Dai 14 ai 19 di Avost il Rototom Sunsplash su lis frecuencis di Radio Onde Furlane

Al è timp di Rototom Sunsplash, no dome a Benicassim, tal Paîs Valenzian, ma ancje su lis frecuencis di Radio Onde Furlane. Ae edizion 2017 de manifestazion reggae plui impuartante de Europe, che e je tacade sabade ai 12 di Avost e che e larà dilunc fintremai a sabide ai 19, si podarà stâi daûr ancje cu la radio libare dai furlans.

Lunis ai 14 di Avost, cul prin colegament in direte, di vot e mieze sot sere fintremai ae buinore di martars, il public di Onde Furlane al podarà gjoldi almancul in part des buinis vibrazions afrogjamaicanis dal innomenât festival.

Chê stesse esperience e vignarà garantide tes seradis seguitivis fin ae fin di chê manifestazion, nassude in Friûl tal 1991, che dal 2013 si davuelç tal Stât spagnûl. A tacâ di siet sot sere e vie par dute la gnot il palinsest di Onde Furlane i darà spazi ae conession in direte cul festival e cun Radio Rototom.

Cun di plui, di miercus ai 16 di Avost, si vierzarà un altri barcon informatîf dedicât al Rototom Sunsplash, in direte a misdì mancul un cuart e in repliche a siet mancul vincj sot sere, dentri de rubriche Ce fâ, cul diretôr de emitente, Mauro Missana, che di Benicassim al darà cont di ce che al sucêt tal festival, tra concierts e altris events dal program.

Advertisements

Di Gwenno a Gwennyn, su Onde Furlane une gnove pontade di Babêl Europe

Doman al è martars e a 11 a buinore su Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl contemporanie tes lenghis minorizadis dal continent.

La prime pontade avostane di chest an, che si podarà scoltâle in repliche ancje miercus ai 9 a une dopo di misdì e sabide ai 12 a une e mieze, simpri dopo di misdì, e larà daûr dai trois vierts vie pai ultins mês, ven a dî chel dal reggae e dal dub babelics, chel dal punk rock plui o mancul classic e chel des cercis dai contignûts di cualchidun dai discs che a son jessûts tra la fin dal 2016 e la prime part dal 2017. Cun di plui la trasmission e larà daûr di un altri percors tematic simpri siôr: chel des feminis babelichis fuartis.

Tal viaç musicâl proponût  di Babêl Europe in cheste ocasion si incrosaran Catalogne, Arberie, Bretagne, Gales, Cornualie e Galizie.  Cussì si scoltarà la storiche e innomenade band dai Inadaptats, cu la lôr version di chê che e je calcolade la prime cjançon punk rock par catalan (Ciutat Podrida de La Banda Trapera del Rio), il reggae cjantât par albanês de Spasulati Band,  une altre selezion di Opoñerse á extinción, il disc plui resint de cjantautore galiziane Ses (Maria Xosé Silvar), un toc par cornic dal repertori di Gwenno e un de so cuasi omonime Gwennyn, cjantate bretione in balance tra pop, rock e folk.

Chi di cualchi dì, ancje cheste pontade di Babêl Europe, dopo de emission in direte e des replichis di miercus e di sabide, si podarà tornâ a scoltâle in rêt, compagn di chê altris, sul sît internet di Radio Onde Furlane.

La radio libare dai furlans si scolte sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu o cu la app che si pues discjamâle achìachì.

Emigrazion furlane, associazionisim e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (2)

 

Chê tendince contraditorie che si cjate tes azions istituzionâls dedicadis ae emigrazion de regjon Friûl-VJ, si palese compagn o salacor ancjemò di plui (massime se si calcole chê e che e varès di jessi la la lôr specificitât)  tes iniziativis des associazions che a varessin di rapresentâ i emigrants e i lôr dissendents e (par esempli chês furlanis) il colegament tra il Friûl che al è in Friûl e il Friûl che al è pal Mont.

Ancje in chescj câs si incrosin sens di comunitât e di solidarietât, volontât di relazion e di condivision e retoriche sglonfe di lûcs comuns, di nostalgjiis e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Dut chest al à tornât a mostrâsi, in particolâr, juste pôcs dîs indaûr, intant des iniziativis fatis sabide ai 29 e domenie ai 30 di Lui de bande di Ente Friuli nel Mondo e EFASCE.

