Goulamas’k + A Ricuccata + Ekhi Lambert + Anari + Avleddha + Massilia Sound System + Black is Beltza = Babêl Europe 10/2021

Su Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât.

Inte pontade numar 10 dal 2021 la plui part dal spazi e sarà dedicade a gnovis produzions discografichis che a rivin de Ocitanie e de Corsiche, cu lis cercis dai albums gnûfs dai Goulamas’k, saltât fûr che nol è tant, e di A Ricuccata, che si veve tacât a discuvierzilu un mês indaûr, e cun cualchi anticipazion in cont dal disc gnûf dai Massilia Sound System.

Il viaç “babelic” al cjaparà dentri ancje la Grecìe Salentine cu la musiche dai Avleddha e il Paîs Basc, fevelant di cjançon di autôr, di cine e di television. Si ricuardarà il film di animazion Black is Beltza, che juste in chestis setemanis al è in programazion su Netflix, e si scoltarà une cjançon di Anari, che e fâs part dal so coment musicâl, e une di Ekhi Lambert, artist de Basse Navare, tal Stât francês.

Si fevelarà ancje dai risultâts des elezions di joibe stade in Scozie e in Gales, lant daûr dal articul di Ethnos & Demos che ju presente e ju analize, e di Bogre, il cine gnûf dal regjist ocitan Fredo Valla.

L’apontament di cheste setemane cun Babêl Europe al è in direte vuê, martars ai 11 di Mai a 11, e po in repliche tal dopo di misdì di miercus ai 12 (h. 13) e di sabide ai 15 (h.13.30) sui 90 Mhz inte plui part dal Friûl, sui 90.200 Mhz in Cjargne e in streaming in dut il mont.

Dopo des trê emissions di cheste setemane, ancje cheste pontade di Babêl Europe si podarà tornâ a scoltâle in podcast sul Spreaker e sul Spotify di Radio Onde Furlane.

This image has an empty alt attribute; its file name is logo_web.png

Ocitanie, Friûl… e Suns Europe. Sabide ai 19/9 a Trave peraulis e musiche cun Sergio Berardo e cun Angelo Floramo

No ducj a san che il “passepuart” che i à permetût a Leonardo di jentrâ te cort di Milan e di inviâ alì la sô stagjon plui impuartante e je stade la musiche: lis dotis musicâls e un strument origjinâl fat sù di lui,

Plui in gjenerâl la musiche e pues deventâ ancje l’imprest miôr par che une comunitât – cu la sô culture, la sô storie e la sô lenghe – e cjapi cussience di se e si fasi cognossi – e ricognossi – ancje fûr dal so teritori.

Chest al vâl par tantis comunitâts minorizadis ator pe Europe e in particolâr pe Ocitanie. In dutis lis tieris “d’Oc” e massime tes Valadis Ocitanis dal Piemont, la musiche e à judât tancj di lôr a tornâ a scuvierzi la lenghe proprie e la identitât linguistiche, culturâl e teritoriâl e po a fâle cognossi e ricognossi ator, dapardut. La musiche – des melodiis patriarcjinis a Mainerio par rivâ ae gnove musiche furlane – e à zuiât une funzion identitarie impuartante ancje in Friûl.

Sabide ai 19 di Setembar l’ultin apontament cun Suns Europe 2020 al è un viaç inzirlôs par etis e tieris diferentis cu la musiche des peraulis e cu lis peraulis de musiche. Tacant des 9 di gnot, inte place di chê frazion dal Comun di Lauc, in Cjargne, il public al vignarà compagnât in chel percors di dôs vuidis di gale: l’ocitan Sergio Berardo e il furlan Angelo Floramo.

Sergio Berardo al è un innomenât polistrumentis e cjantant ocitan. Al è la vôs e la anime dai Lou Dalfin, il grup plui impuartant des Valadis Ocitanis dal Piemont, e al è cjapât dentri di cetancj progjets di ricercje, di promozion e di reinvenzion de musiche popolâr ocitane. Tra chescj al è Gran Bal Dub, crosere di folk, reggae e eletroniche, metude adun cun Madaski, tastierist dai Africa Unite.

