Il sunôr amì francoprovençâl di scoltâ e di viodi, vuê a Turin li dal Cinema Massimo

Un apontament al cine cu la tradizion musicâl de zone francoprovençâl de (ex) provincie di Turin.
Al è chel di vuê a 6 e mieze sot sere li dal Cinema Massimo di Turin, cuant che e sarà la proiezion di Lou soun amis, il documentari di Luca Percivalle e Flavio Giacchero, che al da cont di une ricercje antropologjiche disvilupade vie par cinc agns, tra il 2011 e il 2015, dedicade al « sunôr amì» de musiche popolâr e de lenghe francoprovençâl tes Vals di Lanzo.

Il cine al conte di une identitât che e esist e che e resist, ancje cul fâ fieste, cul cjantâ, cul sunâ e cul balâ, te cuotidianitât e in maniere naturâl.

Ancje la descrizion e je naturâl e libare: lis imagjinis a presentin paisaçs, personis e situazions cun partecipazion, cun rispiet e cence invadence e lis personis e lis situazions stessis si contin e a contin ce che a fasin e ce che a pensin in maniere sclete e doprant la lenghe mari.

Lou soun amis al ven presentât te innomenade sale, che si cjate dongje dal Museu dal Cine, inte suaze de edizion di chest an di Piemonte Movie gLocal Festival, che al è in plen davuelziment juste in chescj dîs, di miercus ai 8 di Març fintremai domenie ai 12.

Advertisements

Usgnot al è il prin ciak di Suns Europe. Si scree la Mostre dal Cine

Loreak

E je finalmentri ore di Suns Europe. Usgnot a Udin si scree il prin e unic Festival european des arts performativis tes lenghis minoritariis. L’apontament al è li dal cine Visionario cu la viertidure de Mostre dal Cine, la sezion dal festival dedicade ae produzion cinematografiche e audiovisive.

Suns Europe – Mostre dal Cine al sarà tignût a batisim de prime proiezion in assolût intal Stât talian di Loreak di Jon Garaño e Jose Mari Goenaga, la pelicule basche candidade ai Oscar pal miôr cine forest, e di Capo e croce. La ragione dei pastori di Marco Antonio Pani e Paolo Carboni, documentari sart premiât intal 2014 al festival Cinemambiente di Turin.

Loreak al è une comedie plene di sorpresis: un film intrigant li che si incrosin lis storiis di trê feminis che sul imprin no si cognossin e chê di un om. Dai lôr dramis personâi vivûts in cidinôr e che si disvelin a planc a planc e ven fûr une comedie dai contors sureâi cun misteriôs macs di rosis ufierts e consegnâts intune trame che si disglagne tant che un thriller.

capocroce

Capo e croce. La ragione dei pastori al conte la lote dai pastôrs sarts par difindi il lôr lavôr e la lôr dignitât. I doi regjiscj a mostrin sei lis manifestazions fatis in Sardegne e intal “continent”, sei la vite di ogni dì dai pastors, marcant lis lôr dificoltâts e la impuartance di une ativitât che e rispiete la nature e la tradizion.

La serade e previôt ancje la proiezion dal spot promozionâl pal ûs sociâl de lenghe furlane, +FigoXFurlan, metût adun di Giorgio Cantoni interpretât di Daniel Samba.

Pe proiezion a saran presints in sale sei la atore Itziar Ituño, intant che la dì seguitive al sarà un incuintri public cul atôr protagonist Josean Bengoetxea, sei Marco Antonio Pani e Paolo Carboni al è un dai fondadôrs dal Babel Film Festival di Casteddu/Cagliari.

jordi cadena

Tra i titui in cartelon che a vignaran presentâts a Udin vie par chescj cuatri dîs di Mostre dal Cine a figurin ancje il catalan La Por di Jordi Cadena, il groenlandês Sumè – Mumisitsinerup Nipaa di Inuk Silis Høegh, il galês Y Syrcas di Kevin Allen, l’ocitan La Barma di Fredo Valla – cognossût ancje tant che senegjatôr dal cine di Giorgio Diritti Il vento fa il suo giro – e Âf Blu, opare origjinâl di animazion in lenghe furlane di Serena Di Blasio e Giulia Spanghero, che e fronte cun delicatece il teme dal rispiet de diversitât.

Tra lis produzions in lenghe furlane a son ancje  +Sklet/XTremetv di Giorgio Cantoni e Felici ma Furlans di Tommaso Pecile e Alessandro Di Pauli.

suns_vert

Il program de Mostre dal Cine al previôt ancje incuintris cun autôrs e atôrs e proiezions speciâls pes scuelis.