Te cunvigne di S. Vît, metude adun dal Ent di Pordenon, che forsit al à finalmentri discuviert di clamâsi Ente Friulano Assistenza Sociale e Culturale Emigranti, si à fevelât di emigrazion «dai bastimenti ai voli low cost». Se di une bande al è stât metût in discussion, cun sintiment, il mît de cussì clamade «fuga dei cervelli», cu riferiment ae emigrazion gnove, di chê altre si viôt ancjemò une dificoltât fuarte tal ricognossi ad in plen lis specificitâts dal Friûl e de sô emigrazion.

Te Convention inmaneade tal Cjistiel di Voleson di Friuli nel Mondo si à discorût di «tipicamente friulani nel mondo» e si à pontât la atenzion in particolâr su la funzion che a àn (e che a puedin vê ancjemò di plui) i furlans pal Mont a pro de internazionalizazion comerciâl e imprenditoriâl dal Friûl, cuntune schirie di intervents di esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl di chenti. A son stadis presentadis esperiencis e ideis, ancje interessantis, e si à palesade la volontât dai furlans pal mont (che a son ancje chei ator pal Stât talian, ancje se masse dispès a vegnin dismenteâts) di jessi sogjets protagoniscj di chestis azions e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’.

Ancje in chest câs – cu la ecezion positive dal intervent di salût dal sindic di Voleson e Darzin, Markus Maurmair – si à palesade la presince acessorie e residuâl de lenghe furlane e di chês altris lenghis dai furlans pal mont. E je in chel istès une cuistion di identitât, di relazion e di marketing (ma o tornarìn ancjemò sul argoment).

Cun di plui tes azions di promozion culturâl tra il Friûl in Friûl e il Friûl che al è pal Mont e mancje ancjemò une azion cussiente di promozion di chê produzion culturâl furlane contemporanie che e podarès interessaûr a tancj di lôr, a tacâ dai plui zovins. Mancul mâl che par tancj di lôr e esist la pussibilitât di scoltâ Radio Onde Furlane in streaming o cu la aplicazion di pueste par tablets e smartphones di ogni sorte, di lei ancje in rêt La Patrie dal Friûl, di consultâ il sît web de ARLeF e di incrosâ sui social media almancul alc di ce che si môf in Friûl.

De bande des istituzions e des associazions al è ancjemò cetant ce fâ in cheste direzion. Nus somee che e mancji ancjemò une vere strategjie.
Al è un pecjât: no dome Friûl che al è pal Mont, ma ancje par chel che al è in Friûl.

Par intant contentinsi di chês novitâts positivis che a son saltadis fûr tai ultins dîs: nissun al à fevelât di «piccola patria» e te organizazion de zornade di domenie e je stade une colaborazion tra Friuli nel Mondo e EFASCE. Alc al è alc.

Emigrazion furlane, associazions e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (1)

Al somee che il Friûl che al è in Friûl si visi dal Friûl che al è pal Mont dome une volte ad an, vie pal Istât, cuant che a son i events dedicâts ai emigrants e ae emigrazion, che a vegnin inmaneâts des associazions e des istituzions. Al è sucedût ancje chest an, in particolâr tai ultins dîs, cuant che la Regjon e à metût adun la prime Giornata dei corregionali all’estero‘, Ente Friuli nel Mondo al à inmaneât la sô convention e il so incuintri anuâl e al à fat compagn ancje l’EFASCE, che al à spartît propit cun Friuli nel Mondo la organizazion de fieste di îr a Voleson e a S. Vît dal Tiliment.

Chescj apontaments a son une vore interessants no dome par vie che a son ocasions par tornâ a cjatâsi cun tantis personis che si cognossin e che a son pal mont, ma ancje parcè che a son il spieli de situazion de realtât de emigrazion furlane (chê vecje e chê gnove) e di chê, par sigûr plene di contradizions, des relazions tra i furlans in Friûl e chei emigrâts e i lôr dissendents, de lôr gjestion e de lôr promozion, là che si ricognossin tantis musis diviersis che a van dal sens di comunitât e di solidarietât tra il Friûl che al è in Friûl e chel che al è pal Mont ae retoriche sglonfe di rivocs nostalgjics dal passât e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Chei aspiets si vevin palesâts za vinars ai 28 di Lui, intant de Giornata dei corregionali all’estero, inmaneade te Vile Manin di Passarian de bande dal Consei regjonâl. Vie pe ‘Giornata’ e je stade marcade di tancj di lôr la impuartance dai furlans, dai slovens e dai ‘giuliani’ pal mont «tal promovi la internazionalizazion de Regjon», cu la consegne di un ricognossiment a diviers coregjonâi emigrâts, cuntun aprofondiment dedicât ae situazion une vore complicade dal Venezuela, là che a son tancj furlans, e cul rilanç di une strategjie di di disvilup di relazions in rêt.

