Babêl Europe 04/2018 al memoree la Zornade Internazionâl de Lenghe Mari

imld17

Vuê al è martars e o sin ai 2o di Fevrâr e tal palinsest di Radio Onde Furlane a 11 a buinore in direte, al torne in direte Babêl Europe, il program cuindisinâl dedicât ae produzion musicâl tes lenghis propriis des minorancis e des nazions cence stât.
La trasmission e sarà dedicade pe plui part ae Zornade Internazionâl de Lenghe Mari, che e cole doman ai 21. Al è l’inovâl de coparie de bande fuarcis di polizie dal Pakistan di diviers students de Universitât di Dhaka che in chê dì dal 1952 a manifestavin a pro dal ricognossiment de lenghe bengalese (‘bangla’) tant che lenghe uficiâl, e par chel al è stât sielzût de UNESCO cun chê di promovi la diversitât linguistiche tant che patrimoni, dirit e risorse par ducj.

Lant daûr des sugjestions dal lunari e cuntune cierte atenzion ancje pes novitâts discografichis e pe cronache, il viaç babelic di Onde Furlane al tocjarà la Ocitanie, lis Asturiis, i Paîs Catalans, la Bretagne e il Friûl furlan e sloven.
E sarà la ocasion par fâ une altre cerce di Eyjafjalljökull, il disc gnûf dal rocker breton  Gweltaz Adeux, e di Amb l’esperança entre les dents, il prin album solist di Xavi Sarrià, e par scoltâ i asturians Soncai System, i slovens Sons of a Gun, i ocitans Aire de Prima e il furlan Franco Giordani.

Dopo de direte di vuê, cheste pontade di Babêl Europe e torne ‘in Onde’, in repliche, ancje doman a une dopo di misdì e po sabide a une e mieze su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu).

Cun di plui, compagn di chês altris pontadis, ancje chê di vuê e vignarà archiviade su internet.

Advertisements

Udinese – Roma 0-2

Nuie ce fâ. L’efiet Mer…Dacia Arena che al someave palesâsi domenie stade a Turin si à mostrât ancje îr tal Stadi Friûl. Cuintri di une Rome ecuilibrade e determinade la scuadre di balon furlane no rive a fâ alc e ce, e patìs inte maniere piês sei cualchi disatenzion di masse indaûr che la mancjance di fuarce in atac e cussì e cjape doi goi e e piert une altre partide.

I blancs e neris si presentin cun cualchi novitât. L’infortuni di Lasagna al oblee Oddo a meti in cjamp dal prin minût Perica, uniche ponte cun De Paul fantasist, cuntune linie mediane a cinc cui laterâi Widmer e Adnan e cun Barak, Behrami e Fofana tal mieç, cu la difese formade di Larsen, Danilo e Samir e cun Bizzarri tra pâi.
La Rome e rispuint cuntun 4-2-3-1, cun Nainggolan tal vertiç plui alt de mediane, cun Perotti e Kolarov in bancjine par polsâ prime dal incuintri di Champions League di miercus, e cun El Shaarawy, Dzeko, Ünder che si alternin tra impostazion, pression e conclusion.

I ospits a masanin plui zûc e a son plui pericolôs. L’Udin no si scompon, al ten bot, al prove a sburtâ cun cualchi cross di Widmer e Adnan, cun cualchi iniziative di De Paul e cun cualchi progression di Fofana e Barak, ma la ocasion miôr par Perica e rive suntun erôr di Juan Jesus. In chê ocasion Alisson si vuadagne il pagnut. Cun di plui l’unic altri sgrisul che i ven al puartîr brasilian al diven di un biel tîr di Fofana ator de metât de prime frazion.
Al à plui ce fâ Bizzarri sui tentatîfs di Ünder, El Sharawi e Dzeko. Il puartîr blanc e neri si cjate simpri tal puest just tal moment just e il prin timp si siere cence goi.