Suns Europe 2015 al è un progjet metût adun cul jutori de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) e di Turismo FVG, cul coordenament de cooperative Informazione Friulana e cu la colaborazion dal CEC – Centro espressioni cinematografiche di Udine, des associazions Bottega Errante e Il Laboratorio, de cooperative Punto Zero, dal Comun di Udin e dal Teatri gnûf ‘Giovanni da Udine’.

Il program di dut il festival in detai si pues leilu e discjamâlu achì.

‘I turcs tal Friul’, il Pasolini furlan par television su Rai 5 usgnot e miercus ai 28

TURCS_11

Un event ecezionâl pal Friûl e pe culture furlane. Lunis ai 26 di Otubar, tor dîs e mieze di gnot, in viertidure de setemane di trasmissions televisivis dedicadis a Pier Paolo Pasolini, a cuarante agns de sô muart, Rai 5 e fasarà viodi la version complete par furlan, cui sottitui par talian, dal spetacul ‘I Turcs tal Friul’ di Pasolini, che al jere stât presentât ai 26 di Avost dal 1996 tal curtîl dal Agriturisim ‘Ai Colonos’ di Vilecjasse.
E jere stade une des ultimis replichis di un lavôr teatrâl che, mediant de regjie maraveose di Elio De Capitani, des musichis di Giovanna Marini e di une cuarantine di atôrs su la sene, al veve vût un sucès straordenari di critiche e di public, par merit de produzion che e veve cjapât dentri il Teatri dal Elfo di Milan cu la Bienâl di Vignesie e il Teatri Stabil di Triest.

Di chel spetacul, che no si dismentee e che al veve vût la sô sene naturâl intun curtîl contadin e su la tiere rude di glerie, sot de lûs naturâl di un amont e cuntun burlaç che al jere daûr a rivâ, e je restade testemoneance intun video editât da l’associazion culturâl Colonos, che al à dentri la regjistrazion video cu la regjie di Remigio Romano. Pe version televisive il document video al è stât restaurât, doprant tecnologjis modernis e cu la supervision di Elio De Capitani.

E je la prime volte, dopo dal film ‘Maria Zef’ che al fo trasmetût de Rai tal 1981, che la lenghe  furlane si presente e si mostre intune maniere cussì prestigjose ae grande platee taliane e si palese cuntun progjet artistic e culturâl che al à un profîl altissim.

‘I Turcs tal Friul’ al tornarà in onde su Rai 5, in repliche, miercus ai 28 di Otubar a 11.40 a buinore.

Culture polache a Udin, dai 13 ai 18 di Març a tornin lis Zornadis

DOUBLE_LIFE_VERONIQUE-7

Cualchi an indaûr a vegnin inmaneadis a Turin lis “Giornate polacche”.

A tacâ dal 2014 une iniziative di cheste fate e ven metude dongje ancje in Friûl.
Si clame Giornate della cultura polacca e le inmanee la associazion Polonik cul jutori e cul patrocini di tancj sogjets publics e privâts.

locandina-giornate-JPEG2

La seconde edizion de rassegne e tache vuê e e va indenant fintremai ai 18 di Març.
Tal program a son une schirie di apontaments che a tocjin il cine, la musiche, la poesie, la filosofie, la narative e la promozion turistiche.

Tal cartelon de manifestazion a son ancje un omaç ae produzion dal regjist Krisztof Kieslowski, un incuintri cul poete Ryszard Krynicki e un conciert dal cjantautôr Andrzej Sikorowski.

kieslowski

Al rive “Âf blu”, sperìn che nol sedi une moscje blancje

âf_blu

Il prin carton animâ produsût pal 100% in Friûl al è une opare par furlan. Si clame Âf blu e al è stât metût adun inte suaze des iniziativis editoriâls di cualitât in lenghe furlane promovudis de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane).

Il carton al è stât prontât dal CTA  (“Centro Teatro Animazione e figure”) di Gurize e i à lavorât parsore une scuadre che e ten dongje Serena Di Blasio pe scriture e pe senegjature, Giulia Spanghero pai dissens, Giorgio Cantoni  pe animazion, Michele Polo pe revision dai tescj, adun cul compositôr Matteo Sgobino, la atore Nicoletta Oscuro e i musiciscj Didier Ortolani e Alessandro Turchet.

