Lunis ai 13 Mattarella al sarà in Friûl. Cualchidun i daràjal il benvignût ancje par furlan, par sloven e par todesc?

Lunis ai 13 di Novembar si scree il cuarantesim an academic de Universitât dal Friûl e al sarà presint anche il President de Republiche Taliane, Sergio Mattarella.

Al sarès biel che cualchidun dai sorestants dal Friûl – il Retôr de Universitât, la Presidente de Regjon, il Sindic di Udin… – i des il benvignût tes cuatri lenghis dal Friûl e cussì i disès ancje: «Sâr President, benvignût in Friûl. Gospod Predsednik, dobrodošli v Furlaniji. Sehr geehrter Herr Präsident, willkommen in Friaul».

Cualchi an indaûr al jere sucedût. Cemût che si lei culì, il Sindic di Faedis di in chê volte, Cristiano Shaurli, jal veve dit al President de Republiche di in chê volte, Giorgio Napolitano, e i veve ancje consegnât un document, prontât dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482, che al domandave propit l’intervent dal President, tant che “garant de Costituzion”, a pro de metude in vore ad in plen des leçs di tutele e duncje a pro de garanzie plene di chei dirits ricognossûts in tiermin formâi de Leç fondamentâl de Republiche e di ches altris normis specifichis, cemût che a domandin ancje in Europe.

Cumò Shaurli al è Assessôr regjonâl. Al podarès tornâ a fâ chel ‘beau geste’ lui o ben al podarès sugjerîjal a cualchidun dai siei coleghis.

Un intervent di chê fate al larès ben ancje cumò.

E larès ben ancje une gnove sugjestion a pro de metude in vore pardabon des leçs di tutele des minorancis linguistichis. Magari cussì no, al è ancjemò tant ce fâ in chest cjamp.

Cundut achel un salût di chê fate al sarès za alc di bon. Al sarès une forme di rispiet, no dome pe int dal Friûl ma pal stes President, te sô persone e te sô istituzion.

La Republiche taliane e je di ducj: ancje dai citadins dal Friûl che a son di lenghe furlane, di lenghe slovene e di lenghe todescje.

Nus covente almancul un biel segnâl, in linie cui principis di fonde de Costituzion e cun chei de Europe unide te diversitât.

Emigrazion furlane, associazionisim e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (2)

 

Chê tendince contraditorie che si cjate tes azions istituzionâls dedicadis ae emigrazion de regjon Friûl-VJ, si palese compagn o salacor ancjemò di plui (massime se si calcole chê e che e varès di jessi la la lôr specificitât)  tes iniziativis des associazions che a varessin di rapresentâ i emigrants e i lôr dissendents e (par esempli chês furlanis) il colegament tra il Friûl che al è in Friûl e il Friûl che al è pal Mont.

Ancje in chescj câs si incrosin sens di comunitât e di solidarietât, volontât di relazion e di condivision e retoriche sglonfe di lûcs comuns, di nostalgjiis e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Dut chest al à tornât a mostrâsi, in particolâr, juste pôcs dîs indaûr, intant des iniziativis fatis sabide ai 29 e domenie ai 30 di Lui de bande di Ente Friuli nel Mondo e EFASCE.

Te cunvigne di S. Vît, metude adun dal Ent di Pordenon, che forsit al à finalmentri discuviert di clamâsi Ente Friulano Assistenza Sociale e Culturale Emigranti, si à fevelât di emigrazion «dai bastimenti ai voli low cost». Se di une bande al è stât metût in discussion, cun sintiment, il mît de cussì clamade «fuga dei cervelli», cun riferiment ae emigrazion gnove, di chê altre si viôt ancjemò une dificoltât fuarte tal ricognossi ad in plen lis specificitâts dal Friûl e de sô emigrazion.

Te Convention inmaneade tal Cjistiel di Voleson di Friuli nel Mondo si à discorût di «tipicamente friulani nel mondo» e si à pontât la atenzion in particolâr su la funzion che a àn (e che a puedin vê ancjemò di plui) i furlans pal Mont a pro de internazionalizazion comerciâl e imprenditoriâl dal Friûl, cuntune schirie di intervents di esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl di chenti. A son stadis presentadis esperiencis e ideis, ancje interessantis, e si à palesade la volontât dai furlans pal mont (che a son ancje chei ator pal Stât talian, ancje se masse dispès a vegnin dismenteâts) di jessi sogjets protagoniscj di chestis azions e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’.

Ancje in chest câs – cu la ecezion positive dal intervent di salût dal sindic di Voleson e Darzin, Markus Maurmair – si à palesade la presince acessorie e residuâl de lenghe furlane e di chês altris lenghis dai furlans pal mont. E je in chel istès une cuistion di identitât, di relazion e di marketing (ma o tornarìn ancjemò sul argoment).

Cun di plui tes azions di promozion culturâl tra il Friûl in Friûl e il Friûl che al è pal Mont e mancje ancjemò une azion cussiente di promozion di chê produzion culturâl furlane contemporanie che e podarès interessaûr a tancj di lôr, a tacâ dai plui zovins. Mancul mâl che par tancj di lôr e esist la pussibilitât di scoltâ Radio Onde Furlane in streaming o cu la aplicazion di pueste par tablets e smartphones di ogni sorte, di lei ancje in rêt La Patrie dal Friûl, di consultâ il sît web de ARLeF e di incrosâ sui social media almancul alc di ce che si môf in Friûl.

De bande des istituzions e des associazions al è ancjemò cetant ce fâ in cheste direzion. Nus somee che e mancji ancjemò une vere strategjie.
Al è un pecjât: no dome Friûl che al è pal Mont, ma ancje par chel che al è in Friûl.

Par intant contentinsi di chês novitâts positivis che a son saltadis fûr tai ultins dîs: nissun al à fevelât di «piccola patria» e te organizazion de zornade di domenie e je stade une colaborazion tra Friuli nel Mondo e EFASCE. Alc al è alc.