La seconde frazion si vierç cuntune biele ocasion pal Udin, che dopo siet minûts e viôt Perica che al sghiribice Fazio e si cjate di bessôl denant di Alisson, che però lu ipnotize e no i permet di tirâ in puarte. La ocasion pierdude e vierç la strade ae incressite dai atacs de Rome, che intune fase de partide là che lis dôs scuadris si slungjin si zove dal dinamisim di El Sharawi e Dzeko che in doi moments si svicine ae segnadure.

Oddo al prove a cambiâ alc te sô scuadre: al mande fûr Jankto par Behrami e al met Fofana in posizion centrâl. La situazion no cambie masse pal Udin. Salacor il spostament al zove ae Rome che e cjate ancjemò plui spazi pal so atac e al rive cussì il gol di Ünder.

La rispueste dal Udin si limite a un tîr telefonât di Widmer e a une conclusion di De Paul parade in doi timps. I cambis di Perica cun Maxi Lopez e di Adnan cun Balic no spostin nuie ni tal zûc ni tal risultât, intant che la scuadre di Di Francesco e frache il pedâl dal aceleradôr. Prime Defrel al impegne Bizzari e po Perotti al siere une biele iniziative di Defrel e Nainggolan cul secont gol che al garantìs il sucès dai zâi e ros e al certifiche il risultât finâl.

Te prossime partide l’Udin al larà a Gjenue par zuiâ cuintri de Sampdoria. Al coventarà fâ alc di plui e di miôr.

Torino – Udinese 2-0

Al cjante il Gjal e al vinç il Toro. L’Udin a Turin al piert la ocasion di fâ un pas indenant inte zone Europa League. I blancs e neris a segnin un gol che al ven scancelât dal Var e a fasin un prin timp discret, ancje se si cjatin in svantaç, però te seconde frazion si sfantin e i parons di cjase, cuntune dose piçule di «tremendismo granata» e cuntun biel scat di Bellotti a rivin a vuadagnâ i trê pont e a fâ un pas indenant viers de Europe, in spiete dal derby.

La scuadre di balon furlane si presente cun Bizzarri in puarte, cu la difese a trê formade di Nuytinck tal mieç, Larsen a drete e Samir a çampe, cu la linie mediane cun Behrami tal mieç dal cjamp dongje di Jankto e Barak e di Widmer e Zampano, impegnâts tes corsiis laterâls, e cun Maxi Lopez e Lasagna in atac. Il Toro al rispuint cul so classic 4-3-3, sburtât di Iago Falque, Burdisso e Belotti, e si fâs viodi daurman cul zuiadôr galizian, che al vuadagne une punizion, le tire e al cjape la travierse, intant che di chê altre bande al è Sirigu che al regale une bale golose a Lasagna, che po al devente protagonist te fase difensive cuntun salvament denant de puarte.

La partide e somee avonde ecuilibrade e divertente. La predominance relative dai parons di cjase e ven metude in crisi di une iniziative di Lasagna, che al cjape une travierse cuntune conclusion in acrobazie, e po di Barak che al bute dentri chê stesse bale. Magari cussì no, la fieste dai blancs e neris e dure pôcs minûts: al ven segnalât un fal di Maxi Lopez e Abisso nol convalide la segnadure.

Il Toro planc plancut al torne al atac, l’Udin si difint e al prove a rispuindi in cuintripît, ancje se Lasagna al somee masse isolât, ma cul passâ dal timp al rive il vantaç dai parons di cjase, che a segnin cun N’Koulou su corner di Iago Falque e che prime de polse a impegni ancjemò Bizzarri cun Belotti e cun Niang.

Te seconde frazion la partide e piert cualitât, cul Toro che si contente e cul Udin che nol rive a fâ alc e ce. I parons di cjase a recuperin cualchi iniziative ofensive intant che la scuadre di balon furlane e disparìs. Al profite de situazion Belotti che al fâs un scat di cincuante metros cu la bale tra i pîts, al salte Nuytinck e Samir, al tire in puarte a colp sigûr e al torne a segnâ dopo doi mês di dizun.

