La Fieste de Liberazion di vuê, la Resistence di ducj i dîs. Buine Zornade dai 25 di Avrîl

Partigjans

Vuê e je la zornade dai 25 di Avrîl. Chest an al è ancjemò plui impuartant memoreâ la Fieste de Liberazion. Cul aiar che al tire, ator par Stât talian e ancje inaltrò, al è impuartantons jessi “plens” di memorie in cont di ce che al è stât, di cui che al à fat ce e parcè e cemût e duncje “plens” di cussience storiche, civiche e democratiche.

Resistence, Liberazion, Costituzion, Democrazie no son – e no àn di jessi – peraulis vuedis. No je dome une cuistion di memorie storiche, che magari cussì no e ven mistificade simpri plui ancje (e soredut) de bande dai rapresentants des istituzions republicanis. E je ancje une cuistion di cussience e di sensibilitât civiche, sociâl, politiche e umane.
Cognossi e ricuardâ al vûl dî savê, capî e stâ in vuaite, pronts a fâi cuintri al fassisim e al nazisim, in dutis lis lôr manifestazions, e duncje a dutis chês formis di bausie, di injustizie, di prevaricazion, di violence, di intolerance, di razisim, di fanatisim nazionalist che a tornin a fâsi indenant.

Fâ fieste pai 25 di Avrîl al vûl dî jessi pronts, ognidun, a puartâ indenant la nestre Resistence di ogni dì.Cussi fâ fieste pe Resistence e pe Liberazion al è un dirit e salacor ancje un dovê. Un dovê di memorie e di ricognossince par cui che al à lotât cuintri dal fassisim e dal nazisim. Un dovê di atenzion e cussience in direzion di ce che al sucêt tal mont e ta chês piçulis parts di mont là che si cjatìn a vivi. Un dovê di solidarietât cun cui che achì o inaltrò al lote, al scombat e al resist.

Buine zornade dai 25 di Avrîl, fieste civiche taliane, fieste furlane, fieste europeane, fieste umane.

Buine Resistence.

 

Friûl-VJ, la autonomie no si justifiche. Si à di metile in vore e i vûl savût parcè

bandiere_friul

Tes ultimis setemanis si fevele un grum di autonomie, chê dal Friûl e chê de Regjon autonome Friûl -VJ. La cuistion e je une vore di atualitât, tra tendincis fuartononis di centralisim che no tegnin cont de complessitât e des specificitâts de situazion reâl, e iniziativis che a rilancin l’autoguvier e la partecipazion democratiche, cemût che o vin za segnalât timp indaûr.

Par fâsi une idee de situazion si pues sgarfâ ator e tornâ a scoltâ dôs pontadis de trasmission di Radio Onde Furlane Dret e Ledrôs: chês dai 10 e dai 17  di Otubar stâts.

Vuê sul cuotidian Messaggero Veneto il costituzionalist Sergio Bartole al dîs che la specialitât de Regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest si à di sclarîle e di justificâle.

Soredut si varès di cognossi, di ricognossi e di capî lis sôs fondis e li sôs finalitâts sei sul plan storic che cuntune vision di prospetive.

Se si visisi un pôc de storie di chescj teritoris e dal dibatiment su la autonomie, cemût che si disvilupe ae fin de Seconde Vuere Mondiâl, e cun chel si cjale l’avignî no son dubis: lis motivazions plui impuartantis si cjatin – e chest al vâl ancjemò di plui in dì di vuê – te presince des minorancis linguistichis furlane, slovene e todescje e te lôr tutele, che in gjenerâl al è un principi di fonde de Republiche taliane.

Nol è un câs che l’articul 3 dal Statût di autonomie de Regjon al disi ciertis robis. Forsit al è un tic gjeneric – ma o vin di pensâ a cuâl che al jere il contest internazionâl di in chê volte – ma al è clâr compagn dal soreli a misdì. Normis statutaris di cheste fate, magari cun plui detai, si cjatin dome tai Statûts de Val di Aoste e dal Trentin-Sudtirol. E nol è un câs nancje chel.

Ve chi il test:
Art 3. Nella Regione è riconosciuta parità di diritti e di trattamento a tutti i cittadini, qualunque sia il gruppo linguistico al quale appartengono, con la salvaguardia delle rispettive caratteristiche etniche e culturali.

A proposit di storie e di prospetive si pues ricuardâ ancje chel che al jere l’articul 2 dal stampon di Statût de regjon Friûl metût adun de bande di Tiziano Tessitori tal 1947, là che si lei che la Regjon e varès vût di garantî a nivel comunâl,  dongje dal talian, ancje l’ûs des lenghis furlane, slovene e todescje.

Piês il tacon de buse?

conseireg2

Un fat e dôs gnovis: une biele e une che e lasse plui di cualchi pont di domande.

Il fat al è che la riduzion dal numar dai conseîrs regjonâi de Regjon autonome Friûl-VJ e je deventade leç, stant che ai 22 di Zenâr, le à fate buine la Cjamare dai Deputâts, cun 397 vôts a pro, doi cuintri e un astignût.

Propit cheste e je la buine gnove, almancul par tancj di lôr.

Lis motivazions par jessi contents a varessin di jessi almancul dôs. La prime: parcè che no si spietavisi plui che, ae fin de legjislature, i deputâts a fossin in stât di fâlu. La seconde: si dîs che dîs o undis conseîrs di mancul a fasaran sparagnâ sù par jù 10milions di euros in cinc agns e duncje in graciis de aprovazion di cheste leç costituzionâl a vegnin ridusûts i coscj de politiche.

Se al fos cussì, o varessin di fâ fieste. Impen, al salte fûr ancje cualchi dubi: su la entitât efetive di chest sparagn e su chel che al è il rapuart concret tra sparagns, beneficis e coscj, sei economics che politics.

Par chest, al ven di fâsi cualchi domande. Par esempli: un consei regjonâl cun mancul conseîrs no riscjial di jessi mancul rapresentatîf de societât e dal teritori inte lôr unitât, complessitât e varietât? E ancjemò: no saressial stât miôr ridusi i coscj de politiche politicante, chei emoluments e chei rimbors che a somein pardabon privileçs cence sens, e mantignî la rapresentance democratiche, cence slargjâ la distance tra eletôr e elet e slontanâ rapresentants e rapresentâts?

Par sigûr al sarà plui dificil che inte assemblee legjislative a cjatedin spazi posizions e ponts di viste “altris”, “periferics” e alternatîfs”, cun dut che a esistin inte societât.
Se lis cjadreis a calin, e sarà ancjemò plui concorence sleâl, a coventaran plui bêçs pe propagande e cussì i professioniscj de politiche politicante si cjataran intune situazion di vantaç par ocupâlis e lis ocuparan daûr dai lôr interès personâi, di corint, di tribù, di lobby. E a cjaparan sù decisions, soredut par ce che al tocje dirits, strategjiis di disvilup economic e sociâl e gjestion dal teritori, che a tignaran cont – ancjemò plui di ce che al sucêt za cumò – dome dai interès di pôcs (i lôr e chei dai lôr sponsors) e no ancje des dibisugnis di ducj.

La “caste” e sarà ancjemò plui “caste”. Piês il tacon de buse?