Mauresca Fracas Dub + Xavi Sarrià + Moot + Dr. Drer & CRC Posse + Beatles par rumanç = Babêl Europe 8/2018

O sin ai 17 di Avrîl e cheste e je la setemane juste par une gnove pontade di Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl tes lenghis propriis des minorancis e des nazions cence che al cjate spazi tal palinsest di Radio Onde Furlane vuê, martars, a 11 a buinore in direte, e po in repliche ancje doman, miercus ai 18 a une dopo di misdì, e sabide ai 21 a une e mieze.

La pontade numar 8 dal 2018 de trasmission e pontarà la sô atenzion su la atualitât, tra cronache, gnovis jessudis discografichis e gnovis produzions video.

In particolâr si podarà scoltâ alc di Big Sur, l’album gnûf dai ocitans Mauresca Fracas Dub, une altre cerce di Amb l’esperança entre les dents, il prin disc tant che solist di Xavi Sarrià e il toc che i da il titul al disc plui resint dai sarts Dr. Drer & CRC Posse, Cabudanni, che di chel juste un mês indaûr al è saltât fûr ancje il videoclip uficiâl.

Cun di plui, il viaç musicâl di Babêl Europe al tocjarà ancje la isule di Man, cui Moot, e il Cjanton dai Grisons, cuntun classic dai Beatles – Rain – tornât a cjantâ par rumanç de bande di Corin Curchellas, Hendrix Ackle & Adrian Stern.

Vie pe trasmission si fevelarà ancje dal Minority Safepack e de manifestazion di domenie stade a Barcelone a pro de liberazion dai presonîrs politics.

Babêl Europe si pues scoltâle su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu).

Cun di plui, compagn di chês altris pontadis, ancje chê di vuê e vignarà archiviade su internet.

Advertisements

Babêl Europe 07/2018. La Fieste de Patrie e altris datis di memoreâ tra storie e atualitât

Une gnove pontade ‘normâl’ intune altre zornade ‘speciâl’. Il prin apontament cun Babêl Europe vie pal mês di Avrîl dal 2018, al cole inte setemane de Fieste de Patrie dal Friûl. In particolâr inte sô prime emission, il program di Radio Onde Furlane, dedicât a lenghis, musichis e nazions cence stât, si pues scoltâlu (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) juste vuê ai 3 di Avrîl a 11 a buinore, tal inovâl di chê dì dal 1077 cuant che l’imperadôr Indrì IV i deve al patriarcje di Aquilee Siart il titul di «Comes Fori Julii, Dux et Marchio».

Chê ricorence, che e je soredut une fieste dal Friûl di vuê e di doman, e ven memoreade ancje inte suaze di Babêl Europe, cun cualchi segnalazion in cont des iniziativis che a vegnin inmaneadis ator pal Friûl pe ocasion e cul riferiment a cualchidune des altris fiestis nazionâls babelichis de Europe, dal Paîs Basc al Gales e de Sardegne ae Cornualie e ai Paîs Catalans. Cun di plui si fevelarà di atualitât, tra Catalogne e Palestine, e di novitâts discografichis.

E sarà la ocasion par scoltâ une gnove cerce di Le Kov, l’album gnûf dut par cornic di Gwenno, e par sgarfâ tal repertori de storiche band sarde Kenze Neke, dai metalârs catalans Siroll, di Loris Vescovo e Raff BB Lazzara e dai bascs McOnak.

Dopo de emission di vuê, cheste pontade di Babêl Europe e torne te programazion di Radio Onde Furlane tes dôs replichis dal dopodimisdì di doman, miercus ai 7, a une e di sabide ai 10 a une e mieze.

Kurdistan + Irlande + Galizie + Scozie + Arpitanie = Babêl Europe 06/2018

Vuê al è martars e o sin ai 20 di Març e tal palinsest di Radio Onde Furlane a 11 a buinore in direte, al torne Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl tes lenghis propriis des minorancis e des nazions cence stât.