E dopo il cjant dal Gjal a son ancjemò i colps di Iago Falque che però nol cjate la puarte. Di chê altre bande nol è nuie e  il blanc e neri al devente grîs.

Efiet Mer…Dacia Arena ancje a Turin?

Udinese – Milan 1-1

Il Milan al rive in Friûl cun chê di puartâ a cjase la cuarte vitorie di file. L’Udin al patìs la iniziative e la determinazion dai aversaris, ma e ten bot e tal secont timp e rive a gafâ chê paritât che e covente e che e je il risultât plui just.

Cuintri de scuadre di Gattuso mister Oddo al presente un 3-5-2 che in cualchi moment al somee cuasit un 5-3-1-1, cun Bizzarri in puarte, cu la tierce linie formade di Danilo, Nuytinck e Larsen, cun Behrami ancjemò tal mieç, cun Barak e Jankto dongje di lui e cun Pezzella e il gnûf rivât Zampano tes corsiis laterâls,a sburtâ ma soredut a cuvierzi, cun Lasagna prime ponte e De Paul itune posizion ibride a miezis tra la mieze ponte e il secont atacant. Il Milan, cuntun 4-3-3 che al cjape sù avonde dispès la forme di un 4-1-4-1, al mostre daurman une vocazion ofensive plui marcade e za tal prin minût al va al tîr cun André Silva, ma Bizzarri nol à fastidis tal parâ.

A passin i minûts, il Milan al fâs zirâ di plui la bale, ma l’Udin si difint cun ordin e al prove a rispuindi in cuintri pît, ancje se cence masse intensitât. Cheste sorte di eculibri e va al mancul cuant che Suso al tire fûr pardabon un biel numar: al controle la bale a sù par jù trente metris de puarte, si zire e al mole une bombe che e va a incjastrâsi sot de travierse, là che Bizzarri nol rive a tocjâle.
L’Udin al prove a rispuindi, cundut che si cjate a patî, cun Pezzella, lis acelerazions di Suso, e al imbastìs cualchi cuintri pît cun Jankto e De Paul che a lavorin par Lasagna, che al prove a fâsi vîf des bandis di Donnarumma, intant che di chê altre bande André Silva nol rive a fâ rindi une buine ocasion.

Il secont timp si vierç sù par jù cun chê stesse ande. L’episiodi plui significatîf par un pôcs di minûts al è un contat in aree tra Bonucci e Lasagna, ma arbitri e Var a son in cunvigne che al è dut in regule.
La musiche e cambie cuant che Oddo al cjate i cambis juscj: Widmer al puest di Pezzella, che al veve sufiert masse, Maxi Lopez par De Paul, che al veve lavorât ben, e po ancje Balic al puest di Berhami, cun chê di dâi ae scuadre plui ordin e plui vision.

A pro dal Udin al rive ancje un brut fal di Calabria su Jankto che i vâl la seconde amonizion e duncje la espulsion. Cuntun om di plui i blancs e neri a vuadagnin cjamp e a van al atac de puarte di Donnarumma, che al salve suntune biele conclusion di Maxi Lopez ma po si cjate incocalît e compliç disfortunât di un zûc di carambule suntun tîr cross di Lasagna, tocjât di Bonucci e po parât dentri de sô puarte dal puartîr milanist.

Dopo dal gol cjapât, il Milan al torne al atac, ancjemò cun Suso, che il so ultin tentatîf al è une punizion che si sfante su la bariere, ma la situazion no cambie e al va ben cussì, soredut pe scuadre di balon furlane.

Pal Udin al è un altri pont te scarsele, une altre partide in blanc e neri, cun alc che al funzione avonde ben e alc che nol convinç masse, e un altri passut indenant che i permet di restâ te prime colone de classifiche dal campionât di serie A. In spiete de nestre partide dal cûr, domenie che e ven li dal Olimpico di Turin.

