Mostre dal Cine di Vignesie, ocasions di ‘LeB Pride’ e di braùre furlane

Si svicine la conclusion de edizion numar 74 de Mostre dal Cine di Vignesie, che par sigûr e je une des manifestazions plui innomenadis e plui impuartantis a nivel planetari par ce che al tocje la art cinematografiche.

La Mostre e je in chel istès un event culturâl, di costum e mediatic, tra produzion cinematografiche maistream e inovative, mondanitât, storie dal cine, marketing e iniziativis di ogni sorte.

Chest an, salacor ancjemò di plui che agns indaûr, il festival al à mostrât ancjemò di plui dutis chestis musis diferentis, in particolâr cu la partecipazion significative dal cine american.

A son ancje tancj altris aspiets che a segnin la edizion 2017 de Mostre. Tra chescj si pues menzonâ ancje alc di furlan e che nus tocje di dongje, in cualchi maniere, tant che associazion.

Al è il câs, par esempli, de cussì clamade sigle di cuviertine de manifestazion, che par chest an e je stade prontade di un creatîf furlan une vore cognossût, Tomas Uolli Marcuzzi, cemût che al ven contât achì.

Cun di plui, cuntune braùre e une partecipazion particolârs, nus fâs plasê ricuardâ che sul tapêt ros dal Lido di Vignesie al è passât ancje un dai fondadôrs de associazion Lidrîs e Butui, ven a dî chel che uns pôcs in agns incà, stant che al vîf tai Stâts Unîts, lu calcolìn il nestri «amì american».
O fevelìn di Piero Basso, diretôr de fotografie di Una famiglia, il film di Sebastiano Riso che al è tra chei in concors a Vignesie e che al jentrarà e programazion dai cines ator pal Stât talian a tacâ dai 28 di Setembar.

O sin contetons par lui.

Advertisements

Dai 14 ai 19 di Avost il Rototom Sunsplash su lis frecuencis di Radio Onde Furlane

Al è timp di Rototom Sunsplash, no dome a Benicassim, tal Paîs Valenzian, ma ancje su lis frecuencis di Radio Onde Furlane. Ae edizion 2017 de manifestazion reggae plui impuartante de Europe, che e je tacade sabade ai 12 di Avost e che e larà dilunc fintremai a sabide ai 19, si podarà stâi daûr ancje cu la radio libare dai furlans.

Lunis ai 14 di Avost, cul prin colegament in direte, di vot e mieze sot sere fintremai ae buinore di martars, il public di Onde Furlane al podarà gjoldi almancul in part des buinis vibrazions afrogjamaicanis dal innomenât festival.

Chê stesse esperience e vignarà garantide tes seradis seguitivis fin ae fin di chê manifestazion, nassude in Friûl tal 1991, che dal 2013 si davuelç tal Stât spagnûl. A tacâ di siet sot sere e vie par dute la gnot il palinsest di Onde Furlane i darà spazi ae conession in direte cul festival e cun Radio Rototom.

Cun di plui, di miercus ai 16 di Avost, si vierzarà un altri barcon informatîf dedicât al Rototom Sunsplash, in direte a misdì mancul un cuart e in repliche a siet mancul vincj sot sere, dentri de rubriche Ce fâ, cul diretôr de emitente, Mauro Missana, che di Benicassim al darà cont di ce che al sucêt tal festival, tra concierts e altris events dal program.

Emigrazion, internazionalizazion, dirits e… persut. Il ‘logos’ che al devente ‘logo’

In continuitât cui doi articui fats tai dîs passâts, dedicâts a emigrazion furlane, associazionisim e istituzions, o tornìn ancjemò su la Convention inmaneade sabide stade a Voleson de bande dal Ente Friuli nel Mondo, parcè che nus permet di fâ ancjemò cualchi resonament su chescj argoments.

Prin di dut nus plâs marcâ i intervents che a àn fat tancj di lôr te ultime part di chel incuintri. E je stade une manifestazion de volontât dai furlans pal mont di jessi sogjets protagoniscj ‘atîfs’ des iniziativis presentadis vie pe taule taronde e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’ passîfs e subordenâts.

