25 di Avrîl, fieste virtuâl e memorie vive

Udin25diAvril2015

Vuê e je la zornade dai 25 di Avrîl. Cul passâ dal timp al devente simpri plui  plui impuartant memoreâ la Fieste de Liberazion. Cul aiar che al tire, ator par Stât talian e ancje inaltrò, al è impuartantons jessi “plens” di memorie in cont di ce che al è stât, di cui che al à fat ce e parcè e cemût e duncje “plens” di cussience storiche, civiche e democratiche.

Resistence, Liberazion, Costituzion, Democrazie no son – e no àn di jessi – peraulis vueidis. No je dome une cuistion di memorie storiche, che magari cussì no e ven mistificade simpri plui de bande di tancj di lôr, che a volaressin fâ un messedot jenfri lote di liberazion e vueris di agression e di ocupazion. E je ancje – e soredut – une cuistion di cussience e di sensibilitât civiche, sociâl, politiche e umane.
Cognossi e ricuardâ al vûl dî savê, capî e stâ in vuaite, pronts a fâi cuintri al fassisim e al nazisim, in dutis lis lôr manifestazions, e duncje a dutis chês formis di bausie, di injustizie, di prevaricazion, di violence, di intolerance, di razisim, di fanatisim nazionalist che a tornin a fâsi indenant.

Memorie, cognossince, cussience e atenzion che a valin par ducj ma salacor ancjemò di plui  pal Friûl che al è in Friûl e par chel che al è pal Mont. Parcè che il Friûl al à patît in maniere particolâr il fassisim, il fassisim che al jere za prime dal regjim fassist e chel che in cualchi forme al è restât ancje dopo de Liberazion. E parcè che ancje in Friûl in tancj i àn fat cuintri al fassisim, intes sôs diviersis espressions.

Magari cussì no, chest an si scuen fâ fieste pai 25 di Avrîl dome in maniere virtuâl, doprant internet, cemût che al sucêt par esempli a Turin e in Friûl, o ben leint alc di sest in cont di chê storie.  No si cjatisi in place e par sigûr al displâs, ma chest fat nol pues fâ lâ al mancul in sens profont de fieste pai 25 di Avrîl: vê la cussience di stâ in vuaite e jessi pronts, ognidun, a puartâ indenant la nestre Resistence di ogni dì.
Par chel, ancje se in maniere divierse, fâ fieste pe Resistence e pe Liberazion al è un dirit e salacor ancje un dovê.

Un dovê di memorie e di ricognossince par cui che al à lotât cuintri dal fassisim e dal nazisim.
Un dovê di atenzion e di cussience in direzion di ce che al sucêt tal mont e ta chês piçulis parts di mont là che si cjatìn a vivi. Un dovê di solidarietât cun cui che achì o inaltrò al lote, al scombat e al resist.

Buine zornade dai 25 di Avrîl, fieste civiche taliane, fieste furlane, fieste europeane, fieste umane.

Buine Resistence.

Partigjans

Mandi, prof. De Mauro, om di culture e amì dal Friûl, dal furlan e dai furlans

foto_large

Al è muart Tullio De Mauro, il linguist talian plui innomenât e plui impuartant almancul a tacâ de seconde metât dal Nûfcent.
La brute gnove le vin lete cualchi ore indaûr, compagn di tancj altris, sul sît di Internazionale, il setemanâl di informazion e di aprofondiment direzût di so fì Giovanni.

Il professôr De Mauro al veve otantecuatri agns e al à insegnât tes universitâts di Napoli, Chieti, Palermo, Salerno e Rome. Alì de Sapienza par trente agns al è stât docent di Filosofie dal lengaç e po di Linguistiche gjenerâl. Al à fat e coordenât un grum di progjets di ricercje e al è stât autôr di une sdrume di publicazions. Jenfri lis oparis che a puartin la sô firme a son la innomenade Storia linguistica dell’Italia unita, la Storia linguistica dell’Italia repubblicana e il Dizionario italiano dell’uso.

storia-linguistica-dellitalia-repubblicana-dal-1946-ai-nostri

Cun di plui, lant daûr dai siei studis su lis lenghis, al à palesât une atenzion gradonone pe culture in gjenerâl e duncje pe int, pes personis che lis lenghis lis doprin, lis imparin, lis scrivin, lis lein, o che a volaressin fâlu, ma no rivin, par vie di plui motîfs.
Cheste atenzion e chest interès a àn cjapât sùù ancje la forme de cussience civiche e dal impegn politic, che lu à puartât a deventâ Conseîr e Assessôr regjonâl tal Lazi tai agns Setante dal secul passsât e Ministri de istruzion tra il 2000 e il 2001.

I siei interès sientifics, culturâi e politics lu àn puartât a vê a ce fâ in plui ocasion cul Friûl, cu la sô pluralitât linguistiche, cu la lenghe furlane e duncje cui furlans, o almancul cun tancj di lôr, impegnâts tal cjamp de difese e de promozion dal furlan tant che patrimoni culturâl, dirit di fonde e oportunitât educative, formative, sociâl e economiche.