Vôs de Basse, buinis gnovis in cont de produzion leterarie par furlan

Une conferme dal fat che i concors leteraris a puedin jessi une ocasion par valorizâ il lavôr creatîf di tancj di lôr e rive de Basse Furlane, là che te ultime part dal an passât i Comuns di Cjarlins, Gonârs, Muçane, Porpêt, Prissinins e Sant Zorç di Noiâr, cu la poie de sezion locâl de Universitât de Tierce Etât, de Filologjiche e di Radio Onde Furlane, a àn inmaneât la prime edizion dal Concors Vôs de Basse.

La iniziative, coordenade de bande dal Sportel associât de lenghe furlane dai sîs Comuns, si à sierade chê altre sere – ai 31 di Zenâr – cu la cerimonie di premiazion des trê sezions dal concors.

Ta chê specifiche pai students des scuelis, il prin premi al è lât a Rossella Dosso de VB dal liceu classic Dante Alighieri di Gurize, intant che il secont e il tierç a son stâts assegnâts a doi grups di students de IIA de scuele secondarie di prin grât Italo Svevo di Vildivar.
Inte sezion dedicade ae poesie il prin premi al è lât a Giacomina De Michieli, il secont a Egle Taverna e il tierç a Checo Tam.
Inte sezion pe narative il prin premi al è stât assegnât a Gianluca Franco, il secont a Raffaele Serafini e il tierç a Alessandro Di Pauli.

I organizadôrs si son mostrâts contents sei pal numar di partecipants, sei pe varietât e pe cualitât dai lavôrs rivâts. L’interès pal progjet si à palesât ancje cu la partecipazion de int ae serade finâl che si à tignude li de Biblioteche civiche di Sant Zorç.

Genoa – Udinese 0-1

Snait, cûr, fortune e oportunisim. L’Udin a Gjenue al tire fûr dut ce che al covente par rivâ a fâ il risultât miôr. Al fâs dome un tîr in puarte e al segne, al ten bot denant dai pôcs tentatîfs di dreçâ la partide de bande dal Genoa e al scombat e al resist par sù par jù mieze ore in dîs cuintri undis dopo de esplusion di Samir. E cussì al vinç e al reste te prime colone de classifiche.

I blancs e neris a rivin a Gjenue cun chê di tornâ a fâ ponts dopo dai trê patafs cjapâts a Rome miercus tal recupar cuintri de Lazio. I parons di cjase a àn ancje lôr chê di fâ alc di bon. Lis dôs scuadris a metin adun une partide avonde ecuilibrade, segnade de prudence di dutis dôs lis bandis e di un tic di pression ofensive in plui de bande de formazion di Ballardini.

La scuadre di balon furlane e viôt une altre volte in atac la cubie formade di De Paul e Lasagna, Behrami tal mieç denant de difese, cun Jankto e Fofana in mediane e Larsen e Pezzella laterâi e cu la tierce linie cun Danilo, Nuytinck e Samir, denant di Bizzarri. Il Genoa al tache cun plui grinte e cun plui fuarce ofensive, ispirât di Pandev, che dopo trê minûts al mande Lapadula ae conclusion e Bizzarri al pare vie. L’Udin al cres di un alc cul passâ dal timp, ma Lasagna al reste masse isolât, intant che Fofana e De Paul a cjapin sù cualchi biele iniziative e ancje la difese e cîr di tirâsi sùù par lassâ in fûr zûc i atacants aversaris.

La manovre dai blancs e neris e funzione avonde ben, massime in clâf difensive, però Pandev e Lapadula a rivin compagn a cjatâ la strade par jessi pericolôs almancul intune ocasion, tal ultin cuart di ore dal prin timp, ancje se Bizzarri al è tal puest just tal moment just.

