tornâ a scoltâle in rêt, compagn di chê altris, sul sît internet di Radio Onde Furlane.

La radio libare dai furlans si scolte sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu.