In sardu e par furlan? Mai dire Rai (Ancjemò une volte)

monoscopiorai

Vinars ai 31 di Lui il Senât al veve fat bon il dissen di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public. In chê ocasion i senatôrs e il guvier a vevin dismenteât une altre volte la esistence de Leç 482/1999, i impegns internazionâi che a divegnin de ratifiche de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate daûr de Leç 302/1997, e il fat che la tutele des minorancis linguistichis e je un principi di fonde dal ordenament talian, che al vâl compagn par dutis lis comunitâts.

Îr chel stes dissen di Leç al è rivât ae Cjamare. Si spietavisi che al cambiàs alc, stant che pocjis setemanis indaûr al jere stât presentât un emendament de bande di cuatri deputâts elets in Friûl, che al veve chê di comedâ chê dismenteance, che in realtât e je il spieli di une situazion che e met dongje vecjos prejudizis, ignorance e mancjance di rispiet des leçs, dai dirits e de stesse Costituzion.

Magari cussì no, chel emendament al è stât ritirât e altris, sù par jù compagns, che a jerin stâts fats indenant de bande di diviers parlamentârs elets in Sardegne, no son stâts fats bogns.
Cussì il dissen di leç al continue a fâ fîs e fiastris tra lis minorancis, daûr di une distinzion cence nissune fonde juridiche tra presumudis «minoranze nazionali», che a varessin di valê di plui, e altris «minoranze linguistiche storiche», che a impen a saressin «minorancis di serie B».

Su la cuistion o vevin scrit alc za achì e achì.

In rêt o vin cjatât ancje chest articul che al conte cemût che e je lade ae Cjamare – al è dome un ordin dal dì che al impegne il guvier a fâ alc – e cemût che la cuistion e je stade frontade de bande de plui part dai politics e dai media locâi in Friûl, tant a dî il nuie che al ven fat passâ tant che un grant sucès: Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs.

cjamare

Par completece di informazion, o zontìn ancje il comunicât pe stampe dât fûr di Diego Navarria, sindic di Cjarlins e president de Assemblee de comunitât linguistiche furlane:

Se uno si affidasse solo ai titoli del Messaggero Veneto di oggi potrebbe pensare che finalmente ci sia stata una grande apertura alle trasmissioni in friulano in Rai da parte di Roma.
Purtroppo non è così. La legge di riforma della Rai è passata alla Camera ma senza le trasmissioni in lingua friulana! Questa è la verità!

Contrariamente agli impegni che i deputati friulani si erano pubblicamente assunti dopo la mia denuncia sul silenzio dei nostri senatori, la legge nemmeno menziona la lingua friulana.
I deputati avrebbero dovuto rimediare al testo approvato dal Senato che prevedeva trasmissioni solo in lingua francese in Valle d’Aosta, tedesca e ladina in Trentino -Alto Adige e slovena in Friuli-Venezia Giulia, ma così non è stato.

Si tratta di una grave ingiustizia da parte del parlamento e della maggioranza che la settimana scorsa non ha recepito in commissione l’emendamento correttivo presentato dall’ on. Malisani e poi non ha approvato quello presentato dall’ on. Gigli in aula.

Non ci si può accontentare di aver fatto approvare un ordine del giorno che impegna il governo a provvedere in futuro. La lingua friulana doveva essere in legge avendo la stessa dignità delle altre lingue minoritarie già presenti in RAI, dignità riconosciuta dalla Costituzione, dalle leggi dello Stato e dell’Europa. Perché non è stato fatto? Perchè chi ci rappresenta non pretende il rispetto dei diritti della minoranza più grande presente? E l’amministrazione regionale come si è mossa?

Vi è poi nell’articolo di Davide Vicedomini una brutta affermazione che forse è la madre del mancato inserimento del friulano in RAI da parte della Camera: si parla di differenza nel nostro ordinamento tra minoranze cosiddette “nazionali” e minoranze storiche.

Utilizzare questi termini vuol dire non aver chiaro quanto dispongono le norme, dove questa differenza non esiste, e creare discriminazione tra persone che hanno gli stessi diritti riconosciuti dalla Costituzione. Ora non rimane altro che ricorrere alla Corte Costituzionale.

Diego Navarria
Presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana

Advertisements

Furlan in Rai, presentât un emendament ae Cjamare dai deputâts

monoscopiorai

Cuatri parlamentars elets in Friûl a àn presentât une emendament ae Cjamare par che si corezi il dissen di leç di riforme dal servizi radiotelevisîf public, fat bon dal Senât ai 31 di Lui, in maniere che e vegni metude in vore finalmentri la Leç 482/1999 e che a sedin garantidis pardabon lis trasmissions radiofonichis e televisivis par furlan.
E je une biele gnove e soredut al è alc che, cun rispiet pe Costituzion de Republiche taliane e par chel principi di fonde che si cjate tal so articul 6, al coventave fat.

Viodarìn cemût che e larà indenant la cuistion e se l’emendament al vignarà fat bon, cemût che al sarès just.
Par intant, cjalant la maniere che la stampe e da cont de iniziative dai deputâts, no si pues fâ di mancul di notâ une cierte confusion terminologiche: tra lis «lingue minori», lis «minoranze nazionali» e la contraposizion tra «cosiddette minoranze nazionali» e «minoranze linguistiche storiche».

Probabilmentri, plui che dal emendament, al dipent di cui chel a scrîf sui gjornâi. Cundut achel al merete precisât che no esist nissune contraposizion tra «cosiddette minoranze nazionali» e «minoranze linguistiche storiche», stant che pal ordenament talian a son dutis «minoranze linguistiche» (art. 6 de Costituzion) e, daûr de leç 482/1999, «minoranze linguistiche storiche».

Cun di plui, stant chel la Repubbliche taliane e à ratificât ancjemò tal 1997 la Convenzion quadri pe protezion des minorancis nazionâls, dutis lis «minoranze linguistiche» o
«minoranze linguistiche storiche» si pues calcolâlis, justamentri, «minoranze nazionali».

Propit inte suaze dai impegns cjapâts sù de bande dal Stât talian cun chê ratifiche (Leç 302/1997) si cjate la garanzie di tutele des minorancis – di dutis – ancje tal cjamp dai media e in particolâr dal  servizi radiotelevisîf public.
Par chel il Consei de Europe, cu lis ‘Opinions’ (o ‘Avîs’) prontadis de bande dal Comitât di esperts che al verifiche ogni cinc agns la situazion de metude in vore dai contignûts de Convenzion e soredut cu lis Risoluzions dal so Comitât dai Ministris, al à za marcât in plui ocasions la necessitât che a sedin metûts in vore l’articul 12 de Leç 482/1999 e l’articul 11 dal so regolament di atuazion (DPR 345/2001), che in cont de tutele des minorancis tal servizi radiotelevisîf public a fevelin une vore a clâr.

Al va ben ricuardâ la Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis, firmade ma ancjemò no ratificade de bande dal Stât talian, ma no si pues fâ di mancul di tignî cont di chê altre Convenzion.
E no dome cun chê di fâ di mancul di colâ te vuate de confusion terminologjiche.

In sardu e par furlan? Mai dire Rai

monoscopiorai

Vinars ai 31 di Lui il Senât al à fat bon il progjet di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public.

Al somee che i senatôrs e il guvier a vedin dismenteât une altre volte la esistence de Leç 482/1999, i impegns internazionâi che a divegnin de ratifiche de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate daûr de Leç 302/1997, e il fat che la tutele des minorancis linguistichis e je un principi di fonde dal ordenament talian, che al vâl compagn par dutis lis comunitâts.

Cussì, cun dut des previsions claris che in cont de cuistion si cjatin te Leç 482/1999 (articul 12) e tal DPR 345/2001 (articul 11), tal test che al è passât te aule dal palaç Madama a mancjin i riferiments ae presince de plui part des lenghis minoritariis e in particolâr de lenghe furlane e de lenghe sarde.