La idee e je interessante, stant che il carton al conte lis aventuris di une âf blu, che propit par vie dal so colôr e ven calcolade tant che strane e strambe. La âf, juste par chel, e decît di lassâ la sô cjase e di lâ ator pal mont e il so torzeonâ nol è dome une ocasion par cognossi lis tantis creaturis dai prâts (il svuarbecjavai, il çupet, il chebar…), ma ancje par cognossisi e par capî e par fâ capî che la sô specificitât no je alc di ce vergognâsi ma e je alc di bon e di zovevul par dute la societât, cemût al salte fûr in maniere concrete propit intant dal so viaç.

Chê de Âf blu e je une storie che e promôf il valôr de diversitât e lu fâs in maniere plasevule e delicade. Al è ancje un biel esempli di produzion audiovisive par furlan, là che la lenghe furlane e ven doprade cun sintiment, cun professionalitât e tant che lenghe normâl e moderne, cemût che al varès di jessi simpri.

Cun diplui Âf blu al mostre cemût che, par fâ alc di bon e di valevul par furlan, a pro de lenghe e dal dirit ae lenghe, si rive a meti adun un prodot che, par furlan o dopleât o sottitolât in cualsisedi altre lenghe, al pues vignî doprât e gjoldût in ognidontri.

In chest sens Âf blu al è un prodot di esportazion che se nol fos stât fat par furlan no si varès rivât adore a fâlu – stant che al è in assolût la prime produzion di cheste fate metude adun in Friûl – e in chest sens al conferme ce che al conte propit la storie de sô protagoniste.

La realtât e va plui innà de finzion, stant che no mostre dome che la diversitât –  in chest câs chê linguistiche – e je un valôr e un dirit, ma ancje che e je une risorse e une oportunitât in tiermins sociâi e economics. Un bon investiment pe lenghe furlane al devente un bon investiment pe produzion audiovisive in gjenerâl e al promôf cualitât, professionalitât, lavôr e disvilup.

Al è ce che a àn capît, za uns trente agns indaûr, inaltrò in Europe. In Gales, par esempli, la volontât di dâ fuarce ae lenghe galese cul insegnâle a scuele, cul doprâle in ducj i setôrs de vite publiche e cul so ûs tai media e à puartât ae creazion di un vêr e propri sisteme industriâl che si pues calcolìalu tant che un model di disvilup sostignibil. Cun di fat, la dibisugne di produsi contignûts di cualitât pal canâl televisîf public galês S4C e à fat nassi une schirie di piçulis cjasis di produzion locâls, là che a lavorin zovins cuntun alt nivel di professionalitât che par fâ il lôr mistîr no scugnin emigrâ e che anzit lu fasin miôr – cun plui cualitât e cun plui origjinalitât – propit parcè che lu fasin tal lôr teritori e doprant la lenghe proprie di chel teritori.

Si rivaraial a fâ compagn ancje in Friûl? Sperìn di sì. Sperìn che Âf blu nol sedi une moscje blancje.

Lis lenghis ‘altris’ sul schermi a Udin, a Turin e cumò a Casteddu

babelmark

Al è timp di festivals cinematografics e di lenghis minoritariis in mostre sul schermi grant.
Dai 20 ai 23 di Novembar a Udin si à davuelte la tierce Mostre dal Cine, rassegne dedicade al cine tes lenghis des nazions cence stât de Europe di soreli a mont. In cuatri dîs il cine furlan si à cjatât intune cun chel sart, basc, catalan e galizian. Tra i films che a son stâts proietâts li dal Visionario di Udin a son stâts preseâts une vore, par esempli, ‘Su Re’ di Giovanni Columbu, il documentari catalan ‘Velocitat’, che al conte dal TAV che al varès di colegâ Barcelone e Parîs, e il film basc ‘Barrura Begiratzeko Leihoak (Ventanas al interior)’, opare di cinc regjiscj che e conte cinc storiis di ancjetancj presonîrs politics. Biel e interessant ancje ‘Fènix11*23’ di Joel Joan e Sergi Lara, un cine di finzion che però al conte une storie vere, in chel stes sureâl, ridicule e dramatiche.