Angelo Floramo al è nassût a Udin, al insegne storie e leterature e al colabore di consulent pe biblioteche Guarneriane di S. Denêl. Al sgarfe tai archivis, al scrîf par rivistis sei par furlan che par talian e al è autôr di cetancj libris: tra chescj a son Balkan Circus (2013), L’osteria dei passi perduti (2017) e La veglia di Ljuba (2018).

Transjoik + Manel Lluis + Kosovni Odpadki + Esposa + Joan Baez + Zornade Europeane des Lenghis = Babêl Europe 19/2020

Martars ai 15 di Setembar su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.radioondefurlane.eu) al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl tes lenghis minorizadis dal nestri continent.

Chê di cheste setemane no sarà une trasmission in direte. Si fasarà un salt indaûr tal timp fintremai tal 2017, vot dîs dopo de celebrazion di in chê volte de Diada Nacional, la fieste nazionâl catalane, e passe dîs dîs prime dal referendum pe indipendence dal 1n di Otubar.

Si tornarà a scoltâ  la pontade di Babêl Europe fate ai 19 di Setembar dal 2017: un viaç a torzeon tra lenghis, musichis e nazions cence stât, dedicât a chei events, a chês ricorencis e ae Zornade Europeane des Lenghis, che si disvilupe daûr di un percors che al va des tieris dai Sami e al rive in Friûl e che al tocje ancje la Catalogne, il Paîs Basc e la Galizie.

E sarà la ocasion par scoltâ i Transjoik, la version de cjançon tradizionâl catalane Rossinyol que vas a França fate di Manel Lluis, un ‘classic’ dal repertori babelic dai Kosovny Odpadki, une cerce di Xardin Interior, che in chê  volte al jere l’album gnûf dai Esposa, e fintremai la innomenade artiste americane Joan Baez che e cjante par basc, cu la sô version di Txoria Txori, cjançon di amôr e di libertât di Mikel Laboa, che si cjate tal album Diamond and Rust in the Bullring, jessût tal 1988.

Dopo de prime emission in direte, cheste gnove pontade di Babêl Europe e torne te programazion di Radio Onde Furlane in repliche ancje miercus ai 16 di Setembar, a une dopo di misdì, e ancjemò sabide ai 19 a une e mieze.

Cun di plui si podarà tornâle a scoltâ tal sît internet de radio libare dai furlans, su Spreaker e su Spotify.

This image has an empty alt attribute; its file name is logo_web.png

“La Patrie Sot dal Tei”. Ai 23 di Lui a Cormons un altri incuintri public cul “gjornâl dai furlans che no si rindin”

Ocasions interessantis di incuintri e di confront tra il mensîl La Patrie dal Friûl e la sô int: sei cun cui che al è za usât a lei il gjornâl dai furlans che no si rindin che cun chei che magari pe prime volte si svicinin al sfuei che al continue la storie de testade fondade tal 1946 di Felix Marchi e pre Josef Marchet. Si pues presentaju cusssì i diviers apontaments dal titul La Patrie Sot dal Tei, che a viodin diviersis firmis de Patrie presentâ al public il gjornâl, i siei contignûts e la sô maniere di “lei” e di “contâ” il Friûl e il Mont.

La schirie di events di cheste fate e je stade screade Joibe stade, ai 16 di Lui, a Cjarlins. L’apontament, che al à screât ancje il cartelon di events e spetacui pal Istât, #CarlinoEstate2020, al è stât une vore interessant e cuntune partecipazion vivarose.