A tacâ dai prins agns Setante dal secul stât fintremai a pocjis setemanis indaûr si puedin vualmâ diviersis formis di contats, di confronts e di colaborazions jenfri De Mauro e il mont furlan. La prime ocasion e je stade la iniziative dal parlamentâr comunist Mario Lizzero, che ju veve coinvolzûts lui e il jurist Alessandro Pizzorusso par viodi di fâ alc a pro de metude in vore in concret dal articul 6 de Costituzion de Republiche taliane, par che la tutele des minorancis linguistichis e fos garantide par dutis chês comunitâts, indipendentementri de esistence o mancul di acuardis internazionâi e duncje di un «stât santul» di chê altre bande dal confin.

GDBTF

Ator de seconde metât di chel deceni al jere stât ancje cualchi furlan che, in non de democrazie linguistiche, al veve marcât cualchi ambiguitât des posizions che in chê volte a vignivin clamadis de «linguistiche democratiche» fatis indenant de bande dal mont academic plui viert e plui iluminât. La cuistion e veve cjatade une sô sintesi cualchi an plui indenant e za vie pai agns Otante e ancjemò di plui dopo de jentrade in vore de leç regjonâl 15/1996 e duncje cul inviament di une politiche linguistiche positive a pro dal furlan.
Di in chê volte Tullio De Mauro al è stât un interlocutôr impuartant, massime pe progjetazion e pe realizazion dal Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan (GDBtf), che di chel al è stât consulent sientific e autôr de jentrade di une sô version su cd rom tal 2005, cence dismenteâ la sô cualificade partecipazion ae presentazion de sô version su cjarte fate a Udin ai 29 di Otubar dal 2011.

Par dut ce che al à fat e ancje su la fonde dai contats personâi che cualchidun di noaltris al à vût cun lui, preseant lis sôs cualitâts sientifichis e umanis, si permetìn di ricuardâlu e di saludâlu: mandi, professôr De Mauro, om di culture e di sience e amì de diversitât linguistiche e par chel ancje amì dal Friûl, dal furlan e dai furlans.

libri_stolfo_arfe

L’inovâl dal Vaiont e altris robis che a fasin vaî (e pensâ)

vajont

Le clamin catastrofe, tragjedie, disastri. A cincuante agns di chê sere dal 1963 no si cjatin ancjemò lis peraulis justis par definî ce che al è sucedût tal Vaiont. Un cjanâl strent, cun carateristichis gjeologjichis particolârs dulà che e je stade fate une dighe grandonone e si à creât un lâc artificiâl. Un slac colossâl e une masse di tiere e di aghe che e scjavace chê dighe, che e cope doimil personis e che e scancele paîs, cjamps, boscs, storiis e int. Il svindic de nature cuintri de arogance dal om o il risultât stes de onipotence dai oms che a àn chê di vuadagnâ cence cjalâ nuie e nissun? Par sigûr no il câs.

A son passâts cincuante agns e chê feride e je ancjemò vierte. In chescj dîs, l’inovâl ‘taront’ al stice plui di une riflession in cont di ce che al è sucedût e al varès di fâ pensâ parsore ancje di ce che al sarès miôr che nol sucedi ancjemò. Nus somee impuartant ancje a nô di pensâi parsore, par plui motîfs e no dome parcè che al è alc che al è sucedût intune part di un toc di Europe e di Mont che si clame Friûl (cun di plui i siei efiets a àn tocjât a fuart ancje Longarone e chê part dal cjanâl de Plâf…).
Par chest o segnalìn alc in cont di cheste cuistion, a tacâ di chel lavôr fat agns indaûr di Marco Paolini e Gabriele Vacis, che si pues viodilu achì.
In rêt si cjatin ancje diviers sîts di informazion e documentazion. Par esempli: www.fondazionevajont.org e www.vajont.net
.
Une ocasion di riflession e je ancje chê proponude achì.

Nol è l’unic acjadiment che al fâs vignî i sgrisui, che al fâs vaî, che al fâs pensâ.
A nd è almancul un ogni dì. Un altri esempli – e ancje chest nol è par sigûr fi dal câs – al è chel di Lampedusa. La robe nus interesse parcè che e tocje argoments che par nô a son impuartantons: lis migrazions e la Europe. Di un ciert pont di viste, almancul daûr des reazion che si son vudis ator pal Stât talian, chê tragjedie e segne un svolt, un cambiament, cemût che al ven marcât ancje achì. Viodarìn.
Nus plâs segnalâ un pâr di coments sul argoment: un furlan e un sart.

lengate

Un altri argoment di atualitât, tai dîs passâts in Friûl, al tocje lis imprecisions – clamìnlis cussì – che si cjatin su cierts libris di scuele, in cont propit dal Friûl, de sô storie, dal so teritori e des sôs lenghis (e in particolâr di chê furlane). Erôrs e falopis che a palesin une cierte tindince a fâ lis robis cence badâi masse (che e sedi une dighe, che e sedi une leç o che al sedi un libri al è compagn) e che a son dome la ponte di un iceberg di un percors (di un progjet?) di dineament, di alienazion e di mistificazion, cemût che al ven sclarît achì e achì.
In chest câs – almancul in cont dal Soave tant che vin furlan – al sarès ancje ce ridi. Par sigûr, in gjenerâl, al è ce pensâi parsore.