Magari cussì no, vie pe discussion, par sigûr interessante e siore di contignûts, si à vude la impression che tes ideis che a jerin daûr a saltâ fûr la funzion dai furlans tal forest e des lôr associazions e fos dome chê.
Cun di fat, cu la ecezion de professore Monica Stellin, i relatôrs a jerin ducj esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl dal Friûl in Friûl e al someave cuasit che chê innomenade espression dal «nono che al conte» e dal «nevôt che al scolte» si vês stramudade in «se la ecelence furlane no conte e i furlans pal mont no scoltin»… Par fortune – e chest al è un altri element positîf de Convention – nissun al à vût une ande catedratiche e anzit plui di cualchidun – par esempli Alessandro Liani de Video Systems – al à palesât une buine dose di snait e di sensibilitât.

Cun di plui, i intervents de ultime part a son stâts impuartants parcè che plui di cualchidun di lôr al à ricuardât che tra i furlans pal mont a son ancje chei che a son a stâ ator pal Stât talian (che a son ‘tal forest’, tant a dî ‘fûr dal Friûl’, ma no «all’estero»). Magari cussì no, masse dispès si dismenteisi di lôr (e di nô…), cundut che – cu la ecezion di chei elements distintîfs une vore impuartants (che no si pues par sigûr dismenteâju) leâts, tal passât ma almancul in part ancjemò in dì di vuê, aes cuistions burocratichis e anagrafichis (passepuart, permès di lavôr, citadinance…) e aes distancis – lis dificoltâts, lis dibisugnis e lis potenzialitâts a son sù par jù compagnis, cemût che al è saltât fûr a clâr.

Un altri element positîf al è che nissun al à fevelât di «piccola patria». Cundut achel, vie pe discussion, che e jere une vore indreçade viers de internazionalizazion turistiche e comerciâl dal Friûl e de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest, in plui di cualchi passaç si à fat un tic di confusion tra italianitât e furlanetât e tra «Made in Italy» e «Made in Friuli». In cheste maniere, ancje se sot vie, al è saltât fûr a clâr, par cui che al vûl capîlu, che al esist un probleme che nol tocje dome la dimension identitarie – oviementri su la fonde di une vision libare, dinamiche, plurâl e no jerarchiche des apartignincis e daûr di une vision positive di Friûl e di furlan – ma ancje chê economiche. Lu à marcât in particolâr la responsabile pal marketing dal Consorzi dal Persut di S. Denêl, Daniela Celledoni, che e à scugnût ameti la dificoltât che al cjate ancjemò in dì di vuê chel innomenât prodot tal fâsi cognossi e ricognossi tant che furlan, ven a dî tant che prodot che al rive di un puest che si clame Friûl, che in tancj di lôr, fintremai tal Stât talian no san ni ce che al è ni indulà che si cjate.

Al è di sest pensâ che cheste dificoltât no esistarès se te promozion des tipicitâts furlanis no si vès pôre – cemût che al sucêt daûr di une lungje tradizion che si pues definîle di orientament minimalist e fintremai negazionist – di fevelâ a clâr di Friûl e di doprâ, di plui e in maniere complete e normâl, chel che al è l’element plui tipic, ancje se no esclusîf, dal Friûl: la lenghe furlane. E chest al vâl pal marketing e pe economie (là che la lenghe proprie – il «logos» – e deventarès une marcje di cualitât e di ricognossibilitât: un «logo»), compagn che pe presince de lenghe furlane (e di chês altris lenghis dal Friûl) te societât dal Friûl di vuê, là che a esistin ancjemò prejudizis e ostruzionisims, cundut che il mont al è cambiât za di tancj agns e ancje par chel a esist une normative specifiche pe tutele des minorancis e pe promozion dai dirits linguistics.
Duncje, meti in vore chê normative, disvilupâ une politiche linguistiche di sest e doprâ la lenghe furlane in maniere normâl e in ducj i contescj nol sarès dome alc che al è ben e al conven, pai dirits linguistics di cui che al vîf in Friûl e pe promozion di dut ce che al tipic furlan, ma ancje par vê relazions plui fuartis e plui dinamichis tra il Friûl in Friûl e il Friûl pal Mont e dentri dal Friûl pal Mont, daûr di une logjiche di rêt.

E dongje de lenghe furlane, adun cu lis lenghis dai furlans pal Mont (a tacâ dal inglês, dal spagnûl, dal francês e dal portughês…), sei Friûl che pal Mont al covente promovi la produzion culturâl e artistiche contemporanie furlane e par furlan (musiche, audiovisîf, comunicazion…: di Doro Gjat a Musiche Furlane Fuarte, di INT/ART a Farcadice o aes voris di Massimo Garlatti Costa e Marco D’Agostini). A pro, in particolâr, dai zovins di divignince furlane che a son pal mont (che in efiets a’nd jerin pôcs a Voleson).