Dongje di ricognossi la funzion dai coregjonâi pal mont tant che «ambassadôrs» o pensìn che si varès di mostrâur in maniere plui fuarte la ricognossince de comunitât regjonâl. Cundut achel, chei fats a Passarian a son resonaments interessants, ancje se no si pues fâ di mancul di vualmâ che la rêt – se e esist – no je policentriche, ma e à un grop une vorone plui grues che al è logât masse tra Triest (soredut) e (unevore di mancul) Udin, Cividât e Pordenon. Duncje al è un rapuart che al è masse condizionât de dinamiche centri-periferie, cuant che a coventaressin plui rêt e plui Mont.

Chel rapuart al è ancje segnât a fuart de mancjance des lenghis ‘altris’ de regjon Friûl-VJ – in particolâr chê furlane e chê slovene, lenghis di divignince de plui part de emigrazion regjonâl – e di chês plui dopradis tal mont dai coregjonâi pal mont e chest al salte fûr a clâr tai sîts web istituzionâi dedicâts, che a son dome par talian, magari a son ancje fers e intun câs a son dome bilengâi (par talian e par inglês e vonde).

Par no fevelâ di chê enfasi esagjerade e monotone tal cualificâ dut cu la etichete FVG, che par sigûr no rive a vê ni fuarce identitarie, ni fuarce evocative (a pro di une ricognossibilitât, sei in tiermins gjeografics e culturâi che par ce che al tocje i cantins de promozion in tiermin economic, turistic e comerciâl) e anzit e je pôc rispietose de pluralitât linguistiche, culturâl e teritoriâl de regjon, de sô int e de sô int che e je pal mont.

Al somee pardabon che – zaromai di un pôcs di agns e cence soluzion di continuitât tra une maiorance politiche e chê altre – la aministrazion regjonâl e vedi pôre (o fintremai fastidi?) de identitât plurâl e dinamiche des sôs comunitâts, residentis tal so teritori e inaltrò.

De Sardegne ae Frisie. Ancjemò reggae, ancjemò dub, ancjemò Babêl Europe

Ancjemò reggae, ancjemò dub, ancjemò Babêl Europe. La gnove pontade de trasmission cuindisinâl dedicade ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal continent, che si pues scoltâle vuê, martars ai 11 di Lui, a 11 in direte su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu) e va daûr di chê di cuindis dîs indaûr, lant dilunc te esplorazion su lis contaminazions  tra i ritmis di divignince gjamaicane, i sunôrs dilatâts cun rivocs e efiets eletronics e lis lenghis des minorancis e des nazions cence stât de Europe.

Il viaç musicâl babelic al tocjarà la Sardegne, la Corsiche, la Galizie, la Frisie e il Friûl. Si scoltaran i risultâts di une colaborazion, fate cualchi an indaûr, tra Arrogalla e Ratapignata, lis rimis di Fyah P, lis melodiis dai Lamatumbá, chês di Riddim X e un classic dai Carnicats.

Dopo de direte di vuê, ancje cheste pontade di Babêl Europe e torne in programazion in repliche doman, miercus ai 12 di Lui, a une dopo di misdì e sabide ai 15 di Lui a une e mieze dopo di misdì.

Chê stesse trasmission si podarà scoltâle ancje sul sît internet di Radio Onde Furlane.

 

A Turin Blackout in fieste, in Friûl Onde Furlane a monteâ. Radio Days… and Nights

Chi di cualchi mês al cole in maniere uficiâl il vincjesim cuint inovâl di Radio Blackout, la storiche emitente alternative e antagoniste di Turin, che si scolte sui 105.250 Mhz e in rêt.
Cundut achel la ricorence e ven memoreade daurman, di vuê a domenie ai 11 di Jugn, li dal Spazio 211 in vie Cigna, cu la gnove edizion dal Blackout Fest, che par solit si fâs tra la fin dal mês di Mai e la prime metât di Jugn.

