Il taur, la acuile e la crôs: Turin, Ocitanie e Friûl

udinesemag_cover001

Sul numar 6 de riviste Udinese Magazine, dât fûr li dal Stadi Friûl ai 31 di Otubar pe partide tra Udin e Turin, al è jessût chest articul che al fevele dal Toro, di Turin, dal Friûl e de Ocitanie.

Cui che nol jere a Udin, li dal Stadi Friûl, e che par chel – e magari no dome par chel – nol à rivât a cjatâlu e a leilu, cumò al pues lei chel articul culì…

curvamaratona

Storie, liende, atualitât. Inte suaze dal zûc dal balon tal Stât talian il ‘Toro’ al à un puest particolâr. La sô innomine e va une vore plui innà de citât di Turin, dal Stât talian e dai stes risultâts tes competizions agonistichis. E je une innomine che in chel istès e je memorie, fantasie, mît, sium e salacor ancje consolazion, massime cuant che lis robis, tal cjamp o inaltrò, no van nuie ben.
Il ‘Toro’ al è stât e al è ancjemò un simbul di lote e di sperance. Pal spirt romantic e «barricadero» dal club turinês, Giovanni Arpino al veve inventât une espression di pueste: al veve cjapât ispirazion di un tiermin spagnûl e lu veve clamât «tremendismo granata».

La «Grande squadra del Torino»
Propit chel «tremendismo granata» al è l’element di fonde de identitât dal ‘Toro’ e de sô int.
Te storie taliane il Turin al è deventât un simbul, in particolâr vie pai agns Cuarante dal secul passât. Cul so zûc, cui siei talents e cui siei risultâts, il ‘Grande Torino’ al à rapresentât la volontât e la fuarce morâl di saltâ fûr dai rudinaçs e de devastazion de Seconde Vuere Mondiâl.
Chê stesse scuadre e veve cjapât sù un significât evocatîf, che al lave plui innà dal sport, za intant di chel conflit. Cemût che al salte fûr dal film ‘I nostri anni’ di Daniele Gaglianone, juste in chei agns il riferiment ae «Grande squadra del Torino» al jere deventât une sorte di peraule di ordin par ricognossisi tra antifassiscj e partigjans. Lote, sperance e Resistence.

gigi-meroni-2

Il ‘Grande Torino’ al jere la scuadre dal popul e cul popul. La scuadre di Mazzola, di Gabetto, di Bacigalupo e di ducj chei altris zuiadôrs, ma ancje la scuadre di Oreste Bolmida, il «trombettiere del Filadelfia», che al sunave la trombe par dâur fuarce ai granatas, e di ducj i siei tifôs.

Cussì in chê sere dai 4 di Mai dal 1949, a Superga, no murivin dome chei zuiadôrs e ducj chei altris passezîrs dal trimotôr Fiat G 212, ma al murive ancje alc tal cûr e te anime di dute la int.

E jere une muart che però e deventave risurezion: mît e memorie.
No sarà la uniche. Al baste pensâ ae figure di Gigi Meroni, il cjavelon cui cjalçons inrodolâts, cul so stîl di zûc e di vite e cu la sô muart, ai 15 di Otubar dal 1967, tirât sot di dôs machinis.
Une di chês e jere vuidade di un zovin che passe trente agns plui tart al deventarà il president dal ‘Toro’, Attilio Romero. Une altre disgrazie, un altri mît e un altri segn dal destin, stant che ancje il Turin tant che societât al sarà protagonist di une muart e di une risurezion: il faliment dal 2005 e la rifondazion.

Turin e Friûl
Ogni partide cul Turin e devente une ocasion par confrontâsi cul so mît e cu la sô storie, che e devente almancul in part ancje la nestre. Di cui che i plâs il zûc dal balon. Di cui che i plâs il Friûl. Di cui che si vise che ancje te nestre storie al jere – e al è ancjemò, cundut che al ven masse dispès platât – un «tremendismo» furlan. Di cui che si vise dai diviers zuiadôrs furlans che a àn zuiât tal ‘Toro’: dal clautan Ruggero Grava, ancje lui colât a Superga, al plui cognossût Enzo Bearzot, dal gurizan Giorgio Puia al campion di Italie Vittorio Caporale, di Claudio Sclosa a Massimo Donati. E di cui che si ricuarde che a Turin a son tancj di lôr che a son di divignince furlane: a saressin sù par jù uns vincjmil di lôr.

enzobearzot_toro

Al è ancje un altri aspiet dal ‘Toro’ che al pues tocjânus tant che furlans. A son chês bandieris rossis, cuntune crôs zale cun dodis pomui (trê par ogni braç), che si viodin simpri plui dispès framieç di chês granatas, tal stadi di Turin e ancje inaltrò. A son lis bandieris de Ocitanie, simbul di une identitât cence confins e di une lenghe cuntune nobiltât leterarie antighe che e à patît une minorizazion forsit ancjemò plui penze di chê dal furlan.

lou_dalfin1_granatissimo

L’ocitan al è la lenghe storiche di dutis lis tieris ‘d’Oc’ dai Pireneus aes Alps. A’nt fasin part ancje dodis valadis des provinciis di Cuneo e di Turin, là che la lenghe e esist, e resist e si torne a inventâ cul cine, in graciis di autôrs tant che Fredo Valla, Diego Anghilante e Andrea Fantino, e cu la musiche di tancj di lôr, a tacâ dai Lou Seriol e dai Lou Dalfin, esemplis di «tremendismo» granata e ocitan.