La dibisugne di cognossince e di partecipazion e je, la ufierte ancje, lis motivazions (ancje economichis) no mancjin dal sigûr. E covente une strategjje e une azion concrete, che e meti dongje ducj chescj elements e che e dedi fuarce a chei sogjets che di tancj agns za a lavorin in chest cjamp.

Al è alc di zovevul pal Friûl che al è pal Mont e pal Friûl che al è in Friûl.

 

 

 

(Fotos Petrussi/EFNM)

Emigrazion furlane, associazionisim e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (2)

 

Chê tendince contraditorie che si cjate tes azions istituzionâls dedicadis ae emigrazion de regjon Friûl-VJ, si palese compagn o salacor ancjemò di plui (massime se si calcole chê e che e varès di jessi la la lôr specificitât)  tes iniziativis des associazions che a varessin di rapresentâ i emigrants e i lôr dissendents e (par esempli chês furlanis) il colegament tra il Friûl che al è in Friûl e il Friûl che al è pal Mont.

Ancje in chescj câs si incrosin sens di comunitât e di solidarietât, volontât di relazion e di condivision e retoriche sglonfe di lûcs comuns, di nostalgjiis e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Dut chest al à tornât a mostrâsi, in particolâr, juste pôcs dîs indaûr, intant des iniziativis fatis sabide ai 29 e domenie ai 30 di Lui de bande di Ente Friuli nel Mondo e EFASCE.

Te cunvigne di S. Vît, metude adun dal Ent di Pordenon, che forsit al à finalmentri discuviert di clamâsi Ente Friulano Assistenza Sociale e Culturale Emigranti, si à fevelât di emigrazion «dai bastimenti ai voli low cost». Se di une bande al è stât metût in discussion, cun sintiment, il mît de cussì clamade «fuga dei cervelli», cu riferiment ae emigrazion gnove, di chê altre si viôt ancjemò une dificoltât fuarte tal ricognossi ad in plen lis specificitâts dal Friûl e de sô emigrazion.

Te Convention inmaneade tal Cjistiel di Voleson di Friuli nel Mondo si à discorût di «tipicamente friulani nel mondo» e si à pontât la atenzion in particolâr su la funzion che a àn (e che a puedin vê ancjemò di plui) i furlans pal Mont a pro de internazionalizazion comerciâl e imprenditoriâl dal Friûl, cuntune schirie di intervents di esponents dal mont economic, sportîf e istituzionâl di chenti. A son stadis presentadis esperiencis e ideis, ancje interessantis, e si à palesade la volontât dai furlans pal mont (che a son ancje chei ator pal Stât talian, ancje se masse dispès a vegnin dismenteâts) di jessi sogjets protagoniscj di chestis azions e no dome ‘destinataris’ o ‘intermediaris’ o ‘clients’.

Ancje in chest câs – cu la ecezion positive dal intervent di salût dal sindic di Voleson e Darzin, Markus Maurmair – si à palesade la presince acessorie e residuâl de lenghe furlane e di chês altris lenghis dai furlans pal mont. E je in chel istès une cuistion di identitât, di relazion e di marketing (ma o tornarìn ancjemò sul argoment).

Cun di plui tes azions di promozion culturâl tra il Friûl in Friûl e il Friûl che al è pal Mont e mancje ancjemò une azion cussiente di promozion di chê produzion culturâl furlane contemporanie che e podarès interessaûr a tancj di lôr, a tacâ dai plui zovins. Mancul mâl che par tancj di lôr e esist la pussibilitât di scoltâ Radio Onde Furlane in streaming o cu la aplicazion di pueste par tablets e smartphones di ogni sorte, di lei ancje in rêt La Patrie dal Friûl, di consultâ il sît web de ARLeF e di incrosâ sui social media almancul alc di ce che si môf in Friûl.

De bande des istituzions e des associazions al è ancjemò cetant ce fâ in cheste direzion. Nus somee che e mancji ancjemò une vere strategjie.
Al è un pecjât: no dome Friûl che al è pal Mont, ma ancje par chel che al è in Friûl.