SuRe

Dai 22 ai 30 di Novembar e je stade ancje la edizion numar 31 dal Torino Film Festival, che daûr di une tradizion zaromai consolidade al à puartât in citât une rieste une vore siore di titui, tra curts e luncsmetraçs, cines di finzion e documentaris. Tra i tancj films tal cartelon a jerin ancje, fûr concors, il luncmetraç catalan ‘Historia de la meva mort’ di Albert Serra, za premiât a Locarno, e il documentari di Francesca Archibugi, ‘Parole Povere’, dedicât al poete furlan Pierluigi Cappello.
Il fat che il cine, se al è bon, al sedi tratîf indipendentementri de lenghe doprade, lu vin sperimentât a Turin ancje nô in ocasion des proiezions fatis par La mia lingua suona…IN TOUR. Visioni babeliche a Mirafiori ai 21 di Novembar stâts, in particolâr par vie de rEazion positive di chei che a jerin rivâts par câs li de Casa del Parco e li si son fermâts fint insom, colpîts de cualitâts des oparis.

HISTORIADELAMEVAMORT

Di cualchi dì une biele selezion di cines fats doprant lenghis minorizadis e altris codiçs periferics e ven presentade a Casteddu/Cagliari, in Sardegne, inte suaze de tierce edizion dal Babel Film Festival.
Il concors internazionâl inmaneât de bande de Cineteca Sarda, screât cuntune anteprime fate a Aristanis/Oristano ai 29 di Novembar, al è in plen davuelziment, dai 2 ai 7 di Dicembar. Dongje dai films in concors, tes trê sezions pai luncsmetraçs di finzion, pai curtsmetraç di finzion e pai documentarsi, a son in program altris proiezions speciâls e events che a tocjin diviers aspiets de creativitât tes lenghis minorizadis, a tacâ dal incuintri in musiche tra Sardegne e Friûl di chê altre sere dai 3 cui sarts Malasorti, Beppe Dettori, Dr Dreer & CRC Posse, cui catalans da L’Alguer Claudia Crabuzza e Gabriele Sanna e cun Lino Straulino.

jnk

Tra i i titui in concors al è ancje il film ‘JNK Oltri la ultime frontiere’ di Marco D’Agostini, che o vin viodût cuindis dîs indaûr propit a Turin.
Il program e dutis lis informazions in cont dal festival si cjatin achì.

A Turin (21/11) e a Moncalieri (22/11), La mia lingua suona…IN TOUR

CoverOccitaniaJPG

Doi dîs, trê apontaments. Ai 21 e ai 22 di Novembar il program di incuintris dal titul La mia lingua suona…IN TOUR al tocje ancjemò Turin – Tesoriera e Mirafiori – e al rive ancje a Moncalieri.

Ogni incuintri al à une sô specificitât: dal puest al program e fintremai ai siei protagoniscj.
Di no pierdi.
Par savê ce che al sucêt, al baste dâ un cuc al comunicât di presentazion che si cjate achì…

cropped-leb3.jpg

LA MIA LINGUA SUONA…IN TOUR
Continua il viaggio di Lidrîs e Butui tra lingue, musiche e visioni babeliche
Nuove presentazioni di “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”
Due giorni e tre appuntamenti a Torino (21/11) e a Moncalieri (22/11)

Prosegue anche a novembre La mia lingua suona…IN TOUR, il ciclo di incontri pubblici di presentazione del libro Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo e più in generale dedicati a creatività nelle lingue minoritarie, tutela dei diritti linguistici e promozione della diversità culturale.

Per questo mese la manifestazione, promossa dall’associazione Lidrîs e Butui con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, prevede tre appuntamenti in due giorni, realizzati anche con la collaborazione operativa delle Biblioteche civiche della Città di Torino, della Fondazione Mirafiori, della Biblioteca Civica di Moncalieri “A. Arduino” e del locale Assessorato alla cultura e al turismo.

tesoriera

Giovedì 21 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica musicale “A. Della Corte” di Torino (La Tesoriera, corso Francia 186) è in programma l’incontro dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR alla Tesoriera. Al centro dell’incontro saranno proprio i contenuti di Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock di Marco Stolfo, pubblicazione dedicata alla produzione musicale contemporanea nelle lingue minoritarie d’Europa, che descrive l’evoluzione della produzione musicale in occitano e in friulano negli ultimi decenni,ne illustra il contesto storico, geografico, culturale, linguistico e politico, e rende conto della relazione tra musica e lingua, questioni identitarie, rivendicazioni sociali, multiculturalità, sviluppo sostenibile e diritti linguistici e collega il Friuli e le terre “d’Óc” con altre realtà d’Europa.
Nell’occasione Lorenzo Siviero, coordinatore nazionale di ARCI ReAL (Rete ARCI Live), e l’autore del libro proporranno un viaggio virtuale tra storie, parole, suoni e visioni, dall’Occitania al Friuli e dalla Sardegna al Paese Basco, dal Galles alla Grecìa Salentina, dalla Corsica alla Bretagna, dai Paesi Catalani ai Sami del circolo polare artico.
L’incontro ad ingresso libero prevede anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte. Tra queste le immagini e i suoni del concerto dei Lou Dalfin a Borgo San Dalmazzo il 3 novembre 2012, ripreso da Remo Schellino per Musicalista, e del film JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini, documentario che racconta l’avventura umana e musicale della rockband friulana JoNoKognòs e la sua partecipazione al festival europeo Liet International a XiXón/Gijon nelle Asturie un anno fa.

