Zornade Europeane des lenghis, a Turin in Universitât e in Friûl in place e par radio

Vuê o sin ai 26 di Setembar e a tacâ dal 2001 cheste e je la Zornade Europeane des Lenghis.

E je une Zornade impuartante che o memoreìn simpri cun plasê.

Ancje chest an, vie pe zornade di vuê e dilunc di cheste setemane, par cheste ricorence dedicade al pluralisim linguistic tant che ricjece, dirit e oportunitât a vegni inmaneadis diviersis iniziativis in dute Europe.

Ancje chest an incuintris, events e apontaments a vegnin inmaneâts a Turin e in Friûl.

Tra chescj o segnalìn l’event metût adun dal Centri Linguistic de Universitât di Turin juste te zornade di vuê: une iniziative dedicade soredut ai students e che e ponte la sô atenzion viers un aspiet dal plurlinguisim, chel che al tocje l’insegnament, l’aprendiment e la cognossince des lenghis che, in Europe e pal Mont, si cjatin in cundizion di dominance, a nivel statâl e in cualchi câs ancje intune dimension internazionâl.

La Zornade Europeane des Lenghis, però, e je la Zornade di dutis lis lenghis e duncje anche di chês che si cjatin in cundizion di minorizazion.

Cun chê di promovi il plurilinguisim in dutis lis sôs dimensions a tacâ des lenghis minorizadis dal teritori, ancje chest an la Zornade Europeane des Lenghis e ven memoreade ator pal Friûl.

A Udin, par esempli, la ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e inmanee un pont informatîf in place, vie pe zornade di vuê di 10 a buinore a 6 sot sere, devant dal Palaç comunâl, in vie Lionello, cuntun stand e cu la presince di volontaris che a daran fûr, a gratis, materiâl promozionâi e di informazion.

Simpri vuê, a une e mieze dopo di misdì, la Zornade Europeane des Lenghis e ven memoreade su Radio Onde Furlane cuntune trasmission speciâl.

Ancje pal 2018 il nestri auguri, compagn che agns indaûr, al è chel:
Buine Zornade Europeane des Lenghis a dutis e a ducj!

Plurilinguisim tant che valôr, dirit e oportunitât. Vuê a Udin la conclusion dal progjet I.BI.S.

IBIS_Ot_Nov_15

Ultin apontament, vuê ai 14 di Novembar, cul progjet I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazion dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

Alì de Universitât di Udin, in Borc di Glemone, si davuelç une taule taornde che e fronte l’argoment di fonde di dut il percors educatîf che al è stât fat vie pal an, a tacâ dal mês di Març.

Ve chi il test (par talian) de presentazion dal incuintri:

I.BI.S, BILINGUISMO E PLURILINGUISMO COME RICCHEZZA, DIRITTO E OPPORTUNITÀ
Il 14 novembre a Udine la tavola rotonda conclusiva del progetto promosso da Polonik
Appuntamento alle 17 all’Università, Palazzo Di Toppo Wassermann, in Via Gemona 92


Si chiude con una tavola rotonda il progetto I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo), il percorso educativo e formativo, che ha come obiettivo la valorizzazione della diversità linguistica, nelle sue diverse dimensioni, tra identità, dialogo interculturale, comunicazione e opportunità educativa, formativi, civica, economica e sociale.

L’appuntamento con la conferenza finale dal titolo Bilinguismo e plurilinguisimo come ricchezza, diritto e opportunità è fissato per le 17 di sabato 14 novembre nell’aula magna di Palazzo Di Toppo Wassermann, sede dell’Università di Udine che si trova in via Gemona 92.

Sarà l’occasione per un confronto a più voci sui temi dell’educazione plurilingue e della pratica di bilinguismo e plurilinguismo nell’arco di tutta la vita, alla luce delle esperienze e delle aspirazioni proprie delle minoranze linguistiche storiche del Friuli-Venezia Giulia e di quelle delle comunità di immigrazione, che aggiungono multiculturalità e multilinguismo al già ricco e variegato profilo della società regionale.

Il programma è articolato in tre sezioni.

La prima prevede il saluto introduttivo di  Alberto Felice De Toni, Rettore dell’Università degli studi di Udine, Furio Honsell Sindaco del Comune di Udine, Silvana Cremaschi Consigliere della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, Pietro Fontanini Presidente della Provincia di Udine, Marco Zanor Sindaco del Comune di Martignacco e Renata Capria D’Aronco Presidente e Segretario Generale del Club Unesco di Udine.

Seguiranno le esperienze e le prospettive indicate da Lorenzo Fabbro (Presidente dell’ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), Claudia Salamant e Nadia Simiz della Scuola Bilingue di San Pietro al Natisone, Dorota Stromidlo, coordinatrice del progetto I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) e presidente dell’associazione Polonik, Jana Sovova (Lettrice di scambio culturale di Lingua Ceca dell’Università degli Studi di Udine), Elena Toukchoumskaia Presidente del Centro per lo sviluppo transnazionale fra l’Italia e la Russia), dell’insegnante di inglese Giorgio Vello, di Awa Diallo (Presidente dell’associazione Mediatori di Comunità ONLUS) e di Paolo Cantarutti, Presidente della cooperativa Informazione Friulana – Radio Onde Furlane.

