Emigrazion furlane, associazionisim e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (2)

 

Chê tendince contraditorie che si cjate tes azions istituzionâls dedicadis ae emigrazion de regjon Friûl-VJ, si palese compagn o salacor ancjemò di plui (massime se si calcole chê e che e varès di jessi la la lôr specificitât)  tes iniziativis des associazions che a varessin di rapresentâ i emigrants e i lôr dissendents e (par esempli chês furlanis) il colegament tra il Friûl che al è in Friûl e il Friûl che al è pal Mont.

Ancje in chescj câs si incrosin sens di comunitât e di solidarietât, volontât di relazion e di condivision e retoriche sglonfe di lûcs comuns, di nostalgjiis e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Dut chest al à tornât a mostrâsi, in particolâr, juste pôcs dîs indaûr, intant des iniziativis fatis sabide ai 29 e domenie ai 30 di Lui de bande di Ente Friuli nel Mondo e EFASCE.

Te cunvigne di S. Vît, metude adun dal Ent di Pordenon, che forsit al à finalmentri discuviert di clamâsi Ente Friulano Assistenza Sociale e Culturale Emigranti, si à fevelât di emigrazion «dai bastimenti ai voli low cost». Se di une bande al è stât metût in discussion, cun sintiment, il mît de cussì clamade «fuga dei cervelli», cun riferiment ae emigrazion gnove, di chê altre si viôt ancjemò une dificoltât fuarte tal ricognossi ad in plen lis specificitâts dal Friûl e de sô emigrazion.

Te Convention inmaneade tal Cjistiel di Voleson di Friuli nel Mondo si à discorût di «tipicamente friulani nel mondo» e si à pontât la atenzion in particolâr su la funzion che a àn (e che a puedin vê ancjemò di plui) i furlans pal Mont a pro de internazionalizazion comerciâl e imprenditoriâl dal Friûl, cuntune schirie di intervents di esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl di chenti. A son stadis presentadis esperiencis e ideis, ancje interessantis, e si à palesade la volontât dai furlans pal mont (che a son ancje chei ator pal Stât talian, ancje se masse dispès a vegnin dismenteâts) di jessi sogjets protagoniscj di chestis azions e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’.

Ancje in chest câs – cu la ecezion positive dal intervent di salût dal sindic di Voleson e Darzin, Markus Maurmair – si à palesade la presince acessorie e residuâl de lenghe furlane e di chês altris lenghis dai furlans pal mont. E je in chel istès une cuistion di identitât, di relazion e di marketing (ma o tornarìn ancjemò sul argoment).

Cun di plui tes azions di promozion culturâl tra il Friûl in Friûl e il Friûl che al è pal Mont e mancje ancjemò une azion cussiente di promozion di chê produzion culturâl furlane contemporanie che e podarès interessaûr a tancj di lôr, a tacâ dai plui zovins. Mancul mâl che par tancj di lôr e esist la pussibilitât di scoltâ Radio Onde Furlane in streaming o cu la aplicazion di pueste par tablets e smartphones di ogni sorte, di lei ancje in rêt La Patrie dal Friûl, di consultâ il sît web de ARLeF e di incrosâ sui social media almancul alc di ce che si môf in Friûl.

De bande des istituzions e des associazions al è ancjemò cetant ce fâ in cheste direzion. Nus somee che e mancji ancjemò une vere strategjie.
Al è un pecjât: no dome Friûl che al è pal Mont, ma ancje par chel che al è in Friûl.

Par intant contentinsi di chês novitâts positivis che a son saltadis fûr tai ultins dîs: nissun al à fevelât di «piccola patria» e te organizazion de zornade di domenie e je stade une colaborazion tra Friuli nel Mondo e EFASCE. Alc al è alc.

Advertisements

Emigrazion furlane, associazions e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (1)

Al somee che il Friûl che al è in Friûl si visi dal Friûl che al è pal Mont dome une volte ad an, vie pal Istât, cuant che a son i events dedicâts ai emigrants e ae emigrazion, che a vegnin inmaneâts des associazions e des istituzions. Al è sucedût ancje chest an, in particolâr tai ultins dîs, cuant che la Regjon e à metût adun la prime Giornata dei corregionali all’estero‘, Ente Friuli nel Mondo al à inmaneât la sô convention e il so incuintri anuâl e al à fat compagn ancje l’EFASCE, che al à spartît propit cun Friuli nel Mondo la organizazion de fieste di îr a Voleson e a S. Vît dal Tiliment.