Par intant contentinsi di chês novitâts positivis che a son saltadis fûr tai ultins dîs: nissun al à fevelât di «piccola patria» e te organizazion de zornade di domenie e je stade une colaborazion tra Friuli nel Mondo e EFASCE. Alc al è alc.

Emigrazion furlane, associazions e istituzions: al è alc di gnûf, ma a coventin plui Friûl e plui Mont (1)

Al somee che il Friûl che al è in Friûl si visi dal Friûl che al è pal Mont dome une volte ad an, vie pal Istât, cuant che a son i events dedicâts ai emigrants e ae emigrazion, che a vegnin inmaneâts des associazions e des istituzions. Al è sucedût ancje chest an, in particolâr tai ultins dîs, cuant che la Regjon e à metût adun la prime Giornata dei corregionali all’estero‘, Ente Friuli nel Mondo al à inmaneât la sô convention e il so incuintri anuâl e al à fat compagn ancje l’EFASCE, che al à spartît propit cun Friuli nel Mondo la organizazion de fieste di îr a Voleson e a S. Vît dal Tiliment.

Chescj apontaments a son une vore interessants no dome par vie che a son ocasions par tornâ a cjatâsi cun tantis personis che si cognossin e che a son pal mont, ma ancje parcè che a son il spieli de situazion de realtât de emigrazion furlane (chê vecje e chê gnove) e di chê, par sigûr plene di contradizions, des relazions tra i furlans in Friûl e chei emigrâts e i lôr dissendents, de lôr gjestion e de lôr promozion, là che si ricognossin tantis musis diviersis che a van dal sens di comunitât e di solidarietât tra il Friûl che al è in Friûl e chel che al è pal Mont ae retoriche sglonfe di rivocs nostalgjics dal passât e di riferiments a une presumude modernitât che e varès di jessi dome «business oriented».

Chei aspiets si vevin palesâts za vinars ai 28 di Lui, intant de Giornata dei corregionali all’estero, inmaneade te Vile Manin di Passarian de bande dal Consei regjonâl. Vie pe ‘Giornata’ e je stade marcade di tancj di lôr la impuartance dai furlans, dai slovens e dai ‘giuliani’ pal mont «tal promovi la internazionalizazion de Regjon», cu la consegne di un ricognossiment a diviers coregjonâi emigrâts, cuntun aprofondiment dedicât ae situazion une vore complicade dal Venezuela, là che a son tancj furlans, e cul rilanç di une strategjie di di disvilup di relazions in rêt.

Dongje di ricognossi la funzion dai coregjonâi pal mont tant che «ambassadôrs» o pensìn che si varès di mostrâur in maniere plui fuarte la ricognossince de comunitât regjonâl. Cundut achel, chei fats a Passarian a son resonaments interessants, ancje se no si pues fâ di mancul di vualmâ che la rêt – se e esist – no je policentriche, ma e à un grop une vorone plui grues che al è logât masse tra Triest (soredut) e (unevore di mancul) Udin, Cividât e Pordenon. Duncje al è un rapuart che al è masse condizionât de dinamiche centri-periferie, cuant che a coventaressin plui rêt e plui Mont.

Chel rapuart al è ancje segnât a fuart de mancjance des lenghis ‘altris’ de regjon Friûl-VJ – in particolâr chê furlane e chê slovene, lenghis di divignince de plui part de emigrazion regjonâl – e di chês plui dopradis tal mont dai coregjonâi pal mont e chest al salte fûr a clâr tai sîts web istituzionâi dedicâts, che a son dome par talian, magari a son ancje fers e intun câs a son dome bilengâi (par talian e par inglês e vonde).

Par no fevelâ di chê enfasi esagjerade e monotone tal cualificâ dut cu la etichete FVG, che par sigûr no rive a vê ni fuarce identitarie, ni fuarce evocative (a pro di une ricognossibilitât, sei in tiermins gjeografics e culturâi che par ce che al tocje i cantins de promozion in tiermin economic, turistic e comerciâl) e anzit e je pôc rispietose de pluralitât linguistiche, culturâl e teritoriâl de regjon, de sô int e de sô int che e je pal mont.

Al somee pardabon che – zaromai di un pôcs di agns e cence soluzion di continuitât tra une maiorance politiche e chê altre – la aministrazion regjonâl e vedi pôre (o fintremai fastidi?) de identitât plurâl e dinamiche des sôs comunitâts, residentis tal so teritori e inaltrò.