Sierade la prime frazion cence goi, il secont timp al tache sù par jù te stesse maniere: prodence, ecuilibri e pocjis iniziativis ofensivis pardabon pericolosis. Dopo un cuart di ore abondant di zûc al rive il svolt, cul prin tîr in puarte dal Udin: balon parât fûr de difese gjenoane e colp decîs di prime intenzion di Berhami che al finîs tal sac daûr di Perin. Un a zero pai furlans.

Il Genoa al rinfuartìs l’atac, che cu la zonte di Taarabt e Galabinov, al devente a cuatri pontis, ma l’Udin si difint cun snait, ancje cuant che, par vie di un fal brut cuintri Pandev, Samir al cjape un cartelin ros e la scuadre di Oddo e reste in inferiroritât numeriche. A passin i minûts e lis bariduris furlanis a tegnin, ancje parcè che il Genoa al è lent e nol rive a sburtâ masse. Si svicine cussì la fin de partide, cuant che i parons di cjase a àn dôs ocasiononis, ma no rivin a cambiâ la partide. Sui disvilups di un corner Galabinov al cjape une travierse e tal ultin minût Rigoni nol rive a tocjâ une bale golose prontade di Taarabt: ancje la fortune i da une man al Udin.

Domenie che e ven i blancs e neris a spietin il Milan li dal Stadi Friûl.

Lazio – Udinese 3-0

No si pues simpri vinci e no si pues nancje lâ dilunc cul fâ dome risultâts positîfs. Par chel une sconfite a Rome cuintri de Lazio si pues ancje ametile. Però, dopo des partidis cul Chievo e cu la Spal, denant dal 3-0 dal stadi Olimpico, al è legjitim pandi ancje cualchi preocupazion e domandâsi se nol sedi daûr a tornâ chel che plui di cualchidun lu clame efiet Mer…Dacia Arena.

Te partide di recupar di nossere l’Udin al patìs un tic masse la superioritât – che obietivamentri e je … – dai parons di cjase. Cun di plui, la scuadre di balon furlane e jeancje un tic sfortunade, stant che e va sot di un gol dopo sù par jù vincj minûts, cuant che la Lazio no rive ancjemò a comandâ ad in plen la partide. Cussì l’autogol al vierç la strade pe afermazion de scuadre di Inzaghi.

I blancs e neris a presentin cualchi novitât te formazion: in atac si torne a viodi Perica dongje di Maxi Lopez e te mediane a son Fofana al puest di Jankto e Hallfredsson. Ancje la Lazio e à une muse divierse rispiet a chê di domenie cul Chievo, cun Radu in difese, Basta e Lukaku tes corsiis laterâls e la cubie Nani-Felipe Anderson in atac.

I parons di cjase a somein plui determinâts ancje se no rivin a jessi pardabon pericolôs. A pescjin il vantaç cuntun cross di Milinkovic, che al cjate Danilo fûr timp e che al ven tocjât malamentri di Samir: autogol. L’Udin al rispuint inte maniere miôr e si svicine daurman ae paritât cuntun biel tîr di Barak, parât vie di Strakosha, e cul tap-in di Perica, là che Radu al salve cun ducj i mieçs, ancje cuntune man, ma par Banti nol è sucedût nuie.

Il prin timp si siere cuntune biele ocasion par Parolo, che al conclût malamentri, intant che la seconde frazion e presente une Lazio plui determinade, che in mancul di doi minûts e segne il secont gol cuntune combinazion metude adun di Felipe Anderson e Nani.
L’Udin al proteste par un altri rigôr pussibil – par un contat suspiet tra Parolo e Larsen – che no i ven dât e dome tal ultin cuart di ore al rive a svicinâsi ae segnadure cuntune biel tîr di De Paul, che però al viôt Strakhosha protagonist di un intervent fenomenâl.
A son ancjemò pôcs minûts di zûc: al è avonde timp par che, dopo dal cuasigol furlan, al rivi il tierç gol laziâl cun Felipe Andreson.