La pontade numar 6 e larà daûr des sugjestions che a rivin de cronache e dal lunari. La atenzion e vignarà dedicade a Kurdistan, Galizie, Arpitanie, Scozie e Irlande. Tra la fieste di Sant Patrizi e il Nawroz, ma ancje cui voi pontants sul maçalici di Afrin, e sarà la ocasion par scoltâ i Seo Linn e Serhado. Cun di plui, al sarà spazi pai scozês americans Mill a h-Uile Rud, pai Blu l’Azard, che cu la lôr musiche a scjavacin lis Valadis ocitanis e chês francoprovençâls dal Piemont, e pal cjantautôr galizian Narf.

Vie pe trasmission si fevelarà ancje dal progjet Lingua + e des primis iniziativis che a son ator pal Friûl in ocasion de Fieste de Patrie.

Dopo de direte di vuê, cheste pontade di Babêl Europe e torne ‘in Onde’, in repliche, ancje doman a une dopo di misdì e po sabide a une e mieze su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu).

Cun di plui, compagn di chês altris pontadis, ancje chê di vuê e vignarà archiviade su internet.

 

Dret & Ledrôs, su Onde Furlane si fevele dal rapuart tra Udin e dut il Friûl

In Friûl si torne a fevelâ dal rapuart tra Udin e il rest de Patrie. L’argoment al è stât tornât a tirâ fûr domenie stade inte suaze de Assemblee dai socis de Societât Filologjiche Furlane e po lu àn cjapât sù i media di chenti. Il pont de situazion su la cuistion al vignarà fat di Radio Onde Furlane, che e veve za frontât la cuistion timp indaûr, inte suaze de gnove pontade di Dret & Ledrôs, la rubrica setemanâl di aprofondiment gjormalistiche par cure dal diretôr de emitente, Mauro Missana, cu la colaborazion redazionâl di Enrico Turloni.
L’apontament al è in direte par doman, sabide ai 17 di Març, a tacâ di 9 e mieze a buinore, e po in repliche par domenie ai 18 a 8 e par miercus 21 a 3 dopo di misdì.

Risultati immagini per kebar krosse

Si’nt fevelarà cul scritôr Stiefin Morat, autôr dal romanç Kebar Krossé che al conte di Friûl apocalitic e di un Udin isolât e alienât, cun Pauli Cantarut, che al fevelarà di cemût che ancjemò tai agns Otante e Novante il Centri sociâl autogjestît al è stât un pont di incuintri tra la citât e il Friûl extraurban, cul president de SFF, Federico Vicario, cui gjornaliscj Paolo Medeossi e Toni Capuozzo, cul scritôr Roberto Meroi e cun Carlo Baldassi, espert di management e autôr di un studi sul disvilup di Udin dopo de fin de Seconde Vuere mondiâl.

Radio Onde Furlane si scolte in modulazion di frecuence (sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl Friuli e sui 90.2 Mhz in Cjargne), in streaming (all’indirizzo http://www.ondefurlane.eu) e cui tablets, cui smartphone, cui iPad e cui Pod in graciis de aplicazion che si pues discjamâle de rêt.

Babêl Europe 5/2018 tra novitâts e classics pe Zornade internazionâl des feminis 

Une gnove pontade di Babêl Europe e une altre zornade impuartante di memoreâ. Il cuint apontament dal 2018 cul program di Radio Onde Furlane dedicât a lenghis, musichis e nazions cence stât al cole te setemane de Zornade internazionâl des feminis e par chel e pontarà la sô atenzion su lis vôs, su lis musichis e su lis personalitâts di une schirie di ‘feminis babelichis fuartis’.

Intun percors che al va dal Gales e de Cornualie ae Ocitanie, de Ladinie al Paîs Basc e de Sardegne ae Macedonie al sarà spazi pes novitâts discografichis e par cualchi ‘classic’ cence timp.

E sarà la ocasion par scoltâ une gnove cerce di Le Kov, l’album gnûf dut par cornic di Gwenno, e par discuvierzi I ès?, il disc plui resint des ocitanis Cocanha. Si scoltaran ancje lis vôs di Claudia Aru, des Ganes e da La Basu. Cun di plui al sarà un omaç ae regjine dai rom Esma Redzepova.