Mittelfest 2017, Cividât al è…par Aiar

Sabide ai 15 di Lui si à screade a Cividât la edizion di chest an di Mittelfest, il festival des arts nassût tal 1991 cun chê di promovi lis carateristichis ambientâls e culturâls specifichis dal Friûl e de regjon Friûl-VJ e di rinfuartî lis relazions jenfri chescj teritoris e chei de Europe centrâl e dai Balcans.

La manifestazion, daûr di une tradizion di passe vincjecinc agns, e met dongje ancje chest an une schirie di events, tra incuintris cui artiscj, performance, spetacui, concierts e vents di ogni sorte.

Il so program, che si disvilupe dilunc vie di dîs dîs, fintremai ai 25 di Lui, al è pardabon siôr.

Daûr des intenzions dai siei organizadôrs, la peraule clâf che e fâs di fîl ideâl di dute la manifestazion di chest an e je Aiar. Dopo dal festival dedicât ae Aghe tal 2015 e di chel dedicât ae Tiere tal 2016, il festival di chest an al è dedicât a chest element, che adun cun chei altris doi al rapresente un dai ponts critics dal vivi contemporani: risorse di vite, argoment di pinsîr e di azion e par chel ancje ispirazion creative.

Il program di Mittelfest si pues consultâlu culì, ancje – almancul par alc… – par furlan, par sloven e par todesc.

Suns Europe, al è fûr il bant pe sezion musiche de tierce edizion dal festival

Dopo de cerce dai 9 di Jugn, cul dopli conciert de artiste galese Gwenno e dal progjet furlan vERsO, ve chi un altri pas indenant dilunc de strade che e puarte ae tierce edizion di Suns Europe, il festival european des arts tes lenghis minorizadis.

Al è finalmentri saltât fûr, za di cualchi dì, il bant di partecipazion de sezion dedicade ae musiche di chê manifestazion che dal 2015 e puarte in Friûl artiscj che a doprin cun snait e cun creativitât lis lenghis propriis des minorancis e des nazionalitâts.

L’invît a fâ indenant lis candidaturis al vâl par ducj i musiciscj – grups o soliscj – che a produsin musiche origjinâl doprant une des «lenghis regjonâls o minoritariis» dal continent, cemût che a vegnin definidis te innomenade Cjarte fate buine dal Consei de Europe tal 1992.
Il bant (par furlan, par inglês e par talian) si pues leilu in rêt e si pues discjamâlu dal sît www.sunseurope.com. La scjadince e je chê dai 10 di Avost.
Par ce che al tocje lis sezions dedicadis ae leterature e ae produzion audiovisive lis modalitâts di individuazion dai partecipants no proviodin la publicazion di bants e la selezion dai partecipants e vignarà fate de bande di un comitât di esperts. Cundut achel, e je ancje la pussibilitât di presentâ propuestis specifichis. Al baste scrivi a info@sunseurope.com.

Tal percors viers de tierce edizion di Suns Europe, dongje de publicazion dal bant pe sezion Musiche, dal inzornament dal sît internet e dal conciert di Udin dai 9 di Jugn, al cjate puest ancje il dopli incuintri che une delegazion dai organizadôrs de manifestazion, formade di rapresentants di Radio Onde Furlane, de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e de cooperative Punto Zero al à vût, ancjemò vie pal mês di Mai a Strasburc, cui rapresentants dal Consei de Europe e dal Parlament european.
In particolâr, il grup vuidât dal diretôr artistic di Suns Europe, Leo Virgili, si à cjatât adun cul responsabil dal Segretariât de Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis, Sixto Molina, e cui eurodeputâts plui atents e sensibii viers des cuistions che a tocjiin i dirits des minorancis e la diversitât linguistiche e culturâls.

Risultati immagini per EUROPARLAMENTO SUNS EUROPE

Il Segretariât de Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis dal Consei de Europe, che a tacâ de prime edizion, al da il so patrocini al festival, al à palesât il so interès in cont di Suns Europe, tant che une iniziative impuartantone pe promozion des lenghis, dai dirits e de cussience civiche, massime in chescj agns – il 2017 e il 2018 – che a son segnâts di inovâi une vore significatîfs: par chest an i vincjecinc agns de adozion de Cjarte europeane e par l’an che al ven il ventesim de jentrade in vore (tal 1998) de Cjarte stesse e de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate buine tal 1995.