Marco Stolfo

bandieredoc

Advertisements

3 thoughts on “Il taur, la acuile e la crôs: Turin, Ocitanie e Friûl

  1. IL TORO, L’AQUILA E LA CROCE. TORINO, OCCITANIA E FRIULI

    Storia, leggenda, attualità. Nel quadro del calcio italiano il Toro occupa uno spazio particolare. La sua fama non si limita Né a Torino, né all’Italia e neppure ai suoi risultati nelle competizioni agonistiche. È una reputazione che è nel contempo memoria, fantasia, mito, sogno e addirittura consolazione, soprattutto quando le cose, in campo o altrove, non vanno per niente bene.
    Il Toro è stato ed è ancora oggi incarnazione di lotta e di speranza. Per lo spirito romantico e «barricadero» del club torinese, Giovanni Arpino aveva inventato un’espressione specifica: aveva tratto ispirazione da una parola spagnola e lo aveva chiamato «tremendismo granata».

    La «Grande squadra del Torino»

    Proprio quel «tremendismo granata» è il tratto peculiare dell’identità del Toro e della sua gente.
    Nella storia italiana il Torino è diventato un simbolo, in particolare durante gli anni Quaranta agns del secolo scorso. Con il suo gioco, con i suoi talenti e con i suoi risultati, il ‘Grande Torino’ ha rappresentato la forza morale e la volontà di lasciarsi alle spalle le macerie e la devastazione della Seconda Guerra Mondiale.

    Quella stessa squadra aveva acquisito un significato evocativo che andava ben aldilà dello sport già durante il conflitto. Come emerge dal film ‘I nostri anni’ di Daniele Gaglianone, proprio allora il riferimento alla «Grande squadra del Torino» si era trasformato in una specie di parola d’ordine, un segno di riconoscimento tra antifascisti e partigiani. Lotta, speranza e Resistenza.

    Il ‘Grande Torino’ era la squadre del popolo e con il popolo. La squadra di Mazzola, di Gabetto, di Bacigalupo e di tutti gli altri giocatori, manche la squadra di Oreste Bolmida, il «trombettiere del Filadelfia», che suonava la tromba per dare la carica ai granata, e di tutti i tifosi.
    Così quel 4 maggio 1949, a Superga, non morivano solo quei calciatori e gli altri passeggeri del trimotore Fiat G 212, ma moriva anche qualcosa nel cuore e nell’anima di tutti.

    Era una morte che diventava risurrezione: mito e memoria.
    Non sarà l’unica. Basta pensare alla figura di Gigi meroni, il capellone con i calzettoni arrotolati,con il suo stile di gioco e di vita e con la sua morte, il 15 ottobre 1967, investito da due auto.
    Una delle vetture coinvolte era guidatada un giovane che un zovin trentatré anni dopo diventerà il presidente del Toro, Attilio Romero. Un’altra disgrazia, un altro mito e un altro segno del destino, dato che alche il Torino come società sarà protagonista di una morte e di una risurrezione: il fallimento del 2005 e la rifondazione.

    Torino e Friuli

    Ogni partita con il Toro diventa un’occasione per confrontarsi con il suo mito e con la sua storia, che diventa almeno in parte anche la nostra. Di chi ama il calcio. Di chi ama il Friuli. Di chi si ricorda che anche nella nostra storia c’era – e c’è ancora, anche se troppo spesso è nascosto – un «tremendismo» friulano. Di chi si ricorda de diversi calciatori friulani in maglia granata: dal clautano Ruggero Grava, tra i caduti di Superga, al più noto Enzo Bearzot, dal goriziano Giorgio Puia al campione d’Italia Vittorio Caporale, da Claudio Sclosa a Massimo Donati. E di chi si ricorda che a Torino vivono tante persone di origine friulana: si stima che siano almeno ventimila.

    C’è ancora un altro aspetto del Toro che può riguardarci come friulani. Sono quelle bandiere rosse con la croce gialla, che sempre più spesso si vedono in mezzo a quelle granata, allo stadio di Torino e anche altrove. Sono le bandiere dell’Occitania, emblema di un’identità senza confini e di una lingua con una nobiltà antica che ha patito una minorizzazione probabilmente ancor più pesante di quella del friulano.

    L’occitano è la lingua storica di tutte le terre ‘d’Oc’ dai Pirenei alle Alpi. Ne fanno parte anche dodici valli delle province di Cuneo e di Torino, in cui la lingua esiste, resiste e si reinventa con l’audiovisivo, grazie ad autori come Fredo Valla, Diego Anghilante e Andrea Fantino, e con la musica di tanti gruppi e solisti, a partire dai Lou Seriol e dai Lou Dalfin, esempi di «tremendismo» granata e occitano.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s