Il program complet al met dongje trê dîs pençs di concierts e di altris events, a tacâ za tal dopodimisdì.
Une manifestazion di no pierdi, par plui resons.

A proposit di radios, se si spostisi di Turin al Friûl, al merete segnalât l’apontament di doman, sabide ai 10 di Jugn, su Radio Onde Furlane. Te trasmission di aprofondiment gjornalistic Dret & Ledrôs, curade e condusude dal diretôr de emitente, Mauro Missana, si fevelarà di mont, di malghis, di prodots tipics, di aghe e di energje, cuntune schirie di ospits cualificâts.

Pe ocasion la radio libare dai furlans e larà a monteâ in Cjargne, cun doi colegaments in direte dal Çoncolan intant che il malgâr Michele Gortani al mene fin a Malghe Pozof lis sôs vacjis bisis, inte suaze di chel che al è deventât un event, il Transumanza Day. Cun di plui, si fevelarà ancje de fieste Make Frico not War di Tramonç di Sot.

Onde Furlane si pues scoltâle ancje in rêt e cu la App, che si pues discjamâle a gratis.

Par dîle cul titul di un cine di Woody Allen: a son Radio Days… and Nights.

Musiche di scoltâ + rivistis e libris di lei = Babêl Europe (vuê, doman e sabide)

Vuê al è martars e a 11 a buinore su Onde Furlane al torne Babêl Europe, la trasmission cuindisinâl dedicade ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal continent.

Dentri dal secont apontament dal mês di Mai di chest an, che si podarà scoltâlu in repliche ancje miercus ai 17 a une dopo di misdì e sabide ai 20 a une e mieze dopo di misdì, si fevelarà di rivistis e di libris.

In particolâr, si fevelarà dai numars plui resints di Nazioni e Regioni e di La causa dei popoli, publicazions fatis par talian e tal Stât talian che a àn par sigûr, ognidune cu lis sôs specificitâts, une vision babeliche de Europe e dal mont.

Cun di plui si fevelarà ancje de trentesime edizion dal Salon Internazionâl dal Libri di Turin, che si davuelzarà dai 18 ai 22 di Mai, cun chê di viodi se tal so program si cjate ancje chest an alc di interessant, di furlan e soredut di babelic.

Si tocjaran ancje altris argoments di atualitât e si scoltarà musiche, dilunc di un percors che al cjape dentri il Gales, i Paîs Catalans, la Ladinie e la Irlande, cu lis selezions musicâls gjavadis fûr dal repertori dai Super Furry Animals, di Claudia Crabuzza, des Ganes e dai Imlé.

Chi di cualchi dì, ancje cheste pontade di Babêl Europe, dopo de emission in direte e des replichis di doman e di sabide, si podarà tornâ a scoltâle in rêt, compagn di chê altris, sul sît internet di Radio Onde Furlane.

La radio libare dai furlans si scolte sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu.

Onde Furlane a Vinitaly, Vinitaly su Onde Furlane

Vuê, domenie ai 9 di Avrîl, si scree la edizion 2017 di Vinitaly. Ancje chest an li dal Salon internazionâl dai vins e dai distilâts che si fâs a Verone e sarà presinte Radio Onde Furlane, cuntune sô postazion logade tal Paveon 6 di VeronaFiere, là che al è il stand coletîf de Regjon Friûl-VJ e dal ERSA. Cussì la innomenade manifestazion e vignarà contade, cuntune schirie di trasmissions in direte, de bande de radio libare dai furlans.

Daûr di une tradizion che e à zaromai vot agns, Mauro Missana e Enrico Turloni a tiraran dongje informazions, gnovis, curiositâts e intervistis, che a laran in onde di vuê a martars ai 11.

Tal palinsest di Onde Furlane a son proviodûts diviers spazis dedicâts a Vinitaly, che si pues scoltâju in modulazion di frecuence (sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu): vuê, domenie ai 9 di Avrîl, di 10 a 11.30 a buinore e di 5 a 6 sot sere; doman, lunis ai 10 di Avrîl, di 9.30 e 10.30 a buinore, de une aes dôs dopo di misdì e di 5 a 6 sot sere mieze; martars ai 11 di Avrîl di 9.30 a 10.30 e di 3 a 5 dopo di misdì.