L’Intergrup del Parlament european pes minorancis, pes comunitâts nazionâls e pes lenghis al à pandût il so preseament par Suns Europe, sù par jù cun chês stessis motivazions.

Suns Europe al è ancjemò… plui european.

A Turin Blackout in fieste, in Friûl Onde Furlane a monteâ. Radio Days… and Nights

Chi di cualchi mês al cole in maniere uficiâl il vincjesim cuint inovâl di Radio Blackout, la storiche emitente alternative e antagoniste di Turin, che si scolte sui 105.250 Mhz e in rêt.
Cundut achel la ricorence e ven memoreade daurman, di vuê a domenie ai 11 di Jugn, li dal Spazio 211 in vie Cigna, cu la gnove edizion dal Blackout Fest, che par solit si fâs tra la fin dal mês di Mai e la prime metât di Jugn.

Il program complet al met dongje trê dîs pençs di concierts e di altris events, a tacâ za tal dopodimisdì.
Une manifestazion di no pierdi, par plui resons.

A proposit di radios, se si spostisi di Turin al Friûl, al merete segnalât l’apontament di doman, sabide ai 10 di Jugn, su Radio Onde Furlane. Te trasmission di aprofondiment gjornalistic Dret & Ledrôs, curade e condusude dal diretôr de emitente, Mauro Missana, si fevelarà di mont, di malghis, di prodots tipics, di aghe e di energje, cuntune schirie di ospits cualificâts.

Pe ocasion la radio libare dai furlans e larà a monteâ in Cjargne, cun doi colegaments in direte dal Çoncolan intant che il malgâr Michele Gortani al mene fin a Malghe Pozof lis sôs vacjis bisis, inte suaze di chel che al è deventât un event, il Transumanza Day. Cun di plui, si fevelarà ancje de fieste Make Frico not War di Tramonç di Sot.

Onde Furlane si pues scoltâle ancje in rêt e cu la App, che si pues discjamâle a gratis.

Par dîle cul titul di un cine di Woody Allen: a son Radio Days… and Nights.

Gwenno dal Gales e vERsO dal Friûl, ai 9 di Jugn a Udin une cerce di Suns Europe

Un apontament di no pierdi cu la musiche furlane e babeliche contemporanie. Al è chel di vinars ai 9 di Jugn, cuant che a Udin, te cort Morpurgo, tor 9 mancul un cuart di sere, al è proviodût un conciert dopli pardabon interessant.

L’event al è une sorte di anteprime di Suns Europe, il festival des arts tes lenghis minorizadis dal nestri continent, che za di un pâr di agns la cooperative Informazione Friulana, cu la colaborazion di divieris entitâts e istituzions, e inmanee vie pal mês di Dicembar te Capitâl dal Friûl e par chel e clame dongje di dute Europe musiciscj, cineastis e scritôrs che a esprimin la lôr creativitât doprant la lôr lenghe.

Daûr dal spirt de manifestazion, ancje ta cheste ocasion si metin dongje progjets artistics di cheste fate: un galês e un furlan.
L’apontament di vinars, in particolâr, al sarà la ocasion par viodi e par scoltâ Gwenno (pe anagrafe Gwenno Meredid Saunders), cjantante, musiciste, dj, presentadore radiofoniche e atore di Caerdydd/Cardiff, che e gjolt di une cierte innomine a nivel internazionâl pe sô ativitât e che par sigûr e je cognossude di cui che al scolte Radio Onde Furlane e in particolâr la trasmission Babêl Europe.

Dal 2005 al 2010 e à cjantât e sunât cul grup The Pipettes e po e à inviât la sô cariere soliste, Il so disc Y Dydd Olaf, jessût passe doi agns indaûr, al à vût un sucès discret in dut il Ream Unît e ancje inaltrò. Al met dongje un schirie di tocs là che melodie, eletroniche e ricercje sonore si misclicin, cun risultâts une vore bogns, cu la vôs inmagante di Gwenno che e cjante par galês e intune cjançon ancje par cornic, une altre lenghe minorizade dal Ream Unît, che so pari, Tim Saunders, al dopre in leterature dongje dal galês, dal breton e dal gaelic irlandês.

La esperience di Gwenno si insuaze tal panorame de musiche, de comunicazion e de art dal Gales, che al è une vore vivarôs e là che lis produzions te lenghe proprie a son tantis e preseosis, tra bands di innomine planetarie tant che i Gorky’s Zygotic Mynci e i Super Furry Animals e produzions audiovisivis tant che Sam Tân.

