What a bullshit!!!

einstein

Robononis in Friûl. Di une bande e va indenant la inchieste judiziarie sui rimbors des spesis di rapresentance une vore “legris” di 19 conseîrs regjonâi: une robe una vore largje che e à fintremai fat dî a cualchidun che «a Rome Batman a Triest a… Robin». Di chê altre a son lis declarazions fatis intun program di Radiorai dal president de Regjon in cont de lenghe furlane, de leç regjonâl di tutele fate buine tal 2007 e plui in gjenerâl de tutele des minorancis linguistichis. Pal “governatore” Tondo a saressin dome «ca..dis e straçariis», cemût che al documente il sît internet dal setemanâl La Vita Cattolica.

Declarazions di cheste fate, che a son discutibilis sei te forme che soredut te sostance, a àn viert un dibatit vivarôs cun diviersis cjoltis di posizion.
A son une vore claris chês dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482, che al ten dongje lis entitâts associativis espression des comunitâts lingustichis furlane, slovene e gjermaniche dal Friûl, e dal Comitât pe autonomie e pal rilanç dal Friûl.
Cemût che si pues lei, i doi Comitâts a marchin cemût che chês peraulis a son il spieli di cemût che la Regjon si è compuartade in chescj ultins agns in cont de (mancjade) metude in vore des leçs di tutele, cemût che a àn vût denunziât in diviersis altris ocasions e che al salte fûr dal confront cun altris fats, zontant che in cont di «straçariis» e «ca..dis» la aministrazion regjonâl e à mostrât il miôr (o il piês?) di se, dal pat fat cun Tremonti cuant che al jere al guvier che al oblee la Regjon – e duncje ducj i siei citadins – a dâi al guvier talian 370 milions ad an in cambi di nuie ae voie di meti dentri a ducj i coscj Friûl e Triest dentri de fantomatiche “macroregjon dal nord”.

Un campionari avonde svareât des posizions su lis declarazions del president de Regjon si lu cjate tai coments che si cjatin tal blog di Omar Monestier, il diretôr dal cuotidian Messaggero Veneto, di dulà che o vin tirât fûr cualchi cerce (si cjatin tal prin coment).

Il pont di viste di Tondo in cont di tutele des minorancis e politiche linguistiche al è stât confermât inte sostance ancje cualchi dì plui indenant. Cuntun lengaç diferent e fintremai fevelant par furlan, Tondo al à tornât a dî in sostance che la tutele no covente e che lis politichis linguistichis di pueste a son di bant: la vecje naine de “lingua degli affetti”, “da parlare in famiglia e in osteria” e vie cussì. Ma alore si varès di tratâ cussì dutis lis lenghis: ancje il talian. Bah!

Ma nol è dome lui. Tal 2010 ancje chê che e je la candidade ae presidence de Regjon pal centriçampe Debora Serracchiani e jere sbrissade sul furlan. Cun di fat, intune Fieste dal Pd a Ravenna, cun chê di fâ indenant critichis justis ae cussì clamide “riforma Gelmini” e fevelave “a Tondo vie” dal furlan a scuele, cemût che si viôt achì.
Di in chê volte e somee vê cambiât idee e jessisi inacuarte di vê sbaliât, cjapant sù une altre posizion, par sigûr plui ecuilibrade, che e à palesât in diviersis ocasions: par esempli achì.
Al contrari dome une volte Tondo al à dit alc di sest – ancje se cence nissune credibilitât, al ven di dî, daûr dal confront cu la realtât  – cemût che al ricuarde il Novi Matajur. La classiche ecezion che e conferme la regule.

E no son dome lôr doi. Il neodeputât dal M5S, Walter Rizzetto, cualchi setemane indaûr, fevelant intune television locâl sul argoment, nol rivave a dî nuie di miôr che cjacarâ di inglês cuintri furlan, mostrant pardabon, dongje de scjarse origjinalitât, di no calcolâ un et ni i dirits linguistics ni l’educazion plurilengâl.