Domenie la scuadre di Oddo e sarà a Gjenue. Sperìn ben…

Udinese – Spal 1-1

Seconde partide dal 2018 e secont risultât di paritât. Cuintri de Spal in cjase l’Udin al fâs sù par jù ce che al veve fat cuindis dîs indaûr cul Chievo. Al zuie dome par un timp, al segne un gol, a’nt cjape un e al puarte a cjase un altri pont. Di une bande la scuadre di balon furlane e va dilunc a no pierdi e a fâ ponts, cun cinc vitoriis e dôs patis, ma di chê altre e somee mancul determinade, costante e concrete di chel che e jere te ultime part dal an passât, cul efiet che la zone Europa League che e someave a puartade di man cumò si cjate a cuatri ponts di distance.

Oddo al met dongje une formazion che e va daûr dal so modul solit, un 3-5-2 che si mude in 3-5-1-1: Bizzarri in puarte, la difese a trê cun Samir, Danilo e Nuytinck, la mediane là che si torne a viodi Balic dongje di Barak e di Jankto, cun Larsen e Pezzella tes corsiis laterâls, e la cubie di atac fate di De Paul e Lasagna.

I blancs e neris a partissin avonde ben e a cjatin il gol dopo undis minûts cun Samir che al tocje cul cjâf il corner batût di De Paul e al mande in tilt Gomis. Il gol al see lis gjambis ae Spal, che no rive a fâ nuie, cun Floccari che al somee une fantasime e Kurtic che al predicje tal desert. L’Udin nol à masse ce fâ, ni in difese e nancje in atac, e al manten il vantaç fintremai ae polse cence padins.

Tal secont timp la musiche e cambie e si viôt daurman une altre Spal. Semplici al à di vê fat sunâ la svearine par Floccari, che al met la çate juste suntun tîr di Antenucci e al segne l’un a un dopo cuatri minût. L’Udin al patìs il colp e i ospits a sburtin cun plui decision. Bizzarri al fâs il so, cuntun salvament suntune conclusion cul cjâf di Vicari e cuntune parade su Grassi, ma di chê altre bande dal cjamp par cirî i blancs e neris al covente clamât ‘Chi l’ha visto’.

Oddo al met dentri ancje Maxi Lopez, cun chê di dâi plui fuarce ofensive ae sô scuadre, però la iniziative e reste patrimoni dai ospits. La partide e finìs un a un e in som al è il risultât plui just. Miercus l’Udin al varà di zuiâ il recupar de partide cuintri de Lazio: in chê ocasion al coventarà vê plui grinte e plui snait.

In spiete di viodi ce che al nassarà te partide di Rome, ve chi ancjemò dôs osservazions in cont dal in cuintri di vuê tal Stadi Friûl. La prime e tocje il bon acet che il public furlan i a dât al ex blanc e neri Felipe. La seconde e je chê dal câs dai tifôs de Spal che prime de partide a àn mostrât diviersis fotos di Federico Aldovrandi e che za di cualchi timp, tra burocrazie e ipocrisie, ur ven improibît di puartâ tal stadi la bandiere cu la muse di chel zovin ferarês muart ai 25 di Setembar dal 2005.

 

Autoguvier, partecipazion, teritori e progrès. Lis gnovis dal Friûl e de Sardegne

Ai 30 di Dicembar stâts, tal nestri coment des ultimis partidis dal 2017 des scuadris di Udin di balon e di bale tal zei, o palesavin un ciert otimisim pal sport e ancje in altris cjamps, là che inte prospetive dal 2018 o marcavin che al jere daûr a saltâ fûr ancje alc altri di interessant.
O fasevin riferiment, in particolâr, al cjamp de politiche, stant che juste in chê dì a Udin e vignive presentâde in forme uficiâl la trasformazion formâl e sostanziâl dal Pat pe Autonomie intune fuarce che e à chê di dâ une rapresentance plui atente e concrete al Friûl e aes sôs dibisugnis e che cun chei intindiments alì si presentarà tes prossimis elezions politichis e aministrativis.

