Udinese – Genoa 2-4

udin_neri

Al jere masse biel. Dopo de partide di Florence e di chê di îr cul Genoa  si cjatìn un pôc ducj a vê iniments il titul di chê innomenade cjançon di Dario Zampa. Tal zîr di une setemane l’Udin al passe «dalle stelle alle stalle»: de biele vitorie cuintri de Atalanta ai patafons cjapâts de bande Fiorentina  e dai gjenoans. Salacor il cuatri a doi di îr al bruse ancjemò di plui, par vie che di une bande al met in discussion un dai elements di fuarce de scuadre blancje e nere di chest an, la tignude in cjase, e di chê altre al palese une schirie di problemis tecnics, tatics e ancjemò di plui di mentalitât de bande de scuadre di mister Stramaccioni, là che a son masse disatenzions daûr e in gjenerâl personalitât e caratar a van al mancul.

Vie pe setemane al coventarà lavorâ e pensâi parsore par tornâ a dreçâsi cemût che al covente. Cun dut achel, no si à nancje di butâsi masse jù, parcè che alc di bon al reste, dal dinamisim di Widmer, che al segne il so prin gol in serie A, ae continuitât e al snait di Di Natale, che cumò i mancje some une segnadure par rivâ ae cuote 200. E la classifiche e podarès lâ ancje piês: mancul mâl che il Palermo al vinç cuintri dal Milan.

La partide dal Udin e tache benon. Dopo 23 seconts il gjenoan Leandro Greco al pastroce cul balon,  Kone al recupare la bale e le zire su Di Natale che al segne. I blancs e neris a guviernin la partide e la reazion dal Genoa no parturìs alc e ce e i vûl une bombe di fûr di Marchesi par rivâ a fâ un a un. Il gol al cambie i ecuilibris, cul Genoa che al cjape cûr e l’Udin che al è lambicât e disorientât. A rivin in cheste situazion i pastroçons prime di Gulherme – che però al sarà distès un dai miôr de zornade – e dopo soredut di Bruno Fernandes, che al met in crisi Karnezis, dut a pro di Iago che al segne.

Il Genoa al manten il control des operazions e l’Udin al reagjìs cul cjapitani Totò e cu la pression di Widmer. I doi a soi protagoniscj de azion che torne a meti il risultât in paritât, sierant la prime frazion di zûc.

Tal secont timp Stramaccioni al ten fûr Bruno Fernandes, che al à zirât a vueit tal prin timp, al met dentri Badu e al sposte Kone daûr di Thereau e Di Natale. La scuadre e prodûs alc, ma no avonde. Il Genoa al zonte ae sô buine conduzion tatiche e agonistiche ancje chel tic di fortune e di cinisim che al covente e cussì al rive il golon di Matri. La partide e devente pardabon di rive sùù pe scuadre di balon furlane, che e prove a zovâsi dal zovin Lucas Evangelista e po ancje di Muriel, ma cence risultâts, intant che il Genoa al rive a fâ ancjemò un gol cun Kucka.
Une vitorie che e conferme il bon moment dal Genoa e che e sune tant che une svearine pal Udin, par che al torni a vìe la umiltât e la personalitìat che a coventin par metisi in moviment.

Advertisements

One thought on “Udinese – Genoa 2-4

  1. Pingback: Loris Vescovo al vinç la Targa Tenco, «alla faccia del dialetto e dei dialettanti» | LIDRÎS E BUTUI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s