E sarà la ocasion par scoltâ la vôs di esperts, produtôrs, esportadôrs e rapresentants des istituzions, che vie par chescj dîs a son implicâts te manifestazion. Tra chei che a àn za dât la lôr disponibilitât a intervignî su Onde Furlane a son i organizadôrs di BorderWine Fabrizio Mansutti, Luca Bernardis e Valentina Nadin, l’esportadôr di vins furlans tai USA Franco Canciani, il cogo Manuel Marchetti, cognossût ancje par vie de so partecipazion ae trasmission televisive La Prova del Cuoco, la somellier Diana Candusso, professioniste dal turisim enogastronomic, e Remo Rossi, dirigjent di bancje par profession e espert di vinsi par passion.

A son proviodûts ancje i intervents dal assessôr regjonâl pes risorsi agriculis e forestâls Cristiano Shaurli, dal diretôr dal ERSA Paolo Stefanelli e di rapresentants di PromoTurismoFVG.

«O sin a Vinitaly ancje chest an – al è il coment di Mauro Missana, diretôr di Radio Onde Furlaneparcè che al è un event impuartant pe societât e pe economie dal Friûl. Contâ cheste manifestazion par furlan al è il nestri lavôr e al fâs part di chê funzion di servizi public par dut il Friûl che la nestre radio e plui in gjenerâl la nestre cooperative, Informazione Friulana, e davuelç zaromai di 37 agns».

«Al è impuartant jessi achì e… mostrâ la lenghe – al zonte Enrico Turloni – ancje par vie che chel che al è il caratar di fonde de nestre ativitât di informazion e di comunicazion al zove ancje ae promozion dal Friûl e dai siei prodots intune maniere origjinâl e cun chê di marcâ la lôr origjinalitât e fâju cognossi e ricognossi ator».

E juste cun chel spirt, il bon acet ai ospits di Onde Furlane al vignarà dât cun prodots made in Friûl tant che il cafè OroCaffè e la aghe Dolomia.

Narative popolâr, lenghis e teritoris. Cu la associazion KLARIS, Friûl e Europe si dan dongje te Biblioteche di Felet

leuropa_batte_klaris_5_loc_felet_def

Si clame Friûl_Furlanija_Friaul_Friuli, l’Europa batte dove la lingua duole. Identitât, autoguvier, teritori e citadinance europeane e  citadinance europeane e al è un progjet che al met dongje diviersis ocasions di cognossince e di riflession sul pluralisim linguistic e culturâl, sui dirits linguistics, su la citadinance europeane e su la relazion tra unitât europeane, diversitât culturâl, partecipazion civiche e autonomiis teritoriâls.

La iniziative e je de associazion di promozion sociâl e culturâl KLARIS, sodalizi nassût a Udin cun chê di fâ ativitâts tai setôrs des culturis, des lenghis, de agregazion, de ricercje, de integrazion e de solidarietât.

Il progjet, che al ven fat ancje cuntun contribût de Provincie di Udin e cu la colaborazion di altris sogjets publics e privâts, al met dongje dôs tipologjiis di intervent. La prime e je chê des trasmissions radiofonichis tematichis dal titul Friûl_Furlanija_Friaul_Friuli, l’Europa batte dove la lingua duole, che vie pal mês di Otubar a an cjatât spazi dentri de programazion di Onde Furlane e che si cjatin ancje tal archivi web de «radio libare dai furlans». La seconde e je une serie di incuintris publics, inmaneâts te zonde di Udin tra Dicembar 2016 e Fevrâr 2017.

biblio-felet

Juste doman, ai ai 16 di Fevrâr a 5 e mieze sot sere li de Biblioteche di Felet, si fevelarà des conessions tra Friûl e Europe intune maniere particolâr, ven a dî cul lâ daûr dai temis e dai personaçs de narative popolâr.

Il pont di riferiment pe discussion su chescj argoments al è Tieris Antighis, Peraulis Incjantadis, un progjet editoriâl, che al è stât metût adun de associazion Lenghis dal Drâc – Amîs di Onde Furlane cul jutori de ARLeF, propit cun chel intindiment.

