Emigrazion furlane, associazionisim e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (2)

 

Chê tendince contraditorie che si cjate tes azions istituzionâls dedicadis ae emigrazion de regjon Friûl-VJ, si palese compagn o salacor ancjemò di plui (massime se si calcole chê e che e varès di jessi la la lôr specificitât)  tes iniziativis des associazions che a varessin di rapresentâ i emigrants e i lôr dissendents e (par esempli chês furlanis) il colegament tra il Friûl che al è in Friûl e il Friûl che al è pal Mont.

Ancje in chescj câs si incrosin sens di comunitât e di solidarietât, volontât di relazion e di condivision e retoriche sglonfe di lûcs comuns, di nostalgjiis e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Dut chest al à tornât a mostrâsi, in particolâr, juste pôcs dîs indaûr, intant des iniziativis fatis sabide ai 29 e domenie ai 30 di Lui de bande di Ente Friuli nel Mondo e EFASCE.

Te cunvigne di S. Vît, metude adun dal Ent di Pordenon, che forsit al à finalmentri discuviert di clamâsi Ente Friulano Assistenza Sociale e Culturale Emigranti, si à fevelât di emigrazion «dai bastimenti ai voli low cost». Se di une bande al è stât metût in discussion, cun sintiment, il mît de cussì clamade «fuga dei cervelli», cu riferiment ae emigrazion gnove, di chê altre si viôt ancjemò une dificoltât fuarte tal ricognossi ad in plen lis specificitâts dal Friûl e de sô emigrazion.

Te Convention inmaneade tal Cjistiel di Voleson di Friuli nel Mondo si à discorût di «tipicamente friulani nel mondo» e si à pontât la atenzion in particolâr su la funzion che a àn (e che a puedin vê ancjemò di plui) i furlans pal Mont a pro de internazionalizazion comerciâl e imprenditoriâl dal Friûl, cuntune schirie di intervents di esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl di chenti. A son stadis presentadis esperiencis e ideis, ancje interessantis, e si à palesade la volontât dai furlans pal mont (che a son ancje chei ator pal Stât talian, ancje se masse dispès a vegnin dismenteâts) di jessi sogjets protagoniscj di chestis azions e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’.

Ancje in chest câs – cu la ecezion positive dal intervent di salût dal sindic di Voleson e Darzin, Markus Maurmair – si à palesade la presince acessorie e residuâl de lenghe furlane e di chês altris lenghis dai furlans pal mont. E je in chel istès une cuistion di identitât, di relazion e di marketing (ma o tornarìn ancjemò sul argoment).

Cun di plui tes azions di promozion culturâl tra il Friûl in Friûl e il Friûl che al è pal Mont e mancje ancjemò une azion cussiente di promozion di chê produzion culturâl furlane contemporanie che e podarès interessaûr a tancj di lôr, a tacâ dai plui zovins. Mancul mâl che par tancj di lôr e esist la pussibilitât di scoltâ Radio Onde Furlane in streaming o cu la aplicazion di pueste par tablets e smartphones di ogni sorte, di lei ancje in rêt La Patrie dal Friûl, di consultâ il sît web de ARLeF e di incrosâ sui social media almancul alc di ce che si môf in Friûl.

De bande des istituzions e des associazions al è ancjemò cetant ce fâ in cheste direzion. Nus somee che e mancji ancjemò une vere strategjie.
Al è un pecjât: no dome Friûl che al è pal Mont, ma ancje par chel che al è in Friûl.

Par intant contentinsi di chês novitâts positivis che a son saltadis fûr tai ultins dîs: nissun al à fevelât di «piccola patria» e te organizazion de zornade di domenie e je stade une colaborazion tra Friuli nel Mondo e EFASCE. Alc al è alc.

Advertisements

‘Friuli nel Mondo’: “2.0” o zero e vonde?

immagine_programma

Ai 20 di Lui stâts al colave il 60esim inovâl de costituzion dal Ente Friuli nel Mondo (EFnM).

La ricorince e je stade memoreade tai dîs passâts a Udin.

La sielte dal puest no je casuâl: no dome par vie che la citât di Udin e je calcolade tant che la “Capitâl dal Friûl” – e avonde dispès si sint tâl – e duncje, cemût che al à vût scrit ancje il sindic Honsell, «Capitâl dal Friûl che al è in Friûl e dal Friûl che al è pal Mont», ma ancje parcè che propit a Udin, tal Salon dal Parlament dal Cjistiel, l’EFnM al è stât fondât in chê dì dal 1953.
No je casuâl nancje la date, stant che ogni an, ai prins di Avost, in chel che pai emigrants al è il timp des feriis e de tornade in Friûl, l’innomenât ent al inmanee un pâr di dîs di fieste intun puest a rotazion tra lis trê provincis furlanis.

