Furlan: dirit di fonde e lenghe europeane e di Liberazion

 lengate1

Ancje chest an il Comun di Udin al à metût fûr il manifest pe Fieste de Liberazion scrit par furlan.
E je une iniziative che no si pues fâ di mancul di preseâle, par plui motîfs, a tacâ dal fat che la lenghe furlane e je stade une des lenghis de lote partigjane in Friûl e une des lenghis tibiadis de bande dal Fassisim cul so fanatisim nazionalist e antidemocratic. Cence dismenteâ che – e nol è un câs, de Cjarte di Chivasso ae Resistence furlane e slovene – la tutele des minorancis linguistichis e je une dai principis di fonde de Costituzion de Republiche taliane, che lis sôs lidrîs a son juste inte lote di Liberazion.

Par chel si cjatìn in cunvigne sei cul spirt de iniziative cjapade sù dal Comun sei cu lis riflessions in cont di chest argoment che si cjatin achì.
Cun di plui, nus fâs plasê che il sindic de Capitâl dal Friûl al vedi ancje fevelât par furlan intant dal so discors uficiâl di sabide stade in Place Libertât, cemût che si pues lei culì. Nus fâs plasê ancje che al sedi stât ricuardât il principi di fonde de Costituzion de Republiche taliane, che si cjate tal so articul 6, e che al sedi stât dit che «chest pinsîr di libertât civîl al à di compagnânus ogni moment che o doprìn la lenghe furlane e, juste par chel, al à ancje di sburtânus a doprâ il furlan in dutis lis ocasions».

Udin25diAvril2015

In cont di tutele des minorancis, di principis di fonde de democrazie e dal furlan tant che lenghe di Liberazion e tant che lenghe europeane, a meretin segnalâts doi apontaments che a son stâts la setemane stade a Udin, ai 20 di Avrîl, e a Rome, la dì dopo: un incuintri alì de Regjon cul viceministri pai internis cu la deleghe pes minorancis linguistichis, Filippo Bubbico, e une audizion in Senât li des Comissions Afârs istituzionâls e Afârs forescj.
In dutis dôs lis ocasions la ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e il Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482 a àn palesât la lôr opinion in cont de ratifiche de Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis, che di chê si torne finalmentri a fevelâ in Parlament.

La ratifiche – a àn sclarît i rapresentants dal organisim regjonâl di politiche linguistiche par furlan e dal Comitât che al ten dongje une trentine di realtâts associativis espression de comunitât furlane, slovene e gjermaniche dal Friûl – e à di jessi une «ratifiche buine »: e à di previodi cundizions di tutele che no son di nivel inferiôr di ce che al è za previodût tes leçs statâls e regjonâls che a son in vore.

schiavi_palermo

Rapresentants de ARLeF e dal Comitât 482 a àn presentât il lôr pont di viste comun in cont de ratifiche ancje a Rome, là che a àn fat indenant cualchi osservazion di merit in cont dai ûs publics de lenghe, de scuele e dai media e a àn consegnât un document là che si cjate une sorte di comparazion dai contignûts dai doi disens di leç di ratifiche che a son in discussion e duncje une valutazion di cemût che a son coerents cu la normative.

Vie pal incuintri di Udin, là che a jerin ancje i parlamentârs Carlo Pegorer e Tamara Blažina, il prefet di Udin, Provvidenza Delfina Raimondo, e diviers rapresentants dal Consei regjonâl e de Universitât dal Friûl, il president de ARLeF, Lorenzo Fabbro, al à frontât ancje altris cuistions che a tocjin la tutele de minorance linguistiche furlane, a tacâ de necessitât di intervignî pe formazion e il ricognossiment professionâl dai insegnants di/in lenghe furlane cu la creazion di une classe di concors di pueste e de dibisugne di previodi, tal gnûf Contrat di servizi tra il Ministeri des Comunicazions e la Rai, chê programazion radiotelevisive in lenghe furlane che si varès di fâ za di cuindis agns incà daûr de leç 482/1999.