Chescj apontaments a son une vore interessants no dome par vie che a son ocasions par tornâ a cjatâsi cun tantis personis che si cognossin e che a son pal mont, ma ancje parcè che a son il spieli de situazion de realtât de emigrazion furlane (chê vecje e chê gnove) e di chê, par sigûr plene di contradizions, des relazions tra i furlans in Friûl e chei emigrâts e i lôr dissendents, de lôr gjestion e de lôr promozion, là che si ricognossin tantis musis diviersis che a van dal sens di comunitât e di solidarietât tra il Friûl che al è in Friûl e chel che al è pal Mont ae retoriche sglonfe di rivocs nostalgjics dal passât e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Chei aspiets si vevin palesâts za vinars ai 28 di Lui, intant de Giornata dei corregionali all’estero, inmaneade te Vile Manin di Passarian de bande dal Consei regjonâl. Vie pe ‘Giornata’ e je stade marcade di tancj di lôr la impuartance dai furlans, dai slovens e dai ‘giuliani’ pal mont «tal promovi la internazionalizazion de Regjon», cu la consegne di un ricognossiment a diviers coregjonâi emigrâts, cuntun aprofondiment dedicât ae situazion une vore complicade dal Venezuela, là che a son tancj furlans, e cul rilanç di une strategjie di di disvilup di relazions in rêt.

Dongje di ricognossi la funzion dai coregjonâi pal mont tant che «ambassadôrs» o pensìn che si varès di mostrâur in maniere plui fuarte la ricognossince de comunitât regjonâl. Cundut achel, chei fats a Passarian a son resonaments interessants, ancje se no si pues fâ di mancul di vualmâ che la rêt – se e esist – no je policentriche, ma e à un grop une vorone plui grues che al è logât masse tra Triest (soredut) e (unevore di mancul) Udin, Cividât e Pordenon. Duncje al è un rapuart che al è masse condizionât de dinamiche centri-periferie, cuant che a coventaressin plui rêt e plui Mont.

Chel rapuart al è ancje segnât a fuart de mancjance des lenghis ‘altris’ de regjon Friûl-VJ – in particolâr chê furlane e chê slovene, lenghis di divignince de plui part de emigrazion regjonâl – e di chês plui dopradis tal mont dai coregjonâi pal mont e chest al salte fûr a clâr tai sîts web istituzionâi dedicâts, che a son dome par talian, magari a son ancje fers e intun câs a son dome bilengâi (par talian e par inglês e vonde).

Par no fevelâ di chê enfasi esagjerade e monotone tal cualificâ dut cu la etichete FVG, che par sigûr no rive a vê ni fuarce identitarie, ni fuarce evocative (a pro di une ricognossibilitât, sei in tiermins gjeografics e culturâi che par ce che al tocje i cantins de promozion in tiermins economics, turistics e comerciâi) e anzit e je pôc rispietose de pluralitât linguistiche, culturâl e teritoriâl de regjon, de sô int e de sô int che e je pal mont.

Al somee pardabon che – zaromai di un pôcs di agns e cence soluzion di continuitât tra une maiorance politiche e chê altre – la aministrazion regjonâl e vedi pôre (o fintremai fastidi?) de identitât plurâl e dinamiche des sôs comunitâts, residentis tal so teritori e inaltrò.

Ucraine, Russie, Europe

mont

A son trê dîs che al è in vore il fermait il fûc inte Ucraine orientâl.
In cont di cemût e di cetant che al ven rispietât a son informazions une vore diferentis.

Par sigûr la cuistion vierte tra Ucraine e Russie e je grivie e penze e in particolâr, magari cussì no, e met in evidence un dai limits sostanziâi de Union europeane, ven a dî la mancjance di une sô politiche unitarie e autonome tes relazions cul rest dal mont, che e je leade cun altris siei difiets di fonde.

Il prin di chescj difiets al è il fat che la Ue le fasin i Stâts, che a continuin a tignî ad in plen la lôr sovranitât (o a jessi convints di tignîle) ancje in chest cjamp e duncje si movin ognidun par so cont, cemût che si viôt te composizion dal Consei di sigurece de Onu e tes tratativis fatis la setemane passade cun Russie e Ucraine.
Il secont al è il rapuart, che al diven di chê stesse situazion, tra la Ue e la Nato, massime dopo de fin de Vuere frede.

Cumò la nestre atenzion e je za pontade di une altre bande, su la Libie, però nus somee il câs di no pierdi di viste la cuistion de Ucraine.
Cussì, in cont di chel câs o vin cjatât un articul di Lucio Levi, publicât une setemane indaûr sul sît dal Centro studi sul federalismo di Moncalieri, che al merete let e tornât a lei.
Si pues leilu achì.