L’apontament cun Babêl Europe (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) al è in direte par vuê, martars ai 6 di Març, a 11 a buinore e tes dôs replichis dal dopodimisdì di doman, miercus ai 7, a une e di sabide ai 10 a une e mieze.

 

La Joibe Grasse dal 1511 e la Zornade Furlane dai Dirits par radio, in rêt e in librarie

Chê di vuê e je une zornade impuartante pal Friûl e pai furlans, in Friûl e ator pal Mont.
Al è l’inovâl de Joibe Grasse dal 1511, l’inviament dal plui impuartant riviel popolâr furlan: une pagjine di storie, magari cussì no ancjemò masse pôc cognossude e fintremai un tic mistificade e rimovude, che e à mostrât la dignitât e la sogjetivitât des comunitâts furlanis, in lote pe difese dai lôr dirits antîcs.
Par chel, chê dai 27 di Fevrâr, e je za di timp la Zornade Furlane dai Dirits.

Ancje chest an, cemût che al sucêt di dîs agns incà, Radio Onde Furlane e propon ai siei scoltadôrs une programazion dute speciâl par cheste zornade.
Lis trasmissions si inviaran cun aprofondiments e speciâi musicâi dedicâts al teme dai dirits in Friûl.
Ta cheste suaze si varà ancje la ocasion di scoltâ i intervents dai grups di vore metûts sù par fâ il pont su la metude in vore de leç regjonâl su la lenghe furlane, ma ancje par resonâ su la situazion politiche furlane e, massime, sui spazis di autoguvier e sul plan dai rapuarts tra Stât centrâl e Regjon.
No mancjarà po la ocasion par fevelâ de situazion de comunitât slovene dal Friûl e des comunitâts gjermanofonis, in particolâr di Sapade, che juste ta chescj ultins mês e je tornade adun ancje sul plan aministratîf cu la plui part dal Friûl te regjon Friûl-VJ.
Ancje i programs musicâi a saran in teme cu la zornade, cun pontadis speciâls di Gerovinyl 55/80, Tommy Radio Magazine e Babêl Europe.

microfon_ROF

Cun di plui, a Udin, l’inovâl de Joibe Grasse dal 1511 al vignarà memoreât ancje te Librarie Tarantola, cuntun incuintri di presentazion dai contignûts dal libri 1511. La ‘crudel zobia grassa’. Rivolte contadine e faide nobiliari nel Friuli tra ‘400 e ‘500 di Furio Bianco, dedicât propit a chê storie.
In chê ocasion l’innomenât storic, autôr di chê ricercje, al dialogarà cun Carli Pup di Onde Furlane e l’incuintri al vignarà moderât dal diretôr de emitente Mauro Missana.

L'immagine può contenere: sMS

Babêl Europe 04/2018 al memoree la Zornade Internazionâl de Lenghe Mari

imld17

Vuê al è martars e o sin ai 2o di Fevrâr e tal palinsest di Radio Onde Furlane a 11 a buinore in direte, al torne in direte Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl tes lenghis propriis des minorancis e des nazions cence stât.
La trasmission e sarà dedicade pe plui part ae Zornade Internazionâl de Lenghe Mari, che e cole doman ai 21. Al è l’inovâl de coparie de bande fuarcis di polizie dal Pakistan di diviers students de Universitât di Dhaka che in chê dì dal 1952 a manifestavin a pro dal ricognossiment de lenghe bengalese (‘bangla’) tant che lenghe uficiâl, e par chel al è stât sielzût de UNESCO cun chê di promovi la diversitât linguistiche tant che patrimoni, dirit e risorse par ducj.

Lant daûr des sugjestions dal lunari e cuntune cierte atenzion ancje pes novitâts discografichis e pe cronache, il viaç babelic di Onde Furlane al tocjarà la Ocitanie, lis Asturiis, i Paîs Catalans, la Bretagne e il Friûl furlan e sloven.
E sarà la ocasion par fâ une altre cerce di Eyjafjalljökull, il disc gnûf dal rocker breton  Gweltaz Adeux, e di Amb l’esperança entre les dents, il prin album solist di Xavi Sarrià, e par scoltâ i asturians Soncai System, i slovens Sons of a Gun, i ocitans Aire de Prima e il furlan Franco Giordani.