La cuistion, ancje se cuntun pôc di intart, e à fat avonde scjas in Friûl, stant che i sindics e une part dal mont de informazion e dal associazionisim a àn denunziât chel fat tant che alc di ilegjitim e che no si pues dâi acet in nissune maniere.

A fasin scjas e soredut a fasin vignî i sgrisui – cemût che al ven marcât ancje achì – il cidinôr dai rapresentants de Regjon autonome Friûl-VJ e lis declarazions di tancj politics di chenti, sei di chei che a prometin di «fâ il Vietnam» o che a berlin a fuart dome par fâ sintî che a esistin e par vuadagnâ il titul sui cuotidians locâi, sei di chei che a fevelin in maniere clopadice di «norma madre» e di distinzions cence fondis e cence sens tra «lingue minoritarie» e «lingue di minoranze nazionali» e che cussì a mostrin di no savê o di no capî che la tutele des minorancis e je un principi di fonde dal ordenament talian che al vâl par dutis lis minorancis in maniere compagne.

Propit chel aspiet, là che a vevin mostrât mancjance di ecuilibri in tancj di lôr e tra chescj ancje il guvier Monti cualchi an indaûr, al è stât ricuardât ancje de bande de Cort Costituzionâl, par esempli inte Sentence numar 215, depositade ai 18 di Lui dal 2013, là che si lei che:

«(…) D’altronde, va rilevato che la sollevata questione si colloca in un contesto in cui il riparto delle competenze fra Stato e Regioni si attua attraverso la coesistenza di normative di principio in materia di minoranze linguistiche, che, nella specie, sono dettate dalla norma di tutela di cui all’art. 3 dello statuto di autonomia, nonché dall’art. 2 della legge 15 dicembre 1999, n. 482 (Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche), secondo cui, «In attuazione dell’articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princìpi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l’occitano e il sardo.
La norma impugnata attribuisce alla definizione di «aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche» (di cui all’art. 19, comma 5, del decreto-legge n. 98 del 2011) una portata indiscutibilmente limitativa rispetto a quella originaria contenuta nella norma modificata. Infatti, nel conferire a tale previsione il significato di aree «nelle quali siano presenti minoranze di lingua madre straniera», il legislatore statale determina una rilevante contrazione dell’àmbito applicativo della precedente disposizione (esteso, prima del censurato intervento normativo, alle tre minoranze linguistiche storiche friulana, tedesca e slovena presenti nel territorio della Regione Friuli-Venezia Giulia), che comporta l’impossibilità di ricorrere a tale criterio rispetto ad aree nelle quali la specificità linguistica non è straniera; la qual cosa determina una non giustificata discriminazione della lingua e della comunità friulana e, quindi, un contrasto con il parametro statutario richiamato».

Tal 2009, in ocasion dai prins dîs agns de sô aprovazion, al jere saltât fûr in Sardegne un libri, che o cognossìn avonde ben, dedicât propit ae leç 482/1999 e plui in gjenerâl ae tutele des minorancis linguistichis tal Stât talian.

O vin recuperât lis dôs pagjinis là che si fevele de (mancjade!) metude in vore de Leç 482/1999 intal setôr dal media e dal servizi radiotelevisîf public: si_ses_europeu_pp_229_231.
Al pues jessi util tornâ a leilis, parcè che e a son pardabon di atualitât. Ancje masse.

si_ses_cover

Friûl@Europe, vinars ai 27 a Udin si fevele di dirits linguistics e tutele

Friul@EuropeXdoc

Une gnove ocasion par fâ il pont de situazion su lenghis, dirits e tutele, tra Friûl e Europe. E je chê che e ven ufierte de taule taronde dal titul Friûl@Europe che si tignarà a Udin ai 27 di Març tal dopomisdì.

L’incuintri, che si insuaze tal modul Jean Monnet MuMuCEI (Multilingualism, Multicultural Citizenship and European Integration) de Universitât dal Friûl, al met dongje studiôs, rapresentants istituzionâi e esponents de societât civîl che a fasin part des comunitâts di lenghe furlane, slovene e todescje de regjon Friûl-VJ.