In chê stesse ocasion Bubbico al à cjapât sù ancje il pont di viste dal Comitât 482, rapresentât di Carli Pup, che tal so intervent al à marcât cemût che lis cuistions di Fabbro e condividudis ancje di Serracchiani, Panariti e Torrenti, a sedin in sintonie cu lis istancis presentadis dal associazionisim.
Il puartevôs dal Comitât 482 al à stiçât il rapresentant dal Guvier ancje su la cuistion des cjartis di identitât bilengâls, stant che al coventarès slargjâ chest servizi, che al è za previodût pai citadins di lenghe francese de Val di Aoste, di lenghe slovene dal Friûl e di Triest e di lenghe todescje e ladine dal Trentin-Sud Tirôl, ancje a chês altris comunitâts minorizadis ricognossudis, a tacâ dai furlans e dai gjermanofons dal Friûl che, cun dut che a son stadis za fatis indenant richiestis specifichis tal passât, fin cumò no àn ancjemò vût rispueste in cont di chest argoment.

I 8 di Març di Rosina Cantoni

Rosina_Cantoni

Chê altre dì a jerin i 8 di Març, la Zornade internazionâl de femine.
O tornìn sul argoment, che o vin za frontât in chê date sei chest an  che l’an passât, cuntun test ch o vin cjatât ator.

E je une poesie sui 8 di Març, scrite di Rosina Cantoni, la partigjane Giulia, tal 1961.

Par che si rivi a leilu miôr,  il test al è stât al è stât metût  te grafie uficiâl de lenghe furlane che in chê volte no esisteve.

Une testemoneance di une grande femine furlane.
Peraulis semplicis e profondis che a valin ancje pal dì di vuê.

8 di Març 1961
(Zornade des feminis)

Un pinsîr, un flôr zentîl
e cheste gran zornade
a noaltris destinade
a disin tantis robis.

A disin che ogni femine
e à un desideri in cûr
che vuê al salte fûr
e al svole vie cul svint.

Al va di un paîs al altri,
al va des monts al mâr
e fevelant biel clâr
al è come un  zurament.

Sì, unissin simpri plui
par che no vegni vuere,
par che une pâs sincere
e vegni a calmâ ogni cûr.

E ognidun al vedi dirit
di sedi ben tratât
e no dome sfrutât
par ingrandî il potent.

Sûrs di ogni part di Mont,
di ogni colôr di piel,
volìn un Mont plui biel
che al vedi puest par ducj.

Volìn che i voi dai fruts
mai plui a cognossin vueris,
ni fan e ni miseriis,
ma un avignî seren.

Friûl, Piemont, Resistence

BANDIERE

La memorie de Resistence e lis celebrazions de Liberazion a son, par plui motîfs, alc che al ten dongje il Friûl e il Piemont.

Chest leam si fonde ancje su tantis storiis di emigrazion. Esemplis di chest a son lis storiis di chei antifassiscj furlans che a jerin emigrâts tal Stât francês intant dal “ventennio” e che po a vevin scjavaçât lis Alps par fâ i partigjans in Piemont, tal Ossola o tal Canavês o a Turin o in provincie di Cuneo, e dopo de Liberazion si son fermâts achì.

La comemorazion fate vuê a Çarvignan e permet di cognossi une altre storie, chê di Antonio Sandrigo “Lampo”, che e merete contade e che ten dongje la Basse Furlane e la zone di Bra

Pierluigi Visentin tal so libri “Romano il Mancino e i Diavoli Rossi” (Kappa Vu, 209) al scriveve: «una sera “Lampo” e Rino De Sario Germano, mentre stavano tornando in bicicletta da una requisizione, erano stati sorpresi da tedeschi al ponte di Chiarisacco. “Lampo”, che precedeva l’amico, era stato arrestato, mentre Germano si era buttato nel fiume Corno. Pur fatto segno di un nutrito lancio di bombe a mano, era riuscito a salvarsi, nuotando fino al macello di S. Giorgio, dove l’avevano nascosto. “Lampo” verrà fucilato per rappresaglia a Pradati di Cervignano il 22 marzo 1945, assieme a Idilio Cappelletto, un altro “Lampo”, di Chiarano (TV), residente a Monfalcone, a Derno Paravano “Milo” di Torsa di Pocenia e al milanese Giorgio De Santi “Milan”».

Antonio Fedrigo al veve 18 agns e al jere a stâ a Cjarlins, cu la sô femine e cuntun frut, nassût ae fin dal 1944, che cuant che “Lampo” al fo copât tai Pradats di Çarvignan, al veve sù par jù cuatri mês.

