In sardu e par furlan? Mai dire Rai (Ancjemò une volte)

monoscopiorai

Vinars ai 31 di Lui il Senât al veve fat bon il dissen di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public. In chê ocasion i senatôrs e il guvier a vevin dismenteât une altre volte la esistence de Leç 482/1999, i impegns internazionâi che a divegnin de ratifiche de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, fate daûr de Leç 302/1997, e il fat che la tutele des minorancis linguistichis e je un principi di fonde dal ordenament talian, che al vâl compagn par dutis lis comunitâts.

Îr chel stes dissen di Leç al è rivât ae Cjamare. Si spietavisi che al cambiàs alc, stant che pocjis setemanis indaûr al jere stât presentât un emendament de bande di cuatri deputâts elets in Friûl, che al veve chê di comedâ chê dismenteance, che in realtât e je il spieli di une situazion che e met dongje vecjos prejudizis, ignorance e mancjance di rispiet des leçs, dai dirits e de stesse Costituzion.

Magari cussì no, chel emendament al è stât ritirât e altris, sù par jù compagns, che a jerin stâts fats indenant de bande di diviers parlamentârs elets in Sardegne, no son stâts fats bogns.
Cussì il dissen di leç al continue a fâ fîs e fiastris tra lis minorancis, daûr di une distinzion cence nissune fonde juridiche tra presumudis «minoranze nazionali», che a varessin di valê di plui, e altris «minoranze linguistiche storiche», che a impen a saressin «minorancis di serie B».

Su la cuistion o vevin scrit alc za achì e achì.

In rêt o vin cjatât ancje chest articul che al conte cemût che e je lade ae Cjamare – al è dome un ordin dal dì che al impegne il guvier a fâ alc – e cemût che la cuistion e je stade frontade de bande de plui part dai politics e dai media locâi in Friûl, tant a dî il nuie che al ven fat passâ tant che un grant sucès: Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs.

cjamare

Par completece di informazion, o zontìn ancje il comunicât pe stampe dât fûr di Diego Navarria, sindic di Cjarlins e president de Assemblee de comunitât linguistiche furlane:

Se uno si affidasse solo ai titoli del Messaggero Veneto di oggi potrebbe pensare che finalmente ci sia stata una grande apertura alle trasmissioni in friulano in Rai da parte di Roma.
Purtroppo non è così. La legge di riforma della Rai è passata alla Camera ma senza le trasmissioni in lingua friulana! Questa è la verità!

Contrariamente agli impegni che i deputati friulani si erano pubblicamente assunti dopo la mia denuncia sul silenzio dei nostri senatori, la legge nemmeno menziona la lingua friulana.
I deputati avrebbero dovuto rimediare al testo approvato dal Senato che prevedeva trasmissioni solo in lingua francese in Valle d’Aosta, tedesca e ladina in Trentino -Alto Adige e slovena in Friuli-Venezia Giulia, ma così non è stato.

Si tratta di una grave ingiustizia da parte del parlamento e della maggioranza che la settimana scorsa non ha recepito in commissione l’emendamento correttivo presentato dall’ on. Malisani e poi non ha approvato quello presentato dall’ on. Gigli in aula.

Non ci si può accontentare di aver fatto approvare un ordine del giorno che impegna il governo a provvedere in futuro. La lingua friulana doveva essere in legge avendo la stessa dignità delle altre lingue minoritarie già presenti in RAI, dignità riconosciuta dalla Costituzione, dalle leggi dello Stato e dell’Europa. Perché non è stato fatto? Perchè chi ci rappresenta non pretende il rispetto dei diritti della minoranza più grande presente? E l’amministrazione regionale come si è mossa?

Vi è poi nell’articolo di Davide Vicedomini una brutta affermazione che forse è la madre del mancato inserimento del friulano in RAI da parte della Camera: si parla di differenza nel nostro ordinamento tra minoranze cosiddette “nazionali” e minoranze storiche.

Utilizzare questi termini vuol dire non aver chiaro quanto dispongono le norme, dove questa differenza non esiste, e creare discriminazione tra persone che hanno gli stessi diritti riconosciuti dalla Costituzione. Ora non rimane altro che ricorrere alla Corte Costituzionale.

Diego Navarria
Presidente dell’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana

Advertisements

One thought on “In sardu e par furlan? Mai dire Rai (Ancjemò une volte)

  1. Pingback: Tutela delle minoranze, l’Europa tira di nuovo le orecchie all’Italia – KLARIS

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s