A proposit, par inglês si dîs “What a bullshit!!!”

Advertisements

One thought on “What a bullshit!!!

  1. ve chi une selezion dai coments che si cjatin achì:http://monestier-udine.blogautore.repubblica.it/2013/03/01/la-vita-cattolica-e-un-articolo-su-tondo-e-il-friulano/comment-page-1/#comments

    «Omar Monestier scrive: 1 marzo 2013 alle 19:28
    @Facanapa
    Ha ragione. Le rispondo.
    Io credo che il nostro presidente ogni tanto dica quel che pensa. Dimenticando che quando si ricopre una carica istituzionale come la sua bisogna dire quel che il ruolo impone che si dica.
    Purtroppo so che quella frase è quel che il presidente pensa veramente. Io spero sempre che si redima. Potrebbe dirlo anche in un altro modo. Tipo: credo nell’identità linguistica friulana, cerchiamo di difenderla evitando di sperperare risorse. Così, per dire.

    Francesco scrive: 1 marzo 2013 alle 19:44
    FONTANINI non toglierà mai l’appoggio a Tondo e del resto la Lega Nord, negli ultimi cinque anni, in Giunta regionale e in consiglio regionale, mi risulta abbia “sempre” votato CONTRO la tutela della minoranza linguistica friulana.
    Della serie: le chiacchiere a Fontanini, giusto per abbindolare i Friulani, poi in Regione la Lega Nord….è altro! !

    Francesco scrive: 1 marzo 2013 alle 19:49
    @ IL DIRETTORE “credo nell’identità linguistica friulana, cerchiamo di difenderla evitando di sperperare risorse”
    Direttore, Tondo non può sottoscrivere questa affermazione, considerato che la Legge regionale 29/2007 (tutela lingua friulana) è quasi TOTALMENTE priva dei regolamenti applicativi ! E come Lei ben sa, un regolamento applicativo è “altro” rispetto ai contributi pubblici: spesso si limita a NORMARE ….E sul piano dei contributi pubblici regionali alla lingua friulana il SIOR TONDO ha riservato ben lo 0,02% del Bilancio regionale: una vergogna! C’è veramente poco da sperperare!

    vigji scrive: 1 marzo 2013 alle 21:08
    @ Diretôr
    O scrivarai par talian, ae stesse maniere che a scrivin par furlan chei dal partît di Tondo cuant che lu doprin tai lôr manifescj eletorâi.
    Non zono daccordo con lei, diretore.
    Tondo non à sbaliato a dirre kuel che à deto a Radiorai. Hano sbaliato i friulani e più in gjenerale i citatini di kuesta reggione ha votarlo e sbalierebero ankor di piu se lu rivotasero.
    Tondo la pensza cossì. E cossì penzando non manca di rispeto solo allidentità friulana. Mostra di esere contro la civiltà demokratika, i diritti fondamentali, la Costituzzione italianna, lo statuto reggionale, le norme internazzionali, stattali e reggiuonali di tuttela dele minorranze.
    Non he na quistione di soldi o di identitta. È na quistione di diritti di citadinansa.
    Dire a Fontanini di divorziare da Tondo à senzo solo come polemika pulitca. In realttà Fontanini e Tonto, pure se in modo divierso, sono tuti e dui contro al friulano, ai friulani, ale minoranze linguistike, al Friuli e ala reggione Friuli-VG. Lo dimostranu i fatti (o megiu: i non fati) prodoti in cinkue ani di governo da leghisti e pidiellici e altri complizi in reggione e in pruvinzia.
    Tonto a Zirmione non era un intruso: sarebbe stato unu intruso un presidente normale dela reggione Friul-VG, ma non iddu. macroreggione, padania, regnoditalia, berlusconia…Per Tonto e Fontanini tutto va bene, purché nun zia Friuli e zia contro al Friuli.
    Cumò vonde!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s