La taule taronde di Udin e rive intun moment une vore particolâr, a doi dîs dal inovâl (che al cole vuê) de firme dai Tratâts di Rome dal 1957 e soredut intant che il Senât al è daûr a tornâ a discori de ratifiche taliane de Cjarte europeane del lenghis regjonâls.

Cun di plui la cunvigne e conferme cemût che cirî la Europe al vûl dî cirî e cjatâ il Friûl, che al è une part di chê Europe che e je e che e vûl jessi «unide inte diversitât».

Dentri dal program de taule taronde si fasarà ancje la presentazion dal libri  Lingue, diritti, cittadinanza / Languages, rights, citizenship: Friuli-Venezia Giulia, Italia, Europa, Mediterraneo.

 

cover_libri

 

Tutele des minorancis, il Comitât 482 al fâs sintî la vôs dal Friûl a Rome

lengate1

Il Friûl al mostre la lenghe e al fâs sintî la sô vôs a Rome in cont de tutele des minorancis e dai dirits lingusitics de sô int. Martars ai 16 di Setembar, a Rome, li dal Senât de Republiche taliane al è stât un incuintri tra une delegazion espression des comunitâts di lenghe furlane, slovene e todescje dal Friûl e des istituzion di chenti e il senatôr Francesco Palermo, prin firmatari dal gnûf disen di leç di ratifiche de Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis.

Vie pal incuintri, inmaneât de bande dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482, che al à vuidât la delegazion cu la professore Silvana Schiavi Fachin, si à fevelât dai problemis che a son inte metude in vore de Leç 482/99 e dai contignûts dal disen di leç di ratifiche de Carte europeane.

A son stadis frontadis ancje lis cuistions che a tocjin la formazion dai insegnants di e in lenghe minoritarie, il ricognossiment des lôr competencis, la gnove riforme dal Titul V de Costituzion e la atribuzion ae Regjon Friûl-VJ de competence primarie in cont de istruzion. Par une regjon speciâl, che e je tâl par vie de rilevance de presince di citadins che la lôr lenghe e je diferente di chê taliane, e covente une scuele speciâl, che e sedi in stât di dâ garanziis ai siei citadins dal dirit ae istruzion te lenghe proprie e tes lenghis dal teritori.

Al incuintri e je intervignude ancje al presidente de Regjon Friûl-VJ, Debora Serracchiani.

La iniziative e somee jessi stade plui concrete di altris sù par jù compagnis cjapadis sù cualchi an indaûr. Cun dut achel il so impat si podarà valutâlu dome denant di risultâts concrets che a tocjin lis competencis de Regjon tal cjamp de istruzion e lis risorsis e lis azions a pro di di une presince normâl des lenghis furlane, slovene e todescje tes scuelis, tai media e te vite publiche.

In cont de ratifiche de Carte europeane de bande dal Stât talian, al è impuartant che cheste ‘pratiche’ e vegni sierade,  ma soredut al covente che la ratifiche e sedi une ratifiche buine, ven a dî che i impegns cjapât sù a sedin almancul ai nivei di intervent previodûts des leçs statâls 482/1999 e 38/2001.
Su chest argoment al merete ricuardât che il Stât talian al à za ratificade, ancjemò tal 1997, une altre convenzion dal Consei di Europe su la tutele des minorancis –  la Convenzion di suaze pe protezion des minorancis nazionâls – ma magari cussì no al stente une vore tal rispietâ i impegns cjapâts sù.

Altris informazions in cont dal incuintri dai 16 di Setembar si cjatin achì, achì e achì.

L’inovâl dal Vaiont e altris robis che a fasin vaî (e pensâ)

vajont

Le clamin catastrofe, tragjedie, disastri. A cincuante agns di chê sere dal 1963 no si cjatin ancjemò lis peraulis justis par definî ce che al è sucedût tal Vaiont. Un cjanâl strent, cun carateristichis gjeologjichis particolârs dulà che e je stade fate une dighe grandonone e si à creât un lâc artificiâl. Un slac colossâl e une masse di tiere e di aghe che e scjavace chê dighe, che e cope doimil personis e che e scancele paîs, cjamps, boscs, storiis e int. Il svindic de nature cuintri de arogance dal om o il risultât stes de onipotence dai oms che a àn chê di vuadagnâ cence cjalâ nuie e nissun? Par sigûr no il câs.