Colonia_-Caroya

No si pues dineâlu: chel dai sessante agns al è un inovâl impuartant che al merete memoreât no dome cun enfasi ma ancje cun profonditât. La prime e je stade, cui events inmaneâts tra vinars ai 2 e domenie ai 4 e soredut cu la casse di risonance ufierte dai media locâi. La seconde no, o avonde pôc, almancul daûr di ce che si à viodût, che si à scoltât e che si à let ator.
No si pratindeve che chel inovâl al deventàs daurman une ocasion di riflession e di studi in cont de storie di EFnM, stant che la materie e je penze e che chest al è alc che si pues fâlu ancje plui indenant e cun plui calme. Però si si spietavisi almancul l’inviament di un resonament in cont de ativitât plui resinte di chê associazion e des sôs prospetivis e – plui in gjenerâl – in cont des politichis cui/pai furlans pal mont, i emigrants, i lôr dissendents, la gnove emigrazion – chê che e je e chê che e je daûr a cressi – e l’associazionisim.

Impen, la cussì clamade “Convention” (sic!) dai “Furlans tal (sic!) Mont”, che si à davuelte sabide ai 3 in Cjistiel, no je stade tant divierse di chês fatis cun chel stes titul tai agns passâts. In cheste suaze, cun chê di cirîju cuntune cierte dedizion, si puedin vualmâ un pâr di elements positîfs (alc al è alc, al disarà culchidun).

ico_60_anni

Il prin al è stât chel che tal program dai lavôrs a àn vût plui spazi i furlans che a son pal Mont e i lôr intervents, intant che chei che a son in Friûl, soredut cierts sorestants, a àn vût di scoltâ, o almancul di provâ a fâlu, plui che di fevelâ dome lôr.
Il secont al tocje la disparizion – forsit in graciis dai cambiaments politics che a son stâts a nivel regjonâl – dal mantra tipic di chestis cunvignis, almancul tai ultin agns, ven a dî chel de contraposizion tra la “valîs digjitâl” dai gnûf emigrants e la “valîs di carton” di chei di une volte.

Al va dit che e je stade dome une disparizion testuâl, stant che nissun al à doprât chestis espressions, ma si à palesade ancje chest an la vision che e sta daûr di chês peraulis: la contraposizion antitetiche tra la gnove emigrazion, cul so alt nivel di “professionalizazion” e chê vecje, calcolade in maniere plui o mancul implicite tant che “puare” e “sfigade”.

Si permetìn di no jessi in cunvigne cun cheste vision.
Cun di fat, a son professionalitâts e professionalizazions diviersis, ma tal lôr mistîr ducj i emigrants a àn (e a àn vût) la lôr professionalitât e la lôr professionalizazion: i gnûfs “managers” ben scuelâts, compagn dai contadins, magari analfabetis, che passe un secul indaûr son lâts a fâ sù lis coloniis te Pampa argjentine o tal Rio Grande do Sul; i zovins ricercjadôrs di cumò, compagn dai muradôrs lâts pal mont cu lis lôr valîs di carton, plenis di martiei, clauts, cjace e fratàs plui che di vistîts, par lavorâ te edilizie o magari par stramudâsi in operaris, a Toronto, in Svuizare o a Turin; i tecnics e i inzegnîrs dal dì di vuê, compagn dai minadôrs te Belgjiche, dai “canecutters” in Australie, dai boscadôrs in Romanie o in Slavonie, dai operaris de Transiberiane e ancje di chei che levin vie dal Friûl ancje une volte par studiâ e par fermâsi inaltrò a vore, in cjamp sientific, tecnic o burocratic.
E daûr de sielte di “lâ pal mont”, dongje de dibisugne e des dificoltâts, a jerin ancje capacitât, cûr, sintiment. Compagn che cumò.