Dopo de direte di vuê, cheste pontade di Babêl Europe e torne ‘in Onde’, in repliche, ancje doman a une dopo di misdì e po sabide a une e mieze su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu).

Cun di plui, compagn di chês altris pontadis, ancje chê di vuê e vignarà archiviade su internet.

A Turin si fevele ancjemò di Catalogne. Apontament doman li dal Csoa Askatasuna

Ce nassial in Catalogne? Cemût ise la situazion, dopo passe trê mês dal referendum dal prin di Otubar, dopo cent dîs che Jordi Sànchez e Jordi Cuixart a son in preson e dopo sù par jù un mês des gnovis elezions ‘regjonâls’?

Une rispueste a chestis domandis si podarès vêle doman, a Turin, li dal Centri sociâl Askatasuna, in Cors Regina Margherita 47, a nûf di gnot, inte suaze dal incuintri dal titul In Catalogna non sta succedendo niente?, là che al è proviodût l’intervent di Aina Tella, responsabile des relazions internazionâls de CUP, fuarce politiche alternative e anticapitaliste catalane.
Altris informazions sul apontament si cjatin culì.

Guillem D’Efak + Zebda + Gweltaz Adeux + Blu l’Azard + Tartaruga + Zornade de Memorie = Babêl Europe 2/2018

Vuê al è martars e a 11 a buinore su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) al torne in direte Babêl Europe, il program dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât. La seconde pontade dal 2018 de trasmission che ogni cuindis dîs e à chê di puartâ lis scoltadoris e i scoltadôrs de ‘radio libare dai furlans’ a torzeon, tal spazi e tal timp, pe Europe de diversitât linguistiche e de creativitât musicâl.

Il percors sielzût par chest apontament al cjape dentri storie e atualitât, tra gnovis produzions discografichis e ‘classics’ plui o mancul cognossûts e ricognossûts, lant daûr ancje dai trois batûts cuindis dîs indaûr, e cence dismenteâ che si svicine la Zornade de Memorie.

L’itinerari di musichis, peraulis, storiis e gnovis si disviluparà tra il Cjanton dai Grisons, la Bretagne, i Paîs Catalans, il Friûl, la Ocitanie e la Arpitanie, cun cjançons par rumanç, par breton, par yiddish, par ocitan e par francoprovençâl. E sarà la ocasion par fâ une altre cerce di Eyjafjalljökull, il disc gnûf dal rocker breton  Gweltaz Adeux, e par lâ indaûr tal timp fintremai tal 1965 cuant che al saltave fûr il disc Blues di Guillem D’Efak, un dai protagoniscj de Nova Cançó Catalana, che la sô figure e ven memoreade intun documentari che al è stât presentât la setemane passade tes televisions publichis de Catalogne e des Isulis Baleârs.

Simpri in argoment di Nova Cançó Catalana e cui voi pontâts in direzion de Catalaogne, si scoltarà ancje la version de L’Estaca fate dai tolosans Zebda e par memoreâ la Zornade dai 27 di Zenâr (cuant che Babêl Europe al tornarà tal palinsest di Radio Onde Furlane pe seconde repliche a une e mieze dopo di misdì, intant che la prime e sarà doman, miercus ai 24, a une dopo di misdì) al sarà spazi ancje pai Zuf de Žur in cubie cun Moni Ovadia.

Altris protagoniscj de trasmission a saran i Blu l’Azard, espression de tradizion e de reinvenzion musicâl des ‘tieris altis’ dal Piemont di lenghe e culture francoprovençâl, ocitane e francese, e i Tartaruga, band rumance une vore ative cualchi an indaûr.

Dopo de prime emission in direte e des replichis, ancje cheste pontade di Babêl Europe si podarà cjatâle archiviade in rêt.

Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.