Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Advertisements

Piês il tacon de buse?

conseireg2

Un fat e dôs gnovis: une biele e une che e lasse plui di cualchi pont di domande.

Il fat al è che la riduzion dal numar dai conseîrs regjonâi de Regjon autonome Friûl-VJ e je deventade leç, stant che ai 22 di Zenâr, le à fate buine la Cjamare dai Deputâts, cun 397 vôts a pro, doi cuintri e un astignût.

Propit cheste e je la buine gnove, almancul par tancj di lôr.

Lis motivazions par jessi contents a varessin di jessi almancul dôs. La prime: parcè che no si spietavisi plui che, ae fin de legjislature, i deputâts a fossin in stât di fâlu. La seconde: si dîs che dîs o undis conseîrs di mancul a fasaran sparagnâ sù par jù 10milions di euros in cinc agns e duncje in graciis de aprovazion di cheste leç costituzionâl a vegnin ridusûts i coscj de politiche.

Se al fos cussì, o varessin di fâ fieste. Impen, al salte fûr ancje cualchi dubi: su la entitât efetive di chest sparagn e su chel che al è il rapuart concret tra sparagns, beneficis e coscj, sei economics che politics.

Par chest, al ven di fâsi cualchi domande. Par esempli: un consei regjonâl cun mancul conseîrs no riscjial di jessi mancul rapresentatîf de societât e dal teritori inte lôr unitât, complessitât e varietât? E ancjemò: no saressial stât miôr ridusi i coscj de politiche politicante, chei emoluments e chei rimbors che a somein pardabon privileçs cence sens, e mantignî la rapresentance democratiche, cence slargjâ la distance tra eletôr e elet e slontanâ rapresentants e rapresentâts?

Par sigûr al sarà plui dificil che inte assemblee legjislative a cjatedin spazi posizions e ponts di viste “altris”, “periferics” e alternatîfs”, cun dut che a esistin inte societât.
Se lis cjadreis a calin, e sarà ancjemò plui concorence sleâl, a coventaran plui bêçs pe propagande e cussì i professioniscj de politiche politicante si cjataran intune situazion di vantaç par ocupâlis e lis ocuparan daûr dai lôr interès personâi, di corint, di tribù, di lobby. E a cjaparan sù decisions, soredut par ce che al tocje dirits, strategjiis di disvilup economic e sociâl e gjestion dal teritori, che a tignaran cont – ancjemò plui di ce che al sucêt za cumò – dome dai interès di pôcs (i lôr e chei dai lôr sponsors) e no ancje des dibisugnis di ducj.

La “caste” e sarà ancjemò plui “caste”. Piês il tacon de buse?