ico_60_anni

Chel scheme si insuaze ad in plen inte linie (esibide) di modernitât (presumude) che e je tipiche di dutis chestis “Conventions”.
E je une linie che e ten dentri lûcs comuns in cont sei dal passât che dal presint e dal avignî, a tacâ di une concezion avonde vecje di Friûl, di Mont, di Friûl pal Mont e di rapuarts tra il Friûl in Friûl e il Friûl pal Mont e di une schirie di banalitâts in cont de globalizazion, de economie e dal “2.0”.
Cussì, se di une bande no si pues che jessi in cunvigne sul ricognossiment dai furlans pal mont tant che ambassadôrs dal Friûl, di chê altre al reste di sclarî miôr “cui”, “cemût”, “parcè” e “par fâ ce”. E achì al salte fûr il limit di fonde des “Conventions”, di ce che ur sta ator e des azions associativis e istituzionâls cui/pai furlans pal Mont di tancj agns e soredut dai ultins timps. E je une vore di atenzion pal “business”, pes “storiis di sucès”, pai “managers”, pai “global players” intant che la dimension identitarie o che e ven dineade o che e ven fossilizade – e sù par jù al è compagn – dentri di nostalgjie, passât e puaretât, calcolade tant che alc di fis, di fer, di vecjo, di inutil.
Par no fevelâ des formis e dai contignûts de comunicazion e des iniziativis culturâls. E soredut de presince e dal ûs de lenghe furlane, des lenghis dal Friûl, des lenghis dal Friûl pal Mont e de informazion in cont de produzion culturâl furlane e par furlan.
La vision di Friûl, di furlan e di lenghe furlane puartade indenant dal EFnM e reste vecje e limitade e no rive a lâ plui inlà de “piccola patria” e duncje de “piccola lingua”.

Chest al salte fûr sei di diviersis cjoltis di posizion publichis de bande dal president di chê associazion cuintri dal furlan e soredut dal so ûs tant che lenghe normâl, magari cuinçade ancje de contraposizion tra il furlan «inutil» (ma alore a ce coventino lis pirulis di Blecs?) e l’inglês «fondamentâl», sei ancjemò di plui de pratiche: di trop e di cemût che al ven doprât te comunicazion dal EFnM. Ven a dî: une vore pôc – e je esemplâr la ultime Convention – e in chest sens il furlan al è in buine compagnie (pe assence e o pe presince unevore limitade), cul inglês, cul spagnûl, cul francês e cul todesc, che a son lis lenghis principâls dal Friûl pal mont – e mâl, cuntune ande “dialetante”, no dome pai contignûts ma ancje pe mancjance di cualsisedi minime atenzion pe forme scrite (Par capîsi: se, cemût che al è just, la peraule taliane «acqua» si à cure di scrivile «acqua» e no «accua» o «aqua» o «akua», parcè lis peraulis furlanis «benvignûts» e «ducj» tal gjornâl de associazion si scrivino «benvignus» e «duc»?).

TORONTO

Propit se si à voie di fâ e di jessi rêt, di creâ e di disvilupâ relazions di ogni sorte – personâls, culturâls, sociâls e economichis – e se si à chê di fâ business e di jessi 2.0, no si pues fâ di mancul di vê e di disvilupâ une identitât dinamiche, vivarose, moderne, plurâl e in chest sens furlane.Al è dome cussì che si è ambassadôrs di alc.

La lenghe e je un valôr, un dirit e une oportunitât ancje par chest. E pal mont lu àn capît ancjemò di plui che in Friûl, cemût che si lei achì, cemût che e contave une ministre canadese di divignice furlane cualchi an indaûr (un esempli di chês “ecelencis” e di chei “ambassadôrs” che di lôr si fevele tant) e cemût che e à ricuardât, propit sabide stade a Udin, une des reladoris de “Convention”, Isabella Lenarduzzi.

Lis sôs peraulis a son stadis la tierce robe interessante de “Convention”.
Sperìn che si visin di ce che e à dit. Tra lis altris cheste e je une riflession che e je stade inviade za un pôcs di agns indaûr, che propit in chest moment e merete disvilupade inte pratiche e che cualchi politic al somee v
ê almancul mostrât di capî alc.
Viodarìn se al sarà pardabon cussì.

internet

No volaressin someâ masse autoreferenziâi, ma par jessi antenis e ambassadôrs  a coventin lidrîs e butui.
E il Friûl pal Mont e tal Mont al à di jessi ancje Friûl e duncje ancje furlan. Se di no, al è p
ôc ce fâ par meti dongje une comunitât di relazions, di interès e di afârs.
No tant par che il nono al conti e il nevôt al scolti (stant che al è il pericul che il nono nol rivedi plui a contâ e il nevôt nol vedi plui voie di scoltâ…), ma soredut par che nonos, fîs, nevôts e altris parincj plui o mancul lontans a vedin alc ce contâ, ce scoltâ e ce fâ.
Ducj adun. All together. Todos juntos. Alles zusammen. Tutti insieme.