Tal apontament di Felet, inmaneât cu la colaborazion dal Assessorât pe Culture dal Comun di Tavagnà, si fasarà la presentazion dai contignûts di chei trê libris, che a son il risultât de colaborazion tra Carli Pup, che al à metût dongje i tescj e ju à adatâts e voltâts là che al coventave, Guido Carrara e Lussia di Uanis, che a àn fatis lis ilustrazions, Giulia Spanghero, che e je stade daûr de grafiche, e Aida Talliente e Michele Polo, che a àn fat lis leturis regjistradis tai cd in zonte des publicazions.

Ogni volum al ten dongje dôs contis compagnadis di une schede di aprofondiment dedicade a lenghis, teritoris e argoments de narazion. Tal prin libri, Il re che al duar, a ‘nd è une dal Gales e une slovene, tal secont – Il frut scambiât – al è un confront tra Scozie e Friûl e tal tierç, che il so titul al è La nuvice incjantade, a son une conte basche e une furlane.

tieris_c

A Felet chei argoments a vignaran frontâts propit di Carli Pup, il curadôr di Tieris Antighis, Peraulis Incjantadis, editoriâl, intune conversazion cul gjornalist e ricercjadôr Marco Stolfo.
A son proviodûts ancje i intervents de Assessore pe Culture dal Comun di Tavagnà, Ornella Comuzzo, e de presidente deassociazion di promozion sociâl e culturâl KLARIS, Dorota Stromidlo.

La partecipazion al apontament e je libare e sore nuie.

Altris informazions in cont di KLARIS e di chest progjet si cjatin in rêt.

‘Friûl SotSore’, su Onde Furlane il taramot dal 1976 e lis ideis gnovis di Friûl

logo_web

Il taramot dal 1976 al torne «in Onde». Doman, sabide ai 26 di Novembar, la programazion de buinore di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont su internet ae direzion www.ondefurlane.eu) e presente la cuarte pontade di Friûl SotSore, la serie speciâl di Dret & Ledrôs, che e partìs dal cuarantesim inovâl dal sisme che al à sdrumât il Friûl par ricuardâ chei moments, par contâ chê storie e chês storiis e par meti adun une riflession in cont di chê esperience, di soference, di solidarietât e di citadinance ative.

Il program al à chê di recuperâ, cence retoriche, la memorie di chê solidarietât che il taramot al à discjadenât dentri e fûr dal Friûl, des mobilitazions, des lotis popolârs e des esperiencis di autoguvier dal bas, e di ce che al è saltât fûr di chê esperience.

In particolâr, dopo vê frontât un mês indaûr propit il teme dal protagonisim de int, dentris des tendopolis e inaltrò, e chel de solidarietât dentri e fûr des comunitâts, Friûl SotSore al pontarà la atenzion su lis ideis e lis iniziativis buridis fûr propit di chês mobilitazions e di chê solidarietât.

microfonrof

Pe ocasion il diretôr de radio libare dai furlansMauro Missana, cu la colaborazion di Guglielmo Pitzalis, al fevelarà cun Adrian Cescje des rivendicazions in cont de tutele de lenghe furlane e des iniziativis inviadis in chei agns pal so ûs e pal so insegnament tes sculis, cun   Sandro Fabbro, che al insegne planificazion teritoriâl li dal ateneu furlan, de nassite de Universitât dal Friûl,  e cun Enos Costantini, ricercjadôr e za insegnant tes scuele agrarie di Cividât, des conessions tra sience e teritori.

In cheste suaze si fevelarà ancje de fondazion de cooperative Informazione Friulana e duncje di Radio Onde Furlane e plui in gjenerâl di informazion, culture e visions alternativis di Friûl, cun Giorgio Cavallo e Elia Mioni, e des bataiis a pro dal ricognosiment e dal ûs de lenghe furlane in ambit liturgjic, cun pre Romano Michelotti, presidente de associazion Glesie Furlane.

Chest apontament cun Friûl SotSore si podarà tornâ a scoltâlu in repliche domenie ai 27 di Novembar a 8 a buinore e miercus ai 30 a 3 dopo di misdì.

Al merete ricuardât che dongje che in modulazion di frecuence e in internet, Radio Onde Furlane si pues scoltâle su smartphone, Iphone, tablet e Ipad, doprant la aplicazion specifiche che si le discjame de rêt daûr des indicazions che si cjatin ae direzion www.ondefurlane.eu.

bandiere_friul