CSlamialinguasuonaintourTESORIERAokweb

LAMIALINGUA_TESORIERA_2111013ok

jnk

L’appuntamento previsto per giovedì 21 novembre alle 21, presso la Casa nel Parco (Via Panetti/Via Artom, Parco Colonnetti), è centrato proprio sulla produzione audivisiva nelle lingue minoritarie. L’incontro, dal titolo La mia lingua suona… IN TOUR. Visioni babeliche a Mirafiori, incontro dedicato alla creatività nelle lingue minoritarie d’Europa ed in particolare a musica e produzione audiovisiva.
Presso la casa del quartiere di Mirafiori Sud ci sarà la proiezione la proiezione di tre opere cinematografiche caratterizzate dall’uso creativo e contemporaneo di lingue in condizioni di minoranza come il friulano e il sardo. Si tratta di Bentu, cortometraggio in lingua sarda di Tore Cubeddu, tratto dal racconto Il vento di Antonio Cossu, di Farcadice-Diari di Viaç: Charleroi, documentario sull’emigrazione friulana in Belgio di Luca Peresson e Carlo  Della Vedova e della versione integrale di JNK Oltri la Ultime Frontiere di Marco D’Agostini.
I film, in sardo e in friulano, sono sottotitolati in italiano.

CSlamialinguasuonaintourMIRAFIORIokweb

LAMIALINGUA_MIRAFIORIloc_2111013ok

logobibliomoncalieri

Venerdì 22 novembre alle 17, presso la Biblioteca civica “A. Arduino” di Moncalieri (via Cavour, 31) è in programma La mia lingua suona… IN TOUR. The Moncalieri Session.
In questo caso i contenuti del libro di Marco Stolfo saranno discussi, insieme all’autore, dal direttore di Radio Flash, Gianluca Gobbi, dalla direttrice della Biblioteca di Moncalieri, Giuliana Cerrato, e dall’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Moncalieri, Francesco Maltese. Interverrà anche l’assessore alla cultura e al bilancio della Provincia di Torino, Antonio Marco D’Acri.
Saranno presentate anche testimonianze audio e video della musica occitana e friulana più nuova e più forte.

CSlamialinguasuonaintourMONCALIERIokOKweb

LAMIALINGUA_MONCALIERI_2211013ok rivisto

I tre incontri sono ad ingresso libero.

Cine mût, bicicletis e Cormôr Salvadi

Layout 1

Sabide ai 5 di Otubar si scree la edizion numar 32 dal Festival dal Cine Mût di Pordenon, event di innomine planetarie che al va indenant fintremai ai 12 di Otubar cun proiezions, incuintris e altris iniziativis. La edizion di chest an des ‘Zornadis’ e je sot dal segn di Orson Welles, stant che une des pontis dal so cartelon e je la proiezion di ‘Too Much Johnson’, il so film dal 1938 che si lu pensave pierdût e che invezit a àn tornât a cjatâlu.
Tra i events speciâi a son la viertidure cul film mût contemporanei spagnûl ‘Blancanieves’ e la dople proiezion finâl di ‘The Freshman’, cun Harold Lloyd tant che protagonist, che al vignarà compagnât de musiche dal vîf de ‘FVG Mitteleuropa Orchestra’. Tra lis sezions specifichis a son chês dedicadis al cine di animazion, ae Svezie, al Messic e ae Ucraine.