Te serade di vinars, dongje di Gwenno, si podarà gjoldi ancje de esibizion de cjantante Elsa Martin e dal ghitarist Marco Bianchi, che a presentaran vERsO, un spetacul là che tocs de tradizion popolâr furlane si compagnin cun composizions origjinâls par talian e par furlan cun chê di mostrâ il Friûl vivarôs e complès dal dì di vuê, a miezis tra tradizion e inovazion.

In Cort Morpurgo si presentarà ancje il bant pe edizion 2017 dal festival Suns Europe.

La manifestazion e je metude adun des cooperativis Informazione Friulana e PuntoZero, cu la poie dal Assessorât regjonâl pal turisim, dal Comun di Udin e de ARLeF.

Onde Furlane a Vinitaly, Vinitaly su Onde Furlane

Vuê, domenie ai 9 di Avrîl, si scree la edizion 2017 di Vinitaly. Ancje chest an li dal Salon internazionâl dai vins e dai distilâts che si fâs a Verone e sarà presinte Radio Onde Furlane, cuntune sô postazion logade tal Paveon 6 di VeronaFiere, là che al è il stand coletîf de Regjon Friûl-VJ e dal ERSA. Cussì la innomenade manifestazion e vignarà contade, cuntune schirie di trasmissions in direte, de bande de radio libare dai furlans.

Daûr di une tradizion che e à zaromai vot agns, Mauro Missana e Enrico Turloni a tiraran dongje informazions, gnovis, curiositâts e intervistis, che a laran in onde di vuê a martars ai 11.

Tal palinsest di Onde Furlane a son proviodûts diviers spazis dedicâts a Vinitaly, che si pues scoltâju in modulazion di frecuence (sui 90 Mhz pe plui part dal Friûl, sui 90.200 in Cjargne e in rêt, par dut il mont, ae direzion www.ondefurlane.eu): vuê, domenie ai 9 di Avrîl, di 10 a 11.30 a buinore e di 5 a 6 sot sere; doman, lunis ai 10 di Avrîl, di 9.30 e 10.30 a buinore, de une aes dôs dopo di misdì e di 5 a 6 sot sere mieze; martars ai 11 di Avrîl di 9.30 a 10.30 e di 3 a 5 dopo di misdì.

E sarà la ocasion par scoltâ la vôs di esperts, produtôrs, esportadôrs e rapresentants des istituzions, che vie par chescj dîs a son implicâts te manifestazion. Tra chei che a àn za dât la lôr disponibilitât a intervignî su Onde Furlane a son i organizadôrs di BorderWine Fabrizio Mansutti, Luca Bernardis e Valentina Nadin, l’esportadôr di vins furlans tai USA Franco Canciani, il cogo Manuel Marchetti, cognossût ancje par vie de so partecipazion ae trasmission televisive La Prova del Cuoco, la somellier Diana Candusso, professioniste dal turisim enogastronomic, e Remo Rossi, dirigjent di bancje par profession e espert di vinsi par passion.

A son proviodûts ancje i intervents dal assessôr regjonâl pes risorsi agriculis e forestâls Cristiano Shaurli, dal diretôr dal ERSA Paolo Stefanelli e di rapresentants di PromoTurismoFVG.

«O sin a Vinitaly ancje chest an – al è il coment di Mauro Missana, diretôr di Radio Onde Furlaneparcè che al è un event impuartant pe societât e pe economie dal Friûl. Contâ cheste manifestazion par furlan al è il nestri lavôr e al fâs part di chê funzion di servizi public par dut il Friûl che la nestre radio e plui in gjenerâl la nestre cooperative, Informazione Friulana, e davuelç zaromai di 37 agns».

«Al è impuartant jessi achì e… mostrâ la lenghe – al zonte Enrico Turloni – ancje par vie che chel che al è il caratar di fonde de nestre ativitât di informazion e di comunicazion al zove ancje ae promozion dal Friûl e dai siei prodots intune maniere origjinâl e cun chê di marcâ la lôr origjinalitât e fâju cognossi e ricognossi ator».

E juste cun chel spirt, il bon acet ai ospits di Onde Furlane al vignarà dât cun prodots made in Friûl tant che il cafè OroCaffè e la aghe Dolomia.