Friûl di contâ e di discuvierzi in mostre a Udin a tacâ dai 8 di Avrîl

etnografic

Inte suaze des celebrazions de Fieste de Patrie dal Friûl, a Udin si vierç un barcon su la mitologjie popolâr furlane, sui siei personaçs e su li sôs storiis. L’apontament al è pai 8 di Avrîl, cuant che a 5 sot sere alì dal Museu Etnografic, in Borc di Greçan, e vignarà screade la mostre Viaç tal Friûl di Magance.

L’alestiment al è stât metût adun, pe cooperative Serling, de bande di Sandri Carrozzo e di Carli Pup pai tescj e di Luigino Peressini pes ilustrazions, e al è un piçul viaç tal mont des creaturis magjichis de tradizion furlane, tant che orcui, aganis, maçarots, salvans, striis e diaui.

La mostre e je fate di doi panei grancj cu la riproduzion di une mape complete dal Friûl e dal so imagjinari fantastic e di vincjecinc cubiis di panei plui piçui cuntun test descritîf e une figure in grant par ogni personaç.

aganis

Se une volte chestis crodincis a jerin contadis dongje dal fûc o in file, vuê e je la ocasion di svicinâsi a cheste realtât cu la scree de mostre.  I siei contignûts a vignaran presentâts de bande di Peressini e di Carrozzo vie pal incuintri dal titul Friûl di contâ e di discuvierzi.

La mostre, che si podarà visitâle tai oraris di vierzidure dal Museu di Palaç Giacomelli, e siere il program di iniziativis Friûl, Patrie di ducj. Udin 2016, che al jere stât batiât ai 2 di Avrîl cul incuintri dal titul Friûl di lei e di pensâ: ‘Ripensare la nazione’,  confront cun plui vôs sul Friûl di îr, di vuê e di doman e che al à cjapât dentri l’event leterari di martars ai 5, Friûl di scrivi, di lei e di contâ: Contecurte, la disfide.

Patrie_di_Ducj001

Advertisements

Dut un cine

SEGNAI11_2012cop

No je dome la musiche, che par plui motîfs e à une sô fuarce particolâr. Ancje la produzion audiovisive e je sei une forme di esistence e resistence culturâl des lenghis minorizadis che un strument pe lôr promozion, intune suaze complessive di tutele e normalizazion.
Al è emblematic ce che al è saltât fûr intai ultins trente agns in Friûl e par furlan, a tacâ dal classic e pionieristic “Maria Zef” e di chel “cult movie” che al è “Lidr
îs Cuadrade di Trê”.

La “Mostre dal Cine Furlan” e il “Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane” a àn judât il disvilup di gnovis produzion. La funzion di chestis dôs manifestazions inmaneadis dal CEC – Centro Espressioni Cinematografiche di Udin e je, in chest setôr, sù par jù compagne di chê davuelte tal cjamp de musiche dal “Premi Friûl”.

Juste une desene di dîs indaûr, ai 18 di Dicembar, si è davuelte li dal Visionario di Udin  la premiazion de novesime edizion dal “Concors”.

Ve chi cemût che e je lade.

concors

La jurie de novesime edizion dal “Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane”, componude di Giorgio Cantoni, Roberto Iacovissi e Donato Toffoli, che si jerin dâts dongje ai 9 di Otubar dal 2012, dopo di vê valutât ducj i lavôrs presentâts in concors e à assegnât chescj premis:

Pe sezion senegjaturis il prin premi al è lât a “La conte dal re e da la badante” di Andro Peressutti e Riccardo Sabbadini cun cheste motivazion: “Pe sô origjinalitât e pal stîl inovatîf riferît aes tematichis frontadis intune prospetive sureâl e metafisiche”.

Cun di plui, la jurie e à vût chê di segnalâ la senegjature “La strie” di Linda Picco e Andrea Carta cun cheste motivazion: “Une senegjature sute, svelte e ben sestade”.

Pe sezion storiis par film, la jurie e à decidût di segnalâ “La cliniche dai mats” di Flavio D’Osualdo cun cheste motivazion: “Une storie contade cun fantasie, cuntun bon ritmi e cun capacitât di coinvolziment”.

Pe sezion storiis par film la jurie no à assegnât il prin premi e pe sezion dedicade ai saçs e à decidût di no assegnâ nissun ricognossiment.

Pal 2012, la jurie e à conferît il premi “Mario Quargnolo” – premi bienâl dedicât a autôrs e personalitâts dal mont dal cine che a àn dât un contribût sostanziâl pe cressite dal audiovisîf furlan – al regjist Massimo Garlatti-Costa cun cheste motivazion: “Pal impegn inte ativitât che al puarte indenant di agns incà par un cine in lenghe furlane di cualitât e inovatîf”.

Tra lis altris, Massimo Garlatti-Costa al veve partecipât cuntune sô opare a di une iniziative inmaneade a Turin de associazion Lidrîs e Butui ancjemò tal 2003.

Dilunc de serade, tra premiazions e proiezions, a son stadis presentadis ancje dôs publicazions: il numar 11 de riviste di cine in lenghe furlane “Segnâi di lûs” e il libri “I lûcs dal cine / I luoghi del cinema / Kraji filma” di Carlo Gaberscek.

Robe buine di scoltâ, di cjalâ e di lei

Une biele iniziative editoriâl di Associazione Giorgio Ferigo e Forum Editrice Universitaria:
un libri cun cuarti cds, cu la musiche, lis peraulis e une schirie di fotos di Giorgio Ferigo
e dal Povolâr Ensemble.
Il dut al è stât presentât in anteprime vuê a Udin:
http://www.regione.fvg.it/rafvg/comunicati/comunicato.act?dir=/rafvg/cms/RAFVG/notiziedallagiunta/&nm=20121127143918010 .

O tornarìn ancjemò sul argoment.
Par intant, par savênt di plui: http://www.giorgioferigo.net/wp-content/uploads/prenotazione-Povolar.pdf.