Za timp indaûr o vevin cjalât cun interès viers di ce che al jere daûr a nassi in Friûl in chel cjamp, cuant che passe doi agns indaûr il Pat pe Autonomie al faseve i siei prins pas tant che agregazion di aministradôrs locâi cun chê di sburtâ la politiche de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest a frontâ in maniere positive lis cuistions plui impuartantis che a tocjin chês comunitâts.
Cumò o cjapin at cun interès che al è sucedût alc altri: che in Friûl a son tancj di lôr che no volin plui che si disponi dal Friûl cence il Friûl e magari ancje cuintri dal Friûl, de sô int, dai siei interès, des sôs dibisugnis e dai siei dirits.
Cun di plui o regjistrìn cun interès che alc altri di compagn o almancul di comparabil al è daûr a saltâ fûr ancje in Sardegne.

Par ce che al tocje il Pat pe Autonomie, par savênt alc di plui, o recuperìn ancje il test di un articul che al è saltât fûr ai 10 di Zenâr sul setemanâl Novi Matajur.

Il Patto per l’Autonomia, da movimento a partito
In vista delle prossime tornate elettorali politiche e regionali

Si svicinin lis elezions politichis e chês regjonâls e ai eletôrs dal Friûl e di Triest ur ven presentade une alternative ai partîts talians. Il Pat pe Autonomie, nassût tal 2015 tant che associazion di aministradôrs locâi, si da dongje cun altris sogjets e al devente un partît politic e une liste che e domande il vôt dai citadins

Esercizio cosciente e coerente dell’autonomia speciale della regione Friuli-Venezia Giulia e rappresentanza autentica dei valori, dei diritti e degli interessi dei cittadini e delle comunità del Friuli e dell’area triestina. Erano i principi ispiratori del “vecchio” Patto per l’Autonomia, associazione di sindaci ed amministratori nata due anni fa allo scopo di denunciare le contraddizioni dell’attività della politica e delle istituzioni regionali e quindi di sollecitare un cambiamento positivo in questo ambito, e sono gli obiettivi programmatici del “nuovo” Patto per l’Autonomia, soggetto politico che nasce da quell’esperienza, aggrega anche altre entità come Patrie Furlane, unica forza esplicitamente friulana presente nelle assemblee elettive sovracomunali, e i Manovali per l’Autonomia, espressione concreta del bisogno di partecipazione civica a livello territoriale, e si candida a raccogliere ed interpretare le esigenze di autogoverno e di democrazia che non vengono soddisfatte dai partiti tradizionali.

La metamorfosi del Patto per l’Autonomia è stata formalizzata lo scorso 30 dicembre in un affollato incontro al Caffè Caucigh di Udine, dove sono stati presentati ufficialmente simbolo e statuto della nuova forza politica che si propone di essere «alternativa a quei partiti italiani, che – come spiega Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba e segretario del Patto – si dimostrano sempre più estranei se non addirittura apertamente ostili alle esigenze di autogoverno delle nostre comunità» e a tal fine correrà alle prossime elezioni politiche, regionali e locali. «Siamo l’unica vera novità del panorama politico regionale – sottolinea Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene e presidente del Patto – e contiamo di avere la fiducia degli elettori perché non siamo illustri sconosciuti o dilettanti allo sbaraglio, ma ci siamo fatti le ossa in mezzo ai cittadini e abbiamo l’esperienza per poter dirigere la Regione e dire la nostra in Parlamento, per scardinare questo sistema».

