Buine Zornade Europeane des Lenghis a dutis e a ducj! (ancje chest an)

gdw_euro_day_of_langs_logo

Vuê e je la Zornade Europeane des Lenghis. E je une Zornade impuartante che o memoreìn simpri cun plasê.

Tai dîs passâts e ancje vie pe zornade di vuê a son stâts inmaneâts diviers events in ocasion di cheste ricorence e altris ancjemò a vignaran fats dilunc de setemane.

A nô nus plâs ricuardâ soredut trê iniziativis: une fate in Friûl e dôs davueltis in Sardegne.

Par ce che al tocje il Friûl o vin il plasê di segnalâ cemût che il plurlinguisim tant che ricjece, dirit e oportunitât al sedi stât promovût de Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane îr e îr l’altri a Gurize inte suaze di Gusti di Frontiera, cuntune gnove presince dal progjet FûrXFUR  de cooperative Informazione Friulana.

Par ce che al tocje la Sardegne, sabide e domenie si à davuelte a Bonarcadu/Bonàrcado la Festa de Sa Limba Ufitziale, intant che îr a Santusparau / San Sperate al è stât fat un incuintri sui dîs agns de Limba sarda comuna, cuntun omaç ae memorie dal scritôr Giuanne Frantziscu Pintore.

Plui in gjenerâl, in cont de Zornade europeane des lenghis, us tornìn a conseâ la leture dal nestri articul publicât un an indaûr.

Advertisements

Suns Europe: musiche babeliche a Casteddu cun Suns Sardigna, ultime dì de Mostre dal Cine a Udin

suns-sardigna

Al va indenant Suns Europe, il Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis metût adun in Friûl cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Chê di vuê e je la ultime zornade de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion audiovisive e cinematografiche. E je ancje la zornade di Suns Sardigna, il festival de cjançon in lenghe minoritarie de Europe alpine e mediteranie che si davuelç usgnot a Casteddu/Cagliari.

La serade di Casteddu si pues scoltâle par radio su Onde Furlane (sui 90 Mhz inte plui part dal Friûl e su internet ae direzion http://www.ondefurlane.eu) e si pues viodile in rêt su la web tv sarde Eja TV .
Za vuie a buinore al è stât un prin colegament cun Casteddu.
Tor misdì e je ancje al presentazion dal libri Lingue, diritti, cittadinanza/Languages, rights, citizenship.Friuli-Venezia Giulia, Italia, Europa, Mediterraneo .

In spiete de serade si pues scoltâ lis cjançons che a vignaran presentadis sul palc dal Teatro Massimo diretementri achì.

Usgnot al è il prin ciak di Suns Europe. Si scree la Mostre dal Cine

Loreak

E je finalmentri ore di Suns Europe. Usgnot a Udin si scree il prin e unic Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis. L’apontament al è li dal cine Visionario cu la viertidure de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion cinematografiche e audiovisive.

Suns Europe – Mostre dal Cine al sarà tignût a batisim de prime proiezion in assolût intal Stât talian di Loreak di Jon Garaño e Jose Mari Goenaga, la pelicule basche candidade ai Oscar pal miôr cine forest, e di Capo e croce. La ragione dei pastori di Marco Antonio Pani e Paolo Carboni, documentari sart premiât intal 2014 al festival Cinemambiente di Turin.

Loreak al è une comedie plene di sorpresis: un film intrigant li che si incrosin lis storiis di trê feminis che sul imprin no si cognossin e chê di un om. Dai lôr dramis personâi vivûts in cidinôr e che si disvelin a planc a planc e ven fûr une comedie dai contors sureâi cun misteriôs macs di rosis ufierts e consegnâts intune trame che si disglagne tant che un thriller.

capocroce

Capo e croce. La ragione dei pastori al conte la lote dai pastôrs sarts par difindi il lôr lavôr e la lôr dignitât. I doi regjiscj a mostrin sei lis manifestazions fatis in Sardegne e intal “continent”, sei la vite di ogni dì dai pastors, marcant lis lôr dificoltâts e la impuartance di une ativitât che e rispiete la nature e la tradizion.