Chel frut di in chê volte al è un om che al è a stâ in Piemont. Il so non al è Romano e chest an, compagnât di un grup di partigjans di Bra, al è lât in Friûl pe comemorazion di so pari e di chei altris che a jerin stâts fusilâts a Çarvignan.

La iniziative par memoreâ chel fat e chês personis e je stade cjapade sù a tacâ dal an passât dai Comuns di Cjarlins e di Çarvignan adun cu la ANPI.

Buine Fieste de Liberazion!

Partigjans

Chê di vuê e je une zornade impuartante par ducj i citadins dal Stât talian. E je la Fieste de Liberazion: impuartante par no dismenteâ; impuartantone par cjalâ indenant.

Resistence, Liberazion, Costituzion, Democrazie no son – e no àn di jessi – peraulis vuedis. O vin di jessi “plens” di memorie e duncje “plens” di cussience in cont di ce che al è stât, di cui che al à fat ce e parcè e cemût.
Magari cussì no, a son za un pôcs di agns che, par plui motîfs, si è fate indenant la idee che al è miôr lassâ in bande masse discors su lis responsabilitâts storichis e su lis diferencis di ideis, di ideâi e di esperiencis, tant a dî: «Scordiamoci il passato».
La convinzion che cul revisionisim, cul dismenteâ e cul dâ mancul impuartance ai fats a aes responsabilitâts si rivi a vê plui armonie, plui unitât e plui coesion e je falade. Se une cualchi unitât e coesion si rivàs ancje a jonzilis a saressin dome unitât e coesion fondadis su la bausie e sul vueit di memorie, di cognossince, di cussience.
Magari cussì no, ator pal Stât talian, cheste tendence viers de bausie e viers dal vueit e salte fûr ogni dì.

Fâ fieste pe Resistence e pe Liberazion al è un dirit e salacor ancje un dovê. Un dovê di memorie e di ricognossince par cui che al à lotât cuintri dal fassisim e dal nazisim. Un dovê di atenzion e cussience, par che chês o altris formis di bausie, di injustizie, di prevaricazion, di violence, di ditature no tornin a fâsi indenant.

Chel vueit di memorie, magari cussì no, si lu cjate ancje in ciertis istituzions de Republiche “nassude de Resistence”. Une storie brute e je chê di un ordin dal dì revisionist fat bon dal Consei de Circoscrizion 9 Lingotto-Nizza Millefonti-Mercati Generali di Turin, cemût che si lei achì.
Une altre e je chê des cjoltis di posizion dal comissari prefetizi di Alassio, in Ligurie, che di chês al à cjapât ispirazion Massimo Gramellini par un so biel coment su La Stampa.

La Tore (Torre Pellice), SOS Biblioteca delle Resistenze

LEVI-Resistenze

La Biblioteca delle Resistenze, sezion distacade de Biblioteche comunâl “Carlo Levi” di La Tore (Torre Pellice), e je in pericul. Lu fâs savê la sezion locâl de Anpi, che ancjemò timp indaûr e veve dât fûr un apel che al sune tant che un SOS.
Cemût che si lei ancje sul sît di Radio Beckwith Evangelica, ni il Comun ni chês altris aministrazions dal teritori a àn lis risorsis finanziariis che a coventin par slargjâle e par meti a norme i siei locâi par ce che al tocje la sigurece.

Par chest lis volontariis e i volontaris de Biblioteche, adun cu la sezion de Anpi, si son metûts in moviment cun diviersis iniziativis, comprendude une sotscrizion.

“Il Grido del Sapo”, libri e mostre a Udin

sapo3

“Il Grido del Sapo” al rive a Udin. Il libri a fumuts firmât di Guido Carrara “Quisco” e Raff BB Lazzara, dât fûr di Edizioni Bande Tzingare, al ven presentât vuê li de “Osteria Da Moroldo” aes 6 e mieze sore sere.

L’incuintri nol è dome dedicât ae publicazion ma al cjape dentri ancje la scree de mostre des strichis origjinâls dai fumuts.
Dongje de presentazion e de scree a son previodûts ancje la esibizion dal “Coro Popolare della Resistenza” di Udin e altris intervents musicâi.

“Il Grido del Sapo” al conte une storie ambientade intun puest imagjinât e futuribil de Americhe dal Sud, tra profitadôrs cence pietât, militârs, adults subumans e sglonfs («los sapos», lis ‘savis, dal titul) e fruts resistents e un pôc benandants. Une conte visionarie, un cjant di libertât.