Al è stât un incuintri segnât di une buine dose di furlanetât “sane e cussiente”, la che si à fevelât dal Friûl e dal rest dal mont, di storie, di culture e di atualitât. Tal Parc dai Marinârs dal paîs de Basse il confront di ideis al è stât inviât cuntune riflession interessante in cont di lenghe e identitât fate dal sindic di Cjarlins, Loris Bazzo, e si à disvilupât cui intervents dal diretôr de Patrie, Walter Tomada, e dal president de Clape di culture Patrie dal Friûl, che e je la editore dal gjornâl, Andrea Valcic.

Si à po discorût plui in detai di media e di storie: l’ex diretôr Andree Venier al à pontât la sô atenzion sul ûs de lenghe furlane in internet e in particolâr intes rêts sociâls, intant che Diego Navarria, ex sindic di Cjarlins e ex president de Assemblee de Comunitât linguistiche furlane, che al sta daûr di une rubriche dedicade ae storie dal Friûl e dai patriarcjis, al à tocjât il teme de cognossince e de meorie storiche. Cun di plui a àn zontât alc di interessant ancje diviers di lôr, tacant di Ivan Petrucco e Andrea Dri, sindics un di Cjasteons di Strade e chel altri di Porpêt, e dal sindicalist Roberto Muradore.

Dopo dal incuintri di Cjarlins, il program di La Patrie Sot dal Tei al va dilunc cuntune schirie di altris apontament, tacant di chel di cheste Joibe, ai 23 di Lui a Cormons, inmaneât adun cu la Enoteche in place XXIV di Mai a siet sot sere, cu la partecipazion di Andrea Valcic, di Diego Navarria e di Marco Stolfo.

La setemane che e ven, ai 31 di Lui, simpri a siet sot sere, il tierç apontament cu La Patrie Sot dal Tei al sarà a Plasencis cu la partecipazione di Walter Tomada, di Andrea Valcic, di Diego Navarria e di Roberto Muradore.

Informazions in cont dai diviers events di La Patrie Sot dal Tei si cjatin su la pagjine Facebook da La Patrie dal Friûl.

Riddim X + Fyah P + Carnicats + Lamatumbà + Arrogalla & Sa Ratapignata = Babêl Europe 14/2020

Vuê al è martars e a 11 a buinore su Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a musichis, lenghis, minorancis e nazions cence stât.

Ancje par cheste setemane – la trasmission e larà in onde ancje doman, miercus ai 8 di Lui, a une dopo di misdì e sabide ai 11 a une e mieze dopo di misdì – Babêl Europe nol vignarà fat in direte, ma si tornarà a mandâ in onde une pontade che e jere za stade programade timp indaûr.

Si fasarà un salt indaûr tal timp, fintremai ai 11 di Lui dal 2017, par tornâ a scoltâ i ritmis di divignince gjamaicane e i sunôrs dilatâts cun rivocs e efiets eletronics che in chl

volte a jerin stâts i protagoniscj dal program: un viaç framieç dal reggae e dal dub babelic, che al cjape dentri la Sardegne, la Corsiche, la Galizie, la Frisie e il Friûl, cu la musiche di Arrogalla e Sa Ratapignata, lis rimis di Fyah P, lis melodiis dai Lamatumbá, chês di Riddim X e un classic dai Carnicats.

La radio libare dai furlans si scolte sui 90 Mhz inte plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, in streaming, cumò ancje cu la plataforme web Radio Garden.

Ancje cheste pontade di Babêl Europe si podarà tornâ a scoltâle in rêt, compagn di chê altris, sul Spreaker di Radio Onde Furlane.

 

Anhrefn + Zarama + Camarada Kalashnikov + Dr. Drer & CRC Posse + Goulamas’k = Babêl Europe 13/2020

Vuê al è martars e a 11 a buinore su Radio Onde Furlane al torne, il program cuindisinâl dedicât a musichis, lenghis, minorancis e nazions cence stât.

Ancje par cheste setemane – la trasmission e larà in onde ancje doman a une dopo di misdì e sabide a une e mieze dopo di misdì – Babêl Europe nol vignarà fat in direte, ma si tornarà a mandâ in onde une pontade che e jere za stade programade timp indaûr.