A son passâts cincuante agns e chê feride e je ancjemò vierte. In chescj dîs, l’inovâl ‘taront’ al stice plui di une riflession in cont di ce che al è sucedût e al varès di fâ pensâ parsore ancje di ce che al sarès miôr che nol sucedi ancjemò. Nus somee impuartant ancje a nô di pensâi parsore, par plui motîfs e no dome parcè che al è alc che al è sucedût intune part di un toc di Europe e di Mont che si clame Friûl (cun di plui i siei efiets a àn tocjât a fuart ancje Longarone e chê part dal cjanâl de Plâf…).
Par chest o segnalìn alc in cont di cheste cuistion, a tacâ di chel lavôr fat agns indaûr di Marco Paolini e Gabriele Vacis, che si pues viodilu achì.
In rêt si cjatin ancje diviers sîts di informazion e documentazion. Par esempli: www.fondazionevajont.org e www.vajont.net
.
Une ocasion di riflession e je ancje chê proponude achì.

Nol è l’unic acjadiment che al fâs vignî i sgrisui, che al fâs vaî, che al fâs pensâ.
A nd è almancul un ogni dì. Un altri esempli – e ancje chest nol è par sigûr fi dal câs – al è chel di Lampedusa. La robe nus interesse parcè che e tocje argoments che par nô a son impuartantons: lis migrazions e la Europe. Di un ciert pont di viste, almancul daûr des reazion che si son vudis ator pal Stât talian, chê tragjedie e segne un svolt, un cambiament, cemût che al ven marcât ancje achì. Viodarìn.
Nus plâs segnalâ un pâr di coments sul argoment: un furlan e un sart.

lengate

Un altri argoment di atualitât, tai dîs passâts in Friûl, al tocje lis imprecisions – clamìnlis cussì – che si cjatin su cierts libris di scuele, in cont propit dal Friûl, de sô storie, dal so teritori e des sôs lenghis (e in particolâr di chê furlane). Erôrs e falopis che a palesin une cierte tindince a fâ lis robis cence badâi masse (che e sedi une dighe, che e sedi une leç o che al sedi un libri al è compagn) e che a son dome la ponte di un iceberg di un percors (di un progjet?) di dineament, di alienazion e di mistificazion, cemût che al ven sclarît achì e achì.
In chest câs – almancul in cont dal Soave tant che vin furlan – al sarès ancje ce ridi. Par sigûr, in gjenerâl, al è ce pensâi parsore.

The Day(s) After

I rivocs de prime Conference regjonâl
su la tutele de minorance linguistiche furlane,
davuelte sabide a Udin, a rivin ancje a Turin.

Ve chi ce che al scrîf sul argoment Sandri Carrozzo:
http://www.sandricarrozzo.blogspot.it/2012/11/la-cunvigne-plui-penose-che-o-vedi.html.

E ce che al salte fûr sul blog dal Comitât pe autonomie e pal rilanç dal Friûl:
http://comitat-friul.blogspot.it/2012/11/verso-un-nuovo-paradigma-nella-politica.html#comment-form.

Conference regjonâl su la tutele de minorance linguistiche furlane

Vuê si davuelç a Udin la prime Conference regjonâl su la tutele
de minorance linguistiche furlane.

E varès di jessi une ocasion par fâ il pont de situazion su la metude in vore
de Leç regjon
âl 29/2007 su la tutele, la promozion e la valorizazion de lenghe furlane.
Al è il pericul che al sedi dome un moment di propagande eletoralistiche.

Par sghindâ chest pericul e cjalâ in muse le realtât, o segnalìn
il comunic
ât dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482,
che al ten dongje associazions e altris entit
âts des comunitâts
furlane, slovene e gjermaniche dal Fri
ûl.

Lu cjatais achì: http://com482.blogspot.it/2012/11/cemut-sino-cu-la-metude-in-vore-de-lec.html.