La serade e previôt ancje la proiezion dal spot promozionâl pal ûs sociâl de lenghe furlane, +FigoXFurlan, metût adun di Giorgio Cantoni interpretât di Daniel Samba.

Pe proiezion a saran presints in sale sei la atore Itziar Ituño, intant che la dì seguitive al sarà un incuintri public cul atôr protagonist Josean Bengoetxea, sei Marco Antonio Pani e Paolo Carboni al è un dai fondadôrs dal Babel Film Festival di Casteddu/Cagliari.

jordi cadena

Tra i titui in cartelon che a vignaran presentâts a Udin vie par chescj cuatri dîs di Mostre dal Cine a figurin ancje il catalan La Por di Jordi Cadena, il groenlandês Sumè – Mumisitsinerup Nipaa di Inuk Silis Høegh, il galês Y Syrcas di Kevin Allen, l’ocitan La Barma di Fredo Valla – cognossût ancje tant che senegjatôr dal cine di Giorgio Diritti Il vento fa il suo giro – e Âf Blu, opare origjinâl di animazion in lenghe furlane di Serena Di Blasio e Giulia Spanghero, che e fronte cun delicatece il teme dal rispiet de diversitât.

Tra lis produzions in lenghe furlane a son ancje  +Sklet/XTremetv di Giorgio Cantoni e Felici ma Furlans di Tommaso Pecile e Alessandro Di Pauli.

suns_vert

Il program de Mostre dal Cine al previôt ancje incuintris cun autôrs e atôrs e proiezions speciâls pes scuelis.

Suns Europe 2015 al è un progjet metût adun cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Il program di dut il festival in detai si pues leilu e discjamâlu achì.

In sardu e par furlan? Mai dire Rai

monoscopiorai

Vinars ai 31 di Lui il Senât al à fat bon il progjet di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public.

Al somee che i senatôrs e il guvier a vedin dismenteât une altre volte la esistence de Leç 482/1999, i impegns internazionâi che a divegnin de ratifiche de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate daûr de Leç 302/1997, e il fat che la tutele des minorancis linguistichis e je un principi di fonde dal ordenament talian, che al vâl compagn par dutis lis comunitâts.

Cussì, cun dut des previsions claris che in cont de cuistion si cjatin te Leç 482/1999 (articul 12) e tal DPR 345/2001 (articul 11), tal test che al è passât te aule dal palaç Madama a mancjin i riferiments ae presince de plui part des lenghis minoritariis e in particolâr de lenghe furlane e de lenghe sarde.

La cuistion, ancje se cuntun pôc di intart, e à fat avonde scjas in Friûl, stant che i sindics e une part dal mont de informazion e dal associazionisim a àn denunziât chel fat tant che alc di ilegjitim e che no si pues dâi acet in nissune maniere.

A fasin scjas e soredut a fasin vignî i sgrisui – cemût che al ven marcât ancje achì – il cidinôr dai rapresentants de Regjon autonome Friûl-VJ e lis declarazions di tancj politics di chenti, sei di chei che a prometin di «fâ il Vietnam» o che a berlin a fuart dome par fâ sintî che a esistin e par vuadagnâ il titul sui cuotidians locâi, sei di chei che a fevelin in maniere clopadice di «norma madre» e di distinzions cence fondis e cence sens tra «lingue minoritarie» e «lingue di minoranze nazionali» e che cussì a mostrin di no savê o di no capî che la tutele des minorancis e je un principi di fonde dal ordenament talian che al vâl par dutis lis minorancis in maniere compagne.