In cheste ocasion, in particolâr, si tornarà indaûr tal Istât dal 2017, cuntune pontade di Babêl Europe là che al è spazi par un pâr di novitâts discografichis di in chê volte, tant che il disc dai ocitans Goulamas’k, Resistencia, e chel dai sarts Dr. Drer & CRC Posse, Cabudanni, e pes espressions “storichis” dal punk rock babelic di Gales, Paîs Basc e Catalogne, cun Anhrefn, Zarama e Camarada Kalashnikov.

Ancje cheste pontade di Babêl Europe si podarà tornâ a scoltâle in rêt, compagn di chê altris, sul Spreaker di Radio Onde Furlane.

La radio libare dai furlans si scolte sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, in streaming, cumò ancje cu la plataforme web Radio Garden.

Alidé Sans + Claudia Crabuzza + Joan Baez + Mill a h-Uile Rud + DJ Tubet e R.Esistence in Dub = Babêl Europe 12/2020

Vuê a 11 a matine, doman a une dopo di misdì e sabide a une e mieze ancjemò dopo di misdì, tal palinsest di Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a musichis, lenghis, minorancis e nazions cence stât. Ancje par cheste setemane la trasmission no vignarà fat in direte, ma si tornarà a mandâ in onde une pontade gjavade fûr dal archivi di Babêl Europe, che e jere za stade programade timp indaûr.

In particolâr e sarà la ocasion par tornâ a scoltâ il program de setemane dai 7 di Avost dal 2018. Si fasarà un salt indaûr tal timp di sù par jù doi agns: un viaç a scjavaç jenfri Ocitanie, Catalogne, Paîs Basc, Sardegne, Frisie, Friûl e Stâts Unîts di Americhe.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il percors al sarà segnât de musiche di Alidé Sans, cjantante talentuose che e rive de Val d’Aran, chel toc di Ocitanie che si cjate dentri dal Stât spagnûl, te Comunitât autonome de Catalogne, di Claudia Crabuzza, cjantante di L’Alguer/Alghero, une des rapresentantis miôr de produzion musicâl de citât catalane de Sardegne, di DJ Tubet e R.Esistence in Dub, di Joan Baez cuntun toc dal so repertori par basc e dai Mill a h-Uile Rud, grup punk di Seattle che al cjante par gaelic scozês.

crabuzza_coM-Un_soldat

Babêl Europe si pues scoltâle su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in streaming).

Ancje cheste trasmission si podarà tornâ a scoltâle in podcast cun Spreaker e cun Spotify.

Gwenno + Xavi Sarrià + Sa Ratapignata + Melmor + Peppa Marriti Band + Pascal Gamboni = Babêl Europe 11/2020

Vuê, doman e sabide tal palinsest di Radio Onde Furlane al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât a musichis, lenghis, minorancis e nazions cence stât.
Il prin apontament al è a 11 a matine, il secont a une dopo di misdì e il tierç a une e mieze dopo di misdì.

Ancje par cheste setemane la trasmission no vignarà fat in direte, ma si tornarà a mandâ in onde une pontade gjavade fûr dal archivi di Babêl Europe, che e jere za stade programade timp indaûr.

In particolâr e sarà la ocasion par tornâ a scoltâ  il program de setemane dai 26 di Jugn dal 2018 e si larà a torzeon pe Europe de diversitât linguistiche e de creativitât musicâl, jenfri Cornualie, Gales, Paîs Catalans, Bretagne, Arberie, Cjanton dai Grisons e Sardegne cuntune cerce dal repertori di Gwenno, di Xavi Sarrià, dai Melmor, de Peppa Marriti Band, di Pascal Gamboni e di Sa Ratapignata.

Si pues scoltâ Babêl Europe su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt, in streaming e su Facebook). Cun di plui, dutis lis pontadis de trasmission a restin a disposizion in rêt, su Spreaker e su Spotify.