Il programma sarà completato dalle relazioni di due conosciuti esperti friulani come Franco Fabbro, che parlerà di Neuroscienze del bilinguismo, e Silvana Schiavi Fachin , che affronterà il tema L’educazione plurilingue: un processo che dura lungo tutto l’arco della vita.

I lavori saranno coordinati da Marco Stolfo, giornalista e ricercatore, titolare del Modulo Jean Monnet MuMuCEI (Multilinguismo Cittadinanza multiculturale e Integrazione europea) dell’Università di Udine.

IBISweb

I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) è un progetto dell’associazione Polonik, sodalizio di promozione sociale che aggrega i polacchi residenti in Friuli-V.G. e che si propone di sviluppare le relazioni tra la comunità regionale e la Polonia e più in generale di promuovere la cultura polacca e il confronto tra questa e le altre espressioni culturali del territorio.

L’iniziativa, organizzata dall’associazione Polonik, con il sostegno della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia e con il patrocinio dell’ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dei Comuni di Udine e di Martignacco, è stata avviata la scorsa primavera con un primo ciclo di lezioni-conferenze per genitori, educatori e insegnanti. All’interno di  I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) sono stati organizzati anche momenti di aggregazione multiculturale e laboratori interattivi educativo-didattici per bambini ed una nuova serie di lezioni/laboratori a partire da ottobre.

I.BI.S. è organizzato da Polonik anche con la collaborazione dei Dipartimenti di Scienze umane e Lingue e civiltà dell’Europa Centro-orientale e del Modulo Jean Monnet MuMuCEI (Multilinguismo Cittadinanza multiculturale e Integrazione europea) dell’Università di Udine, nonché grazie alla partnership con la Fondazione Collegio della Provvidenza, le Parrocchie Santa Margherita del Gruagno e Buon Pastore di Udine, l’Associazione Mediatori di Comunità Onlus, l’Associazione La Tela, l’Associazione Lidrîs e Butui, Radio Onde Friulane, l’Istituto di Antropologia Comparata ONLUS, il Centro per lo sviluppo transnazionale tra l’Italia e la Russia e il Circolo Culturale Ceco.

La partecipazione è libera e gratuita. Per saperne di più: 377-2746991, http://www.polonik.org e info@polonik.it.

Plui lenghis, plui ideis. Incuintri a Udin ai 7 di Novembar

IBIS_Ot_Nov_15

Al va indenant a Udin il progjet I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazions dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

Dopo des ativitâts metudis adun te prime part dal an, de scree de ultime rieste di apontaments, cuntune lezion-conference di Franco Fabbro sul aprendiment des lenghis daûr dai siei studis tal cjamp des neurosiencis e dal incuintri cun Jana Sovova dai 24 di Otubar, la iniziative e proviôt une lezion/laboratori par sabide ai 7 di Novembar, simpri a Udin, alì de Fondazione Collegio della Provvidenza, in vie Scrosoppi 2, a tacâ di 4 dopo di misdì.

Plui lenghis, plui ideis al è il titul dal laboratori, che al è e al ven fat par cure di Dorota Stromidlo, coordenadore dal progjet I.BI.S. (Integrazione e Bilinguismo con Successo) e presidente de associazion Polonik, e di Marco Stolfo, gjornalist e ricercjadôr, titolâr dal Modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilinguisim Citadinance multiculturâl e Integrazion europeane) de Universitât dal Friûl.

La partecipazion e je libare. Altris informazions si puedin domandâ par telefon  (377-2746991) e vie internet (www.polonik.org e info@polonik.it).

I.BI.S., sabide ai 24 di Otubar une lezion sul bilinguisim infantîl

IBIS_Ot_Nov_15

Al va indenant a Udin il progjet t I.BI.S, Integrazione e Bilinguismo con Successo, metût adun de associazions dai polacs in Friûl, Polonik, cu la colaborazion di tancj di lôr – tra chescj e je ancje e ancje la associazion Lidrîs e Butui – e cul patrocini de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e dal Comun di Udin.

Dopo des ativitâts metudis adun te prime part dal an e de scree de ultime rieste di apontaments, cuntune lezion-conference di Franco Fabbro sul aprendiment des lenghis daûr dai siei studis tal cjamp des neurosiencis, la iniziative e va indenant sabide ai 24 di Otubar.

A Udin, alì de Fondazione Collegio della Provvidenza, in vie Scrosoppi 2, a tacâ di 4 dopo di misdì, Jana Sovova e fevelarà di bilinguisim infantîl tes fameis bilengâls, tra dificoltâts, dubis e vantaçs.