Propit chel aspiet, là che a vevin mostrât mancjance di ecuilibri in tancj di lôr e tra chescj ancje il guvier Monti cualchi an indaûr, al è stât ricuardât ancje de bande de Cort Costituzionâl, par esempli inte Sentence numar 215, depositade ai 18 di Lui dal 2013, là che si lei che:

«(…) D’altronde, va rilevato che la sollevata questione si colloca in un contesto in cui il riparto delle competenze fra Stato e Regioni si attua attraverso la coesistenza di normative di principio in materia di minoranze linguistiche, che, nella specie, sono dettate dalla norma di tutela di cui all’art. 3 dello statuto di autonomia, nonché dall’art. 2 della legge 15 dicembre 1999, n. 482 (Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche), secondo cui, «In attuazione dell’articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princìpi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l’occitano e il sardo.
La norma impugnata attribuisce alla definizione di «aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche» (di cui all’art. 19, comma 5, del decreto-legge n. 98 del 2011) una portata indiscutibilmente limitativa rispetto a quella originaria contenuta nella norma modificata. Infatti, nel conferire a tale previsione il significato di aree «nelle quali siano presenti minoranze di lingua madre straniera», il legislatore statale determina una rilevante contrazione dell’àmbito applicativo della precedente disposizione (esteso, prima del censurato intervento normativo, alle tre minoranze linguistiche storiche friulana, tedesca e slovena presenti nel territorio della Regione Friuli-Venezia Giulia), che comporta l’impossibilità di ricorrere a tale criterio rispetto ad aree nelle quali la specificità linguistica non è straniera; la qual cosa determina una non giustificata discriminazione della lingua e della comunità friulana e, quindi, un contrasto con il parametro statutario richiamato».

Tal 2009, in ocasion dai prins dîs agns de sô aprovazion, al jere saltât fûr in Sardegne un libri, che o cognossìn avonde ben, dedicât propit ae leç 482/1999 e plui in gjenerâl ae tutele des minorancis linguistichis tal Stât talian.

O vin recuperât lis dôs pagjinis là che si fevele de (mancjade!) metude in vore de Leç 482/1999 intal setôr dal media e dal servizi radiotelevisîf public: si_ses_europeu_pp_229_231.
Al pues jessi util tornâ a leilis, parcè che e a son pardabon di atualitât. Ancje masse.

si_ses_cover

Musiche Babeliche Fuarte di scoltâ e di viodi

sabersysteme

A son bielis gnovis chês che a rivin dal mont de musiche cjantade tes lenghis minorizadis – ma resistentis – de Europe.

Joibe ai 30 di Avrîl a Nashville (Tennessee – USA) e je stade dade fûr la liste dai vincidôrs e dai segnalâts inte edizion 2014 dal International Songwriting Competition.
Tra chescj a son ancje i Saber Système, zovinuts di Poranh, parincj – e no dome in tiermins musicâi – dai Gai Saber, che a àn vût une menzon speciâl te sezion world music cuntun toc dal titul La Libertat, une cjançon che e met dongje eletroniche, rock e sugjestions che a rivin de tradizion des tieris d’Óc cuntun test là che si incorsin l’ocitan, il spagnûl e il francês.

La gnove e je stade dade fûr îr su Onde Furlane inte gnove pontade di Babêl Europe, che si pues scoltâle ancje vuê in repliche a une dopo di misdì, no dome sui 90 Mhz in Friûl ma ancje in rêt
e cu la gnove App, e di doman indenant ancje tal archivi web de radio libare dai furlans.

Copertina video nino-204eb93fc2

Une altre segnalazion, che o cjapìn sù simpri di Babêl Europe, e je chê dal gnûf singul dai sarts Ratapignata.
il so titul al è Nino (Su mali connotu) e al è un omaç ae figure di Antonio Gramsci in forme di cjançon rocksteady, che al è compagnât ancje di un biel video, zirât tra Abas, Casteddu e Turin de bande dai nestri amîs di Eja TV.

E simpri in cont di musiche e lenghis, al merete ancjemò segnalât che in Val di Fasse e je in plen davuelziment la edizion di chest an de Aisciuda Ladina.

aisciuda

 

‘A giru a giru’, Claudia Aru ‘live’ in Friûl e te Italie dal nord

Claudia_Aru

Di usgnot a domenie ai 21 di Setembar la cjantante sarde Claudia Aru, compagnade di Matteo Muntoni al liron e Ivan Melis ae ghitare, e presente dal vîf il so gnûf disc A giru a giru cun cinc concierts ator pe Italie dal nord e pal Friûl.