Furlan in Rai. Forsit e je la pussibilitât di rivâ a fâ un (piçul) pas indenant

Dôs setemanis indaûr in Friûl si à tornât a fevelâ di furlan in Rai. La ocasion e je stade chê di doi incuintris di caratar politic e istituzionâi in cont di chê che e sarà la gnove convenzion jenfri la Presidence dal Consei dai ministris dal Stât talian e la Rai, che e tocje la ativitât de sede regjonâl par Triest e pe plui part dal Friûl.

Al è saltât fûr che si proviôt di incressi il numar di oris di radiofonie in lenghe furlane – che pal moment a son novante, une vore pocjis – e soredut chel des trasmissions televisivis par furlan, che par cumò di fat no esistin. Par chel si impegnaran plui risorsis di chês dopradis fin cumò (che a son 200mil euros ad an): al è cui chel al à dit che a saran sù per jù 800mil.
Cualchi sorestant al à fat declarazions altitonantis, che a son stadis cjapadis sù de plui part dai media cence masse atenzion e cence nissun aprofondiment.

Ator pe rêt si son lets ancje i coments di uns pôcs di lôr, tra disincjant (“si fevele di furlan in Rai di passe vincj agns, la legjislazion di tutele no je stade ancjemò metude in vore e ancje in cheste ocasion al è pericul che a sedin dome cjacaris…”) e sperance rassegnade (“alc al è alc, nuie al è nuie”…). Si puedin capî dutis chestis posizions, ancje se in realtât l’ategjament al varès di jessi un altri: ni depression e nancje esaltazion.

Lu sclarìs ben l’articul di Marco Stolfo che al è jessût ai 4 di Mai sul Messaggero Veneto, là che in particolâr a vegnin fatis indenant propuestis e osservazions.
Magari cussì no, par vie di un erôr di composizion tipografiche, chel articul al è saltât fûr cu la firme di un innomenât pitôr e cuntun titul che al fevelave di art e di pandemie.
Al è probabil che par chel tancj di lôr, che magari lu varessin let vulintîr, probabilmentri no son incauarts nancje de sô publicazion. Cussì, in cunvigne cul autôr, o tornìn a publicâlu culì.

  monoscopiorai

Un piccolo passo in avanti, forse. La questione della (mancata) garanzia della presenza di trasmissioni informative e di intrattenimento in lingua friulana nella programmazione radiotelevisiva regionale della Rai sembra essere vicina ad una soluzione, sebbene assai parziale e limitata. È quanto emerge dall’esito di due incontri in videoconferenza che si sono tenuti il 24 e il 27 aprile.

Al primo hanno preso parte due esponenti del M5S (il deputato Luca Sut e il consigliere regionale Mauro Capozzella), il presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana e sindaco di Valvasone Arzene, Markus Maurmair, e il direttore delle Relazioni istituzionali Rai, Stefano Luppi. Al secondo, convocato d’urgenza dal Corecom del Friuli-VG alla luce dell’imminente scadenza dell’attuale convenzione tra il Dipartimento Informazione Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Rai riguardante la sede regionale della concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, l’assessore regionale per le lingue minoritarie, Pierpaolo Roberti, il direttore generale di Rai Corporate, Alberto Matassino, e il direttore delle sede regionale, Guido Corso.

In entrambi i casi si è parlato di friulano in Rai, nel quadro della nuova convenzione riguardante la sede regionale, che dovrebbe essere perfezionata prima dell’estate per avere attuazione a partire da ottobre. A quanto pare, sarà finalmente formalizzato un minimo di continuità dell’offerta televisiva in lingua friulana e ne sarà incrementata la presenza alla radio, tuttavia al momento non ci sono dati certi circa le ore di trasmissione e le risorse finanziarie destinate a tal fine. Sarà inoltre valorizzata la produzione “interna” alla sede regionale ed è prevista una commissione Governo-Regione-Rai, chiamata a approfondire e valutare concretamente i contenuti della convenzione stessa.

