INT/ART, la culture e la creativitât protagonistis ai 10 di Mai a Udin li de Universitât dal Friûl

Vinars ai 10 di Mai li de aule 2 di Palaç Antonini (Universitât dal Friûl – V. Petracco 8, Udin) a 5 sore sere il CIRF (Centri interdipartimentâl pal disvilup de lenghe e de culture dal Friûl) dal Ateneu furlan, in colaborazion cun Radio Onde Furlane e cu la societât di produzion audiovisive Agherose, inte suaze de Setemane de Culture Furlane promovude de Societât Filologjiche Furlane, al inmanee un apontament dedicât ae comunicazion e ae creativitât in lenghe furlane cu la proiezion di doi episodis de serie di documentaris INT/ART di Dorino Minigutti e Giorgio Cantoni.

INT/ART, che il so titul al fâs riferiment ae INT e ae ART e in chel istès al riclame ancje la nozion di ARTiscj INTernazionâi, al è un progjet audiovisîf che al conte la storie di une schirie di zovins artiscj furlans – protagoniscj ognidun di un episodi – che a son impegnâts tai cjamps de musiche, de ilustrazion, dal cine, dal teatri, de sculture, de fotografie e de scriture creative. La lôr ativitât e je inlidrisade inte culture e inte identitât dal Friûl in maniere fuarte, personâl e dinamiche e il lôr lavôr al inricjìs la culture furlane e al contribuìs al so rinovament continui. Cun di plui, chês conessions specifichis cul Friûl e, massime in cierts câs, l’ûs de lenghe furlane a marchin, in maniere plui o mancul fuarte e esplicite, la lôr produzion e a deventin elements di origjinalitât che ur permetin di jessi cognossûts, ricognossûts e preseâts ancje inaltrò, ator pal mont.

In particolâr, dilunc dal apontament dai 10 di Mai, a vignaran presentâts i episodis che a contin la esperience artistiche e personâl di Carin Marzaro, che e fâs la grafiche e la ilustradore e e sune il bas eletric, e di Federico Scridel, atôr impegnât in cetancj progjets di teatri, di cine e di television.

L’incuintri, che al vignarà introdusût dal diretôr dal CIRF, Enrico Peterlunger, e al varà la conduzion di Pauli Cantarut di Radio Onde Furlane, al previôt la presince dal regjist e produtôr di INT/ART, Dorino Minigutti, di tancj agns impegnât ancje inte realizazion di prodots in lenghe furlane, e dai doi artiscj protagoniscj dai doi documentaris.

La partecipazion al event e je libare e gratuite.

Al è muart il mestri Luciano Lunazzi, artist contemporani e furlan dal mont


Une altre brute gnove che e rive dal Friûl e che e tocje la culture furlane contemporanie.
Trê dîs dopo de muart di Pierluigi Cappello, îr al è vignût a mancjâ ancje Luciano Lunazzi.

Cjargnel di Cjaline di Davâr, emigrant in Svuizare, citadin dal mont, artist.
Lunazzi al à vivût e al à cognossût il mont, cun snait e cuntune umanitât vere e no convenzionâl.
Dut chest si à palesât ad in plen te sô art semplice, colorade, visionarie e tal so jessi presint ator par Udin e ator pal Friûl.

Cumò nus restin i siei cartons piturâts, i siei dissens, i siei collages, che nus contin di siums di libertât, di mont, di Friûl e di mont vivût e contât cuntune cjaladure furlane e par chel libare e di liberazion.

Mandi, mestri Luciano!

E graciis di dut.

Topolove/Topolò, une stazion là che al è biel rivâ

topolo2

Par cui che al torne (o che al rive) in Friûl e al à voie di viodi cualchi spetacul particolâr nol esist dome il Mittelfest. Un pôc plui insù di Cividât, tes Vals dal Nadison, al merete (almancul) fat un scjampon a Topolove/Topolò.
In chescj dîs, in particolâr, al è in plen davuelziment, za di vinars stât, chel festival di art cence confins che si clame Postaja Topolove / Stazione Topolò.

Usgnot, tra lis altris, e sarà la proiezion di ‘Across the River/Oltre il Guado’, il gnûf filmdal regjist furlan Lorenzo Bianchini, La opare, che e je stade presentade un mês indaûr te59esime edizion dal Taormina Film Festival, e je stade zirade in part propit des bandis di Topolò cun int dal puest e i siei dialicsa son in part intal dialet sloven locâl.
Bianchini si veve fat cognossi za agns indaûr par vie dai siei horror movies fats ducj o in part par furlan, a tacâ dal so esordi, il mitic ‘Lidrîs cuadrade di trê’, dal 2001, che al veve vût une buine rispueste dal public e de critiche, e di ‘Custodes Bestiae’, prin premi al ToHorror Film Festival di Turin.

Doman, dal dopomisdì indenant, grant finâl cun poesiis e musichis.

Dut il program de rassegne si cjate achì.