La iniziative e je interessante par plui resons.
Prin di dut pes cualitâts di Claudia Aru, tant che cjantante e autore, che a saltin fûr ad in plen propit intes cuindis cjançons che si cjatin tal disc che al è jessût ae fin dal an passât  e che lis veve palesadis ancje inte suaze di altris progjets musicâi, a tacâ de preseade cubie electro dub dai Bentesoi, metude adun agns indaûr cun Frantziscu Arrogalla Medda.  I tocs che si cjatin dentri di A giru a giru, che tai mês passâts a son jentrâts inte programazion di Radio Onde Furlane e in particolâr in chê de trasmission Babêl, Europe, a fasin indenant une biele misture di cjançon di autôr, folk, blues e swing. Cercis dal disc si puedin scoltâ e viodi achì.

Cun di plui la tournee e je inmaneade de bande de associazion Brincamus  – che e je la gnove ‘muse’ operative dal progjet Brinca, metût adun di un trop di zovins di dignince sarde propit cun chê di puartâ ator la gnove produzion musicâl e culturâl de Sardegne – e de FASI , la federazion dai circui dai sarts ator pal Stât talian. Un biel esempli di colaborazion tra circui de emigrazion, cuntune atenzion specifiche pai plui zovins, pai lôr interès e pal lôr protagonisim atîf tal associazionisim, e altris sogjets, a tacâ de Nootempo Indie Factory.

Il tour al tache usgnot li dal circul Ichnusa di Mestre. Ai 18 di Setembar Claudia Aru e sarà in Cjargne, li dal circul sart di Tumieç, intant che vinars ai 19 e fasarà il so spetacul a Udin li dal MissKappa.
Sabide ai 20 e sarà la date plui dongje di Turin, li dal circul ‘Su Nuraghe’ di Alessandria. Ultin apontament tal circul FASI di Bologne ai 21.
Ducj i conciert a son a jentrade libare e a tachin sù par jù a 9 e mieze di gnot.

Suns 2013, il premi dal public ai Luna e Un Quarto

lunabisOk

Sabide ai 9 di Novembar a Moena, in Val di Fasse, te Ladinie dolomitane, si à davuelte la edizion 2013 di Suns, il festival de cjançon tes lenghis minoritariis de Europe alpine e mediteranie.
La manifestazion e je stade une gnove ocasion là che la musiche furlane si à fate preseâ e si à confermade tant che alc in stât di rapresentâ inte maniere miôr il Friûl: chel vêr, che si met in relazion cul mont, che al mostre la muse e la lenghe e che propit par chest al è atratîf e interessant.

Il merit al è dai Luna e Un Quarto, band di Muçane che za di un pôcs di agns si fâs preseâ pal sô miscliç di rock, blues, folk e cjançon di autôr e che e jere tra i nûf finaliscj dal concors.
Il grup al à cjapât il premi dal public e, di ce che si conte e si lei ator, al è rivât dongje a cjapâ ancje il premi de jurie.

Chest ricognossiment al è stât dât al cuartet sart ForeFingers Up!, che al à presentât un biel toc, tra funk, soul e hip hop, che il so titul al è “Sa Luxe e’ su Soli”. Plui in gjenerâl la serade e je stade
di buine cualitât sei pes propuestis musicâls che pe clime di fieste e pe atmosfere positive, là che a son saltadis fûr la fuarce e la vivarositât di lenghis, culturis e creativitât.

Lenghis vivis par musichis vivis.

Une gnove de Sardegne. Ancjemò: good morning Sardinia (????)

einstein

Une biele gnove che e rive de Sardegne. E je une storie che e conte di afermazion positive di identitât e dirits di fonde, di insegnants che a àn sintiment e di une scuele che e je in stât di fâ pardabon il so mistîr di scuele, ancje se dome in maniere ecezionâl.

Magari cussì no, cjalantsi ator, e somee la classiche biele ecezion che e conferme une regule negative: une normalitât normalmentri anomale, là che i dirits a son une concession e une ecezion e nol somee jessi sperance e avignî, tra prejudizis, lûcs comuns e ignorance che a cressin.