Con la consapevolezza che, pur nella migliore delle ipotesi, saremo ancora lontani dall’effettiva attuazione della legge statale di tutela delle minoranze linguistiche (la L. 482/1999) in questo ambito, e prendendo atto dell’efficacia dell’azione dell’Assemblea della Comunità linguistica friulana, che coerentemente con le sue finalità istituzionali ha riportato in auge un tema che riguarda i diritti dei cittadini e la qualità e l’efficacia di un fondamentale servizio pubblico, ci permettiamo di suggerire a chi di dovere di intervenire affinché la nuova convenzione sia veramente “un buon inizio”.

Ciò significa, in primo luogo, chiedere ed ottenere che con la nuova convenzione sia creata una struttura formalmente dedicata alla radio e alla tv in lingua friulana. Ad oggi quel poco di friulano presente in Rai dipende dalla struttura di programmazione in lingua italiana: tra forma e sostanza, è un po’ come se una macelleria fosse responsabile del cibo per vegetariani e vegani.

Un altro aspetto riguarda la qualità del servizio e le prospettive occupazionali con la selezione ed il riconoscimento delle professionalità specifiche di chi opera in questo campo, soprattutto se – come è giusto ed auspicabile – la nuova offerta radiotelevisiva prevede anche spazi informativi. Per tutto ciò, ovviamente, servono risorse adeguate.

L’avvio di una “vera” programmazione tv in lingua friulana, infine, può contribuire a rafforzare e valorizzare Raitre Bis, che grazie al digitale terrestre ormai copre l’intera regione e potrebbe così offrire, con continuità e varietà, un effettivo palinsesto multilingue, regionale e transfrontaliero, eventualmente sviluppato anche in collaborazione con le tv pubbliche di Austria e Slovenia.

Alan Stivell (interviste) + Gran Bal Dub + Alidé Sans + Perynn Bleunven + Musicos pola Oficialidá = Babêl Europe 6/2020

La gnove pontade di Babêl Europe, la trasmission cuindisinâl dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât, in programazion su Radio Onde Furlane vuê, martars ai 17 di Març a 11 a buinore e po doman, miercus ai 18, a une dopo di misdì, e sabide ai 21 a une e mieze, e je une repliche dal episodi numar 7 dal 2019.

Nol è un câs: in osservance di ce che a proviodin, in cont des restrizions de mobilitât des personis, i decrets dâts fûr par fâi cuintri ae difusion dal virus Covid-19, Babêl Europe no vignarà fate in direte. Al so puest si tornarà a scoltâ une pontade lade in onde sù par jù un an indaûr.

Cussì e sarà la pussibilitât di tornâ a scoltâ la interviste cun Alan Stivell, fate a Mestre in ocasion dal so conciert di vinars ai 22 di Març dal 2019, là che il cjantant, arpist e polistrumentist di divignince bretone al fevele di musiche, di lenghis, di dirits, di Bretagne, di Catalogne e di Europe.

Si scoltarà ancje la musiche di Gran Bal Dub, progjet di contaminazion jenfri la musiche tradizionâl ocitane e la eletroniche là che si dan dongje Sergio Berardo dai Lou Dalfin e Madaski dai Africa Unite, e dai Musicos pola Oficialidá, une sorte di rapresentative dai musiciscj asturians, e lis versions speciâls dai imnis nazionâi de Ocitanie e de Bretagne, interpretadis de cjantante aranese Alidé Sans e de cjantante bretone Perynn Bleunven adun cun tancj siei conazionâi, tacant dal stes Alan Stivell.

Ancje in chest timp une vore particolâr, Radio Onde Furlane e va dilunc a fâ il so servizi cuotidian di informazion, intratigniment e culture, sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 Mhz pe plui part de Cjargne e in streaming, di cualsisedi bande dal mont là che e sedi une conession internet, e su Facebook.

Dutis lis pontadis  di Babêl Europe si cjatin ancje in podcast su Spreaker e su Spotify.