1_Cormor2013

Tra i apontaments interessants par cui che si cjate in Friûl in chescj dîs a son ancje i events dal program di Cormôr Salvadi, rassegne dedicade ae creativitât, ae musiche e ae produzion culturâl dal Friûl di vuê. La manifestazion e je za tacade la setemane stade, cun dôs seradis dedicadis ae musiche reggae e dub. Ai 4 e ai 5 di Otubar al sarà protagonist il rock: chel sunât di Prehistoric Pigs e Jimmy Barbiani Band la Sabide di sere sot dal tendon de aree demaniâl di Cjasielis e chel rapresentât tes cuviertinis dai discs, cu la mostre “La Storia del Rock in 200 copertine”, par cure di Angelo Tomasin, che e ven screade Vinars a 8 e mieze li de Vile Di Varmo, in Vie Cavour, a Mortean.
La setemane che e ven a Cjasielis ai 12 di Otubar tal dopodismidì formazion musicâl cul percussionist Luca Colussi e la sere conciert cul stes Colussi adun cul innomenât pianist Glauco Venier e cun Alessandro Turchet al liron, intant che domenie ai 13 a Mortean si fasarà la Fiere dal Disc li de palestre comunâl di Vie Leonardo da Vinci.

luna-e-un-quarto

Cun di plui, ai 4 di Otubar, a tacâ di 8 e mieze di sere, a Privan di Bagnarie, li de tignude Beltrame, la atore Stefania Carlotta Del Bianco, il poete Maurizio Mattiuzza e la band dai Luna e Un Quarto a presentin ‘Con tutta la ruota davanti’, un recital di peraulis e musiche dedicât ae bicicletes e al cilcisim. Un viaç emotîf, une pedalade imagjinarie, une corse su lis stradis dal mont e su chês dal Tour, de Paris-Roubaix, de Vuelta e dal Zîr di Italie, là che si incrosin storiis di bicicletis tant che mieç di traspuart, imprest di lavôr e strument par discuvierzi, par pierdisi e par cjatâsi. Par savênt di plui: parcoextiro@gmail e eventi.krea@gmail.com.

“JNK-Oltri la ultime frontiere”

d'agostini

Par cui che al è in Friûl chel di doman al è un apontament che no si pues pierdilu. Cun di fat, ai 28 di Avost, a tacâ des 7 e mieze sot sere, li dal cine Visionario di Udin, si presente il film di Marco D’Agostini, “JNK-Oltri la ultime frontiere”.

Il documentari al è la gnove opare di un dai regjiscj furlans plui bulos de gnove gjenerazion, che in chescj agns al à doprât il lengaç dsal audiovisîf par contâ storiis interessantis, soredut di musiche e di migrazions.

Il film al conte dal viaç fat dal grup dai JoNoKognòs dal Friûl aes Asturiis e de lôr partecipazion al Liet International dal 2012 a Xixon/Gijon, tal Stât Spagnûl.

L’incuintri si vierç cuntun conciert de band, che e je une des miôr dal panorame de gnove musiche furlane dai ultins cuindis agns, cul so rock melodic e ben petât, in belance tra Seattle, Athens e il Friûl di Mieç.

Dopo de musiche dal vîf, a 9 sot sere si fasarà la prime proiezion publiche dal documentari che dongje di contâ un viaç tal spazi e tal timp, al fronte ancje altris argoments e al vierç prospetivis di profondiment su diviersis cuistions: la amicizie, il conflit tra gjenerazions, il vivi intun teritori lontan dai grancj centris, lis lenghis minoritariis e i dirits linguistics.

La jentrade e je sore nuie.


Topolove/Topolò, une stazion là che al è biel rivâ

topolo2

Par cui che al torne (o che al rive) in Friûl e al à voie di viodi cualchi spetacul particolâr nol esist dome il Mittelfest. Un pôc plui insù di Cividât, tes Vals dal Nadison, al merete (almancul) fat un scjampon a Topolove/Topolò.
In chescj dîs, in particolâr, al è in plen davuelziment, za di vinars stât, chel festival di art cence confins che si clame Postaja Topolove / Stazione Topolò.

Usgnot, tra lis altris, e sarà la proiezion di ‘Across the River/Oltre il Guado’, il gnûf filmdal regjist furlan Lorenzo Bianchini, La opare, che e je stade presentade un mês indaûr te59esime edizion dal Taormina Film Festival, e je stade zirade in part propit des bandis di Topolò cun int dal puest e i siei dialicsa son in part intal dialet sloven locâl.
Bianchini si veve fat cognossi za agns indaûr par vie dai siei horror movies fats ducj o in part par furlan, a tacâ dal so esordi, il mitic ‘Lidrîs cuadrade di trê’, dal 2001, che al veve vût une buine rispueste dal public e de critiche, e di ‘Custodes Bestiae’, prin premi al ToHorror Film Festival di Turin.

Doman, dal dopomisdì indenant, grant finâl cun poesiis e musichis.

Dut il program de rassegne si cjate achì.