In cualsisedi maniere e je une bugade di aiar bon e di otimisim pal avignî, propit intun moment là che, par esempli in cont di Friûl e furlan a scuele, dopo dal ultin an scolastic, l’aiar che al tire al è simpri piês.

Al è ancje par chest che o vin tornât a meti sù chel stes titul za doprât intune altre ocasion, simpri in cont di Sardegne e lenghe sarde. Ancje se no podìn dismenteâ che al tocje zontât alc altri, magari cualchi pont di domande.

La gnove si pues leile achì.

Zornade de femine, paritât ducj i dîs

8diMarç2013

Vuê e je la Fieste de femine o, miôr, la Zornade internazionâl de femine.

E je un ocasion par resonâ parsore de cundizion des feminis in dut il mont, sei in cont des concuistis sociâls, politichis e e conomichis des feminis che su dut ce che al tocje lis discriminazions, lis violencis e lis violazions che a son ancjemò in dì di vuê.

La riflession e cjate tal lunari une sô zornade specifiche, ancje se al è clâr che la zornade dai dirits e duncje dal rispiet, de libertât e de paritât tra om e femine e à di jessi ducj i dîs.

Cun cheste cjaladure, pai 8 di Març al merete dât un cuc al sît tematic dal Comun di Turin dedicât ae partitât, là che tra lis altris si cjate ancje il program dai events in program in chescj dîs in citât e no dome chel. Un spazi informatîf di tignî di voli ducj i dîs.

In cont di paritât e dirits, al è interessant viodi cemût che, magari cussì no, une vore dispes tes comunitâts linguistichis minorizadis lis feminis a patissin une dople minorizazion: chê di gjenar e chê linguistiche e culturâl. Al è ce che al salte fûr, par esempli in Sardegne, di un scandai sociolinguistic fat un pôcs di agns indaûr, che al ven ricuardât ancje di Roberto Bolognesi tal so blog.

A proposit di lenghe sarde e di dople minorizazion, al è interessant ce che al scrîf Pepe Coròngiu in ocasion dai 8 di Març: un invît aes feminis a doprâ la lenghe sarde tant che forme di liberazion.

Lu publichìn par sart, te sô version origjinâl:

« Fèminas, s’oto de martzu torrade a faeddare in sardu. Unu pagu nessi. Liberade.bos dae s’òbligu de èssere semper “carine” e de non pòdere impreare sa limba de sos grezos. Iscapiade.bos.
Torrare a faeddare in sardu est una liberatzione non petzi polìtica e sotziale, ma finas individuale e de gènere.
Sas fèminas difatis ant patidu prus de is òmines s’impositzione linguìstica de s’italianu ca depiant èssere a mala bògia belligheddas, allichididas, ‘carine’, e non depiant faeddare su sardu, sa limba de is ‘grezos’ assugetados.
In prus de sa prepotèntzia natzionalista, cussa de sos mascros.
Ite liberatzione e emantzipatzione mègius de torrare a faeddare sa limba proibida?»

La Zornade de femine e ven memoreade ancje in Friûl. Tra lis tantis iniziativis, ve chi une segnalazion: a Colorêt di Montalban il teatri sperimentâl di Vile e la associazion El Tomât a inmanein pai 8 di Març a 8 e trê cuarts sot sere une serade dedicade ae scritore Maria Forte, «femine furlane fûr dal ordenari».

Good morning Sardinia!

si_ses_europeu

Intant che tes Asturiis al jere il Liet International,
in Sardegne a jerin daûr a fâ la Conference regjonâl su la lenghe sarde.

Une ocasion par fâ il pont de situazion e par fâ une biele
scuvierte che e sdrume jù prejudizis e mistificazions.
Ve chi ce che al conte Vito Biolchini tal so blog:
Incredibile ad Aggius! Se un cagliaritano e un ozierese parlano tra di
loro in sardo, si capiscono senza traduttore simultaneo! Bilinguismo
subito!