Autonomia fa rima con democrazia, perciò, come evidenzia Rosario Di Maggio dei Manovali per l’Autonomia, «di fronte ad una continua verticalizzazione dei processi decisionali l’unica alternativa possibile è la partecipazione dal basso». Si spiega così il richiamo alla celebre frase pronunciata il 25 ottobre 1918 da Giuseppe Bugatto, deputato friulano a Vienna: «che nessuno disponga di noi senza di noi». «Sono passati cent’anni, ma la situazione è pressoché la stessa», è il commento di Federico Simeoni, consigliere provinciale di Patrie Furlane a Udine, che sottolinea come quella dell’autogoverno territoriale sia «una questione attuale in tutta Europa», come emerge dall’esperienza di tante forze politiche che, dalla Catalogna alla Corsica, fanno parte dell’Alleanza Libera Europea, il partito europeo al quale aderisce anche Patrie Furlane.

C’è molto da lavorare, sottolineano gli esponenti del Patto per l’Autonomia: «dalla necessità di una scuola regionalizzata alla sanità da ricostruire, dal credito locale da riorganizzare affinché sia al servizio di famiglie e imprese alla necessità di modelli di gestione più vicini ai cittadini di risorse come acqua, energia e beni comuni, fino all’esigenza di intervenire per correggere gli effetti devastanti che hanno avuto sulle casse regionali i patti Tondo-Tremonti e Padoan-Serracchiani».


A tal fine è necessario presentarsi alle elezioni, a partire dalle Politiche in programma il prossimo 4 marzo. «Noi siamo pronti», confermano Moretuzzo e Maurmair, che però denunciano come a tutt’oggi manchino ancora le regole per la presentazione di simbolo e liste e per la raccolta firme, da completare entro fine gennaio.


Altro obiettivo sono le Regionali, per le quali il Patto si affida all’esperienza di Sergio Cecotti, probabile candidato presidente, e ad un programma in grado di raccogliere altre adesioni, come suggerisce la presenza al Caucigh del vicesegretario della Ssk, Julijan Čaudek, che ha manifestato molto interesse a un dialogo con il Patto sulla base di un’ampia convergenza di idee ed obiettivi.

Discs gnûfs + personaçs storics + ‘classics’ plui o mancul antîcs = Babêl Europe 1/2018

Al è tacât il 2018 e su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90 Mhz te plui part dal Friûl, sui 90.2 Mhz in Cjargne e in dut il mont in rêt ae direzion www.ondefurlane.eu) al torne Babêl Europe, il program dedicât a lenghis, musichis, minorancis e nazions cence stât. Vuê al è martars e l’apontament in direte cu la trasmission cuindisinâl che e fevele di diversitât linguistiche e creativitât musicâl al è, come par solit, a 11 a buinore.

In continuitât cu la ultime pontade dal 2017 si larà ancjemò dilunc a cerçâ alc di cualchi disc saltât fûr vie pai ultins mês, pes ultimis setemeanis e pai ultins dîs. La atenzion e sarà pontade, in particolâr, su la produzion plui resinte di trê personaçs storics che di tancj agns a pensin, a scrivin, a sunin e a cjantin te lôr lenghe proprie, ven a dî Fermin MuguruzaXavi Sarrià e Gweltaz Adeux.

A saran selezions dai discs B-Map 1917 + 100, dât fûr di Fermin Muguruza eta the Suicide of Western Culture ae fin di Novembar stât, Amb l’esperança entre les dents, album solist, jessût ae fin dal mês di Setembar dal 2017, dal cjantant, musicist e scritôr dai Paîs Catalans, che par tant timp al è stât la vôs e la ghitare dai Obrint Pas, e Eyjafjallajökull, la gnove produzion di un dai protagoniscj de produzion musicâl par breton di passe trentecinc agns incà, prime cu la storiche band dai EV e po di bessôl.

Si scoltarà ancjemò alc altri, indaûr tal timp e a torzeon tal spazi, dal Gales ae Sardegne.

Dopo de prime emission in direte, si podarà tornâ a scoltâ Babêl Europe tal dopodimisdì di doman ai 10 di Zenâr, a une, e di sabide ai 13 di Zenâr, a une e mieze.